Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO

letteratura


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO


KARLHEINZ DESCHNER


Karlheinz Deschner è un formidabile studioso e scrittore tedesco che, tra l'altro, ha scritto (sta finendo gli ultimi capitoli) una monumentale Storia Criminale del Cristianesimo, edita in Italia da Ariele (sono finora usciti 6 di 10 tomi). Propongo alcuni brani di questa opera perché se ne saggi lo spessore.


Vol 1 - PARTE PRIMA


Per Gaetano Salvemini il cattolicesimo è stato un disastro morale per il nostro paese, generalmente la chiesa cattolica è stata la pervertitrice sistematica della dignità umana, per Nietzsche il cristianesimo rappresenta la più alta forma di corruzione che ha reso la menzogna una verità.

Oggi il Vaticano fa largo uso dei mass media, una vera operazione di marketing ha avuto per oggetto il lancio dell'immagine del vicario di Cristo, sovrano assoluto di stampo medioevale, eppure la chiesa ha appoggiato il regime fascista di Peron e Pinochet, come in precedenza quelli di Mussolini, Franco, Salazar ed Hitler, ha beatificato il cardinale jugoslavo Stepinac, che è stato un criminale di guerra, e delle sue azioni ritiene di non dover rendere conto a nessuno, limitandosi,  a  scopo preventivo, a falsificare la storia.

All'inizio la chiesa chiedeva all'impero libertà e tolleranza religiosa, vietò ai cristiani di fare il servizio militare e di prestare ad interesse, poi, una volta legalizzata, nella ricerca del potere si mise al servizio dei potenti, prima romani e  poi germani, quindi, si emancipò dall'impero d'oriente e poi da quello d'occidente,  la sua ascesa  coincise con la caduta dell'impero romano.




Il patrimonio della chiesa è nato dalle donazioni, dai privilegi fiscali, dai lasciti, dalle decime, dalle estorsioni e dallo sfruttamento dei lavoratori. Nel medioevo la chiesa possedeva un terzo delle ricchezze d'Europa, anche oggi la chiesa cattolica è il più grande possidente  del mondo.

I primi sovrani cattolici, delegavano l'amministrazione dello stato e la giustizia ai vescovi, così i peccati divennero reati per lo stato, i tribunali ecclesiastici, retti da vescovi, funzionarono con licenza statale e le prigioni erano annesse ai monasteri, colà la tortura fu largamente praticata.

I monasteri divennero anche delle banche e alla fine del XX secolo i gesuiti erano proprietari del 51% della banca d'America, in America la chiesa cattolica possiede terre, banche, imprese strategiche, immobili importanti, scuole, ospedali, ecc.

Sindona fu amico di Marcinkus e di Paolo VI, anche Calvi era uomo di fiducia delle curia, era il banchiere di Dio e con Sindona testimoniò come il Vaticano gestisse il cancro della criminalità economica, anche Gelli era legato al Vaticano ed a Calvi.

La cupidigia dei prelati è nota, essi hanno ceduto o si sono appropriati del patrimonio ecclesiastico, hanno praticato la simonia, la vendita delle cariche, il voto di scambio, l'usura, la vendita d'indulgenze, hanno fatto collette in grande stile e sollecitato lasciti alle vedove, hanno fatto traffico d'armi e di droga e lo sfruttamento della prostituzione, sfruttando sempre la credulità popolare.

Con il denaro, il vescovo Cirillo riuscì ad ottenere l'istituzione del dogma mariano, il culto della madonna era, infatti, fonte di grandi entrate, solo interessi economici si celano dietro i culti alle persone e ai luoghi di pellegrinaggio, al culto delle reliquie e dei miracoli. La chiesa si è arricchita con la credulità e lo sfruttamento delle masse, oggi è un immenso potere finanziario.

Nel secondo medioevo i falsari di documenti furono tutti membri del clero, tanto che i documenti falsi superavano in numero quelli autentici, ciò accadde quando i vescovi s'appropriarono della cultura e divennero consiglieri e cancellieri imperiali.

In un primo momento  i primi vescovi erano stati ignoranti, infatti, al concilio di Calcedonia presero parte 40 vescovi analfabeti e fino al IX e X secolo la maggioranza dei papi era analfabeta, come del resto i sovrani, poi fu la chiesa a monopolizzare e filtrare la cultura.

Senza rimpianto, papa Leone I (109-115 d.c.) fece incendiare una ricca biblioteca sul Palatino, il suo esempio fu  seguito a più riprese dalla chiesa nei secoli successivi, anche per spegnere le voci del dissenso, cioè degli eretici, quelle dei filosofi pagani e quelle dei concorrenti ebrei.

Nei primi monasteri, prima che si coltivasse la cultura, gli illetterati erano numerosi e Tommaso d'Aquino, filosofo ufficiale della chiesa, arrivò a dire che il desiderio di conoscenza era un peccato se non era finalizzato alla conoscenza di Dio, per gli uomini della chiesa, la conoscenza ricercata dagli gnostici non era apprezzata, come non era apprezzata la voglia di conoscenza dell'uomo nell'Eden, prima della cacciata di Adamo ed Eva.
Quando il clero divenne più colto, i principi e la nobiltà medioevale restarono analfabeti e divennero facilmente preda del clero, che nelle corte assunse la funzione ministeriale e amministrativa. Con l'adozione del pensiero di Aristotile da parte della chiesa, fu ostacolato lo sviluppo della conoscenza, chiesa e stato non avevano bisogno d'uomini pensanti, ma solo di buoi disposti a faticare.

Con la scienza fu sacrificata anche la storia, sempre falsificata o censurata, gli scienziati liberi e originali furono imprigionati, nel 1163  papa Alessandro III proibì ai chierici di studiare la fisica e nel 1380 papa Giovanni XXII bandì la chimica, ciò accadeva mentre nel mondo arabo fioriva il sapere.

In Europa la conoscenza fu ingessata dalla chiesa fino al XVI secolo, anche la medicina era considerata un'ingerenza nei disegni divini. Nel 1564 l'Inquisizione condannò Andrea Vasali, fondatore della moderna anatomia, perché, sezionando un cadavere, aveva scoperto che all'uomo non mancava la costola da cui era nata Eva.

La chiesa praticò largamente la censura sulla stampa ed il rogo dei libri, così la storia fu trasformata in un mucchio di chiacchiere e di dicerie e divenne la vergogna del genere umano, per Max Weber essa appare come un immenso elenco caotico d'eventi, eppure Cicerone aveva detto che l'historia è magistra vitae.

L'umanità è sempre stata dominata da una minoranza di sfruttatori e di parassiti, di qualunque colore politico essi siano, teoricamente però sarebbe possibile raccontare la storia con la stessa perfezione delle scienze naturali, tenendo sempre conto che essa  è sempre il risultato d'ambizioni di potere, avidità e fanatismo religioso, generalmente la religione è sempre il pretesto.

La storia di stato o ufficiale sembra consegnare un messaggio folle, eppure governare non significa altro che impedire la giustizia e operare per il privilegio di pochi, anche se il potere, con la propaganda, vuol far credere il contrario, sul palco si muore per le ideologie che dividono i sudditi, dietro il palco si ride di esse da parte dei burrattinai.

Purtroppo tanto materiale storico importante è andato perduto e quello arrivato fino a noi è stato spesso filtrato con lenti deformanti, poi, proprio quelli che, per la loro posizione, paiono più legati alla chiesa, sono in realtà e con discrezione più critici verso di essa, di fatto, solo il popolo sfruttato che è tenuto a credere ciò che la chiesa raccomanda.

Da sempre c'è chi, dietro compenso, propaganda idee, dottrine e manipola la storia, nella storiografia non può esistere nessuna verità oggettiva, così la storia è diventato anche un prodotto della fantasia e della poesia, una raccolta di racconti e di prodotti letterari che intrecciano realtà e finzione, è una nuova forma d'arte.

La storia statale esalta i regimi e i paesi trionfanti e condanna quelli sconfitti, è propaganda politica, la storiografia di stato, di regime o di partito non racconta la storia ma la crea, però la vera storia, anche se sconosciuta, si fonda su forza, violenza e crimine, gli storici ufficiali, per paura dei potenti, la presentano in maniera edulcorata, per conseguenza la storia, così falsificata, non aiuta a migliorare la politica e a riscattare i sudditi, ma aiuta lo sfruttamento delle masse.

Gli storici hanno lodato i crimini e si sono limitati a descrivere le battaglie, ignorando gli oppressori e presentando nella luce migliore i protagonisti vincenti della storia nazionale, la loro è stata interpretazione della storia in chiave nazionalistica.

I dirigenti cristiani del II e III secolo reclamavano la libertà religiosa, poi, arrivati al potere, tesero al monopolio del potere, fino ad invocare il potere assoluto per il papa, combattendo le altre fedi hanno rubato e hanno ucciso nel nome di Cristo.

Il cristiano luterano Hegel esaltò lo stato e la religione, voleva l'uomo sottomesso all'autorità e diceva che solo con la guerra si preservava la salute morale dei popoli, anche Agostino esaltava l'obbedienza e la guerra giusta, il che era propaganda, perché per gli stati che le promuovono, le guerre sono sempre giuste.

Carlo Magno compì rapine, saccheggi e uccisioni, però fu canonizzato perché provocò l'espansione del cristianesimo, anche l'annessione dell'Austria alla Germania, sotto Hitler, fu salutata dalle campane a festa, anche i gesuiti appoggiarono la seconda guerra mondiale.
Le speculazioni teologiche, i dogmi, le preghiere, i miracoli, la suggestione della liturgia, le risoluzioni conciliari, le encicliche e i decreti della chiesa sono solo strumenti per il potere e lo sfruttamento economico delle masse.

I pastori ebrei occuparono Canaan in varie ondate,  prima di loro, in Palestina già esisteva il culto di Geova, assieme al politeismo ed al culto della natura,  conquistarono la terra promessa in una guerra senza quartiere, facendo sterminio e terra bruciata contro gli altri popoli, com'era d'uso in quei tempi.

Gli ebrei lottavano contro l'idolatria e contro  i matrimoni misti, cioè erano contro l'assimilazione degli indigeni, Dio rimproverava il suo popolo per i rapporti amichevoli con i cananei, i suoi sacerdoti erano gelosi del culto prestato alle altre divinità che dovevano essere distrutte, le concessioni all'idolatria erano equiparabili alla prostituzione, ogni infrazione a questo comando meritava la morte e le malattie per tutto il popolo.

La pena di morte in Israele era largamente praticata,  come avveniva per i popoli antichi, nomadi e senza carceri, le donne erano emarginate, apostasia, bestemmia e adulterio erano sanzionate  con la pena di morte, la guerra contro i pagani era una guerra santa, durante la quale nemmeno le donne e i bambini erano risparmiati, s'incrementava l'intolleranza verso le altre culture, come fa oggi l'Islam.

Da Israele passò all'Islam ed ai crociati cristiani  lo spirito della guerra santa, che si nutriva d'odio, superiorità e disprezzo verso gli altri popoli, per Tacito il disprezzo degli ebrei verso i pagani nasceva dal fanatismo religioso.

Tuttavia, malgrado il messaggio biblico, gli ebrei si fusero con parte della popolazione indigena, nonostante l'intransigenza dei suoi capi religiosi, i grandi della terra sono stati i più grandi criminali, verso i quali il clero è stato sempre ben disposto, se  servivano i suoi interessi. Circa la metà dei re d'Israele furono assassinati, come tantissimi papi, come tanti capi di stato e re.

Re Acab (874-853 a.c.) fu calunniato dal profeta Eliseo perché tollerò l'idolatria, eppure fu un re giusto e capace, la stessa cosa accadde a Giuliano l'apostata che era stato contro i dirigenti cristiani e fu calunniato, anche se fu un ottimo imperatore. Il profeta Eliseo, come Al Capone, invitò i sacerdoti di Baal ad un banchetto sacro e poi li fece uccidere tutti.

La monarchia israeliana iniziò nell'anno 1.000 a.c. circa, nel 926 a.c. lo stato si divise e nel 722 a.c. gli assiri conquistarono lo stato d'Israele al nord e nel 583 a.c. i babilonesi di Nabucodonosor presero lo stato di Giuda a sud e gli ebrei furono deportati; cinquanta anni dopo,  grazie al re persiano  Ciro II, tornarono in Israele.

Nel 327 a.c. l'impero persiano cadde sotto i colpi di Alessandro il macedone, nei decenni successivi  ad Elefantina, in Egitto,  fu distrutto un tempio ebraico dedicato a Geova, perché gli ebrei del paese erano stati  collaborazionisti dei dominatori persiani.

Gli ebrei,  tornati in Palestina con l'aiuto di Ciro II, ricostruirono il tempio di Gerusalemme, Zerobabele, discendente di re Davide, fu fatto governatore e sommo sacerdote, la riforma religiosa del sacerdote Esdra si accanì contro i matrimoni misti e portò al ripudio delle mogli straniere degli ebrei, nel 445 a.c. anche il governatore Neemia si scagliò contro le donne straniere e seguì la stessa politica di Esdra.

Eppure i patriarchi ebraici, come Abramo, Isacco, Giacobbe, avevano fatto matrimoni misti, però Esdra e Neemia, cioè i sacerdoti, non volevano contaminazioni idolatre, la classe sacerdotale voleva il potere ben saldo in mano con tutti i suoi vantaggi economici.

Così i sacerdoti di Gerusalemme continuavano a ricevere primizie, decime e primogeniti del bestiame e dell'uomo, che erano riscattati, poi c'erano le offerte sacrificali, gli olocausti, le offerte per espiare colpe, le offerte dei pellegrini, anche la chiesa cattolica seguirà la stessa politica d'esazione fiscale.

Ogni ebreo maschio doveva recarsi a Gerusalemme tre volte l'anno, gli ebrei della diaspora continuarono ad inviare denaro in Palestina e i santuari ebraici diventarono delle banche che prestavano ad interesse, anche se esso era vietato dalla bibbia, la stessa evoluzione avvenne nella chiesa medievale.

Lo storico ebreo-romano Giuseppe Flavio documenta che il tempio di Gerusalemme difendeva il suo monopolio del culto di Dio, contro  analoghi culti praticati a Betel, Elefantina, Leopoli e Samaria.

Il basso clero invece viveva nell'indigenza, anche perché doveva versare al tempio parte della decima, prima riservata ai leviti, ed era spesso preda di furti organizzati dall'alto clero, la stessa cosa accadde ai preti cattolici nel medioevo per mano dei vescovi.

Come accadrà a Roma con i cristiani, al tempo degli imperatori Costantino e Costanzo, il persiano Artaserse esentò i sacerdoti del tempio dal pagamento delle imposte, così crebbero le loro  ricchezze, così si creò così una spaccatura nella società tra popolo sfruttato e sacerdoti ricchi e conservatori, è accaduto, fino ad oggi,  anche nei paesi cattolici.
In Israele gli elementi ellenizzati ed istruiti erano desiderosi di emergere nella società, perciò si contrapponevano ai sacerdoti ebrei sadducei, Paolo, interpretando il loro risentimento, divenne l'avvocato delle loro istanze e delle loro rivendicazioni, la religione si mischia sempre alla politica, anzi è un pretesto per la lotto economica e politica.

Sotto i seleucidi siriani si verificò una massiccia penetrazione ellenistica in Giudea, a cui tentò di opporsi il sommo sacerdote Onia III, nel 168 a.c. Antioco IV profanò il tempio di Gerusalemme e vi alzò un altare dedicato a Zeus, proibì la religione ebraica, saccheggiò il tesoro del tempio e mise a ferro e fuoco Gerusalemme.

Così iniziò la rivolta ai greci dei sette fratelli maccabei, essi praticarono la guerriglia per la libertà religiosa e l'indipendenza politica, tra loro Giovanni Ircano I (135-103 a.c.) arrivò praticamente all'indipendenza, sostenuto da farisei e sadducei, egli, per alimentare il lusso della sua corte sottrasse, secondo Flavio, il tesoro della necropoli dei re d'Israele.

Suo figlio Gionata (103-176) fu in guerra civile contro i farisei e, avuta la meglio, fece crocifiggere 800 nemici, alla fine furono i romani a riportare una pace provvisoria nel paese. I libri dei maccabei non sono entrati nel canone ebraico, in una sinagoga di Antiochia erano le loro spoglie, questa fu trasformata in chiesa cristiana e le loro reliquie furono trasferite a Costantinopoli, come fossero santi cristiani.

Dal 6 d.c. gli zeloti, partito nazionalista ebraico, come oggi quello sionista, organizzarono la resistenza antiromana, tra loro vi era anche l'apostolo Simone Pietro, che girava armato, e altri apostoli, tra gli zeloti, i sicari erano fanatici abituati a pugnalare alle spalle gli avversari politici.

La guerra giudaica si aprì (66-70 d.c.) con il massacro della guarnigione romana della fortezza Antonia e nel 70 Gerusalemme e il tempio furono ridotti dai romani in un cumulo di rovine, gli ebrei   sopravvissuti furono fatti schiavi  dall'imperatore Tito, mentre altri fuggirono alimentando la seconda diaspora, dopo quella babilonese.

Ad Alessandria tradizionalmente vivevano tanti ebrei, anche loro dovettero subire una dura repressione da parte dei romani, nel 131 gli ebrei di Palestina si ribellarono di nuovo ai romani, erano diretti da Simone Barcokeba, che prese Gerusalemme, intervenne l'imperatore Adriano che massacrò gli ebrei e li fece schiavi, gli zeloti furono annientati e agli ebrei fu anche proibito di mettere piede a Gerusalemme.

Dal IV secolo la proibizione fu revocata dai romani, il 14.5.1948, dopo il genocidio nazista, nacque di nuovo lo stato d'Israele, con l'ostilità di arabi e palestinesi.

Gli ebrei, anche se dispersi, all'inizio dell'era volgare rappresentavano il 7% della popolazione dell'impero, non erra una piccola cifra, considerate quante erano le nazioni sotto i romani. All'inizio i romani erano stati tolleranti con gli ebrei, li avevano autorizzati a servirsi di loro giudici, avevano fatto doni al loro tempio, nel 42 d.c. Claudio  aveva concesso loro la libertà religiosa,  a patto che rispettassero quella degli altri, i romani erano informati che il Dio del monoteismo ebraico era un Dio geloso degli altri dei, la moglie di Nerone, Poppea, protesse gli ebrei, lo stesso Adriano lasciò agli ebrei la libertà di culto.

L'intolleranza è una delle componenti essenziali del monoteismo, mentre i pagani consideravano il monoteismo ebraico e cristiano alla stregua dell'ateismo e lo vedevano come una minaccia alla società.

All'inizio i cristiani, nella dottrina e nella vita quotidiana, s'ispirarono agli ebrei, che avevano già avuto cimiteri sotterranei come le catacombe, anche gli ebrei predicavano l'amore per il prossimo, come già Budda, Platone e lo stoicismo, anche Geremia e Isaia ritenevano opportuno porgere l'altra guancia, come forma di rinuncia unilaterale alla legittima difesa, anche gli ebrei, come i primi cristiani, raffiguravano il Messia con un pesce.
Paolo, l'apostolo dei gentili, con Giovanni pose le basi del cristianesimo, egli era in guerra ideologica e di potere con gli ebrei e alleato con i gentili convertiti, i cristiani presero a chiamare gli ebrei assassini di profeti, però anche la chiesa avrebbe sterminato profeti cristiani, come anche Elia aveva sterminato 450 sacerdoti di Baal.

Per Giustino gli ebrei avevano meritato la loro sorte, per Eusebio essi erano responsabili delle colpe di tutto il genere umano, alle fine furono accusati di aver ucciso Dio, Tertulliano diceva che gli ebrei non erano destinati al paradiso, nel IV secolo, l'epoca di Costantino e del cristianesimo trionfante, l'ostilità verso gli ebrei divenne sempre più violenta, per opera di Ippolito, Attanasio, Ambrogio e Agostino.

Cipriano, nel terzo secolo, odiava gli ebrei, Efrem (306-373) chiamò gli ebrei assassini di Dio, Crisostomo (354-407) chiamò gli ebrei criminali e assassini, per lui la sinagoga era un bordello e un covo di briganti, per Clemente d'Alessandria, Origene e Crisostomo gli ebrei dovevano essere schiavi dei cristiani, allora ad Antiochia, Roma e Alessandria vi erano importanti comunità ebraiche.

Il sinodo di Elvira del 306 proibì ai cristiani, con aspre pene, di mangiare con gli ebrei e di celebrare con loro matrimoni misti, il sinodo successivo di Antiochia proibì di celebrare assieme a loro la pasqua e di fare visita alle sinagoghe, nel 315 Costantino dichiarò la conversione alla religione ebraica un delitto capitale e proibì  i matrimoni misti con gli ebrei.

Progressivamente gli ebrei furono privati della capacità di fare testamento, allontanati dagli impieghi, dalla corte, dall'esercito e nel 438 furono dichiarati inabili a ricoprire qualsiasi incarico statale, perciò furono costretti a dedicarsi alle attività finanziarie e commerciali.

Sotto i romani, le persecuzioni legali, cioè non spontanee, degli ebrei della diaspora, iniziarono nel IV secolo, agli ebrei fu proibito di possedere  schiavi, le loro sinagoghe erano incendiate e i loro beni espropriati dai cristiani, è accaduto per tutto il medioevo e anche sotto il nazismo, anche i pogrom sono stati spontanei od organizzati dallo stato.

Nella seconda metà del II secolo Marcione fu l'autore della versione più antica del Nuovo Testamento, Marcione sosteneva che il dio del vecchio testamento aveva creato il mondo e quello del nuovo testamento, che era diverso, lo aveva salvato dal peccato.

La chiesa cattolica sorse tra il 160 e il 180, quando fu definito il canone cattolico, in questa evoluzione Paolo era stato in aperto contrasto con i cristiani ebrei, ebioniti e nazareni, che non credevano alla divinità di Cristo.

Tra i cristiani già nel II secolo erano tante le sette in lotta tra loro e con i Giudei, fino all'eliminazione fisica, per la sua propaganda Paolo iniziò a ricorrere alle falsificazioni, come la chiesa cattolica avrebbe continuato nei secoli successivi, Paolo diceva espressamente: "Se grazie alle mie menzogne la verità di Dio ha trionfato, perché io devo essere biasimato?".

Paolo era anche accusato dagli ebrei cristiani d'imbrogli finanziari, l'amore di Paolo era riservato solo agli elementi del suo partito e a chi condivideva la sua opinione, grazie alla sua predicazione, ad Efeso i cristiani distrussero un patrimonio in libri, questa pratica cristiana sarebbe continuata seguita anche nei secoli successivi.

Cerento sosteneva che Gesù non era nato da una vergine ed era solo un uomo saggio, era la tesi di ebioniti e nazareni, però, a causa delle dispute su Cristo, i figli si divisero dai genitori, d'altronde Cirillo d'Alessandria diceva che il timore reverenziale verso i genitori era inopportuno se portava danno alla fede, in pratica i genitori andavano onorati dai figli solo fino a che non si mettevano contro la chiesa.

Anche Hitler e Stalin sostennero la stessa tesi, invitando i figli a fare i delatori dei genitori, non a caso papa Gregorio Magno ribadiva che chi aspirava alle gioie ultraterrene doveva dimenticare famiglia e genitori, anche Cristo aveva sostenuto tesi analoghe.

Nelle dispute teologiche la diffamazione diventava più importante di qualunque prova, come accade oggi in politica, anche il veleno era usato per eliminare gli avversari, com'è stato abbondantemente usato nei secoli dalla curia romana e ai vertici degli stati.

Nel II secolo Ignazio di Antiochia sancì che ogni comunità doveva essere presieduta da un vescovo, Ireneo attaccò duramente lo gnosticismo,  ne fu distrutta la sua ricca produzione letteraria, accusò ingiustamente gli gnostici di lussuria, erano uomini che non credevano alla gerarchia religiosa, inseguivano la conoscenza ed erano asceti, lo gnostico Bordesane (154-222), condannato dalla chiesa, fu un pensatore originale, capace di fondere il pensiero cristiano con la filosofia greca.

All'inizio del III secolo Tertulliano elaborò la dottrina della grazia, del battesimo, della penitenza, della cristologia e della trinità, fissando altri principi al protocattolicesimo di Paolo e Giovanni,  lottò per eliminare fisicamente i suoi avversari, naturalmente eretici per lui, alla fine della sua vita però anche lui  aderì all'eresia montanista, i montanisti erano asceti che annunciavano, dopo la rivelazione di Cristo, quella dello spirito.

Cirillo accusava i montanisti di uccidere i bambini e di mangiarli, un'accusa che i romani all'inizio avevano rivolto ai cristiani e che poi il cristianesimo istituzionalizzato rivolse agli ebrei, nel IV secolo Pacomio, fondatore del monachesimo cristiano, odiava gli ebrei come la peste.  Efrem diffamò  il persiano Mani, fondatore del manicheismo, che era contro il servizio militare, la venerazione delle immagini, l'idolatria.

Chi la pensava diversamente dai padri cattolici era trascinato nel fango, nel IV secolo Ilario  denigrava ebrei, pagani ed eretici ariani. Girolamo era contro le eresie ed esaltava la verginità,  come Agostino ricordava i giorni dissoluti della sua giovinezza, comunque definì i cristiani eterodossi bestie da macello.

Origene nello stesso secolo sosteneva che il figlio era subordinato al padre e lo spirito santo al figlio, non credeva al fuoco eterno dell'inferno, per lui incompatibile con la misericordia di Dio, perciò alla fine anche lui fu condannato dalla chiesa trionfante.

Girolamo accusò Rufino di aver usato il denaro per appropriarsi del seggio episcopale romano, questa prassi si ripeté nei secoli successi, la simonia a Roma era sempre condannata e sempre praticata, comunque era chiaro che la lotta alle eresie era pura lotta per il potere.

All'inizio del V secolo il sacerdote Vigilanzio attaccò con veemenza il culto delle reliquie e dei santi, che favorivano le truffe e lo sfruttamento della credulità popolare, il santo Girolamo disse che i libri da lui scritti erano stati vomitati nell'ebbrezza del vino, egli tentava sempre di far apparire come abietti furfanti i suoi avversari. Girolamo era ben introdotto presso l'aristocrazia romana, falsificò documenti e fece delazioni.

A causa della divisione dei cristiani, ufficialmente per ragioni ideologiche, in realtà per ragioni economiche e di potere,  Giovanni Crisostomo affermava che non si potevano convertire i pagani  con la condotta di vita dei cristiani, che avevano essi stessi bisogno di essere salvati.

Fortunatamente di lì a poco il cristianesimo, nella sua opera d'evangelizzazione sarebbe stato soccorso dalla spada del braccio secolare, accadrà anche con Maometto, comunque anche Nazianzeno denunciava le divisioni e le rivalità che divoravano i cristiani.

Nel 372 d.c. San Basilio diceva che il più grande bestemmiatore era il candidato ideale a ricoprire la carica di vescovo, destinato a sperperare il denaro che doveva essere consegnato ai poveri, comunque anche San Basilio era contro la libertà di pensiero, cioè era contro l'eresia degli altri.

Ai cristiani trionfanti stavano a cuore la distruzione dei luoghi di culto concorrenti e la persecuzione dei seguaci delle altre confessioni religiose, i templi antichi hanno sempre attirato ricchezze, tra loro si facevano concorrenza e di denaro non ce n'era mai abbastanza per i dirigenti cattolici.

Nel quarto secolo i cristiani erano urbanizzati, entrati nelle istituzioni e civilizzati, mentre i pagani erano più rurali e considerati selvaggi, cioè erano regrediti, perché in epoca ellenica avevano coltivato arti e cultura e abitato anche nelle città.

Prima di Costantino i padri della chiesa predicavano la tolleranza e reclamavano la libertà di culto, invitando a non odiare nessuno, all'inizio anche Tertulliano era a favore della libertà di culto, le sue prese di posizione però erano state solo tatticismo politico verso il potere romano.

Una volta ottenuta la libertà di culto, i cristiani iniziarono le polemiche contro i pagani, come prima avevano fatto contro ebrei ed eretici cristiani, attaccarono l'idolatria perché i miti antichi erano scandalosi, gli dei pagani non erano altro che cani e maiali.

Sottolineavano che le rondini facevano cadere escrementi sulle statue degli dei, per Tertulliano era peccato anche fabbricare statue agli dei, com'era peccato portare i processione gli dei e baciare le loro statue, Agostino affermava che le immagini degli dei non proteggevano gli uomini in battaglia.

Alla metà del II secolo Aristide condannava l'uso egiziano di divinizzare le forze della natura e gli animali, per lui il regno animale e vegetale non significavano nulla, i cristiani non si sentivano naturalisti, ma superiori alla natura.

Taziano criticò costumi e filosofia pagana, diffamando la cultura pagana, del resto tutti i padri della chiesa come Policarpo, Ireneo, Teofilo definivano la filosofia pagana come una frottola menzognera e folle.

Tertulliano riconosceva che gli dei erano una personificazione e divinizzazione delle forze della natura e ne denigrava il carattere osceno, perciò proibì ai cristiani di fabbricare statue e proibì il servizio militare. Alla fine del IIII secolo, Clemente d'Alessandria condannava la mitologia, classica con la divinizzazione degli astri, Attanasio vi vedeva solo immoralità e depravazione sessuale.

Visto che gli uomini con la religione si mettevano in relazione con l'aratura, la semina e la nascita dei frutti della terra, Clemente si chiedeva perché gli uomini abbandonavano il cielo per venerare la terra, lui la terra la calpestava con i piedi e non l'adorava, era inoltre scandalizzato dalla riproduzione della sessualità, voleva sostituire il cosmo dominato dalle forze di natura con un cosmo controllato dalla chiesa.

Quando il cristianesimo divenne lecito, iniziò la persecuzione  del paganesimo, il sinodo di Elvira nel IV secolo colpì l'idolatria e le usanze pagane. Le vittime delle persecuzioni romane dei  cristiani nei primi tre secoli furono poche migliaia, infatti, Origene, morto nel 254, affermava che i martiri cristiani erano un numero piccolo e facile da calcolare.

Una volta assunto il potere, il cattolicesimo fu capace di superare quella cifra, tra i nemici della sua fede, in un solo giorno.  I cristiani furono perseguitati sotto Marco Aurelio (177), sotto Diocleziano, Massimiano e Valeriano, morto Diocleziano, i cristiani si vendicarono trasformando il suo mausoleo di Spalato in una chiesa cristiana.

Nei secoli successivi le persecuzioni degli avversari sarebbero state ben viste dalle gerarchie ecclesiastiche, perché in grado di esaltare gli animi, generare coesione e fare propaganda alla chiesa, anche Hitler avrebbe appreso da questa lezione.

Nel 311 Galerio emanò l'editto di tolleranza di Nicomedia, che metteva fine alla persecuzione dei cristiani, il cristianesimo diventava "religio licita" e i suoi adepti potevano costruirsi delle chiese, nel 313 Costantino emise l'editto di tolleranza verso tutte le religioni, a vantaggio soprattutto dei cristiani.

Eusebio e Lattanzio erano protetti da Costantino, il primo formulò contro gli imperatori pagani le più infami calunnie, attestando l'orrore del paganesimo e le virtù del cristianesimo, poi si rallegrò quando  Costantino aveva preso a perseguitare i pagani, anche il secondo aveva attaccato gli ultimi imperatori pagani.

I primi imperatori cristiani si adoperarono per distruggere gli scritti di due filosofi pagani, Celso e Porfirio, vissuti nel II e III secolo, Celso aveva individuato nel cristianesimo una commistione d'ebraismo, stoicismo, platonismo, religione egiziana, persiana e culti misterici e rideva sul senso d'elezione d'ebrei e cristiani.

Celso si chiedeva perché Dio era venuto in terra, non sapeva già tutto se voleva porre rimedio al male, purché non era venuto prima, perché si era rivolto solo ad un popolo, inoltre rimarcava che la dottrina morale di Cristo non era nuova, perché anticipata dai pitagorici. Poi aggiungeva che di divinità morte e risorte già si sapeva, come di miracoli, inoltre notava che i cristiani si rivolgevano ai ceti più ignoranti.

Porfirio, nato nel 233, fu la prima vittima della censura cattolica, la sua opera fu condannata alla distruzione da Costantino, Teodosio II e Valentiniano III, anch'egli si chiedeva perché Cristo era venuto in ritardo sulla terra, condannando tanti uomini precedenti alla perdizione, sottolineò le contraddizioni tra vecchio e nuovo testamento e negò la natura divina di Cristo.

Porfirio accusava Paolo d'avidità e di aver spillato soldi alla ricche credulone, Paolo, come si era giustificato per i suoi falsi e per i suoi brogli finanziari, riguardo a queste accuse aveva detto:" Chi andrebbe in guerra a proprie spese, chi possedendo un gregge non si nutrirebbe del suo latte?".

Con Costantino, nato nel 285, iniziò l'alleanza fra trono e altare, egli si circondò di preti a corte e promosse il cristianesimo romano, aveva ucciso figlio, moglie, suocero e cognato, ma non importa,  fu osannato dalla chiesa cattolica e fatto santo da quella ortodossa.

Costantino era d'umili natali e sua madre Elena era stata la concubina di Costanzo Cloro, Elena  fu fatta santa dalla chiesa, Costantino era un uomo bellicoso che amava sterminare i suoi nemici, infatti, soffocò nel sangue Franchi e Germani e abbandonò i prigionieri alle fiere del circo.

All'inizio egli divideva l'impero con Licinio, Massenzio e Massimino Daia, un sistema tetrarchico  voluto da Diocleziano per tenere insieme l'immenso impero, Costantino però, per raggiungere l'unità dell'impero solo sotto di lui, si alleò con i cristiani contro gli altri tre soci.

Massenzio (306-312) aveva lasciato in vigore l'editto di tolleranza di Galerio e non perseguitò i cristiani, tuttavia mandò in esilio da Roma i vescovi Eusebio e Marcello, per brogli elettorali, perciò i cristiani avevano preso le distanze da lui e gli preferirono Costantino.

Massenzio, fece un altro errore politico, costruì una rete stradale prelevando imposte dai grandi proprietari terrieri, appartenenti alla classe senatoria vicina alla chiesa, perciò i cristiani lo avversarono.

Eppure Costantino non era un credulone religioso, appoggiava i vescovi solo per convenienza politica,  adorava Marte e Saturno e si convertì al cattolicesimo ariano solo prima di morire, anche perché così gli erano cancellati tutti i suoi peccati precedenti.

Massimo Daia, era stato un persecutore dei cristiani ma poi fece loro delle concessioni, sotto di lui i cristiani che subirono il martirio furono solo tre, Licinio era stato alleato di Costantino e dei cristiani.

Quando  Costantino  si volse contro Licinio,  la guerra fu presentata dai cristiani come guerra di religione, i sacerdoti cristiani accompagnavano i soldati in battaglia e le insegne militari si arricchirono di simboli cristiani, alla fine Costantino rimase sovrano assoluto di tutto l'impero.

Quando Licinio era alleato di Costantino, Eusebio e Lattanzio avevano chiamato i due imperatori gli eletti del signore, quando Licinio divenne nemico di Costantino, Eusebio prese a diffamarlo e il concilio di Nicea scomunicò chiunque si fosse messo al suo servizio. Anche Licinio, riducendo la corte, cioè i parassiti, e aumentato le tasse sui proprietari terrieri, s'inimicò i cristiani, vicini ai latifondisti.
Costantino trionfante regalò alla chiesa il palazzo del Laterano, le fornì i mezzi per il restauro di chiese e sovvenzionò l'alto clero, sotto di lui la chiesa era passata da oppressa, a riconosciuta, a favorita e godette di crescenti privilegi, diventando sempre più ricca.
Egli donò terre alla chiesa in tutto l'impero, costruì chiese dotandole di possessi fondiari, spesso sulle rovine dei templi pagani, i vescovi ricevettero dall'imperatore onori e premi in denaro, furono incaricati di distribuire il grano ai poveri, furono incaricati di giudicare in cause civili, mentre allo stato spettava l'esecuzione delle sentenze.
Poiché i vescovi avevano generalmente un secondo impiego, furono anche esonerati dal pagare imposte  sulle attività produttive, da allora il tema delle esenzioni tributarie diverrà cruciale nella storia della chiesa.
Poiché a causa di queste concessioni, diminuirono le entrate statali, nel 320 Costantino proibì ai ricchi di entrare nelle gerarchie ecclesiastiche, però nel 321, per favorire ancora il clero, autorizzò la chiesa ad accettare lasciti testamentari, da allora tanti fecero lasciti alla chiesa per salvarsi l'anima, tanto che essa nel medioevo arrivò a possedere un terzo della ricchezza, soprattutto terriera, dell'Europa.
I privilegi concessi al clero da Costantino furono così rilevanti che i membri dei consigli cittadini entrarono in massa nel clero e nel 326 il sovrano fu costretto a limitare questo esodo in massa, per lo stesso motivo nel 370 fu revocato temporaneamente il diritto a ricevere lasciti, con le proteste del santo Girolamo.
Nel 325 una città della Frigia chiese all'impero l'esenzione fiscale, perché tutti i suoi abitanti erano cristiani, anche  Maometto concesse facilitazioni fiscali ai convertiti ed  in Egitto anche i sacerdoti pagani avevano avuto privilegi fiscali.
Costantino fece concessioni ai cristiani e mise il clero al proprio servizio, però s'intromise nella sfera ecclesiastica, non sostenne la separazione dei poteri, infatti, era lui a convocare concili, poi, quando spostò la capitale dell'impero a Costantinopoli, favorì l'affermazione del potere monopolistico della chiesa cattolica a Roma.
Costantino era chiamato "il salvatore" dai cristiani, dopo aver unificato l'impero sotto la sua autorità, esautorò i senatori dalla gestione del potere e, per favorire ancora la chiesa, prese combattere le eresie, usando la religione come uno strumento per il potere, nelle sue guerre era accompagnato dai vescovi.
Oggi in oriente Costantino è detto il tredicesimo apostolo, è annoverato tra i santi con sua madre Elena e la sua immagine si trova nelle chiese greche, la sua festa religiosa cade il 21 maggio.
Coerentemente con il comandamento di non uccidere, nei primi tre secoli i cristiani non avevano voluto prestare servizio militare e si dichiararono anche contro la violenza, rifiutando anche la legittima difesa, cioè porgevano l'altra guancia,  furono anche contro la pena di morte, il vescovo di Roma, Ippolito, vissuto nel III secolo, si disse anche contro la caccia, nel secolo successivo su questi temi nella chiesa sarebbe avvenuta una rivoluzione copernicana.
Sembra che nella guerra giudaica del 66-70 d.c. e nel 131 d.c., al tempo della rivolta di Simone Barcokeba,  i cristiani non avevano  voluto impugnare le armi contro i romani, però già nel II secolo nell'esercito romano erano presenti dei cristiani, che furono le prime vittime della furia anticristiana di Diocleziano.
Tra  il 301 e il 311 dei cristiani furono martirizzati, poi nel 313  Costantino  emise l'editto di tolleranza, da quel momento la chiesa prese a trasformarsi in chiesa militare e nel 314 il sinodo di Arles sancì la scomunica per i cristiani disertori.
Così, per opportunismo di carriera, la maggioranza dei generali dell'impero divennero cattolici, affiancati da pochi ariani e pagani, un secolo dopo i non cristiani furono banditi dall'esercito, mentre chiese e monasteri divennero territorio franco, sbarrati all'esercito e alla giustizia.
Lattanzio era stato contro la guerra, contro il servizio militare e contro la pena di morte, poi arrivò ad esaltare il servizio militare e il clero prese a benedire le armi, si apriva la strada alle guerre di religione, si pregava prima della battaglia e le insegne dell'esercito erano cristiane.
La chiesa, ricolma d'onori, si sentì sempre più vicina e complice dello stato, la maggior parte dei membri della corte di Costantino era fatta da cristiani, anche il simbolo della croce comparve sulle monete imperiali e sullo scettro dell'imperatore.
Ambrogio prese a predicare l'eroismo in battaglia ed Agostino asseriva che i militari compiacevano Dio, il clero fu inquadrato in formazioni i militari, i sacerdoti guidavano 100 uomini ed i vescovi 1.000, inoltre le loro chiese ospitavano le guarnigioni dell'impero.
 





KARLHEINZ DESCHNER
STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO -  Editore Ariele
 

Vol 1 - PARTE SECONDA 

La chiesa condannò la diserzione e  ordinò che le milizie fossero costituite solo da cristiani, nel 362 però Attanasio, faziosamente, invitò alla diserzione i soldati cristiani che militavano nelle file dell'imperatore pagano Giuliano, inoltre Attanasio, che si era detto contrario all'assassinio, sostenne che in guerra era legittimo uccidere il nemico. Comunque,  Crisostomo sosteneva che i militari cristiani dovevano essere solo volontari, per servire lo stato i preti erano ormai a favore della pace solo in tempo di pace.

C'è chi dice che Costantino si trasferì a Bisanzio perché il suo assassinio dei parenti aveva generato a Roma un moto generale di riprovazione, poi l'imperatore fu battezzato in punto di morte da un prete ariano.

Con l'avvento del cristianesimo ricevette impulso l'applicazione della pena di morte, però  l'impiccagione sostituì la crocifissione, e le epurazioni negli strati alti della popolazione, dove vi era la lotta politica, perché gli strati bassi si potevano anche costringere ai lavori forzati o alla schiavitù, Costantino autorizzò l'uso della tortura nei tribunali.

Per favorire la chiesa, si rese più difficile il divorzio e l'adulterio fu considerato un grave reato,  però, mentre i preti predicavano contro la lussuria e l'adulterio, avevano rapporti lascivi con le loro schiave.

Per tutelare l'asse ereditario dei possidenti, concubine e figli non potevano ricevere eredità e i figli illegittimi non potevano essere legittimati, inoltre i servi non potevano denunciare il padrone se non per alto tradimento e frode fiscale, anche queste riforme furono fatte con l'assenso della chiesa.

Furono previste pene per  chi intratteneva rapporti con gli ebrei, invece i pagani avevano tollerato la religione ebraica e Diocleziano, ultimo persecutore dei cristiani, non aveva preteso che gli ebrei offrissero sacrifici alle divinità pagane.

L'editto del 313, firmato da Licinio e Costantino, garantiva la libertà ad ogni religione, tuttavia, dopo il concilio di Nicea del 325, Costantino accusò gli ebrei d'essere autori di misfatti, concesse loro di recarsi a Gerusalemme soltanto un giorno l'anno, vietò loro di avere schiavi cristiani e la conversione all'ebraismo fu punita con la morte.

Costantino perseguitò anche le eresie, le elezioni dei vescovi erano spesso irregolari e spesso in esse si ricorreva alla corruzione, perché la carica di vescovo era ambita e fonte di privilegi, la pratica sarebbe durata per tutti i secoli successivi.

Tra gli eretici, i donatisti respingevano l'alleanza fra trono e altare, tra loro Cipriano sosteneva che la validità dei sacramenti dipendeva dalla purezza di chi li impartiva, cioè chiedeva un clero moralmente sano, per i donatisti non erano più cristiani quelli che durante le persecuzioni avevano abiurato la loro fede, la maggior parte dei dirigenti cristiani però, nella ricerca della supremazia,   era di manica larga perché il numero era potenza, come affermava Mussolini.

Agostino ribatté ai donatisti che anche il sacerdote malvagio e corrotto rappresentava Dio, tesi in verità molto singolare, che però ha riscosso la maggioranza del consenso dentro la chiesa. Costantino, assecondando il vescovo Ciciliano, inviso ai suoi fedeli, diede battaglia ai donatisti e li sterminò, espropriando le loro ricchezze e privandoli dei luoghi di culto, consegnati ai cattolici, ed esiliando i loro capi.

Ai donatisti si unirono anche gli schiavi dei latifondisti nordafricani, generalmente cattolici, scoppiò cioè anche un a rivolta contadina, il santo Eusebio approvò, con entusiasmo, la repressione operata da Costantino.

Costantino però si muoveva con maggior circospezione nei confronti dei pagani, perché essi erano ancora la maggioranza in occidente, inoltre egli inizialmente, come pontefix maximus, nominava anche  sacerdoti pagani e presiedeva il collegio dei sacerdoti pagani, tuttavia a corte e nell'esercito i cristiani facevano carriera più velocemente.

Nel 330 ci fu la condanna del neoplatonismo, poi  Costantino prese a perseguitare anche i culti pagani e ordinò la distruzione di tutte le immagini degli dei, privò i templi delle loro entrate, ne proibì il loro restauro  e poi n'ordinò anche la distruzione.

Costantino fece bruciare gli scritti di Porfirio e i cristiani cominciarono a saccheggiare i templi pagani, mentre i loro arredi sacri erano consegnate alle chiese cristiane, le ricchezze dei templi affluirono anche nelle casse imperiali.

Costantino ordinò di esporre nelle piazze le statue pagane sequestrate e da allora esse, prima custodite al chiuso, diventarono una moda nei viali e nelle piazze, tante chiese cristiane furono costruite sulle rovine dei templi distrutti.

La chiesa era attratta dai tiranni purché fossero stati suoi soci e amici e purché l'avessero favorita, non reclamava diritti per il popolo ma solo per se stressa, Costantino fu battezzato dall'ariano Eusebio solo prima di morire, com'era allora di moda, per vedersi cancellati i peccati con il pentimento e il battesimo.

In Persia in un primo tempo  re Sapur I fece giustiziare sua moglie ed esiliare una sorella perché si erano convertite al cristianesimo, poi re Baharam I (274-277) perseguitò cristianesimo e manicheismo e suo  il figlio Baharam II fece uccidere sua moglie perché cristiana, ciò attesta che le persecuzioni religiose non furono una caratteristica dei soli cristiani.

Ciò malgrado, tra il III e il IV secolo, la Persia contava diciotto vescovi cristiani, cioè sotto i sassanidi ci fu tolleranza religiosa, anche se il sovrano era generalmente orientato, per la ragione di stato, cioè per opportunismo di potere perché la Persia era nemica di Roma, verso lo zoroastrismo o mazdeismo. Infatti,  la chiesa persiana era sospettata di cospirare con i romani, poi i persiani cristiani rifiutavano il servizio militare e disprezzavano lo zoroastrismo.

In Persia re Sapur II (310-379) cominciò a vedere nei cristiani del  suo impero delle spie dei romani, perciò fece del mazdeismo religione di stato, quando divenne re  Jezdegerd I (339-420), questo prese le distanze dal mazdeismo e si avvicinò ai cristiani e a Roma, però nel 423 il nuovo re di Persia fu costretto ad accettare una chiesa cristiana autocefala, cioè indipendente da Roma.

Anche la chiesa armena, più antica di quella persiana, si sviluppò come una chiesa nazionale, gli armeni, nel propagare la loro fede cristiana, distrussero templi pagani e uccisero donne e bambini, divenuto il cristianesimo religione di stato, essi iniziarono le persecuzioni contro i pagani, il santo patriarca Gregorio, per distrurre i templi pagani,  allestì un esercito di monaci,  e fece costruire al loro posto chiese cristiane.

Gregorio divenne arcivescovo e fece in modo che i beni donati al suo episcopato diventassero proprietà privata della sua famiglia, gli armeni, guidati dal loro patriarca e alleati dei romani, sconfissero i persiani in battaglia,  nel 334 anche Costantino intervenne a fianco degli armeni.

Il re dell'Armenia Tiridate III, prima aveva perseguitato i cristiani e poi si convertì dieci anni prima di Costantino, la cristianizzazione dell'Armenia avvenne, per opera di Gregorio, intorno l'anno 280, dopo che questo aveva guadagnato i favori della sorella del re, la chiesa avanzava dietro mogli, sorelle e concubine di principi, vedremo meglio la cosa quando si dovranno convertire i germani.

Sotto i successori di Costantino, l'impero fu considerato un'istituzione cristiana e gli imperatori furono nobilitati dalla chiesa come figli di Dio, il figlio di Costantino, Costanzo I, di fede ariana, sterminò i membri maschi della sua famiglia, le sue guardie del corpo e i suoi sicari erano cristiani, tanto che Giuliano l'apostata affermò che non esistevano fiere tanto pericolose quanto i cristiani.

Eusebio non condannò gli assassini ordinati da Costanzo, che aveva ricevuto il battesimo, anzi l'imperatore era fatto passare dalla chiesa per casto, in realtà rifiutava le donne perché omosessuale, Costanzo I ricolmò le chiese e i prelati di doni, ricorse al commercio delle cariche e oppresse i poveri.

Suo fratello Costante riprese a distruggere i templi pagani, intensificò la lotta contro i donatisti,   sequestrò le loro ricchezze e donò le loro chiese ai cattolici, comunque allora vi erano molti  vescovi opportunisti che cambiavano bandiera, da ariani, a cattolici, a donatisti, era il trasformismo della politica e dei centri di potere, con il tradimento si poteva fare carriera, ciò che contava era avere un seguito tra il popolo, diversamente non si potevano ricattare i potenti, accade ancora oggi.

L'imperatore Costanzo II esonerò i preti e le loro famiglie dal pagamento dell'imposta fondiaria e delle altre imposte, impedì che i vescovi 727j98h fossero giudicati dai tribunali civili, per conseguenza, fu sostenuto dalla chiesa, anche se ariano, perché ne difese gli interessi.

Per favorire la penetrazione romana, furono costruite chiese nei nodi strategici e commerciali dell'impero, il cristianesimo era divenuto un "instrumentum regni", perciò Costanzo II favorì l'unità della chiesa e spedì in esilio il vescovo Attanasio (295-375), santo e dottore della chiesa che non disdegnava la lotta per il potere, con la scusa della religione, l'imperatore  inasprì anche le disposizioni contro gli ebrei.

L'impero  si accanì contro i culti misterici pagani, le ricchezze dei templi furono espropriate, le statue distrutte, tra i cristiani Firmino esortava a sterminare  tutti i pagani, così i cattolici passarono dall'ideologia del martirio a quella della persecuzione.

L'imperatore  ordinò la chiusura di tutti i templi con la confisca dei loro beni,  ora le pecorelle dei sudditi  accorrevano in massa tra le mani dei nuovi pastori, perché bisognose di protezione, però ne venivano tosate, Costanzo II mise anche in piedi un vasto apparato di polizia segreta.

Nel 357 però Roma era ancora roccaforte dell'antica religione, perciò Costanzo II rese ancora omaggio alle vestali, alcuni decenni dopo la realtà mutò radicalmente, comunque fu rinnovata la proibizione di magia e divinazione.

Ad Antiochia Gallo, cristiano e cugino di Costantino, visse come un tiranno e perseguitò e sterminò i pagani, arrivando a sobillare anche il popolo, incendiò città e massacrò abitanti. Il piccolo Giuliano, appartenente alla famiglia reale, al ricordo del massacro dei parenti, si abbandonava a crisi di pianto, era stato educato dall'ariano Giorgio di Cappadocia, per reazione agli abusi dei cristiani e degli imperatori cristiani fu conquistato dal paganesimo e nel 360 fu acclamato imperatore dalle truppe.

Giuliano (361-363) sostituì la dottrina cristiana con un panteismo centrato sul culto del sole Helios, esso ebbe un'alta statura morale ed era un letterato, però fu chiamato "l'apostata" dai cristiani, non si circondava, come i suoi predecessori, di concubine o di giovinetti, non beveva, nell'amministrazione dello stato si appoggiò agli intellettuali, cercò di allontanare gli adulatori, i delatori e le spie, ridusse le tasse, iniziò a ricostruire i templi pagani, senza però attaccare il cristianesimo, e fu tollerante con gli ebrei.

Ci furono disordini, perché i donatisti profittarono dell'occasione per vendicarsi dei cattolici, perciò Giuliano fu costretto a fare delle repressioni, Giuliano criticava l'arroganza e il senso d'elezione d'ebrei e cristiani, però autorizzò gli ebrei a ricostruire il tempio di Gerusalemme, vestiva con modestia, era frugale e mangiava il rancio dei suoi soldati, cercò di aiutare i poveri.

Giuliano diceva che per persuadere gli uomini occorreva la ragione e non la violenza, richiamò in patria gli esiliati e restituì loro i loro beni, vietò ai preti di stendere testamenti come notai, per impedire che incamerassero beni di altri, perché il popolo era analfabeta, impose ai cristiani di restituire le colonne rubate ai templi pagani.

Tuttavia la sua decisione di escludere i cristiani dalla milizia suscitò una dura opposizione, nel 363 morì in una campagna contro i persiani, colpito al fianco da una lancia scagliata da un sicario cristiano, Teodoreto affermò che l'arma  era stata scagliata da un angelo.

Alla morte di Giuliano i cristiani celebrarono l'evento con pubblici banchetti e distrussero le sue opere letterarie e le sue iscrizioni, Agostino, Crisostomo, Nazianzeno ed Efrem lo diffamarono crudelmente, Efrem lo chiamò caprone.

Dopo le denigrazioni della chiesa, questo personaggio fu rivalutato nell'età moderna da Montesquieu, Voltaire, Montaigne, Chateaubriand, Goethe, Schiller, probabilmente è stato uno dei più illuminati e umani  regnanti di tutti i tempi.

Il suo successore Gioviano (363-364) sacrificò alle divinità pagane, fece la pace con i persiani, amava il vino e le donne, esiliò militari e funzionari vicini a Giuliano, restituì i privilegi al clero cristiano che tornò ad affollare la corte e perciò lo sostenne, nelle alte cariche dello stato però vi erano ancora dei pagani.

I successori imperatori Valentiniano e Valente erano cristiani con la fede nella trinità, governarono il primo in occidente e il secondo in oriente, Valentiniano  era vicino alla chiesa cattolica e Valente  vicino agli ariani, comunque, erano entrambi senza scrupoli e fautori di un militarismo esasperato.

Valentiniano (364-375) però cercò di arginare la tendenza del clero a dare la caccia alle eredità, la chiesa sollecitava i lasciti dalle ricche vedove, ripudiò la cattolica Marina Severa per sposare Giustina ed il clero, in questo caso, non ebbe niente da ridire, fu ben disposto verso gli ebrei e sancì che il clero poteva essere giudicato solo da tribunali ecclesiastici, perseguitò manichei, donatisti, maghi e quelli che si macchiavano di delitti sessuali.

Valentiniano applicò sistematicamente la pena di morte, senza regolare processo, con confessioni estorte con la tortura, colpì anche l'aristocrazia, confiscando le sue ricchezze, rafforzò l'esercito e aumentò la pressione fiscale, tollerò la corruzione, edificò castelli e sottomise la Britannia, spingendosi oltre il Reno.

Valente (364-378) in oriente  fu l'ultimo imperatore a sostenere l'arianesimo, all'inizio egli era stato cattolico, però poi ad Antiochia perseguitò i cattolici, punì la stregoneria con la pena di morte,  incendiò biblioteche, non risparmiò nemmeno le mogli dei congiurati e  confiscò ricchezze.

Il IV secolo fu caratterizzato dalla lotta tra arianesimo e cattolicesimo, al centro di questo conflitto fu il vescovo Attanasio d'Alessandria, dal IV al VI secolo crebbero le dispute sulla dottrina trinitaria.

A proposito dei misteri e dei dogmi cristiani,  Diderot diceva: "Se Dio ci chiede di sacrificare la ragione ci chiede di occultare ciò che egli ha creato", fino all'inizio del III secolo nessuno credeva allo spirito santo e Nazianzeno guardava con sospetto i sinodi dei vescovi,  che alimentavano le controversie ed i conflitti ed erano inconcludenti.

Continuava però la falsificazione e la denigrazione degli avversari e della loro dottrina, per favorire un partito, fatti importanti erano passati sotto silenzio da chi stendeva le cronache, così si comportarono Gelasio, vescovo di Cesarea, e Attanasio, Gelasio falsificò anche la storia.

Per gli ariani Cristo era distinto dal padre e a lui subordinato, per i cattolici era consustanziale al padre ed era Dio fatto uomo, le dispute religiose erano frequenti e arrivavano nelle strade, però erano sempre alimentate dall'interesse economico e di potere, cioè l'interesse per i vescovati e relative pecorelle  e l'interesse per un riconoscimento che veniva dall'imperatore, che portava altri privilegi.

Infatti,  faceva notare il vescovo Nazianzeno, i contrasti ideologici erano un pretesto, la brama per il potere e i privilegi economici erano il vero motivo dei conflitti, accade ancora oggi nelle lotte tra i partiti, tanto che il santo Girolamo riconobbe che era più facile vivere tra le fiere che tra i cristiani.

Tra il IV e il V secolo il patriarcato d'Alessandria era in competizione con quello d'Antiochia, Ario, che disinteressatamente aveva rinunciato al vescovato d'Alessandria, a causa della sua dottrina fu esiliato dal vescovo Alessandro, nel 325 Costantino, per risolvere la disputa a favore dell'unità dell'impero, convocò il concilio di Nicea, al quale parteciparono pochi vescovi occidentali, e cercò di dirimere la controversia tra Ario e Alessandro.

In quell'occasione il vescovo cattolico Eusebio riuscì a conquistare i favori dell'imperatore e il concilio accettò la constanzialità tra padre e figlio e il dogma trinitario, all'imperatore in realtà premeva solo l'unità della chiesa e dell'impero, nel IV secolo era l'imperatore che decideva  sulla  dottrina della chiesa e convocava i concili.

Gli ariani disertarono il concilio di Nicea,  l'imperatore trattò con ostilità i disobbedienti e mandò in esilio Ario, naturalmente furono bruciati dei libri e tanti ritrattarono per salvarsi, come il solito, pochi cristiani accettavano il martirio.

Nel 328 Attanasio era divenuto patriarca d'Alessandria, la sua elezione era stata irregolare come quella d'Agostino e accompagnata da violenze, ricorse alla diffamazione e all'eliminazione fisica degli avversari, però poi invocò dallo stato la libertà per la sua chiesa.

La chiesa non ha mai invocato la libertà come patrimonio di tutti, ma solo la libertà per se stessa, per la brama di potere  e per difendere  propri interessi economici, essa è stata sempre disposta a calpestare tutta l'umanità e ad appoggiarsi a tiranni di tutti i tipi.

Attanasio aveva condannato la dottrina di Ario e lo diffamò, difese il concilio di Nicea e si abbassò al pestaggio degli avversari cristiani, bruciò vivo il vescovo Arsenio, falsificò documenti e sfruttò la sua diocesi, perciò Costantino gli fece notare il triste spettacolo dato dai figli di Dio che si comportavano peggio dei pagani, l'imperatore quindi lo mandò in esilio, ma poi lo richiamò.

Stanco dei cattolici, Costantino ordinò al patriarca di Costantinopoli di riammettere Ario, il quale però morì per la strada, forse assassinato, Attanasio però affermò che era morto grazie alle sue preghiere.

Scoppiarono tumulti tra vescovi esiliati  e poi ritornati ed altri vescovi, ad Adrianopoli il vescovo Lucio diede da mangiare ai suoi cani il pane della comunione, gli altari erano profanati, Alessandria era diventata un campo di battaglia, Attanasio riparò a Roma dove cercò di mettere zizzania tra oriente e occidente.

Antiochia fu scelta come città di residenza dell'imperatore Giuliano, anche là ci furono tumulti con gli ariani, il popolo ne uscì stremato dai conflitti e forse per questo alla fine aderì in massa alla setta eretica giacobita, costituita da cristiani monofisiti siriani.

Anche a Costantinopoli continuava la guerra civile, dietro lo scontro c'erano anche questioni politiche, come la sorte di diocesi importanti di Tracia e di Costantinopoli, la chiesa occidentale e quell'orientale si scomunicarono a vicenda, Attanasio si schierò con quell'occidentale, protetto dal vescovo di Roma.

Nel 346 Attanasio ritornò ad Alessandria, poi scappò di nuovo e si rifugiò presso un'avvenente ventenne, fu destituito quindi  per volontà  dall'imperatore nei sinodi di Arles (353) e di Milano (355), nel 362 Attanasio ritornò ancora ad Alessandria e promise ai vescovi ariani la conservazione del posto, se avessero riconosciuto il credo niceno.

Al concilio di Rimini, i padri conciliari, appellandosi a Nicea, si ribellarono al credo ariano di Costanzo II, quando però questo minacciò, accettarono il credo ariano, più preoccupati della loro poltrona che della loro fede, però, non appena morì l'imperatore, tornarono al loro credo niceno.

Il patriarca di Gerusalemme, Giorgio di Cappadocia, era un ariano dedito agli affari nel settore delle pompe funebri, nella produzione di bicarbonato e di papiri, andava a caccia d'eredità, arrivando anche ad assassinare i beneficiari di testamenti, incarcerò persone ed esiliò vescovi, perseguitò i pagani e saccheggiò i loro luoghi di culto, alla fine fu costretto fuggire da Attanasio.

Ambrogio, nato nel 333 o nel 339, era intollerante e inflessibile, era uomo di potere vicino all'impero e sapeva manipolare la folla, faceva apparire miracolosamente le reliquie dei santi, nel 374 fu consacrato vescovo di Milano, otto giorni dopo aver ricevuto il battesimo, allora aveva una conoscenza scarsa della religione cristiana.

Il santo Ambrogio fu contro gli ariani, i pagani e gli ebrei, falsificò documenti, sobillò le truppe, però sopravvisse alla caduta di quattro imperatori, invece l'imperatore Valentiniano I era dedito alla preghiera, in pratica perciò Ambrogio governò per il giovane sovrano.

Suo figlio, l'imperatore Graziano, perseguì  eresie, arianesimo e paganesimo, rimpinguando le casse dello stato, e rifiutò il titolo di pontifex maximus, Ambrogio si servì di questo imperatore per combattere il senato di Roma. Il successivo imperatore Teodosio (379-395), cattolico, continuò le persecuzioni contro eretici ed ebrei e fece spargere il sangue come fosse acqua.

Nel 375 i goti, divisi in visigoti e ostrogoti, che vivevano sui carri ed erano originari della Svezia, furono travolti dagli Unni, che vivevano a cavallo e venivano dall'Asia centrale, perciò chiesero all'imperatore Valente di essere accolti entro i confini dell'impero come federati, quando irruppero in Italia, sotto Teodorico, i goti erano già cristiani, anche se ariani, nel 377 l'imperatore Valente fu sconfitto dai goti ad Adrianopoli.

Amare i propri nemici per Ambrogio e Agostino non era possibile, anzi per Agostino la guerra era legittima, Ambrogio istigava l'imperatore Graziano contro pagani ed eretici, allora i germani e l'imperatore d'oriente erano ariani e i romani erano cattolici, allora germano era sinonimo di ariano, di straniero e di miscredente.

Il governo di Teodosio fu improntato allo spreco, al nepotismo e allo sfruttamento del popolo, egli confiscò il patrimonio dei suoi nemici, dai soldati pretendeva un giuramento alla trinità e all'imperatore, sotto di lui i goti erano privi di cittadinanza e servi dell'impero, Teodosio cercò di mettere le tribù barbare germaniche una contro l'altra.

Teodosio fu il primo imperatore a gettare le basi di uno stato confessionale, dichiarando che il cattolicesimo era l'unica religione ammessa nell'impero, allontanò i vescovi ariani dalle loro chiese ed elevò a patriarca di Costantinopoli il laico Nettario, che non aveva ricevuto neppure il battesimo.

Ambrogio respingeva la filosofia pagana e il sapere scientifico, nel 376 a Roma fu distrutto il tempio di Mitra e in quegli anni i culti pagani furono privati dei residui privilegi fiscali.

Ambrogio condizionava l'imperatore Graziano, perciò divenne lecito distruggere le sinagoghe, gli ariani non partecipavano ai concili dei vescovi  e nei verbali dei concili finivano solo le tesi dei cattolici, mentre i vescovi  seguirono Ambrogio come un coro.

Ambrogio inserì finte reliquie di martiri nella basilica ambrosiana di Milano, sulle quali crebbe il culto, anche in altri paesi d'Europa si sviluppò il traffico delle reliquie dei santi.

Le ragioni del vandalismo contro le sinagoghe risiedevano nella propaganda antisemita della chiesa, il culto degli ebrei però era ancora tollerato sotto Teodosio, che aveva solo proibito agli ebrei di possedere schiavi cristiani e di fari matrimoni misti. L'antisemitismo di Hitler non si potrebbe comprendere se non avesse alle spalle due millenni d'antisemitismo cristiano.

L'imperatore Graziano alla sua morte non fu pianto dai cattolici, perché prima di morire aveva revocato le esenzioni fiscali a favore del clero, forse Valentiniano e Graziano morirono per ordine di Teodosio, che fu un grande per la chiesa, Teodosio aumentò le imposte e fece delle dure repressioni, però  Ambrogio lodò la sua clemenza.

Agostino condannò la follia dei tessalonicesi che si ribellarono all'imperatore, ma non la dura repressione dell'imperatore Teodosio che però fu il primo imperatore a farsi battezzare molto prima di morire.

Teodosio condannò a morte anche i membri della setta eretica degli entratiti, che rifiutava la carne, il vino, il matrimonio, indossava il saio e viveva in ascetismo, celebrando l'eucaristia con l'acqua invece che con il vino.

Teodosio erra sostenuto dalla chiesa, che voleva l'unità della chiesa, i cristiani che si convertivano al paganesimo non potevano più ereditare, erano vietati i sacrifici e la frequentazione di templi pagani. Agostino era intollerante e non era contrario alla guerra, non fu un brillante studente, malgrado ciò, divenne insegnante di retorica, fu battezzato a Milano da Ambrogio e nel 398 divenne sacerdote.

Agostino era cavilloso e arrivista, non era animalista perché aveva detto: "Dio ha creato gli animali perché l'uomo, morso da essi, si esercitasse alla virtù della pazienza", era superficiale, retorico, banale e polemico, attaccò donatisti, pelagiani, pagani, ebrei, ariani, astrologi, priscilliani e apollinaristi.

I priscilliani rifiutavano trinità e resurrezione di Cristo  e gli apollinaristi, si richiamavano ad  Apollonio di Tiana che aveva fatto miracoli come Cristo. Agostino aveva disperso le sue energie, abbandonandosi alla lussuria e alla fornicazione, aveva vissuto con una concubina e poi con una bambina, alla fine stanco, arrivò ad esaltare la castità.

In Africa settentrionale il vescovo donatista, Massimiano, fu assassinato quando la sua  fede sembrava conquistare l'Africa,  la sua chiesa fu saccheggiata, la chiesa donatista voleva imporsi come comunità di poveri, di tipo comunista, perciò seminò il panico tra i grandi proprietari terrieri della Numidia, sostenuti dai cattolici e dall'imperatore.

Anche la diocesi di Agostino era a maggioranza donatista, la sinistra donatista, cioè i circoncellioni erano visti come ladri e saccheggiatori, che arrivavano anche ad appiccare il fuoco alle basiliche e  rendevano la libertà agli schiavi.

La loro roccaforte era in Algeria, i donatisti erano contadini d'origine cartaginese o berbero-punica, esisteva colà un gap sociale tra i proprietari terrieri e i contadini,  Agostino difese con risolutezza gli interessi della classe dei possidenti, prima pensò di convertire alle sue idee gli eretici donatisti, poi sollecitò la repressione da parte dell'impero.

Per Agostino, vescovo d'Ippona, le torture inflitte dai cattolici erano poca cosa di fronte ai tormenti dell'inferno, egli in principio era stato contrario alla pena di morte, ma poi avallò la condanna a  morte per i briganti donatisti,  nel 405 l'imperatore Onorio dichiarò eretici i donatisti che furono repressi  e le loro chiese furono consegnate ai cattolici.

I vandali di Alarico invasero l'Italia e nel 410 sospesero le persecuzioni contro i donatisti, anche in Africa settentrionale i donatisti furono protetti dai vandali e furono annientati definitivamente solo con l'avanzata dell'Islam.

Agostino sosteneva la dottrina del peccato originale, della predestinazione e della grazia, attaccò Pelagio che sosteneva invece l'importanza del libero arbitrio, poi la dottrina d'Agostino fu trasformata in dogma dal concilio d'Orange del 529 e da quello di Trento.

Nel 410 Pelagio, appartenente ad una ricca famiglia, sbarcò ad Ippona ed Agostino, ancora non schierato contro di lui, cercò di convincerlo a non lasciare i suoi beni ai poveri, ma a devolverli alla sua chiesa,  Pelagio non aderì alla richiesta, così si procurò un nemico.

Pelagio, che divenne patriarca di Gerusalemme, affermava che  i bambini non nascevano peccatori  e che ogni uomo poteva discernere il bene dal male,  praticava l'ascesi e reprimeva la sessualità. Anche Girolamo attaccò Pelagio, nel 416 i sinodi di Cartagine e Milano condannarono Pelagio, accusandolo  di aver negato la  necessità del battesimo dei bambini e della preghiera.

Papa Innocenzo I e il suo successore Zosimo (417-418) non trovarono colpe in Pelagio e ammonirono Agostino, chiedendo all'episcopato africano la riabilitazione di Pelagio e del suo seguace Celestio.

Allora Agostino non si arrese e si rivolse a Ravenna all'imperatore d'occidente Onorio, figlio di Teodosio, e ottenne la repressione dei pelagiani, la loro espulsione e la confisca dei loro beni, poi  lo stesso papa  Zosimo si sottomise alla volontà dell'imperatore.

In Sicilia i pelagiani avevano trovato protezione, erano ammirati per il loro ideale umanitario e per la loro condanna dello sfruttamento, per la loro lotta al clientelismo e alla corruzione, perché erano per  la giustizia sociale e la distribuzione delle ricchezze. Nella storia le questioni politico-sociali s'intrecciano sempre con quelle teologiche.

Agostino si scontrò con il vescovo pugliese Giuliano, che un  nobile con sensibilità sociale,  mentre Agostino mancava di questa sensibilità, Giuliano definiva Agostino: "Patronus asinorum" e cercò di conciliare grazia con libero arbitrio, egli criticava anche l'opinione negativa d'Agostino su matrimonio e concupiscenza, alla fine Giuliano fu scomunicato da papa Zosimo, istigato da Agostino.

Come S. Tommaso D'Aquino, Agostino difendeva la prostituzione, utile per dare sfogo alle passioni, diceva, allora però vescovi, abati e badesse mantenevano spesso bordelli molto redditizi, accadde anche sotto Sisto IV (1471-1488). Agostino aveva l'abitudine di picchiare la propria famiglia, ogni sabato, a scopo preventivo.

L'imperatore Onorio, figlio di Teodosio I, e sua  sorella erano sotto l'influenza di Ambrogio, perciò perseguitavano eretici, pagani ed ebrei, così tanti templi furono demoliti, per Agostino gli ebrei dovevano esser schiavi dei cristiani, era sicuro che un giorno Dio li avrebbe massacrati, naturalmente incolpò gli ebrei della morte di Cristo.

Agostino, come Ambrogio, difese la guerra e il servizio militare, per lui lo Stato era stato voluto da Dio, anche se era corrotto dal peccato,  lodava sempre gli interventi sanguinosi e repressivi dello stato. Per Agostino i non cristiani avevano meno diritti dei cristiani e gli animali avevano meno diritti dell'uomo, inoltre, chi combatteva per volontà di Dio, cioè dei preti,  poteva anche uccidere.

Agostino considerava la disobbedienza il peggiore dei peccati, esaltò il militarismo anche quando sapeva che i militari vessavano i contadini con le requisizioni, giustificava anche le guerre d'aggressione, con i conseguenti massacri, esaltò la guerra giusta e affermò che erano giuste tutte le guerre di Roma, diceva che bisognava portare la civiltà e imporre la pax romana. Diceva Napoleone che non esiste un'intesa migliore come quella tra preti e soldati.

Agostino era favorevole alla tortura, che diceva che era niente se paragonata alle pene dell'inferno, sosteneva la pena del taglione e la vendetta, caldeggiò la guerra santa voluta da Dio, Teodoreto però, senza demagogia, aveva affermato che la guerra apportava alla chiesa maggiori benefici della pace.

Per Agostino le uniche guerre da condannare erano quelle civili, con romani contro romani, nel 429 Agostino, con l'avanzata dei vandali, assistette al crollo del dominio romano in Africa, la popolazione  non oppose resistenza perché indebolita economicamente dallo sfruttamento della chiesa e dello stato, solo i goti, alleati dei romani, tentarono un'inutile resistenza.

Socrate, i filosofi romani e Averroé avevano difeso la ragione umana contro i dogmi, anche Lutero esaltò la libertà del cristiano e la sua autonomia di coscienza, generalmente però le religioni si sono opposte alla libertà di pensiero, la chiesa cattolica non ha accettato volentieri di adattarsi ai tempi moderni, ma ha desiderato piegare il tempo ai suoi interessi di potere, coltivando sempre nostalgie per il medioevo.

Diamo un'occhiata all'estero,  dal 1/1/2000 la chiesa luterana svedese, in omaggio ala separazione dei poteri,  non è più religione di stato ed è stato innestato un processo di privatizzazione massiccia delle proprietà della chiesa svedese, la chiesa cattolica invece, non pensa di privatizzare le sue ricchezze  e preferisce farsi passare per povera, invece è una potenza finanziaria immane e planetaria.

 

nuntius

 

Fine del primo volume, seguirà, fra dieci giorni circa, la recensione del secondo.

KARLHEINZ DESCHNER

STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO -  VOL.  I   -  Editore Ariele

PARTE SECONDA

 

La chiesa condannò la diserzione e  ordinò che le milizie fossero costituite solo da cristiani, nel 362 però Attanasio, faziosamente, invitò alla diserzione i soldati cristiani che militavano nelle file dell'imperatore pagano Giuliano, inoltre Attanasio, che si era detto contrario all'assassinio, sostenne che in guerra era legittimo uccidere il nemico. Comunque,  Crisostomo sosteneva che i militari cristiani dovevano essere solo volontari, per servire lo stato i preti erano ormai a favore della pace solo in tempo di pace.

C'è chi dice che Costantino si trasferì a Bisanzio perché il suo assassinio dei parenti aveva generato a Roma un moto generale di riprovazione, poi l'imperatore fu battezzato in punto di morte da un prete ariano.

Con l'avvento del cristianesimo ricevette impulso l'applicazione della pena di morte, però  l'impiccagione sostituì la crocifissione, e le epurazioni negli strati alti della popolazione, dove vi era la lotta politica, perché gli strati bassi si potevano anche costringere ai lavori forzati o alla schiavitù, Costantino autorizzò l'uso della tortura nei tribunali.

Per favorire la chiesa, si rese più difficile il divorzio e l'adulterio fu considerato un grave reato,  però, mentre i preti predicavano contro la lussuria e l'adulterio, avevano rapporti lascivi con le loro schiave.

Per tutelare l'asse ereditario dei possidenti, concubine e figli non potevano ricevere eredità e i figli illegittimi non potevano essere legittimati, inoltre i servi non potevano denunciare il padrone se non per alto tradimento e frode fiscale, anche queste riforme furono fatte con l'assenso della chiesa.

Furono previste pene per  chi intratteneva rapporti con gli ebrei, invece i pagani avevano tollerato la religione ebraica e Diocleziano, ultimo persecutore dei cristiani, non aveva preteso che gli ebrei offrissero sacrifici alle divinità pagane.

L'editto del 313, firmato da Licinio e Costantino, garantiva la libertà ad ogni religione, tuttavia, dopo il concilio di Nicea del 325, Costantino accusò gli ebrei d'essere autori di misfatti, concesse loro di recarsi a Gerusalemme soltanto un giorno l'anno, vietò loro di avere schiavi cristiani e la conversione all'ebraismo fu punita con la morte.

Costantino perseguitò anche le eresie, le elezioni dei vescovi erano spesso irregolari e spesso in esse si ricorreva alla corruzione, perché la carica di vescovo era ambita e fonte di privilegi, la pratica sarebbe durata per tutti i secoli successivi.

Tra gli eretici, i donatisti respingevano l'alleanza fra trono e altare, tra loro Cipriano sosteneva che la validità dei sacramenti dipendeva dalla purezza di chi li impartiva, cioè chiedeva un clero moralmente sano, per i donatisti non erano più cristiani quelli che durante le persecuzioni avevano abiurato la loro fede, la maggior parte dei dirigenti cristiani però, nella ricerca della supremazia,   era di manica larga perché il numero era potenza, come affermava Mussolini.

Agostino ribatté ai donatisti che anche il sacerdote malvagio e corrotto rappresentava Dio, tesi in verità molto singolare, che però ha riscosso la maggioranza del consenso dentro la chiesa. Costantino, assecondando il vescovo Ciciliano, inviso ai suoi fedeli, diede battaglia ai donatisti e li sterminò, espropriando le loro ricchezze e privandoli dei luoghi di culto, consegnati ai cattolici, ed esiliando i loro capi.

Ai donatisti si unirono anche gli schiavi dei latifondisti nordafricani, generalmente cattolici, scoppiò cioè anche un a rivolta contadina, il santo Eusebio approvò, con entusiasmo, la repressione operata da Costantino.

Costantino però si muoveva con maggior circospezione nei confronti dei pagani, perché essi erano ancora la maggioranza in occidente, inoltre egli inizialmente, come pontefix maximus, nominava anche  sacerdoti pagani e presiedeva il collegio dei sacerdoti pagani, tuttavia a corte e nell'esercito i cristiani facevano carriera più velocemente.

Nel 330 ci fu la condanna del neoplatonismo, poi  Costantino prese a perseguitare anche i culti pagani e ordinò la distruzione di tutte le immagini degli dei, privò i templi delle loro entrate, ne proibì il loro restauro  e poi n'ordinò anche la distruzione.

Costantino fece bruciare gli scritti di Porfirio e i cristiani cominciarono a saccheggiare i templi pagani, mentre i loro arredi sacri erano consegnate alle chiese cristiane, le ricchezze dei templi affluirono anche nelle casse imperiali.

Costantino ordinò di esporre nelle piazze le statue pagane sequestrate e da allora esse, prima custodite al chiuso, diventarono una moda nei viali e nelle piazze, tante chiese cristiane furono costruite sulle rovine dei templi distrutti.

La chiesa era attratta dai tiranni purché fossero stati suoi soci e amici e purché l'avessero favorita, non reclamava diritti per il popolo ma solo per se stressa, Costantino fu battezzato dall'ariano Eusebio solo prima di morire, com'era allora di moda, per vedersi cancellati i peccati con il pentimento e il battesimo.

In Persia in un primo tempo  re Sapur I fece giustiziare sua moglie ed esiliare una sorella perché si erano convertite al cristianesimo, poi re Baharam I (274-277) perseguitò cristianesimo e manicheismo e suo  il figlio Baharam II fece uccidere sua moglie perché cristiana, ciò attesta che le persecuzioni religiose non furono una caratteristica dei soli cristiani.

Ciò malgrado, tra il III e il IV secolo, la Persia contava diciotto vescovi cristiani, cioè sotto i sassanidi ci fu tolleranza religiosa, anche se il sovrano era generalmente orientato, per la ragione di stato, cioè per opportunismo di potere perché la Persia era nemica di Roma, verso lo zoroastrismo o mazdeismo. Infatti,  la chiesa persiana era sospettata di cospirare con i romani, poi i persiani cristiani rifiutavano il servizio militare e disprezzavano lo zoroastrismo.

In Persia re Sapur II (310-379) cominciò a vedere nei cristiani del  suo impero delle spie dei romani, perciò fece del mazdeismo religione di stato, quando divenne re  Jezdegerd I (339-420), questo prese le distanze dal mazdeismo e si avvicinò ai cristiani e a Roma, però nel 423 il nuovo re di Persia fu costretto ad accettare una chiesa cristiana autocefala, cioè indipendente da Roma.

