Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

CANTO I - DOMANDE N° 1-2-3-15-16 PAG. 3

lettere




Canto I


Domande n° 1-2-3-15-16 pag. 3


Dove si svolge l'azione del canto?


L'azione del canto si svolge in una <<selva oscura>> e ai piedi del monte della salvezza.


Che cosa impedisce a Dante di fuggire dalla selva e di salire al monte della salvezza?




Dante non può salire al monte della salvezza perché, sul suo cammino, incontra tre fiere: una lonza, un leone e una lupa.


Quale delle tre fiere viene indicata come più temibile nemica e più terribile ostacolo al cammino di Dante?


La fiera più temibile è la lupa.


La Divina Commedia è un'opera polisemantica, cioè un'opera che può e deve essere letta a più livelli di significato. Si tratta di una caratteristica implicita e cosciente della cultura medievale, che preved 848h71i eva quattro diverse chiavi di lettura di uno stesso testo: letterale, morale, allegorica ed anagogica. Lo stesso Dante vi fa esplicito riferimento, con relativa esposizione e spiegazione, prima in Convivio, II, 1 e poi nell'Epistola XIII (cfr. l'introduzione all'Inferno della nostra edizione, pp. XV-XVI). Rifacendovi anche a tali testi, sarà quindi opportuno esercitarsi fin da questo primo canto a tale elasticità di lettura. Per questo, forniremo qui di seguito lo schema dell'azione letterale del canto, da interpretare poi in base agli altri livelli di lettura.


Livello letterale:

Dante si smarrisce in un bosco selvaggio e minaccioso. Dopo una notte di smarrimento e paura, la luce del sole che sorge dietro un colle gli indica finalmente una via di salvezza. Giunto al limite della selva, si accinge alla salita, ma lungo il pendio gli si fanno incontro tre fiere, una lonza, un leone ed una lupa, che lo ricacciano terrorizzato nel fitto della selva. Qui incontra un personaggio, il poeta Virgilio; questi gli annuncia che per salvarsi dovrà fare un altro viaggio, attraverso i regni dell'oltretomba. Lui stesso si propone come guida, e i due si avviano.


Livello allegorico:

Dante smarrisce la retta via e si ritrova nel peccato e, per non rischiare una punizione eterna, cerca di riavvicinarsi a Dio. In questo cammino interiore, però, subisce la tentazione della lussuria, della superbia e della cupidigia, ritornando, così, nel mondo del peccato. Allora, guidato dalla ragione, decide di percorrere idealmente l'Inferno e il Purgatorio per poi arrivare al Paradiso, al fine di vedere le punizioni alle quali sarà condannato se non si conformerà ai valori cristiani.


Livello morale:

l'uomo, per essere perdonato dopo il peccato, non deve percorrere la strada più breve per arrivare a Dio, perché sarebbe facile preda delle tentazioni, ma, guidato dalla ragione, deve inevitabilmente passare, prima di arrivare al Paradiso, attraverso l'Inferno e il Purgatorio. In caso contrario, la sua redenzione non avrebbe buon esito, facendogli così subire quelle pene eterne che si è rifiutato di vedere.


Livello anagogico:

per avvicinarsi a Dio è necessario un percorso spirituale attraverso l'Inferno e il Purgatorio per ben comprendere la grazia della beatitudine e, soprattutto, la disgrazia della <<morte spirituale>>, cioè della condanna eterna. Senza questo percorso, invece, i peccatori, non impressionati dalla crudeltà delle pene, ricadranno in tentazione e finiranno con l'essere puniti alle stesse pene che si sono rifiutati di vedere.


Quale valore simbolico hanno le tre fiere che impediscono a Dante il passaggio? Perché la lupa costituisce l'ostacolo ultimo ed insuperabile? Quali riferimenti storico-biografici potrebbero intervenire nelle scelte simboliche del poeta?


Le tre fiere incontrate da Dante, e cioè la lonza, il leone e la lupa, simboleggiano rispettivamente la lussuria, la superbia e la cupidigia. Quest'ultimo, però, è il peccato più grave perché, al tempo di Dante, ha seriamente compromesso non solo la vita cristiana ma anche le istituzioni ecclesiastiche e civili. È evidente, quindi, un riferimento del poeta alle vicende storiche a lui contemporanee, cioè lo scontro tra Celestino V e Bonifacio VIII (Chiesa contro Chiesa), tra lo stesso Bonifacio VIII e l'imperatore Enrico VII (Chiesa contro Impero) e gli influssi che questi scontri hanno avuto nei confronti dei singoli comuni (a Firenze era in atto la guerra tra i Guelfi Bianchi e i Guelfi Neri).

Genova, 9 dicembre 1999


Canto I


Domande n° 4-5-7-9-12-18 pag. 3


Chi incontra Dante nel ricadere nella selva? Quali dati della propria vita l'anima considera necessari e sufficienti per farsi riconoscere da Dante (vv. 67-75)?


Dante incontra l'anima di Virgilio che, per farsi riconoscere, dice che i genitori erano originari dell'Italia Settentrionale, che nacque al tempo di Giulio Cesare ma visse al tempo di Ottaviano Augusto e nell'epoca della religione pagana, cioè prima di Cristo, e, infine, che era poeta e che ha narrato le gesta di Enea dopo la distruzione di Troia.


