Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Digestione - Fasi della digestione, Assorbimento del cibo

alimentazione


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

Digestione


La digestione serve a trasformare gli alimenti in sostanze più semplici in modo che possano attraversare la membrana plasmatici ed entrare così nella cellula.

Gli alimenti sono demoliti in sostanze più semplici dagli Enzimi, contenuti nei succhi dig 121b16b estivi:


Glucidi (= zuccheri)          -> enzimi -> monosaccaridi (zuccheri più semplici)


Lipidi (= sostanze grasse)  -> enzimi -> acidi grassi + glicerina


Proteine          -> enzimi -> aminoacidi





L'effetto degli enzimi sugli alimenti è di tipo chimico, questo effetto è aiutato da azioni meccaniche: masticazione, mescolamento, trasporto.




Fasi della digestione



  1. Masticazione (Bocca): il cibo solido diventa una poltiglia, detta Bolo, e così può essere deglutito. In questa fase il cibo è impastato con la saliva secreta a livello della bocca dalle ghiandole salivari. La saliva contiene un enzima chiamato ptialina che scioglie l'amido.

  1. Deglutizione: la cavità nasale si chiude ed è impedito l'accesso alla laringe dall'abbassamento di una cartilagine chiamata epiglottide. Il bolo entra così nell'esofago ed è spinto fino allo stomaco da onde propulsive (la valvola che collega esofago e stomaco si chiama cardias

  1. Lo stomaco: il bolo è attaccato dal succo gastrico, secreto dalle ghiandole gastriche diffuse in tutto lo stomaco. Il succo gastrico è formato da Acido cloridrico e da 3 enzimi: pepsina, chimosina e lipasi

L'acido cloridrico favorisce l'assorbimento dei sali di ferro e attiva la pepsina

La pepsina trasforma le proteine in sostanze più semplici chiamate peptoni

La chimosina agisce sulle proteine del latte

La lipasi agisce sui lipidi, specialmente nei lattanti.


Sempre nello stomaco ci sono delle onde di contrazione che impastano il bolo e lo fluidificano,  formando il chimo che passa nell'intestino tenue attraverso una valvola chiamata Piloro


  1. Intestino tenue: nella prima parte dell'intestino tenue, chiamata duodeno, l'entrata del chimo determina la secrezione di 2 ormoni: la secretina e pancreozimina.

La secretina determina  la secrezione del succo pancreatico

La pancreozimina determina sia  la secrezione del succo pancreatico che lo svuotamento della cistifellea con la liberazione della bile


Il  succo pancreatico contiene 3 enzimi:

Tripsina, che trasforma i peptoni in aminoacidi;

Lipasi, che scinde i lipidi (grassi)

Amilopsina, che trasforma l'amido in uno zucchero (maltosio)


La bile non contiene enzimi, ma ne facilita l'azione ed inoltre emulsiona i grassi, trasformandoli in goccioline.

Sempre nell'intestino tenue è secreto il succo enterico che contiene altri enzimi digestivi ed il chimo diventa chilo a livello dei villi intestinali

Anche nell'intestino tenue ci sono le onde peristaltiche (di contrazione) che fanno progredire il chimo fino all'intestino crasso




Il processo digestivo termina quando il cibo passa nell'intestino crasso.


Nell'intestino crasso ci sono molte ghiandole che secernono il muco, una sostanza che facilita l'avanzamento del contenuto intestinale verso il retto, attraverso il quale sarà espulso attraverso lo sfintere anale, sottoforma di feci

Le feci sono formate dai residui degli alimenti che non possono essere digeriti, ma anche da muco e batteri, questi ultimi partecipano alla sintesi delle vitamine del gruppo B.







Assorbimento del cibo


Gli alimenti, dopo essere stati digeriti, passano nel sangue e poi dal sangue ai tessuti.


L'assorbimento avviene:

Nell'intestino tenue (villi intestinali): quasi tutti gli alimenti trasformati in chilo

Nell'intestino crasso, ma soltanto acqua e sali minerali


In ogni villo intestinale si trova un vaso linfatico, detto chilifero; nel quale entrano le sostanze grasse, mentre nei capillari sanguigni che circondano questo vaso entrano tutte le altre sostanze (aminoacidi, zuccheri ecc..).














Sostanze grasse                             Altre sostanze



Vasi chiliferi                                          Capillari sanguigni



Dotto toracico                                      Vena porta



Circolazione                                         Fegato



Vena epatica



Circolazione







Privacy

Articolo informazione


Hits: 17163
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020