Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

I pidocchi - Le zecche

microbiologia




Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di





I pidocchi


I pidocchi del cane e del gatto sono parassiti succhiatori di sangue o pungitori che si


nutrono di detriti, cellule desquamate, materiale inorganico presente sull 212j98c a cute


dell'animale. Essendo ospiti specifici, quelli del cane e del gatto non possono attacare


l'uomo. Vivono per tutto l'arco della loro vita sull'ospite e quindi sono facilmente


controllati e distrutti; oltre ai bagni, alle spugnature e alle nebulizzazioni medicate,


sono comode anche le polveri e gli spray. I pidocchi hanno dimensioni ridotte, 1-2


mm circa, sono biancastri, si muovono lentamente sul corpo e sul mantello


dell'animale e producono uova di colore chiaro che aderiscono al suo pelo.



Sintomi


I sintomi e le lesioni che provocano sono legati al morso: prurito, irrequietezza,


presenza di crosticine sulla pelle, untuosità per eccesso di sebo. Talora, se poco


parassitato, l'animale non mostra alcun sintomo.





Le zecche


Le zecche sono parassiti succhiatori di sangue che possono colpire molti animali, tra


cui il cane ed il gatto e in rare circostanze anche l'uomo. Esistono diverse specie:


alcune ospite-specifiche, in grado di attaccare una sola specie animale, altre, meno


specializzate, che possono indifferentemente parassitare cani, gatti, pecore, capre,


roditori selvatici ecc.


Nel cane le zecche si localizzano in qualsiasi parte del corpo, specie sulla testa


(fronte, orecchie, labbra, palpebre), sul collo e negli spazi interdigitali.


Nel gatto, colpito raramente, si osservano quasi esclusivamente sulla testa, perchè


con la lingua riesce molto facilmente a farle cadere sul terreno prima che si impiantino


sulla sua pelle.


Per rinvenire le zecche dobbiamo passare le dita delle mani leggermente contropelo


alla ricerca di piccoli nodulini, sporgenze, delle dimensioni di 2-10 mm.


Generalmente si riscontrano due tipi di zecche:


- un tipo, meno frequente, è di piccolissime dimensioni, 1-2 mm al massimo, di


colore violaceo che si impianta con molta facilità negli spazi interdigitali e sui bordi


delle orecchie; quasi sempre colpisce i cani;


- il secondo tipo, molto più frequente, compare nei mesi primaverili, fino a Giugno-


Luglio ed è caratterizzato da zecche più grandi. I maschi sono di colore rosso/marrone


scuro, quasi nerastro, sono piccoli ( 2-3 mm) e presentano un corpo appiattito,


rigido, con 8 piccole zampe. Le femmine sono invece grigiastre, chiare e più grandi


(4-10 mm).


La zecca, per deporre, si stacca dall'animale, cade a terra, cerca un luogo


polveroso, cespuglioso, una crepa dei muri ecc... depone e muore. Una zecca


femmina è in grado di depositare oltre 500 uova.  



Come togliere le zecche


Negli ultimi congressi si è detto che la zecca deve essere staccata con una


pinzetta in modo molto deciso il più vicino possibile alla cute dell'animale, appena


viene rinvenuta, senza applicare nessun tipo di sostanza che ne provochi il rigurgito. 


La zecca, infatti, rigurgitando, può immettere nel corpo dell'animale vari agenti


patogeni (Ehrlicchia spp., Borrelia spp.) presenti nel rigurgito stesso. 







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2329
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020