Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Mercati, domanda e offerta - L'economia di mercato

economia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

La domanda - I fattori produttivi
ADAM SMITH - INDAGINE SULLA NATURA E LE CAUSE DELLA RICCHEZZA DELLE NAZIONI (SAGGI).
IL CONCETTODI SISTEMA AZIENDALE - L'impresa quale sistema socio-tecnico
RELAZIONERiferimento prekeynesiano - Keynes
TERMINOLOGIA - la costituzione di un'azienda
Domanda in funzione di popolazione, bisogni e desideri, potere d'acquisto(reddito corrente+reddito cumulato).
SITUAZIONE ECONOMICA EUROPEA DAL XIX SECOLO: ANALIZZAZIONE DELL'INDUSTRIALIZZAZIONE EUROPEA
I MERCATI REGOLAMENTATI - I contratti di borsa: generalità
Nozione giuridica del franchising, Il franchising nella CE
Macroeconomia - Prova di addestramento

Mercati, domanda e offerta.

Tutte le economia e devono affrontare il problema della scarsità. Esse pero s differenziano  quanto al modo adottato per risolverlo. Una differenza importante tra le diverse economie è costituita dal grado di controllo pubblico sull' attività economica. A un estremo  troviamo l'economia totalmente pianificata o centralizzata , dove tutte le decisioni economiche sono prese dallo stato. All'estremo opposto troviamo la libera economia di mercato,in cui non c'è alcun intervento pubblico diretto nelle attività economiche. Tutte le decisioni economiche vengono prese dal settore privato, vale a dire da famiglie e imprese. Le famiglie decidono principalmente quanto lavoro offrire e quali beni consumare. Le imprese decidono principalmente cosa produrre e quali fattori di produzione impiegare date le tecnologie disponibili. Le strutture della produzione e del consumo che ne derivano dipendono dall' iterazioni tra tutte queste decisioni individuali di domanda e offerta. I sistemi economici dei diversi paesi sono un miscuglio tra economia pianificata e di libero mercato ed è quindi il grado di intervento pubblico nell' economia che le differenzia tra loro.

L'economia pianificata si realizza in un sistema economico socialista o comunista , dove terra e capitale sono di proprietà collettiva, lo stato pianifica l'allocazione delle risorse a tre livelli.                        -Pianifica l'allocazione delle risorse tra consumo attuale e investimento per il futuro. Sacrificando parte del consumo attuale a favore degli investimenti, è possibile aumentare il tasso di crescita dell' economia. - a livello microsc 626d37g opico il governo pianifica l'output di ciascuna industria, le tecniche usate, nonché il  lavoro e le altre risorse necessarie alla produzione. Per assicurarsi che gli input necessari siano disponibili, lo stato dovrà effettuare un analisi di input-output. Tutte le industrie sono considerate  sia come utilizzatori di input di altre industrie , sia come produttore di output per i consumatori o per altre industre. - infine, lo stato  pianifica la distribuzione dell' output tra i consumatori in base ai suoi obbiettivi . esso può distribuire i beni in base al suo giudizio sui bisogni delle persone, oppure può favorire chi produce di più, fornendo in tal modo un incentivo a lavorare di più. Lo stato può distribuire beni e servizi direttamente oppure può decidere di distribuire redditi monetari e consentire agli individui di decidere come spenderli. Nei casi storici di sistemi economici pianificati lo stato aveva una visione globale dell' economia e di conseguenza poteva dirigere le risorse nazionali in base agli specifici obbiettivi del paese. La destinazione di ingenti risorse verso gli investimenti produttivi generava elevati tassi di crescita. Un accorta allocazione del lavoro consentiva di evitare elevati livelli di disoccupazione. Tuttavia,  un economia pianificata poteva raggiungere i propri obbiettivi specifici soltanto a costi sociali ed economici elevati per le seguenti ragioni : - quanto più estesa e articolata è l'economia, tanto più impegnativo è il compito di raccogliere le informazioni necessarie alla pianificazione e quindi tanto più complessa sarà la definizione del piano. Piani complicati sono costosi da amministrare e richiedono una burocrazia mastodontica. - in assenza di un sistema di prezzi o nel caso in cui questi vengano fissati dallo  stato, la pianificazione può comportare un uso inefficiente delle risorse. - e difficile definire incentivi appropriati per incoraggiare i lavoratori e i dirigenti d aziende a produrre di più senza compromettere la qualità della produzione. - il controllo pubblico sull' allocazione delle risorse comporta una notevole riduzione della libertà individuale. - lo stato deve imporre i piani anche nel caso essi siano impopolari. - se  la produzione viene pianificata, ma i consumatori sono liberi di  spendere i loro redditi monetari a  piacimento, potrebbero sorgere dei problemi nel caso in cui essi desiderino un cambiamento.