Anche la chiesa armena, più antica di quella persiana, si sviluppò come una chiesa nazionale, gli armeni, nel propagare la loro fede cristiana, distrussero templi pagani e uccisero donne e bambini, divenuto il cristianesimo religione di stato, essi iniziarono le persecuzioni contro i pagani, il santo patriarca Gregorio, per distrurre i templi pagani,  allestì un esercito di monaci,  e fece costruire al loro posto chiese cristiane.

Gregorio divenne arcivescovo e fece in modo che i beni donati al suo episcopato diventassero proprietà privata della sua famiglia, gli armeni, guidati dal loro patriarca e alleati dei romani, sconfissero i persiani in battaglia,  nel 334 anche Costantino intervenne a fianco degli armeni.

Il re dell'Armenia Tiridate III, prima aveva perseguitato i cristiani e poi si convertì dieci anni prima di Costantino, la cristianizzazione dell'Armenia avvenne, per opera di Gregorio, intorno l'anno 280, dopo che questo aveva guadagnato i favori della sorella del re, la chiesa avanzava dietro mogli, sorelle e concubine di principi, vedremo meglio la cosa quando si dovranno convertire i germani.

Sotto i successori di Costantino, l'impero fu considerato un'istituzione cristiana e gli imperatori furono nobilitati dalla chiesa come figli di Dio, il figlio di Costantino, Costanzo I, di fede ariana, sterminò i membri maschi della sua famiglia, le sue guardie del corpo e i suoi sicari erano cristiani, tanto che Giuliano l'apostata affermò che non esistevano fiere tanto pericolose quanto i cristiani.

Eusebio non condannò gli assassini ordinati da Costanzo, che aveva ricevuto il battesimo, anzi l'imperatore era fatto passare dalla chiesa per casto, in realtà rifiutava le donne perché omosessuale, Costanzo I ricolmò le chiese e i prelati di doni, ricorse al commercio delle cariche e oppresse i poveri.

Suo fratello Costante riprese a distruggere i templi pagani, intensificò la lotta contro i donatisti,   sequestrò le loro ricchezze e donò le loro chiese ai cattolici, comunque allora vi erano molti  vescovi opportunisti che cambiavano bandiera, da ariani, a cattolici, a donatisti, era il trasformismo della politica e dei centri di potere, con il tradimento si poteva fare carriera, ciò che contava era avere un seguito tra il popolo, diversamente non si potevano ricattare i potenti, accade ancora oggi.

L'imperatore Costanzo II esonerò i preti e le loro famiglie dal pagamento dell'imposta fondiaria e delle altre imposte, impedì che i vescovi 727j98h fossero giudicati dai tribunali civili, per conseguenza, fu sostenuto dalla chiesa, anche se ariano, perché ne difese gli interessi.

Per favorire la penetrazione romana, furono costruite chiese nei nodi strategici e commerciali dell'impero, il cristianesimo era divenuto un "instrumentum regni", perciò Costanzo II favorì l'unità della chiesa e spedì in esilio il vescovo Attanasio (295-375), santo e dottore della chiesa che non disdegnava la lotta per il potere, con la scusa della religione, l'imperatore  inasprì anche le disposizioni contro gli ebrei.

L'impero  si accanì contro i culti misterici pagani, le ricchezze dei templi furono espropriate, le statue distrutte, tra i cristiani Firmino esortava a sterminare  tutti i pagani, così i cattolici passarono dall'ideologia del martirio a quella della persecuzione.

L'imperatore  ordinò la chiusura di tutti i templi con la confisca dei loro beni,  ora le pecorelle dei sudditi  accorrevano in massa tra le mani dei nuovi pastori, perché bisognose di protezione, però ne venivano tosate, Costanzo II mise anche in piedi un vasto apparato di polizia segreta.

Nel 357 però Roma era ancora roccaforte dell'antica religione, perciò Costanzo II rese ancora omaggio alle vestali, alcuni decenni dopo la realtà mutò radicalmente, comunque fu rinnovata la proibizione di magia e divinazione.

Ad Antiochia Gallo, cristiano e cugino di Costantino, visse come un tiranno e perseguitò e sterminò i pagani, arrivando a sobillare anche il popolo, incendiò città e massacrò abitanti. Il piccolo Giuliano, appartenente alla famiglia reale, al ricordo del massacro dei parenti, si abbandonava a crisi di pianto, era stato educato dall'ariano Giorgio di Cappadocia, per reazione agli abusi dei cristiani e degli imperatori cristiani fu conquistato dal paganesimo e nel 360 fu acclamato imperatore dalle truppe.

Giuliano (361-363) sostituì la dottrina cristiana con un panteismo centrato sul culto del sole Helios, esso ebbe un'alta statura morale ed era un letterato, però fu chiamato "l'apostata" dai cristiani, non si circondava, come i suoi predecessori, di concubine o di giovinetti, non beveva, nell'amministrazione dello stato si appoggiò agli intellettuali, cercò di allontanare gli adulatori, i delatori e le spie, ridusse le tasse, iniziò a ricostruire i templi pagani, senza però attaccare il cristianesimo, e fu tollerante con gli ebrei.

Ci furono disordini, perché i donatisti profittarono dell'occasione per vendicarsi dei cattolici, perciò Giuliano fu costretto a fare delle repressioni, Giuliano criticava l'arroganza e il senso d'elezione d'ebrei e cristiani, però autorizzò gli ebrei a ricostruire il tempio di Gerusalemme, vestiva con modestia, era frugale e mangiava il rancio dei suoi soldati, cercò di aiutare i poveri.

Giuliano diceva che per persuadere gli uomini occorreva la ragione e non la violenza, richiamò in patria gli esiliati e restituì loro i loro beni, vietò ai preti di stendere testamenti come notai, per impedire che incamerassero beni di altri, perché il popolo era analfabeta, impose ai cristiani di restituire le colonne rubate ai templi pagani.

Tuttavia la sua decisione di escludere i cristiani dalla milizia suscitò una dura opposizione, nel 363 morì in una campagna contro i persiani, colpito al fianco da una lancia scagliata da un sicario cristiano, Teodoreto affermò che l'arma  era stata scagliata da un angelo.

Alla morte di Giuliano i cristiani celebrarono l'evento con pubblici banchetti e distrussero le sue opere letterarie e le sue iscrizioni, Agostino, Crisostomo, Nazianzeno ed Efrem lo diffamarono crudelmente, Efrem lo chiamò caprone.

Dopo le denigrazioni della chiesa, questo personaggio fu rivalutato nell'età moderna da Montesquieu, Voltaire, Montaigne, Chateaubriand, Goethe, Schiller, probabilmente è stato uno dei più illuminati e umani  regnanti di tutti i tempi.

Il suo successore Gioviano (363-364) sacrificò alle divinità pagane, fece la pace con i persiani, amava il vino e le donne, esiliò militari e funzionari vicini a Giuliano, restituì i privilegi al clero cristiano che tornò ad affollare la corte e perciò lo sostenne, nelle alte cariche dello stato però vi erano ancora dei pagani.

I successori imperatori Valentiniano e Valente erano cristiani con la fede nella trinità, governarono il primo in occidente e il secondo in oriente, Valentiniano  era vicino alla chiesa cattolica e Valente  vicino agli ariani, comunque, erano entrambi senza scrupoli e fautori di un militarismo esasperato.

Valentiniano (364-375) però cercò di arginare la tendenza del clero a dare la caccia alle eredità, la chiesa sollecitava i lasciti dalle ricche vedove, ripudiò la cattolica Marina Severa per sposare Giustina ed il clero, in questo caso, non ebbe niente da ridire, fu ben disposto verso gli ebrei e sancì che il clero poteva essere giudicato solo da tribunali ecclesiastici, perseguitò manichei, donatisti, maghi e quelli che si macchiavano di delitti sessuali.

Valentiniano applicò sistematicamente la pena di morte, senza regolare processo, con confessioni estorte con la tortura, colpì anche l'aristocrazia, confiscando le sue ricchezze, rafforzò l'esercito e aumentò la pressione fiscale, tollerò la corruzione, edificò castelli e sottomise la Britannia, spingendosi oltre il Reno.

Valente (364-378) in oriente  fu l'ultimo imperatore a sostenere l'arianesimo, all'inizio egli era stato cattolico, però poi ad Antiochia perseguitò i cattolici, punì la stregoneria con la pena di morte,  incendiò biblioteche, non risparmiò nemmeno le mogli dei congiurati e  confiscò ricchezze.

Il IV secolo fu caratterizzato dalla lotta tra arianesimo e cattolicesimo, al centro di questo conflitto fu il vescovo Attanasio d'Alessandria, dal IV al VI secolo crebbero le dispute sulla dottrina trinitaria.

A proposito dei misteri e dei dogmi cristiani,  Diderot diceva: "Se Dio ci chiede di sacrificare la ragione ci chiede di occultare ciò che egli ha creato", fino all'inizio del III secolo nessuno credeva allo spirito santo e Nazianzeno guardava con sospetto i sinodi dei vescovi,  che alimentavano le controversie ed i conflitti ed erano inconcludenti.

Continuava però la falsificazione e la denigrazione degli avversari e della loro dottrina, per favorire un partito, fatti importanti erano passati sotto silenzio da chi stendeva le cronache, così si comportarono Gelasio, vescovo di Cesarea, e Attanasio, Gelasio falsificò anche la storia.

Per gli ariani Cristo era distinto dal padre e a lui subordinato, per i cattolici era consustanziale al padre ed era Dio fatto uomo, le dispute religiose erano frequenti e arrivavano nelle strade, però erano sempre alimentate dall'interesse economico e di potere, cioè l'interesse per i vescovati e relative pecorelle  e l'interesse per un riconoscimento che veniva dall'imperatore, che portava altri privilegi.

Infatti,  faceva notare il vescovo Nazianzeno, i contrasti ideologici erano un pretesto, la brama per il potere e i privilegi economici erano il vero motivo dei conflitti, accade ancora oggi nelle lotte tra i partiti, tanto che il santo Girolamo riconobbe che era più facile vivere tra le fiere che tra i cristiani.

Tra il IV e il V secolo il patriarcato d'Alessandria era in competizione con quello d'Antiochia, Ario, che disinteressatamente aveva rinunciato al vescovato d'Alessandria, a causa della sua dottrina fu esiliato dal vescovo Alessandro, nel 325 Costantino, per risolvere la disputa a favore dell'unità dell'impero, convocò il concilio di Nicea, al quale parteciparono pochi vescovi occidentali, e cercò di dirimere la controversia tra Ario e Alessandro.

In quell'occasione il vescovo cattolico Eusebio riuscì a conquistare i favori dell'imperatore e il concilio accettò la constanzialità tra padre e figlio e il dogma trinitario, all'imperatore in realtà premeva solo l'unità della chiesa e dell'impero, nel IV secolo era l'imperatore che decideva  sulla  dottrina della chiesa e convocava i concili.

Gli ariani disertarono il concilio di Nicea,  l'imperatore trattò con ostilità i disobbedienti e mandò in esilio Ario, naturalmente furono bruciati dei libri e tanti ritrattarono per salvarsi, come il solito, pochi cristiani accettavano il martirio.

Nel 328 Attanasio era divenuto patriarca d'Alessandria, la sua elezione era stata irregolare come quella d'Agostino e accompagnata da violenze, ricorse alla diffamazione e all'eliminazione fisica degli avversari, però poi invocò dallo stato la libertà per la sua chiesa.

La chiesa non ha mai invocato la libertà come patrimonio di tutti, ma solo la libertà per se stessa, per la brama di potere  e per difendere  propri interessi economici, essa è stata sempre disposta a calpestare tutta l'umanità e ad appoggiarsi a tiranni di tutti i tipi.

Attanasio aveva condannato la dottrina di Ario e lo diffamò, difese il concilio di Nicea e si abbassò al pestaggio degli avversari cristiani, bruciò vivo il vescovo Arsenio, falsificò documenti e sfruttò la sua diocesi, perciò Costantino gli fece notare il triste spettacolo dato dai figli di Dio che si comportavano peggio dei pagani, l'imperatore quindi lo mandò in esilio, ma poi lo richiamò.

Stanco dei cattolici, Costantino ordinò al patriarca di Costantinopoli di riammettere Ario, il quale però morì per la strada, forse assassinato, Attanasio però affermò che era morto grazie alle sue preghiere.

Scoppiarono tumulti tra vescovi esiliati  e poi ritornati ed altri vescovi, ad Adrianopoli il vescovo Lucio diede da mangiare ai suoi cani il pane della comunione, gli altari erano profanati, Alessandria era diventata un campo di battaglia, Attanasio riparò a Roma dove cercò di mettere zizzania tra oriente e occidente.

Antiochia fu scelta come città di residenza dell'imperatore Giuliano, anche là ci furono tumulti con gli ariani, il popolo ne uscì stremato dai conflitti e forse per questo alla fine aderì in massa alla setta eretica giacobita, costituita da cristiani monofisiti siriani.

Anche a Costantinopoli continuava la guerra civile, dietro lo scontro c'erano anche questioni politiche, come la sorte di diocesi importanti di Tracia e di Costantinopoli, la chiesa occidentale e quell'orientale si scomunicarono a vicenda, Attanasio si schierò con quell'occidentale, protetto dal vescovo di Roma.

Nel 346 Attanasio ritornò ad Alessandria, poi scappò di nuovo e si rifugiò presso un'avvenente ventenne, fu destituito quindi  per volontà  dall'imperatore nei sinodi di Arles (353) e di Milano (355), nel 362 Attanasio ritornò ancora ad Alessandria e promise ai vescovi ariani la conservazione del posto, se avessero riconosciuto il credo niceno.

Al concilio di Rimini, i padri conciliari, appellandosi a Nicea, si ribellarono al credo ariano di Costanzo II, quando però questo minacciò, accettarono il credo ariano, più preoccupati della loro poltrona che della loro fede, però, non appena morì l'imperatore, tornarono al loro credo niceno.

Il patriarca di Gerusalemme, Giorgio di Cappadocia, era un ariano dedito agli affari nel settore delle pompe funebri, nella produzione di bicarbonato e di papiri, andava a caccia d'eredità, arrivando anche ad assassinare i beneficiari di testamenti, incarcerò persone ed esiliò vescovi, perseguitò i pagani e saccheggiò i loro luoghi di culto, alla fine fu costretto fuggire da Attanasio.

Ambrogio, nato nel 333 o nel 339, era intollerante e inflessibile, era uomo di potere vicino all'impero e sapeva manipolare la folla, faceva apparire miracolosamente le reliquie dei santi, nel 374 fu consacrato vescovo di Milano, otto giorni dopo aver ricevuto il battesimo, allora aveva una conoscenza scarsa della religione cristiana.

Il santo Ambrogio fu contro gli ariani, i pagani e gli ebrei, falsificò documenti, sobillò le truppe, però sopravvisse alla caduta di quattro imperatori, invece l'imperatore Valentiniano I era dedito alla preghiera, in pratica perciò Ambrogio governò per il giovane sovrano.

Suo figlio, l'imperatore Graziano, perseguì  eresie, arianesimo e paganesimo, rimpinguando le casse dello stato, e rifiutò il titolo di pontifex maximus, Ambrogio si servì di questo imperatore per combattere il senato di Roma. Il successivo imperatore Teodosio (379-395), cattolico, continuò le persecuzioni contro eretici ed ebrei e fece spargere il sangue come fosse acqua.

Nel 375 i goti, divisi in visigoti e ostrogoti, che vivevano sui carri ed erano originari della Svezia, furono travolti dagli Unni, che vivevano a cavallo e venivano dall'Asia centrale, perciò chiesero all'imperatore Valente di essere accolti entro i confini dell'impero come federati, quando irruppero in Italia, sotto Teodorico, i goti erano già cristiani, anche se ariani, nel 377 l'imperatore Valente fu sconfitto dai goti ad Adrianopoli.

Amare i propri nemici per Ambrogio e Agostino non era possibile, anzi per Agostino la guerra era legittima, Ambrogio istigava l'imperatore Graziano contro pagani ed eretici, allora i germani e l'imperatore d'oriente erano ariani e i romani erano cattolici, allora germano era sinonimo di ariano, di straniero e di miscredente.

Il governo di Teodosio fu improntato allo spreco, al nepotismo e allo sfruttamento del popolo, egli confiscò il patrimonio dei suoi nemici, dai soldati pretendeva un giuramento alla trinità e all'imperatore, sotto di lui i goti erano privi di cittadinanza e servi dell'impero, Teodosio cercò di mettere le tribù barbare germaniche una contro l'altra.

Teodosio fu il primo imperatore a gettare le basi di uno stato confessionale, dichiarando che il cattolicesimo era l'unica religione ammessa nell'impero, allontanò i vescovi ariani dalle loro chiese ed elevò a patriarca di Costantinopoli il laico Nettario, che non aveva ricevuto neppure il battesimo.

Ambrogio respingeva la filosofia pagana e il sapere scientifico, nel 376 a Roma fu distrutto il tempio di Mitra e in quegli anni i culti pagani furono privati dei residui privilegi fiscali.

Ambrogio condizionava l'imperatore Graziano, perciò divenne lecito distruggere le sinagoghe, gli ariani non partecipavano ai concili dei vescovi  e nei verbali dei concili finivano solo le tesi dei cattolici, mentre i vescovi  seguirono Ambrogio come un coro.

Ambrogio inserì finte reliquie di martiri nella basilica ambrosiana di Milano, sulle quali crebbe il culto, anche in altri paesi d'Europa si sviluppò il traffico delle reliquie dei santi.

Le ragioni del vandalismo contro le sinagoghe risiedevano nella propaganda antisemita della chiesa, il culto degli ebrei però era ancora tollerato sotto Teodosio, che aveva solo proibito agli ebrei di possedere schiavi cristiani e di fari matrimoni misti. L'antisemitismo di Hitler non si potrebbe comprendere se non avesse alle spalle due millenni d'antisemitismo cristiano.

L'imperatore Graziano alla sua morte non fu pianto dai cattolici, perché prima di morire aveva revocato le esenzioni fiscali a favore del clero, forse Valentiniano e Graziano morirono per ordine di Teodosio, che fu un grande per la chiesa, Teodosio aumentò le imposte e fece delle dure repressioni, però  Ambrogio lodò la sua clemenza.

Agostino condannò la follia dei tessalonicesi che si ribellarono all'imperatore, ma non la dura repressione dell'imperatore Teodosio che però fu il primo imperatore a farsi battezzare molto prima di morire.

Teodosio condannò a morte anche i membri della setta eretica degli entratiti, che rifiutava la carne, il vino, il matrimonio, indossava il saio e viveva in ascetismo, celebrando l'eucaristia con l'acqua invece che con il vino.

Teodosio erra sostenuto dalla chiesa, che voleva l'unità della chiesa, i cristiani che si convertivano al paganesimo non potevano più ereditare, erano vietati i sacrifici e la frequentazione di templi pagani. Agostino era intollerante e non era contrario alla guerra, non fu un brillante studente, malgrado ciò, divenne insegnante di retorica, fu battezzato a Milano da Ambrogio e nel 398 divenne sacerdote.

Agostino era cavilloso e arrivista, non era animalista perché aveva detto: "Dio ha creato gli animali perché l'uomo, morso da essi, si esercitasse alla virtù della pazienza", era superficiale, retorico, banale e polemico, attaccò donatisti, pelagiani, pagani, ebrei, ariani, astrologi, priscilliani e apollinaristi.

I priscilliani rifiutavano trinità e resurrezione di Cristo  e gli apollinaristi, si richiamavano ad  Apollonio di Tiana che aveva fatto miracoli come Cristo. Agostino aveva disperso le sue energie, abbandonandosi alla lussuria e alla fornicazione, aveva vissuto con una concubina e poi con una bambina, alla fine stanco, arrivò ad esaltare la castità.

In Africa settentrionale il vescovo donatista, Massimiano, fu assassinato quando la sua  fede sembrava conquistare l'Africa,  la sua chiesa fu saccheggiata, la chiesa donatista voleva imporsi come comunità di poveri, di tipo comunista, perciò seminò il panico tra i grandi proprietari terrieri della Numidia, sostenuti dai cattolici e dall'imperatore.

Anche la diocesi di Agostino era a maggioranza donatista, la sinistra donatista, cioè i circoncellioni erano visti come ladri e saccheggiatori, che arrivavano anche ad appiccare il fuoco alle basiliche e  rendevano la libertà agli schiavi.

La loro roccaforte era in Algeria, i donatisti erano contadini d'origine cartaginese o berbero-punica, esisteva colà un gap sociale tra i proprietari terrieri e i contadini,  Agostino difese con risolutezza gli interessi della classe dei possidenti, prima pensò di convertire alle sue idee gli eretici donatisti, poi sollecitò la repressione da parte dell'impero.

Per Agostino, vescovo d'Ippona, le torture inflitte dai cattolici erano poca cosa di fronte ai tormenti dell'inferno, egli in principio era stato contrario alla pena di morte, ma poi avallò la condanna a  morte per i briganti donatisti,  nel 405 l'imperatore Onorio dichiarò eretici i donatisti che furono repressi  e le loro chiese furono consegnate ai cattolici.

I vandali di Alarico invasero l'Italia e nel 410 sospesero le persecuzioni contro i donatisti, anche in Africa settentrionale i donatisti furono protetti dai vandali e furono annientati definitivamente solo con l'avanzata dell'Islam.

Agostino sosteneva la dottrina del peccato originale, della predestinazione e della grazia, attaccò Pelagio che sosteneva invece l'importanza del libero arbitrio, poi la dottrina d'Agostino fu trasformata in dogma dal concilio d'Orange del 529 e da quello di Trento.

Nel 410 Pelagio, appartenente ad una ricca famiglia, sbarcò ad Ippona ed Agostino, ancora non schierato contro di lui, cercò di convincerlo a non lasciare i suoi beni ai poveri, ma a devolverli alla sua chiesa,  Pelagio non aderì alla richiesta, così si procurò un nemico.

Pelagio, che divenne patriarca di Gerusalemme, affermava che  i bambini non nascevano peccatori  e che ogni uomo poteva discernere il bene dal male,  praticava l'ascesi e reprimeva la sessualità. Anche Girolamo attaccò Pelagio, nel 416 i sinodi di Cartagine e Milano condannarono Pelagio, accusandolo  di aver negato la  necessità del battesimo dei bambini e della preghiera.

Papa Innocenzo I e il suo successore Zosimo (417-418) non trovarono colpe in Pelagio e ammonirono Agostino, chiedendo all'episcopato africano la riabilitazione di Pelagio e del suo seguace Celestio.

Allora Agostino non si arrese e si rivolse a Ravenna all'imperatore d'occidente Onorio, figlio di Teodosio, e ottenne la repressione dei pelagiani, la loro espulsione e la confisca dei loro beni, poi  lo stesso papa  Zosimo si sottomise alla volontà dell'imperatore.

In Sicilia i pelagiani avevano trovato protezione, erano ammirati per il loro ideale umanitario e per la loro condanna dello sfruttamento, per la loro lotta al clientelismo e alla corruzione, perché erano per  la giustizia sociale e la distribuzione delle ricchezze. Nella storia le questioni politico-sociali s'intrecciano sempre con quelle teologiche.

Agostino si scontrò con il vescovo pugliese Giuliano, che un  nobile con sensibilità sociale,  mentre Agostino mancava di questa sensibilità, Giuliano definiva Agostino: "Patronus asinorum" e cercò di conciliare grazia con libero arbitrio, egli criticava anche l'opinione negativa d'Agostino su matrimonio e concupiscenza, alla fine Giuliano fu scomunicato da papa Zosimo, istigato da Agostino.

Come S. Tommaso D'Aquino, Agostino difendeva la prostituzione, utile per dare sfogo alle passioni, diceva, allora però vescovi, abati e badesse mantenevano spesso bordelli molto redditizi, accadde anche sotto Sisto IV (1471-1488). Agostino aveva l'abitudine di picchiare la propria famiglia, ogni sabato, a scopo preventivo.

L'imperatore Onorio, figlio di Teodosio I, e sua  sorella erano sotto l'influenza di Ambrogio, perciò perseguitavano eretici, pagani ed ebrei, così tanti templi furono demoliti, per Agostino gli ebrei dovevano esser schiavi dei cristiani, era sicuro che un giorno Dio li avrebbe massacrati, naturalmente incolpò gli ebrei della morte di Cristo.

Agostino, come Ambrogio, difese la guerra e il servizio militare, per lui lo Stato era stato voluto da Dio, anche se era corrotto dal peccato,  lodava sempre gli interventi sanguinosi e repressivi dello stato. Per Agostino i non cristiani avevano meno diritti dei cristiani e gli animali avevano meno diritti dell'uomo, inoltre, chi combatteva per volontà di Dio, cioè dei preti,  poteva anche uccidere.

Agostino considerava la disobbedienza il peggiore dei peccati, esaltò il militarismo anche quando sapeva che i militari vessavano i contadini con le requisizioni, giustificava anche le guerre d'aggressione, con i conseguenti massacri, esaltò la guerra giusta e affermò che erano giuste tutte le guerre di Roma, diceva che bisognava portare la civiltà e imporre la pax romana. Diceva Napoleone che non esiste un'intesa migliore come quella tra preti e soldati.

Agostino era favorevole alla tortura, che diceva che era niente se paragonata alle pene dell'inferno, sosteneva la pena del taglione e la vendetta, caldeggiò la guerra santa voluta da Dio, Teodoreto però, senza demagogia, aveva affermato che la guerra apportava alla chiesa maggiori benefici della pace.

Per Agostino le uniche guerre da condannare erano quelle civili, con romani contro romani, nel 429 Agostino, con l'avanzata dei vandali, assistette al crollo del dominio romano in Africa, la popolazione  non oppose resistenza perché indebolita economicamente dallo sfruttamento della chiesa e dello stato, solo i goti, alleati dei romani, tentarono un'inutile resistenza.

Socrate, i filosofi romani e Averroé avevano difeso la ragione umana contro i dogmi, anche Lutero esaltò la libertà del cristiano e la sua autonomia di coscienza, generalmente però le religioni si sono opposte alla libertà di pensiero, la chiesa cattolica non ha accettato volentieri di adattarsi ai tempi moderni, ma ha desiderato piegare il tempo ai suoi interessi di potere, coltivando sempre nostalgie per il medioevo.

Diamo un'occhiata all'estero,  dal 1/1/2000 la chiesa luterana svedese, in omaggio ala separazione dei poteri,  non è più religione di stato ed è stato innestato un processo di privatizzazione massiccia delle proprietà della chiesa svedese, la chiesa cattolica invece, non pensa di privatizzare le sue ricchezze  e preferisce farsi passare per povera, invece è una potenza finanziaria immane e planetaria.
 



KARLHEINZ DESCHNER
STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO -  Editore Ariele
 

Vol 2 - PARTE UNICA



Il Vaticano è stato il naturale alleato delle forze reazionarie, purché esse siano state rispettose della libertà della chiesa, in Nicaragua, contro il dittatore Somoza, si pronunciarono due sacerdoti ed un gesuita, i primi due furono sospesi "a divinis" dalla chiesa e il terzo fu cacciato dall'ordine.
Nel 1933 il dittatore portoghese Salazar introdusse la nuova costituzione, incentrata su principi cattolici e antimoderni, anche Mussolini, moderno braccio secolare sella chiesa, adottò istituzioni medievali, raccomandate dalla chiesa.
Circa l'arricchimento in guerra, il cardinale Liverpool Gasquet ebbe ad affermare, dopo la prima guerra mondiale, che chi era uscito meglio dalla guerra era la chiesa, non solo in termini patrimoniali, infatti, aumentò anche il fervore religioso e si riempirono di persone i luoghi di culto,   dal 1919 al 1930 i tedeschi fondarono tredici nuovi monasteri il mese.
Nel 359 morì l'imperatore romano Teodosio, magnificato da Ambrogio e Agostino, era stato istigato dalla chiesa a perseguitare pagani, ebrei ed eretici, gli successero gli imperatori bambini Arcadio a Costantinopoli ed Onorio a Milano, entrambi sotto la tutela della chiesa, così la chiesa aumentò il suo patrimonio, si liberò dalle imposte e si legò strettamente allo  stato, il cui potere, diceva, veniva da dio, almeno fino a che collaborava con la chiesa. 
Già in Paolo esisteva una tendenza filostatale, poi Crisostomo esaltò anche il potere dell'uomo sulla donna e dei principi sui sudditi. Nel IV secolo i vescovi estesero le loro competenze e divennero anche giudici conciliatori, nella lotta per supremazia, i cristiani divennero i migliori cacciatori di teste (in senso letterale).
Nel 396 tutti i privilegi dei sacerdoti pagani furono annullati e le feste pagane furono proibite, nel 399 venne l'ordine di abolire templi e altari, nel V secolo gli eretici subirono la confisca di beni, l'espulsione e l'esilio, le loro chiese erano cedute ai cattolici, agli eretici fu anche proibito di fare testamento e di ereditare, fu anche istituita la pena di morte per eresia.
I goti erano diventati i più importanti missionari cristiani tra i popoli germanici, dopo aver abbandonato l'arianesimo, essi arrivarono in Italia nel 401. Dalle guerre la chiesa ne guadagnava sempre, il vescovo e padre della chiesa Teodoreto ha affermato che la guerra portava alla chiesa più benefici della pace, allora i vescovi organizzavano  spedizioni militari contro germani e persiani.
Nel 423, sotto Teodosio II, la circoncisione fu punita con la confisca dei beni e con l'esilio, nel 426 l'imperatore cercò di  promuovere la conversione al cristianesimo anche attraverso il diritto di successione.
La leggenda di Pietro, primo vescovo di Roma, non ha fondamento storico, il passo di Matteo (16,17-19): "Tu Pietro e su questa pietra edificherai la mia chiesa", è un'aggiunta posteriore per giustificare il primato di Pietro, manca su tre vangeli su quattro, nei testi paleo-cristiani non si parlava di Roma, come centro della cristianità, e del suo primato, poi, a causa del suo preteso primato, il papa divenne il principale ostacolo verso l'ecumenismo cristiano.
Pietro non fu vescovo di Roma e non arrivò mai a Roma, Claudio a metà del primo secolo espulse da Roma solo ebrei, lo storico Tacito (54-116 d.c.) accennò ai cristiani e diceva che erano originari della Giudea, senza accennare a Pietro.
Nel 1950 Pio XII, con un colpo di scena, annunciò il ritrovamento della tomba del principe degli apostoli, però era solo una povera tomba anonima, senza iscrizioni, risalente al tempo di Costantino, cioè molto posteriore all'epoca in cui visse Pietro.
Gesù aveva annunciato la fine imminente e l'avvento del regno di Dio, invece  nacque la gerarchia della chiesa fino ai vescovi e fino ai vescovi di capoluogo di provincia, detti metropoliti o arcivescovi o patriarchi o esarchi, come quelli d'Alessandria, Cartagine, Antiochia, Nicea, Gerusalemme, Efeso, Cesarea, Antiochia, Gerusalemme, Costantinopoli,  Milano  e Roma.
A metà del II secolo a Roma non si sapeva nulla della successione apostolica derivata da Pietro, alla fine del secolo il più antico elenco dei vescovi di Roma, tenuto da Ireneo, non nominava Pietro, all'improvviso, nel IV secolo, si affermò che Pietro era stato a Roma per 25 anni, però il "liber pontificalis", il registro ufficiale de papi, non menzionava Pietro ma Lino, come primo vescovo della città.
Anche presso gli ebrei, i greci e gli ortodossi le genealogie furono falsificate, dopo l'invasione araba del VII secolo, Costantinopoli divenne il patriarcato più importante in oriente, mentre Roma lo divenne in occidente, le città importanti avevano i patriarchi e Costantinopoli, come Roma, fu definita sede apostolica.
Nel 352 i vescovi di Roma presero per la prima volta il titolo di papa, già stato usato dai vescovi orientali, da notare che nel 255 il vescovo Cipriano non riconosceva alcun primato a Roma, così Origene nel III secolo e Ambrogio nel IV.
Attanasio affermava che Roma era solo un tribunale arbitrale ecclesiastico e voleva che il sinodo fosse convocato solo dall'imperatore, per Basilio le chiese erano una comunità d'eguali, per Girolamo i vescovi avevano gli stessi poteri, Agostino non riconosceva nemmeno il primato dottrinario e giurisdizionale al papa, infatti, al vescovo di Roma anteponeva il concilio plenario.
Sin dalla metà del II secolo la chiesa convocò sinodi, cioè concili locali, provinciali, interprovinciali e generali o ecumenici, i primi sinodi generali non decretarono il primato di Roma, non erano convocati dal papa ma dall'imperatore, che stabiliva anche l'oggetto della discussione, presiedeva il dibattito e dava forza di legge alle decisioni.
Fino al VI secolo, la chiesa d'oriente non riconobbe il primato di Roma e in occidente Roma subiva anche la concorrenza di Milano, in generale il concilio prevaleva sull'autorità del papa, durante il concilio di Nicea del 325, il papa non era nemmeno presente.
L'invasione dei vandali, che nel IV secolo erano in Spagna e nel V in Africa settentrionale, e poi dell'Islam nel VII secolo, spianarono la strada al primato di Roma in occidente, una volta eliminata l'ingombrante concorrenza della chiesa di Cartagine, divenuta capitale dei vandali nel 439, Cartagine fu presa dai bizantini nel 533 e poi fu distrutta dagli arabi il secolo dopo.
Comunque, dopo questi eventi, anche con il primato del papa, in occidente si contestò sempre l'infallibilità del papa in materia di fede, la caduta definitiva dell'impero favorì il primato del vescovo di Roma, una volta che questo si fu consolidato, il papa ridusse l'autonomia dei vescovi e nell'ottocento si definì l'episcopato universale del papa e la sua infallibilità, cioè la sua sovranità assoluta.
Alla corte del papa ben presto dominò lo sfarzo ed i banchetti suntuosi, in antitesi con la povertà evangelica, a Roma dominavano le fazioni, animate dalla voglia d'arricchimento, ci furono antipapi e anche tanti antipapi furono dichiarati santi.
Papa Callisto (217-222) era stato uno schiavo, era avido di denaro e divenne banchiere e speculatore, stabilì l'irrevocabilità dell'ufficio vescovile, anche in caso di peccato mortale da parte del vescovo, per lui e per i successori la chiesa era sempre santa, nonostante i peccati dei suoi preti e vescovi.
Callisto aveva anche autorizzato le nobildonne a prendersi un compagno da letto, generalmente uno schiavo, queste donne praticarono anche gli aborti. Alla fine del IV secolo il latino divenne la lingua ufficiale della chiesa d'occidente, al posto del greco.
Tra i primi diciassette vescovi di Roma, la chiesa ne ha spacciati per martiri undici,  per la maggior parte questi papi non sono personaggi storici, nel III secolo i papi erano generalmente ignoranti e analfabeti.
Un sinodo romano del 378 accusò i vescovi di aver depredato altri episcopati, da notare che papa Damaso I (366-384) aveva detto: "Fatemi vescovo e divento subito cristiano", questo papa fu sostenuto, nella sua candidatura, da un'orda armata di bastoni, era massacratore e omicida ma divenne santo,  esaltava la castità e commise adulterio.  Fu allora che Girolamo, falsificatore di documenti, divenne patrono delle facoltà di teologia.
Papa Damaso mirava al primato e fu sostenuto dall'imperatore Graziano, si prese il titolo di  "pontifex maximus" al posto dell'imperatore, allora era guida spirituale dell'occidente  Ambrogio, che risiedeva a Milano, nel IV secolo il vescovo di Roma aveva un primato solo nel centrosud d'Italia.
Papa Siricio (384-399) volle che i suoi decreti fossero sullo stesso piano dei canoni dei sinodi, Innocenzo I (402-417), dopo la morte di Ambrogio e lo spostamento della capitale d'occidente a Ravenna, ricercò il primato, egli affermò che senza la ratifica del Papa le risoluzioni conciliari non avevano alcun valore, però Agostino non condivideva quest'opinione.
Nel corso del primo millennio a Roma diversi figli di preti diventarono papi, come Bonifacio I (418-422) che voleva il primato di Roma e perciò riscrisse la storia con lenti deformanti papali.
In oriente dopo il sinodo d Efeso (449), definito il sinodo dei briganti, Costantinopoli prese la prevalenza su Alessandria, anche lì le lotte per il potere si servivano di controversie teologiche, nel 381 il concilio di Costantinopoli assegnò il primato orientale a questa città e nel 451 il IV concilio di Calcedonia equiparò il patriarca di Costantinopoli a quello di Roma.
Nel IV secolo l'oriente e l'Egitto erano popolati da migliaia di monaci che offrivano alloggio agli stranieri, curavano i malati, soccorrevano poveri e copiavano libri, ad Alessandria esistevano 600 conventi di monaci e suore che creavano disordini, dispute teologiche e si rivoltavano contro i loro abati.
A volte questi monaci erano usati dai vescovi per fare delle violenze e per fare pressioni sul governo, in Libia vi erano 5.000 monaci seguaci d'Origene, nel 401 centinaia di monaci, perseguitati da Girolamo, fuggirono dall'Egitto e si rifugiarono a Costantinopoli e in Palestina. Girolamo attaccò il vescovo di Gerusalemme, Giovanni, che alimentava la guerra privata dei monaci seguaci di Origene, anche il patriarca d'Antiochia, Isacco, fu attaccato da monaci.
Giovanni Crisostomo era un asceta ed era contro i ricchi, depose sacerdoti adulteri e assassini e attaccò i vescovi che avevano comprato la loro carica, perciò fu attaccato dal vescovo Teofilo d'Alessandria,  Crisostomo non riconosceva il primato di Roma, però sollecitò il vescovo di Roma a svolgere opera d'arbitrato nella controversia.
A quell'epoca accadeva che, nelle dispute, anche i vescovi potessero essere assassinati, dopo la morte di Teofilo, divenne patriarca d'Alessandria, Cirillo (412-444), che con la violenza s'impossessò del patriarcato, egli controllava il commercio del grano egiziano e una banda di monaci, praticò la simonia e perseguitò gli ebrei.
Il monaco Nestorio, già vescovo d'Antiochia, divenne vescovo di Costantinopoli e perseguitò ebrei ed eretici, Cirillo d'Alessandria, che voleva il primato su Costantinopoli, lo accusò d'eresia e cercò l'appoggio di Roma.
Sulla questione pretestuosa della natura di Gesù, si aprì la lotta tra Cirillo e Nestorio, Cirillo promosse intrighi e congiure alla corte di Costantinopoli, Nestorio era monofisita, cioè credeva ad un'unica natura in Cristo e negava l'unione ipostatica, delle due nature umana e divina, sostenuta da Cirillo, in altre parole l'incarnazione della parola di Dio, era contrario alla santificazione di Maria e non la voleva chiamare madre di dio, allora la madonna cominciava ad essere venerata in oriente.
Nel IV secolo a Roma il culto di Maria non era diffuso, tuttavia esistevano delle sette mariane, Cirillo accusò Nestorio di non rispettare la fede di Nicea, egli si serviva d'orde di monaci che andavano all'assalto, nel 431, al concilio di Efeso,  si presentò con una forte scorta fatta di monaci armati di bastoni. Alla fine il papa si pronunciò contro la dottrina di Nestorio, forse perché geloso di Costantinopoli, mentre l'imperatore d'oriente accusò Cirillo di fomentare le discordie.
Nestorio fu accusato d'eresia e destituito, invece il tema del sinodo, in altre parole l'annunciazione di Maria, fu poco trattato, il sinodo fu trasformato in tribunale in cui il giudice era Cirillo e l'imputato era Nestorio.
Cirillo, per vincere la sua battaglia contro Nestorio,  si servì del papa e dei principali episcopati d'oriente, per ottenere la condanna di Nestorio, aveva anche praticato ampiamente la corruzione, perciò il dogma mariano che ne uscì fu pagato a caro prezzo, però oggi è ancora valido.
La fede si difendeva e si diffondeva anche con il denaro, inoltre il dogma sulla maternità di Maria nacque ad Efeso perché la città era stata la patria delle dee pagane Cibele ed Artemide, cioè si  metabolizzavano nel cristianesimo fedi pagane.
L'imperatore Teodosio II fu intimidito dalle azioni terroristiche dei monaci di Cirillo, Nestorio fu mandato in esilio e morì nel 451, seguì la sorte di Crisostomo ed Attanasio, gli interessi dell'impero coincidevano con quelli del papato, papa Leone I Magno (440-461) aveva riconosciuto all'imperatore e non a se stesso il dono dell'infallibilità.
Cirillo perseguitò gli eretici e i pagani, appropriandosi de loro beni, tra loro erano i messaliani, che vivevano in comunità miste di uomini e donne, in Egitto i suoi monaci distrussero le sinagoghe, si appropriò dei beni degli ebrei e li fece fuggire, nella sua opera si servì della corruzione, ciò malgrado fu proclamato santo.
Tra i seguaci di Cirillo vi era il monaco Scenute, che bastonava regolarmente i suoi monaci, votati alla castità, con lo scopo di rafforzare la sua autorità, alcuni di loro morirono a causa delle torture ricevute, poi Scenute divenne santo della chiesa copta, nei  monasteri in cui vissero questi monaci è attestata la presenza di ossa di bambini e di neonati.
Scenute, con l'autorizzazione imperiale, distrusse templi pagani, il suo esercito di asceti riceveva da lui bastonate, pane ed acqua, dopo il 450 nell'Egitto settentrionale gli dei non furono più venerati, ricchi proprietari terrieri greci e pagani furono colpiti ed espropriati, poi dalla chiesa Scenute fu definito l'animatore del movimento monastico egiziano.
Nel V secolo la controversia monofisita lasciò il posto a quella ariana, nel 444 ad Alessandria Dioscoro successe a Cirillo, Dioscoro continuò la lotta per il potere contro Costantinopoli, sorretto da monaci fanatici.
A Costantinopoli, Eutiche, negava la consustanzialità delle due nature in Cristo, anche Nestorio aveva separato la natura divina da quella umana, nella disputa intervenne Dioscoro, aiutato da spie a corte e da monaci, Eutiche prese una posizione monofisita, sostenendo che Gesù aveva due nature solo prima dell'incarnazione, poi ricevette solo una natura divina.
Il patriarca di Costantinopoli, Flaviano, destituì Eutiche ed anche il papa lo condannò, però Eutiche, in un primo momento, ebbe dalla sua l'imperatore Teodosio II; per dirimere la questione, nel 449 si aprì il sinodo di Efeso, detto il sinodo dei briganti, presieduto da Dioscoro, che era seguito dai suoi monaci e dalle sue guardie del corpo, tutti pronti alla violenza, anche Eutiche era appoggiato da Barsumas, che aveva al seguito mille monaci.
Fu stabilito che la dottrina di Eutiche era ortodossa, però ci furono tumulti e, causa delle percosse ricevute, il patriarca Flaviano morì e poi fu fatto santo dai padri conciliari, il sinodo di Efeso fu il trionfo dei monofisiti e di Dioscoro che vinse,  il papa però affermò che il concilio, con la scusa della religione, perseguiva interessi privati.
Al concilio furono denunciati brogli, perché erano stati ammessi alla votazione non vescovi e veri vescovi non avevano potuto votare, perciò, per annullare il verdetto, papa Leone I si appellò all'imperatore.
Nel 451 papa Leone I fece indire all'imperatore Marciano il IV concilio di Calcedonia, che fu parimenti pilotato e turbolento, anche questo concilio fu presieduto dall'imperatore, anche se il papa ne aveva richiesto, senza successo, la presidenza.
Il concilio depose Dioscoro, lo privò della sede vescovile e lo mandò in esilio, ora il papa e il nuovo patriarca di Costantinopoli, Anatolio, sostenevano la dottrina duofisica, in altre parole due nature in Cristo, che divenne la base della teologia occidentale e orientale, la maggior parte dei vescovi erano incompetenti in cose teologiche, quaranta di loro erano analfabeti.
Anche questo fu un sinodo di briganti, i vescovi fecero gazzarre, Dioscoro, prima osannato, fu abbandonato e destituito, definito ladro, assassino, lussurioso ed eretico, il concilio di Calcedonia decretò la supremazia del vescovo di Costantinopoli sull'oriente e stabilì che Costantinopoli aveva le stesse prerogative di Roma, però Roma era in svantaggio, perché la sede dell'impero d'occidente allora era a Ravenna.
Leone I Magno (440-461) affermava che il papa era il successore di Pietro, con l'autorità sui vescovi conferitagli da Cristo, per favorire il suo primato si servì anche dell'imperatore Valentiniano III, che era un debole. Comunque, nel V secolo il vescovo di Roma era il proprietario terriero più grande di tutto l'impero.
Papa Leone I (440-461) vietò agli schiavi di diventare sacerdoti, la chiesa prendeva le distanze dagli umili e si apriva agli aristocratici, infatti papa Callisto (217-222) era stato uno schiavo,  Leone  sosteneva che l'imperatore aveva ricevuto il suo potere da Dio, perciò aveva il dovere di combattere contro eretici e barbari, consigliava il digiuno e la mortificazione della carne, che portavano all'aggressività in battaglia, e proibì i contratti con i non cattolici.
Anche il governo imperiale aveva un certo interesse ad incoraggiare le tendenze centralizzatrici della chiesa di Roma, perciò gli eretici furono allontanati dagli uffici e dalle cariche, si diede la caccia a pelagiani e manichei, i cittadini furono invitati a fare la spia.
Leone I accusava gli eretici di essere falsificatori di scritture, i manichei perdettero la libertà contrattuale e il diritto di successione, il potere secolare seguiva le indicazioni della chiesa, anche se gli eretici arrestati formalmente erano inviati alla giurisdizione statale.
Della morte di Gesù, Leone discolpò Pilato e incolpò gli ebrei, così gli ebrei furono cacciati, espropriati e le loro sinagoghe incendiate, anche gli imperatori romani divennero intolleranti verso le altre religioni perché così volle la chiesa.
Nel 452 Leone I fermò Attila in Italia, forse pagò un riscatto, come si faceva allora, nel 455 però non riuscì a fermare i vandali di Genserico che giunsero a Roma e saccheggiarono la città, senza distruggerla, questo papa fu fatto santo nel 1754.
Contro Calcedonia, il monofisismo divenne dottrina ufficiale in Egitto e in Abissinia, mentre il nestorianesimo conquistò la Mesopotamia, contro Calcedonia ci furono rivolte in Egitto ed in Palestina, con i monaci sempre in prima linea. Nel 542 il monofisismo si diffuse in Egitto (copti e melchiti), in Siria, Etiopia  e Mesopotamia (giacobiti) e  in Armenia.
La resistenza a Calcedonia, che era a favore delle due nature, venne dai monofisiti, e portò alla separazione d'interi popoli d'oriente dal cattolicesimo e nell'VII secolo favorì l'espansione dell'Islam.
Nestorio era stato monofisita e aveva negato l'unione delle due nature in Cristo, nel 486 la dottrina dei nestoriani  divenne religione ufficiale di Persia e si diffuse in Arabia, India e Cina, poi, dopo l'avvento dell'Islam,  la chiesa nestoriana si chiamò chiesa caldea.
L'imperatore Marciano, la monaca Pulcheria e Leone I lavoravano in accordo, pare che Pulcheria,  malgrado avesse fatto voto di castità, pur essendo sposata, avesse rapporti sessuali anche con il  fratello.
Nel 457 ad Alessandria i monaci monofisiti fomentarono rivolte e fecero resistenza alle risoluzioni di Calcedonia, si rivoltarono anche in Palestina, dove occuparono Gerusalemme e misero a fuoco la città, così gli episcopati palestinesi caddero nelle mani dei monofisiti.
Allora l'imperatore Marciano, spinto dal papa, proibì la predicazione ai monaci dissidenti, proibì la costruzione di conventi e la costituzione di nuove confraternite, tolse ai monaci il diritto di fare testamento e di ereditare, poi li bandì, chi li accoglieva era minacciato di confische e deportazione.
Leone I cercò di isolare i monaci, mentre contro gli eretici ariani voleva l'uso delle armi e non il concilio o il dibattito religioso, pare che in Egitto i poveri contadini, sfruttati dai latifondisti greci, ad un certo punto si siano appoggiati anche ai monaci, come a Cartagine si erano appoggiati ai donatisti.
Alla fine del quinto secolo l'imperatore d'oriente Zenone (430-491), che era un fedele cristiano, voleva conquistare i monofisiti alla chiesa cristiana, per ricondurre il clero su una linea mediana e assicurare all'impero l'unità e la pace religiosa, inoltre desiderava riportare la chiesa orientale sotto la sua guida, non ci riuscì perché il vescovo di Roma fomentò una guerra civile sul suo territorio.
Allora a Roma papa Felice III (483-492) era figlio di un prete ed era maestro nel mettere i sovrani uno contro l'altro, sotto di lui divenne re d'Italia il goto Teodorico, mentre il successivo imperatore d'oriente, Anastasio I (491-518), si spostò verso i monofisiti, era allora patriarca di Costantinopoli, Eufemio (490-496), che era calcedoniano, cioè per le due nature in cristo, e perciò prese a parteggiare per Roma.
Nel 492 divenne papa Gelasio che volle dare ai suoi decreti lo stesso valore delle risoluzioni dei sinodi, perché si sentiva al disopra di tutti, però l'oriente lo disapprovò, cercò in tutti i modi di affermare il primato di Roma, per lui la giustizia statale era subordinata a quella della chiesa ed affermava che l'imperatore non era il capo della chiesa ma il suo difensore.
Per il papa, il nodo non era Calcedonia ma il primato su Costantinopoli, abolì l'ultima festività pagana e proibì la licenziosità e il divertimento, a Roma c'erano però chiese ariane e il papa era soggetto al re dei goti, Teodorico, che era cristiano, sotto il pontificato di Gelasio avvenne la conversione di Clodoveo, re dei franchi merovingi.
Nel 498 divenne antipapa Laurenzio, la sua elezione era stata ottenuta con l'oro di Costantinopoli, quindi era amico di Bisanzio, egli vendette seggi vescovili e favorì la corruzione, era favorevole a Teodorico, mentre il suo avversario, papa Simmaco, era contrario. Ci furono scontri e Simmaco fu quasi lapidato, fu ignorato il diritto d'asilo nelle chiese e nei conventi, ci furono saccheggi e le monache furono violentate.
A difesa della sua autorità e indipendenza, nel 501 papa Simmaco produsse una falsa documentazione, in altre parole lettere, ordinanze e atti conciliari falsi, che volevano dimostrare che il papa non poteva esser giudicato, malgrado fosse stato accusato di lussuria con una suora, affermò che i vescovi di Roma avevano l'innocenza e la santità ereditate da Pietro. Nel 506 Simmaco si contrappose all'imperatore Teodorico, che si era avvicinato ai monofisiti.
Nell'impero d'oriente vescovi e monaci si ribellarono all'imperatore monofisita Anastasio di Costantinopoli, sostenuti dal patriarca Macedonio II (496-511), il comandante militare Vitaliano, sostenitore di Calcedonia,  chiese all'imperatore d'oriente la reintegrazione dei vescovi calcedoniani cacciati, trattative con la chiesa di Roma e un concilio con l'obiettivo di riunificare la chiesa, ma l'imperatore Anastasio non seguì i suoi suggerimenti. 
Dopo Anastasio, con la corruzione, divenne imperatore d'oriente Giustino I (518-527), un calcedoniano, appoggiato dai militari, che liquidò l'opposizione monofisita  del partito di Anastasio e impose il credo calcedoniano, poi perseguitò eretici, ariani e monofisiti.
Un'ondata di persecuzioni si abbatté sui monofisiti e sui monaci monofisiti, però in Egitto e Siria l'opposizione mostrava i denti, Giustino ebbe anche contro il patriarca d'Antiochia, Severo, che organizzò la resistenza armata e divenne santo della chiesa copta. Tra le altre misure repressive,  Giustino chiuse chiese ariane ed espropriò i beni di eretici, manichei, ebrei e pagani.
In Abissinia, Giustino prima inviò i missionari e poi le truppe, nel 527 gli successe il nipote Giustiniano, con l'aiuto dei generali Narsete e Belisario, egli fece grandi conquiste, si considerava capo della chiesa e i vescovi gli giuravano fedeltà.
Sotto l'imperatore d'oriente Giustiniano, i vescovi sovrintendevano alle tasse, agli approvvigionamenti, ai trasporti e avevano funzioni arbitrali, Giustiniano concesse alla chiesa poteri più ampi sui legati testamentari, mentre le donazioni alla chiesa restavano esenti dalle imposte di successione, com'erano esenti le attività commerciali della chiesa in Costantinopoli.
In cambio la chiesa sosteneva l'imperatore e le sue guerre, come lo sfruttamento dei sudditi, allora il popolo non sceglieva più il vescovo di Costantinopoli, ma lo facevano solo vescovi e nobili locali, la stessa evoluzione era avvenuta a Roma.
Giustiniano opprimeva il popolo con le tasse ed era bramoso della proprietà altrui, sosteneva una fazione cittadina che derubava le altre, però fu dominato da sua moglie Teodora, che aveva vissuto  in una casa d'appuntamento, aveva numerosi amanti, però  diceva di inseguire  le virtù.
A Roma, dopo una campagna militare, l'antipapa  Silverio fu deposto dal generale Belisario che impose come papa Vigilio (537-555), che gli aveva  offerto del denaro per la sua elezione, Vigilio  fece imprigionare Silverio e lo fece morire di fame, perciò fu simoniaco e assassino. 
Teodora, aveva appoggiato Vigilio alla carica di vescovo di Roma perché voleva da lui un aiuto per fare patriarca di Costantinopoli il monofisita Antimo, però Vigilio poi gli negò questa collaborazione e perciò fu imprigionato dai due coniugi regnanti a Bisanzio.
Nel 553 Giustiniano volle un concilio a Costantinopoli e  in quella sede papa Vigilio fu costretto ad approvare le tesi del concilio volute dall'imperatore. Teodora era legata ai monofisiti, mentre il marito imperatore era stato sostenitore di Calcedonia, l'imperatrice fu generosa con monasteri e conventi, le piaceva assistere alle torture, mise i suoi favoriti in posizione chiave e confiscò i beni dei suoi avversari.
Giustiniano stabilì che gli eretici potevano lasciare i loro beni solo ai cattolici (allora erano chiamati così anche gli ortodossi d'oriente) e non potevano riceverne, essi persero i diritti civili, i loro beni erano confiscati e in caso di recidiva erano messi a morte.
Giustiniano approvò le conversioni forzate, perseguitò i monofisiti e voleva avvicinarsi a Roma, perseguitò montanisti, gnostici e borbonici, che praticavano la comunanza delle donne e l'onanismo per il controllo delle nascite. Nel II secolo  Montano rifiutava le gerarchie ecclesiastiche e voleva un ritorno alla purezza delle origini, per queste idee i montanisti si fecero massacrare.
Giustiniano proibì le donazioni e i lasciti testamentari a favore di pagani e costrinse questi al battesimo, pena la confisca dei beni, chi si opponeva perdeva diritti civili e i beni, ai dotti eretici o pagani fu impedito l'insegnamento, così fu chiusa l'Accademia di Atene, l'ultima grande università pagana, le sue proprietà furono confiscate e l'insegnamento della sua filosofia proibito.
Gli ultimi templi d'Egitto furono chiusi, compreso il tempio di Giove Ammone in Libia, poi si ordinò il battesimo coatto dei pagani, chi era al di fuori della chiesa cattolica era privato di tutti i diritti.
Poi Giustiniano si scatenò ancora contro l'ebraismo, considerata nei primi due secoli "religio licita", gli ebrei furono parificati agli eretici, non potevano avere schiavi, non potevano testimoniare, né stare in un processo contro cattolici, s'impedì loro l'acceso agli uffici pubblici e in Africa le sinagoghe furono trasformate in chiese.
Come gli ebrei, anche i samaritani furono perseguitati, i loro beni furono confiscati e furono loro proibite le funzioni religiose sulla montagna sacra di Garizim, nel 484 essi avevano già subito una repressione sotto l'imperatore d'oriente Zenone, ora perdevano il diritto di indire sinodi, di battezzare, di costruire monasteri.
Nel 529 furono distrutte tutte le sinagoghe dei samaritani, essi non potevano più donare, alienare o ereditare, a Scitopoli la setta si ribellò, alcuni di loro si nascosero sul monte Garizim e furono sterminati, le loro classi superiori però si convertirono al cristianesimo, Giustiniano voleva  l'unità politico religiosa dell'impero romano d'oriente.
In occidente i vandali erano cristiani ariani, credevano all'origine divina del potere del re, dalla Scandinavia penetrarono in Germania, in Ungheria, in Gallia, in Spagna e in Africa del nord, nel 435 come federati si misero al servizio dei romani, nel 442 però crearono un loro impero germanico sotto Genserico.
I vandali erano avversari feroci del cattolicesimo, Genserico si alleò ad ariani e donatisti africani contro Roma, espropriò i cristiani cattolici delle loro terre africane, perciò a lui si unirono schiavi e coloni, spogliò chiese e monasteri, regalando le terre ai suoi guerrieri, fece dell'arianesimo religione di stato, per lui ariano e fedele alla sua corona erano sinonimi, perciò il clero cattolico romano si mise a cospirare contro di lui.
Dopo la conquista di Cartagine, Genserico espropriò il clero cattolico avversario, trasferì le loro chiese al clero vandalico ariano o le trasformò in caserme, perseguitò i cattolici, più per ragioni di sicurezza che di religione, perché per lui i cattolici erano nemici dello stato.
Pretese la conversione all'arianesimo dei suoi dignitari di corte, però combatté lussuria, pederastia, bordelli e prostituzione, ciò malgrado, i vandali furono calunniati, tra l'altro, in guerra fecero meno vandalismo di altri popoli.
Grazie alla distruzione del clero cattolico africano, per opera dei vandali, Roma, che perseguiva il primato, in occidente perse la concorrenza di Cartagine, nel 457 a Genserico successe suo figlio Unerico, che all'inizio fu più tollerante verso i cattolici perché era minacciato da Bisanzio, poi tornò a perseguitarli,  battezzandoli anche con la forza.
Quando divenne re dei vandali Ilderico (523-530), che era allora alleato di Bisanzio e di Giustiniano, richiamò i vescovi cattolici, restituendo loro le chiese, a causa di questo avvicinamento ai cattolici orientali, tradì anche un patto d'alleanza fatto con Teodorico.
Quando i bizantini ripresero il controllo dell'Africa, strappandola ai vandali, grazie alla loro flotta, al generale Belisario ed ai mercenari goti, la loro esazione fiscale fece rimpiangere l'avidità dei vandali.
In occidente, Teodorico aveva preso Ravenna con metodi sanguinari, ma poi cercò di salvaguardare la pace in politica estera, riconobbe la supremazia di Bisanzio e fu tollerante verso il cattolicesimo, riconoscendo l'autorità del papa, in quegli anni il generale Belisario, al servizio de bizantini, con una guerra lampo, conquistò gran pare l'Italia.
Nel 538 i goti di re Vitige assediarono Roma, per la fame, durante l'assedio, ci furono episodi di cannibalismo, per cacciare i goti, l'imperatore d'oriente Giustiniano inviò Belisario contro Vitige che fu sconfitto nel 540,  Belisario però saccheggiò Ravenna. Poi Vitige fu ospitato nella corte di Costantinopoli, come facevano gli antichi persiani, mentre i goti, com'era avvenuto con i vandali superstiti, furono mandati a combattere per Bisanzio contro i persiani e in Italia.
Giustiniano si alleò anche con franchi e combatté contro il re ostrogoto Totila, in nome della madonna conseguì vittorie su vandali e goti, perciò suo nipote Giustino II elesse la madonna patrona dell'esercito.
Nel 552 l'imperatore d'oriente Giustiniano, con l'aiuto de longobardi, distrusse gli ostrogoti e l'esercito goto, ora in Italia il papato si sentiva minacciato dai bizantini, Totila era divenuto re nel 540,  dopo che Ravenna era caduta in mano ai bizantini, era riuscito a conquistare gran parte d'Italia ma fu sconfitto e ucciso da Narsete nel 552, durante il suo regno aveva introdotto riforme di carattere sociale. Dopo queste vittorie bizantine a Ravenna si stabilì l'esarca di Bisanzio.
Con le vittorie di Giustiniano su vandali e goti, i ricchi si arricchirono ancora di più, le leggi sociali di re Totila furono abolite, i latifondi s'ingrandirono e la chiesa fece profitto, rifiorirono le istituzioni conventuali e il vescovo di Ravenna incamerò gli immobili della chiesa ariana.
Giustiniano impose sempre nuove tasse, ci furono perciò tumulti a Bisanzio che causarono molti morti, egli conquistò il nordafrica, sconfisse i popoli ariani, conquistò l'Italia, mentre i ricchi vescovi greci ubbidivano all'imperatore per conservare i loro privilegi.
Dal 568 i longobardi, altro popolo d'origine germanica, conquistarono molte zone d'Italia, soprattutto al nord, mentre la Spagna sudorientale cadde sotto il dominio dei visigoti.

Fine del secondo volume



KARLHEINZ DESCHNER
STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO -  Editore Ariele
 

Vol 3 - PARTE PRIMA



Quasi tutti i testi sacri sono stati scritti sotto falso nome d'autore, questa falsificazione ha percorso tutta l'antichità e fino al medioevo cristiano, della falsificazione fanno parte anche la donazione di Costantino e le false decretali pseudoisidoriane.
Falsi letterari esistevano presso greci, romani, indiani, egizi, persiani ed ebrei, la falsificazione era nella consuetudine, favorita dalla credulità della gente, perché il lettore era privo di senso critico e di malizia, perciò facile da fuorviare, si definiscono testi pseudoepigrafici quelli scritti sotto falso nome. Oggi le falsificazioni storiche e politiche non si servono di falsi autori ma di firme note, si limitano a manipolare le notizie, a omettere le notizie e a fare disinformazione.
La falsificazione o contraffazione presuppone l'idea di proprietà intellettuale e d'autenticità dell'opera dell'ingegno che nell'antichità non era tutelata come oggi, così numerosi scritti religiosi, grazie all'impostura della religione, sono entrati nella storia delle religioni sotto falso nome.
Con il fine di fare di dare autorevolezza alla propria propaganda, vi era il costume di porre gli scritti religiosi sotto l'autorità di nomi celebri, per dare maggiore risalto alle proprie opinioni, mentre il vero autore rimaneva in ombra. Del resto oggi c'è l'utile e la vanità della proprietà intellettuale, mentre allora non c'erano.
Oggi si parlerebbe di truffa letteraria, della quale però l'antichità non aveva regolamentazione giuridica, infatti, la legislazione antica non proteggeva la proprietà letteraria, ma solo il manoscritto. Forse da questo costume antico è nata anche la pseudonimia moderna, che si ha quando l'autore usa un altro nome o un nome d'arte, ma non per nascondersi. Comunque, in passato, a volte i falsi servivano anche a legittimare altri falsi.
Presso i romani, la falsificazione letteraria non era diffusa, però nel 181 a.c. a Roma si scoprirono dei falsi di Numa Pompilio, anche il medico Galeno (129-199) scoprì dei falsi sotto il suo nome, nel 1583 a Venezia fu rinvenuto un falso letterario attribuito a Cicerone, pare inoltre che Solone avesse interpolato un verso dell'Iliade, per consolidare le sue pretese sull'isola di Salamina.
Come succede oggi con i falsi museali, anche allora con i falsi si faceva profitto, certi testi, anche se falsi, acquistavano anche valore e soddisfacevano le richieste delle biblioteche, come quelle d'Alessandria e Pergamo.
Poi si crearono falsi a vantaggio di una causa e di un partito o per la propagazione della fede, a volte, invece di falsificare interi libri, s'interveniva su opere autentiche con interpolazioni, mutilazioni, correzioni o inserendo note nel testo, questa sorte la ebbero anche opere già nate false.
L'uomo è pervaso di paura e insicurezza verso la natura, passò dall'animismo, al culto degli antenati, al politeismo e al monoteismo, la credulità, alimentata dai persuasori occulti,  fa il resto, infatti, Pausania ebbe ad affermare che non è facile convincere la gente del contrario di ciò che essa è abituata a credere, anche a causa delle pregiudiziali opzioni ideologiche, di partito  o di fede.
In oriente e nel Mediterraneo era diffusa l'idea che Dio si era rivelato con leggi scritte, un'idea poi mutuata da ebraismo, cristianesimo e Islam. Per superare le assurdità e il caos delle religioni, il faraone Amenofi IV (1364-1347 a.c.) cercò di sostituire il politeismo con il culto del dio sole o Aton, da cui sembra che derivò l'Adonai degli ebrei reduci dall'Egitto, comunque, anche in Egitto prosperò la falsificazione religiosa e storica, naturalmente a vantaggio di alcuni faraoni contro altri faraoni deceduti.
Diceva Quintiliano, retore romano, che era impossibile confutare ciò che non era mai esistito e che era oggetto di fede, nell'antichità, per motivi religiosi e politici, si falsificavano anche gli oracoli e si dichiarava di aver assistito a portentosi segni divini.
Ciò malgrado, parecchi antichi ritennero gli oracoli trucchi e imbrogli, le falsificazioni dei greci furono superate da quelle fatte dagli ebrei sulle loro scritture e questi furono superati dai cristiani, tra i cristiani, nella battaglia per la fede, in pratica per il potere, l'accusa di falso fu lanciata da tutte le sette contro tutte le altre.
Le scritture sacre, o ispirate da Dio, videro per la prima volta la luce in Cina, in India e in Egitto, la letteratura sacra ebraica vide la luce dopo la cattività babilonese (6° secolo a.c.), mentre il canone ebraico fu fissato nel 100 d.c., ad esso si legarono anche i protestanti che rigettarono i libri deuterocanonici dei cattolici,  mentre tra i cristiani, molti gnostici rigettarono tutto il vecchio testamento in blocco.
La bibbia ebraica fu proceduta dalla tradizione orale e da altri libri smarriti, come il "Libro degli svegliati", "Il libro delle guerre di Geova" e "Lo scritto del profeta Iddio", citati nel vecchio testamento, anche il nuovo testamento cristiano fu preceduto dalla tradizione e da diversi vangeli, arrivati a noi incompiuti o in alcuni brani,  perché distrutti dall'opera censoria della chiese cattolica.
L'esistenza degli antichi patriarchi ebrei non è documentata da nessuna parte, Erodono (V secolo a.c.) ignora totalmente Mosè, l'unica fonte su di lui, come su Noè, su Abramo e Gesù è la bibbia, non si conosce la tomba di Mosè, anche se i monaci cristiani di Palestina tentarono di spacciarne una, com'è accaduto a Roma per la tomba di Pietro.
I libri biblici sono stati attribuiti a personaggi eminenti delle storie raccontate, però sono opera di più persone, restate anonime e comunque legate alla casta sacerdotale, la chiesa cattolica ha sempre combattuto la libertà in queste indagini e Pio XII nel 1906 sostenne la paternità di Mosè sul Pentateuco, che in realtà questa è opera di più persone, che scrissero nel corso di più generazioni, diverse da Mosè.
Nel vecchio testamento, come nel nuovo, ci sono strane ripetizioni e contraddizioni, che si spiegano solo con generazioni d'autori diversi, come una doppia storia della creazione, una doppia genealogia di Adamo, un doppio diluvio, anche re Davide a volte non sembra un personaggio storico, perché non è riportato sui testi storici, perciò le opere letterarie attribuite a lui, come i salmi, sono opera d'altre persone. La storia o mito di Davide assomiglia al mito di Romolo.
Salomone fu un grande costruttore però, con le tasse e il lavoro forzato portò Israele alla decadenza e alla divisione, nemmeno le opere letterarie attribuite a Salomone sono opera sua, forse nacquero in epoca ellenistica, perciò il suo libro, l'Ecclesiaste, divenne canonico solo nel 96 d.c., a Salomone sono stati anche attribuiti degli apocrifi.
Il libro di Giusuè è d'autore ignoto, databile nel VI secolo a.c., all'epoca dell'esilio babilonese, inoltre ha subito aggiunte e rimaneggiamenti, il libro d'Isaia è stato prodotto da diversi autori e fu completato nel 180 a.c., la maggior parte nacque sotto Alessandro Magno (336-323 a.c.), il libro d'Ezechiele fu rimaneggiato e solo un quinto appartiene ad un autore originale.
Il libro di Daniele fu composto al tempo di Antioco Epifanie (164 a.c.), mentre Daniele era vissuto nel VI secolo a.c. alla corte di Babilonia, il suo libro è l'apocalisse più antica e un'evoluzione  dell'escatologia ebraica.
I libri apocalittici degli ebrei sono stati composti da autori sconosciuti e poi attribuiti ad altri, come i falsi artistici, riportano sogni, estasi, rapimenti e catastrofi, anche i libri di Baruch sono falsi, furono redatti mezzo millennio dopo l'esistenza del profeta Baruch e finiti nel 50 d.c. Le falsificazioni avvenivano, malgrado l'avvertimento che falsificare la bibbia era un delitto.
Anche gli oracoli sibillini e le profetesse greche invasate raggiravano i credenti, i 14 libri degli oracoli sibillini furono falsificati, poi, come gli ebrei si richiamavano alla sibillistica pagana, i cristiani si richiamarono a quell'ebraica.
Anche i libri cristiani, apocrifi o canonici, furono interpolati e rimaneggiati, la sofisticazione doveva sostenere una fede e confutare gli avversari, le falsificazioni nacquero fin all'inizio e non cessarono mai, anche se qualcuno, per accertare i fatti, ha tentato di risalire alla fonte, perché si crede che l'acqua più pura sgorga alla fonte, non sa però se ciò valga per la religione, inoltre quest'opera è impossibile perché ci mancano gli originali.
La storicità di Gesù non è attestata né da Svetonio, né da Plinio il Giovane, né da Filone e né da Giusto di Tiberiade, l'unica fonte è il nuovo testamento. Gesù credeva all'imminente fine del mondo, per lui la sua generazione doveva essere l'ultima, dopo la morte di Gesù si attese il suo ritorno, egli non venne ed al suo posto s'installò la chiesa. A volte sembra che il cristianesimo si sia prodotto nella tradizione, senza un'esistenza provata di Gesù.
Per tutto il II secolo non ci fu canone fisso dei vangeli, ogni chiesa aveva il suo vangelo e i racconti sulla vita di Gesù, Marcione accoglieva solo il vangelo di Luca e le lettere di Paolo. Il primo libro dei giudeo-cristiani fu il libro degli ebrei, Clemente d'Alessandria, morto nel 215, usava indifferentemente il vangelo degli egizi, quello degli ebrei ed i vangeli canonici.
Dopo diversi concili, nel IV secolo fu fissato il canone cattolico ed il concilio di Trento del 1546 confermò definitivamente il canone. Non possono essere ispirati i vangeli, perché sono pieni di contraddizioni, i cristiani dopo le scritture, presero a falsificare anche le risoluzioni conciliari e i trattati, ciò malgrado, la chiesa ha garantito l'autenticità dei testi e l'ispirazione divina del canone.
Non possediamo l'originale di nessuno scritto della bibbia, il più antico libro di Marco è stato scritto in lingua latina, che Marco non conosceva, però sono arrivati a noi frammenti di papiri che risalgono al III secolo a.c.
Anticamente i libri erano manoscritti e i copisti, a volte, mentre copiavano facevano delle manipolazioni o inserivano delle note nel testo, anche per enfatizzare, ciò accadeva soprattutto nei primi secoli dell'era volgare.
Le frodi ingannavano i lettori, anche perché questi libri erano considerati ispirati, s'ingannavano i lettori sul nome dell'autore, sul luogo e sul tempo della stesura e s'inventavano i fatti, facendoli passare per rivelazioni.
I falsi furono fatti anche per creare una dottrina, per sostenere un partito della chiesa e per dirimere una controversia, si facevano falsi per dimostrare la fondazione apostolica di un vescovato, per ampliare la proprietà di un monastero e nel IV secolo si produssero anche false reliquie e false vite di santi, i falsi esaltavano una dottrina e gettavano discredito sulla dottrina avversaria.
Solo di rado si conoscono i nomi dei falsari, il falsario si sentiva inferiore al nome che usava, le contraddizioni bibliche dovrebbero attestare la falsità delle testimonianze, come avviene nei tribunali, accadeva che i falsificatori mettessero in guardia dai falsi degli altri, altri giuravano di dire il vero, si servivano di testimoni e, qualche volta, per avere credito, affermavano anche qualche verità.
Le falsificazioni avvenivano a sostegno della fede, nel IX secolo si presero a falsificare anche documenti papali, i quattro vangeli all'inizio furono tramandati in forma anonima, poi la chiesa dichiarò che quelli canonici risalgono agli apostoli.
Marco forse era un cristiano ex pagano, lo si riconosce dalla sua polemica antigiudaica, forse il vangelo di Matteo fu opera di una scuola intera, anche gli atti degli apostoli nacquero anonimi, il quarto vangelo è opera non dell'apostolo.
Dionigi d'Alessandria, morto nel 265, negò che l'apocalisse fosse opera dell'apostolo Giovanni, forse fu opera di Cerinto e di Giovanni il Presbitero, anche se l'autore dell'apocalisse si firma con il nome dell'apostolo e si presenta come testimone dei fatti.
Nemmeno le epistole di Paolo sono autentiche, soprattutto le lettere a Timoteo, a Tito, quella ai Colossesi, anche se la seconda lettera ai Tessalonicesi è firmata da Paolo, è stata manipolata la lettera agli efesini e la lettera agli ebrei che, fino al IV secolo, non era giudicata né apostolica, né canonica.
Le epistole cattoliche, attribuite a Pietro, Giovanni, Giacomo e Giuda, solo nel IV secolo furono inserite nel canone, per Lutero la I epistola di Pietro  era contraffatta e nel 200 il canone Muratori della chiesa romana non la menzionava, lo stesso canone non menzionava le epistole II e III di Giovanni e l'epistola di Giacomo che era respinta da Tertulliano, Origene e Lutero.
Le interpolazioni dei testi furono numerose tra i cristiani, per esaltare Cristo e per far passare opinioni, le epistole di Paolo furono rimaneggiate da Taziano, per motivi estetici, e da Marcione per i contenuti. 
Girolamo, per incarico di papa Damaso I (366-384), fece una revisione delle bibbie latine e creò la Volgata latina, così facendo modificò numerosi passi, però nel XVI secolo il concilio di Trento dichiarò autentica la sua Vulgata.
La trinità era conosciuta nel mondo pagano, mancava nel cristianesimo dei primi secoli e  s'impose tra i cristiani nel IV secolo, Gesù non aveva nessuna concezione trinitaria, per sostenere la fede nella trinità, furono create le interpolazioni false di Matteo e Giovanni, infatti, gli antichi manoscritti greci mancano del passo di Giovanni I (5,7) che accenna al padre, al figlio ed allo spirito santo.
Molte falsificazioni hanno influito, in maniera determinante, sullo sviluppo della dogmatica della chiesa, sulla sua politica e sulla sua storia, la scorta di documenti contraffatti è illimitata.
Tanti teologi antichi consideravamo apostolici molti libri poi definiti apocrifi, ogni chiesa aveva il suo vangelo, a causa della lotta per il primato e il potere, poi la chiesa definì non autentiche o apocrife alcune scritture. E' anche vero che i concili cercarono di mettere ordine al caos delle scritture e perciò, a tale fine, dichiararono apocrifi alcuni scritti.
Anche gli apocrifi furono scritti da cristiani e servirono a diffondere il cristianesimo, alcuni di essi furono rimaneggiati e falsificati, a volta, alcuni falsi erano attribuiti ad avversari per screditarli, tutti i santi dirigenti delle chiese si rinfacciavano i falsi. Il vescovo Eustazio d'Antiochia accusò il vescovo Eusebio di Cesarea di aver falsificato il credo di Nicea del 325, alcuni apocrifi erano più antichi di scritti poi divenuti canonici.
Il vangelo dei nazareni aveva tratti in comune con il vangelo di Matteo, come il vangelo degli ebioniti, che non credevano alla nascita verginale di Gesù ed erano vegetariani. Nel vangelo degli ebrei la madre era lo spirito santo, nei primi secoli circolarono anche falsi attribuiti a Gesù, il vangelo apocrifo di Pietro, scritto nel II secolo, fu scoperto solo nel 1886.
L'apocalisse di Pietro era commentata da Clemente d'Alessandria, considerata ispirata da Metodio e inserita nel canone cattolico di Muratori, alla pari dell'apocalisse di Giovanni. Nel IV secolo nacque anche l'apocalisse di Paolo, che accennava ad una discesa di Paolo all'inferno, di cui si descrivevano le pene, ad essa s'ispirò anche Dante per scrivere la divina commedia.
Esistono anche vangeli attribuiti a Maria, nel protovangelo di Giacomo si parla della fanciullezza di Maria, questo vangelo fu accettato in oriente e rifiutato in occidente, la Didaché, o dottrina dei dodici apostoli, fu scoperta nel 1883 e risale al secondo secolo.
Le costituzioni apostoliche, in otto volumi, contengono dottrina, diritto e liturgia, nacquero nel 400 in oriente, i primi sei libri furono attribuiti agli apostoli, anche la professione apostolica di fede del IV secolo conteneva il credo ufficiale attribuito agli apostoli, forse il primo nucleo nacque alla fine del II secolo a Roma.
Le storie o atti degli apostoli, sono apocrifi databili II e III secolo, poi furono contraffatti, tra di essi, gli atti di Giovanni furono respinti da Eusebio ed Agostino, questi scritti erano di supporto alla campagna d'evangelizzazione, gli atti di Pietro integravano la storia canonica degli apostoli e gli atti di Paolo erano raccomandati da Origene ed Eusebio, gli atti di Pilato nacquero per  testimoniare l'esistenza storica  di Gesù e per parlare del suo processo.
Nel III secolo fu falsificato Clemente Romano, papa Zefiro (199-217) produsse un falso trattato attribuito a Tertulliano, anche Attanasio fu falsificatore e scrisse un'opera di tendenza antiebraica, il vescovo Apollinare scrisse sotto il nome d'Attanasio, inoltre sotto il nome di Ambrogio esistono molti falsi.
E' falso il carteggio tra Girolamo e papa Damaso, è falso il Liber Pontificalis, registro ufficiale dei papi che, fino ai papi del IV secolo, non ha valore storico, esistono anche falsi attribuiti ad Agostino, tra i falsificatori si cita Hieronymus Vignier, morto nel 1611, un oratoriano noto come falsificatore di documenti.
Tommaso D'Aquino fu sedotto da un falso attribuito a Dionigi l'Aeropagita, il vero autore era, in realtà, un monofisita anonimo, la lettera di Pilato rende testimonianza alla resurrezione e all'ascensione di Cristo, perciò la chiesa copta venera Pilato come santo.
I cristiani fecero carte false per dimostrare il parto virginale di Maria, contestato da ebrei e giudeocristiani. Nel II secolo prese vita un carteggio tra Paolo e il filosofo stoico Seneca (4 a.c. e 65 d.c.), che fu poi dichiarato falso da Erasmo da Rotterdam, comunque, grazie a questo falso, i primi cristiani giunsero ad annoverare Seneca tra santi cristiani.
Nel 64 d.c. Nerone accusò i cristiani di aver incendiato diversi quartieri Roma, forse i cristiani erano innocenti o forse l'incendio non era doloso, Svetonio e Tacito accennano al processo ai cristiani, questi fatti testimoniano la presenza a Roma di una setta di cristiani,  giudei o gentili convertiti, ma non dell'esistenza del Gesù storico o dell'arrivo a Roma di Pietro.
I romani erano tolleranti in fatto di religione, esentarono gli ebrei anche dal sacrificio a favore dell'imperatore, per due secoli i cristiani non furono perseguitati, poi iniziarono le persecuzioni e tanti, per sfuggire alla condanna, rinnegarono la loro religione, fu Diocleziano (morto nel 313) che si accanì contro quelli che non facevano il sacrificio all'imperatore.
Le persecuzioni iniziarono all'inizio nel 250, sotto l'imperatore Decio, la chiesa però ha cercato di far credere che fino ad allora la chiesa di Roma aveva avuto 11 vescovi martiri su 17, queste sono leggende, questi primi papi non sono personaggi storici, mentre agli inizi del IV secolo i papi, per sfuggire alle persecuzioni, erano spesso apostati.
Il culto dei martiri cominciò nel III secolo, tra di loro vi erano pochi vescovi che però, al sicuro, incoraggiavano gli altri alla resistenza, incredibilmente la moglie di Pietro, Tecla, per tradizione è considerata martire e santa, si afferma che le sue presunte reliquie sono conservate a Milano.
Gli atti persiani dei martiri, che si presentano come storia vera e non come una leggenda, narrano di torture e di morti cruente di cristiani, in realtà i martini cristiani non furono molti, alcuni furono fatti santi e di loro si parla  nel Martirologo romano.
Secondo le cronache a noi tramandate, nei primi tre secoli questi martiri  sarebbero stati circa 1.500, ma forse sono stati meno, Origene affermava che erano stati pochi e facili da contare. Ciò malgrado si crearono falsi martiri e falsi episcopati sui loro nomi, attribuendo ad ogni sede vescovile una discendenza apostolica, tutti gli elenchi vescovili che contengono una successione apostolica sono falsi.
I nomi dei vescovi romani sono incerti fino al 235, anche Bisanzio seguì la strada di Roma  e nel IX secolo fece risalire il suo patriarcato all'apostolo Andrea, che così sarebbe divenuto il primo vescovo di Costantinopoli.
La chiesa d'Alessandria aveva come capostipite Marco, le cui spoglie furono poi trafugate dai veneziani, la lista alessandrina dei vescovi fu accettata anche da Eusebio, in realtà, il primo vescovo d'Alessandria fu Demetrio (189-231).
Corinto e Antiochia, in concorrenza con Roma,  dicevano di aver avuto come primo vescovo Pietro, in realtà il primo vescovo di Roma fu un certo Lino, la successione apostolica di Antiochia fu inventata nel III secolo da Giulio Africano.
La successione apostolica della chiesa armena era fatta risalire a Taddeo e Bartolomeo e, a volte, a Cristo stesso, invece il primo vescovo d'Edessa fu Kune, morto nel 313. Nel IV secolo si parlava di una lettera di Gesù caduta dal cielo, che serviva a dimostrare che la resurrezione di Gesù era avvenuta, con il tempo queste lettere celesti divennero sempre più frequenti.
La lotta tra i vescovadi d'Aquileia, Ravenna e Grado fu accompagnata da documenti falsi, con i falsi, Barnaba diventò primo vescovo di Milano, in Gallia nel V secolo Arles mirava alla supremazia su Marsiglia, Narbona e Vienne, perciò si affermò che la sede vescovile di Arles risaliva al santo Trofimo, discepolo di S. Pietro, tutta questa falsificazione era stata opera del vescovo Patroclo.
In Renania la città di Metz si richiamò a Clemente, Treviri ai discepoli di Pietro, Magonza a Crescenzo, discepolo di Paolo, a Treviri si falsificarono atti conciliari, per impedire che Colonia divenisse sede metropolita. Tutti questi falsi ebbero un imprimatur ecclesiastico, perché la chiesa arrivò a sostenere che dove c'era una sede vescovile era passato un apostolo, un suo discepolo o un successore di questo.
Nel IV secolo s'interpolarono i testi del II secolo, con il concilio di Calcedonia del 451 si fabbricarono diversi falsi, nel IV secolo le zuffe d'interesse tra monasteri e vescovadi portarono a manipolazioni di documenti, con i falsi si promosse il culto di santi, s'inventarono miracoli e reliquie.
Con i falsi si credeva di servire la religione, la missione cristiana giustificava l'inganno, il fine santificava i mezzi, i falsi erano bugie necessarie perché il popolo era fatto di bambini, anche Platone sosteneva che si poteva utilizzare la menzogna a fin di bene, anche Filone consigliava l'uso della bugia, per il bene degli individui e della patria, forse è stato lui l'inventore della propaganda di stato.
Aveva affermato Paolo: "Se a causa della mia menzogna si glorifica Dio, perché io devo essere biasimato?", anche per Clemente la menzogna e il raggiro si potevano usare a fin di bene, cioè per la salvezza dell'anima, per Origene la menzogna poteva essere un farmaco, perché anche Dio poteva mentire con lo scopo di realizzare un piano di salvezza.
Giovanni Crisostomo sostenne la necessità della menzogna, sempre con lo scopo di salvare l'anima, infatti, anche i medici, a volte, ingannano i malati con i placebo e con la suggestione, con il fine buono di portarli a guarigione.
Infatti, secondo Giovanni Cassiano di Costantinopoli, la bugia era salutare come i farmaci, tra i vizi egli non citava l'inganno, anche per Tommaso D'Aquino, per la causa del cattolicesimo, era lecito ingannare e i gesuiti hanno condiviso l'idea che mentire sia utile per una buona causa.
Gesù fece 38 miracoli, 19 di essi sono narrati solo da Marco, anche l'apostolo Taddeo, secondo Eusebio, faceva molti miracoli, leggendo i vari evangelisti, alcuni miracoli, a causa delle contraddizioni di cui si è parlato, a volte sembrano fatti a favore di una persona a volte a favore di più persone.
Nei tempi in cui erano di moda i vaticini e le divinazioni, tutti credevano ai miracoli, per denigrare i miracoli al massimo si potevano attribuire al diavolo, però alcuni dei miracoli attribuiti a Gesù erano già stati fatti da altri, prima che egli nascesse.
Budda aveva camminato sull'acqua e placato le tempeste, a Babilonia certi Dei rianimavano i defunti, il salvatore Asclepio, Osiride e Attis resuscitarono dalla morte. Tutti credevano alle divinità inviate dal cielo come redentori, salvatori e pastori, nati da una vergine, le divinazioni profetiche e i vaticini avevano  molto credito.
Però sulle profezie si fecero delle forzature, i profeti ebraici generalmente avevano scritto riferendosi al passato già verificatosi, per la chiesa mille passi degli antichi profeti avevano già parlato di Gesù, in realtà, questi profeti si riferivano ad altri personaggi.  I prodigi dei profeti e di Cristo furono, con il tempo, ampliati ed arricchiti, infatti, il miracolo si fonda sull'esagerazione, perché per Dio niente è impossibile.
Dopo Cristo i miracoli furono attribuiti ai martiri cristiani che, si narrava, avevano sopportarono coraggiosamente le torture, poi questi santi continuarono i loro miracoli anche dopo la morte, dei martini si conservarono anche le reliquie, a volte questi martiri della tradizione non erano mai esistiti.
Dopo Costantino non ci furono più martiri cristiani, anche perché ora era il cristianesimo a fare martiri, al posto loro vennero monaci e asceti che facevano miracoli, non poteva esserci un santo senza miracoli e chi li faceva era acclamato santo dal popolo, in un secondo tempo, per la loro canonizzazione, ci volle la certificazione dei loro miracoli da parte del papa, che così accentrava sempre più funzioni e poteri, mentre fedeli e vescovi ne erano esclusi.
Si credeva che i poteri taumaturgici del santo deceduto fossero conservati nelle ossa del suo scheletro, perciò delle ossa di santi si faceva incetta e mercato, tuttavia si alzò qualche voce critica e Benedetto XIV (1740-1758) dichiarò solennemente che l'inserimento di un nominativo nel Martirologo romano, non dimostrava assolutamente la santità del soggetto.
Allora si diceva che San Benedetto aveva fatto sgorgare l'acqua dalla roccia, che fece resuscitare due persone e fece camminare sull'acqua un suo discepolo, si credeva che anche Agostino fece resuscitare un morto.  Nel medioevo, oltre ai miracoli salutari, si credeva anche ai miracoli punitivi dei santi cristiani, una specie di magia nera, in certi vangeli apocrifi anche Gesù bambino aveva fatto miracoli del genere.
Fino al quinto secolo si veneravano i santi ma non Maria, poi anche Maria ebbe santuari, venerazione e fece miracoli, per il popolo certe invenzioni mitiche avevano il peso della verità, inoltre per gli antichi non si faceva distinzione tra romanzo storico e storia vera, come non si faceva distinzione tra storia e leggenda. Questa credulità fruttò alla chiesa credito, potere e ricchezze.

