Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

"Clostridium Botulinum" - La tossina del botulino é un veleno che può guarire

microbiologia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

"Clostridium Botulinum"


Botulismo:


Botulismo Intossicazione causata dall'ingestione di cibi contaminati dal batterio patogeno anaerobio (che vive in assenza di ossigeno) Clostridium botulinum, che si sviluppa all'interno di alimenti conservati. L'avvelenamento avviene per l'ingestione delle tossine prodotte dal batterio presente negli alimenti contaminati. Le spore, molto resistenti al calore, possono resistere per molte ore a 100 °C e 30 minuti a 120 °C. La tossina, invece, più sensibile al calore, viene distrutta da una cottura a 100 °C per 10 minuti. Alcune conserve casalinghe o industriali preparate in condizioni di igiene scarsa e sterilizzate in modo improprio possono rappresentare un terreno favorevole alla crescita di questo microrganismo.

I sintomi del bo 818f58i tulismo compaiono di solito dopo circa 18-36 ore dall'ingestione; le tossine, che non vengono distrutte dagli enzimi digestivi dell'apparato digerente ma sono interamente assorbite all'interno dell'organismo, compromettono il funzionamento del sistema nervoso centrale. Ne derivano sintomi che vanno dalla comparsa di nausea e vomito e dolori addominali, alla difficoltà di deambulazione e deglutizione, al deterioramento della vista e del linguaggio, alle convulsioni, fino alla paralisi dei muscoli respiratori, che comporta la morte per asfissia. Dai primi sintomi al decesso possono passare da poche ore a qualche giorno, secondo la quantità di tossina ingerita.




Terapia:

La terapia è a base di un'antitossina specifica che, tuttavia, è efficace solo se viene somministrata molto precocemente; nel caso di gravi difficoltà respiratorie, può rendersi necessario un intervento di tracheotomia, con il quale si pratica un'incisione alla base del collo in modo da raggiungere la trachea e fare arrivare aria direttamente ai polmoni, oppure l'uso di un respiratore meccanico. Il botulismo può svilupparsi anche in seguito alla contaminazione da parte del batterio di ferite o, come nella forma infantile che si può osservare nei primi mesi di vita, in seguito all'ingestione delle spore stesse. Vedi anche Trattamento e conservazione degli alimenti.



"La tossina del botulino é un veleno che può guarire"

La tossina prodotta dal botulino (Clostridium botulinum) può essere molto nociva, ma può anche guarire. Infatti, se è vero che, ingerita mediante cibo contaminato, causa paralisi e nei casi più gravi, conduce al decesso, in forma purificata può essere usata come farmaco per controllare fenomeni patologici di contrazioni involontarie della muscolatura. L'articolo è tratto da "FDA Consumer", pubblicazione del Food and Drugs Administration, agenzia governativa statunitense preposta al controllo delle condizioni igieniche nei processi di produzione e distribuzione alimentare.

Rispetto alla metà del Novecento, il numero dei decessi da botulismo si è oggi molto ridotto; tuttavia, colpisce ancora dozzine di individui ogni anno, soprattutto bambini. Le spore del Clostridium sono diffuse in tutti gli ambienti: nel suolo, nei sedimenti marini, sulla superficie dei frutti e delle verdure, negli alimenti di origine marina, quali mitili e pesce. Le spore e i batteri sono innocui; la componente dannosa è rappresentata dalla tossina da essi secreta, che può presentarsi in diverse varianti, indicate con lettere dell'alfabeto, da A a G.

Il composto batterico agisce legandosi a livello delle sinapsi neuro-muscolari, dove cioè le terminazioni dei nervi motori raggiungono le fibre muscolari. Il legame della tossina ha un effetto inibitorio sulla trasmissione degli impulsi nervosi; i muscoli, non ricevendo più lo stimolo a contrarsi, rimangono inerti. Il paziente viene colpito da debolezza, poi da paralisi, che si estende dalla regione cranica verso il basso; la morte sopraggiunge quando la paralisi della muscolatura toracica rende impossibile la ventilazione polmonare e, quindi, determina un blocco respiratorio.

Prima dell'impiego dei polmoni artificiali, macchine che sostituiscono la ventilazione naturale, la paralisi respiratoria costituiva l'inevitabile esito dell'intossicazione da botulino; tra il 1910 e il 1919, ad esempio, la percentuale di mortalità di questa patologia era del 70%; negli anni Ottanta, era scesa al 9% e nel 1993 al 2%.