Quali riferimenti e dati cronologici fornisce il canto, per collocare temporalmente l'azione dell'opera?


Dante dice di essere nel mezzo della sua vita e, poiché nell'antichità la vita media era di circa settant'anni e dal momento che il poeta nacque nel 1265, siamo nel 1300, il primo anno giubilare.


Per sfuggire alla selva e trovare la salvezza, Dante dovrà seguire una diversa strada, un altro viaggio. Così gli viene annunciato ai vv. 112-129, che costituiscono una sorta di sommario dell'opera. Quale percorso il poeta dovrà compiere? Come sono caratterizzati i tre regni dell'oltretomba ai vv. 112-128?


Dante dovrà passare attraverso l'Inferno, dove sentirà le <<disperate strida>> dei condannati eterni, attraverso il Purgatorio, dove vedrà le anime in via di purificazione che, allo stesso tempo, sono felici perché <<speran di venire quando che sia a le beate genti>>, e, infine, potrà arrivare al Paradiso.


La similitudine è uno degli strumenti espressivi privilegiati nella Commedia, che Dante sfrutta in tutte le sue variegate possibilità e combinazioni. Accingendoci ad individuarle sempre con lucidità e continuità per coglierne lo sviluppo e le svariate manifestazioni, cominciamo a riconoscere e commentare i due esempi di natura psicologica ai vv. 22-27 e 55-60.


a)  Vv. 22-27: il poeta, persosi nel mare del peccato, riesce faticosamente ad uscirne e <<si volge a l'acqua perigliosa>>. Ben presto, però, ricadrà nuovamente in questo pericoloso mare.

b)  Vv. 55-60: Dante, liberatosi faticosamente dal peccato, è vinto dalla tentazione della cupidigia ed è costretto a tornare <<là dove 'l sol tace>>, proprio come colui il quale vince al gioco ma, prima o poi, perde, con grande rammarico, una partita.


L'uso frequente di perifrasi per designare Dio è elemento poetico caratteristico nell'opera. Indicatene i primi esempi in questo canto.


In questo canto Dio è designato come <<quello imperador che là sù regna>>, cioè come quell'imperatore che regna nei cieli.


Il rapporto psicologico ed affettivo fra Dante e Virgilio è fattore primario nella costruzione poetica della Commedia. Rilevatene le prime manifestazioni e caratteristiche in questo canto.


In questo canto c'è un rapporto di rispetto e di gratitudine tra l'autore e Virgilio. Infatti, Dante gli risponde <<con vergognosa fronte>> e da lui ha imparato <<lo bello stilo che [...]>> gli <<[...] ha fatto onore>>.

Genova, 16 dicembre 1999


Canto III


Domande n° 1-2-3-9-10-16-17-18 pag. 9


Che cosa segna, in apertura di canto, l'accesso di Dante e Virgilio nell'Inferno?


Dante e Virgilio si trovano davanti ad una epigrafe posta sulla porta dell'Inferno che preannuncia ai due l'essenza terribile e sconvolgente del luogo.


Con quali caratteristiche è descritto, al primo impatto, l'ambiente infernale (vv. 22-30)?


L'ambiente infernale viene descritto tramite i sospiri, i pianti, i lamenti in ogni lingua e in ogni dialetto che si sentono, i rumori come di battere di mani e il buio.


In questa prima zona dell'Inferno, Dante incontra due diversi gruppi di anime. Perché il luogo è chiamato Antinferno? Quali diversi destini e condizioni sono riservati alle due schiere di dannati?


Il luogo è chiamato Antinferno perché sta prima dell'Inferno. In questo luogo sono presenti due gruppi di anime: quelle che devono essere traghettate da Caronte verso l'Inferno vero e proprio attraverso il fiume infernale Acheronte e quella degli ignavi, le quali sono rifiutate dall'Inferno stesso.


Analizzate la costruzione sintattica e metrica dell'epigrafe sulla porta dell'Inferno, in apertura di canto (vv. 1-9).


L'epigrafe è formata da tre terzine di endecasillabi con rima incatenata nelle quali vi è la predominanza di suoni duri come t, p, e z che accentuano la drammaticità della situazione. Inoltre l'anafora per me ribadisce l'inesorabilità della condanna di chi entra per l'eternità nell'Inferno.


La descrizione dell'Antinferno viene realizzata tramite dati sensoriali prima uditivi e poi visivi. Individuate tali riferimenti, e poi concentrate la vostra attenzione sui dati coloristici: che ambiente, che atmosfera ne risultano?


Dante, a causa del buio, non vede come è fatto l'Antinferno ma percepisce con l'udito gli orribili lamenti provenienti dalle anime. Si viene a creare, di conseguenza, quell'atmosfera cupa che è tipica dell'Inferno.


Come si esplica il concetto di Trinità divina ai vv. 5-6?


Le caratteristiche della Trinità sono la potenza creatrice e ordinatrice di Dio, la sapienza del Figlio e l'amore dello Spirito Santo.


Nelle parole di Virgilio, Dante dichiara il suo profondo sdegno e la totale assenza di pietà nei confronti degli ignavi. Da che cosa è motivata la violenza di questa condanna morale?


Dante è contro gli ignavi perché, per causa di Celestino V, che era tale, è stato esiliato.

