Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Le maggiori opere pedagogiche da Platone a Erasmo da Rotterdam - Platone, Senofonte,Aristotele, Leon Battista Alberti

pedagogia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

SCUOLA, SOCIETA' E INFORMAZIONE
Riassunto breve delle riforme del 1968 - Scuola Materna Statale
Svantaggio ed handicap nel processo educativo.
Continuità per noi
Pedagogia nell'età romantica: Frobel, Pestalozzi, Herbart
Ricerca e professionalità
ORIENTAMENTI 1991 per la scuola dell'infanzia - I CRITERI DI FONDAZIONE

Le maggiori opere pedagogiche da Platone a Erasmo da Rotterdam

Platone

La Repubblica:

Platone ipotizza uno Stato suddiviso in tre classi sociali:

 

Produttori




Custodi

 

Possiedono le sensibilità e devono provvedere al benessere materiale dello Stato

Guerrieri

Sono gli irascibili e i coraggiosi e devono difendere lo Stato

Perfetti Reggitori

Sono i razionali nell'animo, devono guidare lo Stato governando secondo Giustizia promuovendo l'armonia sociale e politica

Nel VII Libro de La Repubblica Platone narra il mito della Caverna che parla della conoscenza come graduale distacco dalle cose sensibili verso le idee.

Doxa 353d31d ( opinione )

Episteme ( scienza )

Immaginazione (ombre proiettate)

Credenza (immagini reali)

Conoscenza indiretta

o dianoetica

Conoscenza diretta o noetica

Fine ultimo è il Bene ( rappresentato allegoricamente dal Sole).

Il Menone

Platone riafferma la teoria della reminiscenza socratica: la conoscenza è reminiscenza . L'educazione non può insegnare le idee ma aiuta a riscoprirle. Il maestro è suscitatore di apprendimenti.

Senofonte

Ciropedia

Analizza e contempla Ciro, imperatore persiano, come uomo e monarca esemplare. L'educ. Persiana per lui è buona perché diretta dallo Stato, le leggi vigenti mirano alla prevenzione di deviazioni della morale. Dai 16 ai 25 anni i ragazzi persiani vengono educati alla vita militare e alla caccia, ma anche all'intelligenza creativa. Senofonte immette nella Ciropedia valori socratici e spartani. L'opera verrà ripresa nel rinascimento dopo la traduzione di Poggio Bracciolini.

L'Economico

Senofonte tratta l'Amministrazione domestica e agricola. Rivaluta la figura femminile: l'uomo ha inclinazione a comandare, la donna ad aver paura e obbedire. Quindi per Senofonte la pedagogia ha anche valore utilitario e domestico, mentre per Platone fa parte di un progetto politico di riforma radicale.

Aristotele

Scritti esoterici ed essoterici

L'educazione è momento della vita politica: l'uomo è un animale politico che non può vivere al di fuori della Società. Scopo dell'ed. è formare un uomo virtuoso, l'ed. viene fornita dallo Stato perché nessuno deve essere educato in contrasto con i costumi della propria polis. Il filosofo non è l'unico e solo educatore, lo Stato lo è anche, ma solo per assicurare a sé stesso l'ordine e il raggiungimento dei fini personale dei cittadini. Da 0 a 7 anni l'ed. avviene in famiglia ed è di tipo morale, poi il I periodo (Liceo) viene gestito dallo Stato fino alla pubertà: si studiano lettere, ginnastica, musica e disegno e ogni disciplina è appresa perché bella e liberale. Nel II periodo, fino a 21 anni si approfondisce ciò che si è appreso nel Liceo.

Marco Catone

 

Scrive libri per l'ed. del figlio in cui lo avvia a pratiche agricole, lo esorta all'onestà e al rispetto per la legge. Difende l'ed. tradizionale e critica l'ed. affidata a liberti (schiavi liberati), ma la sua battaglia è inutile, mentre si delinea sempre più la figura del precettore pubblico che insegna in vere scuole. Ad esempio SPURIO CARVILIO che si fa pagare le lezioni e svolge la funzione di pedagogo, sorgono le prime scuole latine il cui curricolo si rifà al modello greco.

