Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

GAIO PLINIO SECONDO, detto "IL VECCHIO" - Vita, Opere

letteratura


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

Ugo Foscolo - La vita, Le ultime lettere di Jacopo Ortis
Vita
Dan Brown - IL SIMBOLO PERDUTO 2
Edgar Allan Poe
CONSIDERAZIONI SUI SEPOLCRI
FAUST Di J. W. Goethe - VOLUME I PRIMA PARTE DELLA TRAGEDIA
INTRODUZIONE

GAIO PLINIO SECONDO, detto "IL VECCHIO"

Vita

P. nacque a Como nel 23-24 d.C.; egli apparteneva all'ordine equestre romano e comandò a lungo uno squadrone di cavalleria sul Reno. Vero modello di funzionario imperiale, ricoprì anche importanti incarichi amministrativi durante i regni Vespasiano (69-79 d.C.) e Ti 717h76h to (79-81 d.C.). Ammiraglio, infine, della flotta romana stanziata a Miseno (vicino a Napoli), durante il regno di Tito, egli esercitava ancora questo comando quando trovò la morte per asfissia causata dall'eruzione del Vesuvio, che seppellì le città campane (soprattutto Pompei ed Ercolano) nell'agosto del 79 d.C., quando P. si trovava a Stabile (odierna Castellammare), dove era andato per studiare da vicino lo straordinario evento e per recare aiuto agli abitanti del luogo, in particolare all'amico Pomponiano che viveva appunto a Stabia.

Una buona parte delle nostre informazioni su di lui (sulla vita, sul catalogo delle opere e sul suo metodo di lavoro) ci provengono dalla corrispondenza di un suo nipote e figlio adottivo, Plinio "il Giovane".

Opere

Sotto gli imperatori della casa Flavia (Vespasiano, Tito e Domiziano) vennero represse le forze dell'animo e del pensiero (per esempio, iniziarono le persecuzioni contro i filosofi) e trionfò invece lo spirito dell'imitazione e dell'adulazione; inoltre, era ancora consentito lo sviluppo nel campo dell'erudizione o della cultura tecnica e scientifica, del quale uno dei più importanti rappresentanti fu P.



P. fu autore, come ci testimonia il nipote nel suo elenco, di saggi storici molto stimati, di cui però purtroppo nulla possediamo: 20 libri su "Bella Germaniae" ("Le guerre germaniche"), che riguardano tutte le guerre sostenute dai Romani contro i Germani, e 31 libri su "A fine Aufidi Bassi" ("Dalla fine di Aufidio Basso"), che trattano la storia interna di Roma tra il 50 e il 70, riprendendo il filo degli eventi dal punto in cui si era fermato (negli ultimi anni dell'impero di Tito) lo storico Aufidio Basso, che a sua volta aveva continuato l'opera di Tito Livio.

L'interesse di P. per le questioni militari è testimoniato da un trattatello (a noi non pervenuto) che si chiamava "De iaculatione equestri" ("Sulle tecniche del combattimento a cavallo").

P. compose inoltre una biografia (anch'essa perduta) di un suo influente amico, il "De vita Pomponii Secundi".

P. dovrebbe aver scritto anche il "Dubius sermo", ovvero un manuale su problemi linguistici, e lo "Sudiosus" ("L'uomo di cultura"), un'opera sulla formazione dell'oratore che doveva costituire un manuale per gli studenti di retorica.

"Naturalis histroria"

Tuttavia, per noi, P. è soprattutto un "enciclopedista", le cui straordinarie conoscenze si trovano raccolte nei 37 libri della sua "Naturalis histroria" ("Storia naturale", ma il senso esatto sarebbe piuttosto "La scienza della natura"), vasta indagine (finita del 77-78) su tutto ciò che esiste in natura, partendo dall'essere umano e passando ad argomenti che spaziano dall'arte alla medicina, una vera e propria summa del sapere reperibile fino a quel momento in autori soprattutto greci, ma anche latini; infatti P. stesso sottolinea che non si tratta di un lavoro originale e neppure di un'opera letteraria elaborata che abbia come fine quello di catturare l'attenzione del lettore, è piuttosto un grande archivio di dati, desunti da un lavoro di schedatura e riassunto di circa 2000 volumi scientifici.

Per quanto riguarda lo stile, P. non scrive sempre allo stesso modo, mescolando "elogi" della scienza, della natura e della terra italica con condanne moralistiche del lusso e dello sfruttamento della natura.

Il piano dell'opera, aperta da un'epistola dedicatoria e illustrativa rivolta al futuro imperatore Tito, è il seguente:

-         libro I: indice generale dell'opera e bibliografia (una vera novità, questa, nel mondo classico) libro per libro

-         libro II: cosmologia e geografia fisica (astronomia)

-         libri III-VI: geografia

-         libro VII: antropologia




-         libro VIII-XI: zoologia

-         libri XII-XIX: botanica

-         libri XX-XXXII: medicina derivata dal regno animale

-         libri XXXIII-XXXVII: metallurgia e mineralogia, con ampi excursus sulla storia dell'arte, con particolare riguardo per la scultura e la pittura

Il VII libro, dedicato all'antropologia, è uno dei più importanti poiché in esso P. attacca il provvidenzialismo della natura che porta a giustificare i danni e le calamità che la natura arreca all'uomo (malattie, terremoti.); tale idea è in contrasto con la constatazione razionale e pessimistica della condizione infelice dell'uomo, in cui P. vede l'unico essere vivente che la "natura matrigna" getta piangente e nudo a terra, senza niente che lo protegga, quindi l'uomo è debole e indifeso, ma nello stesso tempo superbo e avido, tanto da indurlo spesso a danneggiare i propri simili, cosa che non fanno mai gli esemplari delle altre specie. P. tuttavia non attribuisce alla natura una colpa intenzionale, ma si limita a evidenziare la sofferenza dell'uomo, attenuando quindi il proprio pessimismo antropologico. 

In realtà, l'interesse di P. non si può definire propriamente "scientifico", poiché l'autore non si preoccupa, per esempio, di sottoporre le notizie a un'adeguata e rigorosa verifica, né sente l'esigenza di proporre un lavoro originale e metodologicamente impostato, infatti egli è piuttosto un avido ed eclettico collezionista, mosso da una forte curiosità. Infatti P. non si rivolge agli specialisti, ma vuole rendere disponibile la propria opera a tutti come strumento di pubblica utilità.

Comunque, mescolando esperienze personali e testimonianze di fonti antiche, P. ci dà, oltre a innumerevoli, precise e preziose notizie sulle conoscenze scientifiche e letterarie del tempo, un esempio unico della vastità d'interessi della cultura latina del I secolo d.C., nonché una lampante testimonianza della diffusione e dell'ascesa dei ceti tecnici e professionali, con la conseguente domanda di cognizioni specifiche ai relativi settori.

P. non è dunque un ricercatore o uno scienziato nel senso moderno del termine, tuttavia la sua enciclopedia, opportunamente ridotta o pubblicata per sezioni, diventò uno dei testi fondamentali nella tarda latinità e nel Medioevo ed ebbe un ruolo di primo piano della trasmissione del patrimonio delle conoscenze della civiltà greco-latina e, quindi, nella formazione delle strutture culturali della nostra società; per esempio, per tutto il Medioevo, uno dei testi fondamentali per la formazione dei medici era la "Medicina Plinii", un estratto dei libri della "Naturalis historia" che trattano della medicina.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1488
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019