Le pene dei dannati, come poi quelle del Purgatorio, sono costruite secondo la regola del contrappasso; si tratta cioè di supplizi che rispecchiano, per analogia o per opposizione dirette o simboliche, le colpe. Come si realizza il contrappasso nel caso degli ignavi?


Essi sono nudi e sono costretti ad inseguire di corsa per l'eternità una miserabile insegna. Nel frattempo, però, sono fastidiosamente punti da mosconi e vespe.

L'insegna rappresenta quell'ideale che in vita non hanno mai seguito mentre le punture di insetti rappresentano gli stimoli che non hanno mai avuto.

Genova, 23 dicembre 1999


Canto III


Domande n° 4-5-6-13-23 pag. 9


Dante e Virgilio giungono sulla riva di un fiume, il primo dei fiumi infernali che marcheranno sempre ed in modo evidente il passaggio ad un nuovo <<luogo>> narrativo e strutturale. Come si chiama questo fiume? Da quale tradizione letteraria è ripreso? Come avviene la traversata all'altra sponda?


Il fiume è l'Acheronte e Dante lo riprende dalla tradizione pagana.

La traversata all'altra sponda avviene tramite la barca di Caronte, il nocchiero infernale.


Perché le anime dei dannati si accalcano e hanno fretta di essere traghettate da Caronte al di là del fiume?


Le anime dei dannati hanno fretta di essere trasportate da Caronte perché, ormai rassegnate alla loro dannazione eterna, vogliono conoscere al più presto la loro pena.


Perché Caronte in un primo momento si rifiuta di traghettare Dante, e come lo convince Virgilio?


Caronte si rifiuta di trasportare Dante perché è vivo e Virgilio lo convince dicendo che questo è ciò che vuole Dio, testimoniando, così, come la potenza divina sia capace di vincere anche il volere delle creature infernali.


La figura di Caronte, il traghettatore infernale, svolge in qualche modo anche il ruolo di primo <<custode>> dell'Inferno: è lui che ammette sulla barca le anime e le deposita sulla riva del regno dannato, seguendo naturalmente i dettami della giustizia divina. Così è da intendere anche l'iniziale rifiuto nei confronti di Dante. In questo senso trova una sua corrispondenza di ruolo ed anche fisica con la figura di Catone, che sulla spiaggia del Purgatorio accoglierà per primo i due pellegrini.

Confrontate quindi la descrizione di Caronte (vv. 82-84; 97-99; 109-111) con quella di Catone in Purgatorio, riportata qui di seguito:


Com'io da loro sguardo fui partito, / un poco me volgendo a l'altro polo, / là onde 'l Carro già era sparito,

vidi presso di me un veglio solo, / degno di tanta reverenza in vista, / che più non dee a padre alcun figliolo.

Lunga la barba e di pel bianco mista / portava, a' suoi capelli simigliante, / de' quai cadeva al petto doppia lista.

Li raggi de le quattro luci sante / fregiavan sì la sua faccia di lume, / ch'i 'l vedea come 'l sol fosse davante.

canto I, vv. 28-39


Caronte si presenta come una figura infernale e demoniaca mentre quella di Catone è una descrizione molto più pacata. In questo senso basti confrontare i versi <<bianco per antico pelo>> riferito a Caronte e <<lunga la barba e di pel bianco mista>> riferito, invece, a Catone.


Tutto il canto è percorso da una fitta trama di allusioni e citazioni virgiliane (cfr. note ai vv. 9; 13-15; 22-30; 32-33; ecc.). Ma il dato più evidente di ripresa ed emulazione è la figura di Caronte. Ancora una volta, quindi, invitiamo a confrontare il testo dantesco (vv. 82-111) con quello virgiliano qui sotto riprodotto, per rilevarne analogie e novità.


Traghettatore orrendo, quest'acque correnti guarda / Caronte, di paurosa magrezza, dal cui mento lunga / e canuta scende l'incolta barba, fiammeggiando dagli occhi sbarrati, / sordido dalle spalle annodato scende il mantello. / Lui solo sospinge la barca col palo e le vele governa, / e col livido scafo trasporta i corpi, / già vecchio ma di cruda e giovane vecchiaia da dio.


Il nocchiero, che già li vide dall'onda stigia / venire dal bosco silente e dirigere il passo alla riva, / così per primo li aggredisce a parole e li minaccia: / Chiunque tu sia, che armato vieni alle nostre acque / parla subito da lì, e dì perché vieni, e ferma il passo. / Questo è il luogo delle Ombre del Sonno e della soporifera Notte, / corpi vivi è vietato portare sullo stigio traghetto.

da Eneide, libro VI, vv. 298-304; 385-391


La differenza fondamentale tra il Caronte virgiliano e quello dantesco è che Virgilio si sofferma sulle caratteristiche fisiche mentre in Dante queste sono ben poche (<<un vecchio, bianco per antico pelo>>; <<lanose gote>>; <<'ntorno a li occhi avea di fiamme rote>>; <<occhi di bragia>>) e viene messo in risalto l'aspetto psicologico del demone, soprattutto la sua innata cattiveria.

Genova, 13 gennaio 2000


Canto V


Domande n° 1-2-3 pag. 15


Quale situazione, personaggio e dato strutturale dell'Inferno vengono presentati in apertura di canto? Come si svolge il giudizio dei dannati al cospetto di Minosse?