Fine della prima parte del III volume


KARLHEINZ DESCHNER
STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO -  Editore Ariele
 

Vol 3 - PARTE SECONDA


Nel primo millennio i santi, per il credito che riscuotevano, furono canonizzati direttamente dal popolo, poi i papi si riservarono il diritto di beatificare e santificare, oggi si può affermare che non è Dio ad avere bisogno dei miracoli, ma la chiesa, con lo scopo di mantenere il suo potere e di accrescere le sue ricchezze, i santuari, infatti, sono stati sempre molto ricchi.
Per la chiesa solo i suoi miracoli, da essa certificati, sono autentici, eppure ne hanno fatto anche Budda e Krishna, anche il pagano Apollonio di Tiana fece miracoli, anche se furono attribuiti da Giustino e dalla chiesa all'opera del diavolo.
Con le crociate, l'oriente si rivelò per la chiesa un patrimonio di reliquie, che spesso erano comprate o sottratte in guerra, infatti le ossa di Marco finirono da Alessandria a Venezia, anche i primitivi usavano custodire resti di persone venerate, di Budda furono distribuiti tra i seguaci le ceneri, le ossa, i capelli, i denti e il bastone; di Maometto si conservarono i peli della barba, invece l'ebraismo non aveva il culto delle reliquie, in Israele chi toccava il cadavere di una persona era impuro per sette giorni.
Il culto cristiano delle reliquie si ricollegava anche al culto degli eroi semidei pagani, che erano stati guerrieri eccellenti, fondatori di templi, di città e di dinastie, i greci conservavano le loro ossa, per averne protezione, su un sepolcro elevato al centro della città, oppure erano inserite in un reliquario ed erano portate in processione.
Le tombe degli eroi erano luoghi di guarigione e di divinazione, gli antichi però non frazionarono i resti degli eroi, né praticarono il commercio delle reliquie, come avvenne tra i cristiani, presso i quali la tomba del martire divenne oggetto di culto, ancora prima del culto delle immagini.
Le reliquie potevano essere primarie, come la testa, e secondarie, come un dente, e da contatto,  come indumenti od oggetti venuti a contatto con i santi, allora  si credeva anche che le ossa dei santi trasudassero olio santo profumato. La raccolta delle reliquie divenne così diffusa che, appena moriva un monaco stimato, si accorreva al suo capezzale per appropriarsi del suo cadavere, che poi era sezionato.
La prima traslazione della salma di un martire ebbe luogo ad Antiochia nel 354, fu trasportato il corpo del santo Babila a Dafne, con lo scopo di contrastarvi il culto d'Apollo, poi Cirillo trasportò i corpi dei due martiri, Ciro e Giovanni d'Alessandria, a Menuthis, per far dimenticare il culto di Iside, già praticato in questa città.  Nel 386 Ambrogio scoprì le ossa dei martiri Gervasio e Protasio e le spedì dappertutto.
Quindi si diffuse l'usanza di custodire il resto dei martiri sotto l'altare, così l'altare divenne una tomba consacrata e ogni chiesa volle avere le reliquie di un santo per il suo altare, ancora oggi perciò l'altare delle chiese ha la forma di un sarcofago.
Si eseguivano i giuramenti sopra le reliquie, che erano portate anche in guerra, per appropriarsi di reliquie si allestivano campagne militari, fino al XIII secolo l'acquisizione privata o libero commercio di reliquie avvenne liberamente, senza alcun controllo da parte della chiesa.
Per sfuggire all'inferno, i comuni cristiani si portavano le reliquie dei santi nella tomba e, poiché Teodoreto e Gregorio I Magno (560-604) avevano affermato che il più piccolo frammento di reliquia aveva la stessa efficacia di uno scheletro intero, si prese a frantumare gli scheletri dei santi. Inevitabilmente ci furono anche delle truffe, vendendo per ossa di  santi martiri ossa di comuni mortali e anche d'animali.
Così si smembrarono cadaveri e si frantumarono strumenti di tortura che si diceva avessero straziato i martiri, come avvenne con la presunta croce di Cristo, Gregorio Magno I (590-604) spediva ai sovrani schegge della croce di Cristo e capelli di Giovanni Battista, anche Bonifacio IV (608-615) esportò in Francia ossa di santi.
Al concilio d'Efeso del 431, Cirillo, con la corruzione, impose il dogma di Maria madre di Dio, così le sue immagini entrarono per la prima volta nelle case dei cristiani d'oriente, poi dal VII secolo Maria diventò la patrona e la regina degli eserciti cristiani.
Dal V al VI secolo si sviluppò il commercio di reliquie mariane, erano venerate reliquie del suo abito e a Monaco il suo pettine, la riforma protestante respinse la venerazione delle reliquie che fu però ripristinata dal concilio di Trento, anche perché il culto delle reliquie era collegato a quello dei santi martiri e ai pellegrinaggi, con gli interessi economici che ne scaturivano. Anche il culto delle immagini fu difeso perché collegato a rappresentazioni artistiche vendute dai monasteri.
Come gli ebrei e gli arabi, anche i cristiani adottarono le processioni, i cristiani facevano voti come avevano fatto i pagani, anche i pagani, come i cristiani, avevano portato ai templi offerte votive ed ex voto, come riproduzioni di arti guariti.
Nei templi pagani e cristiani si portavano in dono anche animali e parte dei bottini di guerra, in quei luoghi tutti chiedevano guarigioni e perciò i templi diventarono anche degli ospedali,   l'uso di dormire nei luoghi sacri, per averne delle visioni, risaliva ai pagani. I templi pagani e cristiani divennero anche banche, dove si custodivano ricchezze e si facevano transazioni finanziarie.
I pellegrinaggi furono praticati in Cina dai confuciani, in Egitto e in Grecia, alla fine del V secolo a.c. Asclepio diventò il più importante dio di salvazione, era taumaturgo e redentore e fu deificato, sedava le tempeste e resuscitava i morti, alla fine ascese in cielo. Strane queste coincidenze con Cristo, tanti miti pagani furono metabolizzati dal cristianesimo e attribuiti a Cristo.
Epidauro, nel Peloponneso, dal VII al V secolo a.c. fu una specie di Lourdes cristiana, vi si facevano cure traumatologiche e idriche, aveva un albergo per pellegrini, si diceva che più importanti erano le donazioni fatte al santuario, maggiore era le probabilità di guarigione, ingegnoso questo stratagemma dei sacerdoti!
Ciò che fu Asclepio in Grecia, lo divenne nel II secolo a.c. Serapide in Egitto, dove aveva 42 templi e ospedali, Pacomio, il fondatore del monachesimo cristiano, era un medico che aveva servito in precedenza Serapide.
In Grecia nei templi s'interpretavano i sogni e si spiegavano gli oracoli, anche Artemide era considerata eternamente vergine, anche Iside era rappresentata come una vergine con il bambino in braccio, era anche detta la madre di Dio, in un suo tempio c'era anche una banca. Presso alcuni templi pagani  si praticava anche la prostituzione sacra.
Pian piano il pellegrinaggio religioso divenne obbligatorio a Gerusalemme, a Roma, con i giubilei, ed alla Mecca e nessuno si presentava ai santuari a mani vuote. Con la riforma religiosa di Costantino, decaduto il pellegrinaggio alle tombe degli eroi pagani, nel IV secolo si affermò il pellegrinaggio cristiano,  favorito da Elena, madre di Costantino.
Le chiese presero ad esibire frammenti della croce di Cristo, i quali erano autenticamente falsi, poi si prese a venerare il sangue e il prepuzio di Cristo, che era portato in processione e venerato da Santa Brigida di Svezia,  perciò nel 1426, ad Anversa, esisteva la confraternita del santo prepuzio.
Nei luoghi di pellegrinaggio cristiani, com'era accaduto al tempo del pagano Asclepio, avvenivano guarigioni miracolose, con esorcismi erano curati i posseduti e gli invasati, detti anche indemoniati, che erano spesso solo degli epilettici o dei malati mentali.
In Palestina monaci devoti erano in grado di indicare tutti i luoghi citati dalle scritture, Girolamo credeva che in quella terra fossero sopravvissute anche le impronte di Cristo, poi a Gerusalemme si prese l'abitudine di asportare, per fede, la terra dal monte degli ulivi, con il rischio di trasformare l'altura in una pianura.
Nei luoghi di culto, per curare i malati, si faceva uso di acqua consacrata, si fece anche traffico di oggetti benedetti e di souvenir, di amuleti e portafortuna per pellegrini. Se i cristiani adoravano immagini, senza essere idolatri, bisogna ricordare che all'inizio dell'era cristiana, in pratica, nemmeno i pagani  identificavano più le immagini con gli dei, non erano poi così sciocchi.
In epoca ellenistica il santo asceta Apollonio di Tiana non celava la sua impudicizia e le sue mortificazioni corporali, seguendo questo costume, dalla seconda metà del IV secolo nacquero in Egitto comunità monastiche, la santità si riconosceva dal cattivo odore.
Alcuni di questi monaci, soprattutto in Siria, si riconoscevano perché, pregando, stavano immobili sotto la pioggia, invece gli stiliti stavano accovacciati su una colonna, in Siria, prima della croce, adottata come simbolo cristiano solo nel IV secolo,  il pesce divenne il simbolo del Messia, dei cristiani e di Cristo.
Si diceva che Gesù era nato sotto il segno dei pesci, la tiara papale, di origine babilonese, ha la forma della testa di un pesce, gli antichi pescatori palestinesi avevano come totem un pesce, inoltre i re pescatori merovingi francesi, che si dicevano discendenti di Cristo, avevano per simbolo un pesce.
Il santo Simeone da una colonna faceva miracoli e riceveva offerte, quando nel 459 morì, seicento soldati di Antiochia dovettero proteggere la sua salma da chi voleva farne reliquie. La polvere di luoghi sacri o uomini sacri era considerata naturale veicolo di benedizione, con capacità terapeutiche, il fervore religioso spesso sfociava nell'estasi.
Nella città di Seleucia era venerata la santa Tecla, discepola di Paolo, c'erano le sue reliquie e si diceva facesse  miracoli, i pellegrini facevano donazioni per riceverne aiuto e i suoi santuari, per difendersi dai briganti e preservare le loro ricchezze, erano muniti come fortezze.
Poiché presso i Pagani anche Ermete era stato rappresentato avvolto in fasce in una stalla,  i racconti dell'infanzia di Gesù furono accolti bene dal popolo; poiché i miracoli erano frequenti e straordinari,  Agostino cercò di registrarli.
Una Lourdes cristiana era nel santuario di Mena, in Egitto, nel IV e V secolo questo santo, quando  i cristiani abbandonarono l'obiezione di coscienza, divenne protettore dei combattenti cristiani, Mena era un guaritore e, con olio ed acqua benedetta, venduti in ampolline, guariva gli infermi.
Questo santuario era così ricco che l'imperatore Zenone, per proteggerlo dai banditi, vi mise una guarnigione di 1.200 uomini. In Egitto un'altra sede di pellegrinaggio cristiano era a Menuthis, vicino ad Alessandria, dove era stato un tempio pagano dedicato a Serapide o Iside, vi si facevano miracoli ed oracoli.
I santi cristiani Teofilo e Cirillo cancellarono da quel luogo il culto di Iside, per imporvi il culto cristiano, per fare questo Cirillo vi trasportò le ossa di due presunti martiri cristiani, Ciro e Giovanni, e le collocò nella chiesa degli Evangelisti di Menuthis, cioè nello stesso santuario prima dedicato ad Iside.
A Costantinopoli erano venerati i santi guaritori cristiani Cosma e Damiano,  contraltare dei pagani Castore e Polluce, i tedeschi divennero estimatori dei due santi e le loro reliquie oggi sono venerate a Monaco, questi due santi erano favoriti anche dai gesuiti e divennero patroni delle corporazioni e delle confraternite.
A Roma, sia pure tardivamente rispetto all'oriente, si millantarono più tombe di martiri che in qualsiasi altro luogo, papa Damaso era dedito a scovare tombe di martiri, alle cui tombe poi favoriva il pellegrinaggio.
Nel VI secolo a Roma vi erano dozzine di tombe di santi, assieme a quelle di Pietro e Paolo, si distribuivano, in loro nome, ampolle e si costruirono chiese su di esse, che poi si riempirono d'offerte votive e di preziosi.
I ricchi regalarono alle chiese anche latifondi, anche gli imperatori fecero ricche donazioni ed il Liber Pontificalis era anche un registro di queste donazioni, così nel IV secolo Roma divenne ricchissima di chiese.
Socrate cercò di indurre gli uomini a pensare in modo autonomo, facilitato dal fatto che, nel mondo greco-romano, l'istruzione serviva a sviluppare la conoscenza, cioè era legata alle cose terrene. Invece presso gli ebrei l'istruzione era legata alla religione, nel giudaismo rabbinico educazione e religione andavano di pari passo, le scuole erano collegate alle sinagoghe e non erano aperte alle donne, i rabbini o maestri erano venerati.
Malgrado Agostino avesse confessato che la bibbia gli sembrava una fiaba per bambini, anche i cristiani puntarono all'educazione religiosa ed abbandonarono quella laica, assieme alla ricerca della conoscenza, Dio diventava il vero ed unico fine della conoscenza, mediato dalla chiesa.
Origene e Crisostomo non erano interessati al mondo visibile, per Clemente, Origene e Crisostomo la pena era un mezzo educativo, per Agostino il padre doveva essere il vescovo della famiglia, la donna doveva essere a lui sottomessa e i figli dovevano obbedienza ai genitori.
Però per la chiesa questo principio poteva essere derogato, perché se i figli decidevano di diventare sacerdoti, il parere contrario dei genitori non contava.
Paolo aveva messo i cristiani sull'avviso del pericolo della filosofia e della scienza, i primi cristiani erano ignoranti e Tertulliano riconobbe che tra i cristiani gli idioti erano la maggioranza, perciò il pagano Celso accusava i cristiani di stare alla larga dalle persone colte, per associarsi solo agli incolti.
I monaci disprezzavano la scienza, ritenendola antagonista della fede, per loro l'ignoranza era il presupposto di una vita virtuosa, alla fine del IV secolo, nelle zone desertiche d'Egitto vivevano 24.000 asceti che praticavano il digiuno per rafforzare l'anima, fame, sporcizia e lacrime erano il loro più grande ideale cristiano.
Questi uomini a volte erano nudi e pascolavano l'erba come le bestie, si diffusero fino in Etiopia, dove in certi casi fecero piazza pulita dell'erba e perciò vennero scacciati da pastori, i più noti asceti egiziani erano analfabeti, come l'altro fondatore del monachesimo cristiano, dopo Pacomio, cioè Antonio Abate.
Nel 190 il vescovo Ireneo non sapeva scrivere, papa Zefirino era ignorante ed al sinodo di Antiochia (324-325) la maggioranza dei vescovi era incompetente in materia ecclesiastica, al concilio di Calcedonia del 451, 40 vescovi erano analfabeti, ancora per due secoli i dirigenti della chiesa avrebbero respinto la cultura dei gentili.
Nel 172 Taziano  condannava la cultura greco-romana, Ermia giudicava inutile la filosofia, Ignazio di Antiochia respingeva l'istruzione e i contatti con il paganesimo, nel 180 il vescovo di Antiochia, Teofilo, proclamò la cultura greca come immorale e senza valore.
Solo Ireneo ed Origene conoscevano la cultura classica, anche se la rigettavano, i classici ed Omero erano accusati di corrompere la gioventù, anche Tertulliano condannava la cultura pagana, per lui solo la fede era importante.
Nel IV secolo Anobio di Sicca condannava gli dei, la letteratura mitologica, l'architettura e le arti figurative dei gentili, per lui solo il cristianesimo poteva fornire la verità, questo santo faceva risaltare la bassezza del mondo pagano.
Generalmente dai primi cristiani il teatro greco era definito immorale, perché presentava storie di violenze, di lussurie e d'adulterio, si riteneva che attraverso il teatro entrassero nel cuore umano anche i vizi.
Per Girolamo anche la musica delle scene era una minaccia per la morale, secondo Lattanzio gli dei insegnavano solo malaffare e malvagità, per lui nel teatro si rappresentava quanto c'era d'infame ed esecrabile. Pèrciò nel IV secolo, al concilio spagnolo di Illiberris, si proibì l'unione tra cristiani ed attori, oltre a quella tra cristiani ed ebrei.
Da giovane Agostino era stato attratto dal teatro pagano ed aveva anche scritto un pezzo per il teatro, poi esaltò le rappresentazioni cristiane, che erano in antitesi a quelle pagane, e definì il teatro pagano frivolo, sudicio e svergognato, ancora nel XX secolo Leone XIII vietò tutti i libri e i film immorali.
Nel IV secolo il cristianesimo non aveva considerazione tra le persone colte, ma tra gli schiavi e la gente minuta, però il cristianesimo già sentiva il bisogno di persone colte e corteggiava i ricchi, fino al VI secolo i cristiani non ebbero scuole proprie, poi Clemente d'Alessandria fece trasmigrare la filosofia pagana nel mondo cristiano.
Quindi, per opera di Clemente e di Origene, il cristianesimo si trasformò, anche Basilio traeva ausilio dai libri dei greci e così la filosofia fu finalmente accettata, divenendo però "ancilla" della teologia.
Comunque per cristiani continuarono ad essere considerate malfamate la matematica, la geometria e la scienza, guardate con sospette perché fonti di eresie, cioè minacciavano la verità della fede, furono attaccate le scienze naturali e la medicina fu sospettata di allontanare da Dio, chi vedeva nei terremoti dei processi geofisici e non divini era definito eretico.
Contemporaneamente la chiesa diede risalto alla mitologia biblica e alla creazione biblica, per conseguenza tra i cristiani solo alla fine del medioevo si sarebbe appreso che la terra era sferica, cosa già conosciuta da alcuni antichi filosofi greci.
Tra i cristiani si diffuse l'interpretazione allegorica della bibbia, sostenuta da Ambrogio ed Agostino, che era sospettoso verso le scienze naturali, le altre scienze e rifiutava l'arte, per lui tutto ciò che si doveva conoscere era nella bibbia, una tesi simile all'odierno integralismo islamico che guarda al corano.
La chiesa perciò incoraggiò l'ignoranza, anche i principi erano analfabeti e usavano, al posto della firma, un sigillo, Teodorico vietò l'istruzione ai bambini, così la ricerca scientifica cadde nell'oblio, mentre la filosofia fu ancora sospettata d'eresia, conseguentemente nel IV secolo la professione d'insegnante era vista con sospetto.
Agostino sbeffeggiava la filosofia, che perciò cadde in disuso anche nell'università di Costantinopoli, la chiesa vedeva anche con sospetto le opere storiche, crebbe il pregiudizio sul sapere laico, per la chiesa non era importante saper leggere e scrivere, nei conventi per i novizi non era prevista istruzione, mentre per loro era importante l'ascesi e la preghiera.
Sumeri, indiani, egiziani e babilonesi avevano esorcizzato gli spiriti maligni o demoni, in Israele anche le malattie erano imputate a spiriti malvagi, tra i rabbini c'erano esorcisti di professione che scacciavano i demoni, dai quali in tutto il mondo ci si difendeva con amuleti, per gli ebrei Dio era il creatore anche dei demoni, si credeva che gli spiriti maligni, che davano malattie, si annidassero nella sporcizia, avevano cioè capito che la sporcizia conteneva batteri patogeni.
Anche Cristo scacciava gli spiriti maligni e satana, i demoni furono visti come artefici di possessioni e malattie, perciò anche i sacerdoti cristiani presero a fare gli esorcisti, Gesù e i suoi discepoli furono esorcisti, anche Attanasio evidenziò il potere dei cristiani sui demoni.
Ancora oggi tra alcuni sacerdoti cristiani che fanno gli esorcisti, ci sono quelli che dichiarano di essersi imbattuti in spiriti maligni, streghe e stregoni che portano disgrazie, i cristiani accusarono gli eretici di essere posseduti dal diavolo e alcune persone sono state esorcizzate da loro a forza, però Ireneo rimproverava agli esorcisti eretici concorrenti di operare con l'aiuto di trucchi o del demonio.
Non sempre i demoni si presentavano come ripugnanti, a volte si presentavano sotto corpo di donna, secondo Agostino anche gli dei pagani erano demoni, egli credeva che si potesse interrogare gli spiriti, che si potessero fare accordi con il diavolo, che ci si potesse unire sessualmente con lui, tesi riprese nel medioevo, durante la caccia alle streghe.
La demonologia era collegata alla magia malefica e ci si tutelava con gli amuleti, tra essi il più importante era la croce, già usata nella Palestina precristiana, con lo scopo di difendersi dal malocchio.
Si credeva che con la croce  si potevano mettevano in fuga i demoni, si riteneva che anche lo sputo allontanasse i demoni, come l'affumicamento e l'uso d'incenso, che oggi sappiamo essere antibatterici.
Per allontanare i demoni si usava anche l'olio dei martiri, le reliquie, il fuoco, l'aglio, le cipolle, la danza e l'astensione dalla carne di maiale, il fuoco, l'aglio e la cipolla sono antibatterici, a volte la carne di maiale porta malattie, la gente non è sempre cieca.
In origine, in Europa la terra appartenne alle comunità locali e in un secondo tempo passò ai clan familiari, le guerre arricchirono minoranze e fecero crescere i latifondi familiari, sui quali lavoravano gli schiavi, mentre i piccoli contadini erano costretti a vendere, perché oberati da debiti.
Nei primi secoli il latifondo crebbe sempre di più, a vantaggio anche degli imperatori, la metà del nordafrica apparteneva a sei famiglie romane. 
La ricchezza di alcuni crebbe anche con i bottini di guerra, con i risarcimenti di guerra e con i tributi di guerra, inoltre con il credito e con le confische a carico dei perseguitati eretici; anche Silla si arricchì così, Marco Crasso, Plinio il Giovane e Seneca erano ricchissimi e Plinio il Giovane aveva praticato anche l'usura.
Per far quadrare il bilancio, gli imperatori presero a peggiorare il contenuto metallico delle monete, Diocleziano cercò di fissare i prezzi delle merci per aiutare l'economia e i poveri, ma fallì. Caracalla, per pagare i soldati, impose tributi sempre maggiori, Settimo Severo procedette a confische e Massimino I (235-238), per fare cassa, vendette proprietà statali, mentre la popolazione era vessata da requisizioni straordinarie.
Per i greci e latini la ricchezza era considerata una fortuna e la povertà una calamità, nel V secolo a.c., dalle attività dei cambiavalute, nacquero le banche. Le famiglie senatoriali romane godevano di alte rendite dai loro latifondi, inoltre, mentre aumentavano i poveri, i soli obbligati a pagare le tasse, l'esercito ingoiava somme sempre più ingenti.
Per i greci ed i latini, chi lavorava per un salario s'abbassava al livello d'uno schiavo, questa era l'opinione anche di Cicerone, che non vedeva bene nemmeno artigianato e commercio, il commercio era approvato solo quando forniva proventi poi investiti in beni fondiari, gli aristocratici non stimavano il commercio, a volte però praticavano l'usura.
Solo la proprietà fondiaria era stimata,  per Platone commercio e finanza non meritavano stima, per i cinici il denaro era cosa volgare, tra gli ebrei, gli esseni disprezzavano la ricchezza e il commercio e vivevano in comunione di beni.
I primi cristiani condannavano i ricchi e la proprietà privata e praticavano la comunione dei beni,  aspettando l'imminente fine del mondo, erano quasi tutti poveri e schiavi, tra loro gli ebioniti o poveri ricollegavano la loro povertà agli apostoli, altre sette cristiane erano contrarie alla proprietà ed al denaro.
La primitiva chiesa dei poveri si presentava anche come un'istituzione caritativa, i vescovi però, piano piano, accrescevano le loro sostanze e guardavano con crescente interesse alle classi benestanti che facevano loro donazioni e lasciti.
Ben presto Paolo, che aveva parlato  della redenzione, del peccato originale e della predestinazione, si aprì  ai gentili ed ai padroni, giudicando positivamente la proprietà e condannando  i nullatenenti che non volevano lavorare, la sua comunità non praticava più la comunione dei beni.
I primi cristiani avevano anche un'avversione verso lo stato che era visto al servizio di satana, esso era definito da loro: "La grande meretrice, il moloc orrore della terra", per Cristo gli stati facevano parte della "civitas diaboli".
Ben presto però i cristiani successivi fecero il loro compromesso con il potere, infatti per Paolo, che  era collaborazionista, lo stato era stato preordinato da Dio, poi, da Costantino in poi, i dirigenti cristiani giunsero ad esaltare gli imperatori.
Quindi la chiesa giudicò il commercio necessario, anche se lo vietò ai chierici, già nel III secolo ci furono banchieri cristiani, lo stesso papa Callisto I fu un banchiere e un usuraio, poi la chiesa arrivò a mettere le mani sui latifondi e accumulò privilegi, in un quadro storico in cui le tasse le pagavano solo i poveri.
Chi lasciava i beni ai poveri, in pratica li lasciava alla chiesa, nella storia della chiesa, infatti, i poveri divennero un eufemismo, usato per accrescere il suo patrimonio; comunque, all'inizio, anche i vescovi, a volte, lasciavano le loro terre private alla chiesa, così fecero Cipriano, Basilio e Gregorio di Nissa, queste terre erano appartenute alla loro famiglia o le avevano avute in donazione a loro volta.
Malgrado Platone ed Aristotile avessero fatto presente che la povertà poteva portare alle  rivolte, la chiesa, raggiunta la ricchezza,  divenne ben presto sorda alla sorte degli emarginati, ora prometteva ai poveri solo il regno dei cieli e invitava i ricchi a fare elemosine per i poveri;  contemporaneamente Cipriano benediceva la fortuna dei poveri che non avevano le tribolazioni e gli affanni dei ricchi, anche Clemente ce l'aveva più con i peccatori che con i ricchi.
L'elemosina era stata praticata anche dai greci, dal IV secolo la chiesa tenne a freno i poveri e corteggiava i ricchi, infatti  Gregorio Nazianzeno vedeva nella ricchezza un dono di Dio e affermava che era meglio aiutare i ricchi divenuti poveri che i nati poveri.
Ambrogio, a causa della sua elevata posizione sociale, patrocinava la causa dei poveri senza guastarsi i ricchi, non era contro i ricchi o contro la proprietà e invitava all'elemosina, però, almeno lui, fece presente che la proprietà non aveva fondamento nella natura ma nell'usurpazione, non gli era sfuggito che le terre e le sostanze erano state spesso rubate ad altri.
Come sappiamo, i primi cristiani erano poveri e mettevano tutto in comune, come fossero comunisti, tale costume continuò con i monaci cristiani, mentre, ben presto, gli altri cristiani si dissociarono, inseguendo i loro interessi privati.
Comunque, tra alcuni dirigenti cristiani rimase una certa antipatia per i ricchi e Giovanni Crisostomo (347-409) affermò che solo con l'ingiustizia e l'iniquità si diventava ricchi, accusò i giudici di farsi corrompere e affermò che l'avidità faceva scoppiare guerre e rapine, quindi consigliò ai ricchi di fare beneficenza per salvarsi l'anima.
Crisostomo però, per non alienarsi i ricchi benefattori della chiesa, non rinnegò esplicitamente la proprietà privata e osservò che, mentre i ricchi passavano notti insonni, i poveri riuscivano a dormire, affermava che i poveri erano più felici dei ricchi, asserì che il lavoro era un mezzo per l'educazione e una cosa virtuosa, perché l'uomo era nato per il lavoro. Certamente però non gli era sfuggito il fatto che le classi privilegiate sfuggivano il lavoro, soprattutto quello manuale, cioè il vero lavoro.
Per Teodoreto ricchezza e povertà facevano parte dell'ordine naturale voluto da Dio, Agostino difese le differenze sociali esistenti e la proprietà, che, anche per lui, era dono di Dio, anche per lui la ricchezza non rendeva felici, per Agostino il guadagno del commerciante era legittimo, invece Salviano di Marsiglia aveva affermato che la vita degli uomini d'affari era inganno e spergiuro.
Così l'immenso patrimonio fondiario della chiesa fu definito eufemisticamente: "Proprietà dei poveri". Agostino ebbe a combattere i manichei, che guardavano il denaro come un male, e i pelagiani che invitavano i ricchi a rinunciare ai loro beni, corteggiò gli straricchi e si pronunciò a favore delle elemosine, metteva anche in guardia i poveri dalla bramosia dell'avere.
Agostino esaltava il lavoro degli altri, specialmente il lavoro nei campi, durante i quali s'innalzavano inni religiosi che, oltre a rafforzare lo spirito, facevano sentire meno la fatica, come accadeva agli schiavi negri americani. Agostino voleva anche la sottomissione di mogli, figli e schiavi.
Con l'aumento di ricchezza, vescovi e chierici furono contagiati dalla sete di potere e dalla venalità, si esortarono i fedeli a fare offerte volontarie alla chiesa e agli spiccioli dei poveri si aggiunsero le ricche offerte dei ricchi; Tertulliano, a carico dei fedeli, introdusse anche una specie di quota associativa, per Ireneo l'offerente acquistava un credito in cielo.
Nei primi due secoli i sacerdoti vivevano d'offerte volontarie, poi si prese a prelevare dai fedeli una  tassa, detta decima sulla terra,  con la motivazione che i santi della chiesa non potevano procacciarsi gli alimenti da soli. Il primo collettore di queste entrate divenne il vescovo, che rivendicava il potere di amministrare, insegnare ed ordinare, a lui erano sottomessi chierici e laici.
Il vescovo poi, controllando la cassa, come accade oggi anche in politica, s'impose in maniera assoluta sul suo clero che poteva, a suo arbitrio, insidiare o destituire, divenne amministratore del patrimonio ecclesiastico, delle offerte e delle donazioni, delle quali doveva rendere conto solo a Dio, in pratica a nessuno. Sacerdoti e diaconi rispondevano solo a lui e ne ricevevano uno stipendio, però, siccome questo era esiguo, i sacerdoti all'inizio esercitavano anche un altro mestiere.
Nel 343 l'imperatore Costanzo concesse esenzioni fiscali ai chierici che svolgevano attività commerciali, da Costantino in poi, cioè nel IV secolo, la chiesa prese ad incrementare la sua proprietà immobiliare, però nel III secolo la chiesa di Cartagine era già ricca.
Ad innestare le persecuzioni di cristiani cattolici,  eretici, ebrei e pagani, fu anche la voglia di riempire le casse dello stato con la confisca di loro beni, nei secoli a venire quest'operazione si sarebbe ripetuta a carico di ebrei, templari e gesuiti, perché lo stato faceva espropriazioni sia in pace sia in guerra, così facendo mirava all'equilibrio di bilancio.

Fine della seconda parte del III volume.

KARLHEINZ DESCHNER
STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO -  Editore Ariele
 

Vol 4 - PARTE PRIMA

Ernesto Rossi ha detto che il Vaticano è naturale alleato delle forze reazionarie dalle quali può ottenere i privilegi che chiede, la Santa Sede esercita un potere indiretto sul governo tramite il braccio secolare, così raggiunge i suoi obiettivi senza assumersi responsabilità, è il governo anonimo per interposta persona.
Pio IX, contrario alla modernità ed ai diritti umani, emanò tre dogmi, nel 1854 quello dell'immacolata concezione e nel 1870 quello del primato di Pietro e quello dell'infallibilità papale. La chiesa cattolica fonda la sua potenza sull'ignoranza, l'uomo sarebbe eterno bambino, mentre il papa è l'autorità assoluta e la fonte della verità definitiva, l'ignorante è sempre in condizione di minorità ed è incapace di servirsi del proprio intelletto senza la guida di un altro.
In un primo momento i vescovi romani riconobbero la supremazia dell'impero d'Oriente, il potere degli imperatori di Bisanzio era fatto derivare da Dio, questi imperatori  comandavano sui patriarchi, sui vescovi ed anche sul vescovo di Roma ed ingerivano nelle faccende ecclesiastiche.
Il crollo dell'impero d'occidente nel 476, di fatto, consolidò la posizione del papato di Roma e ne favorì l'indipendenza da Bisanzio, anche se all'inizio la fine del potere di Roma imperiale fu vista dal vescovo di Roma come una catastrofe, anche perché il vescovo di Roma aveva collaborato strettamente con l'imperatore di Roma.
Così Roma divenne una città di preti e le festività civili scomparvero a favore di quelle religiose, i  privilegi ecclesiastici erano tali che il mestiere di prete attirava molti, per conseguenza nel 592 l'imperatore d'oriente, Maurizio, proibì la fuga dei soldati e dei funzionari nei chiostri e tra le file del clero.
Nel V secolo il vescovo di Roma era diventato il più grande latifondista dell'impero romano, sotto i merovingi, i papi dirigevano i funzionari statali, l'esercito e contribuivano alla scelta dei governatori delle province.
I papi, con l'aiuto dei longobardi, presero le distanze da Bisanzio, poi, con l'aiuto dei franchi, si liberarono dei longobardi. Il papa mirava al primato  sugli altri patriarchi, però fino al 754 fu suddito di Costantinopoli, poi, offrendo la corona imperiale al re dei franchi, si trasformò in padre dei regnanti.
Il neonato impero romano d'occidente però fu  considerato un'usurpazione da Bisanzio, con il sacro romano impero, il papa conquistava  popoli ex ariani e pagani, accresceva le sue ricchezze e gettava le basi per un proprio stato, facendosi forte della falsa donazione di Costantino.
I vescovi erano imparentati con l'aristocrazia, con la quale condividevano interessi economici e politici e partecipavano alle lotte per il potere, guidati sempre dal proprio interesse, al centro d'ogni interesse si ergeva la chiesa.
Ai vescovi di Gallia furono concessi incarichi militari ed il territorio che la chiesa di Roma perdeva con l'espansione araba, lo acquistava in nord Europa, tra gli ostrogoti, i vescovi assunsero funzioni statali ed in  Inghilterra  i vescovi divennero membri del parlamento, governanti e condottieri.
I vescovi crearono il diritto, innalzarono e abbatterono re, anche in Italia vescovi ed abati occuparono uffici amministrativi assieme ai conti, promulgando le leggi assieme ai governi civili. La chiesa sopravvisse sempre alla caduta dei suoi alleati, anzi rafforzandosi ad ogni cambio di regime, calpestando la giustizia ed il popolo, tentò sempre di trasformare lo stato in un suo  sgherro.  Nel Medioevo il clero era mosso solo dal proprio egoismo, dalla bramosia del potere e delle ricchezze, non era commosso dalle miserie delle masse.  I sinodi dei franchi, tenuti a principio del IX secolo, non si preoccupavano dell'indigenza generalizzata, ma dell'intangibilità dei patrimoni ecclesiastici e dall'affrancamento dei prelati dal pagamento delle imposte.
All'inizio il vescovo di Roma aveva riconosciuto il primato dell'impero, poi elaborò la dottrina delle due potestà, secondo la quale il potere civile e quello spirituale erano entrambi d'origine divina  e di pari dignità, in un terzo momento elaborò la dottrina delle due spade, in base alla quale Cristo avrebbe consegnato alla chiesa le due spade del potere temporale e di quello spirituale, riconoscendo quindi al papa il primato.
In cambio dei suoi privilegi, la chiesa offrì all'impero la docilità assoluta dei sudditi, perché ora il potere veniva da Dio, in contrasto nettissimo con l'odio verso lo stato da parte dei primi cristiani, anche Gregorio VII (1073-1085) diceva che il potere imperiale era sotto influssi diabolici, però poteva essere santificato, non operando bene, ma con  il riconoscimento dell'autorità del papa, unico depositario di verità e di giustizia.
Il papa acquisì privilegi feudali, distribuì regni e principati, tanto che lo stesso Gregorio VII riteneva di poter infeudare l'Inghilterra ed Adriano IV  (1154-1159)  voleva concedere l'Irlanda ad Enrico II.
Per mezzo d'eserciti e di mercanti il cristianesimo si diffuse in Gallia settentrionale e fino al Reno, nel III secolo apparvero in Francia le prime comunità cristiane, nel IV secolo il cristianesimo divenne religione dominante in alcuni territori renani, alla fine del V secolo ci fu  l'evangelizzazione dei franchi, alla fine del VI secolo l'evangelizzazione degli anglosassoni e dei longobardi, nel IX secolo si cristianizzò la Scandinavia, nel X secolo si convertirono slavi occidentali ed ungheresi.
Furono rasi al suolo templi pagani ed altri furono trasformati in  chiese cristiane, per missionari il regno di Dio, in pratica, aveva natura assolutamente materiale, i sacerdoti prosperavano sulla paura e sull'angoscia della gente, che era vittima della peste, della guerra e della carestia.
Allora era proibito ai cristiani di mangiare alla stessa tavola dei pagani, la prima a convertirsi al cristianesimo, per cupidigia ed interesse, fu la nobiltà, con l'alleanza della chiesa con lo stato anche le guerre dei re cristiani divennero sacre.
Della religione della tolleranza i germani convertiti fecero una religione guerresca, il clero sapeva infondere ai germani convertiti la fierezza della nuova condizione, i franchi presero il posto del popolo eletto d'Israele, adoravano San Giorgio, che aveva ucciso un drago, e San Martino, che era un ex guerriero.
Numerosi principi germanici si convertirono perché Cristo li avrebbe guidati alla vittoria in battaglia, tanti di loro si fecero battezzare dopo un voto e una strage ben riuscita; sotto i carolingi, le vittorie militari più importanti furono attribuite a San Pietro, invece i rovesci militari erano imputati dai preti alla scarsità della fede ed ai peccati, mentre profetizzavano la vittoria finale di Cristo.
Dopo la conversione dei loro principi, i barbari germani si convertirono, tribù per tribù e non individualmente, i legati papali  presso i principi prima convertivano le loro mogli poi, attraverso queste, i principi, quindi, per inerzia, intere tribù.
L'elemento decisivo per la conversione non era il vangelo, ma la scelta del re, il suo matrimonio con una cristiana o una grande vittoria militare, poi i propagandisti cristiani si volsero a convertire i grandi latifondisti feudatari, sulle cui terre erigevano preliminarmente una chiesetta, il popolo sarebbe venuto automaticamente.
Nell'alto o primo medioevo i contadini erano generalmente pagani, mentre i cittadini erano cristiani, quindi i pagani erano più numerosi dei cristiani, il cristianesimo nacque come religione cittadina e poi divenne religione di stato, divenne la regione dei feudatari dominanti e attraverso questi, in un secondo tempo, si estese ai contadini, che però, contemporaneamente, continuavano a seguire pratiche pagane.
I contadini erano usi adorare gli alberi, come la quercia, pietre e fonti, perciò i sinodi condannarono queste pratiche pagane, i Germani praticavano una religione naturale dai tratti panteistici, veneravano i boschi, i monti, le sorgenti,  i fiumi, i mari, il sole, la luce, l'acqua, gli alberi e le pietre, credevano nei demoni e negli spiriti, loro eredi furono le streghe medievali, perseguitate dalla chiesa.
Ad un certo punto l'organizzazione ecclesiastica, con l'assenso di principi conquistatori,  prese a praticare nei territori conquistati  i battesimi forzati e la distruzione di templi pagani. Presso Colonia, San Gallo, zio di San Gregorio, vescovo di Clermont-Ferrand, fece incendiare un tempio pagano e fu salvato dalla furia vendicatrice dei contadini dall'intervento del re.
Durante la lotta contro il paganesimo, alcuni santi cristiani furono incendiari e predoni, San Vigilio, vescovo di Trento,  nel 400 distrusse un'immagine e fu lapidato dai contadini incolleriti.
San Benedetto (morto nel 543), padre del monachesimo occidentale,  si accanì contro un tempio d'Apollo e contro  i boschi sacri, in Irlanda San Colombano (morto nel 615) con i suoi monaci sradicò i culti pagani e fondò un centinaio di conventi, poi si diresse in Gallia dove, appoggiato dai merovingi, abbatteva i templi pagani con il fuoco, quindi si rifugiò presso i longobardi.
Oggi San Colombano è patrono dell'Irlanda e protegge dalle inondazioni  e dalle malattie mentali, il suo discepolo, San Gallo, incendiò templi e boschi e si diede alla caccia d'idoli, praticò il battesimo coatto, e naturalmente, come S. Colombano, compì  miracoli, anche Eligio, vescovo di Noyon, dopo aver riattaccato la zampa ad un ronzino, divenne patrono dei maniscalchi.
Martino di Tours (morto nel 397)  con l'aiuto dei suoi monaci, ma contrastato dai contadini, spianò templi, altari druidi e querce sacre, era stato prima militare presso l'esercito romano e iniziò la sua carriera religiosa come esorcista, vedeva il demonio nell'aspetto dei pagani, in seguito alle sue guarigioni miracolose, divenne vescovo, santo e patrono dei francesi, ben 425 paesi della Francia oggi portano il suo nome.
Nelle spedizioni belliche, i principi merovingi portavano come reliquia il suo leggendario mantello, sul quale si prestavano giuramenti e si stringevano accordi, ove Martino aveva distrutto luoghi di culto pagani, aveva fatto costruire centri di culto cristiani e sui templi distrutti e sulle necropoli pagane fece costruire monasteri.
Stato e chiesa favorirono insieme la diffusione della nuova fede e la distruzione dell'antica, Bonifacio V (619-625) invitava il re degli Angli d'Inghilterra  a distruggere i luoghi di culto pagani, in Germania il culto pagano fu represso con l'esilio, l'esproprio e la riduzione in schiavitù.
Si proibirono anche banchetti, canti e danze pagane, i concili gallici condannarono magia, esorcismo, divinazioni, riti per i morti, sacrifici, banchetti, danze, il culto dei geni delle rocce, degli alberi, delle sorgenti ed i sacrifici a favore di Giove (Donar) e Mercurio (Odino).
I franchi dal Reno meridionale si stanziarono in Belgio ed in Francia settentrionale,  come federati dei romani, prestavano servizio nell'esercito romano e, contemporaneamente, erano  impegnati in faide tribali, acclamavano re e li deponevano.
Meroveo nel 450 aveva combattuto con Ezio contro gli Unni, Childerico (morto nel 482),  anche se non era cristiano, concesse privilegi alle chiese, gli successe Clodoveo I (466-511) un bandito che estese il suo regno con rapine, assassini e razzie, alla fine assoggettò i gallo-romani.
Clodoveo I divenne cristiano cattolico e perciò fu  decantato dal vescovo Gregorio, allora la maggior parte dei principi barbari erano cristiani ariani, il re si convertì dopo aver sposato la principessa cattolica burgunda, Clotilde, che perciò divenne santa.
Il matrimonio fu arrangiato da due santi, Avito e Remigio, dopo una difficile vittoria contro gli Alemanni provenienti dall'Elba, nel 496 a Reims Clodoveo si convertì e si fece battezzare, in pompa magna, fu acclamato dai vescovi come un novello Costantino, mentre Remigio lo incitava ad incendiare le vestigia delle vecchie religioni.
Remigio era un vescovo di famiglia aristocratica e divenne l'apostolo dei franchi, predicò il cattolicesimo tra ariani e pagani, fece miracoli e distrusse altari pagani, anche il vescovo Avito era un aristocratico, figlio di un vescovo e fratello di un altro vescovo, lavorò per il passaggio dei franchi al cattolicesimo, promettendo fortune belliche.
S. Avito raccomandò a Clodoveo le missioni presso i pagani, in pratica raccomandò la guerra e favorì la conversione dei Burgundi, quindi Clodoveo I fece convertire al cattolicesimo i suoi uomini, che erano ariani e pagani, mentre i principi della chiesa, Avito e Remigio, occuparono posti d'onore alla corte di Clodoveo ed esercitavano su di lui massima influenza.
Il re elargì al clero donazioni e terre, provenienti dai bottini di guerra, si assicurò il sostegno del clero gallo-romano, la sua conversone al cattolicesimo, come quella di Costantino, fu un atto squisitamente politico, divenne cattolico per favore la su espansione territoriale e così fondò il regno dei franchi su germani e gallo-romani.
I burgundi dalla Scandinavia si erano prima insediati in Germania orientale, nel 435 irruppero in Gallia e si stabilirono nel sudest,  nel 461 fecero loro capitale Lione, nel IV secolo, tramite i visigoti, si convertirono in parte all'arianesimo,  poi si avvicinarono al cattolicesimo. Nel 500 la chiesa cattolica istigò Clodoveo I a fare guerra ai burgundi e  il re dei burgundi, Gundobado (480-516) accusò i vescovi cattolici di averlo tradito.
I visigoti si erano separati dagli ostrogoti, che erano stati sterminati dall'imperatore romano Giustiniano I, divennero ariani e si stanziarono sulle rive del Danubio, poi penetrarono in Italia, nel 415 penetrarono in Spagna, lo stesso anno il loro re Ataulfo morì assassinato a Barcellona da un cattolico del suo seguito.
Il re visigoto Teodorico II (453-466), che era cristiano ariano,  sconfisse duramente gli svevi  cattolici stanziati in Portogallo, così il cattolicesimo per un secolo fu sradicato in Portogallo, i re goti erano per la libertà religiosa e si scontrarono con il fanatismo religioso dei missionari cattolici, in ogni modo conquistarono la Spagna.
L'episcopato cattolico di Gallia, costituito da membri della nobiltà senatoria romana, si orientò verso Clodoveo I, unico re cattolico dei germani, così, nella guerra tra visigoti e franchi, questi vescovi parteggiavano per i franchi, anche se alcuni vescovi cattolici, come Cesario e Quinzano,  pare che si macchiassero di tradimento verso Clodoveo,  in altre parole facevano il doppio gioco.
Nel 507 Clodoveo, alleato con i burgundi, mosse guerra contro i visigoti  e presentò la guerra come una crociata per la liberazione della chiesa, alcuni vescovi guidavano la battaglia, la Madonna era la loro consigliera strategica.
I visigoti ariani furono sconfitti, i vescovi avevano aizzato i franchi a questa guerra, che,  come le altre guerre, era nata dalla sete di dominio di Clodoveo e dei vescovi, inoltre i vescovi si servivano di Clodoveo per la loro missione di conversione.
Penetrati a Bordeaux, i franchi rubarono il tesoro che il re visigoto Alarico aveva rubato ai romani, dopo aver preso  Roma, poi Clodoveo regalò parte del ricco bottino a S. Martino, suo aiutante a Tours.
Dopo la guerra Clodoveo, arricchì d'altri donativi il chiostro di San Martino, consegnò le chiese ariane ai cattolici e  impose la fusione delle tribù franche renane con i franchi salii, naturalmente San Gregorio lo acclamò come nuovo Costantino.
I successori di Clodoveo I favorirono la chiesa, il cattolicesimo ed il monachesimo, combatterono il paganesimo con energia crescente, con brutalità conquistarono la Burgundia e la Provenza (534-537) e continuarono la strada dell'alleanza fra trono e altare.
Intorno al 500 re Sigismondo di Burgundia si convertì dall'arianesimo al cattolicesimo, aveva commesso orribili violenze e delitti, nel 523 i franchi cattolici si scagliarono contro i burgundi cattolici, istigati da santa Clotilde, che voleva vendicarsi dell'assassinio dei suoi genitori. Comunque, anche Sigismondo, che aveva assassinato un figlio, divenne santo della chiesa cattolica, perché operò per la cattolicizzazione dei burgundi.
Nel 510 la Turingia tedesca era alleata con i visigoti di Teodorico contro i franchi, la casa reale di Turingia fu sterminata e sopravvisse la principessa Redegonda, che fondò un chiostro vicino Poitiers e divenne santa, allora tutti i santi dovevano essere aristocratici, cattolici e ben visti dai vescovi cattolici.
Molti prelati cattolici avevano cospirato con i franchi cattolici nei territori di missione presso i visigoti, nel 531 il re franco Childeberto I irruppe in territorio visigoto, accompagnato dal vescovo Leonzio, e sconfisse il re dei visigoti, Amalarico, presso Narbona.
Il re franco Teodeberto I, della schiatta dei merovingi, compì tante imprese belliche, con le solite distruzioni e stragi, fece donativi alla chiesa e la esentò dalle tasse, perciò San Gregorio lo esaltò, affermando che governò con giustizia.
Il re franco Clotario I continuò la guerra ai pagani e nel 555 fece la guerra ai  sassoni, promosse la venerazione dei santi, fece traslare le ossa dei martiri  e fondò numerosi chiostri, però, bramando  le crescenti ricchezze della chiesa, pensò di chiedere un terzo delle entrate alla chiesa, i vescovi gli risposero che, se toglieva qualche cosa a Dio, presto avrebbe perso il regno.
Childeberto I, usurpatore ed incestuoso, ladro di terre e assassino, era però sottomesso al clero, era circondato da preti a corte e collezionava reliquie, ricoprì di regali la chiesa cattolica e perseguitò pagani, perciò la chiesa  lo definì mite e giusto.
I longobardi provenivano dalla Scandinavia e avevano combattuto a fianco dei romani, si stanziarono nel corso dell'Elba, vicini ai sassoni,  quindi arrivarono in Ungheria e poi in Italia settentrionale, in maggioranza erano ariani, ma tra loro non mancavano cattolici e pagani.
Erano brutali conquistatori e razziatori, la loro penetrazione in Italia fu facilitata dal fatto che il paese era esausto per la lunga guerra contro i goti, nel 569 presero Milano e nel 572 Pavia,  dove fissarono la loro capitale, la città era stata anche la capitale degli ostrogoti.
Con l'arrivo dei longobardi, in Italia restarono sottomesse a Bisanzio solo Roma, Venezia, Ravenna, Napoli, Reggio e Taranto, i longobardi facevano scorrerie nel territorio bizantino, espropriarono terre e distrussero chiese e conventi. Ciò malgrado, a Treviso il vescovo Felice offrì a re Alboino le chiavi della città e  molti altri vescovi fecero accordi con i longobardi, anche per assicurarsi la successione del loro vescovado.
Quando Alboino sposò la principessa franca e cattolica Clodosvinta, il vescovo Nicezio di Treviso  sollecitò la regina a far convertire il coniuge ariano al cattolicesimo, secondo una tecnica collaudata dei vescovi verso i principi non cattolici, si convertiva prima la regina, poi, per mezzo di questa il  re, i sudditi sarebbero poi venuti automaticamente.
In Francia il re franco Chilperico I (561-584) uccideva gli avversavi politici e ne incamerava i beni, istigato dalla moglie Fredegonda, amica del vescovo Egidio di Reims. I vescovi di corte prendevano attivamente parte alle congiure, infatti, il vescovo Protestato di Rouen, alleatosi con Meroveco e con il vescovo di Reims, Egidio, partecipò ad una congiura contro Chilperico I che falli e Moroveco ed Egidio furono messi a morte.
Mentre la dinastia merovingi s'indeboliva, anche a causa di faide e intrighi, i latifondisti feudali si rendevano sempre più indipendenti dalla monarchia, il vescovo d Bordeaux, Bertram, era in stretti rapporti con la regina Fredegonda ed un giorno fu accusato dal vescovo Palladio di Saintes di lussuria, adulterio e spergiuro.
Nel 585 le truppe del santo Guntram, re di Burgundia (festeggiato il 25 marzo), e giudicato da Gregorio di Tours incline alla misericordia, assalirono la chiesa di S. Vincenzo, depredando e assassinando preti.
A Roma papa Pelagio II (579-590) invocava l'aiuto dei franchi contro i longobardi che volevano unificare l'Italia con Roma capitale, inoltre i vescovi di  Milano e Aquileia avevano promosso uno scisma religioso contro il papa.
Nel 583 i franchi, alleati con i bizantini, mossero contro i longobardi, i longobardi si riconobbero tributari e il re franco Childeberto II tornò a casa, dopo aver fidanzato la sorella Clodosvinta con il re longobardo Autari, poi nel 591 Childeberto II tornò in Italia ed aumentò il tributo a carico dei longobardi.
Il re dei visigoti Leovigildo (568-586)  aveva messo al bando i vescovi cattolici, espropriato le loro chiese e imposto la fede ariana, però egli era soprattutto contro il clero cattolico, perché costruì chiese e conventi cattolici e pregava nelle chiese cattoliche.
Nel 579 Leovigildo fece sposare suo figlio Ermenegildo alla principessa franca cattolica Ingunda,  poi si cercò di convertire con la forza Ingunda  all'arianesimo, mentre il vescovo cattolico Leandro, zio materno di Ermenegildo, tallonava Ingunda perché rimanesse cattolica.
Così Ingunda era assediata da una famiglia di santi, infatti, Leandro era fratello di S. Isidoro di Siviglia, Leandro fece scacco matto e nel 579 riuscì anche a convertire Ermenegildo al cattolicesimo e lo istigò a ribellarsi al padre Leovigildo, che però prevalse nello scontro,  bandì Leandro e mise a morte il figlio Ermenegildo.
Papa Gregorio I (590-604) affermò che Ermenegildo fu ucciso perché si era rifiutato di diventare ariano e ne fece un  martire cristiano del fanatismo ariano, nel 1585 papa Sisto V lo innalzò all'onore degli altari, per vendicare Ermenegildo, i franchi intervennero contro i visigoti.
Leovigildo  perseguì una politica anticattolica e controllava la chiesa ariana anche in questioni dogmatiche, per Isidoro di Siviglia era l'anticristo, dopo la sua morte, il figlio Reccaredo (586-601), divenuto re dei visigoti, passò al cattolicesimo, perché voleva come alleata la chiesa. Isidoro affermò che era mite e di buon cuore e che restituì alla chiesa ciò che il fisco le aveva tolto sotto il regno del padre.
I visigoti di Spagna si convertirono al cattolicesimo sotto papa Pelagio II (579-590), mentre gli ostrogoti erano stati cancellati dalla storia, da allora il cattolicesimo plasmò la Spagna e i suoi sovrani si conformarono alle decisioni dei concili di Toledo, capitale del regno visigoto, allora in Spagna anche gli svevi, che erano ariani, avevano un loro territorio.
Il popolo visigoto però stentava a seguire il re nella sua conversione, con il terzo concilio di Toledo del 589 furono dispersi gli organismi ecclesiastici ariani, gli ariani furono esclusi dagli uffici pubblici e così sotto il regno visigoto di Reccaredo scomparvero gli ultimi ariani di Spagna.
I vescovi, con in testa San Isidoro di Siviglia, esaltarono Reccaredo come novello Costantino, il concilio di Toledo, durante il quale gli ariani in massa si convertirono al cattolicesimo, condannò l'arianesimo, perseguitò gli ebrei e rafforzò le servitù ecclesiastiche, allora S. Leandro  era mediatore nei rapporti tra re Reccaredo  e papa Gregorio I.
Reccaredo faceva la guerra perché il suo popolo non si disabituasse alle armi, creò una flotta, infranse ogni opposizione al cattolicesimo, agli ariani furono interdetti i pubblici uffici, il loro patrimonio fu confiscato, alcuni vescovi ariani trovarono la morte e ci furono conversioni coatte, furono  bruciate  bibbie ariane.
Gregorio I (590-604) attaccò giudaismo, paganesimo ed eresie, con la violenza, la predicazione e la corruzione, ai convertiti alleggeriva le gabelle e le aumentava a chi non si convertita, una pratica poi usata dall'Islam nella sua opera di conversione.
Papa Gregorio I fu il primo monaco a diventare papa, discendeva da una ricca famiglia senatoria romana, con grandi latifondi,  la sua famiglia aveva dato altri due papi, Agapeto I e Felice III, la madre e due sue zie si fecero monache, dal IV secolo ormai la maggioranza dei santi  apparteneva a ricche famiglie, erano governanti, vescovi o uomini di chiesa.
Gregorio I era malaticcio ed attendeva la fine del mondo, dichiarò che la peste era la punizione divina per i peccati dei longobardi, pregava i santi mai esistiti, Gervasio e Protasio, inventati da Sant'Ambrogio di Milano.
Gregorio era stato prefetto bizantino di Roma ed ex giudice penale, poi  mirò al trono episcopale, fondò sei monasteri, a Bisanzio aveva chiesto all'imperatore truppe e denaro per combattere i longobardi. Dalla fine del 400 il patriarca di Costantinopoli ricopriva il titolo di patriarca ecumenico, al tempo di Gregorio era patriarca Giovanni IV.
Dall'imperatore Giustiniano era stato riconosciuto il peso del vescovo di Roma, perciò Gregorio, come il predecessore Pelagio, si scagliò contro la superbia del patriarca di Bisanzio e contro l'imperatore di Bisanzio che non volevano riconoscere il primato del papa.
Poiché anche il successore di Giovanni IV,  S. Ciriaco, usava il titolo di patriarca ecumenico, alla fine anche Gregorio I decise di assumere questo titolo e chiamava Pietro, principe degli Apostoli,  rivendicando il suo primato.
Gregorio I chiedeva a monaci e suore obbedienza, disciplina e voto di povertà e li chiamava soldati della chiesa, era severo con i monaci ma con  potenti faceva eccezioni, vietò ai sudditi di criticare i superiori o di rovesciarli, diceva che l'uomo aveva meritato di essere sottomesso a cattivi padroni, chi biasimava l'autorità dei superiori, biasimava colui che l'aveva conferita loro, cioè dio, in  tal modo si guadagnò la stima di tutta la classe dirigente.
Tra i suoi atti di coraggio si segnala che accusò il vescovo Natale di Salona di gozzovigliare, di corruzione, violenza,  violazione del celibato e perciò lo scomunicò, però allora in Sardegna i poveri erano salassati dalle tasse, i preti si appropriavano dei patrimoni dei conventi, praticavano violenza, usura ed omosessualità, l'arcidiacono andava a caccia delle donne degli altri e l'arcivescovo rubava le ricchezze altrui, eppure  Gregorio non intervenne e non li cacciò via.
Quando il vescovo Andrea di Taranto, che maltrattava i preti  e teneva relazioni con le donne, uccise una donna di botte, il papa lo sospese dalla celebrazione della messa solo per due mesi, per gli altri comuni peccatori carnali della chiesa le pene previste erano maggiori, naturalmente sempre se erano scoperti.
Gregorio I raccomandò la tortura e la galera, usò la violenza, la carcerazione  e le agevolazioni fiscali per favorire le conversioni de pagani, nella lotta all'eresia usò anche il denaro, raccomandò ai sudditi mansuetudine, obbedienza e devozione, per lui gli eretici erano ribelli e superbi e non  meritavano tolleranza, si accanì contro gli eretici donatisti perché volevano anche la divisione delle terre.
Sotto Gregorio I, detto Magno, gli ebrei non potevano costruire sinagoghe, fare i missionari, fare conversioni, fare matrimoni misti, ereditare, possedere incarichi pubblici o militari, possedere schiavi cristiani; il papa spingeva gli ebrei alla conversione con la corruzione, inoltre sostenne il battesimo forzato d'ebrei.
Il papa possedeva terre in Italia, Europa ed Africa, era il più grande latifondista d'Italia, alcune terre le aveva rubate alla chiesa ariana, allora la chiesa cattolica era la prima potenza economica d'Italia, arricchita anche da lasciti e donazioni.
I contadini erano salassati dalle tasse imperiali, dagli affitti e dai tributi alla chiesa, subivano l'estorsione dai preti anche per un permesso di matrimonio, Gregorio, come il resto del clero, quando riceveva denaro, si definiva cassiere dei poveri, ma era solo un eufemismo, allora i vescovi non si prendevano cura degli oppressi e dei poveri e i contadini liberi e proprietari di terra erano rari.
Per Gregorio I le divisioni in classi erano la conseguenza del peccato, perciò si doveva accettare il dominio degli altri, Dio e la chiesa erano per il mantenimento della schiavitù, anche la chiesa e i conventi avevano bisogno di schiavi, il papa scoraggiava gli schiavi che volevano fuggire e regalava schiavi agli amici, stranamente, faceva affari anche in attesa della prossima fine del mondo.
Roma si era messa prima sotto la protezione di Bisanzio e poi di Teodorico, re dei goti, quando prevalsero i bizantini i papi furono sottomessi all'esarca, il governatore bizantino di Ravenna; dopo la morte dell'imperatore di Bisanzio, Giustiniano, avvenuta nel 565, l'impero di Bisanzio fu sotto  la minaccia dei persiani, perciò il papa si avvicinò ai longobardi, i bizantini in Italia controllavano Ravenna, la Pentapoli, Venezia, Genova, Roma, Napoli e Amalfi. Nel 589 Gregorio, timoroso dei longobardi, che volevano unificare l'Italia, si avvicinò ai franchi.
Gregorio fu il fondatore del potere temporale dei papi, anche se lo stato del chiesa non era ancora nato, i vescovi di Gregorio eleggevano i governatori provinciali, anche se l'imperatore di Bisanzio emanava i decreti ecclesiastici, indiceva i concili, ratificava l'elezione del papa e d'altri importanti seggi episcopali in Italia e deponeva arcivescovi.
Gregorio I si destreggiava tra oriente e occidente, badando solo al proprio interesse,  si disse fedele all'imperatore di Bisanzio Maurizio  e poi al suo successore e assassino Foca, ufficialmente anche le truppe stanziate a Roma dipendevano da Ravenna, cioè da Bisanzio, però Gregorio n'assunse il comando e nominò gli ufficiali.

Fine della prima parte.




