Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

WILLIAM SHAKESPEARE

lingue


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

WILLIAM    SHAKESPEARE

Nacque a Stratford-on-Avon,una cittadina a circa 130 km da Londra,nell'aprile del 1564.

Si vuole che il giorno della sua nascita sia stato il 23 aprile,perché è il giorno di San Giorgio,

patrono dell' Inghilterra.Suo padre,John Shakespeare,apparte 414j95e neva alla middle class,la borghesia

affaristica che sotto il regno di Elisabetta 1(1558-1603)acquistò un ruolo determinante nella

società inglese;fu un uomo dai molti traffici e dalle alterne fortune.Nel 1568 venne nominato

sindaco di Stratford,nel 1582 si trovò però in gravi difficoltà finanziarie(fu esonerato dal

pagamento della quota per il soccorso ai poveri e della tassa per il mantenimento dell'esercito):

eppure nel 1596 passò dalla condizione di yeoman(borghese possessore di terre)a quella di




gentleman.

Nel 1580 il giovane William,dopo aver ricevuto una buona istruzione in una grammar school(scuola frequentata da figli di borghesi,in cui il latino era la materia principale),si trasferì a Londra,pare perché sorpreso a cacciare daini nei boschi di un certo Sir Thomas Lucy di Charlecote(all'epoca le pene che colpivano i bracconieri erano molto gravi).Il 28 novembre 1582 avvenne il suo affrettato matrimonio con Anne Hathaway,cui seguì,sei mesi dopo,la nascita di Susan ,la prima figlia.Nella primavera del 1585 nacquero due gemelli,Hamnet e Judith.Stabilitosi definitivamente a Londra nel 1586,prese subito a gravitare intorno all'ambiente teatrale(ma la prima notizia documentata risale solo al 1592).

La sua "carriera" cominciò facendo la guardia ai cavalli degli spettatori;più tardi riuscì a farsi affidare delle particine,entrando poi come caratterista nella compagnia del "Globe".

Fra il 1592 e il 1593,in un periodo in cui i teatri erano chiusi per una delle ricorrenti epidemie di peste,scrisse "Venere e Adone" e "Lucrezia".In quel tempo,Shakespeare doveva avere già compiuto le sue prime prove in teatro:almeno due o tre drammi,tra i quali l'"Enrico 6°",sembrano infatti risalire a prima del 1592.Ma quando i teatri riaprirono,nel 1594,il "caso Shakespeare" esplose come una rivelazione.Entro la fine di quell'anno o i primi mesi dell'anno seguente si rappresentarono infatti almeno quattro suoi drammi a partire da "Tito Andronico",e tutti con grande successo.Da questo momento in poi la stella del giovane drammaturgo fu in continua ascesa:restano a documentarlo,oltretutto,i contratti di acquisto di terreni e case,a Stratford e a Londra,con il pagamento di somme cospicue.

Il fatto che un "attorucolo" fosse arrivato a un così alto livello letterario sembrò talmente enorme da far nascere la tanto sottile quanto assurda teoria secondo cui l'opera di Shakespeare andrebbe attribuita a persone più degne,o in campo culturale(come il filosofo Francis Bacon),o in campo sociale(come il conte di Oxford o il conte di Rugby).Shakespeare,però,si rivela persona raffinatissima in campo puramente letterario con due sensibili componimenti poetici,"Venere e Adone" e "Lucrezia",mentre i "Sonetti"(in tutto 154),l'altra grande sua opera non teatrale,devono essere stati scritti come un diario intimo.Su di essi è stata fondata un'accusa di omosessualità al poeta,per il tono caloroso con cui egli si rivolge al giovane conte di Southampton,suo amico e protettore;una simile familiarità tra gentiluomini non è però estranea a molti altri testi contemporanei,e rientra nella prassi della società elegante di allora.

Un altro dei pochi documenti sicuri che ci sono giunti su di lui è il suo testamento,databile a circa un mese prima della morte,verso la metà di marzo del 1616.In esso i lasciti più sostanziosi vanno alle figlie(il maschio era già morto),mentre altri lasciti minori sono destinati ai poveri della città di Stratford.

IL GIUDIZIO DEI CONTEMPORANEI

1)Attacco rivoltogli nell'estate del 1592 dal drammaturgo Robert Greene,che si trovava ridotto in miseria,sul letto di morte.Egli si rivolgeva ai suoi colleghi invitandoli a guardarsi da "un corvo venuto su dal niente che si fa bello con le nostre penne,e che con il suo<cuore di tigre rivestito della pelle di un attore>pensa di essere capace di sparare un verso sciolto come il migliore di voi;ed essendo un Johannes fac totum si considera l'unico scuoti-scena del paese".

Le allusioni chiare a Shakespeare sono:

-"cuore di tigre.",la parodia di un verso dell'"Enrico 6°";

-gioco di parole tra "shake-speare"(scuoti-lancia)e "shake-scene"(scuoti-scena);

-Johannes fac totum(Giovanni buono per tutti i mestieri),che si riferisce alla sua duplice attività         

di attore e di scrittore teatrale.

2)Elogio da parte di Ben Johnson,il maggiore drammaturgo del tempo dopo Shakespeare:

"Egli non fu di un tempo,ma di tutti i tempi!

E tutte le muse furono nel loro rigoglio

Quando,come Apollo,venne a carezzare

Le nostre orecchie e,come Mercurio,ad affascinarci."


IL TEATRO ELISABETTIANO

Al tempo di Shakespeare il cosiddetto "teatro elisabettiano" stava preparando la sua rigogliosa fioritura.C'erano già degli autori di successo:

-Christopher Marlowe,autore di "Tamerlano il grande"(1585),del "Doctor Faustus" e di "L'ebreo di

Malta";

-Robert Greene,autore di "Frate Bacone"(1583);

-Thomas Kyd,autore di "Tragedia spagnola".