Questo canto ci presenta in apertura la struttura dell'Inferno, in cui i cerchi diventano sempre più piccoli, e Minosse, che è il giudice infernale. Egli, infatti, a seconda della colpa dei dannati, assegna loro le pene circondandoli con la coda tante volte quanti sono i cerchi in cui decide che debbano essere precipitati.


Quale categoria di peccatori viene punita in questo secondo girone infernale, e da quali versi ne siamo informati? A quale pena sono sottoposti i dannati, e come si realizza per loro il principio del contrappasso?


Nei vv. 37-39 Dante ci informa che in questo cerchio sono puniti i lussuriosi, esposti per l'eternità ad una terribile bufera. Questo perché, in vita, si sono abbandonati alla tempesta dei sentimenti e alla passione dei sensi.


Quali spiriti vengono mostrati a Dante, e come viene indicata la loro identità e colpa?


Virgilio mostra a Dante le anime di Semiramide, Didone, Cleopatra, Elena, Achille, Paride, Tristano e altre mille, accennando alle loro colpe.

Genova, 20 gennaio 2000


Canto V


Domande n° 4-5-6-7-22-23 pag. 15


Che cosa attira inizialmente l'interesse di Dante nei confronti delle anime di Paolo e Francesca, e da quale schiera si muovono questi per dialogare con il poeta?


Dante è colpito dal fatto che le due anime sono insieme. Queste, per dialogare con il poeta, si muovono dalla schiera dei lussuriosi.


Dalle parole di Francesca, ai vv. 88-106, quali informazioni sulla sua vita e sulla sua vicenda amorosa veniamo a conoscere?


Da questi versi si apprende che è nata in una città bagnata dalla foce del Po e che, innamoratasi di un altro uomo, venne brutalmente uccisa dal marito.


Descrivete la situazione che determina il peccato d'adulterio di Paolo e Francesca (vv. 121-138).


Un giorno, mentre stanno leggendo insieme le vicende di Ginevra e Lancillotto e del loro amore, improvvisamente, quando i due protagonisti del libro si baciano, fanno anch'essi ugualmente, commettendo, in questo modo, l'adulterio.


Su quale stato d'animo di Dante si chiude il canto?


Dante è commosso a tal punto da questa vicenda che sviene.


Fin dall'inizio dell'episodio di Paolo e Francesca (cfr. v. 74: parlerei a quei due che 'nsieme vanno), i due personaggi sono presentati con un evidente carattere di unicità: sono i soli ad essere rimasti uniti anche dopo la morte. Rilevate ora tutti i riferimenti testuali che determinano l'immagine della loro unione indissolubile anche nel destino eterno della dannazione.


<<Parlerei a quei due che 'nsieme vanno>>; <<nostro mal perverso>>; <<noi udiremo e parleremo a voi>>; <<Amor [...] prese costui de la bella persona che mi fu tolta>>; <<Amor [...] mi prese del costui piacer sì forte, che, come vedi, ancor non m'abbandona>>; <<Amor condusse noi ad una morte>>; <<Quand'io intesi quell'anime offense>>; <<Mentre che l'uno spirto questo disse, l'altro piangea>>.


Le terzine dei vv. 700-107 costituiscono una sorta di sintesi della teoria amorosa medievale e stilnovistica in particolare. Quali ne sono i concetti portanti, e a quali altri programmatici testi lirici sapreste rapportarli?


In questi versi viene espressa la teoria dell'amor cortese, secondo il quale l'amore può esistere solo nelle persone gentili e nobili non per stirpe ma di sentimenti.

I più importanti testi sull'amor cortese sono tutti i componimenti del dolce stil novo, cioè le poesie soprattutto di Cavalcanti, di Dante stesso in una prima fase e Guinizzelli (Al cor gentil rempaira sempre amore).

Commento critico (di Angelo Jacomuzzi)

da L'imago al cerchio


Anche nel quinto canto Dante inventa un episodio nella vita dei suoi interlocutori ma, in questo caso, egli fa girare la vicenda attorno ad un libro, dandogli addirittura il nome di Galeotto e, quindi, ponendolo indirettamente al centro della situazione. In questo senso, l'Amore viene messo in secondo piano e la vicenda di Paolo e Francesca si svolge parallelamente a quella di Lancillotto e Ginevra, concludendosi con un bacio non volontario ma come imitazione di quello fittizio.

In generale, il vero tema di questo canto non è l'amore tra Paolo e Francesca ma è il rapporto tra letteratura e realtà: infatti, il discorso di Francesca è un continuo riferimento alla vita reale e a quella letteraria senza alcuna distinzione. Di conseguenza, il verso che fa <<quel giorno più non vi leggemmo avante>> non è da interpretare come un voluto silenzio per nascondere pudicamente la passione dei due amanti ma come una constatazione: da quel momento alla vicenda letteraria si sostituisce la tragica realtà dell'adulterio che li porterà alla morte.

Genova, 3 febbraio 2000


Canto VI


Domande n° 1-2-3-9-10 pag. 18


Quale mostro infernale è posto di guardia al terzo girone infernale, descritto in questo canto? Con quali caratteristiche fisiche è ritratto? Come fanno Virgilio e Dante a superarne la vigilanza?


