Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

L'Opera e La Musica Vocale In Europa Nel sec, xvIII

musica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

L Opera e La Musica Vocale In Europa Nel sec, xvIII


DIFFUSIONE EUROPEA DELL'OPERA ITALIANA

L'invenzione dell'opera in musica e la sua diffusione in Europa seguono l'inizio di un'egemonia musicale italiana; l'esecuzione di opere italiane precede la produzione delle opere locali.

L'espansione operistica italiana è dovuta innanzitutto alla novità dello spettacolo, al mutamento dello stile e alle reazioni avvenute nei vari paesi e 515h76f uropei a contatto con l'opera stessa.

L'opera era protetta dal punto di vista politico e presto prese il posto delle forme popolari (il ballet de cour in Francia e il mask in Inghilterra.) in ogni paese viene preso come modello il fiorentino recitar cantando.

I tentativi di creare un'opera nei vari paesi riuscirono in Francia (con G.Lulli) ma fallirono in Inghilterra e Germania.


LA MUSICA VOCALE IN GERMANIA

In Germania con la Riforma si erano diffusi i Lied e i corali; nel cinque e seicento il primo rifiorisce anche grazie all'influenza italiana, e nella penetrazione successiva, secondo l'esempio fiorentino, il Lied si emancipa dalla polifonia (H.Albert, T.Selle, "Arien" e "Amores universales").

Si ha una liberazione della polifonia nelle maggiori forme vocali con H.Shülz, che raduna in sé una duplice esperienza italiana (Le sette parole di Gesù sulla croce; Il Natale).


GLI INIZI DELL'OPERA TEDESCA

Una sorta di opera tedesca alternante recitazione e canto è la forma del Singspiel.

Shülz diede alla Germania la prima opera, musicando la Dafne di Rinuccini. In seguito se ne eseguirono altre, ma il solo tentativo serio di realizzare un teatro musicale tedesco si ebbe ad Amburgo: vi operarono i musicisti J. Theile, J. W. Franck, J. S. Kusser.

I soggetti erano quelli comuni all'opera italiana: mitologia e storia antica, rari gli elementi popolari locali.

Nella seconda metà del sec. XVIII crebbe la voga del Singspiel, eseguito da J. A. Hiller,D. Von Dittersdorf e non disprezzato da Mozart.


L'OPERA IN FRANCIA FINO A LULLI

Il vero precedente storico dell'opera in francia è il ballet de cour; l'autore delle arie del primo periodo è L. de Beaulieu.

Nel 1642 il cardinale Mazzarino perviene al potere e cerca di trapiantare l'opera italiana in Francia; nel 1660 però si accende sempre più il putiferio nazionale: risorge la mentalità nazionalistica francese.

A questo proposito G. Lulli, nazionalista al servizio del re, si impose con una sorta di dittatura musicale, ritirò l'opera alle sue origini, cioè al recitar cantato fiorentino, modificato secondo le esigenze francesi.

Le sue opere sono un ideale di equilibrio oratorio e morale, egli introdusse inoltre il ballet de cour (rivisto) nei prologhi.


L'OPERA IN INGHILTERRA FINO A PURCELL

In Inghilterra ebbe importanza il mask, con soggetti mitologici e in cui si prevedeva la danza, rappresentato in ambienti di corte. Nel sec. XVI la maggior parte delle musiche dei masks erano di due italiani: A. Ferrabosco e N. Laniere.

Il genere giunse fino alle soglie del '700. Fra i compositori più rinomati M. Locke e Lawes.

Nel panorama modesto della musica inglese H. Purcell riunisce le esperienze musicali italiane e inglesi scrisse l'opera Didone e Enea e diede musiche di scena per vari drammi.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1677
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020