Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

L'APPARATO DIGERENTE

anatomia



L'APPARATO DIGERENTE


deputato all'assunzione, digestione, assorbimento degli alimenti e alla eliminazione dei suoi residui: formato da cavit orale, faringe, esofago, stomaco, intestino (diviso in tenue e crasso) e le ghiandole che sono: salivari, fegato e pancreas. La cavit orale chiamata anche bocca la cavit compresa tra le labbra e l'istmo delle fauci, viene diviso in due parti, la parte anteriore si chiama vestibolo della bocca e comprende le labbra, le guance, le arcate gengivo-dentali, compresa all'interno del vestibolo c' la cavit orale propriamente detta che formata dal palato, dalla lingua e dall'istmo delle fauci. Le labbra sono delle pieghe cutaneo mucose, sono 2 e contengono il muscolo orbicolare della bocca; le guance rappresentano la parete esterna del vestibolo lateralmente, nel loro spessore sono contenuti il muscolo buccinatore e i muscoli mimici; le gengive sono costituite da mucosa che riveste il processo audiolare e il colletto dei denti, le arcate dentali sono 2 una superiore e l'altra inferiore, i denti sono 32 nell'adulto e vengono distinti per ogni emiarcata in 2 incisivi, 1 canino, 2 premolari e 3 molari; nei bambini mancano i premolari; in ogni dente si riconosce una radice, un colletto e la corona, la cavit dentale occupata dalla polpa a cui arrivano i vasi arteriosi e venosi, lo scheletro dell'asso formato dalla dentina ed rivestito dallo smalto; il palato si divide in due: il palato duro che formato dallo scheletro osseo e il palato molle che si chiama velo palatino che presenta nella parte centrale l'ugola, ai lati della quale si ritrovano le tonsille palatine. La lingua un organo muscolare rivestito da mucosa con la caratteristica di essere molto mobile, le sue funzioni sono molteplici: presa, masticazione, deglutizione, ancora sede dell'organo del gusto ed indispensabile per l'articolazione dei suoni e per l'emissione della voce. La parte superiore rugosa per la presenza di papille che contengono i calici gustativi; viene divisa in apice, corpo e radice la parte posteriore. La lingua provvista di muscolatura intrinseca ed estrinseca.



Le ghiandole salivari vengono divise in maggiori che sono: la parotide, la sottomandibolare e sottolinguale; le minori o piccole ghiandole salivari sono: le labiali, le linguali, le palatine. La funzione delle ghiandole quella di produrre la saliva che un liquido incolore molto ricco di immunoglobuline e di un enzima, che digerisce gli amidi, chiamato ptialina. La ghiandola parotide accolta nella loggia parotidea che si trova al di sotto del meato acustico ed davanti al muscolo sternocleidomastoideo; la saliva prodotta all'interno della ghiandola viene convogliata nel condotto principale detto condotto di Stenone che attraversa la parete della guancia e sbuca all'interno della cavit orale all'altezza del secondo molare superiore.

La ghiandola sottomandibolare accolta nella loggia omonima: la saliva prodotta da questa ghiandola viene convogliata nel condotto principale detto condotto di Wharton che raggiunge la cavit orale nella regione sotto linguale detta caruncola.

La terza ghiandola salivare la sottolinguale che occupa la loggia omonima e il suo condotto principale si chiama del Bartolino che sfocia anch'esso nella caruncola sottolinguale.

L'esofago segue alla faringe e si continua con lo stomaco. Il passaggio tra esofago e stomaco un orifizio chiamato cardias. L'esofago lungo circa 20cm e viene diviso in una parte cervicale, una parte toracica e una addominale; corre lungo la parte posteriore del torace ed attraversa il muscolo diaframma grazie ad un apposito passaggio. La parete dell'esofago come tutto l'apparato digerente composto da 4 strati: la mucosa che lo strato pi interno e che nel caso dell'esofago composta da epitelio pavimentoso, la sottomucosa che formata da connettivo, quindi quello muscolare che prevede uno strato interno circolare e uno esterno longitudinale; l'ultimo la sierosa o avventizia che anch'essa formata da connettivo.

