Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

J. G. FICHTE (1762-1814)

filosofia




Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

J. G. FICHTE  (1762-1814)


Tematiche Principali

Concezione di Coscienza come Libertà, in quanto la filosofia nasce solo con la libertà.

Uomo deve tendere all'infinito superando i propri limiti, costantemente trovati dalla nostra coscienza.

Problema della "cosa in sé", questione tipica del pensiero dogmatico, che presuppone un punto di partenza già dato nella realtà esterna. Il dogmatico è un reazionario, in lui non sono presenti le concezioni di vita come Tat (azione) e Streben (tendere) che lo potrebbero rendere attivo all'interno di una ricerca filosofica vista come una lotta dialettica tra io e non-io (vincoli presenti nel corpo e nella società). Un uomo diventa idealista quando diventa consapevole del fatto che la natura è prodotta dall'io.

Non-Io

Il non-io è rappresentato da qualsiasi cosa non parta dal soggetto.

L'uomo vive come un oggetto tra altri oggetti e può considerarsi o come parte del non-io o come io puro dotato di energia e forza, come essere in grado di fare tutto.

E' idealista colui che mette il soggetto (condizione necessaria per pensare) al centro della conoscenza: idealismo soggettivo.

Intendendo la coscienza come "coscienza di un limite", Fichte afferma che la vita è una continua lotta contro il limite, in cui si arriva alla conoscenza attraverso il contrasto tra io e non-io, tra creatività e limite.

L'idealista riesce ad avvicinarsi a questo limite grazie all'io puro, che resta invece nascosto nel dogmatico.

La filosofia Fichtiana è una filosofia utile per la vita morale: idealismo etico.


La missione del dotto

In una serie di lezioni universitarie, Fichte individua nel "dotto" la guida che deve portare l'umanità al perfezionamento e al completamento delle proprie capacità razionali.

Base indispensabile di questo percorso è un'educazione di stampo critico e non nozionistico.

La Perfezione non può essere raggiunta pienamente. Soltanto nel corso della storia l'uomo riuscirà a conquistarla. Esiste quindi un rifiuto di qualsiasi tipo di ascetismo (la perfezione è un obiettivo comune dell'umanità che deve essere raggiunto dagli individui in quanto esseri intersoggettivi con l'aiuto dell'intellettuale impegnato, il dotto appunto) e viene negata l'ipotesi kantiana di un perfezionamento dell'anima (e della sua immortalità) dopo la morte corporale.

La missione del dotto consiste pertanto nel creare uomini liberi e responsabili.

Per l'uomo solo la società è necessaria: lo stato può essere eliminato.


Discorsi sulla nazione tedesca

Nel periodo in cui la Germania è in guerra contro la Francia Napoleonica, Fichte si pronuncia circa i concetti di stato e nazione.

Lo stato è un apparato formale, innaturale, mentre la nazione ha radici nel popolo, nella cultura popolare comune a tutti.

Pertanto Fichte afferma che non si può combattere una nazione perché questa si ribellerà e vincerà: il messaggio è che la Germania in quanto nazione è superiore all'avversario francese. Queste parole verranno poi fraintese e usate come propaganda nazionalistica e nazista. Tuttavia il filosofo non parla mai di razzismo e antisemitismo.






Privacy

Articolo informazione


Hits: 1373
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020