Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

GENITORI E FIGLI: L'INCOMPRENSIONE TRA DUE MODI DI VIVERE DIVERSI

psicologia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Gusto e olfatto - I recettori
La discrepanza, che suscita sgomento, tra arte e verità
Volontà e potenza
La volontà come volontà di potenza
Walter Benjamin: L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica
Il DSM
La Psicologia - Area di psicologia individuale
ADOLESCENZA E PRIMA ETA' ADULTA A CONFRONTO
DSM IV - LE CARATTERISTICHE DEL DSM¬
PSICOLOGIA SOCIALE - I gruppi sono alla base della nostra vita sociale

GENITORI E FIGLI: L'INCOMPRENSIONE TRA DUE MODI DI VIVERE DIVERSI

"I giovani non hanno conoscenza del passato e non s'interessano alla storia" scrive una madre, "e sono prodotti di nicchia, soggetti decadenti senza esserne consapevoli" continua. Questa è l'immagine che una madre da di suo figlio, un'immagine che lei vorrebbe fosse diversa.  Ma, come dice una giornalista, forse quella mamma si è uniformata, nell'allevare il figlio, ai modelli proposti dalla pubblicità, al mond 424j96e o fittizio della TV, per paura di non essere una buona madre se non teneva in casa tutti i prodotti migliori, cercando sempre di proteggerlo, evitando che piangesse, senza negargli mai nulla, e ora si ritrova sconcertata davanti ad un figlio che a quattordici anni continua sulla stessa strada, mentre lei vorrebbe che iniziasse ad ampliare da solo le proprie conoscenze, ad interessarsi all'esterno, agli altri popoli, alla storia. Sono d'accordo con lei, e penso che se questo quattordicenne è veramente così ignorante e disinteressato a tutto ciò che non riguarda amici e musica, la responsabilità sia da ricercare nei genitori. Genitori che



non gli hanno insegnato a "ragionare", e costruirsi da solo, che hanno fatto in modo che il loro bambino crescesse sempre protetto e accontentato e, nascondendosi dietro a questo obiettivo si sono rifiutati di esercitare l'autorità. Ma anche adesso che si sono accorti, contrariati, di quale sia stato il risultato, non fanno ancora niente per migliorare questo ragazzo e il rapporto con lui, rifugiandosi in un "purtroppo adesso è già tardi per costruire una condivisione del nostro mondo unico" perché probabilmente lui non accetterebbe proposte diverse dal suo modo di pensare.

Secondo me esiste da sempre un distacco generazionale, penso che sia normale un'interruzione della comunicazione tra adulti e giovani. Ci sono interessi divergenti, diversi modi di vivere: ogni età ha i propri impegni, problemi e le proprie priorità, e oggi lo sfondo sociale è diverso da quello che c'era quando erano giovani gli adulti di oggi.




Non sono però d'accordo con la giornalista quando afferma che i giovani sono prigionieri di ciò che è bello, in uno scenario insignificante e vuoto. Vedo ragazzi che, pur interessandosi di musica e computer, hanno acquisito valori che non consistono solo in ciò che viene

detto in TV, o da celebrità, valori più profondi, che anche se spesso vengono tenuti nascosti contribuiscono ad arricchire diverse personalità. I ragazzi intervistati si difendono dalle accuse, che arrivano soprattutto dai genitori, di chiudersi in un mondo a parte, apparentemente vuoto, sostenendo che essi dicono così proprio perché si sentono esclusi da questo mondo, formato soltanto da uno schermo e da un mouse, non capiscono quando vedono i figli estraniarsi in qualcosa di virtuale, con un loro nuovo linguaggio di abbreviazioni, inglesismi e parole strane. E' comprensibile la loro delusione di fronte ad un figlio che preferisce raccontare la sua vita ad una tastiera piuttosto che a loro, però, mi raccontano molti coetanei, la maggior parte di questi adulti non ha mai fatto niente per cercare di cambiare questa situazione. A volte veniamo etichettati come branco, soggetti annegati nel lusso a cui importa soltanto riuscire ad appartenere ad uno scenario vuoto, dove tutto è basato sull'apparenza. Sinceramente non mi riconosco in questo gruppo, ed essendo io un giovane d'oggi e vivendo a contatto con gli altri come me, vedo che ognuno di noi ha qualcosa di speciale, importante, e

non siamo assolutamente vuoti come ci definiscono. Superficiali, dicono. Ma io penso che le persone superficiali siano proprio quelle che hanno deciso che siamo così, che ci giudicano solo per come appariamo, senza perdere un minuto del loro tempo per verificare se sia vero, per guardare un po' più in fondo alla nostra persona, spesso ricchissima.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1354
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019