Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

L'io e la folla - Rapporto tra individuo e massa nella societÓ contemporanea

storia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

L'io e la folla - Rapporto tra individuo e massa nella societÓ contemporanea


Le scienze sociali si diffondono a partire dalla seconda metÓ dell'Ottocento, epoca di sviluppo industriale, crescita della classe opera 525h71f ia, scioperi e manifestazioni. Nascono allora la sociologia e la psicologia, che si pongono come scopo la previsione ed il controllo dei comportamenti umani e dei fenomeni sociali.



Primo dopoguerra = ci si avvia verso un tentativo di comprensione dell'esperienza della guerra e delle rivoluzioni conseguenti. Successivamente l'interesse si sposta sull'ascesa dei governi dittatoriali e sul loro rapporto con le masse. I regimi totalitari, infatti, si servono delle folle e le trasformano.

Secondo dopoguerra = inizia lo studio del processo di "massificazione"


Uno dei principali studiosi delle masse e del loro rapporto con i singoli individui Ŕ LeBon.

La sua opera rispecchia il bisogno di studiare scientificamente i fenomeni di massa cosý da poterli controllare.




In Francia ci˛ era accaduto giÓ all'indomani della Comune di Parigi del 1871.

Nella sua ricerca della legge che regola il comportamento umano all'interno della societÓ, LeBon risente sia di influenze positiviste che antipositiviste. ╚ positivista per il metodo scientifico; antipositivista per il profondo pessimismo e la disillusione sul futuro. Del resto, considerando come origine dei fenomeni collettivi elementi esterni all'uomo, e da esso indipendenti, non si pu˛ che essere pessimisti.

LeBon critica la credulitÓ e la facilitÓ di plagio cui le folle sono soggette.


N.B. : come folla si intende sia la massa, sia una semplice associazione di individui


Per LeBon il XX secolo rappresenta la soglia dell'era delle folle, che probabilmente segna la fine della civiltÓ occidentale. Le folle, paragonate a microbi che attaccano i cadaveri, possono solo distruggere e far crollare una civiltÓ giÓ minata e fortemente compromessa. Questa idea, sebbene alquanto fatalistica, rispetta la teoria per la quale ogni popolo si sviluppi secondo lo stesso ciclo: BARBARIEá - CIVILTÓ - DECLINO - MORTE


Contrapposizione FOLLE / ╚LITES = le seconde guidano le civiltÓ di cui le prime fanno parte.


Le folle hanno caratteri diversi da quelli degli individui che le compongono, sono esseri a sÚ con un'anima propria. Questo Ŕ dovuto al cosiddetto "substrato incosciente", vale a dire quella zona dove si raccolgono i residui dell'antica anima di una razza. Di questo substrato fanno parte:

il sentimento di potenza, che spinge la folla a cedere agli istinti;

il contagio mentale;

la suggestione di massa che viene a crearsi, simile ad uno stato di ipnosi.


All'interno della massa l'uomo diventa un automa, e regredisce ad uno stato quasi primitivo. Tuttavia, da atti di inaudita ferocia, la folla pu˛ passare ad atti di eroismo e profondo sacrificio. A fare la differenza Ŕ il capo, senza il quale la folle altro non Ŕ che un gregge sperduto. Per questo il leader dev'essere un uomo d'azione dotato di una forte volontÓ e di un grande carisma, dote necessaria alla creazione di una vera e propria fede (= uno stato di fanatismo e totale sottomissione).


Secondo Freud, il fatto che l'individuo regredisca all'interno della massa Ŕ dovuto alle pulsioni represse che si liberano nel momento dell'aggregazione.










Privacy




Articolo informazione


Hits: 4008
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2022