L'economia di mercato:

(libere scelte individuali).  S realizza in un sistema capitalistico , dove terra e capitale sono di proprietà privata. Tutte le decisioni economiche sono prese dalle famiglie e dalle imprese, che, s presume, agiscano in base a considerazioni utilitaristiche. Le imprese cercano per lo più di massimizzare il proprio profitto, i consumatori cercano di trarre la maggior soddisfazione possibile dai loro acquisti e come lavoratori cercano di massimizzare al massimo i propri salari al netto del costo monetario e umano che occorre sostenere per svolgere un determinato lavoro. S ipotizza inoltre che gli individui siano liberi di compiere le proprie scelte. Da queste decisioni individuali si ottengono le  domande e le offerte di imprese e famiglie che interagiscono tra di loro attraverso le variazioni dei prezzi.

(il meccanismo dei prezzi).  Funziona nel modo seguente . i prezzi aumentano in situazioni di scarsità, diminuiscono in situazioni di abbondanza. Se in consumatori desiderano una maggiore quantità di un bene, la domanda sarà superiore all' offerta. La scarsità che ne deriva causerà un aumento del prezzo , il quale agirà come incentivo per i produttori, che incrementeranno la produzione. Allo stesso tempo tale aumento di prezzo scoraggerà i consumatori ad aumentare ulteriormente la domanda o li convincerà a ridurla. I prezzi continueranno a crescere finche la scarsità sarà eliminata. Se invece i consumatori  domandano una minore quantità di un bene l'offerta eccederà la domanda. Il surplus  che ne deriva provocherà  un calo del prezzo. Cio costituirà un disincentivo per i produttori, che reagiranno riducendo  la produzione. Allo stesso tempo il prezzo incoraggerà i consumatori ad aumentare la domanda. Il prezzo continuerà a diminuire finche il surplus sarà annullato.

(l 'effetto di variazioni della domanda e dell'offerta). In tutti i casi di variazione della domanda e dell' offerta, le variazioni dei prezzi agiscono sia come segnali sia come incentivi. - Un aumento  della domanda, a partire da una situazione di equilibrio è segnalato da un incremento del prezzo. Questo agisce come incentivo per le imprese a produrre una quantità maggiore del bene. L'offerta aumenta. Di fatto l'aumento del prezzo segnala che i consumatori vogliono destinare più risorse a questo bene a scapito di altri. Ed è proprio quanto fanno le imprese : sottraggono risorse dalla produzione  di beni di prezzi più bassi rispetto ai costi di produzione per destinarle alla produzione di beni più profittevoli. Contemporaneamente l'aumento del prezzo disincentiva alcuni consumatori a domandare ulteriori quantità del bene. Un calo della domanda e segnalato da una diminuzione del prezzo. Questo agisce come incentivo per le imprese a ridurre la produzione del bene, in quanto esso ora e meno conveniente: l'offerta diminuisce. Contemporaneamente  la riduzione del prezzo incoraggia i consumatori a domandare ulteriori quantità del bene. - un aumento dell' offerta a partire da una situazione di equilibrio è segnalato da una riduzione del prezzo. Questo  agisce come incentivo per i consumatori ad acquistare di più: la quantità domandata aumenta. Dall' altra parte, le imprese non hanno incentivo ad aumentare la produzione del bene. Un calo dell' offerta è invece segnalato da un incremento del prezzo che incentiva i consumatori a comprare di meno: la quantità domandata diminuisce. L aumento del prezzo incoraggia le imprese a produrre di più.

(l'interdipendenza dei mercati dei beni e dei fattori).

1) mercato dei beni                                                                                           2) mercato dei fattori

- la domanda del bene aumenta                                                    - la maggior offerta di un bene fa

- si crea un eccesso di domanda                                                   aumentare la domanda degli input

- Ciò provoca un aumento del prezzo                                                            utilizzati per produrlo.

- L'aumento del prezzo elimina l'eccesso di                                      - si crea un eccesso di domanda di



  Domanda in quanto incentiva le imprese ad                                                tali fattori.

  aumentare la produzione e scoraggia i consumatori                         - ciò provoca un aumento del prezzo

  a domandare ulteriori quantità d bene.                                           - l'aumento del prezzo elimina l'eccesso    di domanda, in quanto incentiva i fornitori ad aumentare l'offerta di input e gli acquirenti a ridurne la domanda.

I mercati dei beni influenzano i mercati dei fattori e viceversa.