Tutti questi drammi si ispiravano a truculente leggende popolari,fatti storici o episodi di cronaca:passioni violente,azioni frenetiche,vendette,tradimenti,assassinii;personaggi molto allegorizzati,che provenivano direttamente dalle "moralità" medioevali.Sarà Shakespeare a introdurre i chiaroscuri dei sentimenti.



Il primo teatro vero e proprio era stato costruito a Londra nel 1576 da James Burbage,ma anche dopo quella data si continuò per molto tempo a dare spettacoli nei cortili delle locande.D'altra parte,quanto a possibilità di allestimento scenico non c'era grande differenza tra il primo "Theatre"[o quelli che saranno costruiti a breve scadenza,come il "Curtain"(1577),il "Rose"(1587)

o il "Globe"(1599,il più famoso per le rappresentazioni shakespeariane)]e il cortile di una locanda.Si trattava di edifici circolari(ma anche esagonali o ottagonali),in legno o in muratura, vuoti all'interno,con il palcoscenico formato da una semplice piattaforma sopraelevata.Sul fondo, dove il palcoscenico era attaccato al corpo dell'edificio,si aprivano due porte per l'entrata e l'uscita degli attori;sopra le due porte,sostenuto da due colonne,c'era un balcone dove talora si svolgeva parte della vicenda(ad esempio le scene d'amore di "Romeo e Giulietta").Non c'erano quinte o fondali:la collocazione ambientale di una scena era suggerita dal variare dei costumi e dalla recitazione degli attori,ed era dunque affidata all'intelligenza e alla fantasia del pubblico. Shakespeare e il teatro elisabettiano ebbero fin dagli inizi un grande pubblico vivo e partecipe, rumoroso e appassionato,il più eterogeneo che si possa immaginare:qualcuno ha detto che l'anima dell'Inghilterra era in quei teatri,tra la gente che recitava e le gente che ascoltava,e che anche la regina Elisabetta,che spesso si faceva organizzare spettacoli a corte,avrebbe voluto,superando il cerimoniale,confondersi qualche volta con il pubblico.



LE OPERE

Sembra certo che Shakespeare non curò mai di persona la pubblicazione delle sue opere.Prima del 1616 ne uscirono a stampa 16,separatamente e in diverse redazioni,in piccoli volumi in-quarto(cioè su un foglio da stampa piegato quattro volte,così da ottenere 16 facciate);quasi tutti i volumi erano stati pubblicati senza il consenso dell'autore,desunti da copie pirated,cioè trascritte clandestinamente in teatro durante le recite.Alla morte del poeta rimanevano in manoscritto circa 20 lavori,ma a noi non è giunto nessun manoscritto autografo.Nel 1623 John Heming e Henry Condell,due attori suoi amici,raccolsero tutti i drammi,editi e non,che sapevano appartenergli e li pubblicarono in un volume in-folio(cioè su un foglio di stampa piegato in due).Questo primo in-folio conteneva 36 opere.La 37°,"Pericle",venne aggiunta alla seconda edizione del terzo in-folio,nel 1664,insieme ad altri 6 drammi("Il prodigo di Londra","Thomas Lord Cromwell","Sir John Oldcastle","La vedova puritana","Una tragedia nello Yorkshire","Locrine"),passati alla storia come gli apocrifi shakespeariani.

La cronologia delle opere è deducibile,ma con molte incertezze,da vari tipi di documenti:date delle prime rappresentazioni,pagamenti eseguiti dagl'impresari,iscrizioni in un album,lo Stationer's Register ,per assicurare la proprietà letteraria,nonché le cosiddette "prove interne":tematica, metrica,stile.Secondo la successione cronologica più attendibile tra quelle finora proposte(E. K. Chambers,1930),la parabola avrebbe inizio nel 1590-91 con la 2° e la 3° parte dell'"Enrico 6°", e terminerebbe fra  il 1612 e il 1613,con l'"Enrico 8°" e con "I due nobili parenti",scritto in collaborazione con John Fletcher.

All'interno di questo grande arco,la successione proposta per queste opere è la seguente:

-1590-91:"Enrico 6°"(2° e 3° parte)

-1591-92:"Enrico 6°"(1° parte)

-1592-93:"Riccardo 3°"+"La commedia degli errori"(commedia plautina)

-1593-94:"Tito Andronico"(tragedia sul modello di Seneca)+"La bisbetica domata"(commedia di

carattere)

-1594-95:"Due gentiluomini di Verona"+"Pene d'amor perdute"+"Romeo e Giulietta"

-1595-96:"Riccardo 2°"+"Sogno di una notte di mezza estate"

-1596-97:"Re Giovanni"+"Il mercante di Venezia"

-1597-98:"Enrico 4°"

-1598-99:"Molto rumore per nulla"(commedia rinascimentale)+"Enrico 5°"

-1599-1600:"Giulio Cesare"+"Come vi piace"(commedia rinascimentale)+"La 12° notte"

-1600-01:"Amleto"+"Le allegre comari di Windsor"

-1601-02:"Troilo e Cressida"

-1602-03:"Tutto è bene quel che finisce bene"

-1604-05:"Misura per misura"+"Otello"

-1605-06:"Re Lear"+"Macbeth"

-1606-07:"Antonio e Cleopatra"

-1607-08:"Coriolano"+"Timone d'Atene"

-1608-09:"Pericle"

-1609-10:"Cymbeline"

-1610-11:"Il racconto d'inverno"(commedia)

-1611-12:"La tempesta"(commedia)

-1612-13:"Enrico 8°"+"I due nobili parenti".







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1326
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020