KARLHEINZ DESCHNER
STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO -  Editore Ariele
 

Vol 4 - PARTE SECONDA

Papa Gregorio I Magno, prima definiva i longobardi briganti, assassini e incendiari, poi fece con loro  un trattato di pace a spese di Bisanzio, al re dei longobardi disse: "Senza la pace si verserebbe  il sangue dei contadini, il cui lavoro va a vantaggio di entrambi".
Opponendosi a Bisanzio, Gregorio arrivò a scomunicare l'esarca di Ravenna, Romano, il papa era anche vicino alla regina cattolica Teodelinda,  moglie del re longobardo Agilulfo, grazie alla mediazione  del vescovo Secondo, consigliere della regina.
Il papa mandò in regalo alla regina Teodolinda dell'olio santo, schegge della croce di Cristo e bottigliette con il suo sangue, perciò Teodelinda fece battezzare con il rito cattolico suo figlio Adaloaldo, poi il re Agilulfo si accostò al cattolicesimo, accettò i missionari cattolici e restituì le terre espropriate alla chiesa, aggiungendone delle altre.
A Bisanzio il capitano Foca detronizzò Maurizio, ne sterminò la famiglia e si fece incoronare imperatore dal patriarca di Costantinopoli, sua moglie Leonzia divenne imperatrice,  Gregorio fece comunella e inviò lettere di gaudio, poi collocò in Laterano le immagini della coppia imperiale di gangsters, vicine al santo Cesario.
Gregorio I prese anche a dipingere Maurizio come un oppressore e definì Foca giustiziere inviato da Dio, bisogna ricordare  che Maurizio aveva cercato di contenere il potere del papa, sostenendo il patriarca di Costantinopoli, al quale aveva anche conferito il titolo d'episcopo universale, mentre Foca sembrava disposto a riconoscere il primato di Roma.
Il nuovo imperatore di Bisanzio, Foca, riconoscente al papa, gli regalò il Pantheon di Roma, già dedicato dai romani a tutte le divinità, che  i papi successivi  intitolarono  ad ognissanti.
Il cristianesimo fu introdotto in Britannia da mercanti e soldati nel II secolo, nel 314 al sinodo di Arles, in Francia, vi erano tre vescovi britannici, il dominio romano sull'isola si concluse nel 400, al tempo di Gregorio I  la provincia meridionale di Britannia era divisa in un regno romano-britannico ad occidente e nei regni degli Angli e Sassoni ad oriente.
Alla fine del V secolo il re degli Angli del Kent Etelberto, che era pagano, sposò la principessa cattolica merovingia Berta, pronipote di Clodoveo, la quale arrivò a corte seguita dal vescovo franco cattolico Liutardo.
Nel 595 Gregorio inviò alla corte di Etelberto il vescovo Agostino di Canterbury (morto nel 604° fatto santo) per evangelizzare gli anglosassoni britannici, con quaranta monaci questo ebbe mano libera nella  propaganda, Agostino assicurava anche di poter compiere miracoli, convinse Etelberto a costruire una chiesa in onore di Pietro e Paolo.
Nel paese il culto di Odino e dei druidi cominciava ad essere messo in crisi, il re Etelberto si fece battezzare nel 601, poi nel 602 giunsero i rinforzi dal papa di Roma, così l'abate Mellito, capo della squadra pubblicitaria vaticana,  divenne vescovo di Londra.
Gregorio I invitò Mellito a distruggere gli idoli ma non i templi, che potevano essere consacrati al Signore, era un'evoluzione sui costumi precedenti della chiesa cattolica, chiese esplicitamente di trasformare le ricorrenze pagane in feste cristiane, affermò  che, invece di sacrificare i buoi agli dei, si potevano fare uccidere gli animali e fare dei banchetti in onore di Dio, in fondo la chiesa  non era contro i macelli.
A Roma, sotto Gregorio I, la formazione filosofica e scientifica degli antichi era stata archiviata  in favore dell'esaltazione mistica, ciò malgrado, nel IX secolo, in tono apologetico, Giovanni Diacono definì Gregorio Magno tempio di sapienza e uomo sorretto dalle sette arti.
Sotto Gregorio la produzione letteraria fu scarsa, era condannata la cultura classica, nessun conosceva il greco ed era conosciuto male anche il latino, per Gregorio l'unica filosofia degna di nota si trovava nella bibbia, la stessa tesi dell'Islam integralista, che però guarda al corano.
E' probabile che il dotto della chiesa, Gregorio,  abbia fatto incendiare la biblioteca imperiale del Palatino e quella del Campidoglio a Roma, egli propagandava l'ascesi e la fuga al mondo,  rifiutava la cultura greca e non imparò mai il greco, nonostante gli anni da lui trascorsi a Costantinopoli come nunzio papale.
Gregorio era ostile alla scienza mondana, credeva all'imminente fine del mondo e nel 600 rampognò il vescovo di Gallia, Desiderio di Vienne, perché insegnava grammatica e letteratura classica,  affermava che non era possibile cantare contemporaneamente le lodi di Giove e di Cristo.
Gli artifici allegorici di Gregorio non conoscevano limiti, come quelli di Ambrogio ed Agostino, ad ogni modo egli favori la conversione di tanti regnanti, si mise a fabbricare reliquie in serie, che si credeva facessero miracoli,  con panni che, affermava, erano stati  a contatto con gli apostoli e  con le presunte catene di Pietro.
Nel 599 regalò al re visigoti spagnolo Reccaredo un anello fatto con la catena di Pietro, un crocefisso fatto con la  croce di Cristo e una ciocca di capelli di Giovanni Battista, il re franco Childeberto ricevette da lui le chiavi di San Pietro e pezzi delle sue catene, la regina Brunechilde ebbe reliquie di Pietro,  inoltre Gregorio distribuì ai richiedenti  resti dei pasti del Battista.
Per incarico dei vescovi c'erano scavatori di tesori d'ossa d santi, Gregorio importò dall'oriente un braccio dell'apostolo Luca, un braccio dell'apostolo Andrea ed il mantello dell'evangelista Giovanni, l'imperatrice Costantina, moglie di Maurizio, gli chiese la testa di Paolo o un'altra parte del suo corpo, il papa questa volta rispose  che era un delitto smembrare il corpo del santo e le fece avere  solo un  po' di limatura delle catene d San Pietro.
I diplomatici di Gregorio consegnavano ai potenti miracolose reliquie, delle quali si esaltava la forza guaritrice,  anche se dolori di stomaco e di gotta del papa non venivano mai meno.
Gregorio I predicò l'obbedienza, approvò le guerre di religione e d'aggressione, la fustigazione, la tortura, il carcere e la pressione fiscale, approvò l'antisemitismo e represse le lettere e le scienze,  definito da Schiller un manigoldo, era l'autore più citato dai teologi ed uno degli scrittori più letti nel medioevo.
Dopo la sua morte, il suo progetto di conversione dell'Inghilterra crollò temporaneamente, pare che il canto gregoriano a lui attribuito non sia opera sua, egli non è l'autore nemmeno degli inni poetici a lui attribuiti, era successo anche con re Davide, ai potenti erano sempre attribuite opere dell'ingegno altrui. Gregorio, con una lirica, si limitò solo ad esaltare il criminale Foca.
In Francia i vescovi Sigismondo di Magonza e il suo successore Leudegasio erano legati alla regina cattolica Brunechilde, che rimasta vedova era reggente in nome dei figli, promotrice del culto di San Martino e fondatrice di chiese.
Naturalmente la regina era corteggiata da Gegorio I, anche se ella  si apriva la strada tra i cadaveri ed era disposta a tutto per il potere, il papa non faceva cenno alle faide familiari di Brunechilde e la definiva faro luminoso, governante intelligente e sapiente, la ringraziava per l'aiuto da lei fornito alle missioni in Inghilterra e per aver combattuto eresie e paganesimo, per la conversione dei pagani, le raccomandava l'uso della frusta, della tortura e del carcere.
Il papa inviò anche alla regina delle reliquie ed il vicario apostolico e consigliere Siagrio di Autun, ad Autan,  Brunechilde fondò un chiostro dedicato a  S. Martino ed un convento femminile, la regina edificò abbazie, fece donazioni alla chiesa e mise sotto la sua protezione i beni ecclesiastici; ciò malgrado, quando il suo potere cominciò  a vacillare, il papa l'allontanò, invitandola a pensare  alla sua anima.
Nel 599, in seguito ad una cospirazione, Brunechilde fu cacciata dalla corte di Metz, tradita dai capostipiti dei carolingi e dal santo vescovo di Metz, Arnolfo, passato dalla parte di suo nipote il merovingio Clotario, che divenne re dei franchi.
Il regno franco era diviso in tre  regni, la Neustria, l'Austrasia e la Burgundia, Clotario, dopo aver fatto squartare la zia Brunechilde, fece altre donazioni al clero, esentò la chiesa dalle imposte e le lasciò la libertà di scegliere i vescovi, conseguentemente ebbe l'appoggio di Roma, anche contro la vecchia benefattrice della chiesa Brunechilde.
Patrono speciale del re Clotario era San Dionigio, suo tesoriere era il vescovo di Cahors, Desiderio, alla corte di Clotario rivestirono cariche ufficiali anche i vescovi Paolo, Audoino di Rouen, Eligio di Noyon e Sulpicio di Bourges. Il merovingio e neustriano re Clotario I elesse Parigi come capitale del suo regno unificato.
Nel 614 il successivo  re Clotario II convocò a Parigi un sinodo che segnò la nascita della chiesa nazionale franca, Arnolfo, il capostipite della casa carolingia, lo aiutò ad estendere la sua sovranità sull'Austrasia e sulla Burgundia e fu ricompensato, per il suo tradimento, con il vescovado di Metz.
Un altro traditore, Pipino il vecchio d'Austrasia, fece carriera come maestro di palazzo alla corte di Dagoberto I, figlio di Clotario II, e fu poi proclamato santo dalla chiesa.
La venerazione dedicata al vescovo Arnolfo iniziò alla fine del VIII secolo ed anche suo figlio Clodulfo divenne santo, anche in Burgunda era grande la bramosia di potere dei vescovi, che partecipavano a tutte le faide, con alterne fortune.
Dagoberto I  (600-638), alla morte del padre si trasferì a Parigi e governò consigliato da Pipino il vecchio e dal vescovo Arnolfo di Metz, fu l'ultimo dei re merovingi, fece uccidere il fratello Cariberto II e conferì la reggenza d'Austrasia al vescovo Cuniberto, missionario presso i frisoni.
Dagoberto I era corteggiato e tenuto in grande stima dal clero, favorì vescovadi e chiostri  e volle che i rampolli delle famiglie importanti fossero ospitati alle scuole dei missionari irlandesi, fondò conventi e abbazie, tra le quali quella di San Denis divenne famosa come luogo di sepoltura dei re franchi, a quest'abbazia  donò vasti latifondi tolti ai ribelli.
Il re promosse il culto di San Dionigi e si circondò di uomini della chiesa, tra i quali santo Eligio, orafo e sovrintendente alla zecca, ed il  vescovo di Tours, suo consigliere fu il vescovo Cuniberto, succeduto ad Arnolfo,  perseguitò pagani e sottopose gli ebrei al battesimo forzato.
Sotto Dagoberto I si svilupparono le missioni cattoliche, perciò il re fu proclamato santo, era un macellaio, ma benefattore della chiesa e amico dei preti,  perciò definito re buono dalla chiesa. Dopo la morte di re Dagoberto I il regno franco si divise ancora in tre parti, rette da reggenti o maestri di palazzo o maggiordomi di corte, in pratica primi ministri e amministratori unici del bilancio pubblico.
In precedenza, il maggiordomo era stato a capo della guardia del sovrano e si destreggiava tra re e nobiltà, dal 600 il maestro di palazzo divenne rappresentante dell'aristocrazia,  facendo soprattutto i suoi interessi, divenne viceré e reggente, mentre gli ultimi merovingi sembravano marionette nelle sue mani.
La più antica iscrizione cristiana di Francia, trovata a Lione, risale al  354, nel IV secolo la Gallia pullulava di vescovadi autonomia da Roma, nel V secolo il paese aveva 115 vescovi, anche se la vantata origine apostolica dei vescovati franchi e spagnoli era naturalmente un falso.
Nel VII secolo  si affermò la società medioevale, basata su  monarchia, chiesa ed aristocrazia, i merovingi, a partire da Clodoveo, governarono con l'assolutismo, avevano anche il potere giurisdizionale ed erano penalmente irresponsabili, la chiesa concorse ad accrescere il potere monarchico ed esigeva l'obbedienza al re.
La chiesa era sempre pronta all'accumulazione di denaro e le sue ricchezze crebbero a dismisura, i vescovi franchi presero parte alle lotte di potere tra sovrani e aristocrazia, così, alla fine, l'alto clero e l'alta nobiltà minarono l'unità dell'impero. Otto sovrani sassoni, che avevano combattuto contro i franchi, rinunciarono al trono e si richiusero  in convento per preservare la loro incolumità.
Nel  VII secolo in Francia si contarono ottocento santi, fondarono chiostri ed erano protetti dalla monarchia, per la massima parte discendevano da famiglie aristocratiche, allora la nobiltà era la premessa per la santità. L'episcopato presentava i criminali re cattolici come vicari di Dio in terra, gli uomini insicuri facevano donazioni alla chiesa e la guerra era fonte di guadagno.
I sovrani frequentavano ed erano amici dei santi, come San Gallo di Colonia e Sant'Eusicio, mentre le regine lavoravano accanto a vescovi, nel VII secolo si faceva incetta di reliquie e si facevano pellegrinaggi in Terrasanta.
Il vescovo Gregorio di Tours era sempre d'accordo con la politica imperialista dei principi, specialmente quando andava a vantaggio della chiesa, perché le guerre esterne ampliavano il numero dei cattolici, la chiesa  voleva soggiogare tutti i popoli pagani.
Gregorio I definì Deoteria, amante di re Teodeberto, che era donna sposata ad altri, donna valente e assennata  e del re scrisse che governò con giustizia, in realtà onorò i vescovi e ricoprì la chiesa di doni.
Gli uffici ecclesiastici rappresentavano una forte attrattiva per le famiglie nobili, sotto i merovingi, i vescovi ebbero una posizione largamente autonoma, già le famiglie senatorie romane si erano accaparrare le cariche vescovili, per i nobili germanici l'ufficio episcopale rappresentava la conclusione di una carriera al servizio del re.
Nacquero principati ecclesiastici e vescovi conti, i vescovi simoniaci erano comuni, l'alto clero si riempì di privilegi, come la dispensa del servizio militare, l'esenzione fiscale, l'abusato diritto d'asilo, ebbero giurisdizione esclusiva su clero ed a volte sui laici, amministravano i beni ecclesiastici e quelli de re, il vescovo era capo delle abbazie, dove non sempre si osservava il voto di castità, così le abbazie divennero anche conventicole nobiliari.
Nel V e VI secolo, la creazione dei regni germanici lasciò intatto il patrimonio della chiesa, anzi l'accrebbe, così la chiesa diventò il più grande proprietario terriero dopo il re, in Gallia ed in Germania si diventava vescovo dietro pagamento, come ha affermato anche il santo Gregorio I, detto Magno.
Monarchia ed episcopato erano interdipendenti, la struttura gerarchica della chiesa nazionale franca  era un sostegno al sistema politico, grazie agli incarichi ecclesiastici, le famiglie più potenti consolidavano privilegi e ricchezze.
I vescovi erano filomonarchici e  i sovrani erano filoecclesiastici perché si servivano delle missioni per la loro espansione, i merovingi distribuivano seggi vescovili ai combattenti meritevoli e ricoprivano le chiese di ricchezze e privilegi.
Nella famiglia del vescovo Gregorio di Tours l'ufficio episcopale era ereditario, il bisnonno materno era stato vescovo, suo zio paterno era stato  vescovo, il suo prozio materno vescovo, suo cugino vescovo. I vescovi non erano irreprensibili, tant'è vero che due martiri della chiesa, Protestato e Desiderio, versarono il sangue per colpa di  due vescovi.
Quasi tutti i vescovi erano nobili, avevano vasti latifondi ed erano venerati come santi, alcuni erano feudatari, padrini dei principi merovingi, approvavano la guerra e seguivano più le prescrizioni del re che quelle della religione.
Chi era eletto vescovo aveva bisogno della conferma, reale o papale, però i vescovi erano nominati tenendo conto delle loro ricchezze, della discendenza e della loro politica e non della loro fede, figli di vescovi diventarono vescovi, la dignità episcopale divenne oggetto di mercato, infatti, gli investimenti anticipati per acquisire la carica si recuperavano rapidamente.
Poiché si credeva di poter guadagnare un posto in cielo grazie alla protezione dei santi, i signori facevano lasciti alla chiesa, così la ricchezza  si spostava dalla nobiltà alla chiesa, oltre le terre, la chiesa aveva le oblazioni, l'esenzione dalle tasse, la decima, i lasciti e le donazioni, chi non pagava la decima e chi attentava al patrimonio ecclesiastico era scomunicato.
Merovingi e carolingi nutrirono particolare riguardo verso il patrimonio della chiesa, così  la chiesa divenne un bacino di raccolta di ricchezze che non doveva essere divise tra eredi, inoltre i beni della chiesa erano inalienabili, le donazioni fatte alla chiesa erano irrevocabili e non erano prescrittibili. Vari concili ribadirono questi concetti, come il concilio di Tours del 567.
Le terre donate ai conventi erano organizzate come imprese schiavistiche, sotto i merovingi c'erano più schiavi che nel IV secolo, la chiesa non proteggeva gli schiavi fuggiaschi ed  i vescovi potevano trattenere gli schiavi cristiani degli ebrei, invece di affrancarli, in pratica li confiscavano come oggetti di reato.
La chiesa disponeva di schiere di schiavi, indispensabili per i suoi latifondi, in età carolingia lo schiavo nasceva da schiavi ed era trattato come un bene mobile, non riacquistava la libertà nemmeno con la consacrazione sacerdotale o il matrimonio. Inoltre, per incrementare la schiavitù, fu prevista la schiavitù per tradimento, adulterio, fabbricazione di monete false; agli abati fu vietato affrancare gli schiavi donati al convento.
Stando così le cose, il re franco Chilperico  I affermò che la ricchezza ed il potere dei franchi erano finiti in mano ai vescovi, perciò provvide ad annullare i testamenti a favore della chiesa, era una persona colta, però il vescovo Gregorio lo chiamò ubriacone e ricevette dalla chiesa il trattamento riservato a  Giuliano l'apostata.
I vescovi non erano versati nella scienza e facevano solo danno al buon nome della chiesa, il loro livello culturale non era superiore a quello dei nobili, inoltre tra i vescovi, come tra i nobili, era diffusa la violenza.
Il re franco Clotario II (584-629) volle che i vescovi appartenessero alla nobiltà di corte,  questi  puttaneggiavano  ed il vescovo Bertram di Bordeaux pare che se la intendesse anche con la regina Fredegonda.
I vescovi sceglievano spesso i loro successori, trasmettevano beni e vescovati ai nipoti, che a volte erano in realtà figli,  acquisivano vescovadi contraffacendo documenti, come fece Eusebio di Parigi.
Molti si destreggiavano con la corruzione a corte, come fece il vescovo Egidio di Reims,  in occasione delle loro elezioni si verificavano violenze e battaglie, fatti analoghi si verificarono nelle abbazie per l'elezione di abati e badesse, verso la fine del VII secolo in Gallia c'erano 400 abbazie che con le chiese possedevano un terzo delle terre.
Questa proporzione di un terzo delle terre in mano alla chiesa, o meglio delle sue branchie,  è rimasta costante nel tempo in tanti paesi e fino ad oggi, però non se ne parla quando s'invoca la riforma agraria contro i latifondisti e  quando si dice che Mussolini fu sostenuto dagli agrari, non si ricorda che tanti agrari erano enti ecclesiastici.
A volte c'erano delle guerre tra vescovi, preti e arcidiaconi, il vescovo era generalmente nemico del proprio clero, perciò i preti ordivano congiure contro i vescovi, invocando anche l'aiuto dei laici, a volte i vescovi erano assaliti e cacciati, nei monasteri c'erano rivolte e assassini. Il diritto d'asilo fu continuamente calpestato e tanti omicidi si verificarono nelle chiese, con  scontri armati anche sotto l'altare.
Benché i concili condannassero i religiosi che portavano armi, l'abitudine non venne meno, a volte i preti si facevano assoldare come killer, Eterio, Vescovo di Lisieux, doveva essere ucciso  a colpi d'ascia da un prete, istigato da un arcidiacono, diversi  vescovi furono avvelenati.
Il concilio di Marsiglia del 533 accusò il vescovo di Riez, Contumelioso, d'adulterio, dissolutezza e furto di beni ecclesiastici, tanti vescovi si ubriacavano, erano assassini ed adulteri, Cautino, arcivescovo di Clermont, rubava la proprietà degli altri e praticava l'usura.
Nel 590 in un convento di Poitiers, dedicato a Santa Radegonda, due principesse monache si rivoltarono contro la badessa, generalmente le suore e i monaci erano bastonati da abati e badesse. Generalmente le suore di famiglie bene se la cavavano, non andava  così per le altre monache, nei conventi parecchie suore rimanevano incinte e i conventi di San Benedetto avevano l'abitudine di seppellire la prole monacale, vittima d'infanticidio, ancora oggi i scoprono gli scheletri di questi bambini.
Tanti concili si scagliarono contro gli ebrei, un concilio di Toledo dichiarò gli ebrei schiavi per aver offeso Cristo, i loro patrimoni furono confiscati ed i loro figli furono loro sottratti, fu loro vietato di fare matrimoni misti, di avere schiavi cristiani, di avere proprietà e incarichi pubblici, tutte misure replicate dal nazismo.
Il santo Avito di Vienne operò instancabilmente contro il giudaismo, diceva d'essere contro la violenza, però fece distruggere una scuola ebraica, anche Gregorio I e re Guntram erano fieramente antiebrei.
Re Sigiberto III divenne re d'Austrasia a tre anni, reggente al trono era il vescovo Cuniberto di Colonia (623-663), mentre Pipino il vecchio era maestro di palazzo, Cuniberto, dopo la morte dell'ultimo merovingio Dagoberto I (600-638), favorì l'ascesa dei carolingi, cioè tradì la dinastia merovingia che gli aveva riservato grandi onori.
Il maggiordomato divenne ereditario ed il figlio di Pipino il vecchio, Grimoaldo I, alleato del vescovo Cuniberto, divenne maestro di palazzo. Prima di morire, Sigiberto aveva messo il figlio minorenne sotto la tutela di Grimoaldo, che però favorì il colpo di stato, per mettere i pipinidi sul trono franco.
Il viceré Grimoaldo, con la complicità del vescovo Dido, tonsurò il principe ereditario merovingio Dagoberto II,  e lo chiuse definitivamente in un convento irlandese, però i franchi di Neustria resistettero al tentato colpo di stato di Grimoaldo I,  che finì al patibolo.
La madre di Grimoaldo I, sant'Iduberga, era stata fondatrice di chiostri e abbazie, sua figlia era la santa badessa Gertrude, protettrice dai ratti, ed era in rapporti molto stretti con monaci irlandesi e con l'abate Foillon, anche lui santo, ucciso e buttato in una porcilaia  e quindi adorato come martire.
Batilde, sposata nel 648 a Clodoveo II, cercò di tenere unita la Neustria-Burgundia con l'aiuto dei vescovi di corte,  come Crodoberto di Parigi, Eligio di Noyon e Audoino di Rouen e perseguì una politica centralista, governando nel nome di Clotario III, come reggente fece giustiziare il vescovo di Lione, Aunemundo, che sobillava l'aristocrazia burgunda contro la casa reale di Neustria.
Batilde per ragioni politiche fece ammazzare nove vestivi dell'opposizione, questa regina non era anticlericale perché aveva strette relazioni con altri prelati e fu anche proclamata santa dalla chiesa.
Nel 662 il vescovo Leodegaro era portavoce dell'opposizione aristocratica alla monarchia unica dei franchi, proclamò re Childerico II, che reggeva l'Austrasia, il re fu ucciso  e Leodegaro fu decapitato, poi fu fatto santo e martire.
Il giovane Dagoberto II fu ammazzato e così Pipino II il medio, il capostipite dei carolingi, divenne l'uomo più potente d'Austrasia, era nipote di Pipino I il vecchio e progenitore di Carlo Martello, di Carlo Magno e di suo fratello Carlomanno, Pipino II inaugurò la storia dei carolingi.
Pipino II, maggiordomo d'Austrasia, s'impose su Ebronio, maggiordomo di Neustria, alla lotta parteciparono i vescovi delle opposte fazioni, poi Pipino II sconfisse l'armata di Neustria, comandata da Teoderico III, i re franchi erano ormai solo comparse e marionette.
Pipino II lasciò sul trono di Neustria Teoderico III, ponendogli a fianco degli uomini ed un maestro di palazzo di sua fiducia, fu fondatore e protettore di conventi e propagatore della fede, soprattutto presso i frisoni.
I frisoni furono sconfitti  nel 689 e 695 e l'aristocrazia franca trasferì alla chiesa parte dei territori presi a questi, in Austrasia operava l'arcivescovo San Willibrord,  sostenuto dall'aristocrazia e da Carlo Martello, spettò poi a Carlo Magno soggiogare definitivamente la Frisia ed i sassoni.
La vedova di Pipino I, Plectrude, governava in nome di Dagoberto III, fece imprigionare a Colonia il figliastro Carlo Martello che nel 715 fuggì, nel 717 in Neustria governava Chilperico II  ed in  Austrasia Clotario IV (717-719).
Dopo lunghe lotte Carlo Martello fu riconosciuto maestro di palazzo dell'intero popolo franco, dal 737 Carlo Martello inaugurò, con la morte degli ultimi  sovrani merovingi, il regno dei  carolingi, consolidò il suo potere con continui massacri, ampliò i confini contro neustriani, alemanni, bavaresi, sassoni, frisi, mentre al vescovo Pirmino era lasciata l'opera missionaria e mentre l'inglese San Bonifacio era missionario presso i sassoni.
Le scorrerie di unni e mongoli furono effimere, mentre quelle degli arabi del VII secolo hanno conseguenze ancora oggi, l'Islam, che vuol dire sottomissione, era monoteista e aveva preso dall'ebraismo e dal cristianesimo, concedeva 4 mogli e prometteva il giudizio universale, l'inferno ed il paradiso.
L'Islam considerava Mose e Gesù dei profeti che dovevano precedere Maometto, il quale nacque nel 570 alla Mecca sposò una ricca vedova di un mercante, poi  cominciò le sue rivelazioni divine e si  trasformò in condottiero. Con la violenza diffuse la sua religione, nel 622 fuggì a Medina, dove fece massacrare molti   ebrei che gli si opponevano e vendetti gli altri come schiavi, nel 630 s'impossessò della Mecca e di tutta l'Arabia, nel 632 morì.
Nel 633 il suo suocero, califfo Abu Bakr, conquistò  Giordania e Irak, poi il califfo Omar, dal 635 al 642, conquistò Siria, Palestina, Egitto e  Persia, riducendo l'impero bizantino ad un terzo, il califfo Othman  dal 647 al 654 conquistò Libia, Cipro, Rodi, sconfisse la flotta bizantina e minacciò anche Costantinopoli, il califfo Abdul Malik ed il figlio Walid dal 685 al 715 conquistarono Turkestan, Caucaso e Magreb.
Da Tunisi, la flotta araba controllava il mediterraneo occidentale, così la chiesa perdeva a favore dell'Islam i due terzi dei suoi fedeli, anche la Spagna fu occupata dagli arabi nel 710 e fu distrutto il regno spagnolo cattolico dei visigoti.
I mori passarono anche i Pirenei e nel 720 furono fermati a Poitièrs da Carlo Martello, aiutato nella sua impresa dal patrimonio della chiesa.
Nel 716 L'anglosassone San Bonifacio era missionario presso i frisoni, stanziati vicini all'Olanda, nel 719 papa Gregorio II gli conferì l'incarico missionario presso tutti i popoli miscredenti e nel 722 lo fece vescovo, tuttavia Bonifacio presso i turingi fallì la sua opera missionaria per la mancanza d'appoggio militare.
Anche il missionario Willibrord dal 690 faceva il missionario presso frisoni, danesi e sassoni, sostenuto dalle armi franche, le vittoriose campagne di Carlo Martello contro i sassoni favorirono la sua opera di conversione, il missionario distruggeva idoli e faceva miracoli.
Nel 721 Bonifacio si separò da lui  ed in Turingia fondò un monastero, in Assia le prime tracce del cristianesimo anteriore a Bonifacio erano presso installazioni militari fortificate, alcuni conventi di Turingia e Assia erano postazioni e capisaldi militari, le piazzeforti franche poi divennero anche sedi episcopali.
Nel 722 Bonifacio, l'apostolo dei tedeschi, era missionario presso i sassoni, la loro conversione, con battesimi collettivi obbligatori, avvenne dopo la campagna di Carlo del 738, la quale fu preparata e realizzata in collaborazione con il clero e con Bonifacio.
Carlo Martello non era molto religioso ma, per ragioni di conquista,  era interessato alla diffusione del cristianesimo in oriente, usava puttaneggiare con le sante monache e le vergini consacrate nei chiostri, anche il re Osred di Northumbria aveva la stessa passione.
Bonifacio era a conoscenza della lussuria dei monasteri e sapeva che le monache ammazzavano i bambini concepiti, una discepola di Bonifacio, la vergine Egburg, prediligeva l'amante Bonifacio, di fronte a tutti gli altri uomini.
La popolazione bavarese, di razza mista, si costituì ai primi del VI secolo, due secoli dopo il territorio era pieno di conventi, già in epoca romana il territorio conobbe il cristianesimo, tramite soldati e mercanti, poi arrivarono ariani, monaci irlandesi e predicatori bizantini; la nobiltà per  prima si volse al cristianesimo, per interesse,  mentre il popolo fu cristianizzato solo nel VII secolo.
I duchi bavaresi della famiglia degli Agilulfidi erano dapprima legati ai longobardi, poi però il paese si avvicinò ai franchi, nel 716 il duca Teodone cercò di creare una chiesa autonoma bavarese, perciò Carlo Martello  saccheggiò il paese.
Bonifacio si recò in Baviera nel 719 e nel 738, ricevette da papa Gregorio III l'ordine di riorganizzare la chiesa di Baviera e di farne una specie di protettorato pontificio, mentre il duca Teodone voleva liberarsi dell'influenza franca.
Perciò i rapporti tra il papa e Carlo Martello si raffreddarono, in Austria, Moravia e Baviera  operavano missionari irlandesi e scozzesi e la fede non s'irradiava dalle sedi vescovili ma dai monasteri.
Il vescovo di Salisburgo, Virgilio, confidente di Pipino II, irrideva dei seguaci di Bonifacio e dei  missi papali, che attaccavano il clero franco che voleva essere autonomo da Roma, invece Bonifacio era asservito a Roma e si faceva sempre istruire da essa; a Roma faceva continui quesiti in materia di fede, una volta chiese se i contadini dovevano pagare le tasse e il papa rispose che era ovvio, perché pagando capivano che la terra aveva un padrone.
Bonifacio affermava che preti e vescovi franchi erano dissoluti, lussuriosi, omicidi, ubriaconi, litigiosi e falsi, che alcuni sacerdoti celebravano la messa cristiana e recavano offerte a Wotan, che i vescovi depredavano i borghi, collezionavano prebende e attaccavano i monasteri, con l'intento di asservirli. Nell'800 anche il patriarca d'Aquileia, Palino, accusava i vescovi di dissipare il patrimonio ecclesiastico nella guerra e nel lusso e di commettere delitti.
Nel 744 Bonifacio, al Sinodo di Soisson, fece condannare il prete Aldeberto che insegnava che erano inutili confessione, pellegrinaggio a Roma, consacrazione delle chiese ai martiri e fece condannare anche il vescovo itinerante irlandese Clemente, contrario al celibato.
Bonifacio, quindi, riorganizzò la chiesa nazionale franca, inizialmente svincolata da Roma, sottoponendola all'obbedienza romana, e nel 745 divenne vescovo di Magonza,  nel 754  fu ucciso dai frisoni  in rivolta.
Il papa tornò a sostenere il duca Odilone di Baviera, che voleva staccare il paese dalla Francia, voleva creare una chiesa nazionale bavarese controllata da Roma e un protettorato romano, purtroppo Odilone fu sconfitto dai franchi, il papa fece dietrofront e passò dalla parte del vincitore.

Fine della seconda parte.

KARLHEINZ DESCHNER
STORIA CRIMINALE DEL CRISTIANESIMO -  Editore Ariele
 

Vol 4 - PARTE TERZA

Pipino II mise su due sedi vescovili bavaresi due monaci irlandesi di sua fiducia, che non prendevano ordini da Bonifacio, uomo di fiducia di Roma, papa Zaccaria (741-752) minacciò di scomunicarli anche perché sostenevano la tesi che la terra era sferica.  Nel 763 divenne duca di Baviera Tassatone III che, desiderando l'indipendenza dai franchi, si avvicinò ai longobardi di Desiderio,  sposandone anche una figlia.
Tornando indietro in oriente, nel 622 l'imperatore Eraclio di Bisanzio, con i tesori della chiesa ricevuti dal patriarca Sergio poté indire la prima crociata contro i persiani, che nel 614 avevano preso Gerusalemme e nel 617 minacciavano Costantinopoli. Eraclio vinse e saccheggiò il territorio dei mandei o sabei, gnostici cristiani seguaci di Giovanni Battista, purtroppo però si stava profilando una nuova minaccia, l'invasione araba.
Al secondo concilio ecumenico di Costantinopoli del 681, il patriarca d'Antiochia, Macario, si presentò con documenti falsi, papa Onorio I fu scomunicato e  furono accusati d'eresia i papi Vittorio I, Zefirino e Callisto.
Papa Giovanni IV (640-642), consacrato senza il benestare dell'imperatore, si sollevò contro Bisanzio,  anche il nuovo patriarca di Bisanzio Teodoro I (642-649) mosse all'attacco contro la casa imperiale, inoltre l'esarca africano Gregorio preparava una sollevazione contro Bisanzio, sostenuto dal papa, però nel 647 fu sconfitto dagli arabi.
A Roma comparvero molti monaci africani fuggiti dal potere di Bisanzio, Martino I (649-653) fu il primo pontefice a perseguire decisamente il distacco di Roma da Bisanzio. Allora falsari a favore della chiesa erano l'abate Massimo, fatto santo, e lo pseudo-Dionigi.
L'imperatore Costante di Bisanzio ribadì che il vescovo di Ravenna non era soggetto a Roma ma a Bisanzio, nel VII secolo anche la chiesa siciliana  era orientata verso Bisanzio. I longobardi, originaria della Germania settentrionale, dopo le invasioni del 568 si erano impadroniti dell'Italia settentrionale e centrale, mentre nel sud dominavano Roma ed i bizantini, i papi si destreggiavano tra Bisanzio ed i  longobardi.
Nel VII secolo la chiesa cattolicizzò i longobardi, che volevano unificare l'Italia, e poi ne distrusse la potenza, con il re longobardo Ariperto I (653-661) l'orientamento cattolico della regina Teodolinda prese il sopravvento, perciò re Ariperto restituì delle terre al papa,  era pluriomicida, però da Paolo Diacono fu definito uomo pio.
Con re Liutprando la potenza dei longobardi raggiunse il culmine in Italia, era cattolico e benefattore della chiesa, però voleva unificare l'Italia sotto di se, perciò il papa, toccato nei suoi interessi, gli fu avverso. Ad oriente l'imperatore Giustiniano II (685-711) fece deportare e giustiziare migliaia di slavi, nel 711 i  bulgari minacciarono Costantinopoli, nel 717 fu la volta degli arabi.
Il concilio d'Elvira aveva proibito il culto delle immagini, iniziato dagli gnostici, i monaci ne avevano diffuso il costume perché erano fabbricanti d'immagini, il popolo venerava le icone come idoli, ad esse chiedevano miracoli, perciò in oriente gli iconoclasti chiesero la distruzione delle immagini. Nel VII secolo i  pauliciani d'Armenia combattevano, oltre le immagini, la croce, le cerimonie esteriori ed i sacramenti.
I soldati incaricati di asportare le icone dalle chiese furono ammazzati dal popolino in rivolta, forse istigato dai monaci, il dominio bizantino in Italia centrale crollò proprio allora, in ogni modo il concilio di Costantinopoli del 757 condannò il culto delle immagini. Il clero sapeva che il suo potere si fondava sulla magia, sulle suggestioni e sul fascino del servizio divino, anche per questo aveva coltivato le icone.
Papa Gregorio II (715-731) condannò l'intromissione dell'imperatore d'oriente nelle questioni di fede e venne da questo minacciato di essere trascinato in catene. Nel 717 l'imperatore d'oriente Leone III, per fare la guerra agili arabi, aumentò le tasse alla chiesa romana, i vescovi italiani si ribellarono e si opposero anche all'iconoclastia imperiale, anche papa Gregorio II esortò alla lotta contro  Costantinopoli, minacciando la separazione da Bisanzio e proibì anche il pagamento delle tasse a Bisanzio.
L'esarca Paolo di Ravenna ricevette da Bisanzio l'ordine di deporre papa Gregorio II, però duchi e truppe bizantine furono espulsi da tutta Italia ed anche Venezia si rivoltò, allora i longobardi erano alleati di Roma e, nella situazione di crisi, a Costantinopoli fu proclamato un antimperatore, nella figura di Cosma, la rivolta fu domata nel 730.
Poiché gli italiani avevano proclamato imperatore Tiberio Petasio, il papa, che voleva comandare da solo a Roma, si riavvicinò a Costantinopoli, Petasio fu trucidato e la sua testa spedita a Costantinopoli, poi l'imperatore aumentò le tasse in Italia e separò l'Illiria e la Sicilia da Roma.
Il nuovo imperatore Costantino V (741-776) perseguitò i monaci difensori delle immagini, espropriò e chiuse alcuni monasteri, altri li distrusse, costrinse  i monaci e le monache a sposarsi, giustiziò alcuni monaci, alcuni di loro fuggirono a Roma, accadeva ciò mentre i bulgari minacciavano Costantinopoli.
Liutprando, che era convinto cattolico e difensore della chiesa, nel 732 prese Ravenna, l'esarca, allora alleato del papa, si rifugiò a Venezia. Malgrado Liutprando avesse appoggiato Roma contro Bisanzio, il papa spinse la flotta veneziana a riprendere Ravenna ed aizzò i duchi longobardi di Spoleto e Benevento e i vescovi longobardi contro il loro re.
Quindi  Gregorio III chiese aiuto a Carlo Martello, in regalo gli inviò un pezzo della catena e le chiavi dell'apostolo Pietro, anche se nel 738 i longobardi erano intervenuti in Provenza contro i saraceni, a fianco dei franchi, questa prima richiesta del papa non ebbe successo.
Però il regno franco, sempre in guerra, utilizzava i monasteri come teste di ponte per la conquista e riteneva che la sua espansione e l'espansione del cattolicesimo fossero connessi, quindi Carlo Martello non poteva ignorare per sempre le sollecitazioni della chiesa e del papa.
Gregorio III fu l'ultimo papa a chiedere la convalida dell'elezione papale a Costantinopoli, il successore papa Zaccaria (741-752) ribaltò le alleanze e si alleò con Liutprando contro i duchi lombardi ribelli, in cambio il papa ricevette dai longobardi altri regali in terre, a spese di Bisanzio.
Nel 743 Liutprando attaccò Ravenna  ed il papa lo invitò a desistere, nel 744 Liutprando morì e il papa convinse il successore Rachi a non attaccare la pentapoli, poi Rachi andò in pellegrinaggio a Roma e quindi  si chiuse in convento.
Alla morte di Carlo Martello, avvenuta nel 741, l'impero fu diviso tra Carlomanno e Pipino III il breve, il primo ebbe l'Austrasia  e il secondo Neustria, Burgundia, Provenza e Baviera. Entrambi erano allievi di monaci e massacratori, si diceva che erano mossi da dio, perciò meritevoli di una ricompensa in cielo.
Carlomanno, in seguito venerato come santo, sterminò gli alemanni e confiscò le loro terre, la chiesa ne guadagnò il vescovado di Costanza che diventò la più grande diocesi tedesca del medioevo, si arricchirono di terre prese al nemico anche alcune abbazie, come quella di San Gallo. Nel 747 anche Carlomanno si chiuse in un chiostro, alle porte di Roma, e poi a Montecassino.
Pipino III (741-768) fu quasi sempre in guerra, accompagnato dal figlio Carlo Magno,  alla corona s'interponeva l'ultimo dei merovingi, Childerico III,  Pipino III chiese il parere a papa Zaccaria, che gli fece sapere che il rango di re spettava a chi aveva il potere effettivo, Zaccaria lo fece ungere re da Bonifacio, mentre Childerico III e suo figlio furono chiusi in un convento.
L'atto di Zaccaria implicava che il papa aveva il diritto di disporre a piacimento delle corone regali, almeno apparentemente, la monarchia diventava un'istituzione divina attribuita al pontefice, da allora i figli di Pipino III, Carlomanno e Carlo Magno, continuarono a fregiarsi del titolo di re per grazia di Dio.
Ora il re era separato nettamente dal popolo, perché il suo potere veniva da Dio ed era al servizio di Dio, in pratica della chiesa, l'ufficio monarchico, assumendo un carattere teocratico, rafforzava la sua influenza di fronte ai sudditi ed ai nobili, ma non di fronte al papa e a controllare il re c'era l'alto clero, il re era  co-reggente con Cristo, mentre il popolo non aveva nessuna sovranità.
Divenne re dei longobardi Astolfo (749-756) che  voleva la distruzione di Roma, contro di lui papa Stefano II chiese l'aiuto prima all'imperatore Costantino V di Bisanzio, impegnato contro gli arabi, poi a Pipino III.
Stefano II, per perorare la sua causa, si recò alla corte di Pipino, secondo gli annali pontifici i sovrani franchi si sarebbero gettati ai suoi piedi, secondo gli annali franchi, il papa, in abiti penitenziali, si prostrò davanti a Pipino III.
Pipino III era salito al potere con l'aiuto di papa Zaccaria e perciò giurò di proteggere Roma, il papa nominò Pipino III patrizio romano, titolo prima appartenuto all'esarca di Ravenna, così sancendo la separazione definitiva di Roma da Bisanzio.
La donazione di territori fatta da Pipino III alla chiesa, divise l'Italia in due  fino al 1870, anche se  Pipino regalò al papa solo ciò che era appartenuto a Bisanzio.
Il papa millantava il sepolcro di Pietro a Roma e  si diceva  portavoce di Pietro e suo erede, tra il VII e l'VIII secolo Pietro era diventato il santo più importante per anglosassoni e franchi, aveva tanti monasteri a lui dedicati, era garante dell'aldilà, dell'aldiqua, protettore, guerriero e guardiano del paradiso, probabilmente Pietro non è mai stato a Roma.
Pipino III era succube del papa, era pieno d'amore per San Pietro, era dominato dai piaceri sensuali, però non voleva assolutamente essere respinto dal regno dei cieli.
Nel 754 papa Stefano II unse Pipino III re, che divenne re per grazia di Dio, da allora il papa lo chiamò per sempre "compare", con l'unzione esso si era reso servo o dipendente della chiesa, infatti, affermò  Innocenzo III che più grande dell'unto è colui che unge.
Anche il nuovo papa Paolo I (757-767), continuò a chiamare Pipino III "compare", poiché questo papa era anche padrino della figlia di Pipino III, Gisla.  In questo nuovo quadro istituzionale, i francesi non potevano più scegliersi un re, senza l'approvazione del papa, com'era accaduto prima per i papi nei confronti di Bisanzio.
Pipino III s'impegnò a difendere il patrimonio della chiesa e ad accrescerlo e regolò per legge l'esazione delle decime a favore della chiesa, però i notabili franchi non volevano la guerra ai longobardi e stavano per ribellarsi, anche il fratello di Pipino, da Montecassino, cercò di impedire la guerra e perciò il papa lo fece rinchiudere in un monastero di Vienne.
Nel  754 Pipino sconfisse i longobardi di Astolfo, che si rifugiò a Pavia, e li rese tributari, Astolfo ruppe il trattato di pace e assediò Roma, il papa minacciò Pipino III di scomunica e di un giudizio universale se non fosse intervenuto a suo favore, nel 756 Pipino III si mosse di nuovo contro i longobardi  e  sconfisse di nuovo Astolfo.
L'imperatore di Bisanzio si aspettava la restituzione delle terre italiane che gli erano state prese dai longobardi, invece Pipino III le donò al papa, così nasceva lo stato sacerdotale della chiesa, nato con le guerre e gli inganni, con falsi documenti e con false donazioni e durato più di mille anni.
Roma volle far basare la donazione dei franchi su un  antico diritto costruito su un falso, la donazione di Costantino, lo stato della chiesa doveva divenire il fondamento materiale e la garanzia del dominio spirituale del papa. L'attività falsaria è stata abusata dalla chiesa, anche se Pio XI ha asserito che la chiesa è colonna e fondamento della verità.
L'antichità cristiana superò in contraffazione l'età pagana e quella del Vecchio testamento e il medioevo superò il primo cristianesimo nell'attività falsaria. Nel medioevo i falsi svolsero un ruolo cospicuo, erano false le vite dei santi, le storie dei miracoli, l'attività falsaria fu ordinatrice della chiesa e del diritto, il medioevo fu l'eldorado dei falsari.
Dal VI all'VIII secolo l'attività falsaria fu una specializzazione teologica in oriente, mentre in occidente si sviluppò dall'VIII al XII secolo, nell'alto medioevo in occidente i falsari furono quasi esclusivamente uomini di religione, ciò che era essenziale si fondava sulla menzogna e sull'inganno, si faceva della falsificazione e dell'ipocrisia una virtù.
Poiché il fine della conversione e della supremazia della chiesa giustificava i mezzi,  potevano essere utili menzogna ed inganno, lo avevano insegnato anche San Paolo, Origene, Crisostomo e Sant'Agostino.
Inoltre, di solito nessuno si accorgeva delle falsificazioni, vi si dedicavano abati e vescovi, come Huilduin, abate di S.Denis (814-840), l'arcivescovo Hinkmar di Reims (845-82), Pilgrim (971-991) vescovo di Passan e Callisto II (1119-1124), che autenticò falsi fatti fare quando era vescovo di Vienne. Malgrado questi fatti, papa Adriano II (885) affermò che la chiesa fugge l'inganno e la bugia e Pio XI ha affermato che essa è il fondamento e la colonna della verità.
Durante il medioevo, preti e monaci con dei falsi  procacciarono dei privilegi alla chiesa, in nome della vera fede, dal IV secolo furono contraffatte risoluzioni conciliari ed atti conciliari,  sulla bibbia fu anche inserita un'indicazione trinitaria fasulla.
Durante il concilio di Costantinopoli del 680, il patriarca d'Antiochia, Macario, tentò di dimostrare la dottrina dell'unità della volontà di Cristo, il monoteletismo, con l'aiuto di documenti sinodali e dei padri della chiesa falsificati.
In quel periodo l'abate Anastasio Sinaita accusava i monofisiti di falso, erano all'opera 14 calligrafi, che lavoravano sotto la guida del prefetto Severiano, in un opificio per falsari, però anche il Santo Anastasio (festeggiato il 21/4)  faceva falsificazioni, che definiva perfette,  ed invitò i seguaci ad imitarlo, ricordando le astuzie di Paolo.
Ci furono anche falsificazioni agiografiche o false narrazioni delle vite dei santi e false reliquie, c'erano innumerevoli frammenti della croce di Cristo, dodici prepuzi di Cristo erano venerati dalla confraternita del santo prepuzio, il vescovo di Osnabruck, Brenno (1068-1088), falsificò un documento imperiale di Carlo Magno, Otloh di S.Emmetran con dei falsi tentò di sottrarre il monastero all'influenza del vescovo, egli attestava anche il possesso di reliquie di Dionigi l'Aeropagita, a suo volta falsario e suo maestro.
Nel medioevo s'inventarono anche epistole celesti che esortavano alla pace, alla guerra, ad una crociata, ecc., pullulavano le favole miracolistiche e le leggende dei santi, nei secoli X e XI fu inventata da preti e monaci una sequela di vite di santi.
Documenti falsi furono usati nelle lotte intestine tra vescovadi, con falsi diplomi o concessioni, a Roma fu contraffatta la lista dei vescovi, al fine di garantire la continuità della successione apostolica a partire da Pietro; seguirono l'esempio altri vescovi che facevano discendere i loro  episcopati dai discepoli, Magonza da Paolo, Milano da Barnaba, ecc.
Nel 731 in Inghilterra fu ideata una risposta di papa Gregorio I al vescovo di Canterbury, Agostino, in realtà redatta da Nothelm, futuro arcivescovo della città, con essa il papa concedeva ad Agostino il diritto ad ordinare i vescovi, con  falsi documenti e false lettere pontificie Canterbury cercò d'imporre il suo primato sull'arcivescovo di York.
L'arcivescovo di Vienne e futuro pontefice Calisto II (1119-1124) fu un papa falsario e scrisse  epistole papali false dei papi precedenti, in Germania Magonza ottenne il suo primato grazie a falsi attestati di Pipino III e Carlo Magno, anche Brema costruì dei falsi per acquisire privilegi.
L'arcivescovo Adalberto di Amburgo-Brema, con l'aiuto di scrivani, confezionò documenti d'imperatori e papi, suo scopo era liberare il suo vescovado dalla subordinazione, per renderlo uguale ad altri vescovadi più importanti.
Nel 968, con un documento falso di Giovanni XIII, si conferiva all'arcivescovo Adalberto di Magdeburgo il primato su tutti i vescovi e arcivescovi di Germania. Anche i monasteri fecero dei falsi, cioè privilegi pontifici d'epoca merovingia, con lo scopo di sottrarsi all'influenza dei vescovi, i monaci del monastero di S. Emmaram, con false attestazioni nel XIII secolo, riuscirono a diventare indipendenti dall'impero e subordinati solo al papa.
A metà del XII secolo in Turingia l'abate Reinhardsbrunn falsificò dei documenti per appropriarsi di terre del vicino convento dei cistercensi, alcuni si procuravano falsi documenti su commissione,  per essere esentati dal servizio militare o per assicurarsi l'elezione ad abate.
Paolo Diacono, era un bibliotecario falsario presso Montecassino, dove fabbricò diplomi reali e documenti pontifici, al monastero di Fulda i monaci Rodolfo e Meginhard avevano redatto falsi di Pipino III, Carlo Magno e papa Zaccaria, con lo scopo di  sottrarre le decime all'arcivescovo di Magonza.
La falsa donazione di Costantino nacque nella cancelleria di papa Stefano II, con quell'atto egli superò le resistenze di Pipino III e si presentò come legittimo padrone d'Italia, poi indusse i franchi a muovere guerra ai longobardi che volevano dominare l'Italia.
La donazione  derivava dalla leggenda di San Silvestro, nata a Roma nel V  secolo,  la quale narrava che papa Silvestro guarì Costantino dalla lebbra e lo battezzò, per riconoscenza l'imperatore regalò alla chiesa il Laterano, Roma e l'Italia e fece il papa superiore agli altri patriarchi.
All'inizio Roma non si servì molti di questo falso documento, lo richiamò per primo papa Adriano I, in uno scambio epistolare con Carlo Magno, poi fu imposto definitivamente alla metà del IX secolo, quando si procedette alla creazione di un altro falso, le decretali pseudoisidoriane, attribuite  allo spagnolo santo Isidoro, sulle quali si fondò lo stato della chiesa.
Nel 1053 Leone XI su di esse fondò il primato del papa, trasformando la falsa donazione di Costantino in restituzione da parte di Costantino di quanto donato da Dio alla chiesa, così la chiesa  non doveva riconoscenza ai franchi, con Gregorio VII (1073-1085) la donazione di Costantino divenne parte integrante del diritto canonico.
Urbano II (1088-1099), beatificato nel 1881, istigatore della prima crociata che procurò il massacro di Gerusalemme,  dichiarò che con la donazione la Corsica e le isole Lipari erano di proprietà della santa sede, nel XII secolo lo scolastico Onorio  sostenne che Silvestro aveva ottenuto da Costantino anche la garanzia che nessun imperatore avrebbe dovuto regnare  senza l'assenso del pontefice, in tal modo l'imperatore diventava vassallo del papa e l'impero si trasformava in feudo papalino.
Gregorio IX (1227-1241) sostenne che Costantino aveva concesso al papa il dominio universale, non doveva esistere un imperatore indipendente dal papa. Ludovico il Bavaro (1314-1347) e Sigismondo (1433), in qualità di futuro imperatore, giurarono di osservare la donazione di Costantino, perciò, su queste premesse, Silvestro II proclamò Roma capitale del mondo.
Successivamente l'imperatore Ottone III (983-1002) affermò che la donazione era per lui inefficace, poi la definì falsa e affermò che i territori pontifici erano stati ottenuti con l'inganno,  nel XII secolo l'inganno fu dimostrato da Arnaldo da Brescia, il suo discepolo Wezel informò Federico Barbarossa che la donazione di Costantino era una favola, perciò nel XIII secolo la mise in dubbio anche Federico II.
Oggi alcuni studiosi della chiesa definiscono i falsi medioevali: "Devozione antica" ed i falsari come:"Venerabili falsari", nel 1440 anche Lorenzo Valla, segretario del papa, riconobbe l'imbroglio, però la storiografia cattolica riconobbe ufficialmente la falsificazione solo nel XIX secolo, senza che la chiesa restituisse i privilegi e le ricchezze che ne aveva ricevute nel contempo, visto che ne era caduto il titolo.
Per tutta la sua vita gli interlocutori più importanti di Carlo Magno (772-814), succeduto a Pipinio III, furono i pontefici, egli privilegiò il rapporto con la santa sede, l'impero carolingio fu una teocrazia e il corpo di Cristo, Carlo era l'uomo della Provvidenza, anche se era permanentemente in guerra, ovviamente anche Carlo fu fatto santo dalla chiesa festa 28/1).
Il re dei longobardi, Desiderio (757-774), non voleva che il suo regno fosse soffocato tra franchi e lo stato della chiesa, perciò invase il territorio pontificio e il papa Paolo I (757-767) chiamò di nuovo in soccorso Pipino III, che in quel momento era impegnato contro i sassoni e cercava anche di prevenire un'alleanza tra longobardi e bizantini.
A Roma il laico Costantino II (767-768) con un  colpo di mano si fece eleggere papa, contro di lui  fu montata una cospirazione e i congiurati si rifugiarono presso Desiderio, dove raccolsero delle truppe ed entrarono a Roma, quindi  fu fatto papa Stefano III (768-772), che era amico dei franchi.
Cominciarono le vendette ed ai cardinali e vescovi dell'altra fazione fu strappata la lingua e gli occhi, Costantino fu schiaffeggiato e accecato, sotto tortura, confessò di avere commesso più peccati di qualsiasi altro uomo, poi fu chiuso in un monastero.
Il sinodo Lateranense del 769 aveva escluso i laici dal trono pontificio, però nel 784 a Costantinopoli il laico Trasio diventò patriarca, suo nipote e pure laico Fozio ricoprì la stessa carica e nel X secolo in occidente  Leone VIII in un solo giorno da laico fu fatto papa.
Fino al III secolo tutti i laici potevano diventare vescovo di Roma, fino al VI secolo il papa era  eletto dal popolo di Roma, poi il suffragio fu ristretto agli aristocratici, dal VII secolo il diritto elettorale fu riservato al clero romano, l'imperatore di Bisanzio ratificava l'elezione, in epoca successiva le grandi potenze esercitarono il veto nell'elezione del papa.
Il papa  Stefano III operò per evitare intese tra franchi e longobardi, appoggiandosi ora agli uni e ora agli altri, alla morte di Pipino III, Carlo Magno ebbe la parte settentrionale del regno franco e il fratello Carlomanno quella meridionale.
Per rafforzare la sua posizione, nel 770 Carlo sposò la figlia di Desiderio, con l'irritazione del papa, che definiva i longobardi stirpe di lebbrosi, li accusava di non aver restituito territori della chiesa e accusava Carlo di voltafaccia.
Nel 771 Carlo ripudiò la moglie, questa volta senza proteste del papa, visto che il matrimonio era indissolubile, alla corte di Carlo esisteva un partito filo-longobardo, capeggiato da Paolo Afiarta, comprato da Desiderio. Ad un certo punto  Stefano si riavvicinò a Desiderio, che lo aveva salvato da un'altra congiura romana.
Nel 772 morì Carlomanno, Carlo divenne re di tutti i franchi e tolse i diritti ereditari ai figli di Carlomanno, come aveva fatto il nonno Carlo Martello e suo padre Pipino III. Poiché la forza prevaleva sul diritto, come aveva insegnato un papa,  vescovi  e nobili accettarono il colpo di stato, Carlo fu unto re  e la vedova di Carlomanno si rifugiò con i figli  presso Desiderio.
Il nuovo papa Adriano I (772-795)  prese subito posizione contro Desiderio che non voleva restituire le terre, poi fece catturare e giustiziare l'amico dei longobardi presso i franchi,  Paolo Afiarta, quindi  esortò Carlo alla guerra contro Desiderio.
Poiché Desiderio si era fatto protettore e difensore dei diritti degli eredi di Carlomanno, Carlo Magno mosse contro i longobardi, arrivato in Italia, catturò la famiglia del fratello e chiuse tutti in un  convento, poi si alleò con l'abate Anselmo, nemico di Desiderio, l'esercito franco era seguito da schiere di vescovi.
Mentre Carlo occupava una città longobarda dopo l'altra, il papa cercava di fare altrettanto con il ducato longobardo di Spoleto. Carlo Magno vittorioso rinnovò la donazione di Pipino III del 754 fatta al papa, cioè regalò al papa due terzi dell'Italia, giurando sulla falsa tomba di Pietro. Successivamente il papa, richiamandosi alla falsa donazione di Costantino, chiese anche Venezia e l'Istria,  Carlo ampliò le donazioni fatte dal padre ma non accolse tutte le richieste del papa.
Nel 774 Carlo, dopo aver preso Pavia, si mise sul capo la corona di ferro e si annesse il regno longobardo, era la prima unione personale della storia d'Europa, poi regalò al papa Ravenna,  Desiderio con la moglie e la figlia, cioè la ex moglie di Carlo,  furono rinchiusi in un monastero.
Alla fine del 1050 rimase indipendente solo il ducato longobardo di Benevento, dove il duca Arechi, genero di Desiderio, assunse il titolo di principe, sui alleò con il figlio di Desiderio, Adalgisio, e con Bisanzio, tramando un complotto contro Carlo e Adriano.
Carlo, al ritorno da una campagna contro i sassoni, scese di nuovo in Italia, i duchi longobardi furono sostituiti con conti franchi e Carlo inviò in Lombardia anche vescovi ed abati franchi che occuparono i seggi vescovili più importanti, rispettando però il territorio della chiesa. Carlo Magno fece re del regno longobardo suo figlio  Pipino IV,  di 4 anni,  mentre papa Adriano I fu fatto padrino o reggente del regno.
Carlo voleva il controllo dei passi alpini e i monasteri da lui beneficiati si trovavano infatti in zone strategiche, ai confini o presso grandi nodi stradali. Intanto i vescovi italiani si arricchirono con la carestia del 776, durante la quale tanti avevano venduto sottocosto i loro averi e la loro terra.
Papa Adriano I ricordava al compare Carlo che si aspettava di ricevere da lui anche la Tuscia, cioè la Toscana, Spoleto, Benevento, la Sabina, la Corsica, Terracina, Gaeta e Napoli. Carlo, al momento, ignorò i sogni egemonici di Adriano I e non voleva nemmeno attaccar briga con Arechi, duca di Benevento, dietro il quale stava Bisanzio.
Carlo protesse anche il vescovo di Ravenna, Leone,  che s'impossessò dell'Emilia-Romagna, creando una specie di stato ecclesiastico, anche lui si richiamò ad una presunta donazione di Carlo Magno,  in ogni modo, fin alla morte, ottenne l'appoggio di Carlo.
Il papa cercò insisté per indurre Carlo a muovere guerra contro Benevento e contro Bisanzio, perciò nel 786 il santo Carlo tornò in Italia ed Arechi, duca di Benevento, fuggì e si rifugiò a Salerno, Carlo fece la pace in cambio di un tributo annuo, ma Adriano I non era soddisfatto, esigeva  l'invasione di Benevento.
In un secondo momento, il duca longobardo Grimoaldo, di Benevento, con il duca di Spoleto, Ildebrando, entrambi alleati dei franchi, attaccarono i bizantini e li sconfissero, poi Grimoaldo sposò una nipote dell'imperatore bizantino e ruppe con i franchi, perciò nel 791 Pipino IV si decise ad attaccare Benevento, facendo finalmente contento il papa.
Papa Adriano I, con l'aiuto prima dei longobardi e poi dei franchi si era liberato di Bisanzio, perciò  cominciò a computare la durata del papato secondo gli anni di governo dei pontefici e non più dell'imperatore di Bisanzio e coniò anche denaro con la sua effige, in luogo di quella dell'imperatore.
Il nuovo papa Leone III (795-816) assicurò la sua fedeltà a Carlo Magno, che mandò a Roma il cappellano di corte, abate Angilberto, che aveva avuto con la figlia di Carlo, Berta, due figli, l'abate sollecitò il papa a sradicare il peccato di simonia, in precedenza Carlo aveva vietato alle monache di comporre poesie d'amore.
Con la crescita della proprietà terriera dei papi,  era cresciuto il loro nepotismo che era una specie di clientelismo a vantaggio dei soli parenti del papa. A Roma scoppiò un'altra congiura che costrinse alla fuga Leone III che poi fu catturato, trascinato in chiesa e malmenato davanti all'altare, poi però il  papa riuscì a rifugiarsi presso Carlo.
Davanti ai franchi Leone III fu accusato dai congiurati di corruzione, spergiuro e adulterio, di questi peccati del papa era intimamente convinto anche Carlo  che però non abbandonò il papa e lo rimise sul trono,  nell'800 Leone III incoronò Carlo, che regalò al papa molto oro, mentre Costantinopoli, che perdeva Roma, si diceva vittima di un colpo di stato.
Comunque nell'812 Bisanzio riconobbe Carlo imperatore d'occidente, mentre questo riconobbe la sovranità di Bisanzio su Venezia, Dalmazia ed Italia meridionale, poi Carlo intraprese l'ultima campagna contro i corsari danesi.
I sassoni, provenienti dalla Scandinavia, si stanziarono prima nel nordovest della Germania e poi nel nord della Francia, nel V secolo si trasferirono anche in Inghilterra. Furono meno esposti all'influenza romana, erano pagani e seguivano le leggi di natura, come i romani, si dividevano in nobili, liberi e servi.
Per convenienza e opportunismo, i nobili sassoni si avvicinarono ai franchi, mentre il popolo fu contro di loro, infatti, i proprietari sassoni nel IV secolo furono i primi a convertirsi al cristianesimo,  mentre il resto del popolo si convertì più tardi.
La stessa cosa era accaduta con franchi e longobardi, anche presso gli slavi i principi precedettero le loro tribù nella conversione, la classe dominante pensava sempre di guadagnarci con l'operazione, la ragione di stato li spingeva ad accettare la buona novella.
Clotario I e Carlo Martello fecero diverse campagne contro i sassoni, avendo a fianco il clero cristiano, i sovrani franchi non ebbero collaboratori più devoti dei preti, perciò frisoni e sassoni uccisero missionari cristiani e distrussero chiese.
Nell'VIII secolo si praticò il battesimo coatto dei vinti, poi la nobiltà sassone favorì anche l'opera missionaria, per consolidare il suo dominio sulle classi inferiori, comunque, gli strati più bassi della popolazione sassone rifiutarono il cristianesimo fino al IX secolo.
Nella campagna contro i sassoni, i guerrieri franchi, non ricevevano soldo ma partecipavano alla spartizione del bottino di guerra, Carlo abbatté la quercia sacra dei sassoni, aveva dietro vescovi, abati e preti, anche i monasteri avevano depositi d'armi dei franchi. Carlo diceva di fare la guerra per la fede  e recò i vessilli cristiani tra i sassoni, la chiesa definiva i franchi il popolo eletto, che combatteva la superstizione per la salvezza  di tutti popoli.
Dopo il battesimo coatto dei sassoni veniva la loro istruzione religiosa o ammaestramento religioso, mentre nella chiesa dell'inizio prima si ammaestravano gli adulti e poi si battezzavano. Nelle missioni nacquero vescovadi importanti, come quelli di Colonia e Magonza.
Nacquero città vescovili  e da rocche fortificate nacquero monasteri, alla spada seguiva l'opera missionaria, Carlo costruì fortificazioni ai confini,  i vescovadi nascevano vicini alle fortezze ed i monasteri nacquero come capisaldi nelle ragioni pagane appena conquistate.
Le chiese acquistarono latifondi, protetti da fortezze, Carlo fece donazioni ai monasteri e li sostenne contro i servi, il popolo sassone vedeva nei missionari agenti della dominazione franca e lottava, non solo per tenersi il paganesimo, ma anche per la libertà, infatti il regno carolingio era un regno predatore, anche se con l'aiuto di Dio, cioè dei vescovi.
Nel 750 in Spagna dominavano gli arabi Omaiadi, mentre a  Damasco gli Abbasidi,  Carlo si recò in Spagna in aiuto dei visigoti cristiani, contro gli arabi, però i baschi cristiani furono contro Carlo e gli impartirono una lezione, la campagna di Spagna dei franchi fu un fallimento ed alla fine trionfarono gli Omaiadi.
Senza la protezione delle armi franche, i missionari non potevano attecchire presso sassoni e frisoni, però la nobiltà sassone e le truppe franche riuscirono a domare la rivolta del popolo sassone, Carlo a Verdun fece erigere una chiesa  sopra un torrente di sangue di teste da lui tagliate,  tanti sassoni furono trascinati via come schiavi.
Nel 785 Carlo prevalse sulla resistenza, incendiando foreste, distruggendo coltivazioni, prosciugando pozzi, ammazzando contadini ed occupando fortificazioni e villaggi trincerati, la storiografia dominante ha sempre asserito che il vandalismo era nato con i vandali.
I sassoni lottavano non contro il cristianesimo come tale, ma contro la dominazione straniera e contro i suoi rappresentanti, contro le sue istituzioni, contro la chiesa e contro le decime, a nord dell'Elba distrussero chiese e cacciarono  preti, poi i franchi iniziarono le deportazioni di massa, come avevano fatto i bizantini con gli slavi.
Le terre depredate lungo l'Elba furono donate da Carlo a vescovi e monasteri e per tutto il IX secolo  in Sassonia nacquero monasteri. I sassoni convertiti in segreto, continuavano a seguire il paganesimo, anche se era prevista la pena di morte per gli apostati e per chi non seguiva le norme ecclesiastiche.
Il papa, prima aveva protetto il duca Odilone di Baviera e  il discendente Tassilone III (748-788) e poi li aveva traditi a favore di Carlo,  Tassilone aveva fatto battezzare e ungere suo figlio Teodone da papa Adriano I e sperava in un aiuto del papa contro Carlo, Adriano però lo invitò ad obbedire a Carlo e aggiunse che un'eventuale guerra d'aggressione dei franchi  a suo danno sarebbe stata una guerra giusta.
Tassilone III aveva favorito la chiesa, sotto di lui, i missionari anglosassoni e Bonifacio riempirono la Baviera di chiese e monasteri, che divennero  avamposti per il dominio bavarese sugli slavi, nel 828 i bavaresi organizzarono anche una crociata contro gli slavi, che finalmente furono assoggettati a conti tedeschi.
Tassilone si arrese ai franchi, fu scaricato dall'episcopato e  Carlo lo fece rinchiudere in un monastero come monaco, con la moglie Liutperga, figlia di Desiderio, e i suoi figli, così finì la sua dinastia. La Baviera divenne una provincia franca, di cui Carlo fu il primo governatore, la chiesa bavarese, da lui riccamente dotata, passò armi e bagagli dalla parte di Carlo.
Sotto la pressione dei turchi, gli Avari, di ceppo unno, provenienti dall'Asia centrale, si riversarono in occidente, nel 550 erano insediati lungo il Danubio, la Germania orientale, le Alpi orientali ed il Mar Nero, però il re merovingio Sigeberto riuscì a renderli  tributari.
Tra gli avari vi erano ausiliari slavi e germani, nel 506 erano alleati dei longobardi e quando questi nel 568 invasero l'Italia, presero il loro ex territorio, diventando vicini dei bavaresi, poi si spinsero verso Costantinopoli, nel 750 imposero la loro egemonia sugli slavi, nel 788 gli avari accorsero anche in aiuto di Tassilone,  ma furono sconfitti e Carlo inflisse loro il colpo di grazia.
Il principe avaro Tudun si fece battezzare, la guerra contro gli avari procurò un ricco bottino ai franchi, nell'803 il loro territorio fu incorporato al regno dei franchi, poi questo popolo, dopo l'826,   sparì dalla storia,
Un secolo dopo era il deserto ad est della Baviera, senza questa guerra di Carlo contro gli avari, non sarebbero state possibili le imprese di Enrico il Leone e dei cavalieri teutonici ad est della Germania.
Carlo salassava il popolo con le imposte e la rapina, contro i mendicanti si aizzavano i cani, i poveri mangiavano anche l'erba, si risvegliò il cannibalismo, nel 784 in Gallia ed in  Germania per fame perì un terzo della popolazione, però per la chiesa le cose andavano sempre meglio e la chiesa austriaca diventò ricchissima.
In Pannonia o Ungheria, il duca bavarese Tassatone III  aveva operato conversioni tra gli slavi e creato vescovadi, la Pannonia degli avari era stata già cristianizzata dal vescovo irlandese di Salisburgo, Virgilio, osteggiato da Bonifacio e da Roma.
La chiesa aveva interesse alla cristianizzazione perché acquistava vasti latifondi, Pipino III aveva diviso territori conquistati in diocesi missionarie, nell' 895 la Pannonia fu occupata dai magiari e il cristianesimo fu provvisoriamente eliminato, anche se i vescovadi bavaresi mantennero i propri possedimenti nella regione.
Dopo lo sterminio degli avari, il cristianesimo tornò ad espandersi e nel XII secolo raggiunse l'oriente europeo attraverso l'Ungheria; poi  Carlo iniziò la cristianizzazione degli slavi di Moravia e di Boemia, che furono resi tributari, qualsiasi rifiuto di pagare le tasse era considerato atto di ribellione, comunque, Carlo inviò al papa parte del bottino preso agli avari.
La chiesa approfittò ampiamente delle guerre dei carolingi, perciò definì Carlo grande e santo, Carlo in 46 anni di regno fece 50 guerre, riposandosi solo nel 790 e nel 807, la guerra contro i sassoni fu importante per le missioni cristiane.
Carlo tra i suoi più stretti collaboratori aveva dei preti, impero e chiesa erano indissolubilmente legati, Carlo convocava sinodi, nominò vescovi e abati, creò vescovadi, conferì agli ecclesiastici terre, privilegi e immunità, concesse loro l'esenzione fiscale e il diritto a coniare moneta, impose il pagamento delle decime a favore della chiesa.
I prelati che lo accompagnavano in guerra erano anche giudici e ricoprivano un ruolo importante a corte, l'arcivescovo cappellano generale divenne il primo consigliere di Carlo, l'attività amministrativa dello stato era svolta da personale religioso, la cancelleria di corte era in mano ai preti, dal IX secolo Gran Cappellano e Gran Cancelliere furono la stessa persona e l'arcivescovo di Magonza divenne il funzionario più alto in grado nel regno.
I dignitari ecclesiastici provvedevano alla giurisdizione delle trecento contee del regno, vescovi e abati si occupavano di faccende militari, costituivano contingenti armati ed a volte erano a capo d'eserciti.
Le norme ecclesiastiche furono trasformate in norme statali, anche se Carlo, come aveva fatto Costantino, s'intromise a sua volta in questioni dogmatiche, però senza reazioni negative da parte della chiesa.
Carlo era esaltato dalla chiesa come santo, però alla sua corte si facevano le orge, alle quali partecipavano le sue figlie  ed i preti, le figlie di Carlo puttaneggiavano, nel palazzo reale vi erano prostitute, le quali accompagnavano anche l'esercito ed i pellegrini ed erano anche presso i luoghi santi, nei monasteri si praticava lussuria e sodomia.
Però Carlo osservava i digiuni ecclesiastici, visitava le chiese e assisteva regolarmente alla messa, citava Agostino ed aveva un arsenale di reliquie, anche un medaglione con alcuni capelli della madre di Cristo, riempì la basilica d'Aquisgrana di reliquie, altre le mise sotto il suo trono ed altre nella sua tomba, era superstizioso e timoroso dei castighi divini.
Dopo la sua morte prese a fare miracoli, perciò fu ufficialmente santificato nel 1165, Gregorio IX  (1227-1241) confermò la sua canonizzazione, fu visto come il martire dell'attività missionaria, ad Aquisgrana divenne patrono della città, alla fine fu venerato anche dalla Sassonia che aveva macellato, dalla chiesa fu additato come modello ideale di sovrano.
Napoleone si richiamò a lui, i tedeschi lo videro come campione del germanesimo e volevano resuscitare l'impero di Carlo Magno. L'impero carolingio arrivò ad occupare larga parte dell'Europa occidentale, circa 1.200.000 kmq.

Fine della terza e ultima parte del IV volume.



Gli Apostoli di Gesù


Gli apostoli di Gesù, dichiarati dalla Chiesa tutti galilei eccetto Giuda Iscariote che lo fa provenire dalla Giudea, sono:

Secondo Marco: Simone Pietro, Giacomo di Zebedeo, Giovanni fratello di Giacomo, Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo di Alfeo, Taddeo, Simone il cananeo, Giuda Iscariota (12).

Secondo Matteo: Simone Pietro, Giacomo di Zebedeo, Giovanni fratello di Giacomo, Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo di Alfeo, Taddeo, Simone il cananeo, Giuda iscariota (12).

Secondo Luca: Simone Pietro, Giacomo, Giovanni, Andrea, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo di Alfeo, Giuda di Giacomo, Simone lo zelota, Giuda Iscariote (12).

Secondo gli Atti degli Apostoli: Pietro e Giovanni, Giacomo e Andrea, Filippo e Tommaso, Bartolomeo e Matteo, Giacomo di Alfeo e Simone lo zelota, e Giuda di Giacomo. (11).

Le differenze esistenti nelle liste degli apostoli sopra riportate ci portano subito a fare due osservazioni, una di carattere religioso e l'altra di carattere storico.

L'osservazione di carattere religioso riguarda l'evidente incoerenza che c'è tra le parole di Gesù che elegge 12 apostoli perché 12 sono i troni destinati nei cieli: "E Gesù disse loro: <<In verità (!?!) vi dico: voi che mi avete seguito, nella nova creazione, quando il figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, sederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù d'Israele>>" (Mt. 19-28) e la realtà dei fatti che vede ridursi il numero degli apostoli a undici. (A ciascuno il proprio commento).

La seconda, di carattere storico, si riferisce alla differenza dei nomi riportati dai vangeli di Marco e Matteo che nominano un Taddeo ignorato dal vangelo di Luca e dagli Atti degli Apostoli i quali al suo posto mettono un Giuda di Giacomo che è ignorato dai primi due.

Perché questa differenza se tutti e tre i redattori dovevano essere a perfetta conoscenza degli apostoli dal momento che, stando a quanto sostiene la Chiesa, Matteo fu lui stesso un apostolo, Marco un collaboratore di Paolo di Tarso (At. 12,25; 1,5; 2Tim. 4,11) e di Simone Pietro (2Pt 5/13; At, 12, 12-7), e Luca eseguì, come lui stesso afferma ( Lc.1,2-3), la stesura del vangelo e degli Atti con un'accurata indagine prendendo informazioni direttamente dagli stessi testimoni dei fatti tra i quali la stessa Maria, madre di Gesù, che secondo la Chiesa, egli avrebbe personalmente conosciuto? (La Sacra Bibbia - UECI- pag. 1025).

La sorpresa che ci viene da questa discordanza di nomi che riscontriamo tra i vangeli di Marco e Matteo e il vangelo di Luca e gli Atti degli Apostoli, diviene addirittura strabiliante quando rimarchiamo che nel quarto vangelo, quello di Giovanni, le differenze degli apostoli in rapporto agli altri, si accentuano sia nel numero, che non è più di 12 ma bensì di 9, e sia nei nomi risultando non solo mancanti Giacomo di Alfeo, Giuda fratello di Giacomo o Taddeo, Bartolomeo, Matteo e Simone lo zelota, ma trovandone addirittura dei nuovi dagli altri mai prima nominati, quali Natanaele di Cana e un discepolo anonimo qualificato come il "prediletto?".

Vangelo di Giovanni: Simone detto Pietro, Giacomo, Giovanni, Andrea, Filippo, Tommaso, Giuda Iscariota, Natanaele di Cana e il discepolo prediletto. (9). ( Ho messo in corsivo Giacomo e Giovanni perché questi due, mancanti nella prima edizione di Giovanni, composta di XX libri, vengono nominati soltanto nell'ultimo capitolo, il XXI, il quale fu aggiunto in seguito, si presume 70- 80 anni dopo, allorché i falsari ritennero necessario apportare attraverso di esso dei complementi che riparassero le carenze e le imperfezioni contenute nella prima redazione uscita intorno agli anni 180-190 del secondo secolo.

Che la prima edizione del quarto vangelo, cioè quello di Giovanni, sia uscita alla fine del II secolo lo riconosce la stessa Chiesa: "Il più antico manoscritto che si riferisce a questo vangelo è del 150, al massimo del 200". (La Sacra Bibbia - UECI- pag. 1058).

Considerando che i quattro vangeli furono scritti, stando a quanto afferma la Chiesa, da apostoli presenti ai fatti da loro stessi riportati, quali Matteo e Giovanni apostoli, e da redattori che avevano contattato per lungo tempo gli stessi testimoni oculari, quali Marco e Luca che erano stati discepoli di Simone Pietro, se non addirittura la stessa Maria madre di Gesù, come nel caso di Luca, questa discordanza di nomi ci reca la stessa sorpresa che se dei giocatori di calcio, dopo aver fatto insieme più campionati nella stessa squadra, ci dessero dei nominativi discordanti sul numero e sui nomi dei loro compagni. Il minimo che si possa pensare è che sotto si nasconda qualche cosa di ambiguo e di disonesto che costringe chiunque ama la verità a fare un'inchiesta tutta personale, dal momento che a chiederne spiegazione ai preti (gli specializzati dei vangeli), non si hanno che risposte confuse, stolte, se non addirittura offensive all'intelligenza umana.

La prima cosa che ci ha spinti ad approfondire le ricerche è stato lo scoprire attraverso documentazioni estratestamentarie che nello stesso tempo in cui avvenivano i fatti riportati dai vangeli, esisteva in Palestina, e più precisamente in Galilea, una squadra di rivoluzionari composta dai figli di un certo Giuda il Galileo che mostra delle forti analogie con quella evangelica di Gesù e dei suoi apostoli,

Ma prima di passare al diretto confronto dei singoli componenti le due squadre è opportuno spiegare, anche se in breve, chi fosse questo Giuda il Galileo.

Giuda il Galileo, figlio del Rabbi Ezechia ucciso nel -44 in uno scontro armato contro le truppe di Erode il Grande, era il pretendente al trono di Gerusalemme quale discendente diretto della stirpe degli Asmonei fondata da Simone, figlio di quel Mattatia il Maccabeo che nel II secolo av. Cr. si era messo a capo di un Movimento Rivoluzionario Giudaico per la liberazione della Palestina dall'invasione degli Ellenisti. Preso il posto del Padre, quale Asmoneo discendente diretto della stirpe di David, dopo aver sostenuto diverse battaglie contro i romani e contro Erode il Grande, Giuda morì nella guerra del Censimento (+6), lasciando sette figli i quali, preso il posto del padre, continuarono la lotta di rivendicazione dinastica al trono di Gerusalemme.

I figli di Giuda furono: Giovanni primogenito, Simone, Giacomo il maggiore, Giuda (non l'iscariota), Giacomo il minore, Menahem ed Eleazaro. Questi due ultimi, anche se non risulta che facessero parte della squadra rivoluzionaria, continuarono comunque, dopo la morte dei fratelli, nella rivendicazione al trono di Gerusalemme combattendo nelle successive guerre contro i romani, quali quella del 66-70 (Guerra Giudaica), nella quale perì Menahem, e quella del 74 (Masada), nella quale morì Eleazaro.

La prima analogia che riscontriamo tra la squadra dei rivoluzionari e quella degli apostoli è che i componenti di entrambe sono fra di loro fratelli ed hanno gli stessi nomi. È una pura combinazione o sono veramente le stesse persone? È questo che cercheremo di scoprire attraverso un' inchiesta storica che a fine di chiarezza faremo precede da una spiegazione che, benché rapida e generica, aiuterà a comprendere lo svolgimento delle nostre analisi.

"I 4 vangeli canonici e la maggior parte dei 14 libri degli Atti degli Apostoli, per essere esatti 10, che videro la luce nelle loro prime edizioni a partire dalla seconda metà del secondo secolo (155-160), praticamente si trovano a metà strada tra una documentazione che li precedette sotto forma di scritti (Vangeli, Detti, Lettere e Atti), redatti per lo più in greco, che la Chiesa ha dichiarato apocrifi, cioè falsi, e le ultime edizioni degli stessi che uscirono, dopo innumerevoli correzioni e falsificazioni, nel V e nel VI secolo. Che i vangeli usciti nel V e nel VI secolo nelle loro edizioni definitive, che "grosso modo" sono quelli attuali, siano differenti dai vangeli del II secolo ci viene dimostrato dagli stessi dottori della Chiesa, quale Eusebio di Cesarea, autore della celeberrima Historia Ecclesiastica, morto nel 340, e Ireneo vescovo di Lione, vissuto a cavallo tra il II e III secolo, i quali riportano nei loro libri numerose affermazioni che sono in netto contrasto con quelle che vengono sostenute dai vangeli definitivi, cioè quelli usciti 150-200 anni dopo la loro morte, come la verginità della Madonna che, da essi negata, viene invece sostenuta, anche se in forma non ancora dogmatica, nelle edizioni del V e VI secolo. Senza parlare poi di Tertulliano, apologista cristiano del II secolo, che nega la nascita terrestre di Gesù, come d'altronde era sostenuto in tutte le prime edizioni dei quattro vangeli canonici, che troviamo invece confermata nel V e VI secolo nei vangeli di Matteo e di Luca. Se gli altri due vangeli, quello di Marco e di Giovanni, non la riportano è perché essi furono lasciati come inizialmente erano stati redatti, cioè secondo quei principi teologici che nella seconda metà del II secolo sostenevano che Gesù si era presentato agli uomini non come uomo ma sotto forma di rivelazione (S. Paolo - Gnosi). (Leggere La Favola di Cristo).

Ritornando sul discorso riguardante le analogie tra le due squadre, dopo aver visto che i nomi della squadra dei figli di Giuda il Gallileo, fatta eccezione per Menahem ed Eleazaro, sono gli stessi di quelli della squadra degli apostoli, quello che scopriamo ancora è che anche i componenti della squadra degli Apostoli erano fratelli fra loro.

A levarci da ogni dubbio sulla fratellenza degli apostoli, oltre che i documenti apocrifi, sono gli stessi vangeli canonici:

"Giunsero sua madre e i suoi fratelli, e stando fuori, lo mandarono a chiamare. Tutto attorno era seduta la folla e dissero a Gesù: <<Ecco tua madre, i tuoi fratelli e le tue sorelle che sono fuori e ti cercano>>". (Mc.3 ; 31-32).

<<Non è costui il carpentiere, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Giuseppe, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui con noi?>>. (Mc. 4 -3), (Mt. XII-35).

<<Tutti questi erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria la madre di Gesù, e con i fratelli di lui>>. (At. 1; 14).

<<Poi Gesù comparve a Giacomo, uno dei così detto fratelli del Salvatore>>. (Eusebio da Cesarea- Hst. eccl. I, pp. 12, 5).

<<Giacomo, fratello del Signore, succedette all'amministrazione della Chiesa insieme agli altri apostoli>>. (Eus. da Ces. Hst. Eccl. II, 23, 4).

<<Della famiglia del Signore rimanevano ancora i nipoti di Giuda, detto fratello suo secondo la carne, i quali furono denunciati come appartenenti alla stirpe di David>>. (Eus.da Ces. III, 20, 1).

Di fronte a queste affermazioni date dagli evangelisti Marco e Matteo e dagli Atti Degli Apostoli e confermate da Eusebio di Cesarea, cosa risponde la Chiesa per sostenere la verginità della madre di Cristo? Ebbene, essa risolve tutto dichiarando che i discepoli non erano in realtà fratelli di Gesù ma suoi cugini perché figli di un'altra Maria, sorella della madre di Gesù, la quale si era unita a Giuseppe in un precedente matrimonio.

Questa tesi che potrebbe essere anche accettata a prima vista per l'ambivalenza della parola fratello che in ebraico può significare in alcuni casi anche cugino, è da escludersi nella maniera più categorica per due motivi: primo, perché nei vangeli scritti in greco c'è la parola "adelfos", cioè fratello, la quale non ha nulla a che vedere con il significato di cugino, secondo, perché il personaggio di questa ipotetica sorella della madre di Gesù, come risulterà in seguito nel capitolo riguardante le tre Marie, non è mai esistito.

Confermata così la fratellanza tra Gesù e Giacomo detto il maggiore, Giacomo detto il minore, Simone e Giuda, passiamo ora ad esaminare attraverso i documenti che precedettero i vangeli canonici e gli Atti degli Apostoli, cioè i documenti respinti dalla Chiesa perché ritenuti apocrifi, chi sono in realtà questi fratelli-discepoli di Cristo preparandoci a dei risultati che saranno a dir poco strabilianti.

Ma prima di passare ai discepoli, perché si possa fare un coscienzioso rapporto tra le due squadre, cerchiamo di conoscere questi figli di Giuda il Galileo prendendoli uno per uno secondo come ci vengono presentati dagli storici dell'epoca.

Giuda lasciò sette figli maschi. Delle femmine non si sa se fossero due o tre per la mancanza di documenti confematori.

I figli di Giuda furono: Giovanni primogenito detto il nazireo, Simone, Giacomo il maggiore, Giuda (non l'iscariota), Giacomo il minore, Menahem ed Eleazaro.

Lasciando per ultimo Giovanni, al quale riserviamo un'analisi particolarmente dettagliata essendo egli il perno dei nostri studi cristologici, prendiamo in esame gli altri cominciando da Simone e Giacomo il maggiore.

Simone e Giacomo il maggiore: Da Giuseppe Flavio: <<Oltre a ciò, Giacomo e Simone, figli di Giuda Galileo, furono posti sotto processo e per ordine di Alessandro (Tiberio) vennero crocefissi; questi era il Giuda che, come ho spiegato sopra, aveva aizzato il popolo alla rivolta contro i Romani, mentre Quirino faceva il censimento in Giudea>>. (Ant. Giud. XX-102).

Giuda: muore in uno scontro armato nel +45 sotto il procuratore Cuspio Fado per aver organizzato una sommossa: "Mentre Fado era procuratore della Giudea, un impostore di nome Taddeo (Theudas) persuase la maggior parte della folla a prendere con se i propri averi e a seguirlo fino al fiume Giordano: diceva infatti di essere un profeta e che a un suo cenno il fiume si sarebbe aperto, offrendo loro facile passaggio. Molti ne ingannò a questo modo. Ma Fado non permise che traessero vantaggio da tale follia e inviò uno squadrone di cavalieri che piombò su di loro all'improvviso: molti furono uccisi e molti presi vivi. Fu fatto prigioniero anche Giuda Taddeo (Theudas), cui fu tagliata la testa e portata a Gerusalemme. (Ant. Giud. XX, 97-99) e (Hist. Eccles. II-12).

Che Giuda detto Taddeo fosse figlio di Giuda il Galileo ci viene confermato anche dagli Atti degli Apostoli, seppure in forma anacronistica, attraverso il discorso di Gamaliele (At. 5-34), e da Luca (6-16) che lo conferma fratello di quel Giacomo figlio di Giuda il Galileo che gli stessi Atti degli Apostoli riconoscono essere stato ucciso nel 44 sotto Erode Antipa per attività sovversiva (At.12-1).

Giacomo il minore: Venne lapidato sotto il procuratore Albino (62-64) perché aveva osannato pubblicamente il Figlio di David: <<Con il carattere che aveva, Anano pensò di avere un'occasione favorevole alla morte di Festo mentre Albino era ancora in viaggio: così convocò i giudici del Sinedrio e introdusse davanti a loro un uomo di nome Giacomo, fratello di Gesù, che era soprannominato il Cristo, e certi altri, con l'accusa di avere trasgredito la Legge, e li consegnò perché fossero lapidati>>. ( Ant. Giud. XX. 200).*

*Già Voltaire così scriveva a proposito di queste espressioni di Flavio Giuseppe riferentesi a Gesù, detto il Cristo, che si trovano su Antichità Giudaiche: <<Se Flavio Giuseppe avesse creduto che si era realizzato un Ciristo, cioè un Messia, sarebbe stato cristiano>> (dizionario filosofico V) allorchè sappiamo che Giuseppe Flavio rimase sempre e comunque un ebreo ortodosso.

L'autenticità di questi passi riguardanti Gesù, detto il Cristo, rimasero in discussione fino a quando gli storici Niese, Norden, Zeitling, Lewy e Schurer non dimostrarono inconfutabilmente che erano dei falsi operati nel IV o da Ambrodio da Milano, che riscrisse le Antichità Giudaiche sotto il nome di Egesippo, oppure da Eusebio di Cesarea che viene chiamato dagli esegeti "Il falsario" per antonomasia.

