Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

IMPRESSIONISMO - I NUOVI SOGGETTI DELLA PITTURA IMPRESSIONISTA

storia dell arte




Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

IMPRESSIONISMO


Il movimento impressionista si avvia nel 1867 in Francia, quando alcuni artisti iniziano a sperimentare una pittura naturalistica lontana dal gusto accademico; dopo 20 anni la ricerca impressionistica si può ritenere conclusa, ma ha aperto la strada a tutte le ricerche artistiche successive.


I pittori impressionisti cercano, osservando 515f56f la natura, di cogliere la prima impressione visiva, quella che l'occhio riceve senza soffermarsi sui particolari. I colori sono presi isolatamente e accostati sulla tela senza venir mescolati: sarà la nostra mente a percepirne l'effetto d'insieme.


EDUARD MANET ( 1832-1883) è considerato un precursore del movimento impressionista, i cui interpreti principali sono: CLAUDE MONET (1840-1926) CAMILLE PISSARRO (1830-1903) AUGUSTE RENOIR (1841-1919)  IEAN F BAZILLE (1841-1870) ALFRED SISLEY (1839-1899) EDGARD DEGAS (1834-1917)


La storia dell'impressionismo fu accompagnata da aspre critiche e da netti rifiuti.

Le caratteristiche dell'impressionismo esaltano alcuni aspetti innovativi dell'arte , in parte già avviati dalla pittura realista:



l'arte è sempre più autonoma e non influenzata dalle scelte dei committenti.

Mutano i soggetti: si rappresentano paesaggi naturali, scene di vita quotidiana nelle grandi città, gli interni dei caffè, i teatri;

si studiano le leggi dell'ottica. Gli impressionisti dedicano studi accurati ai fenomeni fisici e percettivi della luce.

L'invenzione della fotografia influenza l'arte. I pittori di questo periodo si servono della fotografia nello studio del taglio dell'inquadratura.


LUCE. Tutte le opere impressionistiche danno un'attenzione costante agli aspetti della luce. Ogni paesaggio è fatto di luce e colore, sia uno che l'altro continuamente mutevoli, a seconda dell'ora, delle condizioni atmosferiche e del punto di vista.

COLORE. L'impressionismo è il trionfo del colore e della luce. Il colore di un singolo oggetto non esiste , infatti ogni colore nasce dall'influenza del suo vicino. Le ombre non sono nere, ma  sono solo zone meno luminose e si ottengono ad esempio sovrapponendo i colori supplementari.


SEGNO. La linea è assente e manca un disegno preparatorio. Le forme prendono vita dal colore che viene steso con segno rapido e sicuro., senza fare attenzione per il contorno delle figure.


MOVIMENTO. Il movimento fa parte dell'impressione che riceviamo nel percepire il mondo esterno. La pittura impressionistica predilige i giochi di colore, e i riflessi della luce sull'acqua, la cui superficie appare sempre in movimento.


I NUOVI SOGGETTI DELLA PITTURA IMPRESSIONISTA


Gli impressionisti lavorano all'aria aperta in città dipingendo solo quello che vedono, con molta naturalezza.


  1. La luce dell'architettura

Nell'inverno 1892-93 Monet realizza 50 tele aventi per soggetto la cattedrale di Rouen .

Il pittore studia la variazione dei colori determinata dagli effetti sempre mutevoli della luce in varie ore del giorno. La luce investe la facciata gotica, riflettendosi nelle guglie e nelle statue.

Gli effetti variano in base alle condizioni del tempo e alla diversa incidenza della luce, sono fissati in sequenze che vanno dall'alba al crepuscolo.

Monet cambia le tele col mutare della luminosità  usando in prevalenza il bianco il grigio l'azzurro e il rosa dorato.

Nell'inquadratura la facciata è visibile solo in parte, assume una disposizione leggermente obbliqua: infatti Monet ci porta a riflettere non sull'architettura ma su ciò che muta di essa.

Il motivo ricorrente in Monet , della ripetizione dello stesso soggetto è indice di una ricerca sistematica, quasi scientifica e di una volontà paziente. Per gli impressionisti nulla è immobile, nulla può essere fissato sulla tela.


  1. i colori e i suoni della città.



Eduard Manet - Il bar alle Folies-Bergeresdel 1881. Qui il pittore rappresenta una scena della Parigi del suo tempo, cui conferisce un carattere festoso ed effimero, di cosa che non può durare. Tutto ciò che circonda la fanciulla è impreciso, vago, eppure così presente.

Lo specchio sul fondo produce riflessi e scintillii e moltiplica luci e figure.

Il pittore imprime uno scatto alla sua immagine riflessa quasi proiettandola assieme al cliente del bar .


Pierre August Renoir  - Ballo al Moulin de la Galette - 1876. Questo pittore è il pittore di immagini serene e gioiose, nelle sue opere rappresenta la festosa partecipazione a tutto ciò che ci circonda, riportando fedelmente sulla tela la realtà.

In questo quadro mette in luce l'effetto della luce che filtrata attraverso le fronde degli alberi , investe i corpi e gli oggetti, creando una vibrazione atmosferica. Il ballo, le variazioni di luce, e colori, il taglio diagonale della composizione conferiscono all'opera immediatezza e dinamismo.


  1. La natura

Alfred Sisley - L'inondazione a Port-Marly . Questo pittore fu quello che più di tutti amava studiare dal vero, gli effetti della luce sul paesaggio. L'elemento naturale preferito dall'artista è l'acqua , l'artista stava per molto tempo sulle rive della Senna per cogliere iriflessi mobili dell'acqua , il gioco delle luci tra le onde e il tremolio della superficie. Questo movimento rende imprecise le immagini degli alberi, delle case, del cielo, che si fondono in un rapporto cromatico totale.


Claude Monet - Campo di papaveri 1873 . Questo quadro è stato esposto alla prima mostra degli impressionisti nel 1874. Icontorni sono attenuati, mossi, vibranti. Monet mette in risalto le macchie rosse dei papaveri che diventano l'elemento dominante. Il tono caldo del rosso primeggia sullo sfondo freddo del verde, i papaveri si ingrandiscono e sembrano avanzare rispetto al piano in cui sono collocati.


EDGAR DEGAS: UN IMPRESSIONISTA ATIPICO


Rispetto agli altri impressionisti egli non predilige gli ambienti naturali quanto i soggetti ripresi in interni, all'interno del quadro compie una operazione di sintesi delle impressioni ricevute.

E' attratto dalla vita delle città, che osserva in tutti i suoi aspetti . Parigi lo interessa per il suo movimento , per le tante situazioni, per le luci e i colori che la caratterizzano. I suoi soggetti : corse di cavalli, gli interni dei caffè, le ballerine dell'opera sono studiati da angolazioni diverse con diverse caratterizzazioni di luci e colori.

Le sue immagini sembrano un'istantanea ma sono il frutto di ripensamenti e correzioni dell'impostazione compositiva.

Nelle sue opere si ha infatti spesso la senzazione che l'immagini continui fuori dal riquadro. Senzazione talvolta accentuata da prospettive oblique.








Privacy




Articolo informazione


Hits: 10508
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2021