San Tommaso d'Aquino

 

De Magistro

Affronta in quest'opera il problema pedagogico esaminando 4 articoli o tematiche:

UN UOMO PUO' DIRSI MAESTRO DI SE' STESSO O MAESTRO E' SOLO DIO?



UN UOMO PUO' ESSERE MAESTRO DI SE' STESSO?

UN UOMO PUO' ESSERE EDUCATO DA UN ANGELO?

INSEGNARE RIENTRA NELLA VITA ATTIVA O CONTEMPLATIVA?

Nel Vangelo si rintraccia una affermazione: uno solo è il vostro Maestro uno solo è il vostro Padre. Ma ciò non esclude la presenza di altri maestri sulla terra, Maestro ( e Padre) per eccellenza è solo Dio.

Dio è causa prima del sapere e ha dotato l'uomo di intelletto attivo. Il maestro è causa seconda, possiede il sapere in atto e lo trasmette all'allievo che lo possiede solo in potenza. Eccezionalmente però così come un malato può guarire da sé anche un alunno può apprendere autonomamente, tuttavia il maestro non può sostituirsi all'allievo.

Sì, ciò è possibile, ed esempi plausibili se ne rintracciano nel Vangelo (ad esempio l'Annunciazione)

E' entrambe perché è una delle tante opere meritorie che mirano alla verità e perché è una delle tante opere di carità: se un maestro svolge il suo compito correttamente, può meritare la beatitudine paradisiaca.

Leon Battista Alberti

 

Della Famiglia

 

L'opera si divide in due parti: una introduzione e il vero e proprio testo. Nella prima parte si chiede se sia più importante la virtù o la fortuna e risponde a ciò dicendo che è più importante la  virtù: bisogna però volerla ed educare a volerla. Nella seconda parte analizza l'educazione e afferma che nei primi anni di vita spetta ai genitori che devono studiare i figli evidenziandone attitudini e caratteristiche. Quindi dà consigli su un'educazione morale, intellettuale e religiosa.

Morale

Intellettuale

Religiosa

Impartita con una continua attività, anche con compiti difficili dopo i quali lodare l'allievo. Non marcire giacendo ma stare facendo.

Bisogna conoscere le lettere, ciò è importante soprattutto per un uomo nobile: avviene soprattutto attraverso la lettura di autori buoni e il loro studio mnemonico.

Serve a formare al meglio il corpo, anche con l'uso di castighi corporali.

Erasmo da Rotterdam

 

Cicerionanus

 

E' un'opera in cui Erasmo critica l'umanesimo degenere. Finge di educare per sette anni un giovani secondo i principi dell'umanesimo infiacchito facendogli imparare a memoria il Liber Ciceronianus, studiando stile e cadenze di quest'autore. Dopo i sette anni di intenso studio il fanciullo altro non è se non un ignorante che ripete pedantemente discorsi di Cicerone. Erasmo quindi afferma che la vera educazione non è l'imitazione di Cicerone, ma di Cristo.

De Pueris Instituendis

 

Parla dell'educazione stabile e liberale del fanciullo: da 1 a 7 anni avviene in casa ed è di tipo morale e sociale ma non culturale. Erasmo esalta l'importanza della famiglia nella procreazione e nella prima educazione. Dopo i 7 anni il bambino viene affidato al maestro perché non sempre il padre possiede un'educazione culturale concreta e sociale come quella che si richiede al maestro.

De Ratione Studii

 

Parla del METODO di insegnamento che deve seguire Gradualità e Adattamento: si dovrà andare dal più semplice al più difficile alternando il lavoro al gioco. Nello studio delle lingue classiche non bisogna soffermarsi solo sulla grammatica, ma anche sulla conversazione.

 







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2136
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019