Come riassunto esplicativo di tale falsificazione riporto un passo dell'esegeta Guy Fau: <<I passaggi riguardanti Gesù, detto il Cristo, appaiono la prima volta nel IV secolo per opera di Eusebio da Cesarea (il falsario) non trovandosi ancora nell'opera Antichità Giudaiche ai tempi di Origene (185-254), poiché è lui stesso che assicura nel suo "Contra Celsum" (I-47), che Giuseppe Flavio non ha mai parlato di un Gesù detto il Cristo. La Falsificazione è quindi così manifesta che la Chiesa stessa non difende più l'autenticità di questi passi di Flavio Giuseppe>>. ( Guy Fau - La Fable de Jesus Christe. III - Le silence des auteurs Juifs). (Comunque questo argomento sarà ripreso nell'ultimo capitolo: "RISPOSTA ALLE OBIEZIONI".

Menahem: Da "La Guerra Giudaica" di Giuseppe Flavio: <<Fu allora che un certo Manahem, figlio di Giuda detto il Galileo, un dottore assai pericoloso che già dai tempi di Quirino aveva rimproverato ai Giudei di riconoscere la signoria dei romani quando avevano già un Dio come Signore... ". (Guerra Giud. II-17).

Eleazar. Da "La Guerra Giudaica": <<...Eleazar, figlio di Giairo, legato a Menahem da vincoli di parentela, che in seguito fu capo della resistenza a Masada" (Guerra Giud. II-17)

Se sostengo che Eleazaro è figlio di Giuda e non di Giairo, come si trova scritto su questo passo di Giuseppe Flavio nel quale risulta comunque essere legato a Menahem da vincoli di parentela, è perché il fatto così come è riportato da Giuseppe Flavio dimostra chiaramente che siamo ancora una volta davanti ad una manipolazione operata dai falsari.

<< Fu allora che un certo Menahem, figlio di Giuda detto il Galileo, dopo aver attaccato Masada, ritornato a Gerusalemme, assunto il comando della ribellione, prese a dirigere l'assedio. Ma contro di lui si levarono i partigiani di Eleazaro, ripetendosi l'uno all'altro che non era il caso di avere un padrone che, anche se non aveva fatto nulla di male, era inferiore a loro. Così si misero d'accordo e lo assalirono nel tempio; vi si era infatti recato a pregare in gran pompa, ornato della veste regia e avendo i suoi seguaci più fanatici come guardia del corpo. Come gli uomini di Eleazar si furono scagliati su di lui, anche il resto del popolo tutto infuriato afferrò delle pietre e si diede a colpire il dottore, ritenendo che, levatolo di mezzo, sarebbe cessata la rivolta. Gli uomini di Menahem fecero un po' di resistenza, ma quando videro che tutta la folla era contro di loro, fuggirono dove ognuno poté, e allora seguì una strage di quelli che avevano presi e una caccia a quelli che si nascondevano. Pochi trovarono scampo rifugiandosi nascostamente a Masada, e fra questi Eleazar figlio di Giairo, legato a Menahem da vincoli di parentela, che in seguito fu capo della resistenza di Masada. Quanto a Menahem, che era scappato nel quartiere detto Ofel e vi si era vigliaccamente nascosto, fu preso, tirato fuori e dopo molti supplizi ucciso, e così pure i suoi luogotenenti e Abasalon, il principale ministro della sua tirannide>>.

A parte il fatto che la descrizione della vicenda è riportata con tanta confusione da portarci subito a pensare che sia stata eseguita più da imbroglioni che hanno come scopo quello nascondere una chiarezza che gli sarebbe stata nemica, che da uno scrittore colto e preciso come poteva essere Giuseppe Flavio che per la sua serietà era stato eletto da Roma storico ufficiale dell'Impero, per me non ci sono dubbi che siamo di fronte a una rivendicazione ereditaria promossa da Eleazaro contro il fratello Menahem che si era istallato sul trono di Gerusalemme con tanto di corte, di sacerdoti, di luogotenenti e ministri. Una contesa fra fratelli identica alle tante altre che si succedono nella storia dei discendenti di David, come quella che ci fu tra Aristobulo II e Ircano II, loro antenati, al tempo dell'occupazione della Palestina da Parte di Pompeo (Leggi la Favola di Cristo). Sapendo che secondo i principi religiosi e politici giudaici i pretendenti al trono di Gerusalemme potevano essere soltanto gli appartenenti alla famiglia ritenuta diretta discendente della stirpe di David, e come tale era riconosciuta soltanto quella di Giuda il Galileo, non si può dedurre altro che Menahem e Eleazaro erano fratelli. Nessun altro avrebbe potuto accampare un diritto sul trono di Gerusalemme considerando che tutta la rivendicazione Giudaica della Palestina era basata sull'attesa di un Messia che secondo le profezie doveva provenire dalla stirpe di David, quella stirpe che fu riconosciuta dai giudei nella casta degli Asmonei fondata da Simone figlio di Mattatia il maccabeo ascendente di Ezechia, padre di Giuda il Galileo. Gli stessi vangeli, sostenendo che Gesù era il messia discendente di David, confermano l'esigenza di questo presupposto per esseree dichiarato il Messia, cioè il re dei Giudei.

A questo punto, stabilito che Simone, Giacomo il maggiore, Giuda e Giacomo, quali figli di Giuda il Galileo, furono tutti impegnati nella lotta contro i romani per la rivendicazione dei diritti al trono di Gerusalemme, cerchiamo ora di scoprire, attraverso le testimonianze che ci vengono dagli storici del tempo e da documenti scritti in greco che precedettero i vangeli canonici, se i figli di Giuda fossero o no gli stessi discepoli di Gesù.

Gli apostoli di Gesù

La prima cosa che veniamo a sapere degli apostoli di Gesù, da quanto risulta dal "Novum Testamentum Graece et Latine" e dallo stesso vangelo di Marco, è che si chiamavano Boanerghes, cioè "Figli del Tuono".

<<Pietro, come tutti gli altri apostoli, era definito Figlio del Tuono>> (Nov.Test. Gr. et Lat.). <<Giacomo e Giovanni ai quali Gesù diede il nome di Boanerghes, cioè figli del tuono>>.(Mc.3,17).

Qualificati così gli apostoli di Gesù con l'appellativo di Boanerghes, il cui significato di "Figli del tuono" ci predispone ad immaginarli più come dei rivoluzionari che come apostoli predicatori di fratellanza e di perdono, passiamo ora ad esaminarli uno per uno attraverso quanto risulta dai quei documenti che furono scritti prima dei vangeli canonici che la Chiesa ha dichiarato falsi (apocrifi) perché contrastanti con i suoi quattro vangeli Canonici e i suoi Atti degli Apostoli che essa impone dogmaticamente come gli unici a dire la verità.

Simone, primo apostolo

Il Simone apostolo risulta avere tre appellativi: Bariona, Cananites e Kefas (Nov. Test. Graece et Latine).

Il significato di questi appellativi è il seguente: Bariona (ßa????a ) ? la traduzione in greco della parola Barjona, che in aramaico (lingua parlata in Palestina durante l'occupazione romana) significava "Partigiano alla macchia" cioè latitante o ricercato, Cananites, è la traduzione in greco dell'ebraico "qanana", che corrisponde a zelota, cioè rivoluzionario oltranzista, e Kefas che gli fu dato per la sua corporatura muscolosa e massiccia che lo faceva somigliare a una roccia.

Giacomo il Maggiore Sulla natura zelota di questo apostolo non ci possono essere dubbi sapendo che:

a) era il fratello di Simone Barjona detto Zelota o Cananite.
b) sotto Tiberio Alessandro fu arrestato nel 46 insieme al fratello Simone e giustiziato come sobillatore del popolo ( At. 12).
c) la sua partecipazione alla banda dei Boanerghes viene confermata anche dai vangeli canonici: <<...poi Giacomo di Zebedeo e Giovanni fratello di Giacomo, ai quali diede il nome di Boanerghes, cioè figli del tuono>> (Mc. 3-17).
d) è associato, nelle accuse che gli vengono rivolte dal sinedrio nella persona di Gamaliele, al rivoluzionario Theudas (Giuda Taddeo), che fu decapitato da Cuspio Fado nel 44 quale promotore di una rivolta, e a Giuda il Galileo, anche se in maniera anacronistica, capo della Guerra del Censimento (At. 5-34).

(3) Giovanni

Che Giovanni sia anche lui un Boanerghes, oltre che dalle prove che ci vengono dalla fratellanza con gli altri appartenenti a questa banda, ci viene confermato da Marco che lo qualifica tale. (Mc. 3-17). 8Vedi Giacomo il maggiore.

(4) Giuda non l'iscariota

Apprendendo dal Novum Testamentum che Giuda l'apostolo, oltre che all'appellativo di zelota, aveva anche quelli di Thomas, che significa gemello, e quello di Theudas, che significa coraggioso, cos'altro si può dedurre se non che sia lo stesso Giuda Theudas, figlio di Giuda il Galileo, che fu ucciso per decapitazione sotto Cuspio Fado per essersi messo a capo di una rivolta? (Ant. Giud. XX -97, 99).

Se il soprannome di Theudas lo ebbe come riconoscimento di una particolare audacia, il secondo, quello di Thomas, che significa "gemello", lo ebbe per la forte somiglianza che aveva con il fratello Giacomo.

Che Thomas e Theudas fossero i soprannomi di Giuda, fratello di Gesù (da non confondersi con Giuda Iscariota), oltre che dal Nov. Test. ci viene confermato anche dagli Atti di Tommaso (Apocrifi) e da Eusebio da Cesarea (Hist. Heccl. I- 11,13).

(5) Giacomo il minore

Se per il Giacomo il minore, come discepolo di Gesù, non ci sono documenti che lo chiamino direttamente "zelota", egli non può essere che tale sapendo che appartiene alla banda dei Boanerghes e che fu ucciso nel 64 sotto il procuratore Albino per lapidazione da parte dei sadducei, nemici acerrimi del movimento rivoluzionario giudaico, per aver "osannato pubblicamente il figlio di David", quel figlio di David che, quale Messia erede al trono di Gerusalemme, avrebbe presto liberato la Palestina dall'invasione romana (Hist. Eccl. II-23).

(6) Simone lo zelota

Sulla natura zelota di questo apostolo non ci possono essere dubbi dal momento che anche la Chiesa lo riconosce tale attraverso l'affermazione che ne danno gli stessi vangeli canonici e gli Atti degli Apostoli: "Tra i discepoli ce n'era uno di nome Simone, soprannominato zelota". (Lc. 6/15).

"Tra i discepoli ce ne era uno che si chiamava Simone lo Zelota". (At.I-13).

(7) Giuda Iscariota

L'appellativo di Iscariota (dall'ebraico Ekariot, che significa sicario), veniva dato agli zeloti più oltranzisti i quali eseguivano azioni di terrorismo anche in forma isolata. Di costoro così scrive Giuseppe Flavio: <<In Gerusalemme nacque una nuova forma di banditismo, quella dei così detti sicari (Ekariots), che commettevano assassini i pieno giorno nel mezzo della città. Era specialmente in occasione delle feste che essi si mescolavano alla folla, nascondevano sotto le vesti dei piccoli pugnali e con questo colpivano i loro avversari. Poi, quando questi cadevano, gli assassini si univano a coloro che esprimevano il loro orrore e recitvano così bene da essere creduti e quindi non riconoscibili>>.(Guerra Giudaica II- 12).

Fatta questa analisi dei discepoli di Gesù dalla quale risulta che essi erano gli stessi che componevano la squadra di combattenti Yavisti figli di Giuda il Galileo (stessi nomi, entrambi Galilei, Boanerghes e zeloti, morti negli stessi periodi), prima di passare alla dimostrazione di come i falsari agirono singolarmente su di essi per trasformarli da combattenti rivoluzionari in predicatori di pace, facciamo un confronto tra il comportamento delle bande rivoluzionarie-oltranziste dell'epoca, alle quali apparteneva quella dei Boanerghes, e la squadra formata dai cosiddetti apostoli evangelici per confermarci nella conclusione a cui siamo arrivati. Tale confronto ci sarà anche particolarmente utile per comprendere alcuni passi evangelici il cui significato ci veniva sempre nascosto dalle risposte balbettanti e confuse dei preti allorché ne chiedevamo la spiegazione.

Bande dei rivoluzionari secondo gli storici dell'epoca:

<< Se non ricevevano quanto chiedevano, incendiavano le case di coloro che si rifiutavano e poi uccidevano i capi con le loro famiglie>> Filone Alessandrino.

<<Distribuiti in squadre, saccheggiavano le case dei signori che poi uccidevano, e davano alle fiamme i villaggi si che la Giudea fu piena delle loro gesta efferate>>. (Guerra Giudaica II-12).

In un passo riguardante Giuda il Galileo (padre dei Boanerghes), così Giuseppe Flavio parla degli esseno-zeloti: <<I più straordinari generi di morte, i supplizi dei loro parenti e amici li lasciavano indifferenti...>>. (Ant. Giud. II-4).

Dal Libro (rotolo) della Guerra degli esseno-zeloti: <<Nel giorno in cui i Kittim (romani) cadranno vi sarà un combattimento e una grande strage al cospetto del Dio d'Israele; giacché questo è il giorno da lui determinato per la guerra di stermino dei figli delle tenebre nel quale saranno impegnati in una grande strage di fuoco sulla terra>>.

Squadra degli apostoli (Boanerghes) secondo i vangeli:

All'ultima cena, in seguito all'esortazione di munirsi di spade, i Boanerghes rassicurano il loro capo (Gesù) di esserne abbondantemente provvisti: << L'ora è venuta, chi non ha una spada venda il mantello e ne compri una>> ed essi dissero: <<Signore ecco qui due spade>> (Lc. 22-36,38).

Si recano all'Orto degli Ulivi armati di spade: <<Allora quelli che erano con Gesù, vedendo ciò che stava per accadere, dissero, dobbiamo colpire con le spade?>> (Lc. 22-49).

Fanno uso della spada contro i soldati romani e le guardie del Tempio che erano andate ad arrestarli: << Ed ecco che uno di quelli che erano con Gesù, messa mano alla spada, la estrasse e colpì il servo del sommo sacerdote staccandogli un orecchio>> (Mt. 26-51; Mc. 14-17; Gv. 18-10).

Il capo dei Boanerghes (Gesù) dichiara ripetutamente nella forma più esplicita il suo programma di guerra esseno-zelota <<Sono venuto a portare il fuoco sulla terra; e come vorrei che fosse già acceso! pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione. D'ora innanzi in una casa di cinque persone si divideranno tre contro due e due contro tre: Padre contro figlio, figlio contro padre, madre contro figlia e figlia contro madre, nuora contro suocera e suocera contro nuora>> Lc.12-49). (Confronta con passo....)

<<Quei nemici che non volevano che diventassi loro re, conduceteli qui e uccideteli davanti a me>> (Lc. 19-11; Parabola delle mine nella quale Gesù impersonifica se stesso in un uomo di nobile stirpe, come lo era lui quale discendente di David, che punisce coloro che non gli hanno dato ciò che gli spetta).

<< Signore, vuoi che facciamo scendere un fuoco dal cielo e li consumi?>> ( Lc.9-54) chiesero gli apostoli a Gesù riferendosi ad un villaggio di Samaritani che si era rifiutato di riceverli.

Basta sostituire le spade che erano l'arma di quei tempi, con i Kalaschnikof di oggi, per toglierci ogni eventuale perplessità che possiamo ancora avere sulla natura rivoluzionaria di coloro che la Chiesa dichiara divulgatori della buona novella, cioè di quei Santi discepoli sui quali è stata basata la morale cristiana.

Trasformazioni da banditi in Santi Apostoli

(I) Simone Kefas, barjona, cananite in Simone Pietro, figlio di Giona, nato a Cana.

L'appellativo barjona che in aramaico, come abbiamo visto, significa "latitante alla macchia", che nelle primissime versioni greche era stato riportato nel suo vero significato con la parola bariona (ßa????a ), come nel Novum Testamentum Graece et Latinae, fu diviso dai falsari nei loro scritti in greco in due parole, cioè in bar e iona (ßa? ???a) affinch? la parola bar, che in aramaico significa "figlio", potesse trasformare il significato di latitante, scrivendo iona con la lettera maiuscola, in "figlio di Iona".

Che questa trasformazione sia intenzionalmente fraudolenta lo dimostra il fatto che la parola bar, riferentesi a "figlio di", la troviamo, nei testi contraffatti dai falsari, soltanto nelle espressioni che si riferiscono a Simone ( S?µ?? ßa? I??a ), mentre in tutti gli altri casi ? correttamente scritta con la giusta parola greca "uios", come Giuseppe figlio di David (I?s?f ???? ?a??d ), Zaccaria figlio di Baracchia (Za?a???? ???? ?a?a???? ) ( vang. greco Mt. 1-20; 23-35; vang.greco di Lc.19-9).

Insomma, per spiegarci meglio, diremo che nei testi greci contraffatti, tra tutte le parole scritte in greco, appare ridicolmente questa parola "Bar" scritta in aramaico che nelle traduzioni latine sparisce per trasformarsi magicamente in "filius" (filius Jonae), cioè in quel figlio di Giona, primo apostolo, sul quale Gesù edificherà la sua Chiesa: << Tu, Simone (barjiona = bar iona = bar Iona = filius Jonae ) figlio di Giona, ti chiamerai Pietro e su questa pietra io edificherò la mia Chiesa>> .

Frase questa che contiene un'ulteriore contraffazione, cioè quella che i falsari operarono trasferendo nella pietra, su cui è stata simbolicamente edificata la Chiesa, quel significato di "roccia" che era riferito a Simone per la sua corporatura massiccia e per quel carattere violento che gli viene attribuito, come vedremo, sia dai documenti apocrifi che dagli stessi vangeli canonici.



E così, come ricorsero all'espediente geografico per far sparire il significato di rivoluzionario che era nell'appellativo "Galilei", dichiarando i discepoli di Gesù nativi della Galilea quando invece lo erano della Golanite, altrettanto fecero per l'appellativo "cananites" (qanana = zelota) che fecero dipendere dalla città di Cana. Tutte attribuzioni che risulteranno false allorché dimostreremo che l'origine dei fratelli che componevano la banda dei Boanerges non avevano nulla a che vedere né con la Galilea, né tanto meno con la città di Cana, perché nativi della regione del Golan che si trovava nella parte opposta della Galilea, cioè a Est del lago di Tiberiade.

Ma per quanto abbiano falsificato i documenti per rendere Simone Pietro un predicatore della "Buona Novella", la sua vera figura di rivoluzionario ci appare comunque, dai fatti riportati su di lui sia dai documenti apocrifi che dagli stessi vangeli, in tutta la sua violenza di combattente Yavista.

1) Litiga con tutte le Eklesie del Medioriente e con lo stesso S. Paolo di Tarso perché si opponevano alla sua politica razzista che era contraria all'ammissione dei pagani nelle comunità esseno-giudaiche (sono le Eklesie esseno-zelote che la Chiesa vuol far passare per cristiane). Leggi La Favola di Cristo.

2) Uccide con la spada due coniugi, Anania e Zaffira, perché non avevano versato alla comunità l'intero ricavato della vendita di un loro terreno. (At. 5 ).

3) Taglia con un colpo di spada un orecchio ad una guardia del Tempio nell'Orto degli Ulivi (Gv. 18,10).

4) Dal vangelo di Maria di Magdala (apocrifo): <<Un apostolo di nome Levi, prendendo le difese di Maria contro la quale Simone aveva inveito con espressioni di ira cariche di violenza, si rivolge a lui dicendogli: <<Tu sei sempre irruente, Pietro! Ora vedo che ti scagli contro la donna come fanno i tuoi avversari>>.

(2) Giacomo detto il Maggiore da rivoluzionario a martire della Chiesa.

Dichiarato Boanerghes nei documenti apocrifi e confermato tale insieme a suo fratello Giovanni sia negli Atti degli Apostoli che nei vangeli canonici: <<Giacomo e suo fratello Giovanni, ai quali Gesù dette il nome di Boanerghes, cioè figli del tuono>>. (Mc. 3-16), viene riscattato dalla Chiesa della sua natura zelota dicendo che se Gesù lo aveva chiamato Boanerghes, cioè figlio del tuono, ciò era dipeso dal fatto che egli parlava con un'alta tonalità di voce (chiedetelo ai preti se è vero!).

La morte di Giacomo il maggiore, arrestato insieme al fratello Simone dai romani per il reato di istigazione alla rivolta, avvenuta sotto il procuratore Tiberio Alessandro, viene confermata dagli Atti degli Apostoli, con la differenza che invece di riportarla nel 46, come viene affermato da Giuseppe Flavio, essi la datano all'anno 44 quando ancora era tetrarca della Galilea e Golanite Erode Agrippa: <<In quel tempo ( anno 44) il re Erode cominciò a perseguitare alcuni membri della Chiesa e fece uccidere di spada Giacomo, fratello di Giovanni. Vedendo che questo era gradito ai giudei, decise di arrestare anche Pietro. Erano quelli i giorni degli azimi. Fattolo catturare, lo gettò in prigione, consegnandolo in custodia a quattro picchetti di quattro soldati ciascuno, col proposito di farlo comparire davanti al popolo dopo la Pasqua>>. (At: 12- 1,2).

I motivi per cui i falsari anticiparono di due anni l'arresto dei due fratelli Giacomo e Simone furono due: primo, se li avessero fatti arrestare dai romani, non avrebbero potuto sostenere che Giacomo era morto per motivi religiosi dal momento che questi, lasciando la massima libertà di ogni culto, se emettevano condanne di morte era soltanto per gravi reati penali tra i quali uno dei peggiori era l'istigazione alla rivolta, mentre facendo arrestare da Erode Agrippa che era un ebreo, avrebbero potuto dire egli era stato condannato secondo la legge ebraica che, a differenza di quella romana, considerava la contestazione religiosa un reato punibile con la morte.

Esplicazione per i credenti duri di cervice: Se Giacomo è condannato a morte dai romani per sobillazione, come dice Giuseppe Flavio, non può essere che un rivoluzionario zelota, se Giacomo è condannato invece da un tetrarca ebreo per contestazione religiosa diventa un martire religioso.

L'altro motivo, cioè il secondo, è il seguente: Facendo arrestare Simone non contemporaneamente a Giacomo, come viene affermato da Giuseppe Flavio, ma soltanto qualche tempo dopo Giacomo, non solo avrebbero potuto sfruttare anche per lui la stessa legge ebraica che considerava reato punibile di morte la contestazione religiosa, ma anche un'altra legge ebraica che impediva di celebrare i processi durante il periodo degli azimi, cioè durante i giorni di Pasqua. Per cui, Simone Pietro, invece di essere processato e ucciso subito dopo l'arresto come era avvenuto per Giacomo, fu messo in prigione in attesa che finissero gli azimi in modo che si potesse verificare, nel frattempo, la sua liberazione per l'intervento di un angelo inviato dal Signore dietro sollecitazione di preghiere.

<<Pietro dunque era tenuto in prigione, mentre una preghiera saliva incessante a Dio dalla Chiesa per lui. E in quella notte, quando Erode stava per farlo comparire davanti al popolo, Pietro piantonato da due soldati e legato con due catene stava dormendo, mentre davanti alla porta le sentinelle custodivano il carcere. Ed ecco gli si presentò un angelo del Signore e una luce lo folgorò nella cella. Egli toccò il fianco di Pietro, lo destò e disse: <<Alzati in fretta!>>. E le catene gli caddero dalle mani. E l'angelo a lui: <<mettiti la cintura e legati i sandali>>. E così fece. L'angelo disse: <<Avvolgiti il mantello, e seguimi!>>. Pietro uscì e prese a seguirlo, ma non si era ancora accorto che era realtà ciò che stava succedendo per opera dell'angelo: credeva infatti di avere sognato>>. (At.12- 3 e segg.).

Intanto che ridiamo nel constatare che tutta l'impalcatura del Cristianesimo è basata su una favoletta, un interrogativo ci sorge spontaneo: Perché tutta questa intransigenza sul rispetto della legge ebraica che impediva i processi durante le feste di Pasqua che è stata applicata nella favola di Simone Pietro, non è stata applicata anche nell'altra favola che riguarda il processo di Gesù che invece fu fatto giudicare nei giorni Pasqua da un tribunale ebraico oltre che da quello romano?
Lo sapremo nelle prossime puntate!

(3) Giovanni

Essendo il personaggio base dei nostri studi, lasciamolo per il momento da parte accontentandoci di confermare che, quale fratello di Giacomo il maggiore cananite, di Simone barjona, di Giuda taddeo e di Giacomo il minore lo zelota e membro della banda dei Galilei Boanerghes che si era recatati all'orto degli ulivi armati di spade, non poteva essere anche lui che un terrorista oltranzista.

(4) Giuda non Iscariote

La trasformazione di Giuda rivoluzionario in Giuda apostolo fu eseguita sopprimendo gli appellativi ebraici Theudas (coraggioso) e Thomas (gemello), con i quali veniva presentato nei testi storici come combattente rivoluzionario. (Ant. Giud. XX -97, 99 - Hist.Eccl. II - 12 (precedentemente già citate).

Praticamente trasformarono gli appellativi, come tali risultano ancora nei primissimi documenti, quali il vangelo Capto (incipit), gli atti di Tommaso e il Novum Testamentum Graece et Latinae, in altrettanti nomi propri traducendo "Joudas detto theudas che significa coraggioso" e "Joudas detto thomas che significa gemello" in " Theudas detto il coraggioso" e "Thomas detto il gemello".

Il trucco appare evidente allorché rimarchiamo che gli appellativi, lasciati in greco secondo la pronuncia ebraica, prendendo la lettera maiuscola diventano nomi propri in sostituzione del vero nome che era Joudas.

La conseguenza che ne derivò fu che Theudas e Thomas, da soprannomi attribuiti a Giuda, si trasformarono nei nomi di due discepoli mai esistiti: Theudas (Taddeo) e Thomas (Tommaso)-

La prova di questa manipolazione, oltre che dall'esame dei documenti apocrifi, ci viene anche dall'analisi delle traduzioni: prendiamo come esempio "Joudas detto thomas che significa gemello" che fu scritta tutta in greco meno che l'appellativo Thomas che fu lasciato appositamente in ebraico perché assumesse il valore di nome proprio. Siccome in greco gemello si traduce con didimos (??d?µ?? ) la frase che risult? fu la seguente: "Tomas detto didimos" ( T?µa? ? ?e??µe??? ??d?µ?? ) che a sua volta fu tradotta in latino, la lingua salva imbrogli come ? stata chiamata da qualche esegeta, con "Thomasus dictus didimus" dalla quale sono derivate poi le traduzioni nelle lingue moderne: <<Allora Tommaso, chiamato Didimo, disse ai condiscepoli: <<Andiamo anche noi a morire con lui!>> (Gv. XI- 16). Sapendo che thomas e didimo significano entrambe gemello, la prima in ebraico e la seconda in greco, l'espressione riportata dai vangeli, oltre che a confermarci la manipolazione dei falsari, ci fa anche ridere dal momento che tradotta significa "Gemello chiamato Gemello ".

Se ci fossero ancora dei dubbi sul fatto che Giuda e Taddeo siano nomi riferentisi alla stessa persona, per toglierli basta confrontare le liste degli apostoli riportate dai testi sacri dove il Giuda nominato da Marco e Matteo, viene sostituito da Taddeo in Luca e negli Atti degli Apostoli. (vedi elenco discepoli riportato all'inizio di questa esposizione).

(5) Giuda l'Iscariota

Giuda l'iscariota è certamente il personaggio più elaborato fra tutti i discepoli. Se gli fu lasciato il suo vero nome ciò dipese dal fatto che, essendo egli il solo di origine giudaica tra tutti gli altri dichiarati galilei, si prestava a fomentare, con il tradimento che gli fu attribuito, l'odio verso i giudei che secondo la Chiesa dovevano risultare gli assassini di Cristo. Anche se per Giuda furono usati gli epiteti più infamanti, si cercò comunque di nettarlo della natura di terrorista che gli veniva dall'appellativo Iscariota perché, significando sicario, avrebbe compromesso tutti gli sforzi tesi per trasformare una banda di rivoluzionari in un gruppo di apostoli predicatori di pace.

Ricorrendo ancora alla geografia, come avevano fatto con la città di Cana per trasformare Cananite (zelota) in cananeo e con la regione della Galilea per nascondere il significato rivoluzionario dell'appellativo "galileo", fecero derivare iscariota, in ebraico ekariot che significa sicario, dalla città di Keriot dicendo che questo era il suo paese nativo. Trasformazione che se fece ridere ancora una volta i loro avversari pagani ed ebrei (come fa ridere anche noi), non fu tanto per l'evidente trucco che avevano usato ancora una volta ricorrendo alla geografia, quanto perché questa città, la città di Keriot, non era mai esistita.

(6) Simone il cananeo

Per eliminare la natura rivoluzionaria di questo apostolo che gli stessi testi sacri dichiarano zelota (Mc. 3-18; Matteo 10-4; Lc.6-15; At.1-13), la Chiesa, approfittando dell'ignoranza altrui, risponde candidamente, attraverso i sorrisi ipocriti caratteristici dei preti e dei frati, a chi gli chiede spiegazioni su questa parola, che essa significa zelante d'amore verso Dio

Giovanni il Nazoreo


Dopo aver visto come i componenti della banda dei Behenerghes furono trasformati in pacifici discepoli attraverso la manipolazione dei loro nomi, ( Barjiona in figlio di Giona, Iscariote in nativo di Ekariot, Qananite in abitante di Cana ecc.ecc.), passiamo ora alle contraffazioni che i cristiani operarono su Giovanni per trasformarlo in Gesù.

IL NOME: Il nome di Giovanni, sostituito con quelli generici di Cristo (Kristos nel significato di Unto) e di Signore, fu definitivamente tramutato in quello di Gesù intorno all'anno 180 da quanto risulta da un libbro di Celso* ( Il Vero Discorso) nel quale egli dice dice: "Colui al quale avete dato il nome di Gesù in realtà non era che il capo di una banda di briganti i cui miracoli che gli attribuite non erano che manifestazioni operate secondo la magia e i trucchi esoterici. La verità è che tutti questi pretesi fatti non sono che dei miti che voi stessi avete fabbricato senza pertanto riuscire a dare alle vostre menzogne una tinta di credibilità. È noto a tutti che ciò che avete scritto è il risultato di continui rimaneggiamenti fatti in seguito alle critiche che vi venivano portate".

* ( Celso, filosofo platonico del II secolo celebre per la sua critica contro il cristianesimo).

Infatti nelle prime edizioni dei vangeli di Matteo, Marco e Luca usciti negli anni sessanta del II secolo, il Messia veniva ancora connotato con gli appellativi generici di Cristo e di Signore. I cristiani, non potendogli attribuire un nome proprio, quale potrebbero essere Pasquale, Liborio o Anacleto, un nome cioè che non essendo mai esistito nell'era messianica avrebbe fatto sprofondare nel ridicolo tutta la loro costruzione, gli dettero quello di Josuha (Gesù) che in realtà, significando genericamente "Colui che Salva", solo apparentemente lo toglieva dal suo anonimato. Non c'è bisogno di spiegazioni per comprendere che un conto sarebbe stato sostenere l'esistenza di un Messia che, privo di un nome proprio sarebbe potuto sfuggire ad ogni controllo storico, e un conto sarebbe stato sostenere l'esistenza di un qualcuno che, di punto in bianco, veniva presentato sotto un nome proprio che per essere sostenuto avrebbe chiesto una documentazione specifica. Questo nome, accettato dalla massa plebea che nella sua ignoranza non si poneva problemi etimologici, fece invece ridere gli oppositori che, messo in evidenza l'inghippo ( come nel caso sopraccitato riguardante Celso), accusarono ancora una volta i teologi cristiani di sfrontatezza e di truffa. Il tempo con il suo oblio e le repressioni usate dai cristiani contro i loro avversari fecero sì che il nome di Gesù, acquisito lo status di nome proprio, fu adottato come tale pur esprimendo in realtà lo stesso significato di Soter che veniva attribuito genericamente alle divinità pagane le quali avevano, nondimeno, anche un nome proprio. Praticamente i cristiani dettero un nome al loro Messia ricorrendo allo stesso trucco che usarono i redattori della Bibbia quando nel sesto secolo attribuirono al loro Dio il nome di Yahvè che, significando "Io sono", permetteva loro di difenderne l'esistenza attraverso l'anonimato. (È proprio il caso di dire: quale il padre, tale il figlio!).

Eluso così il problema del nome sostituendo con Gesù quello di Giovanni che veniva ricordato dalla tradizione, rimanevano da contraffarre gli appellativi di Galileo e di Nazoreo il cui significato zelota avrebbe contrastato decisamente con la natura religiosa e pacifica del loro costruendo Messia. Essendo impossibile sopprimerli, gli dettero altri significati ricorrendo alla frode come avevano fatto con gli altri nomi dei componenti della banda dei Boanerghes.

Se l'appellativo di Galileo fu agevolmente fatto passare per "abitante della Galilea", l'altro, cioè quello di Nazoreo, si mostrò particolarmente difficoltoso. Il primo tentativo che fecero per togliergli ogni significato rivoluzionario, da quanto risulta dalle documentazioni, fu quella di farlo dipendere da una profezia ricorrendo all'annuncio che l'angelo aveva dato alla moglie di Manoach: << Tu concepirai e partorirai un figlio che sarà Nazireo fin dalla Nascita >>, annuncio che però rapportandosi troppo palesemente a Sansone fu scartato per essere sostituito dalla profezia di Michea che, riferendosi alla nascita del futuro re d'Israele, così si esprimeva: << Un virgulto nascerà a Betlemme dal tronco di Iesse che sarà destinato a governare sul popolo di Dio>>. Se avevano preso questa profezia per giustificare il perché Gesù avesse l'appellativo di Nazoreo fu per il fatto che la parola "virgulto" (netzer) e la parola Nazir, scrivendosi entrambe in ebraico con le lettere n z r, avevano le stesse consonanti. (Nella lingua ebraica, come la fenicia e l'antica egiziana, le parole venivano scritte riportando soltanto le consonanti. Esempio: ragione = r g n, oppure verità = v r t ).

Se questa soluzione fu anch'essa non ritenuta accettabile non dipese tanto dal fatto che appariva troppo immaginaria e pressoché impossibile a sostenersi quanto perché anche essa, come la prima, non poteva essere applicata a Gesù essendo rivolta ad altro pesonaggio, cioè a Davide, figlio di Iesse.

Quindi, dopo aver cercato inutilmente nella Bibbia un passo che potesse giustificare in qualità di profezia l'appellativo di Nazoreo ricorsero ancora una volta all'espediente geografico mettendolo in connessione con la città di Nazaret come Qananite e Iscariota che avevano fatto derivare da Cana e da Keriot. E sarà proprio con l'impianto di questo ennesimo imbroglio che i falsari ci forniranno la prova definitiva e inconfutabile che Gesù, personaggio mai esistito, non è altri che la controfigura di Giovanni.

Tutti e quattro i vangeli canonici fanno dipendere il nome Nazoreo (Nazareno) dalla città di Nazaret affermando che fu il paese nel quale Gesù crebbe e si formò durante quei trenta anni che precedettero le sue prediche. Poichè è da Nazaret che trarreremo la prova conclusiva per dimostrare che Gesù in realtà è Giovanni, fermiamoci a esaminare questa città che risulta essere completamente differente da come la riportano i vangeli. Perchè la città di Nazaret situata in pianura e lontana dal lago di Tiberiade viene invece descritta nei vangeli costruita sopra un monte e in riva a un lago?

La risposta è semplice: perchè la città sita sul monte e posta in riva al lago è la vera città in cui visse il Messia riportato dalla tradizione su cui vennero costruiti i vangeli mentre l'altra, quella in pianura e distante quaranta chilometri dal lago è quella che i falsari usarono per giustificare l'appellativo Nazoreo. Praticamente questa contraddizione tra la descrizione che riportano i vangeli della vera patria del Messia e la città di Nazaret dipese dal fatto che i falsari, avendo costruito i quattro vangeli canonici a Roma senza conoscere la Palestina, commisero la grande leggerezza di raccontare i fatti secondo la tradizione che si riferiva a Giovanni, senza preoccuparsi di adattarli alla città di Nazaret che avevano scelto soltanto perchè attraverso il suo nome potessero giustificare l'appellativo di Nazoreo.

Leggendo i vangeli rimarchiamo che la città di Gesù non è affatto la Nazaret sita in pianura e distante quaranta chilometri dal lago di Tiberiade, ma bensì un'altra città che trovandosi su una montagna che sorge dal lago di Tiberiade, assume un carattere prettamente lacustre fatto di barche, di pescatori e di onde mosse dalle tempeste. Gli stessi apostoli sono tutti dei pescatori che Gesù trasforma in discepoli incontrandoli mentre ritirano le reti: "Terminate queste parabole, Gesù partì di là e venuto nella sua patria insegnava nella Sinagoga. La gente del suo paese, riconosciutolo, si mise a parlare di lui. Gesù, udito ciò che dicevano, partì di là su una barca, ma visto che la gente restava sulla spiaggia guarì i malati e moltiplicò i pani e i pesci. Congedata la folla, salì sul monte e si mise a pregare. Dal monte vide che sotto, nel lago di Tiberiade, la barca degli apostoli era messa in pericolo dalle onde generate dal vento che si era improvvisamente levato" (Mt.13/53).

La stessa conferma sulla città di Gesù ci viene da Luca il quale ci parla pure di un precipizio:"Gesù si recò a Nazaret dove era stato allevato; ed entrò secondo il suo solito, di Sabato nella sinagoga e si alzò a leggere...all'udire queste cose tutti furono pieni di sdegno; si levarono, lo cacciarono fuori della città e lo condussero al ciglio del monte sul quale la città era situata, per gettarlo giù dal precipizio, ma egli passando in mezzo a loro se ne andò".(Lc.4-14/28). E ancora: "Quel giorno Gesù uscì di casa e, sedutosi in riva al mare (lago), si cominciò a raccogliere intorno a lui tanta folla che dovette salire su una barca".(Mt. 13-1/2).

Anche Matteo riporta (Cap. 3-4): "Sentendo ciò che diceva, una gran folla si recò da lui. Allora egli pregò i suoi discepoli che gli mettessero a disposizione una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero...salì poi sul monte, chiamò a se quelli che volle andassero dai lui... Entrò in casa e si radunò intorno a lui molta folla, al punto che neppure potevano prendere cibo. Giunsero sua madre e i suoi fratelli e, stando fuori lo mandarono a chiamare. Dopo aver spiegato chi fossero realmente i suoi parenti, uscito di casa, Gesù si mise ad insegnare di nuovo lungo il mare (lago)".

A questo punto, résici conto che la città dove si era allevato Gesù non poteva essere Nazaret che si trova a quaranta chilometri dal lago e situata in pianura, siamo andati a cercare da altre fonti quale fosse in realtà questa città sita in riva al lago di Tiberiade, posta su una montagna e circondata da precipizi.

La risposta ci è stata fornita da quel passo di Giuseppe Flavio che descrive la città di Ezechia, padre di Giuda il Golanitide e nonno di Giovanni il Galileo, detto il Nazoreo: "Ezechia era un Rabbi appartenente a famiglia altolocata della città di Gamala che era situata sulla sponda golanita del lago di Tiberiade. Questa città non si era sottomessa ai romani confidando nelle sue difese naturali. Da un'alta montagna si protende infatti uno sperone dirupato il quale nel mezzo s'innalza in una gobba che dalla sommità declina con uguale pendio sia davanti che di dietro, tanto da somigliare al profilo di un cammello (Gamlà); da questo trae il nome, anche se i paesani non rispettano l'esatta pronuncia del nome chiamandola Gamala. Sui fianchi e di fronte termina in burroni impraticabili mentre è un po' accessibile di dietro. Ma anche qui gli abitanti, scavando una fossa trasversale, avevano sbarrato il passaggio. Le case costruite sui pendii erano fittamente disposte l'una sopra l'altra: sembrava che la città fosse appesa e sempre sul punto di cadere dall'alto su se stessa. Affacciata a mezzogiorno, la sua sommità meridionale, elevandosi a smisurata altezza, formava la rocca della città, sotto di cui un dirupo privo di mura piombava in un profondissimo burrone". (Ant.Giud.)

Se questa è la città che i vangeli attribuiscono a Gesù, cos'altro si può concludere se non che Gesù fosse nato e vissuto a Gamala in Golanite e non a Nazaret in Galilea come la Chiesa vorrebbe darci ad intendere?
Se Gesù allora risulta essere di Gamala chi altri potrebbe essere se non Giovanni nipote del Rabbi Ezechia e figlio di quel Giuda il Galileo del quale così parla Giuseppe Flavio? << Un certo giuda, un Galaunide della città di Gamala, si gettò nella ribellione (Guerra del Censimento) istigando la Nazione all'indipendenza>>. (Ant. Giud. XVIII - 4).

Basta sostituire nei vangeli Nazaret con Gamala e tutto apparirà chiaro. Tutto ciò che ho scritto precedentemente, in fin dei conti, aveva il solo scopo di preparare i lettori a questa conclusione la cui evidenza non può essere respinta neppure da coloro che, resi testardi dalla fede, sono portati a negare le verità anche le più evidenti.

Comunque non finisce qui la dimostrazione della non esistenza di Gesù, poichè tante saranno le prove che porterò ancora per dimostrare di cosa sono stati capaci i falsari (i Santi padri della Chiesa) per costruire questa grande impostura che è il cristianesimo.


La nascita di Gesù.


Mancando di prove storiche, i cristiani testimoniarono la vita di Gesù servendosi esclusivamente delle profezie. Partendo dal presupposto che tutto ciò che viene annunciato dai profeti deve obligatoriamente avverarsi perchè originato da ispirazione divina, essi redassero i vangeli facendo dipendere le azioni di Cristo da frasi che, tratte dalla Bibbia e opportunamente adattatte, fecero passare per profezie.

A questo punto si dovrebbe parlare del fatalismo che, sopprimendo il libero arbitrio e rendendo quindi l'uomo non responsabile delle proprie azioni, farebbe apparire lo stesso Cristo un burattino in balia di un destino già prestabilito dalle Sacre Scritture. Ma poichè non sono qui per discutere la non esistenza di Dio ma soltanto quella di Gesù come personaggio storico, lascio il lettore libero di trarre le proprie conclusioni sulla "predestinazione" che, togliendo agli uomini la responsabilità nelle azioni, vanifica l'esistenza di un Dio che giudica secondo i meriti e i demeriti.

La nascita di Gesù, costruita come tutto il resto della sua vita su frasi ricavate dalla Bibbia, risulterà una congerie di contraddizioni, di menzogne e di superficialità. La natività ignorata sul principio dai quattro vangeli, se fu aggiunta soltanto nel del terzo secolo in quelli di Matteo e di Luca ciò dipese dalla necessità che ebbero i cristiani di giustificare attraverso una nascita terrestre l'umanizzazione del loro Messia di fronte alle critiche che gli venivano dagli oppositori che gli chiedevano come fosse possibile che Gesù avesse cominciato la sua attività di predicatore come uomo senza essere nato da una donna. Infatti tutti e quattro i vangeli canonici cominciavano presentando Gesù che iniziava la sua missione di predicatore partendo da Cafarnao in età adulta dando come sola giustificazione della sua esistenza umana quella voce che si era sentita venire dall'alto che diceva, mentre veniva battezzato da Giovanni Battista: <<Questi è il mio figlio prediletto che oggi ho generato>>. Come conseguenza della decisione che presero di dare a Gesù una nascita terrestre, risultando contradittorio questo concepimento che fino ad allora avevano fatto dipendere direttamente da Dio, cambiarono l'espressione "oggi ho generato" con "mi sono compiaciuto" come risulta nel vangeli odierni.

Se nel vangelo di Giovanni non parlarono della natività terrena dipese dal fatto che preferirono dargliene una teologica in qualità di "Verbo" per poter rendere il loro Messia "Logos" come lo era Mitra nella religione avestica.

Sulla nascita terrestre di Gesù si pose subito un grosso problema: farlo nascere a Betlemme, secondo quanto diceva la profezia di Michea, che lo voleva Betlemita (Da te, Betlemme, così piccola per essere fra i capoluoghi di Giudea, uscirà colui che deve essere il dominatore d'Israele) (Mc.V-1), oppure a Nazaret che era la città da cui avevano fatto dipendere l'appellativo Nazareno? Per soddisfare allora queste due esigenze, l'una che lo voleva Betlemita e l'altra Nazareno, i costrutori dei due vangeli, quello di Matteo e quello di Luca, lavorando separatamente secondo la proria fantasia, dettero ciascuno una propria versione sì da far risultare le due nascite l'una differente dall'altra.

Natività secondo il Vangelo di Matteo: Per soddisfare la profezia di Michea che lo voleva bettelemita e l'esigenza di giustificare il suo appellativo di Nazareno, Matteo, dopo aver fatto nascere Gesù a Betlemme, lo trasferì a Nazaret dove vi rimase come residente per il resto della vita.

Per comprendere lo stratagemma, nell'insieme piuttosto macchinoso, a cui ricorse Matteo per giustificare il trasferimento da Bettelemme a Nazaret, la cosa migliore è seguire i fatti secondo come il Vangelo li racconta: "I re Magi che avevano portato oro, incenso e mirra erano appena ripartiti quando un angelo apparve a Giuseppe e gli disse di partire subito in Egitto perché Erode, saputo che era nato colui che avrebbe regnato su Israele, cercava il bambino per ucciderlo. Giuseppe, presi con se Gesù e la madre, fuggì in Egitto perché ritornando poi dall'Egitto si potesse adempiere ciò che il profeta aveva detto: <<dall'Egitto ho chiamato il mio figlio >>.

"Il re Erode per essere certo di eliminare il bambino ordinò di uccidere tutti i maschi di Bettelemme e dei sui territori dai due anni in giù. Questa strage adempì ciò che era stato detto dal profeta Geremia: << Un grido è stato udito in Rama, Rachele, la cui tomba è a Betlemme, piange i suoi figli e non vuole essere consolata (?!) >>. Morto Erode, un angelo del Signore disse a Giuseppe che era in Egitto che poteva ritornare a Betlemme perché colui che insidiava suo figlio era morto. Durante il viaggio di ritorno, Giuseppe, saputo che il posto di Erode era stato preso dal figlio Archelao, crudele quanto il padre, per un principio di prudenza, fermatosi in Galilea, andò ad abitare nella città di Nazaret perché si compisse ciò che era stato detto dai profeti: <<Sarà chiamato Nazareno>>". (Il commento sarà fatto dopo).

Natività secondo il Vangelo di Luca: Contrariamente al vangelo di Matteo, che faceva nascere Gesù a Betlemme perché Giuseppe e Maria vi erano residenti, in quello di Luca si dice invece che se Gesù nacque in questa città ciò dipese dal fatto che Giuseppe e Maria, residenti a Nazaret, vi si trovavano perchè obbligati a ritornarvi, quale loro città natale, per via di un censimento fiscale che era stato ordinato dal proconsole Quirino in seguito all'annessione della Palestina All'impero romano (è il censimento dell'anno 6 che dette luogo alla rivolta guidata da Giuda il Galileo padre di Giovanni).

Soddisfatta così la profezia di Michea, che voleva Gesù betlemita, con la nascita nella famosa grotta riscaldata da un bue e da un asino, Giuseppe e Maria ritornarono a Nazaret, loro città di residenza, che avevano momentaneamente lasciata per via del censimento.

Che entrambe le natività siano frutto di pura invenzione ci viene confermato, oltre che dal fatto già dimostrato che il personaggio evangelico, essendo originario di Gamala, non ha nulla a che vedere nè con Bettelemme né con Nazaret, anche dai tanti contrasti risultanti dai due vangeli e dalle innumerevoli insattezze e assurdità che in essi si riscontrano.

1) Le genealogie attribuite a Giuseppe nei due vangeli per dimostrare che suo figlio Gesù proveniva dalla stirpe di Davide, secondo quanto era stato annunciato dalle profezie, sono così differenti tra loro che sembrano riferirsi a due diverse persone. Oltre ai nomi dei componenti che sono così discordanti tra le due versioni da non essercene uno che sia uguale a quello dell'altra, i due alberi genealogici contrastano anche sul numero degli ascendenti che in Matteo risulta essere di 42 e in Luca di 56. Questa differenza numerica dipese dal fatto che le due genealogie non furono scritte secondo un criterio di oggettività storica, ma seguendo un'imposizione che veniva dal numero 14 della cabala ebraica di cui esse, nel totale degli ascendenti, dovevano essere i multipli. La differenza, quindi, dipese dal fatto che mentre Matteo moltiplicò questo numero per tre (42), Luca lo moltiplicò per quattro (56). (Ognuno tragga le proprie conclusioni nel giudicare i principi su cui sono basate le verità evangeliche!).

2) Le date a cui le due nascite si riferiscono hanno uno scarto di almeno undici anni dal momento che il Vangelo di Matteo pone la nascita prima della morte di Erode (Avvenuta nel -4) e il Vangelo di Luca la pone sotto il censimento che avvenne nel +6. (Questo è il caso per ricordare che la Chiesa ci presente Matteo come testimone oculare e Luca come colui che venne a conoscenza dei fatti direttamente da Maria avendola personalemete conosciuta)

3) Mentre Matteo dice che Maria partorì a Betlemme, in casa sua, perché vi era residente al momento del parto: "I re Magi, entrati nella casa di Giuseppe, videro il bambino e Maria sua madre e l'adorarono", Luca, affermando invece che Giuseppe e Maria si era recatati a Betlemme per via di un censimento, fa nascere Gesù in una stalla perchè mancando di una casa propria non avevano trovato nessuno che li ospitasse: "I Magi andarono a Betlemme e trovarono Maria, Giuseppe e il bambino che giaceva nella mangiatoia di una grotta dove c'erano un bue e un asinello che lo riscaldavano, intorno tanti pastori che portavano i loro doni e sopra, dall'alto, una moltitudine di angeli che cantava: <<Gloria a Dio nel più alto dei cieli >>".

4) Gli episodi riguardanti la strage degli innocenti ordinata da Erode, la Fuga in Egitto e la visita dei re Magi sostenute da Matteo, risultano del tutto ignorati nel vangelo di Luca.

5) Il trasferimento della Sacra Famiglia da Nazaret a Betlemme a causa del censimento fiscale è quanto mai inverosimile e palesemente pretestuoso sapendo che, secondo le leggi romane, i cittadini dichiaravano i loro redditi presso gli uffici fiscali della città dove svolgevano la loro attività, cioè dove avevano la residenza, e non in quelli della città dove erano nati. Inverosimiglianza e pretestuosità che vengono confermate dal viaggio che fanno sostenere a Maria che non trova nessuna giustificazione dal momento che, sempre secondo le leggi romane, "dovevano presentarsi alle autorità fiscali soltanto i capi famiglia tanto che espressamente veniva specificato nell'editto che le donne sposate erano esentate se rappresentate dal marito".

6) Un'altra assurdità, inventata per costruire la trama evangelica, è quella di Erode che: "chiamati i tre re Magi in disparte, si fece dire con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme esortandoli. <<Andate e informatevi accuratamente del bambino e, quando lo avrete trovato, fatemelo sapere che anch'io andrò ad adorarlo>>" (Mt. 2/7).

Come si può credere che Erode, sicuramente il più potente re esistito in Palestina durante il tempo dei romani, che disponeva, come risulta dai documenti, di una perfettissima organizzazione informativa per difendersi dai rivoluzionari del Partito Nazionalista Giudaico e da quanti avrebbero potuto congiurargli contro, avesse bisogno di tre re stranieri di passaggio per sapere se era nato il Messia a Betlemme, quel Messia della cui nascita tutti erano a conoscenza nella Giudea per l'annuncio dato ai pastori dagli angeli che volavano a stormi nel cielo cantando alleluia, alleluia? Come è possibile che tutti fossero edotti sul luogo della nascita del re dei re indicato da una stella tanto luminosa da essere vista dal lontano Oriente, tranne che Erode e i suoi cortigiani? Stando a quanto riportano i vangeli che i re Magi per sapere dove si trovasse il re dei Giudei si rivolsero agli abitanti di Gerusalemme (Mt. 2/1) non sarebbe stato sufficiente a Erode per sapere dove fosse il suo rivale uscire dalla reggia e chiedere al primo che avrebbe incontrato?

E' chiaro che siamo nel pieno di una favola, per giunta anche demenziale, fatta di personaggi puramente immaginari come i re Magi che sono stati intromessi soltanto perché attraverso i doni dell'oro, dell'incenso e della mirra, che erano i tre elementi che venivano offerti a Mitra, potessero perseguire quel programma che si erano prefissi di sostituirsi alla religione avestica nella mentalità popolare rendendo le due credenze il più possibile simili fra loro. E fu sempre per raggiungere questo scopo che fu fatto nascere Gesù in una grotta come erano stati fatti nascere Mitra, Dionisio, Mammuz e tutti gli altri dei solari perchè potessero dimostrare attraverso una nascita avvenuta in un luogo privo di luce, la loro vittoria sulle tenebre, e in seguito, esattamente nel V secolo, trasferirono al 25 di dicembre, giorno natale di Mitra, la natività di Gesù che fino ad allora avevano festeggiato ai primi di marzo. Questo programma di conquista delle masse basato sull'assecondare il più possibile le credenze pagane per far loro assimilare il cristianesimo senza provocare dei traumi, la Chiesa continuò a seguirlo nei secoli che seguirono usando i templi pagani per celebrare i propri riti.

7) Il fatto poi di avere inviato la Sacra Famiglia in Egitto per dimostrare, attraverso l'espressione messa nella bocca di Dio: << Ho chiamato mio figlio dall'Egitto >>, che il loro Gesù era veramente il figlio di Dio, non è che un ulteriore prova dimostrante che i falsari che scrissero i Vangeli erano cristiani di origine pagana che ignoravano nella maniera più assoluta i significati contenuti nella Bibbia. Infatti la frase "ho chiamato mio figlio dall'Egitto" non si riferiva al Messia, come essi avevano creduto, ma al popolo ebreo che Dio, chiamandolo dall'Egitto, aveva liberato dalla schiavitù dei Faraoni. Quindi, stando così le cose, sarebbe stato molto più opportuno per loro se Gesù lo avessero lasciato a Betlemme dove era nato evitandogli quel viaggio in Egitto che, oltre ad aver dimostrato la loro ignoranza biblica, ci ha fornito la prova definitiva della loro impostura facendo fermare Gesù a Nazaret per trasformarlo da Nazoreo in Nazareno.

A questo punto, considerate le discordanze esistenti fra i due vangeli, sarei curioso di vedere la reazione di Matteo se gli si mostrassero i presepi che si costruiscono oggi con un Gesù adagiato sulla paglia di una mangiatoia, dal momento che lui, quale testimone dei fatti, secondo quanto vuole darci ad intendere la Chiesa, fa partorire Maria comodamente nel letto di casa sua!

Finito con la natività, Luca passa a raccontarci della circoncisione di Gesù, circoncisione che invece è ignorata da Matteo. Di questa cerimonia Luca ci racconta praticamente tutto; ci parla di un certo Simeone, uomo giusto, che onorò il bambino con parole che gli furono dettate dallo Spirito Santo, ci riferisce di Anna la profetessa e si sofferma persino sulle due colombe bianche dicendoci che furono sacrificate sull'altare secondo la legge di Mosè (schiacciamento della testa con l'unghia del pollice), ma non ci dice nulla di colui che raccolse il prepuzio e lo conservò perché i posteri potessero venerarlo nella teca che attualmente si trova presso il convento delle Orsoline a Charroux, in Francia. A parte la scena comica di queste suore caste e vereconde che immaginiamo arrossire mentre pregano inginocchiate davanti a un pezzo di membro, quello che più suscita ilarità è che, oltre questo prepuzio venerato a Charroux, ce ne sono nel mondo cristiano ben altri cinque che vengono gelosamente conservati e incensati come reliquie nelle loro custodie dorate. A titolo informativo dirò che le reliquie vengono esposte una volta all'anno ai fedeli che, passandogli davanti, le baciano attraverso il vetro. (Sembra che le Orsoline di Charroux lo facciano più spesso!).

Ma questo è niente di fronte al problema teologico sorto in seguito all'interrogativo: "Se Gesù ha lasciato il suo prepuzio sulla terra, è asceso in cielo nella completezza o nell'incompletezza del suo corpo?" Per sapere come la Chiesa ha accomodato questo dilemma non c'è che da rivolgersi ai domenicani o ai gesuiti che sono specializzati nel risolvere i problemi teologici!

Terminato il racconto sulle nascite, sia Matteo che Luca proiettano Gesù a Cafarnao all'età di trent'anni facendogli cominciare il ciclo di prediche esattamente come aveva affermato Marcione nel suo vangelo con la sola differenza che il loro Cristo si presenta in carne e ossa, mentre quello di Marcione aveva dell'uomo solo le apparenze.

A questo punto concludo con la Natività, anche se ci sarebbero da fare ancora un'infinità di altre puntualizzazioni (serie e comiche), chiedendomi se è mai possibile credere alla Chiesa quando afferma che questi due vangeli, così discordanti tra loro nei fatti anche più essenziali, furono scritti, quello di Matteo, da un testimone oculare, e l'altro, quello di Luca, da un apostolo che riportò le narrazioni "dopo aver eseguito accurate e scrupolose indagini?".

Prima di passare al prossimo capitolo che tratterà della passione e morte di nostro Signore Gesù Cristo voglio dare brevemente la spiegazione su come costruirono i personaggi di Giuseppe, padre putativo di Gesù, e di Maria, madre terrena e vergine.

Il nome di Maria, che deriva dall'ebraico Miriam, fu scelto perché è tra i più comuni nomi femminili della Bibbia e la verginità le fu tributata per il semplice fatto che tutti gli dei salvatori, sia delle religioni occidentali che orientali, erano figli di un dio che si era accoppiato con una donna vergine quali Horo, nato da Iside, Tammuz da Istar, Attis da Nana, Perseo da Dafne e Mitra da una vergine fecondata da Aura Mazda. Se poi consideriamo la nascita di Visnù dalla vergine Devaki possiamo rimarcare che la natività di Luca ne è la perfetta ripetizione: "La volontà di Dio si è compiuta. Vergine e madre salve! Nascerà da te un figlio che sarà il salvatore del mondo. Ma fuggi, poiché Kansa (il dio del male) ti cerca per farti morire col tenero frutto che rechi nel seno. I nostri fratelli ti guideranno dai pastori che stanno alle falde del monte Metu; è qui che metterai al mondo il figlio divino". Questa narrazione, tratta dai testi induisti, che ci ricorda la nascita di quel Messia della prima Apocalisse che fu partorito sulla terra da una vergine inseguita dal drago, ritrovandola nella natività di Luca in tutti i suoi dettagli, quali quelli riguardanti i pastori e Kansa, il dio del male che viene trasferito in quel re Erode che cerca il nascituro per farlo morire, non può essere che un'ulteriore conferma di quanto il cristianesimo sia un plagio delle altrui religioni.

Di conseguenza, per sostenere la verginità di Maria con chi altri potevano farla sposare se non con un uomo puro e casto capace di resistere alle tentazioni della carne? Siccome nella Bibbia l'uomo che veniva ricordato per la sua castità era Giuseppe, figlio di Giacobbe, (quel Giuseppe che viene elevato al rango di viceré d'Egitto) perché era riuscito a resistere alle ripetute tentazioni dell'avvenente moglie di Potifar, dettero per marito a colei che doveva rimanere vergine, un uomo che si chiamava Giuseppe, figlio, anche lui come l'altro, di un padre che si chiamava Giacobbe.

A questo punto possiamo riepilogare dicendo che anche se sono innumerevoli (anche troppe) le prove che Gesù non è altri che il prodotto di una trasformazione operata su Giovanni, figlio di Giuda il Golanite, quella decisiva, inoppugnabile e quindi inconfutabile ci è stata data dagli stessi falsari che eseguirono la trasformazione di Nazoreo in Nazareno perchè si adempisse la parola del profeta: << Non può restare nascosta una città posta sopra una montagna >>. (Mt. 5/14).

(Capitolo tratto da "LA FAVOLA DI CRISTO").

Luigi Cascioli

Risposta alle obiezioni

Anche se non ci fossero state le prove precedentemente portate dimostranti che Gesù è una costruzione di falsari, sarebbe stato sufficiente considerare il silenzio riservatogli dagli autori del tempo per convincerci della sua non esistenza.

Plinio il Vecchio

Plinio il Vecchio, morto nel 79, testimone dei fatti palestinesi che seguirono la presunta crocefissione di Gesù, avendo passato in Palestina un periodo di cinque anni compreso tra il 65 e il 70, non fa la minima menzione di un qualcuno che avesse questo nome.

Famoso per la sua cavillosità nel redigere i fatti in ogni dettaglio, tanto da morire sul cratere del Vesuvio perché gli si era troppo avvicinato per rendersi personalmente conto del fenomeno eruttivo, se tace su Gesù e i cristiani non è certo per trascuratezza o indifferenza.

Del periodo passato in Palestina di tante cose di cui parla, compresa quella riguardante quella comunità essena che si era istallata nel deserto dell'Engaddi della quale fa una descrizione che corrisponde esattamente a quanto abbiamo poi appresa su di essa dai rotoli di Qumran, nulla dice ne di Gesù ne di quella nuova religione formata dai cristiani che secondo gli Atti degli Apostoli andava sempre più imponendosi per il continuo afflusso di decine e decine di migliaia di convertiti.


Seneca

Filosofo e scrittore contemporaneo ai fatti evangelici, ignora nella maniera più totale Gesù, i cristiani e le persecuzioni che secondo la Chiesa furono eseguite contro di essi da Nerone.

Nella ricerca di prove che colmassero questo vuoto estremamente significativo che veniva dal silenzio di Seneca che, quale precettore di Nerone, non poteva ignorare i cristiani se veramente fossero esistiti negli anni 50-60, San Girolamo (347-420), prendendo come spunto lo stoicismo che questo filosofo aveva praticato, nel colmo dell'arroganza arrivò ad affermare che era stato così vicino ai cristiani per la conformità che sentiva di avere con la loro teologia, da dichiararlo padre della Chiesa. E come se questo non bastasse, per dimostrare l'esistenza di questa pretesa relazione con i cristiani la Chiesa non esitò a fabbricare una corrispondenza fraterna tra lui e Paolo di Tarso, corrispondenza che si è dimostrata così assurda e banale che nessuno, compresa la Chiesa, osa più difendere come vera.


Svetonio

Segretario dell'imperatore Domiziano negli anni 90-95, cioè nel pieno delle presunte persecuzioni, anche lui, come Plinio il Vecchio e Seneca, nulla dice di Gesù e dei cristiani.

Nella "Vita dei Dodici Cesari", parlando di Claudio, Svetonio dice che 51 egli scacciò da Roma gli ebrei perché causavano continui disordini dietro l'incitamento di un certo Chrestos* che se la Chiesa non ha più insistito a far passare per Christo, pur avendoci provato, non è stato per un ritegno dovuto al buon senso, ma per ben altri motivi, quali quello storico derivante dal fatto che Gesù morto nel 33 non poteva essere il Crestos del 51, e quello concettuale che le impediva di trasferire il fondatore del cristianesimo nella persona di un rivoluzionario agitatore.

<<Gli ebrei furono scacciati da Roma nel 41 con un editto dell'Imperatore Claudio perché causavano continui disordini sotto l'incitamento di un certo Crestos (impulsore Cresto) >>. (Vita dei 12 Cesari - Biografia di Claudio).

Questa affermazione di Svetonio riguardo l'espulsione degli ebrei agitatori non è che un'ulteriore conferma della presenza a Roma di una comunità esseno-zelota (non cristiana come sostiene la Chiesa), alla quale appartenevano i coniugi Priscilla e Aquila che ospitarono Paolo manifestamente anche lui un Nazir. (At. 17-18). (Vedi La Favola di Cristo).

*Crestos, che significa "il migliore", fu il maggiore organizzatore di quei disordini che si manifestarono a Roma con particolare frequenza negli anni 39-40 sotto Caligola, disordini che Claudio si adoperò subito a stroncare con un editto che ordinava l'espulsione degli ebrei agitatori allorché nel 41 divenne Imperatore. Il fatto che Priscilla e Aquila fossero tra costoro e che essi avessero ospitato Paolo quale nazir, è un'ulteriore prova confermante che coloro che la Chiesa vuol far passare per primi cristiani non erano in realtà che degli esseno-zeloti.


Plinio il Giovane

Durante il periodo nel quale era governatore in Bitinia (112-113), Plinio il Giovane scrisse una lettera all'Imperatore Traiano per chiedergli istruzioni su come doveva comportarsi verso i componenti di una comunità che praticavano dei particolari riti propiziatori al levarsi del sole in onore di un certo Khristo che essi considerano quasi una divinità (Khristo quasi deo)* e che si riunivano per consumare dei pasti innocenti.

Basta leggere il seguente passo di Giuseppe Flavio riguardante gli esseni, per renderci subito conto che costoro a cui si riferisce Plinio il Giovane non erano affatto dei cristiani come la Chiesa vorrebbe sostenere:

<<La loro pietà verso la divinità ha una forma particolare: prima del sorgere del sole recitano certe preghiere verso di esso quasi a supplicarlo di spuntare.

Non entrano in refettorio se non dopo essersi purificati lavandosi con acqua fredda. Dopo essersi seduti in silenzio, il sacerdote premette al pasto una preghiera, e nessuno può gustare alcunché prima della preghiera; dopo che hanno mangiato egli aggiunge una nuova preghiera; cosicché sia al principio che alla fine venerano Dio come dispensatore di vita>>.(La Guerra Giudaica VII).

Il "Cristo quasi deo" del quale parla Plinio il Giovane è il Messia religioso che le comunità spirituali essene, separatesi dalla corrente rivoluzionaria guerriera, avevano cominciato ad aspettare dopo la disfatta del 70 dell'esercito giudaico.

I pasti comunitari riportati sulle Lettere di Paolo di Tarso (Agapi), del tutto simili ai riti descritti da Giuseppe Flavio e confermati dai documenti rinvenuti a Qumran ("Rotolo delle Regole") non sono che un'ulteriore prova che coloro che la Chiesa vuol far passare per primi cristiani non erano altri che i componenti delle comunità essene.


Tacito

Tacito è l'autore latino che secondo la Chiesa offre una delle prove maggiori per dimostrare l'esistenza dei cristiani a Roma negli anni 50-60, cioè sotto Nerone. Mi riferisco a quel passo di Tacito contenuto nel XV libro degli "Annali" nel quale c'è scritto che Nerone, dopo aver accusato i Cristiani dell'incendio di Roma, si accanì contro di essi in persecuzioni nelle quali, tra i tanti martiri, perirono anche Pietro e Paolo.

Queste notizie riguardanti l'incendio di Roma e la morte di Pietro e Paolo riportate sugli Annali, ignorate da tutti gli storici dell'epoca e da quelli che seguirono, compresi quelli cristiani quali Origene, il vescovo Clemente, Eusebio da Cesarea e lo stesso S. Agostino che di esse non fa nessun accenno nel suo libro "De Civitate Dei", dedicato in parte a raccontare le calamità subite da Roma precedentemente al "sacco" eseguito da Alarico (410), uscirono fuori soltanto nel XV secolo per opera di un certo Poggio Brandolini, segretario pontificio, il quale disse di averle ricevute nel 1429, sotto forma di un manoscritto dell'XI secolo, da un monaco anonimo che era venuto a Roma in pellegrinaggio. Questo segretario pontificio, già conosciuto per aver operato numerose falsificazioni, se s'inventò questo documento non fu tanto per dimostrare un'esistenza dei cristiani al tempo di Nerone che nel XIV secolo era data per scontata, quanto per risolvere quelle contestazioni che venivano mosse dalle varie correnti cristiane e dallo stesso "Concilio dei Cardinali", contro il primato sul mondo cristiano del vescovo di Roma. Leggere i concili di Pisa (1409) e di Costanza (1414).

Fu il periodo di disordine gerarchico ecclesiale nel quale Papi ed antipapi, quali Giovanni XXIII, Benedetto VIII e Alessandro V, volevano imporre l'uno all'altro una propria residenza come sede del trono pontificio.

Poggio Brandolino, con la testimonianza che avrebbe ricevuto da un fatto riportato negli Annali di Tacito, intendeva dimostrare, attraverso il martirio di Pietro, che il primato sulla cristianità spettava sia a Roma, come sede, e sia al suo vescovo, quale successore di Pietro, per un diritto storico.

Che questo documento presentato da Poggio Brandolino nel 1429 sia un falso, oltre che dal buon senso, ci viene dimostrato, oltre che dal fatto che Simone Pietro non ha potuto subire nessun martirio da parte di Nerone perché giustiziato insieme al fratello Giacomo nel 46 a Gerusalemme sotto Cuspio Fado, anche perché Tacito non avrebbe mai potuto scrivere di un incendio di Roma che, secondo quanto è stato storicamente dimostrato, non c'è mai stato.

La dimostrazione che il documento presentato da Poggio Brandolino sia un falso ci viene anche dallo storico della Chiesa Duchesne (1843-1922) che, dopo approfonditi studi sulla storia del cristianesimo, è arrivato alla conclusione di proporre la soppressione dalla storia della Chiesa dei primi nove papi, compreso lo stesso Pietro, perché mai esistiti. (Storia Antica della Chiesa).

Per concludere su questo falso, voglio far presente, per quanto possa sembrare assurdo, che l'unico documento su cui si è basata la storia riguardo l'incendio di Roma è rappresentato da questo passo presentato nel XV secolo dal segretario pontificio Poggio Brandolino ritenuto uno dei maggiori falsari del cristianesimo, passo che è stato imposto dalla Chiesa come vero rappresentando per lei una prova dell'esistenza dei cristiani al tempo di Nerone... e c'è che sostiene ancora che la Chiesa, questa istituzione distruttrice di documenti validamente scientifici e filosofici e costruttrice di falsi, sia da considerarsi come la salvatrice della civiltà occidentale!


Plutarco

Nulla di nulla da parte di Plutarco che si riferisca a Gesù e ai cristiani, e come lui nessuna menzione da parte di Giovenale, Pausania e Cassio Dione il quale ultimo avrebbe avuto modo di parlarne, se fossero veramente esistiti, nel suo libro "Storia Romana" che tratta delle vicende di Roma che vanno dal 67°.C. al 47 d.C.

Soltanto Lucien di Samosate (125-192) fa riferimento ad un mago morto in croce per aver introdotto un nuovo Culto dei Misteri che, essendo d'ispirazione siriana, non possono essere che un un'ulteriore conferma di un qualcuno che, qualora fosse veramente esistito, non sarebbe potuto essere altri che un seguace dell'ideologia essena che si era sviluppata appunto in Siria secondo i concetti della religione Mitraica.


Celso

Accanito critico anticristiano, vissuto proprio nel periodo in cui i primi cristiani costruivano i vangeli e gli Atti degli Apostoli in seguito allo scisma determinato dall'introduzione del Sacramento Eucaristico in seno alle comunità essene, (vedi Favola di Cristo), Celso* scrisse alla fine del II secolo un libro dal titolo "Contro i Cristiani" nel quale puntualizzava tutti gl'imbrogli che essi stavano facendo "per costruire la figura di un mago che, qualora fosse veramente esistito, poteva tutt'al più essere quella di uno dei tanti ciarlatani che avevano percorso la Palestina imbrogliando la gente".

Ed è proprio in questo periodo, cioè alla fine del II secolo, che per la prima volta viene nominato il nome "Gesù" da Origene nel suo libro "Contra Celsum", da lui scritto per rispondere alle accuse che Celso rivolgeva alla Chiesa a proposito di questo nome che avevano dato al loro eroe che fino a quel momento era stato chiamato con gli appellativi generici di Signore, Cristo, Messia e Salvatore.

Il nome di Gesù che troviamo nei testi precedenti fu aggiunto soltanto in seguito, cioè nel II, III e IV secolo. Che i vangeli siano sottoposti a continue modifiche di aggiornamento ci viene dall'ultima trasformazione che si sta operando in essi nelle edizioni moderne sul nome di Nazareno, che viene sostituito con quello di Nazarettano, da quando si è fatto rimarcare che questo è il vero appellativo dipendente dalla città di Nazaret.

Del libro di Celso "Contro i Cristiani" (distrutto dalla Chiesa), rimangono soltanto le frasi che furono riportate da Origene nel suo "Contra Celsum" come quella che dice: << La verità è che tutti questi fatti da voi riportati sul vostro eroe a cui avete dato il nome di Gesù, non sono che delle invenzioni che voi e i vostri maestri avete fabbricato senza pertanto riuscire a dargli una minima parvenza di credibilità>>. (Da "Contro i Cristiani" di Celso).


Filone Alessandrino

Filone Alessandrino, morto nel 50 e quindi vissuto nel pieno dell'era messianica, quale filosofo neoplatonico, parla del Logos che le comunità essene attendevano come Messia realizzatore di una giustizia sulla Terra, ma nulla dice di Gesù e dei cristiani.

È mai possibile che se veramente ci fosse stata in Alessandria, la città in cui viveva, quella nuova religione cristiana verso la quale affluivano tante conversioni di popolo, di ufficiali romani, di nobili e di politici secondo quanto raccontano i testi sacri, egli non avrebbe detto nulla di essa? Possibile che avrebbe ignorato quel Paolo di Tarso di cui tutti parlavano, sia amici che nemici, per le sue prediche e per i suoi miracoli, se le cose si fossero passate veramente come ci vengono raccontate dagli Atti e dalle Lettere?


Giusto di Tiberiade

Che Giusto di Tiberiade, storico contemporaneo e rivale di Giuseppe Flavio, non parli né di Gesù, né dei cristiani nel suo libro perduto "Storia della Guerra Giudaica", lo sappiamo da Potius, Patriarca di Costantinopoli, che nel IX secolo, dopo aver cercato inutilmente qualche riferimento a Gesù in una copia del libro che egli ancora possedeva, esprimendo tutta la sua meraviglia, così conclude: <<Giusto di Tiberiade non fa nessuna menzione della nascita, degli avvenimenti e dei miracoli che sono stati attribuiti a Gesù >>.


Flavio Giuseppe

Ho lasciato per ultimo Giuseppe Flavio perché è da esso che la Chiesa trae quella che, secondo le sue pretese, rappresenta la prova inconfutabile della storicità di Gesù.

Giuseppe Flavio, di origine e di religione ebrea, fatto prigioniero dai romani nella guerra del 70 nella quale egli aveva combattuto come ufficiale dell'esercito giudaico, in seguito alla nomina che ebbe da Roma, per le sue qualità morali e culturali, a storico ufficiale dell'Impero, scrisse la storia ebraica in due libri: "Antichità Giudaiche" e "Guerra Giudaica".

Nel primo, rifacendosi alla Bibbia dei Settanta, raccontò le vicende del popolo ebraico dalla Genesi all'inizio della Guerra Giudaica (66), nel secondo riportò la storia della Palestina compresa tra il regno di Antioco Epifane (-164) e la guerra di Masada (74) nella quale mori Eleazaro, ultimo figlio di Giuda il Galileo, promotore della guerra del Censimento.

Avendo entrambi i libri trattato del periodo messianico che praticamente va dall'anno 1 (guerra del censimento) all'anno 70 (inizio della diaspora), come non troviamo nulla che si riferisca a Gesù e ai cristiani nel "La guerra Giudaica", altrettanto nulla troveremmo in "Antichità Giudaiche" se in esso non ci fosse una certa frase incidentale che così si esprime: << Allo stesso tempo, circa, visse Gesù, uomo saggio, se pure uno lo può chiamare uomo; poiché egli compì opere sorprendenti, e fu maestro di persone che accoglievano con piacere la verità. Egli conquistò molti Giudei e molti Greci. Egli era il Cristo. Quando Pilato udì che dai principali nostri uomini era accusato, lo condannò alla croce.

Coloro che fin da principio lo avevano amato non cessarono di aderire a lui. Nel terzo giorno, apparve loro nuovamente vivo; perché i profeti di Dio avevano profetato queste e innumerevoli altre cose meravigliose di lui. E fino ad oggi non è venuta meno la tribù di coloro che da lui sono stati detti cristiani>>. (Ant. Giud. XVIII-63).

I motivi che ci permettono di affermare che questo passo è un falso sono:

1) Un ebreo ortodosso come Giuseppe Flavio che rimase fedele all'ebraismo fino alla morte tanto da educare i propri figli a questa religione, un ebreo che considera come suo maggiore orgoglio quello di essere il discendente di una stirpe sacerdotale ebraica, un ebreo che scrive, come lui stesso dice nella presentazione di se stesso che precede "Antichità Giudaiche", per dimostrare la superiorità religiosa mosaica su tutte le altre, non può assolutamente aver riconosciuto come veri i principi base della catechesi cristiana, non può aver affermato che Gesù era il vero Cristo, cioè la realizzazione del Messia del quale egli, quale ebreo, ne attendeva ancora la venuta.

Voltaire così scrive nel suo dizionario filosofico (cap. V): <<Se Giuseppe Flavio lo avesse creduto il Cristo, allora sarebbe stato un cristiano>>.

2) Il passo è posto tra due fatti che retoricamente lo escludono.

Basta esaminare i due avvenimenti riportati nella loro originale posizione, per renderci conto di come il passo riguardante Gesù sia una evidente intromissione che interrompe la relazione che Giuseppe Flavio voleva dare a due disgrazie che avvengono nello stesso tempo.

Dopo aver terminato il racconto di una strage di giudei eseguita dai soldati romani per via di una sommossa sorta perché Pilato si era servito dei denari del Sacro Tesoro per realizzare un acquedotto, con la frase: <<Così terminò la sommossa>>, Giuseppe Flavio passa a raccontare di un'altra disgrazia che colpisce gli ebrei iniziando: <<Nello stesso periodo un altro terribile evento gettò lo scompiglio tra i Giudei e contemporaneamente avvennero azioni di natura scandalosa in connessione con il tempio di Iside a Roma...>>.

Basta mettere fra le due frasi che l'autore ha collegato come gli anelli di una catena il passo di riguardante Gesù che comincia : <<Allo stesso tempo, circa, visse Gesù, un uomo saggio... >> per renderci conto di come essa sia una grossolana interpolazione tra due fatti che retoricamente la escludono.

Questo passo, sconosciuto precedentemente, apparso per la prima volta in "Antichità Giudaiche" nel IV secolo per opera di Eusebio da Cesarea (il falsario), fu riconfermato poi nell'edizione che uscì nel VI secolo, cioè circa dopo due secoli durante i quali il libro di Giuseppe Flavio fu fatto sparire per essere sostituito da un altro "Antichità Giudaiche" che figurava essere stato scritto da un certo Egesippo che in realtà era Ambrogio da Milano che si era firmato con questo pseudonimo.

Possiamo immaginare quello che subì di falsificazioni, aggiunte e sottrazioni il libro di Giuseppe Flavio in mano ad Ambrogio da Milano che aveva tutto l'interesse di nascondere quelle verità che avrebbero demolito la costruzione della Grande Impostura. (Leggere Egesippo sull'enciclopedia Britannica o sulla UTET).

Libero di fare ciò che voleva, dal momento che tutte le copie di Giuseppe Flavio erano state distrutte, Ambrogio da Milano soppresse i nomi compromettenti sostituendoli con dei falsi o degli anonimi, come nel caso della tentata rivoluzione di Giovanni che, attribuita ad un anonimo egiziano, fu portata dagli anni 30 agli anni cinquanta sotto Felice.

