Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Osservare le diverse colorazioni che assume la fiamma ogni qual volta ossida un diverso elemento chimico

chimica



Giorno 10 marzo 2005 ci siamo recati in laboratorio per eseguire l'esperimento del saggio alla fiamma dei seguenti elementi e composti:

  • LITIO (Li)
  • BARIO (Ba)
  • RAME (Cu)
  • CLORURO DI SODIO (NaCl)


SCOPO DELL'ESPERIENZA: Osservare le diverse colorazioni che assume la fiamma ogni

qual volta ossida un diverso elemento chimico. 727h72h


Dal momento che gli atomi dei vari elementi posseggono una particolare struttura elettronica è possibile identificarli attraverso lo studio delle frequenze degli spettri di emissione.



I saggi alla fiamma si basano infatti sulla proprietà degli atomi di emettere radiazioni luminose quando vengono opportunamente eccitati da una sorgente di energia, in particolare dal calore emesso da una fiamma.



MATERIALE UTILIZZATO:


  • Filo di platino o di nichel cromo
  • Becco bunsen
  • Provette
  • Portaprovette
  • Vetrini da orologio
  • Scatolina
  • Acido cloridrico
  • Piastra di porcellana


DESCRIZIONE DEL MATERIALE:


  • Becco Bunsen: Nei saggi alla fiamma la sorgente di eccitazione è la fiamma di un becco Bunsen. Questo è costituito da un bruciatore munito alla base di un dispositivo che consente un maggiore o minore afflusso di aria. Quando l'afflusso è minimo si ha una fiamma luminosa e poco calorifica, mentre quando viene prmesso un buon flusso d'aria la fiamma diventa poco luminosa, molto calorifica e ossidante.
  • Provette: Contenenti i regenti da utilizzare.
  • Vetrini da orologio: Usati per contenere l'acido cloridrico.
  • Acido cloridrico: Per pulire il filo di platino in modo da rendere possibile la presa dell'elemento in questione.


REAGENTI:


  • Litio
  • Bario
  • Rame
  • Cloruro di sodio


ESECUZIONE DEL SAGGIO:


I saggi vengono eseguiti umettando con acido cloridrico concentrato l'estremità di un filo di platino opportunamente fissato ad una bacchetta di vetro. Esso poi viene intinto nella sostanza da analizzare che è stata previamente polverizzata in un mortaio in modo che piccole quantità possano aderire al filo. E' sempre importante che il filo di platino sia ben pulito; ciò può essere fatto immergendolo ripetutamente in acido cloridrico concentrato e portandolo alla fiamma finchè non dia lacuna colorazione. Per il saggio vero e proprio il filo con la sostanza viene esposto alla parte più calda della fiamma ossidante: si potranno così osservare le varie colorazioni da cui risalire all'identificazione degli eventuali elementi presenti.

Nella tabella sotto riportata vengono elencati i vari colori osservabili.


SOSTANZA CHIMICA

COLORAZIONE DELLA FIAMMA

Litio

Rosso carminio

Bario

Verde giallastro

Rame

Verde

Cloruro di sodio

Giallo







.



OSSERVAZIONI E CONCLUSIONE:



LITIO RAME



BARIO CLORURO DI

SODIO


I saggi eseguiti alla fiamma sono in un certo qual modo una prova sperimentale degli spetri di emissione (colorazione fiamma) dovuti alle transizioni degli elettroni eccitati dall'energia termica sprigionata dalla fiamma. Se si potesse esminare, infatti, la colorazione emessa dalla fiamma attraverso uno spettroscopio si osserverebbe delle righe parallele colorate, in numero e disposizione diversi per ciascun elemento. La colorazione, pertanto, non è altro che la radiazione corrispondente alle righe predominanti dello spettro ed è di fatto una proprietà distintiva di ciascun elemento.





Privacy




Articolo informazione


Hits: 3381
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2024