Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Lo "sviluppo trasferito" degli anni Sessanta

economia




Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

Lo "sviluppo trasferito" degli anni Sessanta




Negli anni Sessanta le politiche di cooperazione furono utilizzate come strumento per mantenere in uno stato di dipendenza i paesi ex-coloni 232g67c e. Inoltre, in accordo con i fondamenti teorici delle politiche di sviluppo di quegli anni (Primo Decennio delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, 1960-69), gli interventi specifici si connotavano per produttivismo, tecnicismo e settorialitą. La prioritą dell'"obiettivo crescita" si traduceva nel potenziamento della produzione per colmare il gap, attraverso un travaso tecnologico dal centro alla periferia, riguardante i singoli settori ("sviluppo trasferito"). Le tecnologie impiantate, che contrastavano con i processi di lavorazione tradizionali, imperniati su tecnologie dalla debole potenza, avrebbero avuto in seguito ripercussioni sull'ambiente e sul contesto socio-culturale locale. Mancava del tutto, in quel periodo, una concezione sistemica dell'ambiente, che si basasse sul concetto di retroazione (feed-back).  

Si trattava di un approccio riduzionista, fondato sulla convinzione che lo sviluppo fosse realizzabile attraverso un semplice trasferimento di capitali e di tecnologie e sull'impianto di poli di sviluppo industriali. L'obiettivo era fondamentalmente quello di sostenere la crescita del prodotto interno lordo dei paesi in via di sviluppo.






Privacy




Articolo informazione


Hits: 1442
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2021