Costretta la Chiesa a ritirare le Antichità Giudaiche di Egesippo per le critiche che gli oppositori facevano a questo troppo evidente falso, essa rimise di uovo in circolazione, dopo circa due secoli di sequestro, il libro sotto il nome di Giuseppe Flavio, ma lasciandolo come era stato manomesso da Ambrogio da Milano. Praticamente "Le Antichità Giudaiche" di cui noi oggi disponiamo sono una copia di quelle che uscirono sotto il nome di Egesippo. Non parliamo poi della Guerra Giudaica" che per le manipolazioni che ha subito dai falsari della Chiesa è diventato un libro sconclusionato e privo di logica.

Se io ho affermato che l'episodio riguardante l'Egiziano riportato su Antichità Giudaiche è un falso non è soltanto per quell'evidenza che ci viene nel constatare l'uguaglianza esistente tra di esso e quello che si legge nei vangeli, come l'Orto degli Ulivi, un esercito di giudei pronto per attaccare le legioni Romane, le feste di Pasqua che, come viene continuamente ripetuto da Giuseppe Flavio, erano sempre prescelte dai rivoluzionari per realizzare i loro piani di guerra, ma anche per quello che ci viene da un'analisi dei fatti riportati dagli stessi atti degli Apostoli.

Siamo in Giudea nel 58, sotto il procuratore Felice, quando Paolo di Tarso, dopo aver viaggiato da un estremo all'altro dell'Asia Minore, comprese Grecia, Turchia e tutte le isole del Mediterraneo orientale, con una velocità di spostamenti come se disponesse di un elicottero personale, in una di queste tappe, e precisamente a Gerusalemme, accusato dai giudei di avere profanato il Tempio introducendoci dei greci, fu aggredito dalla popolazione che voleva ucciderlo quale agitatore appartenente alla setta dei Nazir. Salvato dall'intervento di una guarnigione romana, fu condotto come prigioniero presso la fortezza del presidio romano.

Al primo scambio di parole, il tribuno, sentendo che Paolo parlava il greco, gli chiese: <<Allora tu non sei l'egiziano che in questi ultimi tempi ha sobillato e condotto quattromila ribelli al deserto?>>. (Ac. 21:38).

Siccome anche la Chiesa riconosce che questo egiziano al quale si riferisce il tribuno negli Atti degli Apostoli è lo stesso egiziano che viene riportato da Giuseppe Flavio sotto Felice, possiamo continuare nel nostro ragionamento.

Paolo rimase in prigione per ben due anni prima che essere tirato fuori per essere interrogato dal nuovo procuratore Festo che era da qualche giorno subentrato al posto di Felice. ( anno 60).

Festus, tetrarca della Golanite, che era presente all'interrogatorio, espose a Agrippa i motivi per cui Paolo era stato arrestato: << C'è un uomo, lasciato qui prigioniero da Felice... ma gli accusatori non hanno addotto nessuna delle imputazioni che io immaginavo; avevano con lui soltanto alcune questioni inerenti la loro particolare religione e riguardanti un certo Gesù, morto, che Paolo sostiene essere ancora in vita>>. (Ac. 25:19).

Considerando che siamo nell'anno 60, considerando che Gesù è morto nel 33, almeno stando a quanto è stato scritto nei vangeli, come è possibile che Paolo, che già era stato negli anni cinquanta a Gerusalemme, che aveva predicato la sua dottrina e la sua crocefissione, disconosca la morte di Gesù avvenuta 27 anni prima? L'incoerenza tra l'affermazione del tribuno che parla di un egiziano che aveva organizzato la rivolta nel 58 sotto Felice, che è la stessa riportata da Giuseppe Flavio, e la disconoscenza da parte di Paolo della morte di Gesù avvenuta nel 33, ci dimostra che siamo davanti ad un altro imbroglio che ci porta a formulare due domande: O la morte di Gesù non è avvenuta nel 33 ma poco prima del 60, cioè nel periodo in cui Paolo stando in prigione non poteva averla appresa, oppure i fatti che sono riportati dagli Atti nel 58-60 non sono avvenuti in questa data ma bensì soltanto poco dopo la morte di Gesù.

Ricapitolando: se Gesù è stato crocifisso nel 33 è impossibile che Paolo ignori la sua morte nel 60, se Paolo ignora la morte di Gesù significa che i fatti riguardanti la rivolta organizzata dall'egiziano non sono avvenuti nel 56 come viene riportato nelle Antichità Giudaiche, ma bensì all'epoca della morte di Cristo.

Ecco, così, che quadrano i conti per dimostrare che come è falso il passo riportato sugli atti degli Apostoli riguardante l'egiziano altrettanto è falso il passo riportato su Antichità Giudaiche.

Il tutto per far sparire ogni traccia storica della vera rivolta, cioè di quella rivolta di Giovanni che se fosse risultata negli anni trenta in coincidenza con l'arresto di Gesù, avrebbe impedito di costruire la figura di Cristo tanto sarebbe apparso evidente che colui che fu arrestato nell'Orto degli Ulivi nei giorni di Pasqua non era Gesù, detto il Nazareno, figlio di Maria e di Giuseppe, ma bensì Giovanni di Gamala, detto il Nazireo, figlio di Giuda il Galileo, pretendente al trono di Gerusalemme ecc.ecc.

Dimostrato così, ammesso che ce ne fosse stato bisogno, attraverso l'assoluto silenzio storico e i falsi operati per colmarlo, cosa può restare alla Chiesa per sostenere la figura di Gesù se non quell'impulso irragionevole che si chiama fede, quel sentimento cieco supportatore di utopie e d'illusioni capace di produrre soltanto oscurantismo e involuzione come i fatti sempre più, via via che il progresso avanza, dimostrano?
Luigi Cascioli


Ulteriori prove dimostranti la non esistenza storica di Gesù consegnate al giudice all'udienza del 21 novembre 2003

Breve riepilogo della storia essena precedente alla guerra del 70


La rivolta dei Maccabei.

Nel 586 a.C., in seguito alle continue rivolte suscitate dai Giudei, Nabucodonosor attaccò la Giudea, distrusse il Tempio e deportò in Babilonia il Re Ioachin e tutti i maggiori esponenti giudaici. (II Re. 24,14).
Le persecuzioni che ne conseguirono, operate dall'esercito babilonese e dai popoli palestinesi che si erano uniti ad esso, quali i Moabiti, i Caldei, gli Ammoniti e gli Aramei, costrinsero i superstiti Giudei a fuggire nelle altre nazioni (prima diaspora del popolo ebraico).
Dopo 50 anni di prigionia, lasciati liberi da Ciro il Grande in seguito all'annessione di Babilonia all'impero persiano (539), i Giudei, approfittando della libertà di culto che gli era stata concessa, ricostruirono il Tempio di Gerusalemme ed elaborarono un piano per riunire tutti gli ebrei che in seguito alle persecuzioni di Nabucodonosor avevano lasciato la Giudea per rifugiarsi presso i popoli vicini. Avendo compreso, durante la prigionia in Babilonia, quanto fosse determinante per l'unità di un popolo avere una sola religione, loro, che avevano seguito fini ad allora il politeismo, decisero di darsene una attraverso la composizione di un libro, la Bibbia, nel quale, attraverso una storia del tutto inventata, si attribuirono il passato di un popolo che aveva seguito sin dai tempi più antichi un solo Dio che chiamarono, in una confusione di appellativi quanto mai improvvisati e ricopiati, ora "El", che è la radice di nomi di divinità sumere, ora Yahvet la cui etimologia estremamente confusa è già sufficiente per dimostrare quanto essa sia il risultato di un'invenzione priva di ogni pretesa storica: <<Yahveh, una delle denominazioni del Dio d'Israele, che si alterna con quella di El, forse significa "colui che è", forse il "vento, il fiato divino", forse il "distruttore", la "luce che abbatte"; potrebbe derivare anche da Jahu o Jeo, che ritroviamo come suffisso in alcune formule rituali (Hallelù-jah), "Sia glorificato il Iddio", e in alcuni nomi della storia ebraica, tra cui Jeho-shuà, "soccorso di Dio" (che viene reso in Italiano talora con Giosuè e talora con Gesù). Era una divinità della natura, delle tempeste e dei vulcani. Un dio ja-u si ritrova nella Siria settentrionale; nei testi ugarici di Ras-Shamra che risalgono al XIV secolo a.C. viene menzionata una divinità dello stesso nome>>. ( A.Donini. Enciclopedia delle Religioni. Ed. Teti).
Costruitosi così attraverso fatti immaginari, basati per lo più su leggende tramandate dai cantastorie, un passato che li vedeva trasformati, da anonimi nomadi senza patria, in un popolo storicamente riunito sotto un solo Dio, la comunità di Gerusalemme dette il via al programma di riunificazione che in gran parte fu accettato dalle altre comunità sparse nel Medio Oriente che, pur continuando a vivere presso altre nazioni, intendevano continuare a gestirsi in una forma autonoma secondo le leggi dei loro padri.
Ma per quanto continuassero a sentirsi tutti uniti in quelle che erano le tradizioni ataviche, non tardarono a formarsi delle divergenze tra la comunità di Gerusalemme, che insisteva a perseguire una politica rivoluzionaria per la riconquista della Palestina, e le comunità extra palestinesi che, assimilando sempre più i concetti spiritualisti e pacifici dei popoli che li ospitavano, giunte alla conclusione che le guerre avrebbero portato soltanto lutti e dolore, decisero ad un certo punto di separarsi formando una corrente religiosa autonoma come risulta dai libri che uscirono nel IV, III e II secolo, quali le Cronache, Esdra e i Salmi. (vedi La favola di Cristo).
Le due correnti, quella guerriera rappresentata dalla comunità di Gerusalemme e quella spiritualista composta dalle colonie ebraiche residenti per lo più nelle maggiori città siriane, egiziane e greche, quali Damasco, Antiochia, Alessandria, Bitinia, Efeso e Atene, rimasero così separate fino a quando, nel 168, Antioco IV, detto Epifane, tolse ogni libertà religiosa che era stata fino ad allora concessa dai suoi predecessori, imponendo alle nazioni suddite le divintà elleniste. A differenza di tutti i pagani che accettarono tale imposizione per via del sincronismo che era in atto, i Giudei di Gerusalemme reagirono dando inizio a quella rivolta che prese il nome dei Maccabei perché promossa dal sacerdote Mattatia detto il Maccabeo e dai suoi figli Giuda, Simone, Eleazaro, Gionata e Giovanni che accampavano diritti al trono di Gerusalemme quali discendenti della stirpe di Davide.
Gli spiritualisti, vedendo nell'interdizione di Antioco IV la fine della loro razza la cui preservazione, dal momento che gli ebrei non avevano una terra propria che gli desse un'indiviadualità di nazione, si reggeva esclusivamente su un programma religioso, messo da parte ogni programma basato sul pacifismo, si unirono a Mattatia il Maccabeo per sostenere con lui la rivolta armata.
I primi spiritualisti ad unirsi ai rivoluzionari Giudei furono gli Asidei il cui nome, da "Hassedin", significa devoti, osservanti.
Ma poiché la corrente religiosa, dopo la separazione, si era fatta sostenitrice di un Messia tutto proprio, il movimento rivoluzionario si trovò con due Messia, quello guerriero davidico prescelto da Dio fra gli uomini sostenuto dai Giudei di Gerusalemme e quello spirituale che la corrente religiosa aveva idealizzato, attraverso le influenze ricevute dai Culti dei Misteri pagani, in un essere celeste che, in qualità di "Maestro di Giustizia", sarebbe disceso dal cielo per insegnargli la morale da seguire per pervenire alla vittoria finale sui nemici di Dio, rappresentati dai seguaci delle religioni pagane.
Non potendo cedere nessuna delle due correnti il proprio per adottare quello dell'altra, i rivoluzionari giunsero al compromesso di costruirsi quel Messia bicefalo di cui si parla nei libri dei Maccabei che è rappresentato nella parte del Messia guerriero discendente della stirpe di Davide dagli stessi figli di Mattatia che come condottieri dell'armata giudaica si avvicendano in un susseguirsi di battaglie e di trionfi nella convinzione di esserne ciascuno la realizzazione, quali Giuda, Gionata e Simone, e nella parte del Messia spirituale da quelle apparizioni apocalittiche che appaiono nel cielo durante le battaglie sotto forma di un cavallo dalla splendida bardatura montato da un cavaliere rivestito di un'armatura d'oro e da angeli di "splendida bellezza" che infondono coraggio ai combattenti. (II Mac. 11,8; II Mac.10,29).
Una pattuita simbiosi tra il cielo e la terra, cioè tra religione e politica, che gli ebrei realizzarono, per la prima volta nella loro storia, investendo Giuda, figlio primogenito di Mattatia, delle due cariche che fino ad allora erano state sempre separate, quella di Sommo Sacerdote e Capo dell'esercito .
Questa duplice autorità, che investi Giuda di pieni poteri teocratici, passando per i suoi fratelli Gionata e Simone, e poi per Giovanni, figlio di Simone, si trasmise per un diritto di eredità che gli veniva dalla stirpe di Davide, confermato in più dall'istituzione di quella casta degli Asmonei fondata da Simone, nei suoi discendenti, Aristobulo I, Aristobulo II e Ircano II fratelli, fino a giungere a quell'Ezechia che, secondo Giuseppe Flavio, si oppose con i suoi rivoluzionari ai romani allorché Pompeo nel 63 a.C. invase la Palestina con le sue legioni.
L'inserimento della corrente spiritualista nel movimento rivoluzionario comportò un'elevazione dei concetti religiosi in tutto il mondo giudaico il quale, lasciato il Dio tradizionale e obsoleto che nella Bibbia veniva considerato come un caporale che passeggia tra le tende della truppa per controllare dove vengono gettati gli escrementi (Dt. 23,13), adottò quello degli Asidei, cioè quel Dio sovrannaturale che gli spiritualisti avevano a loro volta assimilato dai Culti dei Misteri praticati dai popoli pagani. Infatti è durante la rivolta dei Maccabei che si parla per la prima volta nella storia ebraica di un Dio che apre agli uomini le porte dell'eternità attraverso una resurrezione dalla morte (II Mac.14,16) che permette l'accesso a un'altra vita come ci viene dimostrato dalla "madre dei sette fratelli" che esorta i propri figli ad affrontare sorridendo i loro carnefici perché sarà attraverso il martirio che essi acquisiranno i meriti per ritrovarsi tutti insieme nel giorno della misericordia, cioè della resurrezione dei morti. (II Mc. 7,28).
Gli Asidei ebbero una tale prevalenza in seno al movimento rivoluzionario da imporre ad esso il proprio nome tanto che lo stesso Giuda, lasciato l'appellativo di Maccabeo, si fece chiamare Giuda l'Asideo.
La repressione praticata da Antioco IV contro i rivoltosi, morto lui, proseguì attraverso suoi i figli,Antioco V e AntiocoVI, in un continuo di battaglie fra i due eserciti e di reciproche ritorsioni e attentati eseguiti con atti di terrorismo da parte degli Asidei (Maccabei) e persecuzioni da parte degli ellenisti contro i sostenitori dei rivoluzionari che venivano sottoposti alle torture più atroci come ci viene riportato dalla stessa Bibbia nelle persone di Eleazaro e la madre di sette fratelli precedentemente già nominata. (II Mc. 6,18 e 7,1).
Finito il dominio ellenista in seguito alla conquista di Roma del Medio Oriente, la Palestina passò come protettorato sotto il controllo dell'autorità romana che aveva sede in Siria.
Il primo ad entrare in Palestina fu Pompeo che nel 63 la occupò con le sue legioni per sedare una guerra di successione al trono di Gerusalemme che era sorta tra i due fratelli Ircano II e Aristobulo II, figli di Aristobulo I diretto discendente della stirpe degli Asmonei fondata da Simone, figlio di Mattatia: <<I figli di Aristobulo e i suoi discendenti continuarono la lotta di rivendicazione al trono della Giudea contro IrcanoII>>. (Giuseppe Flavio, Ant. Giud.).
Pompeo, profanando il Tempio di Gerusalemme, si attirò subito l'odio degli ebrei e in particolare quello degli esseno-zeloti che, proseguendo nel programma degli loro predecessori Asidei, vedevano in lui, quale sostenitore di Erode, un nemico degli Asmonei che essi ritenevano essere i soli legittimi eredi del trono di Gerusalemme quali discendenti della stirpe di Davide attraverso la casta degli Asmonei.
È in questa resistenza armata contro i romani che compare la figura di un certo Ezechia che rivendica il trono di Gerusalemme quale discendente della casta degli Asmonei.
Organizzati e diretti da Ezechia, "medico e rabbino appartenente ad una famiglia facoltosa della regione del Golan" (Guerra Giud.), gli Asidei, che nel frattempo avevano preso il nome di esseni (vedi trasformazione del nome nella Favola di Cristo), attaccarono le guarnigioni romane, lasciate da Pompeo in Palestina, e i loro alleati rappresentati dagli erodiadi e i Sadducei.
Morto Ezechia nel 44 in uno scontro armato contro una pattuglia di Erode, il comando degli esseno-zeloti passò al figlio Giuda detto il Galileo che morì a sua volta nella guerra del censimento della quale aveva assunto il comando. (+6).
È verso la fine del I secolo a.C., cioè con la successione a Ezechia di Giuda il Galileo, che compaiono nella storia giudaica degli estremisti rivoluzionari che vengono chiamati zeloti (da "zelotes" che significa zelante) anche se molti sono gli argomenti che ci portano a sostenere che costoro esistessero già dal tempo della rivolta dei Maccabei per le troppe analogie che li unisce, quali le innumerevoli razzie e azioni di terrorismo tra le più nefande, di cui ci parla la stessa Bibbia a proposito delle pattuglie maccabee (I.Mc. 9,37), che sono le stesse che vengono attribuite da Giuseppe Flavio e Filone alle pattuglie zelote, e il nome stesso di zelota che non può che confermarci che il primo zelota fu proprio Mattatia che in un eccesso di "zelo", parola da cui deriva questo nome, comportandosi da vero estremista, dette inizio alla rivolta uccidendo con un colpo di spada un sacerdote di Antioco IV che stava accingendosi a svolgere un rito pagano. (I Mc.2,24). Basta leggere con quanta insistenza Mattatia incita nel suo testamento i propri seguaci allo "Zelo" per renderci conto che l'estremismo zelota esisteva già dalla rivolta dei Maccabei. (I Mc.2,49).
E il comportamento dei Maccabei così espresso nella Bibbia: <<Il timore di Giuda e dei suoi fratelli cominciò presto a diffondersi e le genti intorno furono prese da terrore>> (IMc.3, 25) non è lo stesso del quale parlano gli storici riferendosi agli zeloti del tempo dei romani?: << Se gli zeloti non ricevevano quanto chiedevano, incendiavano le case dei signori che si rifiutavano e poi li uccidevano con le loro famiglie>>. ( Filone ).
<<Gli zeloti, distribuiti in squadre, saccheggiavano le case dei signori che poi uccidevano, e davano alle fiamme i villaggi sì che tutta la Giudea fu piena delle loro gesta efferate>> (Giuseppe Flavio).
I figli che subentrarono a Giuda il Galileo, figlio di Ezechia, nei nomi di Giovanni, Simone, Giacomo il Maggiore, Taddeo, Giuda, Giacomo il Minore e Menahem furono praticamente i fautori, quali pretendenti al trono di Gerusalemme, di tutti i disordini, rivolte e guerre che si succedettero in quel periodo che, compreso tra la guerra del censimento (+6) e la guerra giudaica (+70), determinò l'era messianica.
Il clima di terrore generato dall'odio dei rivoluzionari contro i romani fu ancora più rovente che quello che si era realizzato durante l'invasione ellenistica da parte di Antioco IV. Le rivolte, sostenute tra i guerriglieri di Gerusalemme e la corrente spiritualista, coinvolgendo tutte le comunità religiose extra palestinesi, si estesero di conseguenza su tutte le città dell'Impero, compresa Roma dove esisteva una colonia di ebrei sin dal tempo delle deportazioni operate al tempo di Giulio Cesare. Le nazioni ove maggiormente si verificarono disordini e rivolte furono l'Egitto e La Siria nelle città di Antiochia, Alessandria e Damasco che ospitavano comunità ebraiche eccezionalmente numerose. Si calcola che ad Alessandria ci fossero già altre cinquecentomila ebrei sin da prima della rivolta dei Maccabei. Saranno queste, come vedremo, le comunità che determineranno l'evoluzione religiosa essena che porterà al cristianesimo di Madre Chiesa.
Avendo compreso attraverso la guerra del censimento quanto fosse determinante la partecipazione popolare nelle rivolte, gli esseno-zeloti cercarono di coinvolgere le masse fomentando l'odio contro i Romani e i loro alleati presentandoli ad esse come i sostenitori delle ingiustizie sociali. Così, mentre i guerriglieri si addestravano nei centri di reclutamento (Kimbert-Qumran e la Galilea) per prepararsi alla guerra finale che avrebbe determinato la fine dei nemici di Dio, i Nazir cercavano di coinvolgere il popolo alla loro causa svolgevano una propaganda di proselitismo basata su prediche rivolte ai derelitti e ai perseguitati (discorso delle beatitudini) e sul battesimo garante di un vita eterna (Giovanni detto il Battista), e le comunità aprivano le porte a quanti volevano unirsi alla loro ideologia offrendo vitto e alloggio in cambio di un lavoro comunitario.
Nella certezza che con l'avvento del Messia sarebbero pervenuti a quella vittoria finale che li avrebbe resi padroni del mondo per quella convinzione che li aveva portati a credere che la costituzione dell'Impero fosse stata voluta da Dio per dare al suo popolo la possibilità di sostituirsi a Roma, i giudei, sotto l'incitamento degli esseno-zeloti, trasformarono l'Impero in un teatro di attentati e di rivolte che culminarono con quella guerra giudaica che determinò nel 70 la fine dell'era messianica con la morte di Menahem, ultimo figlio di Giuda il Galileo.

FATTI RELATIVI AL PRIMO SECOLO.
La repressione romana contro gli esseni, a differenza di quella di Antioco IV che aveva un carattere religioso, era essenzialmente di ordine sociale. Roma, favorevole come era alla realizzazione di un sincretismo che le avrebbe permesso di governare con più facilità il proprio Impero se tutti i popoli fossero stati riuniti sotto un unico dio (strategia che era stata già seguita precedentemente da Ciro il Grande e Alessandro il Macedone), non avrebbe mai contrastato l'ebraismo se questo avesse seguito come tutte le altre religioni un programma di estensione basato sul pacifismo.
L'imposizione che i romani facevano ai giudei di venerare l'immagine degli imperatori e di mangiare i cibi proibiti, non era fatta per imporre ad essi i culti pagani, ma soltanto per scoprire attraverso il loro rifiuto gli appartenenti al movimento rivoluzionario, come nei Vespri Siciliani se veniva imposto ai sospetti di pronunciare la parola "ceci" non era per insegnare la lingua italiana ma per scoprire attraverso la pronuncia se fossero francesi.
Con la stessa fede con la quale i loro padri avevano affrontato la morte nelle persecuzioni durante la rivolta contro gli ellenisti di Antioco IV, gli esseni andarono incontro agli aguzzini romani come ci viene testimoniato dal martirio di Stefano negli Atti degli Apostoli (At. 7), che è del tutto uguale ai supplizi di Eleazzaro e della madre dei sette fratelli dell'era maccabea (II Mc. 6,18 - 7,1), e da quanto Giuseppe Flavio scrive di essi: <<Gli Esseni disprezzano i pericoli e superano i dolori attraverso la riflessione. Quando giunge con gloria, considerano la morte migliore della vita. I loro spiriti, del resto furono sottoposti ad ogni genere di prove dalla guerra contro i romani, durante la quale furono contorti, stirati, bruciati e fratturati, fatti passare sotto ogni strumento di tortura, affinché bestemmiassero il loro Dio legislatore oppure mangiassero alcunché che la loro religione considerava illecito, ma rifiutarono ambedue le cose. Neppure adularono mai i loro tormentatori né mai piansero. Sorridendo tra gli spasimi e rivolgendosi ironicamente verso coloro che li torturavano, affrontavano la morte come coloro che stavano per riceverne un'altra.
Infatti è ben salda in loro l'opinione che i corpi sono corruttibili e instabile è la materia, mentre le anima vivono in eterno>>. (Guerra Giu. IV 57,62). (questa opinione sulla corruttibilità della materia prettamente essena, sarà ripresa, come vedremo, nella prima metà del II secolo dagli gnostici per costruire quel Cristo che, rimanendo essenzialmente spirituale, scenderà in terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze).
Entrambi, sia Stefano dell'era cristologica che Elezzaro e la madre dei sette fratelli, pur separati da due secoli, morirono per lo stesso Messia dalla duplice figura che gli avrebbe permesso di conquistare il mondo politicamente, come conduttore di eserciti, e spiritualmente attraverso una morale che si sarebbe imposta a tutte le altre religioni.
<<Per gli esseni tale escatologia si calava profondamente nella realtà sociale-politica della nazione ebraica, considerata depositaria di una funzione redentrice mondiale. Il tempo della visita corrispondente alla venuta del Messia di Aronne e d'Israele.
Infatti, come i documenti dimostrano, l'attesa degli esseni si rivolge non a uno, ma a due Messia: uno con la funzione politica, il Messia d'Israele, liberatore messianico e futuro re; l'altro, con una funzione religiosa, il Messia d'Aronne, maestro spirituale e sacerdote>>. (David Donnini - Cristo - Ed. Erre emme).
Per comprendere gli esseni nella loro organizzazione bisogna risalire ai Maccabei allorché Giuda, figlio di Mattatia, dopo aver preso il comando in seguito alla morte del padre, pianificò la rivolta nelle sue due componenti: la combattente guerriera e la componente di sostegno costituita dai loro familiari che doveva provvedere alla logistica e al reclutamento di proseliti attraverso la divulgazione della loro ideologia, come risulta dalla stessa Bibbia: <<Tutti coloro che insorsero contro gli editti di Antioco IV si radunarono dunque e vennero in Masfa di fronte a Gerusalemme, perché nei tempi antichi Masfa era stato luogo di preghiera in Israele. In quel giorno digiunarono, si sparsero la cenere sul capo e si stracciarono le vesti. Portarono le vesti sacerdotali, le primizie e le decime e fecero venire avanti i Nazirei che avevano compiuto i giorni del loro voto, e alzarono le mani al cielo gridando: <<che faremo di costoro e dove li condurremo, mentre il tuo santuario è conculcato e profanato e i tuoi sacerdoti sono in lutto e desolazione? Come potremo resistere di fronte ai pagani se tu non ci aiuterai? >>. Dopo di questo Giuda stabilì i condottieri del popolo, i comandanti di mille, di cento, di cinquanta e di dieci uomini e disse a coloro che costruivano case o che stavano per prendere moglie, a quelli che piantavano la vigna o che erano paurosi, di tornare a casa loro, secondo la legge>>,. (Mc. 3, 46). E fu secondo la legge, la legge dei loro padri, che coloro che furono rinviati a casa perché non idonei al combattimento, si riunirono formando quelle comunità che sosterranno poi il movimento rivoluzionario attraverso una militanza basata spiritualmente sulla preghiera ed economicamente sul versamento di denaro nelle casse comuni. Così, mentre l'esercito si rafforzava per i volontari che giungevano da tutte le nazioni, come ci riferisce la Bibbia a proposito di Giuda che "divenne celebre fino alle estremità della terra perché radunò tutti quelli che erano dispersi" (I Mc. 3,9), le comunità si confermavano nell'idea nazionalista attraverso una reciproca esortazione al rispetto delle comuni origini, come risulta dalle lettere inviate da Gerusalemme alle colonie ebraiche d'Egitto. ( II Mc. I e segg.).
Finita l'occupazione ellenistica, la lotta continuò contro l'invasore romano con un continuo di guerre, di rivolte, di azioni terroristiche in un fervore che andò sempre più aumentando dopo la destituzione di Archelao (+6) che, secondo la profezia di Giacobbe, annunciava l'imminente avvento di un liberatore inviato da Dio nella persona di Messia dalla duplice figura.
Ma, se l'essenza umana di questo Messia era rappresentata da un uomo scelto da Dio fra i discendenti della stirpe di Davide che i Giudei se lo attendevano venire dalla famiglia di Giuda il Galileo, figlio di Ezechia, quella divina, che durante la rivolta dei Maccabei si era manifestata attraverso visioni rappresentate da un cavaliere dal mantello dorato, chi era? Dove risiedeva? Quali origini aveva?
E ancora una volta, per soddisfare l'assurdo, i seguaci della Bibbia ricorsero all'intervento del soprannaturale individuandolo in colui che il profeta Isaia aveva visto un paio di secoli prima in una visione: <<Guardando ancora nelle visioni notturne, ecco apparire, sulle nubi del cielo, uno, simile a figlio di uomo; giunse fino al vegliardo (Dio) e fu presentato a lui che gli diede potere, gloria e regno>>. (Dn.7,13).
Sarà su questo concetto di un Messia la cui figura è rapportata a "uno, simile a figlio di uomo", che la scuola filosofica alessandrina, nella persona dell'ebreo Filone, filosofo e teologo, costruirà il suo Logos e gli gnostici s'inventeranno nel secondo secolo il loro Cristo, cioè quel Cristo che, "simile a figlio di uomo" svolgerà la sua missione di predicatore sulla Terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze.
È in questo mondo di contrasti sociali, di guerre e di rivolte determinati dall'attesa di un Messia liberatore sostenuta dai Giudei-esseni attraverso una visione, che verrà intromessa la figura di un Cristo predicatore che si farà morire nell'anno quindicesimo del regno di Tiberio, sotto Ponsio Pilato governatore della Giudea. Ma questo Messia, a cui è stato dato il nome di Gesù, di cui nessuno ne parla all'infuori dei testi sacri, è veramente esistito oppure fa di una costruzione storica completamente inventata? Lo scopriremo nei capitoli seguenti.

GLI ESSENI DOPO LA GUERRA DEL 70.
In un susseguirsi di attentati, azioni sovversive e rivoluzioni esseno-zelote e relative repressioni, da parte dei Romani, si giunse alla guerra del 66- 70 che con la sconfitta dell'esercito rivoluzionario e la morte di Menahem, figlio di Giuda il Galileo, ultimo discendente della stirpe degli Asmonei, pose termine all'era cristologica.
La guerra, promossa dai giudei per controversie di culto, dopo un alternarsi di vicende favorevoli e sfavorevoli ora all'una e ora all'altra parte, sembrò risolversi definitivamente a favore dell'esercito rivoluzionario.
I disordini che seguirono la morte di Nerone (+68) misero Roma in un tale stato di disordine e anarchia da costringere l'esercito, privo di direzione e di assistenza, a rifuggiarsi in Siria lasciando la Palestina in mano ai rivoluzionari. Fu in questo periodo che i Giudei, nella certezza di essere pervenuti a quella vittoria finale del bene contro il male considerata nel "Rotolo della Guerra", celebrarono le esequie di Roma, la Babilonia del peccato e della corruzione, in quel libro che uscì nel 69 sotto il nome di Apocalisse (Rivelazione).
Ma le cose andarono diversamente; Adriano, succeduto a Galba, deciso di porre fine ai disordini della Palestina, inviò una potentissima armata al comando del figlio Tito. Gerusalemme, conquistata dopo un assedio di sei mesi, fu messa a ferro e fuoco, il Tempio raso al suolo.
Come conseguenza della sconfitta, le persecuzioni contro gli ebrei ripresero con rinnovato accanimento non solo in Giudea ma anche in tutte le nazioni dell'Impero in una vera e propria caccia all'uomo alla quale ai romani si unirono anche le popolazioni per quell'odio che in esse si era accumulato verso questa razza ritenuta capace di produrre soltanto guerre, disordini e stragi. In questo ambiente di astio collettivo che permetteva anche ai più vili di accanirsi contro i perseguitati, le masse popolari, forse ancor più dei romani stessi, si scagliarono con tanto furore contro chiunque apparteneva alla religione ebraica, da determinare un vero genocidio. Come in Siria, dove secondo gli storici del tempo ne furono massacrati altre centomila, così nelle altre città, quali Efeso, Alessandria, Antiochia e Damasco, le stragi si susseguirono in eccidi che spesso venivano eseguiti come pubblici spettacoli in anfiteatri o su patiboli eretti nelle piazze e nelle strade.
Tutte vittime che la Chiesa, sostituendosi agli Esseni, ha fatto passare fraudolentemente come martiri di un suo cristianesimo che, come sarà ampiamente dimostrato in seguito, ancora non esisteva.
Fu in seguito alla disfatta dell'esercito rivoluzionario che la corrente religiosa, riconfermandosi nella convinzione che le guerre e la violenza avrebbero portato soltanto lutti e dolore, lasciò definitivamente la figura del Messia guerriero davidico alla quale si era associata nella rivolta dei Maccabei, per ritornare nel suo monoteismo spirituale che prevedeva la conquista del mondo attraverso l'avvento di un Messia sacerdotale (Maestro di Giustizia).
I rivoluzionari, da parte loro, rimasti fedeli al Messia davidico, continuarono nel loro programma rivoluzionario finche, passando per la guerra del 74, organizzata anch'essa da un appartenente, sia pure in forma indiretta alla famiglia di Giuda il Galileo (Giuseppe Flavio afferma che era un parente di Menahem), di nome Eleazaro, non furono definitivamente eliminati nel 132-135 dall'imperatore Traiano in quella guerra nella quale morì Bar Kocheba, l'ultimo sedicente Messia. La distruzione di Gerusalemme fu così totale da essere paragonata dagli stessi ebrei a quella operata da Antioco IV che era stata preannunciata dal profeta Daniele con l'espressione di "abominio della desolazione".
Gli esseni religiosi, ormai liberi dopo il 70 da ogni impegno precedentemente contratto con i rivoluzionari, ostentando un programma spirituale ancor più rigoroso di quello che avevano praticato nel passato, si fecero divulgatori di una ideologia che, libera da ogni coinvolgimento rivoluzionario, li facesse apparire come sostenitori di una religione che avrebbe posto fine all'odio, alle guerre per dare inizio ad un'era di pace e di benessere come risulta dai quattro capitoli dell'Apocalisse che furono da essi aggiunti nel 95 alla prima edizione del 68, quella edizione che uscita durante la guerra del 70 esprimeva invece un programma basato essenzialmente sulle stragi e sulla vendetta: << Vidi poi un nuovo cielo (è l'autore della corrente spiritualista che scrive) e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c'era più (si riferisce al mare Mediterraneo nel quale i rivoluzionari vedevano affogarsi i romani e i loro alleati una volta buttati fuori dalla Palestina, dalla Siria e dall'Egitto). Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo... In mezzo alla piazza della città (Gerusalemme) e da una parte e dall'altra del fiume (Giordano) si trova un albero di vita che dà dodici raccolti e produce frutti ogni mese; le foglie dell'albero servono a guarire le nazioni>> (Dai capp. 21 e 22 che furono aggiunti nel 95 all'Apocalisse del 68, dagli esseni spiritualisti).
(Dall'espressione sopra riportata marcata in grassetto, esprimente un'abbondanza quanto mai scema e delirante, saranno poi ripresi, come vedremo, una parte di quei detti e sentenze che gli gnostici, quali Papia vescovo di Geropoli, attribuiranno ad un Gesù dichiarato esistito ma in forma del tutto spirituale).
Fu così che gli Esseni del dopo 70, atteggiandosi da pacifisti e da santi, proseguendo nel loro programma monoteista essenzialmente religioso, incrementarono il proselitismo aprendo le porte a quanti volevano convertirsi alla loro religione. Garantendo ai proseliti oltre il vitto, l'alloggio e la vita eterna anche la possibilità di sottrarsi ad ogni rivalsa che avrebbero potuto subire per reati comuni e politici attraverso l'acquisizione di un nuovo nome che gli veniva dato in seguito al battesimo, le comunità essene, come una legione straniera, divennero veri e propri centri di reclutamento per frustrati, falliti, visionari, avventurieri e criminali. L'afflusso di queste masse di diseredati provenienti per lo più dal mondo ellenista fu così imponente da portare le comunità essene ad adottare la lingua greca lasciando l'uso dell'ebraico soltanto per la celebrazione dei riti.
<<Fu in questo periodo, appunto perché nelle comunità essene del Medio Oriente e soprattutto in Alessandria d'Egitto gli ebrei erano arrivati a parlare solo in greco, che la Bibbia, detta dei 70, fu completata e tradotta in questa lingua contrariamente a quanto viene raccontato dalla Chiesa che la fa dipendere da un certo Tolomeo Filadelfo, re d'Egitto nel II secolo>>. ( Josif Kryevelev Calendario del Popolo. Ed. Teti).
Come conseguenza dell'adozione della lingua greca, l'appellativo di Messia, venne cambiato con la corrispondente traduzione greca di Cristos (Cristo): <<Il Messia lungamente atteso nell'atmosfera spirituale dell'ellenismo che si diffuse tra le comunità giudaiche della diaspora assunse notevole popolarità con il nome di Cristo. La parola Cristos significa in greco antico ciò che significa in ebraico la parola Mashiah: l'unto (dal greco crio, ungere)>>. (Josif Kryvelev. Op. cit. -8).
Per cui, come conseguenza, i seguaci del Messia-Cristos, furono chiamati cristiani, ma con un significato piuttosto dispregiativo: <<Il termine cristiano è nato in un ambiente non palestinese: è probabile che venisse usato in termine di ironico disprezzo (gli "unti", gli "impomatati") per distinguere dagli ebrei della Sinagoga i nuovi convertiti, gente strana, dalla lunga capigliatura, un po' come i nostri "capelloni">>. (A. Donini. Storia del Cristianesimo. Ed.Teti. pag. 29).
La conferma del disprezzo che suscitavano gli appartenenti a queste comunità esseno-cristiane, e non soltanto per una questione di trascurato abbigliamento ma anche per quella loro ideologia che, pur ostentandosi pacifica, si rifiutava di accettare l'autorità degli imperatori romani dichiarando che il vero loro padrone era soltanto Dio, ci viene dagli autori del tempo, quali Tacito e Plinio il Giovane, che li qualificano come seguaci di una religione perniciosa basata sulla superstizione.
In quel periodo di disordini, di povertà, di persecuzioni e di banditismo, coloro che si rifugiarono nelle comunità essene furono così numerosi da superare gli esseni originali: <<Le comunità della nuova religione si organizzarono in diverse località del vicino Oriente e in esse ebbero un ruolo sempre meno importante gli ebrei mentre assumevano maggiore rilievo, sia per numero che per influenza, i proseliti del variegato impero romano>>. (Josif. Kryvelev. Analisi Storico Critica della Bibbia -9 ).
Ed è su queste conversioni di pagani alle comunità essene che la Chiesa costruirà la propria storia attribuendole all'apostolato di Pietro, Giacomo, Giovanni, Paolo e di tutti gli altri discepoli che vengono dichiarati testimoni della vita di Cristo.
Ma per quanto la fede dei convertiti si cercasse di renderla salda ed omogenea attraverso l'obbedienza più assoluta alle regole delle comunità, non tardarono a sorgere nella massa eterogenea dei loro componenti, fatta di Giudei e di ex pagani, le divergenze concettuali su quel Messia (Cristos) la cui figura, rappresentata dall'astrattismo di una visione (Daniele), dava adito alle più svariate interpretazioni. La sua morale, era strettamente Mosaica, come sostenevano i giudei, o considerava l'esonero di alcune leggi imposte dal Pentateuco, come pretendevano i convertiti pagani? E sulle discussioni che ne derivarono per stabilire se doveva considerarsi obbligatorio o no circoncidersi, mangiare carni di animali immondi, concedere il battesimo agli eunuchi, escludere dalle cariche i deformi, ogni comunità si costruì un proprio Messia che cercò di imporre alle altre comunità attraverso i suoi predicatori come risulta dagli stessi testi sacri attraverso quei pochi passi che, per gli argomenti che trattano, si possono ritenere autentici anche se riferiti a personaggi del tutto immaginari.
Ci fu il Cristo di Paolo, di Apollo, di Pietro (I Cr.1,12), ci furono i Cristi di Balaam, della Sinagoga di Satana, della sacerdotessa Jezabele e del filosofo Nicola (Ap.II), e tanti altri Cristi che ogni predicatore dichiarava falsi per sostenere che soltanto il suo era quello vero (I Cor-1,12; II Cor. 11,14) come l'autore dell'Apocalisse che, in questa lizza generale, così ci presenta il suo: <<Simile a figlio di uomo, con un abito lungo fino ai piedi e cinto d'oro, con gli occhi fiammeggianti come fuoco, i piedi di bronzo e la voce simile al fragore di grandi acque>> (Ap. 1,12).
Come si vede, considerando che questo passo è tratto dall'Apocalisse de 95, per tutto il primo secolo si è ancora nel pieno di immaginazioni e di visioni che escludono il Messia da ogni forma di incarnazione.
Il comportamento di questi esseni spirituali che si erano ritirati in preghiera nelle loro comunità, non poteva essere in realtà, quali seguaci di un monoteismo, che un'ipocrita ostentazione di pacifismo avente come unico scopo quello di accattivarsi la simpatia delle autorità e la fiducia delle masse. Come sepolcri imbiancati fuori ma con dentro nidi di serpenti, essi continuavano ad alimentare l'odio e la vendetta contro i loro nemici trasferendo in una dannazione eterna, basata su laghi di stagno fuso e di zolfo, come viene continuamente ripetuto nella loro Apocalisse del 95, quelle stragi che non potevano più realizzare con le armi. Il leone di Giuda, travestito d'agnello, conservava intatto tutto l'odio contro coloro che si opponevano al suo imperialismo, quell'imperialismo monoteista che nel suo concetto di dominio universale prevede di mettere tutti i suoi nemici a sgabello dei propri piedi.
Un esempio esplicativo di come essi conservassero la ferocia atavica che gli veniva dagli insegnamenti della Bibbia, il libro della vendetta e dell'odio, lo troviamo in quel passo degli Atti degli Apostoli nel quale Pietro detto Cefa, capo della comunità essena di Gerusalemme, uccide i due coniugi Anania e Saffira perché non avevano rispettato la regola che imponeva ai seguaci di versare alla comunità tutti gli averi di cui disponevano. (At. 5).
Un'altra testimonianza della ferocia che si nascondeva sotto il pacifismo ostentato dalle comunità spiritualiste essene ci viene da Ippolito Romano, scrittore cristiano del III seolo: <<Gli Esseni sono i divisi e non seguono le pratiche nella stessa maniera essendo ripartiti in quattro categorie. Alcuni spingono le regole fino all'estremo: si rifiutano di prendere in mano una moneta asserendo che non è lecito portare, guardare e fabbricare alcuna effigie; nessuno di costoro osa perciò entrare in città temendo di attraversare una porta sormontata da statue, essendo sacrilego passare sotto le statue. Altri udendo discorrere qualcuno di Dio e delle sue leggi, si accertano se è incirconciso, attendono che sia solo e poi lo minacciano di morte se non si fa circoncidere; qualora non lo consenta essi non lo risparmiano, lo assassinano: è appunto per questo che hanno preso il nome di zeloti, e da altri quello di sicari. Altri si rifiutano di dare il nome di padrone a qualsiasi persona, eccetto che a Dio solo, anche se fossero minacciati di maltrattamenti e di morte>>.
Ma per quanto si adoprassero ad alimentare il fervore attraverso canti e preghiere tendenti a sollecitare la discesa dal cielo del loro Salvatore, un po' per quella fede che cominciò a vacillare verso un avvento che veniva sempre rinviato, (cosa per altro già accaduta nel III terzo secolo a.C., secondo quanto viene esposto dal libro di Giobbe che fu scritto appunto per esortare alla pazienza gli ebrei stanchi di attendere un Messia che non arrivava mai), e un pò perché si erano resi conto che non avrebbero mai potuto imporre la loro religione con un Messia il cui avvento era basato sull'astrattismo di una promessa, alle religioni pagane che proponevano Soteres che avevano già compiuto la loro missione salvatrice, decisero di costruirsene anch'essi uno che si già realizzato.
Ma dove trovare gli argomenti giustificativi per rendere credibile un evento che, oltre a non essere da nessuno conosciuto, era stato da loro stessi smentito attraverso quell'attesa che fino ad allora avevano sostenuto? E ancora una volta, ricorrendo alla gabala e alle predizioni dei profeti, imposero la loro verità invocando quella profezia nella quale Isaia, sette secoli prima, aveva previsto che il Messia sarebbe passato tra gli uomini senza essere riconosciuto: <<Egli (il Messia), dopo essere passato tra gli uomini in maniera così umile e modesta nelle parvenze da non essere rimarcato da alcuno, seguirà i suoi carnefici silenzioso e docile come un agnello che viene condotto al mattatoio>> ( ). Anche se potrà sembrare incredibile, purtroppo è proprio così: sarà su questa profezia, sull'imposizione che ci viene da essa di accettare come compiuto un fatto che in realtà non è mai accaduto, che sarà costruita, come vedremo in seguito, tutta la storia di un Salvatore gnostico che fornirà le basi per costruire la figura di un Gesù incarnato.




La rivolta dei Maccabei.

Nel 586 a.C., in seguito alle continue rivolte suscitate dai Giudei, Nabucodonosor attaccò la Giudea, distrusse il Tempio e deportò in Babilonia il Re Ioachin e tutti i maggiori esponenti giudaici. (II Re. 24,14).
Le persecuzioni che ne conseguirono, operate dall'esercito babilonese e dai popoli palestinesi che si erano uniti ad esso, quali i Moabiti, i Caldei, gli Ammoniti e gli Aramei, costrinsero i superstiti Giudei a fuggire nelle altre nazioni (prima diaspora del popolo ebraico).
Dopo 50 anni di prigionia, lasciati liberi da Ciro il Grande in seguito all'annessione di Babilonia all'impero persiano (539), i Giudei, approfittando della libertà di culto che gli era stata concessa, ricostruirono il Tempio di Gerusalemme ed elaborarono un piano per riunire tutti gli ebrei che in seguito alle persecuzioni di Nabucodonosor avevano lasciato la Giudea per rifugiarsi presso i popoli vicini. Avendo compreso, durante la prigionia in Babilonia, quanto fosse determinante per l'unità di un popolo avere una sola religione, loro, che avevano seguito fini ad allora il politeismo, decisero di darsene una attraverso la composizione di un libro, la Bibbia, nel quale, attraverso una storia del tutto inventata, si attribuirono il passato di un popolo che aveva seguito sin dai tempi più antichi un solo Dio che chiamarono, in una confusione di appellativi quanto mai improvvisati e ricopiati, ora "El", che è la radice di nomi di divinità sumere, ora Yahvet la cui etimologia estremamente confusa è già sufficiente per dimostrare quanto essa sia il risultato di un'invenzione priva di ogni pretesa storica: <<Yahveh, una delle denominazioni del Dio d'Israele, che si alterna con quella di El, forse significa "colui che è", forse il "vento, il fiato divino", forse il "distruttore", la "luce che abbatte"; potrebbe derivare anche da Jahu o Jeo, che ritroviamo come suffisso in alcune formule rituali (Hallelù-jah), "Sia glorificato il Iddio", e in alcuni nomi della storia ebraica, tra cui Jeho-shuà, "soccorso di Dio" (che viene reso in Italiano talora con Giosuè e talora con Gesù). Era una divinità della natura, delle tempeste e dei vulcani. Un dio ja-u si ritrova nella Siria settentrionale; nei testi ugarici di Ras-Shamra che risalgono al XIV secolo a.C. viene menzionata una divinità dello stesso nome>>. ( A.Donini. Enciclopedia delle Religioni. Ed. Teti).
Costruitosi così attraverso fatti immaginari, basati per lo più su leggende tramandate dai cantastorie, un passato che li vedeva trasformati, da anonimi nomadi senza patria, in un popolo storicamente riunito sotto un solo Dio, la comunità di Gerusalemme dette il via al programma di riunificazione che in gran parte fu accettato dalle altre comunità sparse nel Medio Oriente che, pur continuando a vivere presso altre nazioni, intendevano continuare a gestirsi in una forma autonoma secondo le leggi dei loro padri.
Ma per quanto continuassero a sentirsi tutti uniti in quelle che erano le tradizioni ataviche, non tardarono a formarsi delle divergenze tra la comunità di Gerusalemme, che insisteva a perseguire una politica rivoluzionaria per la riconquista della Palestina, e le comunità extra palestinesi che, assimilando sempre più i concetti spiritualisti e pacifici dei popoli che li ospitavano, giunte alla conclusione che le guerre avrebbero portato soltanto lutti e dolore, decisero ad un certo punto di separarsi formando una corrente religiosa autonoma come risulta dai libri che uscirono nel IV, III e II secolo, quali le Cronache, Esdra e i Salmi. (vedi La favola di Cristo).
Le due correnti, quella guerriera rappresentata dalla comunità di Gerusalemme e quella spiritualista composta dalle colonie ebraiche residenti per lo più nelle maggiori città siriane, egiziane e greche, quali Damasco, Antiochia, Alessandria, Bitinia, Efeso e Atene, rimasero così separate fino a quando, nel 168, Antioco IV, detto Epifane, tolse ogni libertà religiosa che era stata fino ad allora concessa dai suoi predecessori, imponendo alle nazioni suddite le divintà elleniste. A differenza di tutti i pagani che accettarono tale imposizione per via del sincronismo che era in atto, i Giudei di Gerusalemme reagirono dando inizio a quella rivolta che prese il nome dei Maccabei perché promossa dal sacerdote Mattatia detto il Maccabeo e dai suoi figli Giuda, Simone, Eleazaro, Gionata e Giovanni che accampavano diritti al trono di Gerusalemme quali discendenti della stirpe di Davide.
Gli spiritualisti, vedendo nell'interdizione di Antioco IV la fine della loro razza la cui preservazione, dal momento che gli ebrei non avevano una terra propria che gli desse un'indiviadualità di nazione, si reggeva esclusivamente su un programma religioso, messo da parte ogni programma basato sul pacifismo, si unirono a Mattatia il Maccabeo per sostenere con lui la rivolta armata.
I primi spiritualisti ad unirsi ai rivoluzionari Giudei furono gli Asidei il cui nome, da "Hassedin", significa devoti, osservanti.
Ma poiché la corrente religiosa, dopo la separazione, si era fatta sostenitrice di un Messia tutto proprio, il movimento rivoluzionario si trovò con due Messia, quello guerriero davidico prescelto da Dio fra gli uomini sostenuto dai Giudei di Gerusalemme e quello spirituale che la corrente religiosa aveva idealizzato, attraverso le influenze ricevute dai Culti dei Misteri pagani, in un essere celeste che, in qualità di "Maestro di Giustizia", sarebbe disceso dal cielo per insegnargli la morale da seguire per pervenire alla vittoria finale sui nemici di Dio, rappresentati dai seguaci delle religioni pagane.
Non potendo cedere nessuna delle due correnti il proprio per adottare quello dell'altra, i rivoluzionari giunsero al compromesso di costruirsi quel Messia bicefalo di cui si parla nei libri dei Maccabei che è rappresentato nella parte del Messia guerriero discendente della stirpe di Davide dagli stessi figli di Mattatia che come condottieri dell'armata giudaica si avvicendano in un susseguirsi di battaglie e di trionfi nella convinzione di esserne ciascuno la realizzazione, quali Giuda, Gionata e Simone, e nella parte del Messia spirituale da quelle apparizioni apocalittiche che appaiono nel cielo durante le battaglie sotto forma di un cavallo dalla splendida bardatura montato da un cavaliere rivestito di un'armatura d'oro e da angeli di "splendida bellezza" che infondono coraggio ai combattenti. (II Mac. 11,8; II Mac.10,29).
Una pattuita simbiosi tra il cielo e la terra, cioè tra religione e politica, che gli ebrei realizzarono, per la prima volta nella loro storia, investendo Giuda, figlio primogenito di Mattatia, delle due cariche che fino ad allora erano state sempre separate, quella di Sommo Sacerdote e Capo dell'esercito .
Questa duplice autorità, che investi Giuda di pieni poteri teocratici, passando per i suoi fratelli Gionata e Simone, e poi per Giovanni, figlio di Simone, si trasmise per un diritto di eredità che gli veniva dalla stirpe di Davide, confermato in più dall'istituzione di quella casta degli Asmonei fondata da Simone, nei suoi discendenti, Aristobulo I, Aristobulo II e Ircano II fratelli, fino a giungere a quell'Ezechia che, secondo Giuseppe Flavio, si oppose con i suoi rivoluzionari ai romani allorché Pompeo nel 63 a.C. invase la Palestina con le sue legioni.
L'inserimento della corrente spiritualista nel movimento rivoluzionario comportò un'elevazione dei concetti religiosi in tutto il mondo giudaico il quale, lasciato il Dio tradizionale e obsoleto che nella Bibbia veniva considerato come un caporale che passeggia tra le tende della truppa per controllare dove vengono gettati gli escrementi (Dt. 23,13), adottò quello degli Asidei, cioè quel Dio sovrannaturale che gli spiritualisti avevano a loro volta assimilato dai Culti dei Misteri praticati dai popoli pagani. Infatti è durante la rivolta dei Maccabei che si parla per la prima volta nella storia ebraica di un Dio che apre agli uomini le porte dell'eternità attraverso una resurrezione dalla morte (II Mac.14,16) che permette l'accesso a un'altra vita come ci viene dimostrato dalla "madre dei sette fratelli" che esorta i propri figli ad affrontare sorridendo i loro carnefici perché sarà attraverso il martirio che essi acquisiranno i meriti per ritrovarsi tutti insieme nel giorno della misericordia, cioè della resurrezione dei morti. (II Mc. 7,28).
Gli Asidei ebbero una tale prevalenza in seno al movimento rivoluzionario da imporre ad esso il proprio nome tanto che lo stesso Giuda, lasciato l'appellativo di Maccabeo, si fece chiamare Giuda l'Asideo.
La repressione praticata da Antioco IV contro i rivoltosi, morto lui, proseguì attraverso suoi i figli,Antioco V e AntiocoVI, in un continuo di battaglie fra i due eserciti e di reciproche ritorsioni e attentati eseguiti con atti di terrorismo da parte degli Asidei (Maccabei) e persecuzioni da parte degli ellenisti contro i sostenitori dei rivoluzionari che venivano sottoposti alle torture più atroci come ci viene riportato dalla stessa Bibbia nelle persone di Eleazaro e la madre di sette fratelli precedentemente già nominata. (II Mc. 6,18 e 7,1).
Finito il dominio ellenista in seguito alla conquista di Roma del Medio Oriente, la Palestina passò come protettorato sotto il controllo dell'autorità romana che aveva sede in Siria.
Il primo ad entrare in Palestina fu Pompeo che nel 63 la occupò con le sue legioni per sedare una guerra di successione al trono di Gerusalemme che era sorta tra i due fratelli Ircano II e Aristobulo II, figli di Aristobulo I diretto discendente della stirpe degli Asmonei fondata da Simone, figlio di Mattatia: <<I figli di Aristobulo e i suoi discendenti continuarono la lotta di rivendicazione al trono della Giudea contro IrcanoII>>. (Giuseppe Flavio, Ant. Giud.).
Pompeo, profanando il Tempio di Gerusalemme, si attirò subito l'odio degli ebrei e in particolare quello degli esseno-zeloti che, proseguendo nel programma degli loro predecessori Asidei, vedevano in lui, quale sostenitore di Erode, un nemico degli Asmonei che essi ritenevano essere i soli legittimi eredi del trono di Gerusalemme quali discendenti della stirpe di Davide attraverso la casta degli Asmonei.
È in questa resistenza armata contro i romani che compare la figura di un certo Ezechia che rivendica il trono di Gerusalemme quale discendente della casta degli Asmonei.
Organizzati e diretti da Ezechia, "medico e rabbino appartenente ad una famiglia facoltosa della regione del Golan" (Guerra Giud.), gli Asidei, che nel frattempo avevano preso il nome di esseni (vedi trasformazione del nome nella Favola di Cristo), attaccarono le guarnigioni romane, lasciate da Pompeo in Palestina, e i loro alleati rappresentati dagli erodiadi e i Sadducei.
Morto Ezechia nel 44 in uno scontro armato contro una pattuglia di Erode, il comando degli esseno-zeloti passò al figlio Giuda detto il Galileo che morì a sua volta nella guerra del censimento della quale aveva assunto il comando. (+6).
È verso la fine del I secolo a.C., cioè con la successione a Ezechia di Giuda il Galileo, che compaiono nella storia giudaica degli estremisti rivoluzionari che vengono chiamati zeloti (da "zelotes" che significa zelante) anche se molti sono gli argomenti che ci portano a sostenere che costoro esistessero già dal tempo della rivolta dei Maccabei per le troppe analogie che li unisce, quali le innumerevoli razzie e azioni di terrorismo tra le più nefande, di cui ci parla la stessa Bibbia a proposito delle pattuglie maccabee (I.Mc. 9,37), che sono le stesse che vengono attribuite da Giuseppe Flavio e Filone alle pattuglie zelote, e il nome stesso di zelota che non può che confermarci che il primo zelota fu proprio Mattatia che in un eccesso di "zelo", parola da cui deriva questo nome, comportandosi da vero estremista, dette inizio alla rivolta uccidendo con un colpo di spada un sacerdote di Antioco IV che stava accingendosi a svolgere un rito pagano. (I Mc.2,24). Basta leggere con quanta insistenza Mattatia incita nel suo testamento i propri seguaci allo "Zelo" per renderci conto che l'estremismo zelota esisteva già dalla rivolta dei Maccabei. (I Mc.2,49).
E il comportamento dei Maccabei così espresso nella Bibbia: <<Il timore di Giuda e dei suoi fratelli cominciò presto a diffondersi e le genti intorno furono prese da terrore>> (IMc.3, 25) non è lo stesso del quale parlano gli storici riferendosi agli zeloti del tempo dei romani?: << Se gli zeloti non ricevevano quanto chiedevano, incendiavano le case dei signori che si rifiutavano e poi li uccidevano con le loro famiglie>>. ( Filone ).
<<Gli zeloti, distribuiti in squadre, saccheggiavano le case dei signori che poi uccidevano, e davano alle fiamme i villaggi sì che tutta la Giudea fu piena delle loro gesta efferate>> (Giuseppe Flavio).
I figli che subentrarono a Giuda il Galileo, figlio di Ezechia, nei nomi di Giovanni, Simone, Giacomo il Maggiore, Taddeo, Giuda, Giacomo il Minore e Menahem furono praticamente i fautori, quali pretendenti al trono di Gerusalemme, di tutti i disordini, rivolte e guerre che si succedettero in quel periodo che, compreso tra la guerra del censimento (+6) e la guerra giudaica (+70), determinò l'era messianica.
Il clima di terrore generato dall'odio dei rivoluzionari contro i romani fu ancora più rovente che quello che si era realizzato durante l'invasione ellenistica da parte di Antioco IV. Le rivolte, sostenute tra i guerriglieri di Gerusalemme e la corrente spiritualista, coinvolgendo tutte le comunità religiose extra palestinesi, si estesero di conseguenza su tutte le città dell'Impero, compresa Roma dove esisteva una colonia di ebrei sin dal tempo delle deportazioni operate al tempo di Giulio Cesare. Le nazioni ove maggiormente si verificarono disordini e rivolte furono l'Egitto e La Siria nelle città di Antiochia, Alessandria e Damasco che ospitavano comunità ebraiche eccezionalmente numerose. Si calcola che ad Alessandria ci fossero già altre cinquecentomila ebrei sin da prima della rivolta dei Maccabei. Saranno queste, come vedremo, le comunità che determineranno l'evoluzione religiosa essena che porterà al cristianesimo di Madre Chiesa.
Avendo compreso attraverso la guerra del censimento quanto fosse determinante la partecipazione popolare nelle rivolte, gli esseno-zeloti cercarono di coinvolgere le masse fomentando l'odio contro i Romani e i loro alleati presentandoli ad esse come i sostenitori delle ingiustizie sociali. Così, mentre i guerriglieri si addestravano nei centri di reclutamento (Kimbert-Qumran e la Galilea) per prepararsi alla guerra finale che avrebbe determinato la fine dei nemici di Dio, i Nazir cercavano di coinvolgere il popolo alla loro causa svolgevano una propaganda di proselitismo basata su prediche rivolte ai derelitti e ai perseguitati (discorso delle beatitudini) e sul battesimo garante di un vita eterna (Giovanni detto il Battista), e le comunità aprivano le porte a quanti volevano unirsi alla loro ideologia offrendo vitto e alloggio in cambio di un lavoro comunitario.
Nella certezza che con l'avvento del Messia sarebbero pervenuti a quella vittoria finale che li avrebbe resi padroni del mondo per quella convinzione che li aveva portati a credere che la costituzione dell'Impero fosse stata voluta da Dio per dare al suo popolo la possibilità di sostituirsi a Roma, i giudei, sotto l'incitamento degli esseno-zeloti, trasformarono l'Impero in un teatro di attentati e di rivolte che culminarono con quella guerra giudaica che determinò nel 70 la fine dell'era messianica con la morte di Menahem, ultimo figlio di Giuda il Galileo.

FATTI RELATIVI AL PRIMO SECOLO.
La repressione romana contro gli esseni, a differenza di quella di Antioco IV che aveva un carattere religioso, era essenzialmente di ordine sociale. Roma, favorevole come era alla realizzazione di un sincretismo che le avrebbe permesso di governare con più facilità il proprio Impero se tutti i popoli fossero stati riuniti sotto un unico dio (strategia che era stata già seguita precedentemente da Ciro il Grande e Alessandro il Macedone), non avrebbe mai contrastato l'ebraismo se questo avesse seguito come tutte le altre religioni un programma di estensione basato sul pacifismo.
L'imposizione che i romani facevano ai giudei di venerare l'immagine degli imperatori e di mangiare i cibi proibiti, non era fatta per imporre ad essi i culti pagani, ma soltanto per scoprire attraverso il loro rifiuto gli appartenenti al movimento rivoluzionario, come nei Vespri Siciliani se veniva imposto ai sospetti di pronunciare la parola "ceci" non era per insegnare la lingua italiana ma per scoprire attraverso la pronuncia se fossero francesi.
Con la stessa fede con la quale i loro padri avevano affrontato la morte nelle persecuzioni durante la rivolta contro gli ellenisti di Antioco IV, gli esseni andarono incontro agli aguzzini romani come ci viene testimoniato dal martirio di Stefano negli Atti degli Apostoli (At. 7), che è del tutto uguale ai supplizi di Eleazzaro e della madre dei sette fratelli dell'era maccabea (II Mc. 6,18 - 7,1), e da quanto Giuseppe Flavio scrive di essi: <<Gli Esseni disprezzano i pericoli e superano i dolori attraverso la riflessione. Quando giunge con gloria, considerano la morte migliore della vita. I loro spiriti, del resto furono sottoposti ad ogni genere di prove dalla guerra contro i romani, durante la quale furono contorti, stirati, bruciati e fratturati, fatti passare sotto ogni strumento di tortura, affinché bestemmiassero il loro Dio legislatore oppure mangiassero alcunché che la loro religione considerava illecito, ma rifiutarono ambedue le cose. Neppure adularono mai i loro tormentatori né mai piansero. Sorridendo tra gli spasimi e rivolgendosi ironicamente verso coloro che li torturavano, affrontavano la morte come coloro che stavano per riceverne un'altra.
Infatti è ben salda in loro l'opinione che i corpi sono corruttibili e instabile è la materia, mentre le anima vivono in eterno>>. (Guerra Giu. IV 57,62). (questa opinione sulla corruttibilità della materia prettamente essena, sarà ripresa, come vedremo, nella prima metà del II secolo dagli gnostici per costruire quel Cristo che, rimanendo essenzialmente spirituale, scenderà in terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze).
Entrambi, sia Stefano dell'era cristologica che Elezzaro e la madre dei sette fratelli, pur separati da due secoli, morirono per lo stesso Messia dalla duplice figura che gli avrebbe permesso di conquistare il mondo politicamente, come conduttore di eserciti, e spiritualmente attraverso una morale che si sarebbe imposta a tutte le altre religioni.
<<Per gli esseni tale escatologia si calava profondamente nella realtà sociale-politica della nazione ebraica, considerata depositaria di una funzione redentrice mondiale. Il tempo della visita corrispondente alla venuta del Messia di Aronne e d'Israele.
Infatti, come i documenti dimostrano, l'attesa degli esseni si rivolge non a uno, ma a due Messia: uno con la funzione politica, il Messia d'Israele, liberatore messianico e futuro re; l'altro, con una funzione religiosa, il Messia d'Aronne, maestro spirituale e sacerdote>>. (David Donnini - Cristo - Ed. Erre emme).
Per comprendere gli esseni nella loro organizzazione bisogna risalire ai Maccabei allorché Giuda, figlio di Mattatia, dopo aver preso il comando in seguito alla morte del padre, pianificò la rivolta nelle sue due componenti: la combattente guerriera e la componente di sostegno costituita dai loro familiari che doveva provvedere alla logistica e al reclutamento di proseliti attraverso la divulgazione della loro ideologia, come risulta dalla stessa Bibbia: <<Tutti coloro che insorsero contro gli editti di Antioco IV si radunarono dunque e vennero in Masfa di fronte a Gerusalemme, perché nei tempi antichi Masfa era stato luogo di preghiera in Israele. In quel giorno digiunarono, si sparsero la cenere sul capo e si stracciarono le vesti. Portarono le vesti sacerdotali, le primizie e le decime e fecero venire avanti i Nazirei che avevano compiuto i giorni del loro voto, e alzarono le mani al cielo gridando: <<che faremo di costoro e dove li condurremo, mentre il tuo santuario è conculcato e profanato e i tuoi sacerdoti sono in lutto e desolazione? Come potremo resistere di fronte ai pagani se tu non ci aiuterai? >>. Dopo di questo Giuda stabilì i condottieri del popolo, i comandanti di mille, di cento, di cinquanta e di dieci uomini e disse a coloro che costruivano case o che stavano per prendere moglie, a quelli che piantavano la vigna o che erano paurosi, di tornare a casa loro, secondo la legge>>,. (Mc. 3, 46). E fu secondo la legge, la legge dei loro padri, che coloro che furono rinviati a casa perché non idonei al combattimento, si riunirono formando quelle comunità che sosterranno poi il movimento rivoluzionario attraverso una militanza basata spiritualmente sulla preghiera ed economicamente sul versamento di denaro nelle casse comuni. Così, mentre l'esercito si rafforzava per i volontari che giungevano da tutte le nazioni, come ci riferisce la Bibbia a proposito di Giuda che "divenne celebre fino alle estremità della terra perché radunò tutti quelli che erano dispersi" (I Mc. 3,9), le comunità si confermavano nell'idea nazionalista attraverso una reciproca esortazione al rispetto delle comuni origini, come risulta dalle lettere inviate da Gerusalemme alle colonie ebraiche d'Egitto. ( II Mc. I e segg.).
Finita l'occupazione ellenistica, la lotta continuò contro l'invasore romano con un continuo di guerre, di rivolte, di azioni terroristiche in un fervore che andò sempre più aumentando dopo la destituzione di Archelao (+6) che, secondo la profezia di Giacobbe, annunciava l'imminente avvento di un liberatore inviato da Dio nella persona di Messia dalla duplice figura.
Ma, se l'essenza umana di questo Messia era rappresentata da un uomo scelto da Dio fra i discendenti della stirpe di Davide che i Giudei se lo attendevano venire dalla famiglia di Giuda il Galileo, figlio di Ezechia, quella divina, che durante la rivolta dei Maccabei si era manifestata attraverso visioni rappresentate da un cavaliere dal mantello dorato, chi era? Dove risiedeva? Quali origini aveva?
E ancora una volta, per soddisfare l'assurdo, i seguaci della Bibbia ricorsero all'intervento del soprannaturale individuandolo in colui che il profeta Isaia aveva visto un paio di secoli prima in una visione: <<Guardando ancora nelle visioni notturne, ecco apparire, sulle nubi del cielo, uno, simile a figlio di uomo; giunse fino al vegliardo (Dio) e fu presentato a lui che gli diede potere, gloria e regno>>. (Dn.7,13).
Sarà su questo concetto di un Messia la cui figura è rapportata a "uno, simile a figlio di uomo", che la scuola filosofica alessandrina, nella persona dell'ebreo Filone, filosofo e teologo, costruirà il suo Logos e gli gnostici s'inventeranno nel secondo secolo il loro Cristo, cioè quel Cristo che, "simile a figlio di uomo" svolgerà la sua missione di predicatore sulla Terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze.
È in questo mondo di contrasti sociali, di guerre e di rivolte determinati dall'attesa di un Messia liberatore sostenuta dai Giudei-esseni attraverso una visione, che verrà intromessa la figura di un Cristo predicatore che si farà morire nell'anno quindicesimo del regno di Tiberio, sotto Ponsio Pilato governatore della Giudea. Ma questo Messia, a cui è stato dato il nome di Gesù, di cui nessuno ne parla all'infuori dei testi sacri, è veramente esistito oppure fa di una costruzione storica completamente inventata? Lo scopriremo nei capitoli seguenti.

GLI ESSENI DOPO LA GUERRA DEL 70.
In un susseguirsi di attentati, azioni sovversive e rivoluzioni esseno-zelote e relative repressioni, da parte dei Romani, si giunse alla guerra del 66- 70 che con la sconfitta dell'esercito rivoluzionario e la morte di Menahem, figlio di Giuda il Galileo, ultimo discendente della stirpe degli Asmonei, pose termine all'era cristologica.
La guerra, promossa dai giudei per controversie di culto, dopo un alternarsi di vicende favorevoli e sfavorevoli ora all'una e ora all'altra parte, sembrò risolversi definitivamente a favore dell'esercito rivoluzionario.
I disordini che seguirono la morte di Nerone (+68) misero Roma in un tale stato di disordine e anarchia da costringere l'esercito, privo di direzione e di assistenza, a rifuggiarsi in Siria lasciando la Palestina in mano ai rivoluzionari. Fu in questo periodo che i Giudei, nella certezza di essere pervenuti a quella vittoria finale del bene contro il male considerata nel "Rotolo della Guerra", celebrarono le esequie di Roma, la Babilonia del peccato e della corruzione, in quel libro che uscì nel 69 sotto il nome di Apocalisse (Rivelazione).
Ma le cose andarono diversamente; Adriano, succeduto a Galba, deciso di porre fine ai disordini della Palestina, inviò una potentissima armata al comando del figlio Tito. Gerusalemme, conquistata dopo un assedio di sei mesi, fu messa a ferro e fuoco, il Tempio raso al suolo.
Come conseguenza della sconfitta, le persecuzioni contro gli ebrei ripresero con rinnovato accanimento non solo in Giudea ma anche in tutte le nazioni dell'Impero in una vera e propria caccia all'uomo alla quale ai romani si unirono anche le popolazioni per quell'odio che in esse si era accumulato verso questa razza ritenuta capace di produrre soltanto guerre, disordini e stragi. In questo ambiente di astio collettivo che permetteva anche ai più vili di accanirsi contro i perseguitati, le masse popolari, forse ancor più dei romani stessi, si scagliarono con tanto furore contro chiunque apparteneva alla religione ebraica, da determinare un vero genocidio. Come in Siria, dove secondo gli storici del tempo ne furono massacrati altre centomila, così nelle altre città, quali Efeso, Alessandria, Antiochia e Damasco, le stragi si susseguirono in eccidi che spesso venivano eseguiti come pubblici spettacoli in anfiteatri o su patiboli eretti nelle piazze e nelle strade.
Tutte vittime che la Chiesa, sostituendosi agli Esseni, ha fatto passare fraudolentemente come martiri di un suo cristianesimo che, come sarà ampiamente dimostrato in seguito, ancora non esisteva.
Fu in seguito alla disfatta dell'esercito rivoluzionario che la corrente religiosa, riconfermandosi nella convinzione che le guerre e la violenza avrebbero portato soltanto lutti e dolore, lasciò definitivamente la figura del Messia guerriero davidico alla quale si era associata nella rivolta dei Maccabei, per ritornare nel suo monoteismo spirituale che prevedeva la conquista del mondo attraverso l'avvento di un Messia sacerdotale (Maestro di Giustizia).
I rivoluzionari, da parte loro, rimasti fedeli al Messia davidico, continuarono nel loro programma rivoluzionario finche, passando per la guerra del 74, organizzata anch'essa da un appartenente, sia pure in forma indiretta alla famiglia di Giuda il Galileo (Giuseppe Flavio afferma che era un parente di Menahem), di nome Eleazaro, non furono definitivamente eliminati nel 132-135 dall'imperatore Traiano in quella guerra nella quale morì Bar Kocheba, l'ultimo sedicente Messia. La distruzione di Gerusalemme fu così totale da essere paragonata dagli stessi ebrei a quella operata da Antioco IV che era stata preannunciata dal profeta Daniele con l'espressione di "abominio della desolazione".
Gli esseni religiosi, ormai liberi dopo il 70 da ogni impegno precedentemente contratto con i rivoluzionari, ostentando un programma spirituale ancor più rigoroso di quello che avevano praticato nel passato, si fecero divulgatori di una ideologia che, libera da ogni coinvolgimento rivoluzionario, li facesse apparire come sostenitori di una religione che avrebbe posto fine all'odio, alle guerre per dare inizio ad un'era di pace e di benessere come risulta dai quattro capitoli dell'Apocalisse che furono da essi aggiunti nel 95 alla prima edizione del 68, quella edizione che uscita durante la guerra del 70 esprimeva invece un programma basato essenzialmente sulle stragi e sulla vendetta: << Vidi poi un nuovo cielo (è l'autore della corrente spiritualista che scrive) e una nuova terra, perché il cielo e la terra di prima erano scomparsi e il mare non c'era più (si riferisce al mare Mediterraneo nel quale i rivoluzionari vedevano affogarsi i romani e i loro alleati una volta buttati fuori dalla Palestina, dalla Siria e dall'Egitto). Vidi anche la città santa, la nuova Gerusalemme, scendere dal cielo, da Dio, pronta come una sposa adorna per il suo sposo... In mezzo alla piazza della città (Gerusalemme) e da una parte e dall'altra del fiume (Giordano) si trova un albero di vita che dà dodici raccolti e produce frutti ogni mese; le foglie dell'albero servono a guarire le nazioni>> (Dai capp. 21 e 22 che furono aggiunti nel 95 all'Apocalisse del 68, dagli esseni spiritualisti).
(Dall'espressione sopra riportata marcata in grassetto, esprimente un'abbondanza quanto mai scema e delirante, saranno poi ripresi, come vedremo, una parte di quei detti e sentenze che gli gnostici, quali Papia vescovo di Geropoli, attribuiranno ad un Gesù dichiarato esistito ma in forma del tutto spirituale).
Fu così che gli Esseni del dopo 70, atteggiandosi da pacifisti e da santi, proseguendo nel loro programma monoteista essenzialmente religioso, incrementarono il proselitismo aprendo le porte a quanti volevano convertirsi alla loro religione. Garantendo ai proseliti oltre il vitto, l'alloggio e la vita eterna anche la possibilità di sottrarsi ad ogni rivalsa che avrebbero potuto subire per reati comuni e politici attraverso l'acquisizione di un nuovo nome che gli veniva dato in seguito al battesimo, le comunità essene, come una legione straniera, divennero veri e propri centri di reclutamento per frustrati, falliti, visionari, avventurieri e criminali. L'afflusso di queste masse di diseredati provenienti per lo più dal mondo ellenista fu così imponente da portare le comunità essene ad adottare la lingua greca lasciando l'uso dell'ebraico soltanto per la celebrazione dei riti.
<<Fu in questo periodo, appunto perché nelle comunità essene del Medio Oriente e soprattutto in Alessandria d'Egitto gli ebrei erano arrivati a parlare solo in greco, che la Bibbia, detta dei 70, fu completata e tradotta in questa lingua contrariamente a quanto viene raccontato dalla Chiesa che la fa dipendere da un certo Tolomeo Filadelfo, re d'Egitto nel II secolo>>. ( Josif Kryevelev Calendario del Popolo. Ed. Teti).
Come conseguenza dell'adozione della lingua greca, l'appellativo di Messia, venne cambiato con la corrispondente traduzione greca di Cristos (Cristo): <<Il Messia lungamente atteso nell'atmosfera spirituale dell'ellenismo che si diffuse tra le comunità giudaiche della diaspora assunse notevole popolarità con il nome di Cristo. La parola Cristos significa in greco antico ciò che significa in ebraico la parola Mashiah: l'unto (dal greco crio, ungere)>>. (Josif Kryvelev. Op. cit. -8).
Per cui, come conseguenza, i seguaci del Messia-Cristos, furono chiamati cristiani, ma con un significato piuttosto dispregiativo: <<Il termine cristiano è nato in un ambiente non palestinese: è probabile che venisse usato in termine di ironico disprezzo (gli "unti", gli "impomatati") per distinguere dagli ebrei della Sinagoga i nuovi convertiti, gente strana, dalla lunga capigliatura, un po' come i nostri "capelloni">>. (A. Donini. Storia del Cristianesimo. Ed.Teti. pag. 29).
La conferma del disprezzo che suscitavano gli appartenenti a queste comunità esseno-cristiane, e non soltanto per una questione di trascurato abbigliamento ma anche per quella loro ideologia che, pur ostentandosi pacifica, si rifiutava di accettare l'autorità degli imperatori romani dichiarando che il vero loro padrone era soltanto Dio, ci viene dagli autori del tempo, quali Tacito e Plinio il Giovane, che li qualificano come seguaci di una religione perniciosa basata sulla superstizione.
In quel periodo di disordini, di povertà, di persecuzioni e di banditismo, coloro che si rifugiarono nelle comunità essene furono così numerosi da superare gli esseni originali: <<Le comunità della nuova religione si organizzarono in diverse località del vicino Oriente e in esse ebbero un ruolo sempre meno importante gli ebrei mentre assumevano maggiore rilievo, sia per numero che per influenza, i proseliti del variegato impero romano>>. (Josif. Kryvelev. Analisi Storico Critica della Bibbia -9 ).
Ed è su queste conversioni di pagani alle comunità essene che la Chiesa costruirà la propria storia attribuendole all'apostolato di Pietro, Giacomo, Giovanni, Paolo e di tutti gli altri discepoli che vengono dichiarati testimoni della vita di Cristo.
Ma per quanto la fede dei convertiti si cercasse di renderla salda ed omogenea attraverso l'obbedienza più assoluta alle regole delle comunità, non tardarono a sorgere nella massa eterogenea dei loro componenti, fatta di Giudei e di ex pagani, le divergenze concettuali su quel Messia (Cristos) la cui figura, rappresentata dall'astrattismo di una visione (Daniele), dava adito alle più svariate interpretazioni. La sua morale, era strettamente Mosaica, come sostenevano i giudei, o considerava l'esonero di alcune leggi imposte dal Pentateuco, come pretendevano i convertiti pagani? E sulle discussioni che ne derivarono per stabilire se doveva considerarsi obbligatorio o no circoncidersi, mangiare carni di animali immondi, concedere il battesimo agli eunuchi, escludere dalle cariche i deformi, ogni comunità si costruì un proprio Messia che cercò di imporre alle altre comunità attraverso i suoi predicatori come risulta dagli stessi testi sacri attraverso quei pochi passi che, per gli argomenti che trattano, si possono ritenere autentici anche se riferiti a personaggi del tutto immaginari.
Ci fu il Cristo di Paolo, di Apollo, di Pietro (I Cr.1,12), ci furono i Cristi di Balaam, della Sinagoga di Satana, della sacerdotessa Jezabele e del filosofo Nicola (Ap.II), e tanti altri Cristi che ogni predicatore dichiarava falsi per sostenere che soltanto il suo era quello vero (I Cor-1,12; II Cor. 11,14) come l'autore dell'Apocalisse che, in questa lizza generale, così ci presenta il suo: <<Simile a figlio di uomo, con un abito lungo fino ai piedi e cinto d'oro, con gli occhi fiammeggianti come fuoco, i piedi di bronzo e la voce simile al fragore di grandi acque>> (Ap. 1,12).
Come si vede, considerando che questo passo è tratto dall'Apocalisse de 95, per tutto il primo secolo si è ancora nel pieno di immaginazioni e di visioni che escludono il Messia da ogni forma di incarnazione.
Il comportamento di questi esseni spirituali che si erano ritirati in preghiera nelle loro comunità, non poteva essere in realtà, quali seguaci di un monoteismo, che un'ipocrita ostentazione di pacifismo avente come unico scopo quello di accattivarsi la simpatia delle autorità e la fiducia delle masse. Come sepolcri imbiancati fuori ma con dentro nidi di serpenti, essi continuavano ad alimentare l'odio e la vendetta contro i loro nemici trasferendo in una dannazione eterna, basata su laghi di stagno fuso e di zolfo, come viene continuamente ripetuto nella loro Apocalisse del 95, quelle stragi che non potevano più realizzare con le armi. Il leone di Giuda, travestito d'agnello, conservava intatto tutto l'odio contro coloro che si opponevano al suo imperialismo, quell'imperialismo monoteista che nel suo concetto di dominio universale prevede di mettere tutti i suoi nemici a sgabello dei propri piedi.
Un esempio esplicativo di come essi conservassero la ferocia atavica che gli veniva dagli insegnamenti della Bibbia, il libro della vendetta e dell'odio, lo troviamo in quel passo degli Atti degli Apostoli nel quale Pietro detto Cefa, capo della comunità essena di Gerusalemme, uccide i due coniugi Anania e Saffira perché non avevano rispettato la regola che imponeva ai seguaci di versare alla comunità tutti gli averi di cui disponevano. (At. 5).
Un'altra testimonianza della ferocia che si nascondeva sotto il pacifismo ostentato dalle comunità spiritualiste essene ci viene da Ippolito Romano, scrittore cristiano del III seolo: <<Gli Esseni sono i divisi e non seguono le pratiche nella stessa maniera essendo ripartiti in quattro categorie. Alcuni spingono le regole fino all'estremo: si rifiutano di prendere in mano una moneta asserendo che non è lecito portare, guardare e fabbricare alcuna effigie; nessuno di costoro osa perciò entrare in città temendo di attraversare una porta sormontata da statue, essendo sacrilego passare sotto le statue. Altri udendo discorrere qualcuno di Dio e delle sue leggi, si accertano se è incirconciso, attendono che sia solo e poi lo minacciano di morte se non si fa circoncidere; qualora non lo consenta essi non lo risparmiano, lo assassinano: è appunto per questo che hanno preso il nome di zeloti, e da altri quello di sicari. Altri si rifiutano di dare il nome di padrone a qualsiasi persona, eccetto che a Dio solo, anche se fossero minacciati di maltrattamenti e di morte>>.
Ma per quanto si adoprassero ad alimentare il fervore attraverso canti e preghiere tendenti a sollecitare la discesa dal cielo del loro Salvatore, un po' per quella fede che cominciò a vacillare verso un avvento che veniva sempre rinviato, (cosa per altro già accaduta nel III terzo secolo a.C., secondo quanto viene esposto dal libro di Giobbe che fu scritto appunto per esortare alla pazienza gli ebrei stanchi di attendere un Messia che non arrivava mai), e un pò perché si erano resi conto che non avrebbero mai potuto imporre la loro religione con un Messia il cui avvento era basato sull'astrattismo di una promessa, alle religioni pagane che proponevano Soteres che avevano già compiuto la loro missione salvatrice, decisero di costruirsene anch'essi uno che si già realizzato.
Ma dove trovare gli argomenti giustificativi per rendere credibile un evento che, oltre a non essere da nessuno conosciuto, era stato da loro stessi smentito attraverso quell'attesa che fino ad allora avevano sostenuto? E ancora una volta, ricorrendo alla gabala e alle predizioni dei profeti, imposero la loro verità invocando quella profezia nella quale Isaia, sette secoli prima, aveva previsto che il Messia sarebbe passato tra gli uomini senza essere riconosciuto: <<Egli (il Messia), dopo essere passato tra gli uomini in maniera così umile e modesta nelle parvenze da non essere rimarcato da alcuno, seguirà i suoi carnefici silenzioso e docile come un agnello che viene condotto al mattatoio>> ( ). Anche se potrà sembrare incredibile, purtroppo è proprio così: sarà su questa profezia, sull'imposizione che ci viene da essa di accettare come compiuto un fatto che in realtà non è mai accaduto, che sarà costruita, come vedremo in seguito, tutta la storia di un Salvatore gnostico che fornirà le basi per costruire la figura di un Gesù incarnato.

