Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

TRASFORMAZIONI CHIMICHE - breve premessa teorica e scopo dell'esperienza

chimica




Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

TRASFORMAZIONI CHIMICHE



breve premessa teorica e scopo dell'esperienza


L'atomo è una piccola parte di una sostanza. Quando dobbiamo studiare le sostanze, usiamo l'atomo in quanto esso contiene le informazioni di tutta la sostanza in questione. Nei composti, invece, esaminiamo gli atomi dei singoli elementi che li compongono.

All'inizio si pensava che l'atomo fosse indivisibile ma in realtà non è così. Intorno al nucleo abbiamo degli spazi 212g67c che si chiamano orbite, in cui ci sono gli elettroni (carica negativa). Ci sono poi i protoni (carica positiva) e i neutroni (non hanno carica) che si trovano nel nucleo. La massa dell'atomo è determinata proprio da questi ultimi due detti anche nucleoni. La massa dell'elettrone è 1840 volte più piccola di quella del neutrone e del protone. Quando l'atome perde un elettrone diventa uno ione. Se lo ione perde elettroni diventa positivo, altrimenti, se ne acquista, diventa negativo.




MODELLI TEORICI DELL'ATOMO

Modello di Thompson: è il primo modello dell'atomo ed è chimato a cocomero. Il volume è occupato da particelle grandi con carica positiva e da particelle piccole con carica negativa. Questo modello ci dà l'idea di un atomo pieno di materia, senza spazi liberi.


Modello di Rutherford: l'atomo non ha volume pieno. All'interno c'è un nucleo e attorno vi ruotano gli elettroni. L'elettrone gira con forza centrifuga molto velocemente.


Modello di Bohr: L'atomo ha 7 orbite, ognuna con un diverso quantitativo di energia fisso e preciso. Sono detti livelli energetici. I livelli più lontani dal nucleo sono più grandi e ricchi d'energia.



Disegno schematico














Elenco degli strumenti e dell'attrezzatura usati


Becco bunsen, provette in vetro, porta provette, pinza di legno




Dettagliata procedura operativa


Abbiamo preso dal ferro e dello zolfo e abbiamo provato la loro reazione con l'acido cloridrico e con il solfuro di carbonio.

L'acido cloridrico,formula HCl, è incolore, corrosivo e non infiammabile, con odore pungente e soffocante; il solfuro di carbonio è un composto incolore, estremamente volatile, infiammabile, di formula CS , con odore fastidioso e penetrante, viene spesso indicato anche come disolfuro di carbonio, facendo riferimento esplicito alla composizione chimica. Eseguiamo tutti gli esperimenti sotto la cappa aspirante e lontano a fonti di calore perché le sostanze sono tossiche e infiammabili.

Successivamente prendiamo una piccola quantità di zolfo e la versiamo in una provetta ( che tappiamo con un batuffolo di cotone). Accendiamo il becco Bunsen e riscaldiamo la provetta con il suo contenuto fino a quando non osserviamo più alcun cambiamento. Facciamo lo stesso anche con la polvere di ferro.

Sul ferro e lo zolfo riscaldati eseguiamo le stesse prove con l'acido cloridrico e il solfuro di carbonio e annotiamo i dati in tabella.

Poi abbiamo preso 0,40 g di zolfo e 0,56 g di ferro e li abbiamo scaldati insieme in una capsula fino a formare un miscuglio omogeneo che dividiamo in 2 provette e siamo andati alla cappa di aspirazione e abbiamo rieseguito gli esperimenti con acido cloridrico e solfuro di carbonio.




Risultati ottenuti


Ferro con hcl prima del riscaldamento: si sviluppano gas  e puzza di patate marce

Ferro con hcl dopo il riscaldamento: non succede niente

Ferro con cs prima del riscaldamento : non succede nienteniente

Ferro con cs dopo il riscaldamento:si sviluppano gas, odore e poco calore

Zolfo con hcl prima del riscaldamento: non succede niente 

Zolfo con hcl dopo il riscaldamento:

Zolfo con cs prima del riscaldamento: reagisce gas puzza poco calore

Zolfo con cs dopo il riscaldamento:

Zolfo + ferro con hcl: niente

Zolfo + ferro con cs:



Analisi dei dati ottenuti e osservazioni


L'esperimento è riuscito alla perfazione.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1518
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020