A guardia del terzo girone dell'Inferno c'è Cerbero, descritto da Dante come un cane a tre teste, con gli occhi rossi, la barba sudicia e nera, il ventre esageratamente grosso e le mani unghiate.

Il poeta e Virgilio riescono a superarlo lanciandogli della terra dentro le bocche.


Quali anime sono punite in questo cerchio, ed a quali pene sono sottoposte? Come si realizza qui la regola del contrappasso?


In questo girone sono puniti i golosi, costretti a giacere nel fango puzzolente e bagnati da acqua e grandine. Inoltre, sono squartate da Cerbero.

La regola del contrappasso si realizza, in quanto i golosi, abituati ai profumi e ai sapori dei cibi prelibati, giacciono ora nel fango putrido e Cerbero, con le sue tre bocche e il suo ventre largo, rappresenta quello che loro sono stati in vita.


Perché Dante fa fatica a riconoscere Ciacco?


Dante fa fatica a riconoscere Ciacco perché quest'ultimo ha il viso dilaniato da Cerbero e, di conseguenza, è irriconoscibile.


Per spiegare il passaggio al nuovo cerchio infernale Dante impiega un meccanismo narrativo già noto: quale, e dove è già stato usato?


Dante non descrive il passaggio dal secondo al terzo girone, ma sviene nel primo per la pietà suscitata dal racconto di Paolo e Francesca e si risveglia nell'altro.

Questo artificio era già stato usato alla fine del canto III, durante il viaggio sulla barca di Caronte dall'Antinferno al primo girone.


Individuate la struttura anaforica della terzina 4-6.


In questa terzina ci sono due anafore: <<novi tormenti e novi tormentati>> e <<come ch'io mi mova e ch'io mi volga, e come che io guati>>.

Genova, 10 febbraio 2000


Canto VI


Domande n° 4-5-22-23-24 pag. 18


Su quale argomento si svolge il dialogo fra Ciacco e Dante?


I due parlano della situazione politica di Firenze.


Che cosa profetizza Ciacco a Dante?


Ciacco rivela al poeta il destino di Firenze e l'esilio dei bianchi, quindi anche quello di Dante stesso.


Nelle tre cantiche della Commedia, i sesti canti sono per antonomasia quelli <<politici>>; ad essi Dante affida in modo speciale l'espressione del suo pensiero, della sua utopia sociale e storica, ponendola in bocca qui a Ciacco, in Purgatorio all'imperatore Giustiniano. La prospettiva cambia naturalmente di cantica in cantica, nel senso di una visione sempre più ampia del mondo e del suo divenire. Quali punti politico-morali sono definiti in questo canto, e qual è lo <<spazio>> geografico di riferimento?


In questo canto si parla della situazione politica di Firenze.


L'amore-odio di Dante per la sua patria, la Firenze madre e matrigna, costituisce uno dei grandi temi affettivi e politici di tutta l'opera: comincia qui, per proseguire fino agli ultimi canti del Paradiso. Segnalate fin da questo esordio le caratteristiche di tale atteggiamento e nodo ispirativo, per poi stabilirne la continuità nei passi successivi.


Dante ama la sua patria ma allo stesso tempo la odia, perché i fiorentini, oltre ad averlo esiliato, hanno ridotto la città come le bibliche Sodoma e Gomorra, facendo regnare la lussuria, l'avarizia e la superbia e violando, di conseguenza, le leggi di Dio.


In che termini Dante è coinvolto direttamente nella profezia di Ciacco? Che differenza rilevate rispetto alle precedenti profezie?


Ciacco gli predice il suo esilio, al contrario di Caronte che, nel canto II, gli annuncia che non andrà nell'Inferno ma, almeno, nel Purgatorio.

Genova, 17 febbraio 2000


Canto X


Domande n° 2-3-12 pag. 27


Deducete, dalle parole di Virgilio ai vv. 10-15 e da quelle di Farinata degli Uberti ai vv. 100-108, quale sarà il destino ultimo degli eretici e quale panorama offrirà allora la valle della arche degli eretici.


Dopo il giudizio universale, gli eretici, riuniti al loro corpo, saranno costretti a vivere eternamente in queste tombe che, però, verranno chiuse. Questa valle, di conseguenza, diventerà un vastissimo cimitero.


L'incontro di Dante con Farinata degli Uberti prende avvio da un segno di riconoscimento che si ripeterà poi nel corso di tutta l'opera: di che si tratta?


Farinata riconosce Dante dal suo dialetto, che è quello fiorentino.


Che tipo di costruzione retorica caratterizza il v. 47, e con quale funzione?


Questo verso è costruito come una serie di coordinate e con una struttura anaforica con la funzione di ampliare il concetto espresso, cioè l'avversità politica degli Alighieri nei confronti degli Uberti.

Genova, 24 febbraio 2000


Canto X


Domande n° 5-6-7-21-24 pag. 27


L'incontro con Farinata si svolge in due momenti (vv. 22-51 e 73-114), interrotto dall'intervento di un altro spirito dannato. Quali dati permettono a Dante, e a noi, di identificarlo? Che cosa lo spinge a manifestarsi e ad interpellare il poeta, e quale equivoco ne provoca la prostrazione finale?