Lo stomaco la porzione maggiormente dilatata del tubo digerente, occupa la parte pi alta del cavo addominale, leggermente spostato a sinistra corrisponde alla regione epigastrio/ipocondrio di sinistra; si continua nell'intestino attraverso un orifizio, che come il cardias ha funzione di sfintere, che si chiama piloro. La sua capienza di circa 1,5 litri circa ma pu aumentare in quanto espandibile. Lo stomaco viene diviso in fondo, corpo e antro: il fondo la parte superiore, il corpo la centrale e l'antro quella terminale che si contiene nel piloro; lo stomaco ha una forma a sacco ed provvisto di una faccia anteriore, una posteriore e 2 margini laterali che si chiamano curvature: la grande curvatura e la piccola curvatura. La prima da origine al grande omento detto anche grande epiplon che una grande piega mobile che come un grembiule ricopre tutte le anse intestinali e che si attacca anche al margine del colon trasverso; la piccola curvatura da attacco al piccolo omento che viene anche chiamata legamento gastro-epatico. Anche la parete dello stomaco formata da 4 tuniche: la mucosa dello stomaco presenta delle pliche ondulate chiamate pliche gastriche e nelle piccole formazioni rotondeggianti che si chiamano aree gastriche che contengono lo sbocco delle ghiandole gastriche.

Le ghiandole gastriche sono formate da cellule diverse che producono diversi prodotti, le cellule principali producono il pepsinogeno; le cellule parietali producono l'acido cloridrico che responsabile dell'ambiente fortemente acido dello stomaco che permette la scomposizione delle molecole alimentari; poi ci sono le cellule mucose che producono il muco che serve come protezione della parete stessa; infine, le cellule argentaffini che producono la serotonina.

L'intestino tenue la pi lunga porzione dell'apparato digerente, ha origine dal piloro e finisce alla valvola ileo-cecale per una lunghezza di circa 7 metri. un lungo tubo che si ripiega continuamente formando le cosiddette anse, la sua parete formata sempre dai soliti 4 strati; la mucosa si solleva in grosse pieghe ed dotata di rilievi chiamati villi che provvedono anch'essi ad aumentare la superficie di assorbimento. Oltre ai villi ci sono delle pliche circolari che sono dette creste; l'epitelio formato da cellule diverse che possono essere con funzione assorbente oppure falciformi che producono muco oppure endocrine o infine possono essere produttrici di enzimi e in questo caso si chiamano cellule di paneth; l'intestino tenue viene diviso in 3 parti che si chiamano: duodeno, digiuno, ileo. Tutte le anse intestinali sono collegate e unite alla parete posteriore dell'addome grazie a un collegamento che si chiama mesentere.

Il duodeno la prima parte dell'intestino tenue, segue direttamente allo stomaco, lungo circa 25 cm ed ha una forma come una c e nella parte concava accoglie la testa del pancreas, diviso in 4 porzioni che sono superiore, discendente, orizzontale e ascendente; il duodeno collegato al fegato grazie al legamento epato-duodenale che unisce la prima porzione del duodeno al fegato stesso, all'interno di questo legamento ritroviamo il coledoco, la vena porta e l'arteria epatica; nella seconda porzione (discendente) troviamo delle formazioni rotondeggianti che si chiamano papille che contengono lo sbocco del coledoco e del dotto pancreatico; la quarta porzione fissata alla parete posteriore dell'addome dal muscolo di treitz. La seconda parte dell'intestino tenue quella del digiuno-ileo: il digiuno la parte prossimale mentre ileo la parte distale, non esiste una netta separazione tra le due parti, l'unica differenza che nel digiuno del cadavere non si trova nulla (da ci deriva il nome). La mucosa dell'intestino anch'essa provvista di pieghe macroscopiche e villi microscopici (microvilli) e contiene anche dei nodi linfatici e delle strutture ghiandolari.