L'interdipendenza dei mercati dei diversi beni: un aumento del prezzo di un bene incentiva i consumatori a domandare beni alternativi, facendone quindi aumentare il prezzo. Ciò indurrà i produttori ad aumentare l'offerta di beni alternativi.

L'interdipendenza e interesse pubblico:  anche se nell' economia di mercato gli individui sono mossi da considerazioni utilitaristiche, il perseguimento dell' interesse individuale, attraverso l'incentivo rappresentato dal meccanismo di prezzi, permetti di raggiungere il benessere collettivo. Dunque interesse individuale e interesse collettivo non sono in contrasto ma in armonia e spesso si sostiene k questo sia il vantaggio principale di un economia di mercato. Tale conclusione rappresenta l'essenza del noto teorema della mano invisibile di Adam Smith.

(mercati concorrenziali). Sono caratterizzati da un elevato numero di imprese in competizione tra loro. Una situazione in cui i consumatori e i produttori sono troppo piccoli per poter influenzare  il prezzo di mercato con le loro decisione prendono il nome di price-taker che è nota come concorrenza perfetta. I consumatori devono accettare i prezzi come dati. Per le imprese concorrenza perfetta significa che i produttori sono troppo piccoli e non sono in grado di aumentare i prezzi a causa della forte concorrenza da parte delle altre imprese. È evidente che nel mondo reale molte imprese hanno il potere di fissare i  prezzi, anche se ciò non significa che possano chiedere il prezzo che vogliono in quanto devono pur sempre tener in considerazione la domanda complessiva dei consumatori e i prezzi dei loro concorrenti.

La domanda.  (la relazione tra domanda e offerta) quando il prezzo di un bene aumenta , la quantità domandata diminuisce. Questa funzione è nota come legge della domanda e si fonda su due elementi: - in seguito ad un aumento del prezzo, gli individui si sentiranno più poveri. Essi non potranno più permettersi di comprare la stesa quantità dello stesso bene con il proprio reddito: il potere di acquisto del loro reddito è diminuito e questo li spingerà a rivedere le proprie decisioni di domanda. Si tratta dell' effetto reddito. - poiché quel bene ora sarà relativamente più costoso, gli individui decideranno di  sostituirlo con altri beni alternativi divenuti relativamente più  a buon mercato. Si tratta dell' effetto di sostituzione. Analogamente , quando il prezzo di un bene diminuisce,la quantità domandata di solito aumenta. Le persone possono permettersi di acquistarne di più e consumeranno di più.

(La curva di domanda). La funzione di domanda può essere rappresentata graficamente da una curva di domanda.

(altre determinanti della domanda).il prezzo non è il solo elemento che determina la quantità domandata di un bene. Essa è influenzata da latri fattori: - gusti: quanto più desiderabile è il bene agli occhi del consumatore , tanto maggiore sarà la domanda. I gusti sono influenzati dalla pubblicità, dalla moda, dal desiderio di emulazione e cosi via. - numero e prezzo dei beni sostitutivi: quanto maggiore è il prezzo dei beni sostitutivi, tanto maggiore sarà la domanda di un particolare bene, visto l'effetto di sostituzione. - numero e prezzo dei beni complementari: sono complementari i beni che si consumano insieme (es. automobili e benzina). Quanto più alto è il prezzo di un bene complementare, tanto minore sarà la domanda di entrambi i beni. - reddito: al crescere del reddito personale, aumenta la domanda di molti beni. Tali beni sono chiamati beni normali. Ci sono pero eccezioni a questa regola: quando le persone diventano più ricche destinano una quota minore del proprio reddito ai beni inferiori e una quota maggiora ai beni di qualità superiore. - distribuzione del reddito: se a livello nazionale vi fosse una retribuzione del reddito dagli individui poveri a quelli più ricchi, la domanda dei beni di lusso aumenterebbe, allo stesso tempo quando i poveri diventano ancora più poveri potrebbero domandare una maggiore quantità di beni inferiori. - aspettative di variazione future dei prezzi. Se le persone pensano che i prezzi di un determinato bene aumenteranno, potrebbero domandare di più adesso, prima che l'aumento atteso del prezzo si realizzi.



(movimenti e  spostamenti lungo la curva di domanda ). Essendo molteplici le variabili che influiscono sulla quantità domandata, è chiaro che la curva di domanda viene costruita ipotizzando che le determinanti della domanda diverse dal prezzo rimangano invariate. Quando cambia una delle altre determinanti della domanda dobbiamo costruire una nuova curva di domanda: l'intera curva si sposta. Se una variazione di una delle altre determinanti provoca in aumento della domanda l 'intera curva di domanda si sposterà verso destra e in corrispondenza di ciascun prezzo la quantità domandata sarà maggiore. Se  invece una variazione di una delle altre determinanti della domanda ne causa una riduzione, la curva si sposterà verso sinistra. Per distinguere tra spostamenti della curva e movimenti lungo la curva, si distingue rispettivamente la variazione della funzione di domanda dalla variazione della quantità domandata.