Dante lo identifica per le sue parole e per la sua pena. L'uomo chiede al poeta notizie di suo figlio, Guido Cavalcanti, e, siccome esita nella risposta, crede che sia morto.


Ai vv. 94-108 viene trattata una questione strutturale sulla condizione dei dannati. Di che si tratta, e che rapporto ha con il contrappasso?


I dannati possono predire il futuro ma non sanno niente del presente. Questa condanna era stata in origine inflitta solo agli epicurei, perché in vita erano saldamente attaccati al presente senza curarsi del futuro, e in seguito venne estesa a tutto l'Inferno.


Quale pensiero tormenta Dante dopo l'incontro con Farinata (vv. 121-126), e da quale allusione profetica è stato provocato?


Farinata aveva in precedenza predetto a Dante il suo esilio, e il poeta ne rimase turbato.


Illustrate le diverse interpretazioni offerte dalla critica al v. 63, forse cui Guido vostro ebbe a disdegno, uno dei più tormentati di tutto il poema dantesco, ed esprimete una vostra opinione in proposito. La questione è occasione anche per illustrare il rapporto di amicizia e di affinità poetico-esistenziale fra Dante e Guido Cavalcanti.


Secondo i critici antichi, il cui sarebbe da riferire a Virgilio ma l'interpretazione non è plausibile; più probabilmente è da riferire a Beatrice, cioè l'allegoria di quella religione che Cavalcanti, in quanto ateo, ha trascurato, e io opterei per quest'ultima scelta.


Come si accenna al tema dell'amore paterno e dell'amicizia nell'episodio di Cavalcante Cavalcanti?


Cavalcanti, quando viene erroneamente a sapere della morte del figlio, è talmente addolorato che ricade nella tomba e non appare più.

Genova, 2 marzo 2000


Canto XIII


Domande n° 1-6-12-19 pag. 34


Il canto introduce al secondo girone del cerchio dei violenti, il settimo. Come si presenta a prima vista il nuovo scenario, e quali dannati vi sono puniti?


Lo scenario si presenta come un bosco impenetrabile, tetro, arido e aspro. In questo luogo sono puniti i suicidi, i quali sono trasformati in alberi.


Individuate e descrivete la struttura formale ad antitesi che caratterizza la descrizione della selva dei suicidi ai vv. 1-9, rilevandone la funzione e l'efficacia espressiva.


Le tre terzine cominciano con <<non>> e, inoltre, la seconda ha una costruzione ad anafora del tipo <<non... ma...>>, la quale mette in contrapposizione le condizioni di un bosco reale con quello infernale, contribuendo a formare un'ambientazione tetra e ostile.


Stabilite un confronto fra la <<selva oscura>> nella quale si era perso Dante all'inizio del poema (canto I, vv. 1 sgg.).


La selva oscura è sulla terra e Dante vi si trova per una propria mancanza, mentre il bosco dei suicidi è un luogo infernale, e quindi è privo di vita, e il poeta è solo di passaggio.


Ai vv. 46-48 Virgilio dichiara esplicitamente che l'episodio di Pier della Vigna (vv. 22-54) è citazione e rielaborazione di un passo dell'Eneide. Analogamente, secondo il classico principio della imitazione letteraria, Ludovico Ariosto proporrà la sua versione e ripresa del celebre passo. Confronta i tre episodi.


Nell'Eneide Polidoro non è un condannato, come Pier delle Vigne, ma è una vittima dell'avidità di Polimestore e, per questo, diviene quasi un eroe per i Troiani.

Nell'Orlando Furioso, invece, il bosco non è un luogo tetro ma, al contrario, è idillico.

Genova, 16 marzo 2000


Canto XIII


Domande n° 3-4-5-7-13-14-15 pag. 34


Descrivete i modi drammatici dell'incontro di Dante con Pier della Vigna, l'anima protagonista del canto.


Dante, che si trova in mezzo al bosco, è spaventato da alcune voci che pensa che provengano da persone nascoste. Virgilio, però, lo incoraggia facendogli rompere un ramo e rivelandogli che quelle voci provengono dagli uomini trasformati in alberi.


Secondo un modulo ricorrente, il dialogo con Pier della Vigna si articola in due momenti: l'uno dedicato all'esposizione della propria identità e condizione, l'altro alla trattazione di questioni dottrinali e generali sulla struttura infernale ed escatologica. Quali informazioni ci vengono qui fornite? Su quali passi da altri canti potreste misurare tale formula narrativa?


Pier della Vigna era un cortigiano di Federico II che era riuscito a conquistare la massima fiducia da parte dell'imperatore. Gli altri, però, invidiosi della sua condizione, riuscirono a farlo allontanare dalle grazie del sovrano ed egli si suicidò. Inoltre, dopo la condanna di Minosse, le anime dei suicidi precipitano in questo bosco e piantano le radici dove cadono, cioè casualmente e senza possibilità di scelta.

Una struttura simile a quella riscontrata, si è vista anche, ad esempio, nel canto X, nel quale Farinata, dopo aver parlato degli eventi storici di Firenze, dice a Dante che i condannati non sanno nulla del presente anche se possono conoscere il futuro.


