Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

La figura dell`Innominato

letteratura


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Edgar Allan Poe
INTRODUZIONE
GAIO PLINIO SECONDO, detto "IL VECCHIO" - Vita, Opere
Italo Calvino, scrittore italiano (Santiago de Las Vegas, Cuba, 1923 - Siena 1985)
IL BAROCCO - CARATTERI GENERALI
EUGENIO MONTALE (1896-1981) - LA POETICA DEL PRIMO MONTALE
Foscolo: la donna e l'amore
put_your_title_here
J.K. ROWLING LE FIABE DI BEDA IL BARDO
FONTAMARA

La figura dell`Innominato

L`Innominatom e` una delle figure piu` complesse di tutto il romanzo..Pure essendo una persona realmente esistita, riceve dal Manzoni un`ulteriore elaborazione artistica che ne fanno un personaggio dotato di vita autonoma e di interiorita` coerente compiuta.Il dramma dell` Innominato si svolge tutto all`interno del suo 636b16g spirito ed e` seguita dall` autore nel suo nascere e nel suo sviluppo.Il Manzoni non lo presenta come malvagio, obietto, ripugnante perche` egli serba, pur nella sua posizione di ribelle, qualcosa di regale essendo sempre stato fedele a se` stesso e avendo sempre difeso con coraggio estremo anche cause ingiuste.Per questo l`Innominato e` grande anche nel male, superiore alla bassa malvafita` di Don Rodrigo.E` un animo negato a ogni co,promesso incapace di vie di mezzo e per questo la crisi interiroe che avra` lo portera` a una profonda rivoluzione spirituale.Quando Manzoni lo presenta, la sua crisi e` gia` iniziata e si manifesta con sentimenti di disgusto, di fastidio per una vita di violenze e di complotti, passati inesorabilmente in solitudine."L`uggia delle sue scelleratezze" si faranno a poco a poco coscienza gia` prima quando vede Lucia in carrozza e si rende conto di non poterla consegnare a Don Rodrigo, poi nella famosa notte durante la quale il rimorso del suo violento passato gli giunge in una dimensione insopportabile.Egli vorrebbe redimere questo passato sanguinoso ma si sente impotente poiche`, anche se liberasse Lucia, si limiterebbe soltanto a dare giustizia all` ultimo di una lunga catena di delitti.



Di fronte al Dio misericordioso, l`uomo potentissimo abituato a imprese rischiose e a delitti sanguinosi, si sente finalmente sollevato poiche` intravede finalmente la possibilita` di salvezza.Dopo questa conversione lo spirito dell` Innominato rimane intatto, perche` non e` il suo temperamento a subire una trasformazione, bensi` la sua coscienza; dal male passa al bene ricominciando una nuova vita.

Tutta questa tempesta interiore e questa capacita` di introspezione non caratterizza assolutamente Don Rodrigo essendo egli un mediocre tirannello di campagna che sfrutta solo la sua posizione sociale e i suoi appoggi.Il suo carattere non ha niente di deciso e di fermo, egli e` semplicemente lo specchio del suo tempo, di tutte le ingiustizie sociali dell` epoca.Manzoni ce lo present soltanto attraverso i simboli e gli attributi della sua forza; i bravi e il palazzotto, e attraverso il suo agire o meglio ancora il suo modo di agire.Don Rodrigo non ha nessuna dirittura morale, egli conosce soltanto la legge del bastone ovvero del piu` forte e del piu` prepotente.Egli, oltretutto, non sa accettare le conseguenze delle sue azioni poiche` si preoccupa di salvare soltantole apparenze, come dopo l`infruttuoso tentativo di rapimento da parte del Griso.E` disperato soltanto per il timore delle dicerie che potevano diffondersi nei suoi confronti.E` evidente che non sa neppure essere grande nel male, a differenza dell` Innominato, la cui personalita` era tanto forte, da suscitare quasi l`ammirazione della gente.L`unica caratteristica genuina che possiamo riconoscergli e` quella della cocciutaggine che lo induce a persistere nel suo disegno piu` per orgoglio di casta ferito che per altro.E` con un cero fastidio che egli ricorre all` aiuto dell` Innominato, uomo veramente integro e inflessibile e che lui doveva sentire molto superiore a se`.Il confronto fra i due e` scontato in partenza in quanto la personalita` dell`Innominato e` talmente schiacciante che lascia ben poche possibilita` al mediocre Don Rodrigo.




Don Rodrigo e` l`unico personaggio di cui non ci viene fatta una vera e proria descrizione, ne` fisica ne` morale, forse prorpio per sottolineare la sua pochezza interiore, a differenza dell` acuta e attenta analisi che invece il Manzoni ci offre nella descrizione del dramma dell`Innominato.L`autore vuole sottolineare che i grandi uomini come l`Innominato sono tali proprio perche` consapevoli della  propria precarieta` di uomini, che li fa sentire piccoli e insignificanti rispetto a Dio e li induce a guardarsi intorno per cercare qualcosa di superiore.In essi egli scopre il manifestarsi della "Divina Provvidenza", che dunque nel romanzo assume un ruolo centrale.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1573
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019