L'intestino crasso lungo circa 1,5 metri ed disposto come una cornice intorno all'intestino tenue, provvisto di una parte pi robusta che caratterizzata dalla presenza di bande legamentose longitudinali e circolari che rinforzano la parete stessa, la sua funzione principale quella di riassorbire liquidi per far si che si formino alla fine del suo tratto delle feci solide partendo da un contenuto intestinale che principalmente liquido.

L'intestino crasso si divide in: cieco, che la prima porzione ed accolto nella fossa iliaca destra, accoglie il contenuto intestinale grazie alla valvola ileo-cecale che permette il passaggio unidirezionale del contenuto intestinale. Dalla sua parte inferiore ha origine l'appendice vermiforme. La seconda parte il colon che si divide a sua volta in: colon ascendente, trasverso, discendente e sigmoideo. A destra ritroviamo la flessura epatica, a sinistra la flessura splenica. Il colon mantenuto nella sua posizione da legamenti, la sua funzione principale l'assorbimento dell'acqua. L'ultima parte dell'intestino crasso si chiama retto ed formato da una parte dilatata detta ampolla rettale che si comporta come un contenitore delle feci, questa si continua con il canale anale che permette il passaggio delle feci all'esterno con la defecazione. Il canale anale fornito di un sistema di sfinteri, muscoli circolari che chiudono o aprono il passaggio a seconda delle esigenze. L'ampolla rettale fornita di un sofisticato e sensibile sistema di sensori nervosi che sono in grado di comunicare al cervello lo stato di riempimento dell'ampolla stessa e la necessit di svuotarla. Nel canale anale ritroviamo anche una fitta rete di vasi venosi che si chiama plesso emorroidale.

Il fegato la pi voluminosa ghiandola del corpo umano, occupa la regione dell'ipocondrio destro, pesa circa 1,5 kg, ha una forma ovoidale e una superficie liscia, diviso in due parti: lobo destro, pi voluminoso, e lobo sinistro che pi piccolo; la sua funzione quella di elaborare e utilizzare tutto il materiale che vi arriva dall'intestino dove stato assorbito e trasportato attraverso il sistema portale, la sua produzione prevede gli aminoacidi, i Sali, i pigmenti biliari, l'eparina che serve a non far coagulare il sangue, il fibrinogeno e la protrombina che invece partecipano al processo della coagulazione. La sua faccia superiore convessa e si adatta al diaframma e la divisione fra il lobo destro e sinistro data da un legamento che si attacca al diaframma che si chiama legamento falciforme e che serve anche a sostenere il fegato nella sua posizione; nella faccia inferiore contiene l'ilo nel quale passano in entrata la vena porta e l'arteria epatica ed in uscita il coledoco che trasporta la bile nel duodeno e le vene sovraepatiche che raggiungono la vena cava inferiore. La faccia inferiore contiene la colecisti che un piccolo sacco ovoidale che raccoglie la bile prodotta dal fegato, la concentra riassorbendo una parte acquosa della bile stessa e la riversa nel duodeno quando necessaria per la digestione, in particolare, dei grassi. Microscopicamente il fegato una ghiandola globulare; il lobulo formato da file di cellule epatiche dette epatocite poggiate su lamine e disposte radialmente a partire da una zona centrale che occupata da una vena che si chiama vena centro-lobulare. Le lamine formano delle figure esagonali a forma di prisma e nel loro spessore decorrono dei vasi venosi che si chiamano sinusoidi e dei capillari biliari che non hanno pareti e quindi sono a diretto contatto con le cellule epatiche; tra le pareti dei sinusoidi e le cellule epatiche vi uno spazio virtuale detto disse. Al centro dei 3 lobuli si trova lo spazio portale che contiene ramificazioni della vena porta, dell'arteria epatica, dei dotti biliari e linfatici. I vasi portali e arteriosi penetrano nel lobulo e si scaricano nella vena centro lobulare, quindi si ha una circolazione centripeta (dalla periferia verso il centro). I dotti biliari e quelli linfatici hanno invece una circolazione centrifuga.