Il canto, conosciuto per antonomasia come quello di Pier della Vigna, presenta anche altri episodi e personaggi, che ne animano la seconda parte, dal v. 109 al finale. Riassumete l'azione qui descritta, indicandone i protagonisti e l'esemplarità della loro presenza.


Nel finale del canto entrano in scena due scialacquatori, condannati ad essere rincorsi attraverso questo bosco da animali feroci. Uno dei due, però, si nasconde dentro un arbusto e le bestie, quando lo sbranano, non possono far altro che dilaniare anche l'arbusto stesso, nel quale è stato intrappolata l'anima di un fiorentino suicida.

Questo episodio, nell'economia del romanzo, simboleggia il fatto che nell'Inferno, e nel mondo ultraterreno in generale, non vi sono solo personaggi illustri, come quelli trovati sino ad ora, ma anche gente del popolo.


Come sottolineato dalla critica, tutto il canto è un susseguirsi di termini onomatopeici di suono aspro <<per evocare le idee di tronco, cespuglio e di storpiare, mutilare, smembrare>> (L. Spitzer). Ricercate tali espressioni e proponetene un elenco commentato.


<<Rami schietti - stecchi - aspri sterpi - fraschetta - perché mi schiante - perché mi scerpi - serpi - stizzo verde - scheggia rotta - rostra - rotture sanguinenti>>.

In queste espressioni prevalgono i suoni r ed s impura che, insieme ai frequenti raddoppi di consonanti, contribuiscono in maniera notevole a creare quell'atmosfera tetra tipica del bosco infernale.


A che cosa si riferisce l'immagine delle due chiavi / del cor di Federigo (vv. 58-59) che Pier della Vigna afferma di aver saputo usare con tanta lealtà e cortesia?


Dante allude al fatto che Pier delle Vigne era il maggior confidente e consigliere di Federico II.


Come si realizza poeticamente la violenta critica e condanna del mondo delle corti, ed a quali tradizioni letterario-culturali si appoggia Dante?


Poeticamente Dante riprende lo stile ricercato della Scuola Siciliana, con le tipiche simmetrie, la pianificata ripetizione della stessa parola, stilemi di gusto biblico, ecc.


Per i dannati, destinati alla pena ed all'annullamento eterno, l'unico orizzonte positivo (ma occasione di ulteriore sofferenza) è il ricordo del mondo terreno e la memoria che di loro si possa lì serbare, la loro fama. Così, secondo i moduli della captatio benevolentiae, spesso Virgilio e Dante invitano le anime a narrare la loro storia con la premessa di ricordarli fra i vivi. Verificate dove e come ciò avviene in questo canto, e richiamate altri esempi analoghi.


Ai vv. 52-54 Virgilio invita Pier delle Vigne a narrare la sua storia per poter poi ricordarlo nel mondo terreno.

Genova, 13 aprile 2000


Canto XVI


Domande n° 2-3-4-8-11-12-13 pag. 44


Con quali peccatori dialoga Dante nel canto, e come viene rappresentata la scena?


Dante dialoga con Iacopo Rusticucci, Tegghiaio Aldobrandi e Guido Guerra, appartenenti alla schiera dei sodomiti. Questi tre peccatori, costretti a correre per l'eternità, per non fermarsi formano una ruota e Dante, per il piacere di aver incontrato degli uomini illustri dell'età cortese precedente a lui, avrebbe voluto abbracciarli.


Qual è l'argomento centrale del colloquio che anima la prima parte del canto?


Dante compie una critica ai Fiorentini perché quando i tre peccatori gli chiedono se la cortesia e il valore sono ancora presenti a Firenze egli risponde che sono stati sostituiti dall'avarizia.


Quale atteggiamento e quali sentimenti informano la disposizione psicologica di Dante nei confronti dei tre spiriti fiorentini che si intrattengono con lui?


Dante ammira i tre personaggi, che sono i rappresentanti dell'età cortese precedente a lui, a tal punto che vorrebbe andare in mezzo a loro, ma ne è impedito dalla paura per le fiamme.


Spiegate la metonimia del v. 3, riferita all'uso del termine arnie.


Le arnie sono gli alveari e Dante parla del contenitore (appunto gli alveari) riferendosi, però, al contenuto (le api).


La pena dei dannati di questo girone consiste, lo sappiamo, nell'essere sottoposti alla pioggia di falde di fuoco che incessantemente scende su di loro, provocando ustioni che ne stravolgono l'aspetto. Rintracciate nel testo tutti i riferimenti espressivi che si riconducano al campo semantico appunto del fuoco e delle bruciature dei peccatori, estendendo eventualmente la ricerca anche al canto precedente.


<<Ahimè, che piaghe vidi ne' lor membri, ricenti e vecchie, da le fiamme incese!>>; <<tinto aspetto e brollo>>; <<dipelato>>; <<mi sarei brusciato e cotto>>.


Al v. 60 incontriamo una delle rare occorrenze nella Commedia della figura retorica detta hysteron proteron. Individuatela e spiegatela.


L'hysteron proteron è presente nei verbi ritrassi (ripetei) e ascoltai, il cui ordine logico è invertito.