L'offerta (offerta e prezzo). La relazione generale tra offerta e prezzo è data all' aumentare del prezzo di un bene aumenta anche la quantità offerta. Tale relazione si basa su 3 elementi: - quando le imprese aumentano la loro offerta, da un certo livello di produzione in poi, i costi cresceranno sempre più rapidamente. Se un aumento dell' output provoca un incremento dei costi di produzione, i produttori saranno disposti a offrire un ulteriore quantità di prodotto solo a un prezzo più elevato. - quanto maggiore è il prezzo di un bene, data la quantità venduta, tanto più redditizia sarà la produzione. Le imprese saranno dunque incentivate ad aumentare l'offerta, riducendo la produzione di beni meno redditizi. - col passare del tempo, se il prezzo di un bene rimane alto, nuovi produttori saranno indotti a entrare nel mercato per iniziare la produzione, facendo aumentare l'offerta totale. Le prime due determinanti influenzano l'offerta nel breve periodo, mentre la terza influenza l'offerta nel lungo periodo.

(la curva di offerta). La  quantità che i produttori sono disposti a offrire per qualunque dato prezzo può essere descritta in una funzione di offerta. La funzione di offerta può essere rappresentata graficamente da una curva di offerta. Essa può essere individuale o di mercato.

(altre determinanti dell'offerta). come la domanda, anche l'offerta non e determinata semplicemente dal prezzo. Le altre determinanti dell' offerta sono: 1) - i costi di produzione:  quanto maggiori sono i costi di produzione, tanto minore sarà il profitto in corrispondenza di ogni dato prezzo. All' aumentare dei costi, le imprese ridurranno la produzione, a vantaggio di altri prodotti i cui costi non siano aumentati. - la variazione del prezzo degli input: i costi di produzione aumentano al crescere dei salari, delle rendite, dei tassi di interesse dei prezzo delle materie prime o altri input. - il cambiamento della tecnologia. - i cambiamenti organizzativi. - le politiche industriali del governo. 2) - la redditività di prodotti alternativi:  se alcuni prodotti  alternativi diventano più redditizi, i produttori ridurranno la produzione del bene considerato a loro favore. Altri beni possono diventare più redditizi se. - il loro prezzo aumenta, - il loro costo di produzione diminuisce. 3) - la redditività dei prodotti congiunti. Talvolta, la produzione di un bene da luogo anche alla produzione di altri beni: si parla in tal caso di prodotti congiunti. 4) natura, shock stocastici e altri eventi imprevedibili. 5) gli obbiettivi dei produttori. 6) aspettative di variazioni future dei prezzi: se i produttori si aspettano un aumento del prezzo, essi potrebbero ridurne temporaneamente l'offerta per aumentare le scorte e vendere il prodotto a un prezzo più elevato in futuro.

(Movimenti e spostamenti lungo la curva di o offerta ).l'effetto di una variazione del prezzo e rappresentato da uno spostamento lungo la curva di offerta. se una delle altre determinanti dell' offerta cambia, l'intera curva di offerta si sposterà. Uno spostamento verso destra rappresenta un aumento dell' offerta,uno spostamento verso sinistra rappresenta invece una riduzione dell' offerta. uno spostamento lungo la curva di offerta viene spesso chiamato variazione della quantità offerta, mentre uno spostamento della curva di offerta viene chiamato variazione della funzione di offerta.

La determinazione del prezzo (prezzo e quantità di equilibrio). Quando l'offerta soddisfa la domanda si dice che il mercato è in equilibrio: non ce ne eccesso di domanda,ne eccesso di offerta. il prezzo in corrispondenza del quale la domanda eguaglia l'offerta e chiamato prezzo di equilibrio. l'equilibrio rappresenta la situazione in cui decisioni indipendenti di individui con interessi contrapposti risultano compatibili cioè solo in corrispondenza dell' 'equilibrio la quantità che i consumatori sono disposti ad acquistare è pari a quella che i venditori sono disposti a offrire. In un libero mercato l'equilibrio è raggiunto  automaticamente attraverso il meccanismo dei prezzi.



(curve di domanda e di offerta). la determinazione del prezzo e della quantità di equilibrio può essere illustrata usando le curve di domanda e di offerta. l'equilibrio è il punto di intersezione tra le due curve.

