Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

La scarica del condensatore

elettronica



La scarica del condensatore


Se ora vogliamo scaricare il condensatore, basterà porre le sue armature in cortocircuito. Questo si ottiene chiudendo l'interruttore s e ponendo una resistenza R nulla.

In questo modo il condensatore si scaricherà istantaneamente ripor 818c22i tando a 0 la tensione tra le sue armature.

Clicca sull'immagine per lanciare la simulazione. Devi però installare prima i tre files come spiegato nell'introduzione.


Se però si lascia la resistenza R = 10.000 W del circuito di prima, le cose cambiano.

La tensione ai capi di C diminuisce esponenzialmente. In altri termini C si scarica con la stessa costante di tempo t di prima.



L'equazione che dà il valore dell'andamento della tensione ai capi di C durante questa nuova fase è sempre la stessa.

dove

  Viniz stavolta non è 0 ma 10V perché il condensatore non era scarico, ma carico a 10V.

  Vfin stavolta non sarà 10V ma 0 perché è questa la tensione che vede ora il condensatore.

   Consideriamo infine t = 0 l'istante iniziale per questo nuovo processo (di scarica).

Con queste premesse, dall'equazione precedente possiamo calcolare quanto vale la tensione ai capi di C in qualsiasi istante.


Per esempio:

      a t = 0





  a t =




     a t =5t


La chiusura dell'interruttore s seguita dalla chiusura di s , equivale a fornire una tensione Vi(t) di questo tipo:



che, volendo, può essere periodica



L'andamento della tensione ai capi di C sarà:


Questo, naturalmente, se la costante di tempo t è abbastanza breve in modo che quando sono trascorsi 5t l'impulso d'ingresso sia ancora alto (o ancora basso).

Se invece t è grande, l'andamento sarà del tipo di quello mostrato in figura:


In altri termini, C non fa in tempo a caricarsi a 10V, che deve scaricarsi a 0V.

Quello appena visto è il più semplice circuito CR, formato da un'unica resistenza R. Possono essercene degli altri, tutti comunque con le stesse caratteristiche.

Le uniche cose da controllare con molta attenzione sono:

La resistenza equivalente che vede il condensatore (e quindi la t di carica o scarica) e la tensione equivalente che vede lo stesso condensatore.

Entrambe equivalgono a quelle che si ottengono applicando il teorema di Thévenin.







Privacy




Articolo informazione


Hits: 1839
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2024