Le condizioni che favoriscono la maturazione delle spore batteriche e la sintesi della tossina - quali l'assenza di ossigeno, ambienti poco acidi e temperature comprese tra 4,5 e 49°C - possono facilmente verificarsi negli alimenti mal conservati o nei cibi di produzione industriale, come quelli inscatolati senza avere rispettato adeguate misure igieniche. Il botulino trova un ambiente favorevole anche nel tratto intestinale dei bambini, nei quali la flora batterica non è ancora completamente formata, e nei tessuti in cui vi siano ferite profonde.

Un farmaco dalla tossina:

La tossina botulinica in forma purificata è stata la prima tossina di origine batterica a essere impiegata come farmaco. Nel dicembre 1989 ne fu autorizzato il commercio negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration; con il nome di Oculinum, ha trovato applicazione nel trattamento di due patologie dell'occhio, il blefarospasmo e lo strabismo, in cui si manifestano eccessive contrazioni dei muscoli oculari.



La tossina viene iniettata in piccole dosi nei muscoli interessati; il legame del composto batterico con le terminazioni nervose inibisce il rilascio a livello sinaptico dell'acetilcolina, il neurotrasmettitore che, propagando l'impulso, determina lo stimolo di contrazione nella fibra muscolare. La tossina agisce solo localmente; gli altri muscoli non vengono pertanto colpiti da paralisi. La somministrazione controllata del farmaco impedisce i fenomeni di contrazione spasmodica, ma consente il mantenimento di una normale motilità muscolare.

In via sperimentale, si è tentato di estendere l'impiego della tossina botulinica anche alle distonie, malattie neurologiche che determinano eccessive tensioni muscolari e posture scorrette, quali il torcicollo, la distonia mandibolare (che produce la contrattura della regione mandibolare), e crampi derivanti dallo svolgimento di attività lavorative in cui alcuni muscoli vengono particolarmente sollecitati. Altre applicazioni potrebbero riguardare la disfonia spasmodica, che determina disturbi del linguaggio, il rilassamento della muscolatura della vescica urinaria e dello sfintere esofageo e il controllo dei tic.

La somministrazione del farmaco avviene mediante iniezioni che devono essere periodicamente ripetute, dato che il loro effetto è temporaneo e persiste per tre-quattro mesi (in alcuni casi, fino a un anno). Ciò può favorire nel paziente la formazione di anticorpi che rendono inefficace il farmaco; la dose impiegata nei trattamenti dovrebbe pertanto restare estremamente bassa. Considerando che la tossina botulinica è uno dei composti più tossici che si conoscono, si è rivelata molto più sicura di quanto ci si potesse aspettare.


(un esempio di farmaco da cui si può ricavare un farmaco, si ha nel caso del batterio appartenente alla famiglia delle muffe ovvero, il "pennicillimu", dal quale si ricava la pennicillina)


  • Malattie da clostridium (approfondimento dettato dalla prof.ssa Genovino):

Il batterio C. tetani determina una grave malattia del sistema nervoso, il tetano, contro la quale in Italia è obbligatoria una specifica profilassi (il vaccino antitetanico). Le spore di questo clostridio sono estremamente resistenti, potendo resistere nel suolo e nella polvere per numerosi anni. Responsabile della patogenicità del batterio è una tossina che questo secerne, il cui effetto a livello del sistema nervoso centrale è quello di interferire con alcuni neuroni ad azione inibitoria sui muscoli; tale meccanismo scatena incontrollate contrazioni muscolari e spasmi che, quando colpiscono i muscoli respiratori, possono causare blocco respiratorio e morte.

C. botulinum provoca il botulismo, forma di intossicazione alimentare che, se non viene tempestivamente trattata, può risultare letale. Questo batterio può anch'esso sopravvivere a lungo come spora e, trovandosi nel suolo, può depositarsi su vegetali o animali destinati al consumo umano. La spora è particolarmente resistente al calore, al contrario della tossina prodotta dal clostridio, che diventa innocua se sottoposta a cinque minuti di ebollizione.

La specie C. perfringens costituisce la principale causa della gangrena gassosa, complicazione della gangrena umida che può essere anche provocata da altre specie di clostridio. Il contagio avviene mediante la penetrazione di batteri presenti nel suolo in ferite in cui i tessuti risultano particolarmente lacerati.

Il trattamento impiegato per le infezioni da clostridio è di tipo antibiotico; particolarmente efficaci sono composti a base di eritromicina e cloramfenicolo.









Privacy




Articolo informazione


Hits: 4192
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2021