Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

LA COMUNICAZIONE - Cosa significa comunicare

psicologia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

L'invecchiamento comporta cambiamenti
La nuova interpretazione della sensibilità e la discrepanza, che suscita sgomento, tra arte e verità
L'interpretazione idealistica della dottrina nietzscheana della volontà
PSICOLOGIA DELL'HANDICAP E DELLA RIABILITAZIONE - I soggetti, le relazioni, i contesti in prospettiva evolutiva.
INTRODUZIONE ALLA PSICOLOGIA
La memoria - I limiti di Ebbinghaus
La ricerca psicofisiologica - Attività cerebrale e processi cognitivi
LA PSICOPATOLOGIA E I DISTURBI D'ANSIA
Scienza cognitiva - Scienza cognitiva oggi e domani
La donna

LA COMUNICAZIONE

Cosa significa comunicare

La comunicazione si trova alla base di ogni relazione umana e le relazioni tra gli esseri umani sono determinate da fattori emotivi, cognitivi, motivazionali e fisici, per cui, la comunicazione coinvolge tutti i livelle della realtà umana e sociale.

Comunicare significa emettere, trasmettere, dare informazioni o idee, far conoscere qualcosa o qualcuno. Deriva dal latino "communis" cioè comune, che appartiene a molti, che è pubblico. La comunicazione , quindi, un fenomeno molto complesso per tutti i processi che riesce ad attivare e a coinvolgere, ed è un processo dinamico, cioè implica una risposta da parte del destinatario.

Le funzioni della comunicazione

Quando comunichiamo l facciamo sempre in vista di uno scopo, ogni situazione comunicativa parte da un'esigenza, nostra o degli altri, per arrivare ad un obbiettivo. Per ogni situazione comunicativa è dunque possibile individuare una specifica funzione. Spesso la comunicazione si presenta informa complessa in cui sono presenti più funzioni che non possono essere considerate a sé stanti. Alcune tra le più significative sono:



-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; Funzione strumentale: serva ad ottenere ciò che è necessario per soddisfare esigenze e bisogni;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; Funzione di controllo: serve per indurre gli altri ad agire secondo precise indicazioni ;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; Funzione informativa: è alla base della conoscenza. Tutto ciò che noi sappiamo è condizionato dal passaggio continuo di informazioni tra noi e il sistema sociale e viceversa;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp;  Funzione espressiva: ci permette di definire noi stessi, il nostro essere, le nostre relazioni, il nostro ruolo nel contesto a noi legato, manifestare sentimenti ed emozioni, dichiarare idee e pensieri, dare di sé stessi l'immagine che si desidera.

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; Funzione di contatto sociale: ciascuno di noi ha bisogno di creare dei legami  con altri esseri umani per comunicare, condividere, partecipare, o solo per il gusto di stare insieme, di superare l'isolamento e la solitudine;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; Funzione di alleviamento dall'ansia: la comunicazione con gli altri diventa maggiormente forte quando ci troviamo in situazioni particolarmente ansiogene, in questi casi, il contenuto del messaggio diventa irrilevante rispetto comunicazione che assume come funzione prioritaria l'alleviamento dell'ansia;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; Funzione di stimolazione: permette di ricevere stimoli dall'esterno, di appagare la propria curiosità, di vivere esperienze nuove, bisogni vitali per l'uomo. Risultano particolarmente adatti a svolgere tale funzione il gioco, lo spettacolo, la bellezza, il godimento artistico che sono forti e continui stimoli per la nostra emotività ed intelligenza;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; Funzione legata al ruolo: spesso la comunicazione è semplicemente espressione di qualcosa che gli altri si aspettano da noi per ciò che siamo e ciò che rappresentiamo. Spesso, ognuno di noi, nei diversi contesti, deve reagire in base alle aspettative degli altri più che ai propri bisogni reali di quel determinato momento.

