Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

L'EUROPA UNITA - TSUNAMI E ALTRE CATASTROFI NATURALI

politica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

L'EUROPA UNITA

Il cammino fin qui svolto dall'Unione Eu­ropea e le prossime tappe.

Tipologia B: saggio breve Ambito: storico-politico

Divisione in paragrafi:

1) L'originaria Europa dei Sei

2) I successivi allargamento della CEE

3) Il trattato di Maastricht e 444b19e l'euro

4) L'Europa dei Venticinque e la Costitu­




zione europea

5) Per un' Europa dei popoli


1) Le basi dell'integrazione europea furono poste all'indomani del secondo conflitto mondiale, quando i governi di sei Stati europei decisero di creare un'alterna­tiva al bipolarismo USA-URSS. Così, nel 1951, fu fondata la Comunità Economica del Carbone e dell'Acciaio (CECA), costi­tuita da Belgio, Francia, Germania Occi­dentale, Italia, Lussemburgo e Olanda. Gli stessi Paesi nel 1957 diedero vita alla Co­munità Economica Europea (CEE), al fine di realizzare il Mercato Comune Europeo (MEC), che divenne operante nel luglio 1968.

2) Nel 1973 il numero degli Stati mem­bri della Comunità Europea salì a nove, con l'ingresso della Gran Bretagna, dell'Irlanda e della Danimarca. Sei anni dopo a Strasbur­go, in Francia, si riunì per la prima volta il Parlamento Europeo, formato da 410 depu­tati eletti a suffragio universale. Nel 1981 fu la volta della Grecia di aderire alla CEE e, nel 1986, del Portogallo e della Spagna. Il1986 fu anche l'anno in cui venne ratificato l'Atto unico di Lussemburgo, che fissava al 31 dicembre 1992 il completamento del mercato europeo, con la libera circolazione, per quella scadenza, di merci, uomini e ca­pitali.

Nel 1995 gli Stati membri diventarono quindici, con l'ingresso dell'Austria, della Finlandia e della Svezia, e il numero dei de­putati europei al Parlamento di Strasburgo salì a 626.

3) Il 7 febbraio 1992 a Maastricht, in Olanda, si tenne un importante vertice in cui, tra l'altro, si deciso di mutare la deno­minazione della CEE in Unione Europea e di promuovere l'Unione monetaria europea mediante l'adozione di una moneta unica (euro).

L'euro, introdotto prima come unità di conto, a partire dal primo gennaio 2002 è di­ventato la moneta materialmente circolante in dodici Paesi dell 'UE: Austria, Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlan­da, Italia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo e Spagna. Tutti gli altri Paesi, tra cui la Gran Bretagna, mantengono ancora la propria va­luta nazionale. In Italia la lira è ufficialmen­te fuori corso dal primo marzo 2002.

4) Altre due importanti tappe, nel cam­mino verso l'unità dell'Europa, sono state raggiunte nel 2004: l'allargamento del­l'Unione Europea, che oggi comprende venticinque Paesi membri, e la firma della Costituzione europea.

Hanno fatto il loro ingresso nell'U.E. dieci nuovi Stati, per la gran parte dell'Eu­ropa orientale: Estonia, Lettonia, Lituania, Malta, Polonia, Repubblica Ceca, Slovac­chia, Slovenia, Ungheria e Cipro. Nell'ottobre del 2004 a Roma, in Cam­pidoglio, è stata firmata la Costituzione eu­ropea che ribadisce il valore assoluto degli inderogabili diritti degli uomini alla dignità, alla libertà, all'uguaglianza, alla solidarietà, alla cittadinanza, alla giustizia e alla sicu­rezza e previdenza sociale; una Carta costi­tuzionale che si configura come una conqui­sta di civiltà giuridica per l'intera umanità.

5) Queste due importanti scadenze sono state utili anche a ribadire che l' obietti­vo prioritario dell 'Unione Europea resta il conseguimento di un'unità non soltanto economica e finanziaria, ma soprattutto po­litica e sociale: un'Europa dei popoli e non solo della finanza e dei mercati, in cui le culture, le tradizioni, le lingue di tutte le genti del Vecchio Continente siano armo­nizzate in un'unica ideale comunità, nel se­gno della libertà e della democrazia.



Ora che l'ideale europeista sta diven­tando realtà, come avevano auspicato tanti spiriti nobili del secolo scorso, dal francese Robert Schuman al tedesco Konrad Ade­nauer, agli italiani Altiero Spinelli e Alcide De Gasperi, altre sfide attendono l'Unione Europea affinché questa diventi davvero la "casa comune" di tutti i popoli del Vecchio Continente, istituzione di libertà, di demo­crazia e di pace.

L'Europa, finalmente unita nel "corpo" e nell' "anima", potrà allora porsi come in­terlocutrice alla pari degli Stati Uniti nel contesto mondiale ed operare da protagoni­sta per la soluzione dei problemi del Piane­ta, come il terrorismo, la povertà, la fame, il degrado ambientale, e contribuire a realiz­zare un mondo di popoli frnalmente in pace.

TSUNAMI E ALTRE CATASTROFI NATURALI

Un uso più saggio del territorio può ri­durre i danni provocati dalle catastrofi naturali.

Tipologia D: tema di ordine generale


Quando si parla di ambiente e di tutela degli equilibri naturali non si fa mai vuota retorica, ma si pone l'attenzione su un pro­blema di estrema importanza; quando si par­la dei rischi che possono conseguire a un uso del territorio che non tenga conto del­l'impatto ambientale, non si fa dell'inutile allarmismo. E infatti, dopo le catastrofi na­turali, ci si chiede sempre: sarebbe stato possibile evitare quello che è successo? Si è colpevoli di vittime e danni? Purtroppo gli interrogativi del dopo servono a ben poco se, passata l'emergenza, si ritorna a devasta­re il territorio, senza ricavare alcuna lezione dall'esperienza subita.