(spostamento verso un nuovo equilibrio). Il prezzo di equilibrio rimarrà invariato solo se le due curve rimangono anch' esse invariate. Se una delle due curve si sposta, verrà raggiunto un nuovo equilibrio. 

(una variazione della domanda). Se una delle determinanti della domanda cambia, si sposta l'intera curva di domanda, causando un movimento lungo la curva di offerta verso il nuovo punto di intersezione. L effetto della domanda, quindi, è stato un movimento lungo la curva di offerta dal vecchio al nuovo equilibrio.

(una variazione della offerta).se una delle determinanti dell' offerta cambia, si sposta l'intera curva di offerta, determinando un movimento lungo la curva di domanda verso il nuovo punto di intersezione. Per  riassumere: lo spostamento di una curva induce a un movimento lungo l'altra curva verso il nuovo punto di intersezione. Talvolta  alcuni fattori cambiano contemporaneamente, causando lo spostamento di entrambe le curve. In questo  caso. L'equilibrio si muove semplicemente dal vecchio al nuovo punto di intersezione.

L'economia di mercato (vantaggi di un economia di mercato).  Il fatto che un economia di mercato funzioni automaticamente è uno dei suoi maggiori vantaggi. Non ce bisogno di una burocrazia costosa e complessa per coordinare le decisioni economiche. L economia può rispondere velocemente a variazioni delle condizioni di domanda e offerta. quando i mercati sono altamente competitivi, nessuno detiene un grande potere di mercato. La concorrenza tra imprese mantiene bassi i prezzi e agisce come incentivo all' efficienza. Quanto più le imprese competono tra  loro, tanto più saranno reattive ai desideri dei consumatori. Quanto più efficienti  è l'uso dei fattori produttivi, tanto maggiori saranno i profitti delle imprese. Quanto più efficienti sono i lavoratori, tanto più sicuri saranno i loro posti di lavoro e tanto più elevati i loro salari. Quanto più ponderate sono le decisioni dei consumatori circa i loro consumi, tanto maggiore sarà il valore che otterranno in cambio del loro denaro. Quindi , gli individui che perseguono il proprio interesse attraverso scambi in mercati concorrenziali contribuiscono a minimizzare il problema della scarsità, incentivando un uso efficiente delle risorse economiche del rispetto dei desideri dei consumatori. Da questo tipo di logica s trae la seguente conclusione : il perseguimento del guadagno personale garantisce il benessere collettivo. Questa affermazione rappresenta il contenuto del teorema della mano invisibile di Smith.

(problemi di un economia di mercato). I principali problemi di un economia di mercato sono . - la concorrenza tra imprese è spesso limitata. Poche grandi imprese possono dominare il mercato e praticare prezzi elevati per ottenere maggiori profitti. I consumatori sono particolarmente sensibili alla pubblicità di prodotti nuovi k conoscono poco. L assenza  di concorrenza e il conseguimento di profitti elevati possono rimuovere gli incentivi all' efficienza produttiva. - le prassi di alcune imprese possono essere socialmente indesiderabili. Alcuni beni socialmente desiderabili non vengono prodotti dalle imprese private. - un economia di mercato  può generare instabilità macroeconomiche: periodi di recessione con disoccupazione elevate e calo della produzione , alternati a periodi di prezzi crescenti. - infine, un obiezione di natura morale ritiene k l'economia d mercato, incoraggiando il perseguimento dell' interesse individuale,può indurre a egoismo, avidità, materialismo e lotta per l'acquisizione di potere.

(l'economia mista). A causa dei problemi posti sia dal libero mercato sia dall' economia pianificata, tutte le economie del mondo sono una combinazione dei due sistemi. Nell' economie miste il governo può influire: - sui prezzi relativi dei beni e degli input, introducendo imposte o sussidi o attraverso controlli diretti sui prezzi. - sui redditi relativi, attraverso le imposte sul reddito, i trasferimenti o i controlli diretti sui salari, profitti, rendite.. - sulla struttura della produzione e del consumo, attraverso le leggi, attraverso la fornitura diretta di alcuni beni e servizi, attraverso imposte e sussidi oppure attraversala nazionalizzazione. Lo stato può inoltre influire sui problemi macroeconomici della disoccupazione, dell' inflazione, della scarsa crescita o di squilibri della bilancia dei pagamenti. L intervento pubblico può correggere vari fallimenti del mercato. Esso può essere finalizzato a raggiungere diversi obbiettivi economici che non sono  ottenuti spontaneamente dal mercato. Tuttavia, gli stati non sono perfetti e la loro azione può portare anche esiti negativi.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 9248
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019