Modelli della comunicazione

Per analizzare e comprendere la comunicazione sono stati elaborati numerosi modelli diversi tra loro per natura, uso e regole a cui si riferiscono e che, come tutti i modelli, devono essere considerati come strumenti di interpretazione della realtà e perciò di semplificazione della stessa. I modelli della comunicazione hanno avuto origine da un articolo pubblicato nel 1948 da Harnold Lasswell, in cui l'autore proponeva il problema della comunicazione cercando di rispondere a 4 domande, ciascuna delle quali rappresenta un elemento del fenomeno e nel contempo di studio specializzato:

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; Il CHI cioè l'emittente;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; DICE COSA cioè il contenuto del messaggio;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; ATTRAVERSO QUALE MEZZO cioè il mezzo di diffusione del messaggio (stampa, tv..);

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; CON QUALE EFFETTO cioè l'effetto che l'emittente ha sul ricevente.

IL MODELLO MATEMATICO-CIBERNETICO

Questo modello considera la comunicazione come un processo circolare. Il concetto chiave di questo modello è quello della retroazione o feedback, secondo il quale  i comunicanti sono considerati emittenti e riceventi allo stesso tempo. In questo tipo di comunicazione si ha un'influenza reciproca dei comunicanti.

IL MODELLO LINGUISTICO-SEMIOLOGICO

Questo modello parte dalla considerazione che l'atto comunicante è efficace solo quando i segni utilizzati sono patrimonio comune a  tutti i comunicanti coinvolti, quindi possono essere compresi e interpretati nella totalità del loro significato. I concetti chiave di questa teoria sono:

- il codice, cioè ciò che regola e struttura i segni (simboli) mediante regole ben precise e rende possibile il loro essere patrimonio comune;

- il significante, cioè il materiale che si utilizza per comunicare che si presenta diverso per ogni linguaggio (lettere dell'alfabeto..);



- il significato che corrisponde all'elemento concettuale, al valore o senso attribuito sia da chi produce quel segno che da chi lo riceve o percepisce;

- il contesto cioè la situazione contestuale all'interno della quale vengono utilizzati significante e significato.

IL MODELLO PSICOLOGICO-SOCIALE

Questo modello pone come oggetto del proprio studio l'osservazione del comportamento dell'essere umano, dal quale dedurre l'atteggiamento interiore e la motivazione fondamentale. I concetti chiave di questa teoria sono:

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; il comportamento, cioè ciò che risulta delle attività di un organismo che possono essere osservate;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; l'atteggiamento, cioè ciò che viene identificato con l'orientamento favorevole o sfavorevole verso l'altro o la disposizione a reagire ad una particolare situazione;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; la motivazione, cioè la regolazione del comportamento che tende a soddisfare un bisogno o a raggiungere una meta.

Due psicologi statunitensi hanno tentato una rappresentazione grafica della complessità delle relazioni detta finestra di Johari, in cui si sono semplificati gli incontri possibili tra parti consce e inconsce  della personalità.

Finestra di Johari:

noto a noi: aperto à noto agli altri (noi siamo a conoscenza degli aspetti della nostra personalità e anche gli altri);

non noto a noi: cieco à noto agli altri (gli aspetti della nostra personalità risultano chiari agli altri ma non a noi stessi);

noto a noi: nascostoà non noto agli altri (gli aspetti della nostra personalità risultano chiari a noi stessi ma non agli altri);

non noto a noi: ignoto à non noto agli altri (gli aspetti della nostra personalità non sono chiari né a noi stessi né agli altri)

IL MODELLO PERFORMATIVO   

Questo modello considera la comunicazione come strumento per modificare e controllare il comportamento altrui e ritiene sempre la comunicazione  come una rete di conversazioni. In questo contesto la comunicazione è intesa come un processo attraverso il quale un'idea è trasferita da una fonte ad un destinatario con l'intenzione di cambiare il suo comportamento.  In questo modello la comunicazione si concretizza attraverso una rete di conversazioni cioè atti linguistici che possono assumere diverse forme di:

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; comando: gli atti di comando vengono chiamati "direttivi"e acquistano valore solo se chi li esprime ha il diritto riconosciuto di formularli sulla base del rapporto che lega i comunicanti;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; impegno: gli atti linguistici con cui ci si assume un impegno si chiamano "commissivi" e presuppongono una subordinazione dell'uno nei confronti dell'altro;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; dichiarazione: esprimono la situazione esplicita di un dato di fatto, di una posizione presa, di una linea di tendenza;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; domanda: gli atti interrogativi soddisfano il bisogno di chiarezza delle persone che comunicano;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; espressione: permettono di manifestare i proprio stati d'animo e di comunicare i propri stati emotivi; sono molto funzionali bisogno di ogni singolo individuo di esprimere sé stessi e quindi  potersi meglio inserire nell'ambiente organizzato in cui lavora;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; asserzione: è un modo di comunicare agli altri come si percepisce la realtà.




