Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

ENRICO MENDUNI - TV E SOCIETA' ITALIANA 1975-2000 - TELEVISIONE E VITA ITALIANA

marketing


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

ENRICO MENDUNI

TV E SOCIETA' ITALIANA



TELEVISIONE E VITA ITALIANA


1. Le caratteristiche del modello culturale bernabeiano

Il modello culturale della tv bernabeiana aveva caratteristiche proprie , che la distinguevano nettamente dal periodo preceden 737f54h te, caratterizzato da austeritÓ.

Accentramento monocratico: il potere si concentra nelle mani del direttore generale, che gestiva i rapporti con l'intero sistema politico ed esercitava una diretta supervisione sull'informazione mandata in onda.
I rapporti esterni della Rai avevano invece il carattere dello "scambio politico": la radiotelevisione consentiva infatti di fare moltissimi favori.

Assoluta prioritÓ concessa alla tv rispetto alla radio: non Ŕ scontato! Bernabei investe nel nuovo e giovane mezzo, spinge l'alta cultura e gli intellettuai pi¨ inquieti verso la radio, e intanto intensifica la committenza nei confronti dei centri di ricerca e delle universitÓ: la tv assume una funzione socializzante (per Tullio De Mauro spinge all'unificazione linguistica).


2. L'offerta della Rai

Nel 1961 compare il secondo canale. Bernabei gestisce la programmazione televisiva in modo strategico: i due canali sono complementari, se sul primo c'Ŕ un programma impegnativo, sul secondo ce n'Ŕ uno popolare.

Un'altra caratteristica della tv bernabeiana Ŕ la complementarietÓ rispetto al cinema e alla scuola (la tv cerca di non invadere gli spazi altrui..).

Riguardo ai programmi, l'intrattenimento era contenuto, ai giovani erano rivolti pochi programmi, come il Cantagiro, e di grande successo erano gli sceneggiati, i quiz, e i grandi eventi mediali (lo sbarco sulla Luna 1969).

Tendenzialmente la tv di questi anni era filogovernativa, ed esprimeva la sua faziositÓ solo attraverso l'omissione.

I centri di produzione Rai erano Roma, Milano e Napoli; c'era un buon controllo sul prodotto, anche se non mancarono incidenti (un infelice sketch del '62 caus˛ l'allontanamento di Franca Rame e Dario Fo dallo schermo per 15 anni!!)


3. Televisione all'europea

Confrontiamo il modello tv europeo con quello americano: la tv in europa era libera dall'assillo di dover trovare denaro e sponsor. Il continuo aumento della platea degli abbonati e il sostegno dello stato garantivano reddito e ascolti sicuri.

Nel modello americano, i broadcasters sono delle societÓ private che si finanziano solo con la pubblicitÓ, e lo stato ha solo una funzione di regolatore: Ŕ un modello commerciale che comunque non poteva realizzarsi in Europa, nemmeno nei paesi pi¨ sviluppati.

Rispetto al modello americano, quello europeo Ŕ pi¨ "nazionale", e meno duttile, e questa Ŕ una debolezza che si inserirÓ anche nella tv privata.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1516
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020