GLI ESSENI


Conoscere gli Esseni, quella casta ebraica che la Chiesa a cercato di cancellare dalla storia per sostituirsi ad essa, è quanto mai determinante per sapere chi sono in realtà quei cristiani ai quali fanno riferimento alcuni degli scrittori dell'epoca quali Giuseppe Flavio, Filone, Tacito, Svetonio e Plinio il Giovane.
Filone, filosofo ebreo nato ad Alessandria d'Egitto, una delle città nelle quali maggiormente si svilupparono i concetti spirituali esseni, così scrive di essi: <<La prima cosa sugli Esseni è che essi abitano in villaggi, fuggendo dalle città a motivo delle empietà che in esse si commettono dagli abitanti, ben sapendo che la loro compagnia avrebbe un effetto deleterio sulle loro anime come una malattia portata da un'atmosfera pestilenziale. Tra di loro alcuni lavorano la terra, altri esercitano mestieri diversi e tutti cooperano alla pace rendendosi utili a se stessi e al loro prossimo. Non ammassano argento e oro, né si appropriano di vaste tenute con il desiderio di trarne vantaggio, ma semplicemente per procurarsi il necessario per vivere.
Vivendo senza beni né possedimenti, per loro libera elezione e non per conseguenza di una cattiva sorte, si giudicano straordinariamente ricchi, giacché ritengono che la frugalità accettata con gioia sia di per se un sovrabbondante benessere.
Tra di loro invano si cercherebbe un fabbricante di frecce, di giavellotti, di spade, di elmi e di corazze o di qualsiasi strumento di guerra o di altri oggetti che, sia pur pacifici potrebbero essere usati per far male. Respingendo tutto ciò che potrebbe eccitare la loro cupidigia, neppure pensano di seguire la benché minima idea di commercio o di navigazione.
Fra di loro non esistono schiavi, tutti sono liberi e si aiutano vicendevolmente. Non solo condannano i padroni come ingiusti perché ledono l'uguaglianza, ma anche come empi poiché violano la legge naturale che ha generato e nutrito tutti gli uomini allo stesso modo, come una madre, facendone veramente dei fratelli, non di nome, ma nella realtà. Questa parentela fu lesa dalla cupidigia che le ha inferto colpi mortali, mettendo l'inimicizia al posto dell'affetto, l'odio al posto dell'amore. (Questi principi comunisti, che poi saranno fatti propri dai cristiani, furono alla base del successo che riscossero le comunità essene da parte dei diseredati che si unirono a loro. Il Sermone della Montagna, che veniva predicato dai Nazir esseni, poi riportato nei vangeli canonici, ne esprimeva sostanzialmente tutti i concetti).
<<Studiano con grande impegno il comportamento morale servendosi costantemente delle leggi dei loro padri, quelle leggi che l'anima umana non avrebbe potuto concepire senza una divina ispirazione. (In questa frase di Filone si può comprendere l'evoluzione religiosa che ha portato i giudei esseni a seguire i principi spiritualistici pagani pur conservando come base della loro vita sociale le leggi ebraiche del Pentateuco -Thora-).
<<In queste leggi s'istruiscono in ogni tempo, ma soprattutto nel settimo giorno. Il settimo giorno è considerato sacro e in esso si astengono da tutte le altre occupazioni per radunarsi in luoghi sacri che chiamano sinagoghe.
Generalmente, tra di loro l'insegnamento è impartito per mezzo di simboli secondo un'antica tradizione. (Gabala).
Prima di tutto non v'è alcuna casa che sia di proprietà di una persona: ogni casa è di tutti. Giacché al fatto che abitano in confraternite, la loro casa è aperta a tutti i visitatori, da qualsiasi parte giungano, che condividono le loro convinzioni.
In secondo luogo hanno una cassa per tutti e le spese sono comuni: in comune sono i vestiti, in comune è preso il vitto, avendo essi adottato l'uso dei pasti in comune . ( Questi pasti in comune, detti "Agapi" o "fractio panis", venivano praticati dagli esseni per imitare, ripeto, "soltanto imitare" nella forma più esteriore quei riti pagani nei quali veniva celebrato il sacramento dell'Eucaristia). (confr.I Cor. 11,20).
<<Una maggiore realizzazione dello stesso tetto, dello stesso genere di vita e della stessa mensa invano si cercherebbe altrove. Giacche tutto ciò che ricevono come salario giornaliero del lavoro non lo conservano in proprio, ma lo depongono nel fondo comune, affinché sia impiegato a beneficio di tutti quanti desiderano servirsene. (Filone. Quod omnis probus sit liber).

Giuseppe Flavio.
Giuseppe Flavio, storico contemporaneo, figlio di un sacerdote ebreo e lui abilitato alla celebrazione dei culti, dopo aver partecipato alla guerra del 70 come ufficiale dell'esercito rivoluzionario, fatto prigioniero in Galilea, fu portato a Roma dove scrisse su ordinazione dei romani la storia del popolo ebraico in due volumi, La Guerra Giudaica e Antichità Giudaiche, nei quali cercò di dimostrare che l'ebraismo era superiore alle religioni pagane, così parla degli Esseni.
<<Gli esseni in particolare hanno fama di praticare la virtù. Ebrei di nascita, sono più degli altri legati da mutuo affetto.
Costoro respingono i piaceri come male, mentre guardano come virtù la temperanza e il non cedere alle passioni. Per se stessi sdegnano il matrimonio, ma adottano i figli altrui mentre sono ancora arrendevoli ai loro ammaestramenti. Li considerano come parenti e li modellano secondo i loro costumi. Essi non aboliscono però il matrimonio e la propagazione della specie che da esso ne deriva ma si guardano dalle donne licenziose e sono persuasi che nessuna serbi fedeltà a un uomo solo.
Dispregiatori della ricchezza, è presso di loro ammirevole la vita comunitaria. Invano si cercherebbe tra essi qualcuno che possegga più degli altri. C'è infatti una legge che impone a quelli che entrano di cedere il proprio patrimonio alla corporazione in maniera che in nessuno di essi non possa apparire l'umiliazione della miseria o l'alterigia della ricchezza, ma un'uguaglianza che li renda fratelli.
Non abitano in una sola città, ma in varie città prendono domicilio in molti. Ai membri della setta che giungono da fuori concedono libero uso di tutte le loro cose come se fossero essi proprietari. Per questo, quando compiono i viaggi, non portano con se assolutamente nulla eccetto quelle armi che gli servono per difendersi dai briganti. Del resto in ogni città viene eletto un commissario della corporazione per gli ospiti che provvede ai vestiti e ai viveri.
Quanto al vestire e al comportamento essi assomigliano a giovani bene educati sotto rigorosa disciplina; non cambiano né vestiti né sandali se prima non sono del tutto consumati e lacerati dal tempo. Fra di loro non comprano e non vendono alcunché, bensì ciascuno cede il suo a chi ne ha bisogno, e ne riporta in cambio qualcosa che gli serve. La loro pietà verso la divinità ha una forma particolare: prima del sorgere del sole non proferiscono alcunché di profano, ma recitano dette preghiere verso di esso quasi a supplicarlo di spuntare.
Dopo di ciò ognuno è invitato dai sovrintendenti al mestiere che esercita a recarsi al lavoro. Dopo aver lavorato energicamente fino all'ora quinta ( le 14), si radunano e cintisi di un indumento di lino si lavano il corpo con acqua fredda. Dopo questa purificazione, vanno in un edificio particolare dove non è permesso di entrare a nessuno che non sia della loro fede.
Dopo che si sono seduti in silenzio, il panettiere serve i pani per ordine e il cuciniere distribuisce a ciascuno una sola vivanda. Il sacerdote premette al pasto una preghiera, e nessuno può iniziare a mangiare prima che essa sia finita. Dopo aver mangiato aggiunge un'altra preghiera in maniera che Dio sia venerato come dispensatore di vita sia all'inizio che alla fine del pasto. Deposte le vesti che avevano indossato per il pasto, dato che esse sono sacre, tornano nuovamente al lavoro fino alla sera. La cena si svolge come il pranzo ed è in essa che si uniscono a loro gli ospiti di passaggio.
Sono dominatori dell'ira, moderatori delle passioni, padrini della fedeltà, promotori della pace.
Dando ad ogni loro affermazione il valore di un giuramento, si astengono dal giurare nella convinzione che il giuramento sia di per se peggiore dello spergiuro dal momento che si prende Dio come testimone per essere creduto. Hanno una cura straordinaria degli scritti antichi, scegliendo principalmente quelli che riguardano il profitto dell'anima e del corpo. Studiano come guarire le malattie attraverso le radici e le pietre.
Coloro che chiedono l'accesso alla setta non ne ottengono il consenso immediato. Al postulante impongono per un anno la stessa disciplina dopo avergli consegnato una piccola scure, la cintura sopra menzionata e una veste bianca. Se il novizio avrà dato prova di virtù, allora viene promosso ad un grado superiore attraverso un ulteriore lavaggio (di cervello. n.p.) eseguito con acque considerate più pure. Sarà accolto nella società con tutti i diritti (quali diritti possono avere degli uomini ridotti alla schiavitù dal plagio?) dopo due anni se si sarà dimostrato degno di farne parte.
Disprezzano i pericoli e superano i doloro attraverso la riflessione. Quando giunge con gloria, considerano la morte migliore della vita. I loro spiriti, del resto, furono sottoposti ad ogni genere di prove dalla guerra contro i romani, durante la quale furono contorti, bruciati e fratturati, fatti passare sotto ogni strumento di tortura, affinché bestemmiassero il loro Dio legislatore oppure mangiassero alcunché che la loro religione considerava illecito, ma rifiutarono ambedue le cose. Neppure adularono mai i loro tormentatori né mai piansero.
Sorridendo, anzi, tra gli spasimi e rivolgendosi ironicamente verso coloro che lo torturavano, affrontavano la morte come coloro che stavano per riceverne un'altra. (Sono questi quegli essenti che la Chiesa ha cercato in tutti i modo di far sparire dalla storia per poterci mettere al loro posto i suoi fantomatici martiri cristiani).
Infatti, è ben salda in loro l'opinione che i corpi sono corruttibili e instabile è la materia, mentre le anime vivono in eterno. (Sarà su questo principio di corruttibilità della materia che non può addirsi a un dio, che gli esseni gnostici costruiranno nel II secolo un Salvatore disceso sulla terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze).
<<Esiste pure un altro gruppo di Esseni che per genere di vita, per abitudine e per legislazione dissentono dagli altri sulla questione del matrimonio. Ritengono infatti coloro che non si sposano recidano una parte importantissima della vita, e cioè la propagazione della specie, tanto che se tutti adottassero la stessa opinione favorevole al celibato ben presto scomparirebbe il genere umano (Guerra Giud. cap.IV. pag. 57).
Filone e Giuseppe Flavio, entrambi ebrei, erano essi stessi degli esseni spiritualisti? Tutto fa supporre di si da come hanno cercato di farli passare per persone spirituali e pacifiche per separarli dai quei rivoluzionari che in altri passi hanno trattato da criminali terroristi. Supposizione questa che trova anche conforto da quel viaggio che fece Filone nel 52 per recarsi a Roma col fine di intercedere pietà presso l'imperatore Claudio riguardo le persecuzioni contro gli Esseni. (Il risultato fu nullo).
Il motivo per cui sono stati riportati questi due passi è quello di dimostrare, attraverso un confronto che si farà più avanti con i testi sacri, la non esistenza dei cristiani nostrani in quel periodo del primo secolo nel quale sono stati introdotti dalla Chiesa come testimoni del suo primo cristianesimo.


L'Apocalisse


Da chi e quando è stata scritta l'Apocalisse? Cosa esprime l'Apocalisse?
Secondo la Chiesa, "l'Apocalisse, dal greco "Rivelazione", è stata scritta dal discepolo Giovanni, lo stesso autore del IV vangelo, negli anni 94-95 nell'isola di Patmos (Grecia) durante le persecuzioni contro i cristiani operate dall'Imperatore Domiziano. Essa esprime, attraverso la rivelazione da parte di un angelo a Giovanni l'evangelista, la certezza della vittoria finale di Cristo sulle potenze del male". (Bibbia ed. C.E.I.)
Lasciando ogni commento sul significato abusivo e fazioso che la Chiesa attribuisce a questo libro, che non è nostra intenzione entrare in discussioni fideistiche, passiamo all'esame di questo libro considerando esclusivamente quei presupposti che possono essere trattati in un processo laico, quali quelli dipendenti esclusivamente dalla ragione e da una controllabile documentazione storica.
Il libro dell'Apocalisse, composto di 22 capitoli, è stata scritta in realtà in due edizioni, la prima costituita da 18 capitoli, uscita nel 68 durante la guerra del 70, e la seconda, rappresentata dai primi tre capitolo e dall'ultimo, che fu aggiunti nel 95 dagli spiritualisti. Come è logico che fosse, mentre i primi 18, scritti dai rivoluzionari, sono l'espressione del programma guerriero zelota basato sull'odio e la vendetta contro Roma e i suoi alleati, i secondi quattro, scritti dagli esseni spiritualisti, rappresentano tutto il pacifismo di cui costoro si erano fatti ostentatori dopo la scissione dalla corrente rivoluzionaria.
L'Apocalisse, guardata dalla Chiesa sempre con diffidenza per i suoi concetti esseno-zeloti, tanto da essere inclusa nei testi canonici soltanto nel VI secolo, è dei libri sacri quello che più di ogni altro dimostra la non esistenza storica di Gesù.
In entrambe le edizioni, sia in quella del 68 come in quella del 95, si ignora tutto della vita di Cristo e della sua morte. Il Messia dell'Apocalisse risiede ancora in cielo, presso il trono di Dio, e quando in un suo capitolo (XII) si parla della sua nascita lo si fa concepire dalla costellazione della Vergine all'origine dei tempi e, sempre rimanendo nel mondo dell'astrologia, il Messia dell'Apocalisse è rappresentato in cielo sotto la forma dell'Ariete, primo segno dello zodiaco che comanda i destini del mondo, al quale viene simbolicamente associato l'agnello pasquale biblico dell'Esodo. La discesa del Messia, che si realizzerà, secondo le visioni riportate dal libro dei Maccabei, nella persona di un condottiero vittorioso su un cavallo bianco al suono di trombette, annunciata come prossima, non ha nulla a che vedere con la Passione di Cristo dichiara avvenuta nel 33: lontano dal morire in croce, egli sterminerà i nemici per sedere su un trono che durerà mille anni. La Chiesa cerca di dare a questa immagine dei mille anni, come viene detto dalla C.E.I nel passo introduttivo sopra riportato, il valore simbolico di un messaggio di speranza nella vittoria finale del Cristo sulle potenze del male, ma basta leggere bene l'Apocalisse per renderci conto che la distruzione di Roma, simbolo della corruzione, è annunciata come un fatto reale e non come una profezia.
"Il Messia atteso nell'Apocalisse è il "Figlio dell'uomo" della visione di Daniele. Lontano dal morire in croce, egli è colui che stabilirà l'impero giudaico sulle rovine di Roma che non sono procrastinate ad un'epoca lontana e futura, ma previste così imminenti da rendere assurda ogni altra interpretazione. E l'autore, che ha ripreso questo messaggio nel 95, non contraddice affatto l'attesa espressa dall'edizione del 68, facendo terminare l'opera su questa promessa da parte del Messia: <<Si. io verrò presto>>, al che l'autore rispondendo :<<Venite, Signore, venite!>>, dimostra di ignorare che egli sia già venuto sotto un'altra forma". (Guy Fau. op. cit. pag. 60).
Come si vede, l'Apocalisse non è che un'ulteriore prova confermante che nel primo secolo, almeno fino al 95, lontano da ogni forma d'incarnazione, il Cristo è ancora rappresentato sotto forma di sogni e di visioni.
<<L'Apocalisse non è l'espressione di un solo libro, ma di diversi, di molti. Non tuttavia unioni di vari frammenti, come per addizione di libri diversi, come Enoch, ma piuttosto di un libro solo, formato da diverse stratificazioni, come quelle di varie civiltà quando si scavi al fondo di un'antica città. Dopo una prima rielaborazione di uno scrittore ebraico di Apocalissi, e dopo altre aggiunte, ebbe la sua versione definitiva ad opera di Giovanni, il giudeo cristiano, e dopo queste stagioni storiche il libro fu ancora rimaneggiato e corretto, con aggiunte e ancellature, da editori che volevano che l'opera diventasse cristiana.
Restiamo comunque perplessi, poiché se Giovanni terminò la sua Apocalisse nel 96 d.C., è davvero strano che egli nulla sapesse della leggenda di Gesù, che nulla avesse assimilato dello spirito dei Vangeli, tutti momenti precedenti al suo testo. Strana figura, questo Giovanni di Patmos, chiunque egli fosse>>. (D. H. Lawrens - Apocalisse- Tasc. Newton, pag. 38).
...e ancora:
<<L'Apocalisse è un'opera di guerra, un ardente richiamo dei Giudei contro l'occupante romano detestato. La discesa del Messia, annunciata come prossima, non ha nulla a che vedere con una passione già vissuta: lontano dal morire in croce, il Salvatore vincitore è visto come uno sterminatore di nemici prima che possa sedere sul suo regno terrestre di mille anni. Si cerca oggi di farci ammettere che le immagini sono simboliche, ma la distruzione di Roma, ricordando quella di Babilonia, è annunciata come reale. Dopo la descrizione del grande massacro, l'opera, terminando con la promessa che fa il Salvatore di venire presto, esclude nella maniera più categorica che egli, il Cristo, sia già venuto. Tutta l'Apocalisse ignora del cristianesimo; l'agnello non è messo a morte sotto Pilato ma è immolato "dalla creazione del mondo" (XIII-8) secondo un rito di valore permanente ebraico e non per un fatto storico. Siamo alla fine della seconda metà del primo secolo e Cristo, lontano da ogni riferimento storico, è sostenuto nell'Apocalisse, come negli Atti degli Apostoli, esclusivamente da visioni>>. (Guy Fau. op. cit. pag. 60).
Il silenzio dell'Apocalisse su ogni riferimento storico della vita di Cristo, l'ignoranza più assoluta da parte dell'autore su Pilato, Caifa, i miracoli e quei terremoti che scossero la terra alla sua morte, sono la dimostrazione più chiara che tutto ciò che è stato su scritto su Gesù non è che una favola, per giunta, anche mal raccontata.
Per quanto riguarda poi la datazione del 95 data dalla Chiesa a tutta l'Apocalisse, siamo di fronte ad un altro falso storico secondo quanto ha inconfutabilmente dimostrato Engels confermando l'uscita della prima edizione agli anni 68-69.
Ma prima di passare alla dimostrazione di Engels, è bene fare un breve riepilogo dei fatti che precedettero la sua redazione.
La morte di Nerone, avvenuta per suicidio nell'anno 68, gettò Roma in uno stato di tale anarchia e di disordine da costringere le legioni impegnate nella guerra contro i rivoluzionari a ritirarsi in Siria lasciando campo libero all'esercito giudeo esseno-zelota.
I Giudei sicuri di essere pervenuti alla vittoria finale, già si vedendosi padroni dell'Impero e quindi del mondo, sfogano nel libro tutto il loro rancore contro Roma, la Babilonia della corruzione, e contro tutti i nemici di Dio annunciando un programma di odio, di vendetta e di stragi.
A Nerone succedette Galba, ma sotto il suo regno incerto della durata di sei-sette mesi compresi tra il giugno del 68 e il gennaio del 69, la situazione di disgregazione delle istituzione dello Stato addirittura peggiorò per una voce che cominciò a circolare secondo la quale veniva dato per certo che Nerone, dichiarato suicida, non era morto come si credeva ma che stesse preparando un esercito per riconquistare il trono.
<<In effetti, dopo l'insediamento di Galba al trono di Roma, ben presto fece la sua comparsa un personaggio che affermava di essere Nerone e che per un certo tempo combatté per il potere ma fu sconfitto>>. (Josif Kryvelev. L'Apoalisse. 8)
Fatta questa brevissima premessa, leggiamo ora il passo dal quale Engels ha tratto la data esatta nella quale fu scritta l'Apocalisse: "L'angelo mi trasportò in spirito nel deserto (è l'autore che parla seguendo la sua visione). Là vidi una donna seduta sopra una bestia scarlatta, coperta di nomi blasfemi, con sette teste e dieci corna. La donna era ammantata di porpora e di scarlatto, adorna d'oro e di pietre preziose e di perle, teneva in mano una coppa d'oro, colma degli abomini e delle immondezze della sua prostituzione. Sulla fronte aveva scritto un nome misterioso: <<Babilonia la grande, la madre delle prostitute e degli abomini della terra>>. A vederla fui preso da grande stupore. Ma l'angelo mi disse: perché ti meravigli? Io ti spiegherò il mistero della donna e della bestia che la porta, con sette teste e dieci corna. La bestia che hai visto, ma che non esiste più salirà dall'abisso ma per andare in perdizione. E gli abitanti della terra stupiranno al vedere che la bestia che non era e non è più, riapparirà. Le sette teste sono i sette colli sui quali è seduta la donna e sono anche i sette re. I primi cinque sono caduti (Augusto, Tiberio, Caligola, Claudio, Nerone), ne resta ancora uno in vita (Galba), l'altro non è ancora venuto e quando sarà venuto, dovrà rimanere per poco.
Quando la bestia che era e non è più (continua a spiegare l'angelo), il re che dovrà venire anche se figura come ottavo rimane comunque il settimo, ma va in perdizione".
Perché il successore di Galba potrebbe apparire come ottavo anche se in realtà è il settimo? Perché Nerone, riprendendo il trono secondo quanto si diceva, appare come una doppia figura rappresentando un imperatore già annoverato tra quelli caduti.
Che Nerone sia la settima testa ce lo conferma lo stesso autore dell'Apocalisse allorché, riferendosi al suo presunto suicidio, così scrive: <<Una delle sette teste sembrò colpita a morte, ma la sua piaga mortale fu guarita>>. (Ap.13-3).
Un'ulteriore prova confermante che il settimo imperatore, cioè quello che succederà a Galba, è Nerone ci viene ancora dalla stesso autore dell'Apocalisse allorché ci dice che il suo nome corrisponde al numero 666: <<Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: esso rappresenta un nome d'uomo. E tal cifra è seicentosessantasei>> (Ap. 13-18).
L'interpretazione di questo numero, ricavata da Ferdinand Bernari, professore berlinese le cui lezioni furono seguite da Engels, secondo la simbologia numerica ebraica corrisponde esattamente a "Nerone Imperatore". Il calcolo eseguito da Ferdinand Bernari trova conferma nello stesso Ireneo, Padre della Chiesa, che nel libro "Contro le Eresie" indica l'Imperatore Nerone con il numero 616. Perché questa differenza? Per il semplice fatto che Ireneo fece il calcolo sul testo scritto in latino, dove il nome Nerone, scritto in greco Neron, diventa Nero. Cadendo la lettera N, che nella simbologia ebraica corrisponde a 50, il conto e bello che fatto: 666-50= 616.
Dunque, se l'Apocalisse è stata scritta mentre regnava Galba, cioè nel periodo compreso tra il quinto imperatore che era stato Nerone morto suicida e il settimo imperatore, previsto nella persona dello stesso Nerone redivivo, e sapendo che Galba ha regnato dal giugno del 68 al gennaio del 69, come conseguenza l'Apocalisse non può essere stata scritta chi in questo periodo e non nel 95 come sostiene la Chiesa, e neppure essere stata redatta da Giovanni l'evangelista nell'Isola di Patmos ma dai rivoluzionari in Giudea durante la guerra del 70.
Che i Giudei fossero sicuri della vittoria sui romani ci viene confermato da Eleazaro allorché nel discorso di Masada, riferendosi alla disfatta del 70, la definisce una "sconfitta inaspettata". (Guerra Giudaica. cap.8).
La Chiesa, per giustificare il 95 come data da lei assegnata all'Apocalisse, così commenta il passo dal quale Engels ha tratto la sua conclusione: <<Sette re, cioè gl'imperi di Augusto, Tiberio, Caligola, Nerone e Domiziano, che esisteva ancora al tempo di Giovanni. Il poco tempo è il tempo della persecuzione e il settimo impero è il dominio ostile al regno di Dio, identificato con la fiera>>. (Nota a pag 7 dell'Ap. ed. CEI).
Praticamente, pur di giustificare il 95 come anno in cui fu scritta tutta l'Apocalisse, ignorando gl'imperatori Galba, Vespasiano e Tito, la Chiesa fa fare un volo alla testa della bestia numero 5 di ben 25 anni per metterla sulle spalle di Domiziano che viene considerato come il sesto imperatore. E la settima testa? La settima testa la ottiene trasformando il redivivo Nerone in "un Impero ostile al regno di Dio" che incoerentemente viene identificato con l'intera bestia.
Perché la Chiesa insiste ad attribuire all'Apocalisse la data del 95? La risposta è semplice: se riconoscesse che è stata scritta nel 68, tutta la seconda parte riguardante Gesù, cioè i 4 capitoli aggiunti, risulterebbe troppo evidentemente un falso per l'anacronismo esistente tra i concetti espressi nel "Saluto alle sette chiese" nei cap. 1 -2 -3, quali quello dei Nicolaidi, che ancora non esistevano nel 68. Per cui, non potendo retrodatare l'Apocalisse del 95 al 68, l'ha posdata tutta al 95.
Ma in fondo, cosa potrebbe cambiare in ciò che riguarda l'esistenza storica di Gesù anche se l'Apocalisse fosse stata scritta tutta nel 95, dal momento che essa esclude nel suo intero nella maniera più categorica ogni riferimento ad una sua vita terrestre?
L'Apocalisse è un'opera di guerra che ripete nella maniera più fedele il programma di sterminio di Roma esposto dagli esseno-zeloti nel "Rotolo della Guerra" ritrovato negli scavi di Qumran nel 1947. Essa ignora nella maniera più assoluta tutto ciò che è stato attribuito a Cristo. Ignora Pilato, la crocifissione, i miracoli, la resurrezione, gli apostoli. Essa, disconoscendo tutti gli altri libri sacri che si riferiscono al cristianesimo, oltre che ha dimostrare la sua natura giudeo-essena, conferma che i vangeli, gli Atti degli apostoli e le lettere che la Chiesa afferma esserle contemporanei, non sono state scritte nel primo secolo ma in date, come vedremo, molto più tardive.
Il Messia dell'Apocalisse è un condottiero sterminatore di nemici che dovrà instaurare un regno giudaico che durerà mille anni. Lontana da ogni forma simbolica attribuitale dalla Chiesa quale annunciatrice di una vittoria di Cristo sulle potenze del male procrastinata alla fine dei tempi, l'Apocalisse parla nella maniera più chiara della distruzione dei nemici di Dio in una maniera così prossima e reale da considerarla come se si fosse già compiuta.
Come si può pretendere che l'Apocalisse sostenga l'esistenza storica di Gesù quando, sollecitandone la sua discesa dal cielo, la nega nella maniera più assoluta? (Ap. 22,10).
L'Apocalisse è un libro di guerra, un ardente appello alla lotta contro l'occupante romano, un libro di odio e di vendetta che esclude ogni significato di amore e di pace che si è voluto attribuire alla morale predicata da Cristo.
Il Messia atteso nell'Apocalisse è il "Figlio dell'uomo" di Daniele. Estraneo ad ogni morte di croce, egli è destinato a stabilire l'impero giudeo sulle rovine di Roma.
Facendo una comparazione tra le due opere che la Chiesa attribuisce all'apostolo Giovanni, non possiamo trarre che un ulteriore conferma dell'inesistenza storica di Gesù dal momento che l'una esclude l'altra se consideriamo che nell'Apocalisse il Cristo deve ancora discendere mentre nel IV vangelo viene sostenuto incarnato, nato da una donna terrena che non ha nulla a che vedere con la costellazione della Vergine.
Se a questo punto mi si facesse rimarcare, come già è accaduto, che l'Apocalisse conferma l'esistenza di Gesù nel primo secolo perché essa riporta il suo nome tre volte (le hanno contate), ebbene non posso che rispondere che anche se le volte fossero state cinquanta o cento, a parte il fatto che nulla potrebbe cambiare di fronte alle prove portate, il nome di Gesù era largamente usato dagli Essenti nel significato biblico di Jeosua (Giosué) che significa "colui che salva" che chiaramente si riferisce al "Maestro di Giustizia" atteso dagli Esseni.
Infatti il nome di Gesù lo troviamo nel suo significato di umanizzazione che gli ha dato Madre Chiesa, per la prima volta nel "Discorso Veritiero" scritto da Celso nel 180 attraverso la confutazione che ne fa Origene riportandone il passo: << Colui al quale avete dato il nome di Gesù Cristo in realtà non era che il capo di una banda di briganti i cui miracoli che gli attribuite non erano che manifestazioni operate secondo la magia e i trucchi esoterici. La verità è che tutti questi pretesi fatti non sono che dei miti che voi stessi avete fabbricato senza pertanto riuscire a dare alle vostre menzogne una tinta di credibilità. È noto a tutti che ciò che avete scritto è il risultato di continui rimaneggiamenti in seguito alle critiche che vi venivano portate>>. (Celso. Discorso Veritiero).
In questa diatriba tra Celso e Origene, quello che ancora interessa, oltre all'accusa mossa contro i cristiani di aver dato il nome di Gesù al capo di una bandi Briganti, è il fatto che Origene in essa non difendeva l'esistenza storica di Gesù ma soltanto il fatto che egli venisse associato ad un capo di briganti, dal momento che egli quale gnostico lo sosteneva soltanto nella sua realizzazione di predicatore che aveva svolto la sua missione prendendo dell'uomo soltanto le apparenze, da quanto ci viene confermato dal Patriarca Fozio che ci dà per certo che S.Clemente e il suo discepolo Origene morto nel 254, negano l'incarnazione di Cristo e di conseguenza la sua figura storica di uomo: <<Il Patriarca Fozio, vissuto nel IX secolo (827- 97), quando ormai la Chiesa aveva i suoi dogmi e non si poteva più seguire quella libertà di studio e di espressione che troviamo nei libri di matrice cristiana del II e III secolo, parlando del libro delle dispute di S. Clemente (160-220), afferma che s. Clemete aveva sostenuto che il Logos non si era mai incarnato (Pag. 286, in Ganeval, cap. II e III); e parlando dei quattro libri sui "Principi" di Origene, ci fa sapere che Origene parlava del "Cresto" - come egli lo chiamava - secondo la favola e che quanto all'incarnazione del Salvatore, egli opinava che lo stesso spirito (soffio) che lo aveva animato era lo stesso che era in Mosè, negli altri profeti e apostoli; onde a ben ragione, Fozio del IX secolo, quale difensore dell'incarnazione secondo i dogmi ormai stabiliti e imposti, se ne scandalizza dichiarando che Origene scrisse molte bestemmie>> (Bossi. op. cit.pag. 39- da Ganeval. capp.II e III).
A questo punto non ci resta che aggiungere altri esempi simili al precedente per dimostrare quanto il cristianesimo che la Chiesa afferma essersi costituito negli anni trenta, cioè dopo la morte di Cristo, in realtà ancora annaspava alla fine del II e per tutto che negano nella maniera più categorica l'incarnazione di Cristo:
1) S. Giustino martire nel 160, per contraddire Celso che affermava l'esistenza di Gesù ma soltanto come capo brigante, scriveva: <<se Gesù è nato, e se è nato in qualche luogo, rimane comunque completamente sconosciuto>> (Dialogo con Trifone- Dide. "La Fine delle Religioni"- pag.171).
3) Papia, vescovo di Gerapoli, autore di una esegesi sui detti del Signore, vissuto nel pieno del II secolo, mancando di riferimenti storici sulla vita di Gesù, ne sostiene l'esistenza citando i passi di un vangelo spiritualista esseno-egiziano (terapeuta).
4) S. Ireneo, vescovo di Lione dal 177, afferma che il Dio cristiano non è né uomo né donna.
5) S. Giustino, scrittore cristiano, autore di due apologie del cristianesimo, morto a Roma nel 165, parlando di Cristo afferma che è un'emanazione di Dio che avviene come la proiezione dei raggi del sole. (Concetto gnostico che esclude ogni relazione tra la divinità e la materia).
6) <<Tutte le sette gnostiche esistenti nei secoli I, II e III., quali i Marcioniti, i Valentiniani, i Basilidiani, i Nicolaidi e tante altre negano l'incarnazione di Gesù affermando, secondo quanto ha detto S. Epifane, che egli è la ricostruzione di Oro, il figlio della Trinità egiziana, divenuto poi Serapide.
A queste sette, citate da Ganeval, le quali negavano che il Verbo si fosse fatto carne, va aggiunta e segnalata specialmente quella dei Doceti, negatori della storicità di Cristo, per confutare i quali, secondo il Salvador (Gesù Cristo e la sua dottrina- lib.II, cap.II), il quarto vangelo aggiunge alla Passione il colpo di lancia che fa uscire acqua e sangue dal corpo di Cristo per provare la sua natura umana a quanti la smentivano. Determinante per la negazione dell'umanizzazzione di Gesù è il fatto che i doceti sono contemporanei degli apostoli, al dire di S. Girolamo>> (Bossi. Gesù Cristo non è mai esistito. Ed. La Fiaccola. pag.40).
Praticamente la figura storica di Cristo che tutti, compresi i Santi e gli esegeti cristiani si rifiutavano di riconoscere, se è stata riconosciuta tale non è dipeso da una documentazione corredata di prove ma bensì da un'imposizione di falsità e di contraffazioni sostenuta dalle torture più atroci e dal rogo.
<<Se il Gesù dei cristiani fosse veramente esistito, non si avrebbe avuto bisogno di falsificare la storia per provarlo>>. (Bossi, avvocato. op. cit. pag.16).

Inchiesta di Domiziano.
Secondo quanto dice S. Eusebio, l'Imperatore Domiziano (81-96), avendo sentito parlare dei cristiani, avrebbe fatto venire a Roma dalla Palestina dei parenti del Signore, discendenti della stirpe di Davide, per interrogarli sul Cristo del quale aveva sentito parlare. Costoro, ignorando apostoli, passione e morte, gli risposero che "il regno di Cristo non essendo di questo mondo e di questa terra, ma celeste e angelico, si sarebbe realizzato alla fine dei tempi".
Domiziano, sempre stando a S.Eusebio, rassicurato dal pacifismo che avevano dimostrato queste brave persone, li rinviò in Giudea (augurandogli un buon viaggio. o.p.).
Questo fatto di per se già privo di logica per il semplice motivo che Domiziano se avesse voluto informarsi sul Cristo e sui suoi seguaci avrebbe avuto sistemi molto più imperiali che quello di convocare dei Giudei a Roma, come fece per esempio dopo di lui Adriano che chiese informazioni a Plinio il Giovane procuratore della Bitinia, non è che un altro esempio dei tentativi fatti dalla Chiesa per dimostrare l'esistenza storica dei cristiani nel primo secolo attraverso la falsificazione dei documenti. Se ci fossero stati veramente dei cristiani a Roma, con tanto di vescovi successori di S. Pietro (morto a Roma nel 63), come S. Anacleto (76-88) e S. Clemente (88-97), perché Domiziano avrebbe dovuto far venire dei cristiani dalla Palestina per informarsi della loro religione? Come può la Chiesa giustificare la contraddizione tra un Domiziano che interroga dei cristiani che non conosce e che per giunta gli risultano dopo l'interrogatorio dei pacifici seguaci di una religione del tutto spirituale, e un Domiziano che nello stesso tempo ci viene presentato come un persecutore dei medesimi? Come potrebbe Domiziano (51-96) ignorare i cristiani quando nel 68 furono accusati dell'incendio di Roma? È chiaro che tutta questa confusione esistente nella storia ecclesiastica dipende dalla necessità che la Chiesa ha avuto per potersi sostituire a quegli esseni pacifisti che sostenevano il Cristo di un regno angelico e celeste.

Lettera agli Ebrei e lettera di Plinio il Giovane


Tutti, ormai, compresa la Chiesa stessa, riconoscono che la Lettera agli Ebrei non è stata scritta da Paolo di Tarso. L'autore è discusso tra coloro che l'attribuiscono alla scuola alessandrina (Terapeuti) e quelli che sostengono la tesi di Tertulliano secondo la quale a scriverla sarebbe stato un certo Barnaba contemporaneo di Paolo di Tarso.
Eccetto qualche interpolazione apertamente manifesta, anche se è considerato uno dei documenti più antichi perché in essa si fanno allusioni alle cerimonie celebrate nel Tempio di Gerusalemme che sarà distrutto da Tito nel 70, in essa non c'è nessun riferimento a una vita terrestre di Gesù. Il Cristo della Lettera agli Ebrei è un personaggio astratto assimilato a Melchisedec, personaggio della genesi che viene dichiarato "senza padre, senza madre, senza genealogia e che non ha avuto né principio, né fine".
Il Cristo della Lettera agli Ebrei è un essere soprannaturale e non un uomo che è vissuto sulla terra.
<<La Lettera agli Ebrei, non dice assolutamente nulla dei parenti di Cristo, dei suoi fratelli, dei suoi discepoli, delle sante donne, nulla dei suoi rapporti con il popolo, i farisei, i Romani; Nulla del suo arresto, del suo processo e della sua crocifissione. Il Cristo non è posto in un santuario costruito dagli uomini, ma nel cielo ed ha sostituito il suo sangue a quello degli animali sacrificati. La croce viene nominata soltanto in due inserzioni (6-4/8, 12-162) ma evidentemente aggiunte in un secondo tempo come risulta dalla contraddizione che esse esprimono verso il resto del testo. In definitiva, ispirandosi essa a un Cristo essenzialmente celeste, la lettera agli Ebrei è da considerarsi un documento, come l'Apocalisse, contro ogni storicità della vita di Gesù>> (J.K. Watson - Lettera agli Ebrei - quaderno del Circolo Renan, 4° trim. 1965).

Lettera di Plinio il Giovane all'Imperatore Traiano.
Tra i vari documenti che la Chiesa porta come prova per confutare coloro che sostengono che non esistevano cristiani prima del 150, c'è una lettera che Plinio il Giovane scrisse nel 110, quale procuratore romano in Bitinia, all'Imperatore Traiano per chiedergli come doveva comportarsi verso i seguaci di una certa "superstizione" che venivano chiamati cristiani.
<<È per me dovere, o Signore, rimettere al tuo giudizio tutte le questioni in merito alle quali sono incerto. Chi, infatti, meglio di te può dirigere la mia titubanza o istruire la mia incompetenza? Non ho mai preso parte a istruttorie a carico dei cristiani; pertanto non so fino a che punto si sia solito punirli o inquisirli. Ho anche assai dubitato se si debba tenere conto della loro età; se anche i fanciulli debbano essere trattati come gli uomini nel loro pieno vigore; se si deve concedere grazia in seguito al pentimento, o se a colui che sia comunque cristiano non giovi affatto l'aver cessato di esserlo; se vada punito pur esente da colpe, oppure si deve considerare una colpa l'aver soltanto questo nome.
Nel frattempo, con coloro che mi venivano consegnati quali cristiani, ho seguito questa procedura: se dopo aver chiesto loro se fossero cristiani confessavano di esserlo, li interrogavo una seconda volta e una terza volta minacciandoli di pena capitale. Quelli che perseveravano li ho mandati a morte ritenendo dover essere punita la loro pertinacia e la loro cocciuta ostinazione. Ve ne furono altri affetti dalla medesima follia, per i quali, poiché erano cittadini romani, ordinai che fossero rimandati a Roma. Ben presto, poiché si accrebbero le incriminazioni, come avviene al solito trattando tali questioni, mi capitarono dinanzi casi diversi.
Venne messo in circolazione un libretto anonimo che conteneva diversi nomi.
Coloro che negavano di essere cristiani, o di esserlo stati, ritenni di doverli rimettere in libertà, quando, dopo aver ripetuto quanto io formulavo, invocavano gli dei e veneravano la tua immagine, che a questo scopo avevo fatto portare assieme ad altri simulacri dei numi, e quando imprecavano contro Cristo, cosa che si dice sia impossibile a ottenersi da coloro che sono veramente cristiani. Altri, denunciati da un delatore, dissero di essere cristiani, ma subito dopo lo negarono; lo erano stati, ma avevano cessato di esserlo, chi da tre anni, chi da molti anni prima, alcuni persino da vent'anni. Anche tutti costoro venerarono la tua immagine e i simulacri degli dei e imprecarono Cristo. Affermavano inoltre che tutta la loro colpa o errore consisteva nell'esser solito riunirsi prima dell'alba e intonare a cori alterni un inno a Cristo come se fosse un dio (quasi deo) e obbligarsi con giuramento a non perpetrare alcun delitto, a non commettere furti, né frodi, né adulteri, a non mancare alla parola data e a non rifiutare la restituzione di deposito, qualora ne fossero stati richiesti. Fatto ciò avevano la consuetudine di ritirarsi e riunirsi poi nuovamente per prendere il cibo, ad ogni modo comune ed innocente, cosa che cessarono di fare dopo il mio editto con il quale, secondo le tue disposizioni, avevo proibito l'esistenza di sodalizi. Per questo ritenni ancor più necessario d'interrogare due ancelle che erano dette ministre, per sapere quale fondo di verità ci fosse, ricorrendo pure alla tortura. Non ho trovato null'altro al di fuori di una superstizione balorda e smodata.
Perciò, rinviata l'istruttoria, mi sono affrettato a chiedere il tuo parere. Mi parve infatti cosa degna di consultazione, soprattutto per il numero di coloro che sono coinvolti in questa minaccia; molte persone di ogni età, ceto sociale e di entrambi i sessi, vengono trascinati, e ancora lo saranno in questo pericolo. Non soltanto la città, ma anche i borghi e le campagne sono pervase dal contagio di questa superstizione; credo però che possa essere ancora fermata e portata nella normalità>>. (Epistola X, 96, 1-9).
Anche se non ci sarebbe più bisogno di ulteriori commenti per dimostrare che i Cristiani a cui si riferisce Plinio il Giovane erano gli Esseni dei quali parlano Giuseppe Flavio, Filone e i documenti di Qumran (Libro delle Regole), facciamo comunque rimarcare, come ulteriori conferme, i seguenti passi contenuti nella lettera:
1) La presenza di donne negli incarichi religiosi in qualità di ministre che, inammissibile in un ambiente cristiano per l'interdizione alla celebrazione dei culti che la Chiesa ha sempre riservato al sesso femminile, che veniva ancora conservata presso le comunità giudeo-essene per quel rispetto che portavano alle leggi dei loro padri: <<Quando un uomo o una donna farà voto speciale, il voto di nazireato per consacrarsi al Signore, si asterrà dal vino e dalle bevande inebrianti...>>. (Nm. 6-
2) <<L'espressione secondo la quale costoro pregano il loro Cristo "come se fosse un dio", non può che riferirsi al Logos di Filone che viene considerato un essere intermediario tra dio e gli uomini, inferiore a Dio, perché creato, ma occupante nella creazione un posto di preminenza che, investendolo di alcuni attributi divini, lo rende un "quasi dio">>. (Guy Fau. pag. 235).
3) Il nome di cristiani con cui veniva indicata questa setta di balordi e di smodati non se l'erano data loro quali seguaci di Cristo, ma bensì gli era stato attribuito da altri e con un senso dispregiativo come sostiene Ambrogio Donini in "Storia del Cristainesimo" Edt. Teti- pag. 29: <<Il nome di cristiani è nato in un ambiente non palestinese e veniva usato in senso d'ironico disprezzo (gli "unti", gli "impomatati") per distinguere gli ebrei della Sinagoga (ortodossi) dai nuovi convertiti, considerati gente strana, dalla lunga capigliatura, un po' come i nostri capelloni>>.
4) <<L'appellativo di cristiani abbinato ad una setta di superstizione, dato da Plinio il Giovane alle comunità della Bitinia, lo troviamo già in Tacito allorché si riferisce alle loro espulsioni avvenute sotto Augusto e sotto Tiberio già molti anni prima della presunta morte di Gesù Cristo.
Non è un gioco di parole il dire che il cristianesimo esistette sotto forma di superstizione giudaico-cristiana prima che Gesù nascesse e la Chiesa facesse proprio questo nome sostituendosi agli esseni>>. (E. Bossi. Gesù Cristo non è mai esistito. Pag. 36).
Un'altra testimonianza storica dimostrante che i cristiani di Madre Chiesa ancora non esistevano nella prima metà del II secolo, ci viene dallo stesso imperatore Adriano, il quale andato ad Alessandria l'anno 131, disse che "il Dio dei cristiani era Serapide e che i devoti di Serapide erano quelli che si dicevano "vescovi dei cristiani". (Bossi. op.cit. pag.40).
*Vescovo, dal greco "epuscopus" (capo di comunità religiosa), è passato nella gerarchia ecclesiastica cristiana soltanto dopo la sua costituzione, cioè nella seconda metà del II secolo, tanto che il primo vescovo di Roma, riconosciuto dalla storia, è stato Eleuterio di Nicopoli dell'Epiro (175-189).




Documenti della prima metà del II secolo


Esaminati i documenti del primo secolo, nei quali nulla si è trovato che si riferisca alla figura storica di Gesù, all'infuori di falsificazioni che non possono che confermare la sua inesistenza, passiamo ora a quelli della prima metà del II secolo.
Fu nella prima metà del II secolo che si conclusero i programmi delle due correnti, la guerriera e la spiritualista, che, dopo la separazione avvenuta in seguito alla guerra del 70, avevano perseguito separatamente ciascuna secondo il proprio programma.
Mentre la prima terminò il suo ciclo con la sconfitta del 135 che subì Bar Kokeba, ultimo Messia davidico, la seconda si aprì a nuovi concetti teologici basati sulla ricerca di una fede ragionata (gnosi) che avrebbe permesso all'uomo di risalire a Dio attraverso gl'insegnamenti di un Logos che, da atteso quale era stato per tutto il primo secolo, si era improvvisamente trasformato in un Salvatore che aveva già realizzato la sua missione redentrice sulla terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze.
I motivi per cui i teologi esseni giunsero a questa decisione sono due: primo, non avrebbero mai potuto ottenere un successo definitivo sulle masse se avessero continuato a opporsi al sincretismo pagano, basato su Soteres che si erano già realizzati, con l'astrattismo di un Messia che ancora doveva venire; secondo, si doveva porre termine all'attesa di un Messia che, non arrivando mai, cominciava a stancare gli esseni stessi.
Ma come giustificare al mondo la figura di un Messia già esistito se fino ad allora essi stessi avevano sostenuto che doveva ancora venire?
Ebbene, questo problema che potrebbe apparire insolubile alla ragione ed al buon senso, lo risolsero dando la colpa a essi stessi dicendo che se erano rimasti ad aspettarlo ciò era dipeso dal fatto che non lo avevano riconosciuto quando era venuto. E attribuendo la sconfitta della guerra del 70 ad una punizione inflittagli da Dio per aver commesso la colpa di non riconoscere il Messia che lui gli aveva inviato, confermarono il fatto invocando la profezia di Isaia che lo aveva preannunciato: <<Egli (il Messia), dopo essere passato tra gli uomini in maniera così umile e modesta nelle parvenze da non essere rimarcato da alcuno, seguirà i suoi carnefici silenzioso e docile come un agnello che viene condotto al mattatoio>>.
Ma prima di soffermarci a parlare di come fu costruita la vita terrena di questo Salvatore la cui esistenza veniva confermata esclusivamente da una profezia, è bene conoscere il concetto base della dottrina gnostica che ne fu la supportatrice.
<<Nel colto mondo intellettuale di Alessandria d'Egitto (città natale di Filone), durante il secondo secolo, il problema religioso è inserito nell'ambito di una matura esperienza filosofica e mistica. Allacciandosi al neoplatonismo, gli gnostici ritengono che il cosmo sia formato da una gerarchia di entità incorporee ( gli "eoni") emanate da Dio, sempre meno perfette a mano a amano che si allontanano da lui, come la luce che progressivamente si attenua distanziandosi dalla sua fonte. L'ultimo eone, l'anima umana, venuto a contatto della materia, è stato sopraffatto da essa, è caduto nelle tenebre, è divenuto schiavo del male, del dolore, della morte. Questa situazione è quindi conseguenza di oblio e ignoranza della propria origine divina, e la gnosi è appunto il riprendere conoscenza di essa e aspirare al ritorno di essa, cioè alla perfezione di Dio (divinizzazione), momento di origine".
Concedere all'uomo la possibilità del proprio riscatto è un gesto d'amore da parte di Dio, che egli compie inviando agli uomini il modello perfetto dell'uomo spirituale, l'Anthropos celeste. Questi, con l'esempio di se stesso e con la rivelazione delle verità dimenticate dall'uomo, rende l'uomo partecipe delle gnosi, cioè della conoscenza salvatrice". (Craveri.op.cit. pag.476).
Come conseguenza, quindi, del fatto che la materia è all'origine di tutti i mali, il Messia degli gnostici aveva compiuto la sua missione di un predicatore essenzialmente spirituale che aveva preso dell'uomo soltanto le apparenze.
Per poter meglio comprendere questo concetto, riporto la spiegazione che dà il teologo Valentino per giustificare come sia stato possibile a Cristo di svolgere un'attività del tutto umana pur rimanendo purissimo spirito: << Il Salvatore, avendo tutto tollerato, divenendo padrone di se stesso, era giunto al punto di continenza che il cibo che mangiava non si corrompeva nell'interno del suo corpo perché in lui, quale puro spirito, non poteva essere corruzione di materia. Mangiava e beveva come un uomo ma in maniera particolarissima, non restituendo gli alimenti>>. (Tutta la teologia, e soprattutto quella cristiana, è un insieme di demenze e di follie che umiliano l'intelligenza umana!).
I vangeli gnostici, per lo più di origine sirio-egiziana, che furono scritti nei secoli che seguirono via che si svilupparono le varie correnti gnostiche, furono innumerevoli, ma siccome a noi c'interessano soltanto quelli da cui furono tratti i vangeli canonici, prenderemo in esame i più antichi, cioè quelli che uscirono nella prima metà del secondo secolo allorché si cercò di costruire la figura di questo Cristo attraverso la citazione di frasi e di sentenze che secondo gli gnostici erano state da lui dette durante il suo passaggio sulla terra, quel passaggio che, non essendo stato rimarcato da nessuno, aveva come unico supporto della sua esistenza la profezia di Isaia.

Le Logia o Loghia.
Per dare credito alle varie asserzioni moraliste pronunciate da questo Salvatore durante il suo passaggio sulla terra, asserzioni tratte tutte da versetti della Bibbia o da quei concetti che gli esseni avevano assimilato dalle religioni pagane, come il discorso della montagna che era alla base della morale Mazdeista (Mitra), esse furono attribuite a cronisti che, in qualità di discepoli o di discepoli dei discepoli del Messia, vennero dichiarati testimoni diretti dei fatti.
Queste citazioni, tutte rispettanti i principi gnostici, quindi escludenti l'incanazione di Cristo, che S. Giustino scrittore cristiano del II secolo, definì "corte e laconiche", alle quali fu dato il nome di Logia dal greco "logion" che significa sentenza, sono state ritrovate in frammenti di papiro scoperti a Ossirinco (Egitto) tra il 1897 e il 1903 (papiri di "Ossirinco" e papiro di "Egerton ").
Datate intorno al 130-135, le Logia sono da considerarsi la sorgente, come sono state dichiarate con la parola Quelle (Q) che in tedesco significa appunto "sorgente", di tutti gli scritti e i vangeli che in seguito furono riferiti alla vita di Gesù Cristo.
I primi libri che uscirono su ricopiatura di queste frasi attribuite al Signore furono il vangelo di Tommaso, di Filippo, della Verità, di Marco, di Matteo, un libricino intitolato "Detti e sentenze del Signore" di un certo Papia, vescovo di Geropoli in Frigia, e il vangelo di Marcione.

Vangeli di Tommaso, di Filippo e della Verità.
A parte il vangelo della verità che "più che un vangelo è una dissertazione su di alcuni punti fondamantali della dottrina gnostica" (M.Craveri- Vangeli Gnostici. Einaudi. Pag.547), gli altri due si fa presto a definirli dicendo che sono una raccolta delle sentenze del Signore che cominciano tutte con: <<Il Signore disse: .....>>.
Craveri, attraverso un'analisi comparativa, ha dimostrato come i vangeli canonici siano la riproduzione più fedele delle 121 sentenze riportate dal vangelo di Tommaso, delle 127 del vangelo di Filippo, delle 47 del Vangelo della Verità e delle altre riportate dai vari papiri quali quelli di Osirinco, di Egerton, di Fayyun e di Berlino 11710.
Riportiamo alcuni esempi presi a caso di questi papiri per dimostrare come è da essi che derivano i vangeli canonici:
<<Il Signore disse: Colui che cerca troverà, e a colui che bussa sarà aperto>>. (Tommaso sentenza 101 ripresa da Matteo in VII. 7-8- e da Luca in XI 9-10)
<<Mostrarono a Gesù una moneta d'oro e gli dissero: Gli uomini di Cesare ci chiedono le tasse- Egli disse loro: Date a Cesare ciò che è di Cesare, date a Dio ciò che è di Dio, e date a me ciò che è mio>> (Tomm. sent. 107 = Mc. XII 14-17; Mt. XX 16-12).
<<Gesù disse: La messe è grande davvero, ma gli operai sono pochi. Pregate dunque il Sigmore perché mandi operai nella messe>>. (Tomm. sent. 80 = Mt. IX, 37-38; Lc.X, 2).
.<<Questo è il motivo per cui il Logos ha detto: Già la scure è posta alla radice degli alberi>>.(Filippo, sent.123 = Mt III,10).
<<I capi misero le mani su di lui per arrestarlo e consegnarlo alla folla, ma non potevano pigliarlo, perché non era venuta l'ora della sua consegna>>. (Papiro di Egerton 2 = Gv.. VIII 20).
<<Il Signore disse: Molti che sono i primi saranno gli ultimi>>.(Papiro di Ossirinco, sent. 1 = Mc. X,31; Mt. XIX,30; XX,16; Lc. XIII,30).
<<Il Signore disse: Tu vedi la pagliuzza nell'occhio del tuo fratello e non vedi la trave nel tuo>>. (Oss. 1; Mt. XII; 3,5; Lc; VI,41,42).
<<Dopo aver cenato, come di costume, il Signore disse: - Tutti in questa notte avrete occasione di caduta, secondo quello che è scritto: <<Io percuoterò il pastore e le pecore saranno disperse>>.
E avendogli detto Pietro: -Anche se tutti, io no,- il signore rispose: - Prima che il gallo canti due volte, tu mi rinnegherai tre volte>>. (Papiro di Fayyun - Mc. XIV 26,30; Mt. XXVI 30,34).
<<Natanaele riconobbe, dicendo: Rabbi, Signore, tu sei il figlio di Dio!.
Il Rabbi gli rispose: Natanaele, cammina al sole!
Gli rispose Natanaele e disse: Rabbi, Signore, tu sei l'agnello di dio che toglie i peccati del mondo!>>. (Papiro di Berlino - Giov. I 49; I 29).
Delle 350 sentenze dei vangeli gnostici di Tommaso, Filippo, della Verità e delle altre contenute nei vari papiri, non ce n'è nessuna che non sia stata usata per costruire i vangeli canonici.
A questo punto, essendo venuti a conoscenza del fatto che i vangeli canonici sono stati costruiti su frasi e sentenze "brevi e laconiche riportate senza nessun ordine", possiamo finalmente capire il motivo per il quale i fatti riferentisi alla vita di Cristo risultino nei quattro vangeli canonici così privi di quella successione che ci sarebbe dovuta essere se fossero stati riportati veramente da testimoni oculari come sostiene la Chiesa, e perché i primi tre risultino così uguali nelle espressioni da essere chiamati sinottici.

Vangeli di Marco e di Matteo (pseudo).
Per spiegare cosa significa la parola "pseudo" messa tra parentesi nel titolo, diciamo che la Chiesa, allorché fece la cernita dei documenti riguardanti la vita di Cristo, una cernita che tra conferme e ripensamenti si è protratta per secoli se consideriamo che l'Apocalisse rimase in discussione fino al VI secolo, dopo aver scelto come canonici i quattro che più gli convenivano, dichiarò tutti gli altri non validi dandogli il nome di "apocrifi", se rappresentati da un solo esemplare, e di "pseudo" se invece di esemplari dello stesso documento ce n'erano due, come nel caso del vangeli canonici che, essendo rappresentati tutti e quattro da una duplice copia, avranno rispettivamente uno paseudo.
Ma lasciando stare gli pseudo che si riferiscono a Luca e a Giovanni che oltre ad essere troppo lungo spiegarne le origini è anche di non importanza determinate al nostro scopo che è quello di stabilire la data dei canonici, prendiamo in esame soltanto lo psedo Marco e lo Pseudo Matteo.
Un'altra raccolta di sentenze, oltre quelle già considerate nei vangeli di Tommaso, Filippo ecc.,fu riunita in due libricini che furono attribuiti a due personaggi completamente ignorati dalla storia, Marco e Matteo, che la Chiesa ha dichiarato essere stati discepoli di Gesù.
Che questi due vangeli siano usciti tra il 135 e il 150 ci viene dal fatto che i relatori di entrambi dimostrano di essere a conoscenza della distruzione di Gerusalemme avvenuta nel 135 e che sono nominati da Papia, vescovo di Geropoli intorno al 150, il quale così li definisce:
<<Marco, interprete di Pietro, redasse esattamente ma senza ordine ciò che ricordava delle parole del Signore>>.
<< Matteo riunì in ebraico le sentenze del Signore e ciascuno le tradusse come poteva>>.
Quale dei due pseudo vangeli sia stato scritto prima non si può sapere con certezza anche se è convinzione generale che quello di Marco sia stato il precedente.
<<Quale dei due è stato scritto prima dell'altro? Quasi tutti sono d'accordo ad attribuire la precedenza a quello di Marco per il fatto che tutti gli altri lo citano o lo ricopiano. In realtà, tenuto conto degli arrangiamenti ulteriori, questa prova non può essere considerata decisiva. Ma poco comunque importa dal momento lo scarto fra i due è assolutamente minimo>>. (Guy Fau. op.cit.pag. 89).
Infatti quello che c'interessa di questi due libricini è il poter trarre da essi le prove dimostranti che i vangeli canonici a loro attribuiti non sono stati scritti negli anni 40-50 (Matteo) e negli anni 60-65 (Marco) come la Chiesa sostiene, ma soltanto dopo il 150, e non da testimoni presenti ai fatti ma da falsificatori che, come vedremo nel capitolo dei vangeli canonici, nulla avevano a che vedere con il mondo ebraico e tanto meno con la Palestina.

Vangelo di Papia.
Questo vangelo, scritto da Papia, vescovo di Geropoli, fu presentato da lui personalmente nel 135 alla comunità essena di Roma sotto il titolo di "Detti e Sentenze del Signore", ma non ebbe una favorevole accoglienza perché riconosciuto, come scrive S. Eusebio, "poco intelligente nelle sue espressioni", espressioni che, se risultano sciocche ed assurde sul piano concettuale, assumono invece una grande importanza su quello storico perché ci fanno capire quanto la figura di Cristo fosse ancora così teorica ed astratta nella prima metà del II secolo.
Prendendo spunto dal passo dell'Apocalisse (22.2) nel quale si dice che "in mezzo alla piazza di Gerusalemme si trova un albero di vita che dà dodici raccolti e produce frutti ogni mese ", Papia trasse così una delle sentenze riportate nel suo vangelo: <<Il Signore disse che presto ci saranno vigne di 10.000 tralci che porteranno ciascuno 10.000 ramificazioni aventi ognuna 10.000 grappoli formanti ciascuno 10.000 acini e ogni grappolo produrrà 10.000 litri>>.
La frase, anche se non merita commento per la sua idiozia, assume comunque una estrema importanza se si considera che colui che ci parla così di Gesù è un ecclesiastico che ricopre la carica di vescovo presso la comunità di Geropoli in Frigia (Asia Minore culla dell'essenismo spiritualista gnostico). Se non dovesse essere sufficiente la demenza di questa sentenza per dimostrare quanto fosse ancora sconosciuta l'incarnazione di Cristo, allora aggiungeremo che Papia, stando a quanto afferma lo storico cristiano Mons. Duchesne nel suo libro "Storia della Chiesa" (cap.I, pag 143, Ed. Paris 1910), disconoscendo ogni morte sulla croce, sosteneva ancora nel suo vangelo che Gesù era deceduto in "età avanzata".
<< Naturalmente, come tutti gli altri redattori di quel tempo che per dare credito ai lo scritti li attribuivano a personaggi che venivano dichiarati testimoni diretto o indiretti della vita di Cristo, anche Papia fece lo stesso affermando che ciò che aveva riportato sul suo libricino lo aveva sentito raccontare da persone anziane che a loro volta le avevano apprese direttamente dal discepolo Giovanni, come risulta da S.Ireneo - (Haeresiae Cap. V 33-3) >> ( Las Vergnas, op.cit. pag. 45).
Povero Giovanni, chissà come si rivolterebbe nella tomba se venisse a sapere di tutte le fesserie che la Chiesa ha scritto sotto il suo nome!

Vangelo di Marcione.
Questo libro è il primo racconto coordinato della vita di Cristo. Scritto da Marcione, filosofo gnostico di Sinope sul mar Nero (Siria), fu portato da lui stesso nel 140 presso la comunità di Roma che, anche se formata da elementi culturalmente tra i meno sviluppati dell'epoca, andava prendendo sempre importanza per il carisma che le veniva dal fatto di essere nella capitale dell'Impero. Accolto inizialmente con successo, dopo quattro anni soltanto fu respinto dalla stessa comunità perché ritenuto eretico, cioè contrario all'umanizzazione di Cristo della quale nel giro di pochi anni ne era divenuta sostenitrice. (Non dimentichiamoci che Marcione portò alla comunità di Roma, insieme al suo vangelo, anche 200.000 sesterzi. La Chiesa sostiene che gli furono restituiti al momento dell'espulsione. Sarà vero? <<Conoscendo l'avidità del clero, a qualsiasi religione appartenga, sono portato a dubitare fortemente di questa restituzione>> (Guy Fau).
Anche se è stato distrutto, e possiamo ben immaginare da chi, questo vangelo è stato in buona parte ricostruito nei suoi punti più importanti attraverso le citazioni dei suoi passi che gli autori cristiani, sostenitori dell'incarnazione, riportarono nei loro libri per confutare le teorie gnostiche che conteneva, cioè quelle teorie che sostenendo un Salvatore essenzialmente spirituale ne negavano l'incarnazione.
I motivi per i quali il vangelo di Marcione assume una particolare importanza nello studio della cristologia, sono due:
a) È attraverso la sua accettazione da parte della comunità di Roma nel 140 e la sua conseguente respinta avvenuta nel 144, che possiamo determinare con grande approssimazione gli anni in cui avvenne la separazione tra gli esseni di origine ebraica e gli esseni di origine pagana causata dall'introduzione dell'Eucaristia.
b) Il vangelo di Marcione fu il primo a riportare un racconto coordinato della vita di Cristo con tanto di riferimenti storici e geografici che fino ad allora non erano apparsi in nessuno di tutti gli altri scritti che invece si erano limitati a citare di lui soltanto detti e sentenze. Sarà poi su questi riferimenti storico-geografici riportati da Marcione che verranno costruiti i quattro vangeli canonici.
La ricostruzione del vangelo di Marcione, fatta prima da Harnack e poi da Cuchoud (Gesù, il dio fatto uomo- pag. 63 e segg.). possiamo così riassumerla nell'essenziale dicendo che esso cominciava: <<Nel quindicesimo anno del regno di Tiberio (cioè nell'anno 30) ai tempi del procuratore Ponsio Pilato e Caifa Sommo Sacerdote, il Salvatore figlio di Dio, discese dal cielo su Cafarnao, città della Galilea, per cominciare da lì le sue predicazioni>>.
Su quali basi Marcione determinò l'anno 30 come inizio delle prediche e Cafanao in Galilea come luogo nel quale esse cominciarono? No dimentichiamo che Marcione era un ebreo e che, come tale, era uno sostenitore di quelle argomentazioni che gli gnostici avevano tratto dalla Bibbia per determinare il periodo nel quale il Messia era passato tra gli uomini senza essere riconosciuto: se la sconfitta del 70 era stata una punizione inflitta da Dio al popolo ebraico per non aver riconosciuto il Salvatore e Dio aveva atteso 40 anni prima di punirli, come veniva affermato dalla profezia di Giacobbe, facendo 70-40, la data non poteva essere che quella del trenta. Per ciò che riguarda poi il luogo, se Marcione scrisse che era Cafarnao ciò dipese da fatto che egli si attenne a quella tradizione popolare che si riferiva a quel Giovanni di Gamala che in qualità di Messia aveva infatti cominciato le prediche partendo dalla Galilea.
Come conseguenza, una volta stabilita la data, venne da se che fossero riportati nel vangelo i personaggi di quell'epoca, quali Ponsio Pilato, governatore della Giudea, Caifa Sommo Sacerdote e Tiberio imperatore regnante.
Che il Cristo di Marcione sia un Cristo senza nascita che si presenta sulla terra in età già adulta prendendo dell'uomo soltanto le apparenze, ci viene confermato da Tertulliano, apologista cristiano, il quale nelle sue confutazioni contro Marcione riporta un passo del suo vangelo nel quale si faceva dire allo stesso Cristo di non avere una nascita terrestre: <<Ipse contestantur se non esse natum.
Tentaverunt per mentionem matris et fratrum, ut scirent natusque esset an non>>. (Poiché egli stesso (Cristo) negava di essere nato, lo tentarono nominandogli sua madre e i suoi fratelli). Ma lui conferma la sua natura essenzialmente spirituale rispondendo: <Io non ho madre, io non ho fratelli>>
Questo passo nel quale viene riportato un Cristo che nega di avere una madre e dei fratelli per dimostrare che la sua origine non è terrena, se trova giustificazione in un vangelo gnostico quale quello di Marcione, diventa una contraddizione nei vangeli materialistici canonici nei quali fu sconsideratamente riportato (ricopiato) dai redattori di Marco (Mc. III,33), Matteo (XII,48) e Luca (VIII,21).
Per Marcione Gesù non poteva essere nato secondo la carne perché sarebbe stato vergognoso per un Dio confondersi con la materia.
<<Gesù ha preso una somiglianza d'uomo perché se fosse divenuto veramente uomo avrebbe cessato di essere un dio>>, afferma Marcione nel suo vangelo secondo Crisostomo che ne riporta la frase nella sua lettera ai Filippesi. (II,7).
Un altro argomento che rende interessantissimo il vangelo di Marcione per dimostrare che tutta la storia della crocifissione è un'invenzione della metà del II secolo, ci viene dal fatto che essa era completamente sconosciuta fino al 144, dal momento che egli è il primo a parlarne ma in una forma del tutto immaginaria e sovrannaturale: <<Marcione è il primo che parla di crocifissione, anche se la sua è una crocifissione più simbolica che reale perché voluta dagli Arconti (demoni appartenenti alla teoria gnostica) che la operarono servendosi delle autorità di Gerusalemme, tanto che la sua morte fu solo apparente perché il suo corpo non era di carne>>. (Gay Fu. op.cit. pag. 81).
Siamo nel 144 e Gesù nella sua figura di essere celeste che discende sulla terra in età già adulta, senza padre né madre, che muore per opera degli Arconti, ma in maniera soltanto apparente, ancora non ha nulla di quel Cristo che in seguito si farà nascere da una donna e si farà morire sulla croce quale dio incarnato.

DOCUMENTI DELLA SECONDA META DEL II SECOLO
I vangeli canonici.

Vangelo di Matteo.
<<Scritto originariamente in Aramaico da Matteo, l'apostolo chiamato da Gesù al suo seguito distogliendolo dalla professione di esattore delle imposte, fu pubblicato tra il 40 e il 50>>. (Dalla Sacra Bibbia - ed. C.E.I.).
La falsità della data attribuita dalla Chiesa al vangelo di Matteo ci viene incontestabilmente confermata da quel passo nel quale Gesù minaccia gli Ebrei di aver ucciso Zaccaria, figlio di Baracchia, che così recita: <<...perché ricada su di voi (Ebrei) tutto il sangue innocente versato sopra la terra, dal sangue del giusto Abele fino al sangue di Zaccaria, figlio di Baracchia, che avete ucciso tra il santuario e l'altare>>. (Mt. 23,35).
Sapendo da Giuseppe Flavio che l'assassinio di questo Zaccaria avvenne nel 67, cos'altro si può dedurre, oltre a rimarcare l'ignoranza di coloro che fanno recitare a Gesù, morto nel 33, un fatto che non poteva assolutamente conoscere, che la data in cui fu scritto il vangelo di Matteo non è quella del 40-50 attribuitagli dalla Chiesa ma bensì posteriore all'anno 67?
<<Basterebbe soltanto questo riscontro storico per dimostrare che i vangeli, oltre che ad essere stati scritti molto tempo dopo l'epoca ad essi assegnata, furono compilati senza il rispetto delle verità storiche da autori che, pur di costruire la figura di Cristo, gli misero sulla bocca parole assurde senza dubitare che avrebbero tradito, in un'epoca di minore credulità, la loro impostura e le loro invenzioni>>. (E.Bossi. Gesù Cristo non è mai esistito- Ed. La Fiaccola. pag. 99).
Dunque, dimostrato che la data attribuita dalla Chiesa è falsa, quando fu scritto in realtà il vangelo canonico di Matteo? Sapendo che gli fu attribuito intestato libricino databile, come abbiamo visto, tra il 135 e il 150 (vedi cap. precedente - Documenti della prima metà del II sec. "Pseudo vangeli di Marco e di Matteo"), ci verrebbe spontaneo di rispondere che fu scritto in questo periodo, se non considerassimo che Papia lo definì come una semplice raccolta di sentenze: <<Matteo riunì in aramaico alcune sentenze del Signore che ciascuno le tradusse come poteva>>.
Siccome il vangelo di Marco non può essere quello a cui si riferisce Papia perché è tutt'altro che una raccolta di sentenze ma una vera e propria biografia di Gesù, cos'altro si può dedurre se non che il canonico sia una riproduzione ampliata dello pseudo Marco e quindi posteriore al 150? Deduzione che ci viene confermata anche dal passo in esso contenuto che attribuisce a Pietro il primato sulla Chiesa che per quasi tutta la metà del secondo era stato invece riservato a Giacomo.
<<E ancora un'altra prova confermante la sua datazione posteriore al 150 ci viene dal passo "Tu es Petrus" che poteva essere stato scritto soltanto dopo che la Chiesa prese la decisione di togliere a Giacomo il primato sulla comunità di Gerusalemme, che tutti i documenti precedenti al 150 gli attribuivano, per passarlo a Pietro>> (Guy Fau. pag.92).
E ancora:
<< Il "Tu es Petrus" non può essere stato aggiunto nel vangelo di Matteo che dopo il 180 dal momento che è ancora ignorato da Ireneo in questa data >> (Las Vergnas- op. cit. pag.41).
Dunque è chiaro che il vangelo canonico attribuito a Matteo, essendo un ampliamento del libricino che era stato scritto tra il 135 e il 150, è stato redatto nella seconda metà del II secolo da falsari che non potevano essere stati testimoni di un Gesù dichiarato morto nell'anno trentatré.

Vangelo di Marco.
Presentazione della Chiesa: <<Marco, collaboratore di Pietro, che lo predilesse tanto da chiamarlo "suo figlio", lo scrisse intorno al 65 per i fedeli di origine pagana; secondo la tradizione, per i cristiani di Roma>>. (C.E.I.).
Anche se tutti gli esegeti sono d'accordo a ritenere che il vangelo di Marco sia uscito prima di quello di Matteo per la ragione che quest'ultimo lo ricopia in numerosi passi, esso è comunque da collocarsi ad una data posteriore al 150 per gli stessi motivi che sono stati portati per il vangelo di Matteo: il redattore è a conoscenza della disfatta di bar Kocheba (135) e Papia, vescovo di Geropoli verso il 150, dimostra di conoscerlo allorché lo qualifica come una raccolta di reminiscenze riportate senza alcun ordine cronologico: <<Marco, interprete di Pietro, redasse esattamente ma senza ordine ciò che ricordava delle parole del Signore>>.
Basterebbe soffermaci su questa definizione di Papia per determinare la tardività del vangelo di Marco. Cos'altro si può dedurre da essa se non che il vangelo dichiarato canonico dalla Chiesa sia una derivazione dello pseudo-Marco, dal momento che esso, oltre che a riportare una biografia di Gesù, risulta anche essere il più ordinato di tutti i vangeli?
<<Il vangelo a cui si riferisce Papia dichiarandolo una raccolta di sentenze riportate senza alcun ordine non può essere quello che la Chiesa ci propone, perché nessuno dei vangeli ha un piano più coerente e studiato di quello di Marco>> (Goguel - Intr. al Nuovo Vangelo).
<<Il vangelo di Marco è così ordinato che le sue parti, ben distinte fra loro, sono a loro volta divise per tre o in multipli di tre; Gesù è oltraggiato alle ore 3, condotto al Calvario alle ore 6 ed espira alle ore 9. Questa composizione, essendo tutto l'opposto dello pseudo-Marco a cui si riferisce Papia, non può essere stata scritta che da qualcuno che l'ha ricostruita e messa in ordine dopo il 150>>. (Prosper Alfaric ex professore di teologia presso i grandi seminari di Francia, convertitosi all'ateismo).
<<Il vangelo di Marco, come tutti gli altri vangeli canonici, non sono che un'elaborazione di quella raccolta di sentenze chiamate Logia che furono tratte dalle profezie bibliche riferentesi al Messia>>. (Rendel Harris - Testimonianze - Cambridge 1920 - Quaderno del Circolo Renan, 3° trim. 1961).
Un'altra prova dimostrante ancora che il vangelo non è stato scritto da un ebreo quale era Marco, ma piuttosto da uno dei quegli esseni di origine pagana della comunità di Roma (Il vangelo di Marco fu scritto a Roma in lingua latina - Couchoud. Infra- pag.254), che si erano separati dall'essenismo per sostenere l'incarnazione di Cristo, ci viene dalla disconoscenza che costui ha della Bibbia allorché inizia il vangelo commettendo subito l'errore di attribuire l'annuncio del Messia al profeta Isaia (Mc.1,1), quando esso appartiene invece al profeta Malachia (3,1). Ma di questi errori biblici e geografici che potevano essere commessi soltanto da truffatori che ignoravano la Bibbia e la Palestina ne sono così pieni i vangeli da suscitare più pietà che disprezzo. Soltanto Adel Smith, nel suo libro "500 Errori nella Bibbia" (Ed.Alethes), ne ha contati nei 4 vangeli canonici e negli Atti degli Apostoli ben 250.
<<Non sono che insignificanti inesattezze che servono a rafforzare la fede>>, rispondono i preti quando gli si fanno rimarcare!
Un'altra osservazione interessante riguardo l'autore del secondo vangelo ci viene da Guy Fau: <<Come è possibile che sia stato Marco, l'apostolo tanto prediletto da Pietro da considerarlo come suo figlio, a scrivere questo vangelo quando egli tacendo il " tu es Petrus" che troviamo negli altri vangeli, dimostra di ignorare che Gesù lo aveva eletto capo della Chiesa?>>.

