Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

TEORIA FUNZIONI A DUE VARIABILI

matematica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

TEORIA FUNZIONI A DUE VARIABILI


FUNZIONE REALE DI 2 VARIABILI REALI: funzione che ha come D un sottoinsieme del prodotto cartesiano RxR e come K un sottoinsieme di R.


GRAFICO DI UNA FUNZIONE REALE A DUE VARIABLILI REALI: č l'insieme di tutte le terne appartenenti a RxRxR tali che la coppia ordinata (x;y) sia un punto del piano appartenente al D e il punto z sia il valore che assume la funzione x;y.





LINEE DI LIVELLO: una linea di livello di quota k č l''insieme di tutti i punti del D della funzione data nei quali valori la funzione assume valore k.


INTORNO CIRCOLARE APERTO: si chiama intorno circolare aperto di  un punto P0 un qualunque cerchio di centro P0 e raggio a piacere, privato della circonferenza.


PUNTO DI ACCUMULAZIONE: un punto P0 si dice punto di accumulazione se in un qualsiasi intorno circolare aperto di P0 contiene almeno un punto diverso da P0 e appartenente ad AxB.


PUNTO INTERNO: un punto P0 si dice punto interno se esiste almeno un intorno circolare aperto di P0 sottoinsieme di AxB.


PUNTO ESTERNO: un punto P0 si dice punto esterno se esiste almeno un intorno circolare aperto di P0 disgiunto da AxB.


PUNTO FRONTIERA: un punto P0 si dice punto frontiera se qualsiasi intorno di P0 contiene punti diversi da P0 che appartengono ad AxB e punti diversi da P0 che non appartengono AxB.


FUNZIONI SUBORDINATE: in un punto P0 interno al D della funzione z=f(x;y) esistono 2 funzioni dette subordinate una zx nella sola variabile x e una zy nella sola variabile y.


DERIVATE PARZIALI: si chiamano derivate parziali della funzione z=f(x;y) in un punto P0 interno al D se esistono le derivate della funzione ordinata calcolate in quel punto.


PUNTO DI SELLA: un punto interno al D si dice punto di sella se in qualsiasi intorno di P0 esistono punti nei quali f(p) f(p0) e punti nei quali f(p) f(p0); č l'equivalente dimensionale del flesso.


MASSIMO RELATIVO: un punto P0 interno al D si dice massimo relativo se in un opportuno intorno circolare aperto f(p0)>f(p).


MINIMO RELATIVO: un punto P0 interno al D si dice minimo relativo se per un opportuno intorno circolare aperto f(p0)<f(p).


MASSIMO ASSOLUTO: un punto P0 interno al D si dice massimo assoluto se per qualunque (x,y) interno al D f(p0)>f(p).


MINIMO ASSOLUTO: un punto P0 interno al D si dice minimo assoluto se per qualunque (x,y) interno al D f(p0)<f(p).


PUNTO STAZIONARIO: un punto P0 interno al D della funzioni z=f(x;y) si dice punto stazionario se in quel punto la funzione č derivabile e entrambe le derivate parziali sono nulle.


TEOREMA PUNTI STAZIONARI: se P0 č un punto stazionario di z=f(x;y) e se in un opportuno intorno di P0 č derivabile fino al secondo ordine e in tale intorno le derivate siano continue:

se H(P0) < 0 P0 č punto di sella;

se H(P0) > 0 e Z''xx (P0) > 0 P0 min relativo;



se H(P0) > 0 e Z''xx (P0) < 0 P0 max relativo;

se H(P0) = 0 P0 bisogna studiare le linee di livello.


HESSIANO: si chiama h. della funzione z=f(x;y) calcolato in P0 interno al D il determinante della matrice [], supponendo la funzione derivabile almeno fino al secondo ordine nel punto P.


METODO DI LAGRANGE: si presuppongono sia la funzione che il vincolo derivabili almeno fino al 2° ordine, e le derivate sono continue almeno in tutti i punti interni al D; in un opportuno sottoinsieme del D le derivate di 1° ordine del vincolo non devono annullarsi contemporaneamente. Si trova la funzione di Lagrange (ovvero la funzione si somma al vicolo il quale viene moltiplicato per la variabile lambda), si trovano i punti stazionari, si trova l'hessiano orlato e si classifica in ciascun punto stazionario:

se H(p0) > 0 p0 č max libero per Lagrange e (x;y) č max vincolato per z=f(x;y);

se H(p0) < 0 p0 č min libero per Lagrange e (x;y) č min vincolato per z=f(x;y);

se H(p0) = 0 caso dubbio.



APPLICAZIONI IN CAMPO ECONOMICO


FUNZIONI MARGINALI: sia z=f(x;y) fuzione derivabile con derivate continue, si chiamano funzioni marginali le derivate parziali della funzione stessa.

Le funzioni marginali esprimono approssimativamente la variazione della funzione aumentando di 1 unitā una variabile e lasciando invariate le altre.


ELASTICITA' PARZIALE: sia z=f(x;y) funzione derivabile con derivate continue, si chiama elasticitā parziale rispetto a x Z'x·(x/f) e si chiama elasticitā parziale rispetto a y Z'y·(y/f)


ELASTICITA' INCROCIATA: si chiama elasticitā incrociata della domanda di un determinato bene l'elasticitā parziale calcolata rispetto al prezzo di un altro bene.








Privacy




Articolo informazione


Hits: 2456
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2022