Bisogna convincersi che le catastrofi naturali, come terremoti, alluvioni, frane, maremoti, onde anomale, se sono inevitabi­li, tuttavia i loro effetti dannosi possono dal­l'uomo essere contenuti con una saggia ope­ra di prevenzione e con un uso del territorio razionale e rispettoso degli equilibri am­bientali.

Anche gli effetti terribili e devastanti dello tsunami, l'onda anomala che il 26 di­cembre del 2004 aggredì le coste di alcuni Paesi rivieraschi dell'Oceano Indiano per decine di migliaia di chilometri, pur nella sua inevitabilità, in quanto conseguenza di un maremoto di straordinaria violenza avrebbe potuto provocare danni di gran lun­ga inferiori se soltanto gli uomini fossero stati più accorti.

Lo tsunami, parola giapponese che si­gnifica "onda del porto", è frequente lungo molte coste dell'Oceano Indiano e del­l'Oceano Pacifico e, in misura molto piùcontenuta, anche lungo alcune coste del nostro Mar Mediterraneo. Si tratta di onde anomale che possono spostare masse d'ac­qua anche notevoli in conseguenza di un' alta marea, di un maremoto e perfino del passaggio al largo di una nave di gran­di dimensioni. Quello che il 26 dicembre del 2004 si abbatté lungo gran parte del­l'arco costiero dell' Oceano Indiano era uno tsunami alto più di dieci metri, attiva­to da un violentissimo terremoto, del nono grado della scala Richter, con epicentro nell' oceano, ad alcune centinaia di chilo­metri allargo dell'isola di Sumatra.



La massa d'acqua che si spostò in conseguenza del sussulto sismico raggiun­se le coste di Sumatra dopo circa un'ora e via via, dopo alcune ore; quelle della TIlai­landia, della Birmania, dello Sri Lanka e, infine, quelle della Somalia dall' altro Iato dell' oceano, in Africa.

Con i sofisticati sistemi tecnologici di cui disponiamo, di avvistamento e trasmis­sione dei dati attraverso le reti satellitari, sa­rebbe stato possibile avvertire per tempo le popolazioni interessate dall' evento catastro­fico, in modo da farle allontanare dalle co­ste, cioè dai luoghi maggiormente a rischio. Invece questo non è stato fatto, per l'assen­za di un sistema di protezione civile capace d'intervenire in tempo reale in occasioni del genere e la responsabilità è sia dei governi locali, che non provvedono ad attivare un si­stema di protezione civile, sia del mancato coordinamento nello scambio di informa­zioni a livello internazionale tra i governi di tutto il mondo.

Ma la colpa dell'uomo non si limita al­l'assenza di una rete protettiva capace di al­lertare in caso di emergenza le popolazioni: ancora più a monte c'è da constatare come in tanti dei Paesi devastati dallo tsunami sia da anni in atto una 'POlitica di sviluppo del­l'industria turistica che non tiene in alcun conto i rischi di impatto ambientale. Infatti si sono costruiti alberghi, residences, resorts e strutture di accoglienza, magari dotate di ogni comfort e tali da attirare l'interesse del­la facoltosa clientela occidentale, talvolta fi­nanche sul mare. In questo modo sono state distrutte foreste e palmizi che costituivano una naturale barriera lungo le coste.

Basta rifletterci: se la montagna d'ac­qua che si è abbattuta su tanti villaggi turi­stici e altri insediàmenti urbani, penetrando frn nelle strade, nelle case, nelle halls degli alberghi, spazzando via uomini e cose, si fosse infranta contro scogli e palmizi, molto probabilmente i danni, in vittime e in cose, sarebbero stati minori.

E invece i mass media hanno portato in ogni angolo del mondo le terribili immagini di devastazione e di morte, con centinaia di migliaia di vittime e interi villaggi, turistici ma anche di pescatori e di povera gente, cancellati dalla furia delle acque.

Non è stato possibile nemmeno redige­re un calcolo certo delle persone che hanno perso la vita in quel tragico mattino dello tsunami, ma non si è lontani dal vero se si afferma che le vittime siano state intorno alle trecentomila, di cui oltre la metà nella sola isola di Sumatra, appartenente all'Indo­nesia.

Alcune migliaia di vittime sono turisti occidentali, anche italiani, che, andati in luoghi che la carta patinata dei depliants tu­ristici descriveva come di sogno, vi hanno invece trovato la morte. Le immagini crude­li di quel tenibile mattino sono ancora da­vanti ai nostri occhi, pur dopo tanto tempo. E ancora oggi le cronache giornalistiche ci parlano della difficoltà di un ritorno alla vita normale da parte di sopravvissuti che hanno perso tutto in quel tragico mattino: affetti, averi, speranza del futuro. Eppure quelle popolazioni così provate devono ritornare a nutrire speranza nel futuro e ricostruire i loro villaggi e la loro economia, ma puntan­do ad uno sviluppo, anche nel turismo, che sia compatibile con le caratteristiche del ter­ritorio.

Spesso dal male si può sviluppare il bene: dalla tragedia dello tsunami si è origi­nata una gigantesca gara di solidarietà in tutto il mondo che non solo è stata la prova di una generosità diffusa, in tutti i Paesi e in tutte le classesociali, ma che è anche la mi­glior prova che la speranza di costruire un futuro migliore regge ancora.







Privacy




Articolo informazione


Hits: 1984
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2022