Gli elementi della comunicazione

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; emittente  (chi invia) à colui, coloro che inviano un messaggio;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; ricevente o destinatario (chi riceve) à destinatario/i del messaggio;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; messaggio - contenuto - informazione (che cosa) à ciò che viene comunicato;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; codice - linguaggio (in che modo) à raccolta, sistema di segni, di regole, fatti per comunicare  (la scienza che studia l'uso dettagliato dei codici è la semiologia);

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; canale (con quale mezzo) à strumento, veicolo, via usata per comunicare (voce, corpo, lettera, internet, ecc);

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; contesto (dove-quando) à spazio e luogo in cui avviene la comunicazione;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; filtri - rumori - barriere à possiamo distinguere: filtri dell'emittente (non conoscenza del linguaggio parlato e compreso dal ricevente), filtri del ricevente (non attenzione, non essere in grado di ascoltare), rumori, mancanza di luce, intensità sonora, ecc.. Vengono definiti anche barriere.

La prospettiva sistemica

È un indirizzo psicologico in cui si considera che tutto è comunicazione. Deriva da "sistema" e considera la comunicazione come un sistema. Questa teoria  rappresenta un fondamentale cambiamento nel pensiero scientifico che è avvenuto soprattutto nel secolo scorso ('900). Nella definizione classica si afferma che un sistema è un "insieme di oggetti e delle relazioni tra gli oggetti e tra i loro attributi", precisando che "gli oggetti sono componenti o parti del sistema, gli attributi sono le proprietà degli oggetti e le relazioni tra le parti "tengono insieme il sistema"". Nel sistema sociale gli individui sono le parti, i comportamenti sono gli attributi e le relazioni tra gli individui tengono insieme il sistema. (PARTI+CARATTERISTICHE+RELAZIONI=SISTEMA).

Un sistema si struttura nel tempo, sempre accompagnato da un ordine di successione degli eventi (volto a mantenere uno stato di equilibrio), un ordine dinamico che richiama quello di omeostasi che è la calibrazione, la messa a punto del sistema di equilibrio ad un livello diverso (tendenza ad uno stato di equilibrio).

Questa nuova "filosofia della scienza" riguarda anche la comunicazione e ad essa viene applicata; la comunicazione, infatti, funziona come un sistema, come un insieme di elementi e processi che si influenzano a vicenda e dove operano circuiti di retroazione. Ogni segmento della comunicazione diventa comprensibile solo se viene considerato nella rete dei segmenti comunicativi di cui fa parte: dal punto di vista pragmatico non ha alcun senso considerarlo in forma isolata.

In un contesto comunicativo risulta evidente come colui che comunica si comporta presupponendo il comportamento del ricevente essendo condizionato e influenzato dalle comunicazioni precedenti. L'essere umano e il suo ambiente formano un sistema dinamico (in continuo cambiamento), di cui sia l'individuo che l'ambiente sono elementi inseparabili che si influenzano reciprocamente.

Il principio dell'interazione dinamica, che riguarda tutti i sistemi aperti (in relazione con l'esterno ), è perciò caratterizzato sia dai processi che si realizzano all'interno dell'individuo, sia dai processi che avvengono all'interno dell'ambiente sia dai processi che si realizzano nella relazione tra i fattori individuali e quelli ambientali. Se c riferiamo all'ambiente, per esempio, può essere visto come un sistema distinto in livelli differenti, definito "ambiente ecologico"distinto in vari centri concentrici: microsistema (ex. Ambiente familiare), mesosistema (relazioni tra i vari microsistemi), ecosistema (ex. Condizioni di lavoro dei genitori) e macrosistema (ex. Scelte politiche, sociali, occupazionali). 



