Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Verifica sperimentale del secondo principio della dinamica

fisica



Titolo dell'esperienza

Verifica sperimentale del secondo principio della dinamica

Scopo dell'esperienza

Questa esperienza è suddivisa in 2 fasi:

Si dimostra la diretta proporzionalità tra forza e accelerazione e la costante di proporzionalità è la massa del sistema, cioè la somma delle masse della slitta + la somma delle masse che servono a determinare la forza applicata.

Si dimostra che forza e accelerazione sono grandezze inversamente proporzionali e la costante di proporzionalità è la forza.




Cenni Teorici

Il secondo principio della dinamica afferma che: Applicando una forza ad un corpo si genera un'accelerazione di modulo direttamente proporzionale alla forza applicata e avente stessa direzione e stesso verso della forza. La costante di proporzionalità è la massa del corpo.





Descrizione dell'esperienza (Strumenti , Procedimento)


Strumenti

Rotaia a cuscino d'aria,2 fotocellule collegate ad un cronometro, un compressore, slitta piccola e grande, un distanziatore, una carrucola alla cui gola c'è un filo inestensibile alla cui estremità è collegato un porta masse con 4 masse da 5 g, bilancia elettronica, 3 masse da 50g.

Procedimento prima fase

Formule

F=m*g m+m =F/a A =2*s/t2

Dopo aver preparato l'apparato sperimentale, eseguiamo 1 prova mettendo nel portamasse una massa da 0.005kg e quindi moltiplicato questo valore x 9.81 ci ricaviamo la forza. Poi pesiamo la slitta e calcoliamo la somma della masse della slitta e delle masse. Successivamente annotiamo il tempo che ha percorso la slitta in uno spazio di 0.30 metri e ci calcoliamo l'accelerazione. Avendo forza e accelerazione abbiamo preso la forza e l'abbiamo divisa per l'accelerazione e abbiamo verificato che la somma delle masse calcolata con la formula m1+m2 sia uguale alla somma delle masse calcolata con la formula F/A. Abbiamo ripetuto l'operazione altre 4 volte aggiungendo nel porta masse sempre una massa da 0.005 kg. Infine abbiamo riportato i dati su un piano cartesiano

Procedimento 2 fase

Dopo aver preparato l'apparato sperimentale, abbiamo inserito nel portamasse un peso pari alla massa di 0.025kg e abbiamo inserito nel perno della slitta un massa da 50g e abbiamo annotato il tempo. Successivamente abbiamo ripetuto l'esperienza altre 4 volte aggiungendo ogni volta nel carrella una massa da 50g. Infine per ogni prova abbiamo calcolato la m*a e l'accellerazione con la formula a= 2s/t2. abbiamo riportato i dati su un piano cartesiano verificando l'inversa proporzionalità tra accelerazione e forza.



Elaborazione dei dati (qui inserire eventuali tabelle, grafici , .)



Secondo principio di inerzia prima fase





N

m (kg)

F (N)

m1 (kg)

m+m (kg)

F/a (kg)

S (m)

t (s)

a (m/s2)



















































SECONDO PRINCIPIO DI INERZIA SECONDA FASE



N

m (kg)

F (N)

M*a (N)

mi (kg)

m (kg)

s (m)

t (s)

a (m/s2)













































GRAFICO DI DIRETTA PROPORZIONALITA' TRA FORZA E ACCELLERAZIONE


GRAFICO INVERSA PROPORZIONALITA' TRA ACCELLERAZIONE E FORZA

Conclusioni

possiamo concludere dicendo che l'esperienza è andata a buon fine






Privacy




Articolo informazione


Hits: 7850
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2024