Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

LESIONI DA CALORE - USTIONI

medicina


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

COLONNA VERTEBRALE (RACHIDE)
Tricoleucoplachia - LESIONI BOLLOSE
CRITERI DI CLASSIFICAZIONE DELLE GIANDOLE ESOCRINE
APPARATO CIRCOLATORIO - IL CUORE, CUORE DESTRO - STRUTTURA DEL CUORE
CONCETTO DI SALUTE - FONTI DEI DATI STATISTICO - SANITARI
LIVELLO MOLECOLARE DI ORGANIZZAZIONE
CEMENTI - Scopi principali
AIDS - UNA MALATTIA ANCORA INCURABILE
IL SANGUE - PARTE LIQUIDA, PARTE CORPUSCOLATA, EMOSTASI
REAZIONI IMMUNOLOGICHE

LESIONI DA CALORE - USTIONI

I limiti di compatibilità con il nostro corpo sono ristretti (per quanto riguarda l'attività cellulare):

  • Cellule isolate: dai 30 ai 45 gradi
  • Temperature massime: tra i 40 e i 45 gradi.

Gli effetti locali del calore consistono in lesioni dei te 717h72h ssuti superficiali e sono dette sutioni. Caratteristiche delle ustioni:

    1. eritema senza flittene;
    2. flogosi con flittene;
    3. distruzione di parte delle papille dermiche;
    4. distruzione del derma fino al sottocutaneo;
    5. necrosi delle parti molli superficiali e dei muscoli;
    6. carbonizzazione dello spessore del tessuto ustionato;

USTIONI DI I GRADO: prevalgono i fenomeni vascolari. Dilatazione arteriolare e capillare. Lesioni transitorie, si ha restituito ad integrim;

USTIONI DI II GRADO: ipertermia e flittene per raccolta di liquido tra gli strati epidermici e fra epidermide e derma. Infiltrazione edematosa per aumento della permeabilità capillare. Si ha restituito ad integrim;

USTIONI DI III GRADO: processi necrotici e formazioni di escare. Esiti cicatriziali. Necrosi: quando c'è perdita di sostanza.

USTIONI DI IV GRADO: carbonizzazione dei tessuti. Trasformazione di materia organica in inorganica.

Il danno generalmente varia in base alla superficie colpita, all'intensità, alla durata e alla natura dello stimolo termico, mentre la gravità in base al tipo di lesione e alla profondità della lesione.

Un'ustione che si presenta diffusa per il 30 - 40 % sulla superficie corporea è correlata ad alta mortalità, mentre solo il 10% di estensione è correlato ad un grave rischio di shock ipoboemico.

Si calcoli la totalità della superficie del corpo umano pari al 100%, tale che:

testa =9

due arti superiori = 18

tronco (torace +  schiena) = 36

due arti inferiori (coscia 9x2 + gamba 9x2) = 36

zona perineale = 1


TOTALE 9+18+36+36+1=100 %

La capacità termica è la quantità di calore trasmesso da un corpo necessario per far aumentare di 1 grado centigrado la temperatura. È misurabile in calorie. La capacità termica del vapore acqueo è superiore a quella dell'acqua, per questo sono più gravi le ustioni da vapore acqueo. Gli effetti derivanti da ustioni possono essere:

  • immediati: ipertermia, insufficienza acuta miocardia, arresto cardiaco da alterazioni elettrolitiche;
  • tardivi: shock, anemia, ipoproteinemia (alumina), ulcere gastrointestinali, insufficienza renale, tossiemia in seguito ad alterazioni proteiniche.






Privacy

Articolo informazione


Hits: 3060
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019