Una distinzione frequente è quella tra ambiente prossimale (in rapporto diretto), inteso come altri individui con cui la persona interagisce direttamente e ambiente distale (ambiente naturale e artificiale più distante), inteso come il più ampio ambiente sociale, economico e culturale nel quale l'ambiente prossimale è immerso. L'essere umano col tempo si modifica in relazione a fattori esterni (mutamenti economici, storici, naturali) e da fattori provocati dall'individuo stesso; l'ambiente cambia in relazione ai grandi fatti della storia e anche grazie all'azione degli individui che contribuiscono alla costruzione dell'ambiente nel quale vivono, anche quando ne sono inconsapevoli.

GLI ASSIOMI DELLA COMUNICAZIONE

Per spiegare la comunicazione interpersonale i teorici della pragmatica della comunicazione sono ricorsi a cinque assiomi (assioma = principio valido di per sé, che non ha bisogno di essere dimostrato) fondamentali.

Il termine pragmatica viene dal termine "pragma" (= cosa) e più in particolare da "pragmatikos" (=pratico) e significa pratica, prassi. Con il termine "pragmatismo" ci si riferisce, infatti, a coloro che tendono a fare le proprie scelte senza essere idealisti, utopisti, sognatori ma essendo pratico, realista e attivista.

PRIMO ASSIOMA: "L'impossibilità di non comunicare"

Non si può non comunicare perché non si può non avere comportamenti, il non comportamento non esiste, quindi non esiste la non comunicazione ed ogni comportamento è un messaggio. Anche il fatto di non parlare , di ignorarsi, di isolarsi, non indica "non comunicazione" perché con ogni comportamento inviamo un messaggio.

SECONDO ASSIOMA: "Ogni comunicazione ha un aspetto di contenuto e un aspetto di relazione di modo che il secondo classifica il primo ed è quindi meta comunicazione"(Meta comunicazione = riflessione sul linguaggio)

Secondo questo assioma la comunicazione non solo trasmette un'informazione, ma allo stesso tempo determina un comportamento.

Con questo assioma si vuole sottolineare come tutte le comunicazioni comportano un messaggio di contenuto - notizia, informazione, dati, oggetto - (report), ma al tempo stesso un messaggio di relazione (command) - istruzioni, indicazioni, comando-richiesta per il ricevente sul che cosa fare del messaggio contenuto-.

Di solito il messaggio contenuto è fatto di parole mentre il messaggio di relazione viene inviato soprattutto con la comunicazione non verbale (scelta delle parole, tono della voce, ecc). Spesso il messaggio di relazione prende il sopravvento su quello di contenuto, gli da il vero senso. Infatti, la stressa frase, se espressa con toni e gestualità differenti, ha un significato differente.  Il tipo di relazione dipende anche dal contesto in cui la comunicazione si svolge e serve a chiarire ulteriormente la situazione e la relazione.

L'operatore sociale deve avere un comportamento professionale e autorevole, anche nel linguaggio verbale utilizzato, il modo di esprimersi dell'operatore sociale, infatti, deve essere il più possibile colloquiale e:

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; evitare termini tecnici;

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; il decadere nel "tu"(soprattutto per non accentuare la dipendenza dell'utente dall'operatore in una situazione istituzionale);

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; l'utilizzare appellativi familiari, vezzeggiativi che molto spesso mortificano la persona in difficoltà.

i soggetti in difficoltà che necessitano di servizi socio-assistenziali di qualsiasi tipo vivono una condizione di "dipendenza psicologica"e trovano maggiori difficoltà nel definire e ridefinire la relazione. 

Un elemento fondamentale della comunicazione è che ad ogni messaggio c'è sempre una risposta.

Il messaggio può essere:

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; di conferma: esprimere accettazione, attraverso un sorriso uno sguardo interessato, una frase incoraggiante, un gesto "PER ME TU VALI";

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; di rifiuto: manifesta non accettazione che può tradursi in una frase chiara o un gesto o parola che tronca la comunicazione "PER ME TU NON VALI";

-   &n 242g62c bsp;   &n 242g62c bsp; di disconferma: non conferma cambiando argomento, facendo finta di non capire, rispondere in maniera impersonale e ambigua "PER ME TU NON ESISTI".

La disconferma è quella che porta le conseguenze più negative e, molti studiosi, ritengono che le disconferme numerose e continue siano la fonte di molti comportamenti patologici dell'individuo.

 







Privacy

Articolo informazione


Hits: 23751
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019