Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Parafrasi - La sera del dì di festa = Giacomo Leopardi

letteratura italiana



Parafrasi

La sera del dì di festa

Giacomo Leopardi





La notte è dolce e chiara e senza vento, e la luna sta quieta sopra i tetti e in mezzo agli orti e da lontano rivela ogni montagna. O donna mia nelle strade non c'è più nessuno, e dai balconi la lampada traspare fiocamente. Tu stai dormendo poiché ti sei addormen 252i88c tata subito (il sonno ti ha colto velocemente) nelle tue calme stanze; e niente ti preoccupa e non pensi neanche che grande ferita mi hai aperto nel petto. Tu dormi: e io mi affaccio per salutare il cielo, che allo sguardo sembra buono e la natura eterna che tutto può fare e che mi ha creato per soffrire.

La natura mi disse: a te nego anche la speranza e tu potrai solo piangere (e i tuoi occhi brillino solo di lacrime). Questo giorno di festa; ti riposi dai divertimenti e forse nel sogni ti ricordi a quanti ragazzi sei piaciuta e quanti ragazzi sono piaciuti a te. Io non spero che nei tuoi pensieri ci sia anch'io. Intanto mi butto a terra, gridando e commuovendomi chiedo quanto mi resti ancora da vivere.

Oh giorni orrendi della giovane età. Ahi per la strada sento non lontano il canto solitario dell'artigiano che a tarda notte dopo i divertimenti torna alla sua povera casa, e crudelmente mi commuovo a pensare come tutte le cose al mondo passino senza lasciare un ricordo (una traccia) Ecco il giorno festivo è finito e a questo giorno succede il giorno comune e il tempo porta via ogni vicenda umana. Dove sono le voci dei popoli antichi? E il grande Impero di Roma e il rumore delle armi che attraversò la terra e l'oceano?

Tutto il mondo è in pace e in silenzio, non si parla più dei popoli antichi e di Roma

Nella mia giovinezza, quando si aspetta ardentemente il giorno di festa, dopo che il giorno di festa era passato io sofferente non riuscivo a dormire e mi stringevo ai cuscini e tarda notte si sentiva un canto che si allontanava (che moriva) a poco a poco e allora come oggi mi si stringeva il cuore.






Privacy




Articolo informazione


Hits: 5378
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2024