Indicate, commentate e classificate tanto dal punto di vista contenutistico quanto da quello formale le simlitudini ai vv. 22-27, 94-105 e 130-136. Stabilite poi eventuali analogie con casi precedenti.


vv. 22-27: Dante paragona i tre peccatori ai lottatori che prima del combattimento girano intorno all'avversario e studiano le mosse migliori.

vv. 94-105: per indicare un affluente del Po, il poeta usa una lunga perifrasi nella quale indica le località nelle quali passa questo fiume e come è chiamato.

vv. 103-136: Dante paragona l'arrivo di Gerione al marinaio che, immersosi per disincagliare l'ancora, sta risalendo in superficie.

Genova, 27 aprile 2000


Canto XVI


Commento critico (di Aldo Vallone)

da Studi su Dante medievale


Il critico Aldo Vallone osserva che il tema centrale del canto XVI dell'Inferno, come anche quelli delle altre cantiche, è il vagheggiamento della nobiltà e della cortesia, che Dante assimila dalla cultura provenzale e stilnovistica. Per lui la nobiltà, che non è quella di nascita, è virtù e dà come frutto le virtù morali e intellettuali. Ma già nel Boccaccio il termine cortesia è solo negli atti civili e il valore è solo negli esercizi militari. In Dante questi termini abbracciano ogni virtù umana e si contrappongono alla villania, sinonimo di male, di avarizia, di dismisura e pone in evidenza l'urto tra l'uso antico e l'uso che se ne faceva nel presente, tra nobiltà antica e turpezza dei contemporanei. Alla luce di questi fatti si capisce bene la richiesta di Rusticucci che dà rilievo a ciò che era consuetudine nel passato a Firenze, a quelle virtù ereditate ed acquisite. Gli uomini che avevano fatto grande Firenze e che l'avevano lasciata sobria e pudica, che speravano di avere insegnato qualcosa ai giovani, si sentono falliti come educatori e come padri, accortisi che i giovani sono su un'altra strada.

Per la seconda volta, dopo che Ciacco li aveva definiti superbi, invidiosi ed avari, Dante parla in modo duro dei cittadini di Firenze, dando la colpa della decadenza della città, oltre che ai giovani, anche ai nuovi ricchi che volevano costituire anche una nuova nobiltà.

Genova, 11 maggio 2000


Canto XXVI


Domande n° 3-4-5-9-10-18 pag. 70


Nella moltitudine di anime dannate, due di esse attirano l'attenzione di Dante per una loro originale caratteristica. Di quale si tratta, e chi sono i due peccatori? Qual è la colpa loro esplicitamente attribuita?


I due peccatori sono Ulisse e il compagno Diomede, i quali attirano l'attenzione di Dante perché sono puniti, come consiglieri fraudolenti, in un'unica fiamma a due punte.


Quale vicenda viene narrata dal principale protagonista del canto?


Ulisse narra la sua storia dopo il ritorno ad Itaca.


Con quale immagine si conclude la narrazione del dannato e il canto?


Il canto si chiude con la narrazione della morte di Ulisse e dei compagni, i quali, oltrepassate le Colonne d'Ercole, dopo circa cinque mesi di navigazione arrivano in vista del monte del Purgatorio dal quale, però, si genera un turbine che fa affondare la nave.


Spiegate la costruzione stilistica della captatio benevolentiae nelle parole di Virgilio rivolte alle anime dannate, ai vv. 79-84.


Virgilio, per aver narrato le loro gesta nell'Eneide, invoca i suoi meriti nei confronti di Ulisse e Diomede per farsi raccontare ciò che vuole.


Suddividete nei suoi singoli momenti narrativi e poetici l'intera sequenza del racconto di Ulisse (vv. 90-142).


Il discorso di Ulisse può essere diviso nelle seguenti sequenze narrative: partenza da Circe; inizio del viaggio, dal quale non lo possono trattenere neanche il figlio, il padre e la moglie; arrivo alle Colonne d'Ercole; discorso di incitamento; ripresa del viaggio e arrivo al monte del Purgatorio; generazione del turbine a partire dal monte; affondo della nave; morte.


Quale alta concezione e definizione dell'uomo è dichiarata nei celeberrimi versi dell'orazione di Ulisse ai compagni ai vv. 112-120?


L'uomo deve seguire la virtù e la conoscenza perché proprio in questo si contraddistingue dagli animali.

Genova, 18 maggio 2000


Canto XXVI


Commento critico (di Jurij M. Lotman)

da Testo e contesto, semiotica dell'arte e della cultura


In questo brano, il critico Lotman mette in relazione la figura di Dante con quella di Ulisse.

Entrambi i personaggi sono mossi dalla voglia di conoscere ma con una importante differenza: mentre per il poeta la scienza deve essere accompagnata dai valori morali e religiosi, per Ulisse non vi è questa identità (per lui il Purgatorio non era importante per la sua valenza cristiana ma solo perché era un territorio sino ad allora sconosciuto). Dante, quindi, mettendo l'eroe greco nell'Inferno, avverte i pericoli che la divisione tra scienza e moralità comporteranno nel Rinascimento e nelle epoche successive.

Inoltre, entrambi vanno in cerca di nuove conoscenze ma mentre Ulisse è un esploratore ed è guidato solo dalla sua intelligenza, Dante è un pellegrino perché va in cerca della salvezza ed è guidato sì dalla ragione (Virgilio) ma anche dalla fede (Beatrice).




Privacy




Articolo informazione


Hits: 54779
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2024