Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

EPICA - La Questione Omerica

lettere


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

THE PLOT
Cujo by Stephen King
IL CANDIDATO ESPRIMA LA PROPRIA OPINIONE RIGUARDO LA PENA DI MORTE
Ci può illustrare il Suo primo romanzo, Il tesoro di Farfa, con riferimento alla storia vera che vi è in esso contenuta?
COS'E' IL ROMANTICISMO?
ALTRI FENOMENI MORFOLOGICI E SINTATTICI
I SIMBOLI DEL PAPA NEL MEDIOEVO - Dominatore di mostri
Avete in vo li fior e la verdura
COMPITO DI ITALIANO: AVERE IL CORAGGIO DI DIRE "HO SBAGLIATO"

EPICA

In letteratura il termine epica identifica una composizione in versi ampia e articolata che narra le gesta di uomini eccezionali definiti eroi. Il termine deriva dal greco épos che significa 'parola' e anche 'verso'. Infatti è parola perché narrazione, ma anche verso perché le storie sono strutturate secondo uno schema metrico- ritmico che è quello dell'esametro.

Il canto epico era prodotto da poeti-cant 454e42e ori specialisti, gli aedi; essi cantavano, accompagnandosi con la cetra, storie che la tradizione aveva loro consegnato. I protagonisti dei racconti erano guerrieri dotati di forza straordinaria e di coraggio eccezionale che regolavano il loro comportamento sulla base dell'onore. Il termine eroe è mutuato dall'épos greco, nel quale héros significa 'guerriero', 'nobile'. Accanto agli eroi nei poemi epici hanno un ruolo a volte notevole gli dei, che interagiscono con i mortali nel determinare le vicende della storia.

Il poema epico è ambientato in un'epoca remota e spesso prende l'avvio da un fatto storico che viene però enfatizzato.

Sono molti i popoli della terra che hanno creato canti che celebrano le gesta dei loro eroi: i popoli mesopotamici, quelli dell'India e i Greci (Illiade e Odissea). Secoli più tardi, in epoca feudale, la cultura occidentale si è arricchita di un'epica sassone, carolingia (Chanson de Roland), spagnola (Cantar de mio Cid), germanica (Nibelunghi) e finnica; fino all'epoca popolare serbo-croata.

L'epica delle origini è un prodotto collettivo della cultura orale: è stata inizialmente poesia elaborata e tramandata oralmente, destinata all'esecuzione solo in pubblico; solo in un secondo momento è stata affidata alla forma scritta. Più tardi altri poemi sono nati in forma scritta, sono stati composti da un autore determinato e destinati alla lettura: è quella che viene detta 'epica d'arte'.

Illiade, Odissea, Eneide costituiscono i capolavori dell'epica classica, cioè quella appartenente al mondo greco-latino.  

 La Questione Omerica

Fin dall'antichità si pensò che Illiade e Odissea fossero state scritte da Omero. Riguardo al presunto poeta circolavano molte leggende e bibliografie, tutte diverse tra loro. Le più diffuse raccontavano che Omero fosse un poeta cieco e che fosse stato un prigioniero di guerra. Anche sul luogo e il periodo della sua vita ci sono testimonianze molto vaghe, e tuttora non ci sono prove certe sulla sua esistenza. L'archeologo Schliemann organizzò una spedizione per ripercorrere le tappe narrate in Illiade e Odissea. Durante le ricerche fu scoperta che una collina (Hissarlik) era stata formata da strati di città distrutte e poi ricostruite, l'una sull'altra. In una di queste città sono stati trovati resti d'oggetti paragonabili a quelli descritti nei poemi epici. Così fu possibile dimostrare che Troia è effettivamente esistita, nel punto descritto da Omero e che fu assediata e poi distrutta da un incendio.

L'ipotesi della nascita dei poemi epici sostiene che sono nati sotto forma orale, grazie agli aedi (o rapsodo), iniziando con 'L'ira d'Achille', e proseguendo poi, con continue "aggiunte", fino ad arrivare al risultato finale: l'Illiade. L'Odissea, invece, fu creata dall'unione de 'I viaggi di Ulisse '. Così, ci sono voluti secoli, prima che i due poemi siano stati completati. Verso il VI secolo a.C. hanno iniziato a far passare sotto forma scritta i due poemi. Perciò si pensa che Omero sia stato o solo colui che ha scritto i racconti, o soltanto un'invenzione leggendaria per trovare una risposta alla domanda: Chi ha scritto Illiade e Odissea?



Articolo informazione


Hits: 3530
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017