Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Nell' ambito di una specie zootecnica

zootecnia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

Tipi d'agnelli - Tecniche di produzione dell'agello
LA BRUNA ALPINA - Origine e diffusione
COLTURE FORAGGERE - LEGUMINOSE
ZOOTECNIA - PRINCIPI NUTRITIVI E ALIMENTARI
I Bovini - Razze bovine, Frisona, La Bruna, Pezzata rossa friulana
CONIGLI - LA PRODUZIONE DI CARNE
LO SVEZZAMENTO
Nell' ambito di una specie zootecnica

Nell' ambito di una specie zootecnica, liberamente scelta, il candidato illustri i risultati degli incroci realizzati, descrivendo tecniche e finalità di incrocio.

L' incrocio è un metodo di riproduzione basato sull' accoppiamento di individui appartenenti a due differenti razze ( incrocio interrazziale o cr 747j92h ossbreeding), oppure di due soggetti, di cui uno di una ben determinata razza ( " puro"), e l' altro di origine ibrida.

Lo scopo di questo metodo di riproduzione è ottenere l' associazione di caratteristiche morfologiche e/o funzionali presenti nelle razze , o negli animali, che si vogliono accoppiare per produrre soggetti più uniformi, più robusti,e meglio utilizzabili per le produzioni che sono loro richieste.

L' incrocio porta all' ottenimento di due possibili qualità, nell' animale che ne deriva:caratteristiche morfologiche, funzionali e riproduttive intermedie a quelle dei due genitori da cui proviene, oppure, per effetto di eterosi , caratteristiche di gran lunga superiori alla media di quelle degli stessi genitori.

Nella produzione della carna suina i caratteri maggiormente esaltati dall' eterosi sono:

-maggior peso dei lattonzoli alla nascita e loro più elevata vitalità;



-maggiore velocità i accrescimento;

-più favorevole indice di conversione alimentare;

- maggiorre uniformità nelle carcasse.

L' incrocio, a differenza della selezione, dà un miglioramento non totale, che si manifesta, cioè, nei soggetti derivanti dallo stesso incroci, ma che non viene da questi  trasmesso ala discendenza. L' incrocio è largamente utilizzato in campo suinicolo perché , oltre che consentire di sfruttare il fenomeno dell' eterosi, permette di "concentrare" su uno stesso soggetto caratteristiche vantaggiose presenti in più razze o linee della stessa razza. E' necessario ricordare che l' eterosi si manifesta soprattutto per i caratteri di bassa ereditarietà, quindi l' incrocio è particolarmente utile per il miglioramento genetico dell' efficienza riproduttiva.

Fra i diversi tipi di incrocio, quello maggiormente utilizzato, soprattutto per la produzione del suino pesante, è l ' incrocio industriale di prima generazione ( o incrocio semplice). Questo tipo di incrocio consiste nel fare accoppiare un verro di razza carnaiola ( da macello) con scofe di altra razza. In italia questo tipo di incrocio è realizzato con verri di razza Landrace su scrofe di razza Large White  per ottenere soggetti F1  da immettere direttamente all' ingrasso oppure alla riproduzione. Infatti i pregi della scrofa meticcia Landras x Large White sono: precocità sessuale; maggior numero di lattonzoli per ogni covata;maggior produzione di latte, miglior ritmo riproduttivo ( intervallo svezzamento- fecondazione più breve). Successivamente le scrofe meticce F1 possono essere a loro volta fatte accoppiare con verri Landrace, realizzando cosi un reincrocio, ottenendo così meticci di 2° generazione F2, in cui sono maggiormente esaltati, per eterosi, i caratteri che si vanno ricercando.



Gli schemi riproduttivi per la produzione di soggetti da destinare alla produzione di suini leggeri da macello sono più complessi. Si può ricorrere all' incrocio a tre vie, che consiste nel far inseminare le femmine F1 da verri appartenenti a una razza diversa da cui essere derivano. Oppure si attua l' incrocio  a quattro vie, se il verro che la feconda a sua volta è un prodotto di incrocio.

Per quanto riguarda la produzione  di soggetti nati dall' incrocio interrazziale, cioè ibridi commerciali , si discosta dagli  schemi spiegati sopra, e si sviluppa secondo un' organizzazione di tipo piramidale.

Gli ibridi commerciali derivano, infatti, da particolari linee di fondazione, (soggetti di una o più razze opportunamente scelte o dalla stessa razza ,che costituiscono i GGP- great grand parent), allevate in centri di selezione , dalle quale, attraverso precisi piani selettivi e riproduttivi, ottengono i GP grand parent, da cui far derivare i maschi e le femmine P parent  che, accoppiati tra loro, danno vita agli ibridi destinati agli ingrassotori.

L' ibrido commerciale caratterizzato da uno specifico marchio e deve presentare caratteristiche omogenee e ripetibili, ed è esclusivamente destinato all' ingrasso, dato che i benefici che esso riassume non sono trasmissibili alla prole.






Articolo informazione


Hits: 4186
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017