Il pancreas una grossa ghiandola dell'apparato digerente posizionata nella regione epi-mesogastrica, si distinguono la testa, un corpo e la coda. La testa accolta nella concavit del duodeno, il condotto principale del pancreas si chiama Wirsung che sbocca nel duodeno attraverso la papilla maggiore; il condotto accessorio (minore) si chiama Santorini e arriva nel duodeno attraverso la papilla minore. Il pancreas una ghiandola a secrezione esocrina e endocrina. La produzione esocrina rappresentata dal succo pancreatico che viene riversato nel duodeno, quella endocrina prevede la formazione da parte di zone ben precise della ghiandola che si chiamano isole di Langerhans. Le cellule alfa di queste isole producono il glucagone, un ormone iperglicemizzante che serve a recuperare lo zucchero dai depositi di glicogeno del fegato. Le cellule beta producono insulina che un ormone ipoglicemizante in quanto permette e favorisce l'entrata di zucchero nelle cellule. Le cellule delta producono la gastrina che un ormone che favorisce la produzione di acido cloridrico.

Il peritoneo un sacco chiuso formato da una vasta e complessa sierosa che avvolge tutto il contenuto della cavit addominale. Come il pericardio e la pleura viene diviso in due: peritoneo parietale e peritoneo viscerale. Le sue funzioni principali sono quelle di proteggere, collegare sia la parete addominale con gli organi che contiene e sia gli stessi organi tra di loro e ancora di permettere il passaggio dei vasi nutritivi all'interno delle sue pliche che hanno una forma di ventaglio pi o meno aperto. Il peritoneo parietale rappresenta il vero sacco, applicato sulle pareti addominali e raccoglie nel suo interno tutti i visceri, a volte ci passa sopra e in questi casi gli organi si chiamano sottoperitoneali come ad esempio sono il pancreas, il rene, la vescica, ecc. inferiormente il peritoneo parietale chiude la cavit addominale e forma degli spazi importanti come il cavo retto vescicole o il cavo utero rettale detto anche di Douglas. Il peritoneo viscerale rappresenta il collegamento tra la parete e i visceri intraddominali e tra i visceri stessi; questo peritoneo formato da: mesentere (detto anche meso), dai legamenti, dall'epiplon. Il mesentere formato da pliche sierose che come un grosso ventaglio parte dalla seconda vertebra lombare e raggiunge tutto l'intestino. All'interno delle sue pliche sono contenuti i vasi. Il mesentere prende nome diverso a seconda della zona che occupa; ad esempio: mesocolon, mesoretto, mesenteriolo dell'appendice, ecc. Il mesocolon trasverso divide la cavit addominale come un setto trasversale in due parti: una parte superiore dove contenuto il fegato, lo stomaco, la milza, il duodeno, il pancreas e una parte inferiore che contiene tutto il resto.

I legamenti collegano sempre la parete addominale con organi diversi dell'intestino e visceri tra di loro. I legamenti pi importanti sono il gastroepatico detto anche piccolo omento, il legamento epato-duodenale, legamento falciforme del fegato, legamento gastro-splenico, legamento pancreatico-splenico.

L'epiplon, detto anche grande omento, un grembiule sieroso che origina dalla grande piegatura dello stomaco, raggiunge e si fissa al colon trasverso e successivamente scende come un grembiule coprendo tutte le anse intestinali. Si chiama retrocavit dell'epiplon una sacca di peritoneo che si trova posteriormente allo stomaco, precisamente posizionata tra la parete posteriore dello stomaco, la faccia anteriore del pancreas, quella inferiore del fegato e il mesocolon trasverso.






Privacy




Articolo informazione


Hits: 2802
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2024