Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

LA LEGISLAZIONE BANCARIA

economia




Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

LA LEGISLAZIONE BANCARIA


L'attività bancaria è definita sia dal D.L. n° 481 del 14/12/92, che ha recepito la seconda direttiva CEE sul coordinamento delle disposizioni riguardanti l'attività degli enti creditizi, che dal Testo Unico delle Leggi in materia bancaria e creditizia del 27/08/93. Entrambi questi provvedimenti non riguardano solo l'attività bancaria ma disciplinano gli enti creditizi, categoria molto ampia composta da intermediari finanziari che possono svolgere tutte le attività 242e49c ammesse al beneficio del mutuo riconoscimento in sede CEE e precisamente:


1)    



la raccolta di depositi o di altri fondi rimborsabili;

2)     le operazioni di prestito quali: credito al consumo, credito con garanzia ipotecaria, factoring, cessioni di credito "pro soluto" e "pro solvendo", credito commerciale;

3)     il leasing finanziario;

4)     i servizi di pagamento;

5)     l'emissione e la gestione di mezzi di pagamento (carte di credito, travellers cheques, ecc.);

5)

6)     il rilascio di garanzie e di impieghi di firma;

7)     le operazioni per proprio conto o per conto della clientela in: strumenti di mercato monetario (assegni cambiali, BOT, ecc.), cambi, strumenti finanziari a termine ed opzioni, contratti su tassi di cambio e tassi d'interesse, valori mobiliari;

8)     la partecipazione alle emissioni di titoli e la prestazione di servizi connessi;

9)     la consulenza alle imprese in materia di struttura finanziaria, strategia industriale e questioni connesse, nonché di consulenza e servizi nel campo delle fusioni;

10) i servizi d'intermediazione finanziaria del tipo "money broking";

11) la gestione o la consulenza nella gestione di patrimoni;

12) la custodia e l'amministrazione di valori mobiliari;



13) i servizi d'informazione commerciale;

14) la locazione di cassette di sicurezza.


Il concetto di ente creditizio è quindi molto più ampio di quello tradizionale di banca, ma è anche meno omogeneo e vi saranno varie sottocategorie che manifesteranno attenzione prevalente solo ad alcune di queste attività.

Questo volume è dedicato essenzialmente alle aziende di credito che svolgono la loro attività e le loro operazioni in maniera non dissimile da quella delle tradizionali banche. La legge 154 del 03/05/91 che disciplina la trasparenza delle operazioni bancarie dispone:


i)         forme di pubblicità obbligatoria in materia di tassi, di prezzi e di altre condizioni contrattuali praticate per le operazioni ed i servizi, attuate mediante avvisi sintetici e fogli d'informazione analitici;

ii)       requisiti inerenti la forma, il contenuto e l'integrazione automatica dei contratti;

iii)     particolari forme di tutela dei clienti nei casi di modifica delle condizioni contrattuali

iv)      comunicazioni periodiche al cliente sull'andamento del rapporto.


La legge 197 del 05/07/91 detta "antiriciclaggio" obbliga gli enti creditizi ad annotare in appositi registri le generalità dei clienti che compiono le seguenti operazioni:


a)     operazioni per cassa e di cambio assegni superiori a 3 milioni di lire;

b)     operazioni su conti correnti superiori a lire 20 milioni;



a)     operazioni in titoli per importi superiori a 3 milioni di lire;

a)     operazioni di bonifico da e verso l'estero, di compravendita di valute estere in conto corrente e di negoziazione di assegni turistici per importi superiori ai 20 milioni di lire;

b)     operazioni di compravendita di valuta estera per cassa superiori ai 3 milioni di lire;

c)      versamenti, prelevamenti ed estinzioni riguardanti libretti di deposito a risparmio nominativi per importi superiori ai 20 milioni di lire;

d)     versamenti, prelevamenti ed estinzioni riguardanti libretti di deposito a risparmio al portatore per importi superiori ai 20 milioni di lire;

e)     emissione ed accensione di certificati di deposito nominativi superiori a lire 20 milioni;

f)      emissione ed accensione di certificati di deposito al portatore e stacco di cedole su certificati a medio termine superiori a lire 3 milioni;

g)     accensione ed estinzione di locazioni di cassette di sicurezza.

g)

Il rispetto di questa normativa e delle norme sulla trasparenza hanno molto appesantito il lavoro bancario.








Privacy

Articolo informazione


Hits: 69
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020