Vangelo di Luca.
Presentazione della Chiesa: << Luca, autore anche degli Atti degli Apostoli, fu un colto medico siriano convertitosi in Antiochia verso l'anno 43. Conobbe Cristo dai primi testimoni della sua vita e si preparò con accurata indagine. Luca svolge il suo lavoro su un materiale proveniente da ambiente palestinese, non escluso il contributo della stessa Madre di Gesù. Fu scritto fra il 65 e il 70>>.
L'attribuzione a Luca, apostolo vissuto nella Comunità di Gerusalemme insieme a Pietro, Giacomo, gli apostoli e la Madonna, non può essere che fantastica.
Dal momento che questo vangelo fu scritto per confutare i concetti gnostici del vangelo di Marcione, di conseguenza non può essere anteriore al 144. Per quanto la Chiesa cerchi, invocando l'autorità di Tertulliano, di dimostrare che fu Marcione ad imitare Luca, le prove che dimostrano che invece furono i redattori di Luca a ricopiare Marcione sono state ampiamente portate da Couchoud nel suo "Primi Scritti del Cristanesimo".
" a) Noi sappiamo che il vangelo di Marcione è conosciuto nel 140 da Papia mentre quello di Luca è ignorato dallo stesso Papia nel 150.
b) Il vangelo di Marcione era molto più corto di quello di Luca, e in questi casi non si accorcia mai, ma piuttosto si allunga.
c) Numerosi passi di Luca hanno un evidente carattere anti-marcioniano.
d) Per analogie di espressioni e uguaglianza di stile, tutto porta a credere che il vangelo attribuito a Luca sia stato scritto, almeno nella sua prima stesura, da Clemente, autore di una lettera ai Corinti, che è vissuto a Roma negli anni 155-165". (Couchoud. Primi Scritti del Cristianesimo- Pgg. da 7 a 31).
Il fatto poi che, da quanto è stato dimostrato da Marcello Craveri, almeno per il 90 per cento ricopia le sentenze dei vangeli gnostici e i vari papiri datati agli anni 130-135, non è un'altra inconfutabile dimostrazione che la data attribuitagli dalla Chiesa è indiscutibilmente falsa?
Che il vangelo di Luca sia il risultato di continue sovrapposizioni che si sono susseguite per tutto il II secolo e oltre ci viene da Tatiano che nel suo Diatesserone, scritto nel 175, (libro che riuniva in un solo testo i quattro vangeli canonici), non riporta quella nascita di Gesù che fu appunto aggiunta, come nel vangelo di Matteo, soltanto tra la fine de II secolo e gl'inizi del III, cioè quando la Comunità di Roma, in seguito alle critiche degli oppositori che gli facevano rimarcare come potesse Gesù essersi incarnato se non aveva una nascita terrena, decise di farlo partorire da una donna, una donna vergine come veniva sostenuto per le divinità pagane nel Culto dei Misteri.
Un'altra prova dimostrante che la Nascita di Gesù fu aggiunta nei vangeli di Luca e di Matteo in epoca tardiva ci viene da Marcione per il fatto che di essa non fa alcuna menzione nella sua "Edizione Evangelica" che scrisse intorno al 170 per confutare i quattro vangeli.
D'altronde per comprendere quanto la nascita terrena di Gesù sia il prodotto di falsificazioni, basta rimarcare la discordanza che c'è tra quella raccontata nel vangelo di Matteo e quella riportata sul vangelo di Luca la cui veridicità di quest'ultimo viene garantita dalla Chiesa dicendo che fu la stessa madre di Cristo a raccontargliela.
Comunque una cosa è certa: la qualifica di medico che viene data a Luca dalla Chiesa e la serietà che allo stesso viene conferita nella stesura del vangelo, risultano quanto mai discutibili dalla seguente semplice analisi dei seguenti passi:
1) <<Al tempo di re Erode, re della Giudea, il Signore rese grazia al sacerdote Zaccaria rendendo fertile Elisabetta sua moglie, già avanzata nell'età. Da essa nacque un figlio che chiamarono Giovanni. (Lc.1-5).
2) Sei mesi dopo, lo stesso angelo che aveva annunciato a Zaccaria di essere diventato padre, si presenta a Maria e le comunica di essere incinta dello Spirito Santo. (Lc. 1-26).
3) Dopo sei mesi dalla nascita di Giovanni, Maria, moglie di Giuseppe, partorì Gesù a Betlemme dove era andata per via del censimento ordinato da Quirinio, Governatore della Siria>>. (Lc. 2-1).
Basta fare un semplice calcolo tra la data del concepimento e la data del parto, per renderci conto come il redattore del terzo vangelo, oltre a non aver eseguito "accurate indagini", non era certamente neppure un medico. Sapendo che Erode, re di Giudea è morto nell'anno - 4 e che il censimento c'è stato negli anni +6 e +7, cosa esce fuori? Esce fuori che la Madonna ha avuto una gravidanza, come minimo, di undici anni. ...e ancora una volta Catilina abusa della nostra pazienza!
Finita la risata, voglio aggiungere che questa è una prova determinante per dimostrare che chi ha scritto il terzo vangelo non è stato un dotto medico siriano che ha riportato fatti veramente accaduti mentre lui era in Palestina, ma bensì un somaro pagano che s'inventò come poté tutta una storia per giustificare, attraverso una nascita terrena, l'incarnazione di Cristo.

Vangelo di Giovanni.
Presentazione della Chiesa: <<L'antica tradizione ecclesiastica afferma che il IV vangelo fu scritto dall'apostolo Giovanni, il prediletto di Cristo, quando aveva raggiunto l'estrema vecchiezza nella comunità cristiana di Efeso, metropoli dell'Asia Minore. Il vangelo fu scritto verso l'anno 100 e il più antico manoscritto che lo tramanda è del 150, al massimo del 200>>. (Dalla Sacra Bibbia - Ed. C.E.I.).
Anche se basterebbe considerare che questo vangelo è uscito dopo gli altri tre, posteriori tutti al 150, per dimostrare che la data del vangelo di Giovanni non è l'anno 100 ma bensì l'anno 200 che la Chiesa gli dà come manoscritto riproducente la versione originale.
<<La data attribuita all'anno 100 al quarto vangelo è in realtà molto più tardiva se consideriamo che nessuno prima di Ireneo parla di esso verso il 190. Lo ignorano Marcione, Giustino (autore di due apologie sul cristianesimo, morto nel 165), Papia che viveva ad Efeso nello stesso periodo nel quale Giovanni avrebbe scritto il vangelo non ne fa menzione e lo ignora persino Policarpo che, secondo la Chiesa, era discepolo dello stesso Giovanni. >>. (Las Vergnas. op. cit.. pag. 37).
E ancora: << L'attribuzione di questo vangelo a un discepolo di Gesù è di per se già sufficiente a rendere inaccettabile l'autenticità dell'autore per i suoi contenuti filosofici e teologici: cosa ne poteva sapere un ignorante pescatore della Galilea della dottrina neo-platonica del Logos?
Il Vangelo è citato per la prima volta da Ireneo nel 190. Esso deve essere di poco anteriore a questa data poiché, oltre a considerare già compiuta la separazione tra i cristiani e i giudei, esprime la fusione del Cristo incarnato con il Logos di Filone e degli gnostici che si realizzò soltanto nella seconda metà del II secolo.
Il valore storico dell'opera è quindi nullo. Ma esso lo è ancora di più per la discordanza su numerosi fatti riportati sugli altri tre vangeli. Infine, altra prova determinante per stabilire la sua tardività è il suo anacronismo determinato dai numerosi inni liturgici che riporta i quali dimostrano l'esistenza di un'organizzazione di culto già in atto. (Guy Fau. op.citata. pag. 94).
E ancora più interessanti, se possiamo dire questo, sono le osservazioni di Turmel tra le quali viene confutato quel documento di "Reyland" databile al 130 che, riportando il nome di Giovanni, la Chiesa porta come prova per dimostrare che il IV vangelo fosse già esistente in questa data.
<< Un'analisi approfondita sul vangelo di Giovanni ci permette di distinguere in esso tre stratificazioni integrative successive.
a) Un racconto aneddotico della vita di Gesù, che sarebbe più vecchio di tutto il resto, possiamo trovarla nello pseudo-Giovanni dal quale viene tratto il vangelo canonico di Giovanni. Nello pseudo Giovanni infatti vengono riportati degli aneddoti sulla vita di Cristo scritti da un certo Giovanni detto il Presbitero, morto a Efeso, nel 135, il quale però non ha nulla a che vedere con il Giovanni discepolo di Gesù. Tutto fa pensare che la Chiesa si sia servita di questo Giovanni detto il Presbitero per costruire la figura di Giovanni l'evangelista>> (Turmel. Il Vangelo di Giovanni. Bolletino del Circolo Rnan, Gennaio del 1962).
b) Il prologo comportante l'identificazione del Cristo con il Logos di Filone che non era stata ancora realizzata dal nuovo cristianesimo prima del 165 come dimostra Giustino che la disconosce nelle sue due "Apologie sul Cristianesimo" scritte appunto in questa data.
c) Numerose interpolazioni romane che falsano il senso di alcuni passaggi.
Da notare infine che secondo il "Canone di Muratori", (datato all'anno 200), risulta il IV vangelo
essere un'opera collettiva redatta da una equipe di discepoli ispirati che si sono messi d'accordo per mettere tutto sotto il nome di Giovanni.
Il vangelo di Giovanni è poi così impastato di concetti tratti dalla gnosi da ritenere assurda ogni pretesa che lo ponga precedente agli anni 150-160.

Le Lettere di Paolo di Tarso e gli Atti degli Apostoli


Se ho messo le Lettere di Paolo e gli Atti degli Apostoli alla fine di questa relazione cristologica, anche se essi sono stati annoverati tra gli scritti del primo secolo, è perché attraverso la figura di Paolo di Tarso che si può fare una ricapitolazione generale di tutta l'evoluzione religiosa che ha portato al cristianesimo.
Chi era Paolo di Tarso? Considerando che il primo a parlare di lui fu Marcione quando nel 140 portò le sue lettere alla comunità di Roma insieme al proprio vangelo, non si possono avere che dei seri dubbi sulla sua esistenza, dubbi che vengono confermati dal fatto che nessun documento, sia profano che religioso, parla di lui all'infuori degli Atti degli Apostoli che comunque non possono essere considerati come prova storica dal momento che sono stati scritti verso la metà del II secolo, cioè dopo un secolo dalla sua morte che la Chiesa dichiara essere avvenuta intorno al 63, ma in maniera quanto mai arbitraria perché priva di ogni sostegno storico.
Paolo è ignorato da Giustino, apologeta e scrittore cristiano, morto a Roma nel 165, il quale attribuisce la conversione dei pagani esclusivamente ai dodici apostoli (Apologia I- 39-45), e ugualmente è disconosciuto da Papia, vescovo di Geropoli (Asia Minore) nella prima metà del II secolo, suo conterraneo, che scrisse un'apologia sulle "Sentenze del Signore", e nessuna menzione viene fatta di lui nelle lettere di Giuda, di Giacomo il Minore e di Giovanni che gli sarebbero contemporanee essendo state scritte nella seconda metà del I secolo. Il primo a Parlare di lui fu un certo Marcione, filosofo di Sinope sul mar Nero, allorché nel 140, presentatosi alla comunità essena di Roma per mostrare il suo vangelo, consegnò alla stessa alcune lettere affermando che erano state scritte da un certo Paolo predicatore che aveva conosciuto i discepoli di Cristo.
<<Paolo, sconosciuto da tutti i testi, sia sacri che profani, appare soltanto negli Atti degli Apostoli, opera tardiva e profondamente rimaneggiata.
Egli viene ignorato dai vangeli, dalle lettere di Giacomo, di Giovanni e di Giuda che si attribuiscono alla sua epoca, è sconosciuto da Giustino, apologeta e scrittore cristiano morto a Roma nel 165, il quale attribuisce la conversione dei pagani esclusivamente ai dodici apostoli (Apologia I- 39,45). e dallo stesso Papia, vescovo di Geropoli verso il 150, che tanto s'interessò alla vita del Signore>>. (Guy Fau. op. cit. pag. 65).
Stando a quanto dicono di lui gli Atti degli Apostoli, Paolo fu un giudeo nato a Tarso di Cilicia (At. 21,39 -22,3), fariseo figlio di Farisei (At.23,6), cittadino romano (!?!) di nascita (At.22,28), persecutore di cristiani (At. 7,58) che si convertì al cristianesimo in seguito a una rivelazione che ebbe sulla strada di Damasco con conseguente caduta da cavallo e perdita di sensi. Prescelto così da Gesù in persona come suo apostolo, divenne il maggiore divulgatore della morale cristiana per via di un'assistenza teologica che seguitò ad illuminarlo attraverso un continuo di visioni che si succedettero durante le sue prediche, accompagnate ogni volta da allucinazioni e stati comatosi.
Stando ai meriti che lo avevano portato ad essere già in giovane età (si calcola 20-22 anni) capo di una squadra addetta alle persecuzioni (At. 7,58), stando all'impegno usato per imporsi agli altri predicatori concorrenti (cosa che vedremo in seguito), stando allo zelo che gli aveva fatto meritare la carica di "capo della setta dei Nazirei" (At. 24,5), non si può che concludere che Paolo fosse un fariseo ambizioso che, non potendo ricevere riconoscimenti e uffici nell'ambiente ebraico per quella legge del Pentateuco che proibiva incarichi, sia politici che religiosi, a chi aveva un difetto fisico, era andato a cercare il successo prima presso i romani, come persecutore di rivoluzionari, e poi come attivista predicatore presso quelle comunità esseno-zelote che avevano abolito, per favorire il proselitismo pagano, tra le tante leggi mosaiche, anche quella che gli era di ostacolo alla carriera: "Il signore disse a Mosè: << Parla con Aronne (il Sommo Sacerdote) e digli: nelle generazioni future nessun uomo della tua stirpe, che abbia qualche deformità, potrà accostarsi ad offrire il pane del suo Dio: ne il cieco, né lo zoppo, né chi abbia il viso deforme per difetto o per eccesso, potrà profanare con i suoi difetti i miei luoghi santi, perché sono io che li santifico>>". (Lv. 21-26).
Chi fosse portato ad immaginare Paolo, come viene riportato nei quadri religiosi in vesti di aitante cavaliere romano con tanto di elmo e di corazza, rimarrebbe certamente deluso se leggesse con una certa attenzione gli Atti degli Apostoli e le lettere dalle quali risulta essere invece un uomo fisicamente deforme. Che Paolo fosse zoppo e avesse altri difetti fisici che lo rendevano sproporzionato e malfatto ci viene, oltre che dal suo appellativo "Saulo", che in greco significa "zoppo", anche da un documento apocrifo del secondo secolo, gli Atti di Santa Tecla, che così descrive la sua figura: <<Paolo di Tarso era grosso, corto e largo di spalle. Le sue gambe erano piegate e le sue ginocchia si toccavano, procedeva a piccoli passi e la sua testa era diventata pressoché calva>>.
È per queste deformità fisiche e per la loquela attribuitagli che alcuni esegeti lo hanno definito "Il Demostene del cristianesimo".
Se questa era la sua figura fisica, quella psichica non risulta davvero essere migliore stando a quanto hanno concluso su di lui gli psicologi riferendosi a quelle allucinazioni seguite da cadute da cavallo che negli Atti degli Apostoli vengono fatte passare per visioni:<<Paolo era soggetto a crisi epilettiche: oscuramento, aura luminosa e sonora, caduta, coma, cecità, afasia che regrediscono nei giorni seguenti, paralisi che migliora progressivamente lasciando ogni volta conseguenze emiplegiche definitive>>. (Dott. A. Ragot).
Veniamo così a sapere che le voci delle sue visioni non erano che dei fischi e risonanze craniche prodotti dal cervello a causa di una malattia.
Che le sue visioni fossero la conseguenza di attacchi epilettici ci viene confermato da Paolo stesso allorché in una assemblea dichiara apertamente che esse sono conseguenza di una sua infermità: <<Voi sapete, fratelli, che fu a causa di una malattia del corpo che vi annunciai il vangelo>>. (Gl.4,13).
Il motivo per cui Paolo ci tenne a far conoscere la sua malattia dipese dal fatto che a quei tempi si credeva che l'epilessia fosse una predilezione che gli dei riservano a coloro con i quali essi intendevano entrare in contatto, tanto che uno dei motivi per cui Giulio Cesare fu considerato semi-dio furono gli attacchi epilettici dei quali soffriva.
Ma lasciamo stare questo oscuro personaggio in ciò che si riferisce ai suoi difetti fisici e psichici, alla sua vera o falsa esistenza, al suo nome Paolo di origine latina che egli molto probabilmente assunse allorché si convertì all'essenismo approfittando della facoltà di cambiarlo che gli veniva dal battesimo, e cerchiamo piuttosto di conoscerlo in quelli che sono i concetti che gli sono stati attribuiti quale predicatore di una nuova religione, quei concetti teologici che hanno fatto di lui la colonna portante del cristianesimo.
Per comprendere bene Paolo di Tarso nella sua veste di predicatore e di conseguenza il Cristo da lui sostenuto nelle Lettere e negli Atti degli Apostoli, è necessario conoscere il Cristo (Logos) di Filone d'Alessandria.
Filone Alessandrino.
Filone (-10 +55), filosofo ebreo di Alessandria, meditando sull'indispensabilità di superare la barriera che determinava l'impedimento al mondo spirituale e al mondo materiale di unirsi a causa delle reciproche nature completamente opposte, concepì un intermediario che, pur rimanendo purissimo spirito, acquisisse quelle caratteristiche umane che avrebbero permesso il dialogo tra Dio e gli uomini, quel dialogo che, pur desiderato da entrambi dall'inizio dei tempi, non si era ancora realizzato. In realtà cosa ideò Filone per creare questa unione tra lo spirito e la materia? Semplice: trasformò il desiderio di Dio, che fino ad allora era rimasto bloccato sotto forma di pensiero, in parola udibile dall'uomo, parola che Filone personificò in un essere celeste che chiamò "Logos", che in greco significa appunto parola. Per spiegare meglio il concetto, anche se in forma molto grossolana, dirò che Dio si rese comprensibile agli uomini attraverso il suono di una voce (Logos) come il magnetismo dell'etere che si rende percettibile all'uomo attraverso il tuono. E come il tuono porta l'acqua che produce la vita, così il Logos avrebbe divulgato sulla terra quella morale che avrebbe permesso agli uomini di rigenerarsi e salire a Dio.
Questo contatto tra il cielo e la terra, che i pagani avevano risolto nei Culti dei Misteri attraverso l'incarnazione delle loro divinità (Marduk, Dionisio, Demetrio, Osiride, Mitra, Srapide ecc.), Filone lo realizzò, sia pure in forma essenzialmente spirituale, rifacendosi al concetto già precedentemente espresso da Platone in quel Logos (Ragione) che, procedendo da Dio, si era fatta regolatrice dell'universo dal giorno della creazione.
<<Per Filone il Logos non è soltanto parola intesa nel significato astratto che gli veniva conferito dal platonismo, ma parola nel significato esteriore. Essa è l'immagine visibile, la figura di Dio come viene realizzata da Paolo in forma di parola, per la prima volta nell'evoluzione religiosa messianica, nella sua visione sulla strada di Damasco>>. (Bossi- op. citata. pag. 178).
Come una larva che procede nella sua metamorfosi biologica, così, questo essere che fa da trade-union tra il trascendentale e la materia, seguirà quell'evoluzione che, partita dall'astrattismo Platonico del IV secolo, passando per quegli stadi intermedi rappresentati il primo dalla visione di Daniele del II secolo a.C. che ce lo descrive come "Uno simile a figlio d'uomo" che risiede in cielo accanto a Dio, il secondo dal Logos di Filone che nel I secolo d.C. si trasforma in voce e il terzo, dal Salvatore degli gnostici che nel II secolo discende in terra prendendo dell'uomo soltanto le apparenze, si completerà nel suo ciclo con quell'incarnazione che, già realizzata dal Culto dei Misteri Pagani, darà inizio al cristianesimo di Madre Chiesa. (Ho cercato di rendere la spiegazione meno complicata ma non ci sono riuscito!).
Perché tutto questo giro per ritornare in fondo a quell'umanizzazione che veniva sostenuta già da millenni se ci riferiamo alla dea Iside degli egiziani? La risposta è semplice: perché la religione ebraica, non potendo accettare nella maniera più assoluta l'incarnazione di un dio, aveva cercato di competere con le religioni pagane con un Messia che sarebbe sceso sì in terra, ma con la differenza che il loro, non potendo incarnarsi come le divinità dei Culti dei Misteri, avrebbe svolto la sua missione di predicatore sulla terra rimanendo purissimo spirito. Il solo considerare l'idea che il loro Dio potesse assumere carne umane sarebbe stato per gli ebrei una bestemmia meritevole di morte. Infatti fu questo il motivo che determinò lo scisma tra gli esseni di origine ebraica allorché quelli di origine pagana istituirono, intorno al 150, quel sacramento dell'Eucaristia per essi concepibile perché provenienti da una cultura religiosa basata sul Culto dei Misteri.
Praticamente possiamo dire che, tolta la parentesi gnostica ebraica che escludeva l'incarnazione del Messia, il cristianesimo, ripetendo con il suo Gesù l'umanizzazione dei Soters, non è altro che una prosecuzione delle religioni pagane.
Il "Logos" di Filone è il primo essere creato da Dio, è il primo figlio di Dio. È colui che Dio ha posto tra se e gli uomini perché possa realizzare, come un ponte tra due sponde, quell'unione tra il trascendentale e la materia che permetterà agli uomini di divinizzarsi, cioè di divenire eterni. Ma, attenzione, divinizzarsi attraverso un essere celeste che, pur assumendo sembianze umane, è rimasto comunque essenzialmente spirituale, e non attraverso un Dio incarnato il cui corpo dato per realmente esistito viene portato come garanzia di salvezza come viene affermato da Don Enrico Righi nel suo giornale parrocchiale:
<<Gesù, figlio di Davide, è l'uomo che si è fatto carne. Il concilio di Calcedonia ne difese la piena ed integrale umanità. Fatto carne significa uomo vero, e come tale fu Giudeo, ebbe come patria la Galilea e la sua città fu Nazaret. I suoi genitori furono Giuseppe il carpentiere e Maria. I suoi fratelli: Giacomo, Giuseppe, Giuda e Simone. Si parla anche di sorelle. La sua famiglia appartiene alla stirpe di David. Parla l'aramaico galileo. Essendo rabbi giudeo conosceva bene l'ebraico...
Il Gesù che prega per noi è l'uomo che prega Dio, per cui Dio, entrando in contatto con l'uomo attraverso la sua essenza umana, dà la possibilità all'uomo di divinizzarsi>>.
Questo è l'argomento base del processo: promettere agli uomini la salvezza eterna dando per certo che Gesù si è fatto carne quando in realtà egli storicamente non è mai esistito. Per promettere la divinizzazione attraverso l'umanizzazione di qualcuno, bisogna innanzi tutto provare che questo qualcuno è veramente esistito, e non sulla base di una documentazione fideistica ma con prove storicamente valide come la legge umana lo esige.
Se il Gesù dei cristiani fosse rimasto nei concetti spirituali espressi prima da Filone con il suo Logos e poi dagli gnostici che gli avevano dato un corpo che dell'uomo aveva preso soltanto le apparenze, mai mi sarei sognato di discuterne la sua esistenza davanti a un tribunale sapendo quanto sia impossibile dimostrare l'inesistenza dell'inesistente, ma poiché è stato presentato come personaggio storico sento di avere tutti i diritti di pretendere che la sua figura umana sia considerata secondo le leggi che regolano il mondo terreno.
Io ho le mie prove sulla sua non esistenza storica, gli oppositori avranno le loro per confutarmi, il giudice emetterà una sentenza... staremo a vedere!
<< Il Logos di Filone è l'eterno mediatore che supplica Dio per conto degli uomini che aspirano ai destini dell'immortalità; egli è l'intermediario tra l'Essere supremo e i suoi soggetti. Egli, anche se è inferiore a Dio perché procede da lui, è comunque superiore agli uomini che sono stati generati dalla materia >>. (F. Delauny. Filone d'Alessandria, pag. 42).
Questa figura celeste d'intermediario concepita da Filone, sviluppatasi nella scuola neoplatonica alessandrina, fu trasferita dalle comunità essene nel loro Messia, in quel Cristos che tanto attendevano e del quale sollecitavano con inni e con preghiere quell'avvento che avrebbe determinato la vittoria del bene sul male, il trionfo del Dio d'Israele sulle false divinità pagane.
Era Filone un esseno religioso praticante? Questo non si può sapere anche se tutto fa pensare che lo fosse da come egli tende nei suoi scritti a separare le comunità essene spiritualiste dai rivoluzionari, descrivendo le prime come pacifiste e inoffensive e i secondi come criminali capaci dei delitti più efferati.
Perché questa esaltazione di santità per gli spiritualisti da parte di Filone e queste accuse di criminalità per i rivoluzionari se non perché intendeva, già da prima della guerra giudaica (Filone è morto nel 55) separare le due correnti per far entrare il suo Logos nel sincretismo pacifico religioso che Roma tanto incoraggiava per poter riunire tutte le nazioni dell'Impero sotto un unico Dio?
Il Logos di Filone, nel suo concetto di "parola dal significato esteriore", aprì la via a quel Salvatore sceso sulla terra "prendendo dell'uomo soltanto le apparenze" dello gnosticismo sul quale la Chiesa costruirà poi il suo Messia incarnato. Ed è per questi concetti teologici contenuti in un Logos che fa da intermediario tra Dio e gli uomini attraverso il suono di una voce, che la Chiesa ha fatto di Filone un sostenitore del primo cristianesimo, pur sapendo benissimo che è stata lei a costruire il proprio "Verbo" sul suo Logos.
<<Nella filosofia greca, il Logos non era che un principio astratto, la "ragione", che dava ordine al mondo. Filone personalizza questo principio per farne un essere celeste. Per Filone, è attraverso il "Logos"che Dio ha creato il mondo, e il Logos è il primogenito di Dio; egli ha preceduto tutte le creature le quali procedono da lui. Egli ha gli attributi della divinità, ma a differenza di Dio che non ha principio, egli ne ha uno perché procede da lui. Suppongo che avete già rimarcato le analogie del concetto: "In principio c'era il Logos, e il Logos era presso Dio, e il Logos era Dio e tutto fu fatto per mezzo di lui", con l'inizio del vangelo di Giovanni. Analogie che sono ancora più manifeste se consideriamo che la parola greca Logos fu tradotta dalla Chiesa in quella latina di Verbo.
Ma il Logos di Filone non interviene che all'origine del mondo. È un essere celeste che fa da intermediari fra Dio e gli uomini dall'inizio della creazione a differenza di quello che i cristiani costruirono su di esso un secolo dopo trasformandolo in uomo: <<In principio era il Verbo, e il verbo era presso Dio e il Verbo era Dio e tutto è stato fatto per mezzo di lui. E il Verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi*>>. (Gv. I). (Guy Fau. op.cit. pag. 48-49).
Ebbene, se si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi, che ci sia dimostrato, altrimenti tutto ciò che è stato costruito su di lui non può essere considerato che un'impostura, una truffa!
Lasciando ora ogni ulteriore spiegazione per dimostrare come da Filone partirono le teorie gnostiche che a loro volta furono alla base della teologia cristiana, diciamo che Filone per rendere il più possibile intelligibile il suo Logos, scrisse un vangelo ad imitazione di quelli dei Culti dei misteri, nel quale parlando di un Salvatore e dei suoi seguaci, fornì il motivo a S. Epifanio e a S.Eusebio, di affermare che Filone era a conoscenza di Gesù e dei suoi discepoli.
Agli esegeti che fanno rimarcare che Filone non poteva assolutamente riferirsi a Gesù nel suo vangelo perché mai in esso aveva fatto il suo nome, la Chiesa risponde che se Filone non nominò mai Gesù ciò dipese dal fatto che egli si riferì a lui in forma esclusivamente allegorica.
<<Giustificazione questa da rigettarsi nella maniera più assoluta, perché se Filone avesse avuto l'intento di parlare di Gesù non avrebbe attribuito al suo Salvatore il nome di Agathos che corrisponde al Dio Serapide, sceso sulla terra, morto e resuscitato dopo essere disceso agli inferi, nel quale lui vedeva il simbolo di quel sincretismo religioso nel quale si identificano le maggiori divinità romane, ellenistiche ed egiziane, quali Zeus, Dionisio e Osiride. Gesù è una trasformazione pura e semplice del dio Serapide>> (Ganeval, "Gesù davanti alla storia non è mai esistito").
Quando Filone parla di cristiani, egli intende riferirsi a quegli esseni che avevano preso questo appellativo in seguito alla traduzione del Meschia (Messia) ebraico nel Cristos (Cristo) greco, come viene confermato dagli stessi padri della Chiesa, quali S. Epifanio e S. Eusebio, che dichiarano esplicitamente, il primo nel suo "Contro le Eresie" e il secondo nella "Historia Ecclesistica" ( lib.II- Capp. X e XVII) che i cristiani a quali Filone si riferisce erano i Terapeuti*, cioè gli Esseni d'Egitto che, lasciato l'ebraico soltanto per la celebrazione dei riti, avevano adottato la lingua greca.
<<I cristiani a cui Filone si riferisce sono i Terapeuti d'Egitto>>. (S. Eusebio -265-340-Historia Ecclesiastica, capp. X e XVII).
<<I cristiani viventi intorno al lago di Mareotide, dei quali Filone parla, e che hanno un loro vangelo e i loro apostoli, sono i Terapeuti>>. (S. Epifanio- Contro Eresiae- pag. 120 in Ganeval).
*Terapeuti= Nome attribuito da Filone Alessandrino ai membri di una setta giudaica (I sec. dopo Cristo) che praticavano una vita contemplativa in Egitto; affini agli Esseni.
Viste queste conferme di S. Epifanio e di S. Eusebio, apologeti cristiani, ogni pretesa di far passare per cristiani di Madre Chiesa i cristiani di Bitinia dei quali parla Plinio il Giovane non può essere che respinta.
Ma, poi, chi altri potevano essere questi cristiani che la Chiesa sostiene essere stati i primi seguaci di un Gesù morto nel 33, se non gli esseni a cui era stato dato questo nome dal momento che, come scrive Tacito riferendosi agli stessi, afferma che furono cacciati da Roma due volte durante il regno d'Augusto (-27, +13) e una terza volta nel 19 sotto Tiberio?
<<Queste espulsioni riferite ai cristiani appartenenti alla superstizione giudaico-egizianaina esistenti in date precedenti al 33, anno dal quale la Chiesa da inizio al cristianesimo con la morte di Cristo, smentiscono implicitamente l'esistenza storica di Gesù. Non è un gioco di parole il dire che il cristianesimo esistette sotto forma di superstizione prima che la Chiesa facesse proprio questo nome>>. (Bossi. op. cit. pag. 36).
Di conseguenza, essendoci stato dimostrato dagli storici del tempo e dagli stessi padri della Chiesa che Filone riferendosi ai cristianiTerapeuti non fa nessuna menzione né di Gesù, né dei suoi pretesi seguaci, ci viene da chiederci come sia possibile che lui, nato sotto Erode e morto intorno al 55 e quindi contemporaneo dei fatti, abbia potuto ignorarli se fossero veramente esistiti? Come è possibile che Filone vissuto in Alessandria dove esisteva una tra le più importanti comunità ebraiche del Medio Oriente, impegnato com'era ai problemi religiosi quale filosofo e teologo, non sia venuto a conoscenza di quanto era accaduto a Gerusalemme a proposito della morte di Cristo e dei suoi miracoli? Di fronte a tale silenzio cosa si può concludere se non che tutto ciò che i Testi Sacri raccontano di questa nuova religione che si stava spandendo a macchia d'olio in tutte le città del medio oriente, e soprattutto ad Alessandria per le migliaia di convertiti che non venivano solo dal popolo ma anche da personalità appartenenti ai ceti superiori, quali i nobili, i politici e gli stessi ufficiali romani, sia una sommatoria di menzogne?
Come è possibile che Filone, lui che viveva di religione, non abbia fatto la minima menzione degli eroi nominati dagli Atti degli Apostoli, suoi contemporanei, quali Giacomo, Pietro detto Cefa e quel Paolo di Tarso che ci viene presentato, tra prediche e resurrezioni di morti, come l'eroe dominatore del mondo religioso contemporaneo?
<<In queste circostanze, il silenzio di Filone su Gesù travalica i limiti del comune, e non solo prova che Gesù non è mai esistito, ma autorizza e legittima l'ipotesi che Filone sia stato con il suo Logos il principale fondatore del cristianesimo. I suoi copiatori non hanno avuto che la pena di introdurre Gesù al posto di Serapide, il Dio buono degli Egiziani, il Dio morto e resuscitato.
In ogni modo rimane acquisito che Filone scrisse sul Dio Serapide un vangelo dal quale secondo Fozio (827-97 - Patriarca di Costantinopoli, deposto dal Papa per eresia), derivano tutti i vangeli che furono redatti in seguito sulla vita di Gesù. ( Bossi. op. cit. pag. 38).
Ed ora, finito con Filone che con il suo Logos ha caratterizzato i concetti messianici del primo secolo, passiamo ad esaminare gli scritti che sono stati attribuiti a Paolo di Tarso per poter dimostrare nella maniera più indiscutibile, attraverso le loro incoerenze, contraddizioni ed anacronismi, l'impostura sulla quale è stato costruito il cristianesimo.

Le Lettere di Paolo e gli Atti degli Apostoli.
Intanto cominciamo col dire che le lettere portate da Marcione alla comunità essena di Roma nel 140 insieme al suo vangelo, dicendo che le aveva scritte un certo predicatore siriano di nome Paolo il quale aveva conosciuto l'apostolo Pietro diretto testimone della vita di Cristo, non furono 14, come la Chiesa sostiene, ma bensì 10 aggiungendo ancora che di queste dieci soltanto 4 possono essere attribuite a Paolo se le confrontiamo con gli argomenti che potevano essere discussi alla sua epoca, cioè nella seconda metà dal I secolo.
<<Le lettere, da quanto risulta dalle ricerche filologiche e storiche e di confronto eseguite dalla scuola di Tubinga, attribuibili a Paolo, sono soltanto quattro: La lettera ai Romani, ai Galati, e le due ai Corinzi>>. (Josif Kryevelev. Analisi storico critica della Bibbia. Cap.9).
Affermazione che viene confermata in maniera più specifica dal Circolo Renan: <<Le lettere portate a Roma da Marcione non furono 14, come la Chiesa sostiene, ma soltanto 10 e che soltanto 4 di queste possono essere attribuibili all'epoca in cui visse Paolo (lettera ai Romani, ai Galati e le due ai Corinzi) da quanto è risultato da uno studio esegetico dei concetti espressi in esse e confermato da un 'analisi elettronica eseguita sul vocabolario dei testi, eccezion fatta per i passi interpolati in epoca tardiva che risultano numerosissimi anche in queste>>. (Renan -S.Paolo introd.).
E perché ci si possa predisporre a riconoscere tutte le falsificazioni che furono operate sugli scritti di Paolo, aggiungiamo ancora che le quattro di cui si parla, risultano a loro volta così manipolate e contraffate da portare Goguel ad affermare che le due lettere ai Corinzi sono un assemblaggio di sei altre lettere mal ricucite (Nuovo Testamento. intr.), e Renan a riconoscere (S. Paolo. intr.) insieme a Turmel e De La Fosse (Rieder. pag 16), che nella lettera ai romani ci sono ben 5 finali.
Se tante sono le contraffazioni eseguite sulle 4 lettere che possono essere ritenute autentiche, possiamo ben immaginare di che cosa siano composte le altre dieci che furono scritte in seguito dai supportatori delle varie correnti che si servirono del suo nome per sostenere ciascuna il proprio Cristo, senza parlare delle ultime quattro che furono sicuramente redatte dopo il 140 non essendo tra quelle portate a Roma da Marcione.
<<Bruno Bauer e altri rappresentanti della scuola olandese (A.D.Loman, A.Pirson ed altri), già ammisero al loro tempo che le lettere di Paolo non potevano essere assolutamente considerate autentiche come non lo sono quelle che sono state attribuite a Giovanni, Pietro e Giuda. Non si tratta infatti di lettere ma di trattati teologici scritti posteriormente al periodo nel quale si dice che essi siano vissuti. La forma epistolare gli fu data per aumentarne l'autorevolezza e per questo motivo furono usati i nomi degli apostoli>>. (J. kryevelev. op. cit. cap.9).
E ancora:
<<Le manipolazioni operate dai cattolici sulle lettere di Paolo sono certe ed evidenti; esse camuffano in maniera stravagante l'aspetto del Paolismo>>. (Quaderno del Circolo Renan. 4° trim.1960).
Sarà attraverso lo smascheramento delle manipolazioni operate sui testi paolini, eseguite con tanta stravaganza, che trarremo ulteriori e inconfutabili prove sulla non esistenza storica di Gesù.
Ma prima di attaccare gli scritti che si riferiscono a Paolo di Tarso, è opportuno esaminare la situazione religiosa esistente al tempo delle sue predicazioni.
Siamo in quegli anni 40-50 del primo secolo nei quali Filone sostiene il Logos di cui abbiamo già precedentemente parlato, cioè quel Logos che entra in contatto con gli uomini attraverso le visioni. Nato dalla scuola filosofica di Alessandria e assimilato dal mondo religioso esseno egiziano-siriano, il Logos di Filone, che con il suo astrattismo dava a ciascuno la possibilità di costruirsi un Messia secondo le proprie visioni, si espanse con vigore sempre maggiore presso quelle comunità essene che, formate in prevalenza da seguaci provenienti dal mondo pagano, intendevano opporsi alle leggi giudaico-mosaiche che imponevano la circoncisione e l'astinenza a non mangiare carni di animali ritenuti immondi, consideravano la discriminazione battesimale degli eunuchi ed escludevano dagli incarichi politici e religiosi coloro che avevano difetti fisici.
<<Le comunità della nuova religione si organizzano in diverse località del vicino Oriente e in esse hanno un ruolo sempre meno importante gli ebrei mentre assumono maggiore rilievo, sia per numero che per influenza, i proseliti di altri popoli e razze del variegato mondo romano. I paesi del Mediterraneo furono percorsi così da predicatori che stabilirono contatti e favorirono l'elaborazione di una nuova ideologia comune a tutte le comunità>>. (Jisif Kyevelev- Analisi storico critica della Bibbia. Cap. 9 Pag.1).
Come conseguenza della ricerca di regole che potessero essere adottate da tutti i seguaci di questa nuova religione, sorsero tra le varie comunità essene discussioni e diatribe sostenute dai vari predicatori che le rappresentavano. È in questo ambiente di fibrillazione religiosa che viene ambientata la storiella degli "Atti degli Apostoli" che ci mostra Pietro e Giacomo, capi della comunità di Gerusalemme, difendere l'essenismo giudaico contro gli attacchi che gli vengono da Paolo quale predicatore dell'essenismo pagano sostenuto dagli esseno-terapeuti egizio-siriani.
Infatti, da quanto risulta dalla prima versione degli stessi Atti degli Apostoli, cioè da quella che è stata riconosciuta attinente all'epoca alla quale si riferiscono i fatti, la polemica sorta tra Paolo e Pietro sorge essenzialmente dal contrasto tra la corrente essena filo-giudaica di Gerusalemme che vuole imporre le leggi mosaiche e la corrente esseno-pagana che si rifiuta di accettarle . (I Cr. 17 - At. 11,1 - At. 2,3 - At. 15,1 - I Cr. 7,17 - I Cr. 8,2 ).
Paolo, quale sostenitore dei concetti esseno-pagani, è un antigiudeo favorevole all'abolizione delle leggi mosaiche, mentre Pietro, fedele alle leggi dei suoi padri, rappresentate dal pentateuco, è per la loro conservazione. Fu nell'elaborazione di queste regole che si generarono quei contrasti tra i predicatori delle numerose Ecclesie che determinarono i vari Cristi, come risulta dalle Lettere e dagli Atti degli Apostoli nelle quali si parla di un Cristo di Paolo, di un Cristo di Apollo, di un Cristo di Pietro e di un Cristo di Cristo (II Cor.11,14), e dalla stessa Apocalisse del 95 nella quale l'autore, nel saluto alle "sette chiese" (cap. 2), dopo aver messo in guardia i suoi fedeli dal non lasciarsi tentare dai Cristi predicati dai Nicolaidi, dai seguaci della dottrina di Balaam, da Jezabele e da altri, sostiene che l'unico e verace è soltanto quello che è apparso a lui in mezzo a sette candelabri d'argento: <<Simile a figlio d'uomo, con un abito lungo fino ai piedi e cinto d'oro, con gli occhi fiammeggianti come fuoco, con piedi di bronzo splendente e la voce simile al fragore di grandi acque>>. (Ap. 1,12). (Solo a pensare che ci sono uomini che credono a certe stupidaggini, mi viene da vergognarmi di essere un appartenente della loro stessa razza!).
Comunque una cosa è certa: per quanto questi Cristi potessero essere differenti l'uno dall'altro, essi sono rappresentati tutti da visioni. Siamo nella seconda metà del I secolo e per nessuno, a qualsiasi corrente appartenga, il Messia si è incarnato, compreso Paolo che, da buon seguace del Logos di Filone, riferendosi al proprio, dichiara espressamente: <<Il vangelo da me annunciato non è modellato sull'uomo; io infatti non l'ho imparato da uomini, ma per rivelazione di Gesù Cristo (la voce)>> (Gal.1, 11), e ancora, per coloro che non avessero capito come il Paolo primitivo, quello del primo secolo, disconosca ogni forma di umanizzazzione di Cristo, riporto ancora le seguenti sue affermazioni: <<Nessuno Può dire che Gesù è il Signore se non sotto l'azione della Spirito Santo>>. (I Cr.2,3); << Tutti coloro che sostengono un altro Cristo differente dal mio sono falsi apostoli, operai fraudolenti che si mascherano da apostoli di Cristo. Ciò non fa meraviglia, perché satana si maschera da angelo di luce>>. (II Cr. 11,13).
Qualsiasi confutazione che si possa fare per sostenere che queste espressioni non sono sufficienti per dimostrare che il Cristo predicato da Paolo nel primo secolo non è un Cristo incarnato, non può assolutamente reggere dal momento che veniamo a sapere, sempre attraverso gli stessi testi sacri, che i falsi apostoli, gli operai fraudolenti che Paolo accusa di predicare un falso Cristo, sono nientemeno che Pietro Cefa e Giacomo che, stando a quanto afferma la Chiesa, erano stati testimoni dell'umanizzazione di Cristo.
<<Tanti sono i Cristi di cui si parla, c'è quello di Pietro Cefa, quello di Apollo d'Alessandria, quello di Cristo>> (1Cor. 12) ... <<ma uno soltanto è quello vero, il mio, perché io non sono affatto inferiore a quei super apostoli anche se sono nulla>> (II Cor. 11,12)... <<Sono essi Ebrei? Anch'io lo sono! Sono Israeliti? Anch'io! Sono della stirpe di Abramo? Anch'io! Sono ministri di Cristo? Sto per dire una pazzia, io lo sono più di loro>>. (II Cor. 11,22).
Praticamente Paolo, sostenendo che il suo Cristo conosciuto per rivelazione è superiore a quello di Pietro e Giacomo, ci dimostra che alla base della diatriba ci sono soltanto Cristi immaginari, che escludono nella maniera più esplicita l'esistenza di un Gesù fattosi uomo.
Che i due Cristi, sia quello di Paolo che quello dei due apostoli Pietro e Giacomo, sono sostenuti entrambi dalle visioni, ci viene ancora confermato dalla discussione che sorse tra di essi allorché Paolo, dopo 14 anni dalla rivelazione avuta sulla strada di Damasco, si recò presso la comunità di Gerusalemme per imporre ad essa il suo vangelo: <<Dopo 14 anni, andai di nuovo a Gerusalemme per esporre il vangelo che predicavo alle persone più ragguardevoli per non avere il rischio di correre in vano. Ma da quelle persone ragguardevoli, non appresi nulla di più>>. (GL. 2,6).
E ciò che ha più dello strabiliante in questa vicenda è che dei due Cristi che sono alla base delle discussioni, quello che risulta essere il veritiero, secondo gli Atti degli Apostoli, è proprio quello di Paolo allorché, in una ennesima visione, rivolgendosi a lui gli dice di lasciare la comunità di Gerusalemme perché non avrebbe mai riconosciuto il suo come vero: <<Esci subito da Gerusalemme, disse il Cristo a Paolo, perché le genti di qui non ascolteranno mai la tua testimonianza>>. (At. 22, 18).
Praticamente il Cristo che è apparso a Paolo sulla strada di Damasco nega la veracità del Cristo predicato dalla comunità di Gerusalemme che, stando ai vangeli, era stata diretta testimone, soltanto pochi anni prima, delle sue prediche, dei suoi miracoli e della sua passione e morte. Un assurdo che diventa ancora più assurdo se si pensa che nella comunità di Gerusalemme, oltre a Pietro e Giacomo e agli undici apostoli che avevano conosciuto personalmente Gesù, la Chiesa ci ha infilato dentro anche la stessa madre di Gesù, la vergine Maria.
<<La superiorità della sua rivelazione, Paolo ci tiene ad affermarla nei confronti di coloro che egli chiama con disprezzo "superapostoli" della comunità di Gerusalemme e soprattutto di Giacomo e Pietro detto Cefa nella convinzione che solo il suo sia quello vero. Ma come può Paolo parlare così di uomini che hanno avuto il privilegio di conoscere Gesù vivente? Come è possibile che nessuno si sia opposto alle sue affermazioni teoriche basate su una visione e alla sua arroganza facendo presente a Paolo il vantaggio che avevano Pietro e Giacomo su di lui quali testimoni diretti della parola di Gesù? Noi vediamo che nessuno pone obbiezioni quando afferma di conoscere Cristo meglio di loro. In nessuna delle sue parole Paolo lascia intendere che Giacomo e Pietro gli abbiano detto di aver conosciuto Gesù. Non soltanto non lo afferma ma lo esclude dichiarandosi superiore ad essi. Egli riconosce soltanto di non essere stato il primo nell'ordine cronologico delle rivelazioni dichiarando: "Gesù è apparso a Cefa, poi ai dodici e in fine a lui per ultimo (I Cor. 15,5). Ma questa è solo una successione di tempo che secondo Paolo non dà diritto a nessuna gerarchia essendo rappresentata da visioni>>. (Guy Fau. op. cit. pag. 72).
L'affermazione di Paolo allorché dice di non aver appreso nulla di più su Cristo dalla comunità di Gerusalemme di quanto già aveva appreso dalla rivelazione, non è un'altra prova schiacciante della non esistenza storica di Gesù? Cosa avrebbe mai potuto apprendere Paolo da costoro, all'infuori di ciò che può derivare da un semplice scambio di concetti teorici, dal momento che non c'era stato nessun Messia incarnato? Di quale Messia gli avrebbero potuto mai parlargli gli apostoli della comunità di Gerusalemme se nessuno di quanti si erano dichiarati tali in Palestina si era realizzato?
Di personaggi che si erano fatti passare per Messia ce n'erano stati diversi, sia tra gli appartenenti alla stirpe degli Asmonei, quali Giuda il Galileo, Teuda, Menahem ed Elezzaro, e sia tra gli avventurieri e i mistici, quali Dosidée di Samaria, Meandro e l'anonimo egiziano, ma nessuno di essi era stato riconosciuto tale a causa dei loro fallimenti. Dunque, di quale Messia o di quale Cristo poteva parlare la comunità di Gerusalemme se, come tutte le altre comunità essene, era ancora in attesa del suo avvento come ci viene confermato dall'Apocalisse del 68 e riconfermato da quella del 95?
L'osservazione che mi si potrebbe fare a questo punto è quella di farmi rilevare che è un anacronismo l'aver posto i fallimenti di Menahem ed Eleazaro in relazione ai fatti raccontati dagli Atti degli Apostoli perché, essendo avvenuti nel 70 e nel 74, non potevano essere conosciuti da Pietro e Paolo che svolsero la loro missione negli anni precedenti al 60, non potrebbe risultare che arrogante e inopportuna per il semplice motivo che le discussioni tra gli esseni di origine pagana e gli esseni di origine giudaica riguardanti l'applicazione delle leggi mosaiche, che sono alla base della controversia tra i due apostoli, sorsero soltanto dopo il 70 come conseguenza del grande afflusso di pagani convertiti alle comunità spiritualiste essene, e non negli anni 30, 40 e 50 come la Chiesa falsamente sostiene negli Atti degli Apostoli, libro tardivo e fazioso che fu scritto da ignoranti soltanto alla fine del II secolo.
<<Gli avvenimenti descritti negli Atti degli Apostoli, è assai verosimile che siano veramente accaduti ma, naturalmente, debbono essere datati alcuni decenni più tardi. La lotta tra il Petrismo e il Paolismo sulla obbligatorietà della circoncisione per i proseliti di origine pagana è da collocarsi storicamente dopo il 70, quando la nuova religione era costituita da masse sempre più numerose della popolazione multinazionale dell'impero romano.
Se Paolo sia esistito o no a noi non c'interessa, ma ammesso che lo fosse, o chi per lui, è certo che gli anni 60, nei quali la Chiesa data la sua fine, debbano essere invece considerati il periodo della sua infanzia. Soltanto nei decenni successivi possiamo trovare gli avvenimenti che vengono raccontati nelle Lettere e negli Atti degli Apostoli>>. (J.Kyevelev - op. cit. cap.9).
E come sempre capita alla Chiesa che ogni volta che cerca di atturare un buco gliene s'apre altro, così, anche in questa collocazione dei fatti raccontati negli Atti degli Apostoli che la storia colloca dopo il 70, appaiono ancora una volta evidenti le contraddizioni esistenti nei Libri Sacri come in questo caso dell'errata datazione degli Atti che ci porta a chiederci come sia stato possibile che Pietro e Paolo, morti nel 63-64, abbiano potuto sostenere delle discussioni su argomenti che furono trattati soltanto dopo il 70.
Riprendendo l'argomento lasciato riguardante le diatribe tra Paolo e Pietro, possiamo dire che quello che risulta da esse, secondo gli stessi testi sacri, è che entrambi, con il loro silenzio sulla vita di Cristo, negano nella maniera più evidente la non esistenza storica di Gesù.
<<C'è molto di grave nelle prove che traiamo da S. Paolo riguardo la non esistenza di Gesù: Paolo non s'interessa mai alla vita terrestre del suo Cristo. È soltanto 14 anni dopo l'inizio delle sue predicazioni che si rende a Gerusalemme ma non per informarsi sulla vita del Cristo, come avrebbe dovuto fare se fosse veramente esistito, ma per imporre i propri concetti su di essa. Si può manifestare più di così, attraverso un tale menefreghismo, l'inesistenza di un fatto che si afferma essere avvenuto? Dal suo viaggio a Gerusalemme, Paolo non riporta nulla, neppure un dettaglio, sia pur minimo, sulla biografia di Gesù; egli non s'interessa ai luoghi santi, non fa la minima allusione ai miracoli che sono attribuiti a Gesù, non nomina Pilato, né Caifa, né il Sinedrio, né Erode, né le sante donne tra le quali ci sarebbe dovuta essere anche Maria, la madre del Salvatore che, a sentire la Chiesa era presente nella comunità di Gerusalemme tanto da contribuire alla stesura del vangelo di Luca, e non fa alcuna allusione alla passione e morte.
Se avesse la minima convinzione del suo Cristo attraverso le informazioni avute dai numerosi testimoni che la Chiesa sostiene ci fossero nella comunità di Gerusalemme, la prima cosa che è naturale Paolo facesse, non era quella di chiedere il più possibile, d'informarsi per raccogliere i dettagli in tutti i particolari per conoscere al meglio la vita di Gesù? Ebbene, nulla di tutto questo: egli continua a predicare il suo Cristo che ha conosciuto per rivelazione disconoscendo tutto della sua vita terrena. Non è tutto questo un assurdo inaccettabile?>>. (Guy Fau. op.cit.pag.71).
E ancora: <<La Chiesa ha sentito così forte l'importanza di questa indifferenza di Paolo per l'informazione diretta che avrebbe dovuto effettuare in questo viaggio a Gerusalemme, che ha cercato di riparare inserendo, nella stessa lettera ai Galati, un'allusione a un viaggio precedentemente fatto da Paolo, per poter dire che se non si era informato nel viaggio avvenuto dopo 14 anni inizio delle sue predicazioni, ciò era dipeso dal fatto che era già a conoscenza della vita di Cristo. Questo è veramente troppo! L'interpolazione è così evidente da non ammettere nessun dubbio su di essa perché, oltre all'analisi esegetica che ne dimostra il falso, nulla si passa comunque anche nel primo viaggio riguardo la storicità di Cristo, per cui Paolo continua ad ignorare tutto sulla sua vita. Di questo primo viaggio nessun manoscritto ne parla, almeno fino a S. Ireneo (fine del II sec) il quale scrivendo di S. Paolo, dimostra di ignorarlo. E poi, lo stesso giuramento fatto dall'interpolatore: "Prendo Dio come testimone che dico la verità", non è di per se già una prova della falsificazione del passo? Per quale altro motivo questo giuramento se non perché ciò che veniva detto era falso?>>. (G.Ory- Quaderno del Circolo Renan- 1955).
Questi è il Paolo apostolo del primo cristianesimo esseno, il Paolo sostenitore del Cristo Filoniano che si sviluppò nella seconda metà del primo secolo dando luogo ai primi conflitti tra gli esseni di origine ebraica e gli esseni di origine pagana che, culminando con l'introduzione dell'Eucaristia, determinarono verso la metà del secondo secolo la scissione definitiva tra le due correnti che dette inizio al cristianesimo di Madre Chiesa.
Paolo era un esseno che predicava un Cristo che aveva contattato soltanto attraverso una voce, come erano esseni Pietro Cefa e Giacomo suo fratello i quali, opponendo al Cristo di Paolo non un Cristo umanizzato, come sarebbe dovuto essere se lo avessero veramente conosciuto, ma un Cristo immaginario appartenente al mondo dei sogni e delle visioni, negano nella maniera più evidente ogni forma d'incarnazione.
Per quanto si sia cercato di nascondere la verità con falsificazioni, interpolazioni, aggiunte e cancellazioni, gli Atti degli Apostoli rimangono in tutta la loro evidenza un libro essenzialmente esseno. Basta leggere il passo del secondo capitolo nel quale ci viene presentata la vita della comunità di Gerusalemme per toglierci ogni ombra di dubbio sulla sua natura essena: <<Erano assidui nell'ascoltare gl'insegnamenti degli apostoli e nell'unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere. Tutti coloro che erano diventati credenti stavano insieme e tenevano ogni cosa in comune; chi aveva proprietà e sostanze le vendeva e ne faceva parte a tutti, secondo il bisogno di ciascuno. Ogni giorno tutti insieme frequentavano il tempio e spezzavano il pane a casa prendendo i pasti (agapi) con letizia e semplicità di cuore lodando Dio e godendo la stima di tutto il popolo>>. (At.2,42) e ancora più avanti: <<La moltitudine di coloro che erano venuti alla fede avevano un cuore solo e un'anima sola e nessuno diceva sua proprietà quello che gli apparteneva, ma ogni cosa era fra loro comune, nessuno infatti era tra loro bisognoso, perché quanti possedevano campi o case le vendevano, portavano l'importo di ciò che era stato venduto e lo deponevano ai piedi degli apostoli; e poi veniva distribuito a ciascuno secondo il loro bisogno>>. (At. 4,32).
A parte il fatto che il Tempio al quale si riferisce il primo passo non può essere che una Sinagoga dal momento che si esclude che ci potessero essere chiese cristiane, come pretende la Chiesa, basta rileggere ciò che Giuseppe Flavio e Filone scrissero degli esseni e il "Libro delle Regole", scritto dagli Esseni stessi, per avere la conferma che la comunità di Gerusalemme era prettamente essena: << Gli Esseni hanno un'unica cassa per tutti e le spese sono in comune... Tutto ciò che ricevono come salario giornaliero non lo conservano in proprio, ma lo depongono in un fondo comune affinché sia usato a beneficio di tutti coloro che vogliono servirsene>>. (Filone Alessandrino).
<<Presso gli Esseni è ammirevole la loro vita comunitaria. Invano si cercherebbe tra di loro qualcuno che possegga più degli altri. C'è infatti una legge che impone a quelli che entrano di cedere il patrimonio alla corporazione in maniera che in nessuno di essi possa apparire l'umiliazione della miseria o l'alterigia della ricchezza, ma un'uguaglianza che li renda fratelli>>. (Giuseppe Flavio).
Soltanto a pensare che ci possano essere contemporaneamente due religioni identiche, praticanti le medesime regole e all'interno delle stesse comunità senza conoscersi, fa venire da ridere. O l'una o l'altra e poiché l'esistenza di quella essena è stradocumentata e straprovata, mentre dell'altra non esiste nulla, lascio senza commento la conclusione che ne deriva.
Riferendomi alla parola sopra marcata in grassetto, a proposito dei pasti in comune, voglio precisare che con il nome di "agape" gli esseni specificavano quel rito che essi facevano spezzando il pane (fratio panis) per imitare, ma senza consacrazione, il sacramento dell'Eucarestia del Culto dei Misteri. Imitazione che facevano con lo scopo di sostituirsi alle religioni pagane, e soprattutto a quella Mitraica che sempre più stava prevalendo sulle altre, attraverso l'imitazione dei loro riti: <<In ogni luogo in cui ci saranno dieci uomini del consiglio delle comunità, tra di essi non mancherà un sacerdote: si sedevano davanti a lui, ognuno secondo il proprio grado e così sarà domandato il loro consiglio in ogni cosa. E allorché si disporranno a tavola per mangiare o bere il vino dolce il sacerdote stenderà la sua mano per benedire il pane e il vino dolce.
Dopo, il Messia d'Israele stenderà le sue mani sul pane così saranno benedetti tutti quelli dell'assemblea della comunità, ognuno secondo la sua dignità.
In conformità a questo statuto essi si comporteranno in ogni refezione, allorché converranno insieme almeno dieci uomini>>. (Dai Rotoli di Qumran: "Regola della Comunità Essena").
Se vi è venuto di associare queste regole ad una certa "ultima cena", avete centrato la realtà perché essa infatti, essendo composta da una squadra di esseno-zeloti, fu consumata esattamente secondo la "Regola delle Comunità Essene". ( vedi Favola di Cristo).
Fatte queste considerazioni di carattere generico, passiamo ora ad esaminare quei casi specifici che ci dimostreranno in maniera inconfutabile come le comunità, sia quella di Gerusalemme che tutte le altre del Medio Oriente, erano composte da protagonisti prettamente esseni e non da cristiani di Madre Chiesa.
Cominciamo con quella carica religiosa, del "nazireato" che, praticata nei secoli che seguirono la sua istituzione voluta da Mosè (Sansone fu un Nazireo e così Giovanni Battista), passando attraverso la riconferma che ricevette dagli Asidei durante la rivolta dei Maccabei (I Mc. 3,48), fu conservata dagli Esseni per quel "rispetto alle leggi dei loro padri" di cui ci parla Filone.
Dal Deuteronomio: "Il Signore disse a Mosè: <<Parla agli Israeliti e riferisci loro: Quando un uomo e una donna farà un voto speciale, il voto di Nazireato, per consacrarsi al Signore, si asterrà dal bere sostanze alcoliche e per tutto il tempo del suo voto di Nazireato il rasoio non passerà sul suo capo; finché non saranno compiuti i giorni per i quali si è consacrato al Signore, si lascerà crescere la capigliatura>>. (Nm.6.1).
Negli Atti degli Apostoli numerose sono le citazioni che ci confermano la presenza di Nazirei nella comunità di Gerusalemme: "Si rivolsero a Paolo e gli dissero: <<Fa dunque quanto ti diciamo: vi sono fra noi quattro uomini che hanno un voto da sciogliere: prendili con te, compi la purificazione insieme con loro e paga la spesa per loro perché possano radersi il capo>>". (AT. 21,23).
E come era essena la comunità di Gerusalemme lo erano anche quelle egiziane e siriane dal momento che in esse Paolo assunse la qualifica di Nazireo, come risulta dagli stessi Atti degli Apostoli: << A Cencre, Paolo si fece tagliare i capelli per un voto che aveva fatto>>. (At. 18,18).
Il nazireato che rende Paolo un esseno ci viene confermato nella forma più inequivocabile in un altro passo degli Atti degli Apostoli nel quale un avvocato, di nome Tertullo, lo accusa con queste parole davanti al Sommo Sacerdote Anania: <<Abbiamo scoperto che quest'uomo è una peste, fomenta continue rivolte tra i Giudei ed è capo della setta dei Nazirei>>. (AT. 24,5).
Altre prove, se non bastassero queste per dimostrare che Paolo e compagni erano esseni, e per giunta tra i più zelanti e rivoluzionari, ci viene da altri episodi, quali:
a) L'imperatore Claudio espulse nel 52 da Roma i Giudei che erano causa di continui disordini (Giuseppe Flavio- Guerra Giudaica- e Svetonio- Vita dei Dodici Cesari) e Paolo nei suoi giri di predicazioni trovò alloggio, secondo la regola dell'ospitalità che vigeva presso le comunità essene (vedi Filone nel passo sopra riportato), proprio presso una coppia di coloro che facevano parte dei giudei rivoluzionari rimpatriati da Claudio: <<Paolo lasciò Atene e si recò a Corinto. Qui trovò un Giudeo chiamato Aquila, oriundo del Ponto, arrivato poco prima dall'Italia con la moglie Priscilla in seguito all'ordine di Claudio che allontanava da Roma tutti i giudei. Paolo si recò da loro e poiché erano della stesso mestiere, si stabilì nella loro casa. Erano infatti fabbricatori di tende>>. (At. 18,1).
b) Gli esseni avversavano ogni figura di divinità eseguita da mano d'uomo per quella legge che Mosè ricevette da Dio: <<Guardatevi di non fare alcuna immagine scolpita di qualunque cosa, riguardo alla quale il Signore Dio tuo ti ha dato comando. Guardatevi da divinità fatte da mano d'uomo, dei di legno e di pietra>>, e Paolo da estremista esseno carico di zelo, si mette a distruggere tutte le immagini che venivano esposte per la vendita sì da provocare nella città di Efeso e in tutta l'Asia dei continui tumulti da parte degli artigiani che vivevano di questo commercio. (At. 19,23).
(Chissà cosa avrebbe detto questo predicatore, nella sua esaltazione di esseno-zelota, se avesse saputo che lo avrebbero fatto diventare la colonna portante di una religione che costruirà sulle statuette e sui santini giri d'affari miliardari? )
c) Pietro, da buon esseno-giudeo osservante delle leggi degli antichi padri che proibivano di mangiare carni di animali immondi, a Dio che lo tenta offrendogli come cibo, su una grande tovaglia calata dal cielo, ogni sorta di quadrupedi, rettili e uccelli, risponde con decisione: <<No, Signore, io non mangerò mai nulla di profano e d'immondo>>. (At.9, 11).
d) Nella Legge di Mosè c'è scritto: <<Nessuno tra voi mangerà sangue, neppure lo straniero che soggiorna mangerà sangue di nessuna specie di essere vivente perché il sangue è la vita, né carne di bestia morta naturalmente o soffocata>> (Lv. 12,14) e i seguaci della comunità di Gerusalemme confermano il loro giudeo-essenismo imponendo ai convertiti pagani ancora una volta le loro patrie leggi: <<Quanto ai pagani che sono venuti alla nostra fede, noi abbiamo deciso che si astengano dal sangue e da ogni animale morto naturalmente o soffocato>>. (At. 15,19).
e) Il discorso fatto da Stefano prima di morire, non è un panegirico delle leggi mosaiche confermante la sua natura essena? (At.7, 1 e egg.).
f) E un'altra indiscutibile prova testimoniante l'essenismo di Paolo non ci viene dal suo discorso sul matrimonio?: << ...ai non sposati e alle vedove dico: è cosa buona per loro rimanere come sono io, ma se non sanno vivere in continenza si sposino, è meglio sposarsi che ardere (bruciare la specie umana)>>. (I Cr. 7).
Praticamente in questo passo Paolo ci viene mostrato nel ruolo di equilibratore tra gli Esseni favorevoli al matrimonio e gli Esseni ad esso contrari dei quali così ci parla Giuseppe Flavio: <<Gli Esseni per se stessi disdegnano il matrimonio, ma adottano i figli altrui, mentre sono ancora arrendevoli ai loro insegnamenti: li considerano come parenti e li modellano secondo i loro costumi... Esiste pure un altro gruppo di esseni che per genere di vita, per abitudine e legislazione dissentono dagli altri sulla questione del matrimonio. Ritengono che coloro che non si sposano recidano una parte importantissima della vita e cioè la propagazione della specie, tanto che se tutti adottassero la stessa opinione favorevole al celibato ben presto scomparirebbe il genere umano>> (G. Flavio. Guerra Giudaica- Mondadori-IV, pag. 58-61).
E altre prove dimostranti che Paolo è un predicatore esseno ci vengono ancora dall'approfondimento della studio dei testi sacri, quale il seguente che è stato tratto dagli Atti degli Apostoli: <<C'era a Damasco un discepolo di nome Anania. Il Signore in una visione disse ad Anania: va sulla strada chiamata Diritta, e cerca nella casa di Giuda un tale che ha nome Saulo di Tarso; imponi su di lui le tue mani perché recuperi la vista. Allora Anania andò, entrò nella casa, gli impose le mani e improvvisamente Paolo riacquistò la vista e fu subito battezzato>>. (At. IX, 11).
Esegesi del passo: <<Dopo aver perso la vista sulla strada di Damasco, Paolo va a rifugiarsi nella "casa di Giuda", la quale si trova in una strada chiamata "Diritta". In apparenza, questa casa potrebbe sembrare quella di un uomo che si chiamava Giuda. Ma noi ora sappiamo attraverso i commentari di Habacuc, che l'espressione "casa di Giuda" designava la comunità essena di Damasco. Il rapporto esistente tra Paolo e la comunità essena che viene espresso dal passo degli Atti, non può essere che un'ulteriore conferma della natura essena di Paolo. (Guy Fau. op. cit. pag.217).
E ancora: <<In questo luogo Paolo riceve l'imposizione delle mani da un uomo dichiarato discepolo. Discepolo di chi? Non ci viene detto, ma più avanti nel passo XXII, 12, ci viene spiegato che si tratta di un "giudeo osservante della legge, altamente stimato da tutti i giudei colà residenti". Non è dunque un cristiano. Cosa può dunque essere questo giudeo osservante della legge, che riceve una visione del Signore, se non un capo di una comunità essena? (Guy Fau. ibidem).
<< Anania battezza Paolo. Chi poteva battezzare a Damasco, luogo dove si svolgono i fatti, dal momento che il battesimo era ancora sconosciuto anche presso la comunità di Gerusalemme (fatta eccezione di Giovanni detto il Battista) e per giunta ancora nessuno è stato qualificato per eseguire un battesimo cristiano, se non un esponente degli esseni presso i quali esisteva il battesimo già da lungo tempo prima?>> (Guy Fau. Ibidem).
<<Anania dice ancora: "Il dio dei nostri padri ti ha predestinato a conoscere la sua volontà, a vedere il Giusto". (At. XX,14). Chi altri può essere questo Giusto se non il Maestro di Giustizia degli Esseni? Il Giusto per eccellenza?>>. (Guy Fau. ibidem.).
<<È molto interessante studiare le lettere di Paolo per cercarvi tutte le idee o formule che possono essere riferite all'essenismo ed essere interpretate secondo la dottrina e la pratica essena. Il nome di Belial, dato a Satana, è usato nei manoscritti di Qumran. Paolo parla della "comunità dei Santi" e degli "eletti dalla grazia", che sono concetti esseni. Egli predica la castità e la continenza (I Cor.7), virtù essene, e come gli esseni condanna la fornicazione (I Cor. V,4 - VI,8). Egli predica una morale essena (Rom. XII).ecc.>>. (Guy.Fau. ibidem pag.219).
<<Chiunque fosse stato l'autore, l'interpolatore, qualsiasi fosse stato il periodo nel quale furono compilati i testi attribuiti a Paolo, tutto ciò che è in essi è scritto si può rapportare agli Esseni e al loro Maestro di Giustizia>>. (A.Ragot. Paolo di Tarso. Quaderno del Circolo Renan. 4° trim. 1963).

Paolo e la Gnosi.
Finito
il primo secolo passato sulle predicazioni di un Logos che si era fatto conoscere soltanto attraverso le visioni, ci ritroviamo nel secondo con un Logos che l'evoluzione religiosa ha trasformato da voce in un Salvatore che, pur rimanendo essenzialmente spirituale, è disceso sulla terra assumendo le forme umane, e quello che ci stupisce ancora di più della trasformazione stessa è di vedere che Paolo, morto nel 63, ne è diventato il sostenitore.
Per comprendere Paolo nell'assurdo ruolo di predicatore di un Cristo gnostico concepito nel secondo secolo, cioè cinquant'anni dopo la sua morte, e quindi tutte le incoerenze ideologiche e gli anacronismi che ne derivano, è opportuno conoscere il concetto base di quella filosofia chiamata gnosi sul quale esso fu costruito.
Gnosi: "Forma di conoscenza superiore, di origine divina, proposta da una serie di movimenti di pensiero per la salvezza dell'anima". Definizione che, per quanto chiara possa essere, merita comunque di essere ampliata: <<Nel mondo intellettuale di Alessandria d'Egitto, durante il secondo secolo, il problema religioso viene inserito nell'ambito di una matura esperienza filosofica e mistica. I dottori alessandrini fanno distinzione tra la fede accettata secondo una forma istintiva popolare e la fede che invece ci viene dalla scoperta delle verità religiose in seguito a riflessioni e ragionamenti d'ispirazione cosmica.
Da Dio, quale sorgente di luce posta al centro del cosmo, si dipartono, come i raggi dal sole, entità incorporee, cioè essenzialmente spirituali, chiamate "Eoni", le quali diventano sempre meno perfette via via che si allontanano da lui come avviene alla luce che s'indebolisce distanziandosi dalla sua sorgente. L'ultimo eone, rappresentato dall'anima umana, venuto a contatto con la materia corruttibile, è caduto nelle tenebre diventando, di conseguenza, schiavo del dolore, del male e della morte.
L'uomo potrà liberarsi della schiavitù della materia soltanto attraverso una ricerca razionale (gnosi) che gli permetterà di riprendere conoscenza della sua natura divina. (Divinizzazione).
Siccome il ritorno dell'uomo alla primitiva perfezione è desiderato da Dio, egli gli invia, in un gesto d'amore, il modello perfetto dell'uomo spirituale che gl'insegnerà con il suo esempio la giusta morale da seguire perché possa riscattarsi dalla schiavitù della materia.
Ma in opposizione al programma divino, ci sono gli Arconti, spiriti del male, che cercano di farlo fallire perseguitando e uccidendo colui che Dio ha inviato sulla terra in qualità di redentore>>. (M.Craveri. Vangeli Apocrifi- Einaudi - pag.476)
Questo modello perfetto (Maestro di giustizia) che per tutto il primo secolo, nella figura del Logos filoniano, era stato sollecitato, attraverso inni e preghiere a discendere sulla terra, fu di punto in bianco tradotto in un Messia che si era già realizzato, come risulta dalle sentenze e detti che gli furono attribuiti e dal filosofo Marcione che nel suo vangelo arrivò addirittura a scrivere su di lui una biografia con tanto di date, di luoghi e di personaggi riferentesi alla sua vita terrena.
Questa pretesa di sostenere l'avvenuta esistenza di una persona da tutti ignorata, cioè l'intromissione nella storia di un Messia la cui vita era stata da tutti sconosciuta, che non può che risultare un assurdo al buon senso e alla ragione, fu sostenuta dagli gnostici esseni, quali seguaci della Bibbia, ricorrendo ancora una volta a quel trascendentale dal quale si fa dipendere, tra le tante verità, l'infallibilità delle profezie. E fu così che, invocando la profezia di Isaia che aveva annunciato che nessuno si sarebbe accorto di lui, imposero il suo passaggio sulla terra come un fatto storicamente avvenuto:<< Egli (il Messia), dopo essere passato tra gli uomini in maniera così umile e modesta nelle parvenze da non essere riconosciuto da alcuno, seguirà i suoi carnefici silenzioso e docile come un agnello che viene condotto al mattatoio>>.
Solo a considerare che la storicità della vita di Gesù si regge tutta su questa profezia invocata dagli gnostici, non è più che sufficiente per convincerci della sua non esistenza storica?
E come fu semplice trovare la giustificazione dell'avvenuta esistenza del Cristo ricorrendo ad una profezia, altrettanto semplice fu il dimostrare come potesse il Cristo svolgere tutte le funzioni umane pur rimanendo purissimo spirito: <<Il Salvatore, avendo tutto tollerato, divenendo padrone di se stesso, era giunto al punto di continenza che il cibo che mangiava non si corrompeva nell'interno del suo corpo perché in lui non poteva esistere corruzione della materia. Mangiava e beveva come un uomo ma in maniera particolarissima, non restituendo gli alimenti>> (Dal vangelo gnostico di Valentino). E questo è niente di fronte a tante altre stupidaggini sostenute dalla teologia!
Considerando che siamo agli inizi del secondo secolo e che Cristo ha concluso la sua vita soltanto 70-80 anni prima, cos'altro potrebbe risultare questo ricorso ad una profezia per sostenere l'esistenza di Gesù se non un'ulteriore prova dimostrante la sua non esistenza storica?
Siamo nella prima metà del secondo secolo e tutti negano ancora l'incarnazione di Cristo, la negano Marcione, Papia, Carpocrate, Valentino, Nicola, Basilide i Doceti e tutti gli altri teologi e filosofi del tempo e nessuno la conferma.
E sarà proprio attraverso questa profezia che gli gnostici si approprieranno di Paolo, il predicatore di un Logos che si era fatto conoscere soltanto attraverso le visioni, per trasformarlo nel sostenitore del loro Messia gnostico, facendogli scrivere: <<Dalla discendenza di David, secondo la promessa, Dio trasse per Israele un Salvatore. Gli abitanti di Gerusalemme e i loro capi non lo hanno riconosciuto e condannadolo hanno compiuto le parole dei profeti>>. (At.13,23).
Trovandoci così di fronte a due Cristi paolini totalmente differenti, l'uno del primo secolo, che contatta gli uomini dal cielo attraverso le visioni, e l'altro degli inizi del II secolo, che ha già compiuto la sua missione con tanto di condanna a morte operata dagli abitanti di Gerusalemme su istigazione degli Arconti (angeli del male), cos'altro possiamo concludere se non che Paolo, non potendo essere sostenitore di entrambi sia per la contraddizione esistente tra di essi e sia per l'anacronismo che ci viene dalla sua morte avvenuta nel 63, se non che egli fu usato dagli gnostici (molto probabilmente dallo stesso Marcione), per dare credibilità al proprio Salvatore?
La trasformazione concettuale che porta Paolo a farsi sostenitore di un Cristo gnostico concepito soltanto nella prima metà del II secolo, non può essere che l'opera di falsificazioni, aggiunte e stratificazioni operate nelle sue Lettere e con tale evidenza da essere indifendibili:
<<Come per Marcione la morte del Signore è avvenuta per volontà degli Arconti, così per il Paolo gnostico il Cristo viene ucciso dai "Principi delle tenebre">> (Guy Fau. Pag. 81-op.cit.).
E il Paolo si conferma ancora sostenitore del Cristo gnostico in numerosissimi passi riportati sia dalle lettere che dagli Atti dei quali, per una brevità che si siamo imposti di rispettare in questa relazione, ne riportiamo soltanto alcuni:
<<Dio ha mandato il proprio figlio in una carne simile a quella del peccato>>. (Rm. VIII, 3).
<<Cristo pur essendo di natura divina, spogliò se stesso assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini ci è apparso in forma umana>>. (Fil. 6).
E secondo quanto sostengono gli gnostici, che per dimostrare che il Salvatore non ha una nascita terrena lo rapportano al sacerdote Melchisedech dichiarato dalla Bibbia privo di genealogia, così Paolo scrive: <<Gesù è entrato nel santuario come precursore, essendo divenuto Sommo Sacerdote alla maniera di Melchisedech. Egli, senza padre, senza madre, senza genealogia, fatto simile a figlio d'uomo, rimane sacerdote in eterno>>. (Ebr. 7,1).
Un altra prova dimostrante come Paolo fosse stato usato dalla corrente gnostica ci viene dal passo che si riferisce a quel mago Simone che fu usato dallo gnosticismo per combattere la magia che stava riprendendo il via presso gli esseni di origine pagana che si stavano sempre più allontanando da un Cristo reso troppo complesso, e quindi incomprensibile, dalle teorie gnostiche.: <<Elimas, il mago, ciò infatti significa il suo nome, fece opposizione e Barnaba e a Saulo che intendevano parlare al proconsole della loro fede. Allora Saulo, detto anche Paolo, fissandolo negli occhi lo accusò di essere un uomo pieno di frode e di malizia, figlio del diavolo e di sconvolgere le vie dritte del Signore>>. (At. 13,8).
Sarebbe sufficiente soltanto rimarcare che colui che riporta il fatto confonde il soprannome Saulo (zoppo) con il vero nome, tanto da scrivere "Zoppo, detto anche Paolo", per confermarci che questo passo non può essere che una grossolana interpolazione fatta da un somaro che neppure conosceva il nome di colui che stava usando per le sue falsificazioni.
Conosciuto così il Paolo gnostico del secondo stadio della metamorfosi Messianica, il Paolo che continua ancora a negare ogni forma di umanizzazione, passiamo al terzo ed ultimo stadio nel quale viene trasformato dai cristiani, gli ultimi arrivati, sostenitore dell'incarnazione di Cristo.

Il Paolo cristiano.
(Di Santa madre Chiesa).
Vista la predisposizione di Paolo a seguire come fantasma l'evoluzione cristologica, non proveremo certo meraviglia a ritrovarcelo tra i piedi nella seconda meta del II secolo quale ardente difensore del Cristo uomo nato da donna la cui incarnazione sarà alla base della nuova religione che prenderà il via con il nome di "cristianesimo di Madre Chiesa".
In seguito alla separazione degli esseni di origine ebraica dagli esseni di origine pagana determinata dall'istituzione del sacramento dell'Eucaristia, la comunità di Roma, nella decisione che aveva preso di dare al proprio Cristo l'incarnazione, respingendo ogni teoria gnostica, espulse Marcione dichiarandolo eretico pur conservando il suo vangelo e le lettere di Paolo per costruire attraverso di essi, come abbiamo visto, i propri vangeli e la propria dottrina. Ma per quanto possano aver operato per trasferire al cristianesimo nascente la storicità della religione essena, le falsificazioni, le sovrapposizioni e le interpolazioni che eseguirono su di essi non furono sufficientemente così curate da eliminare tutte quelle contraddizioni di cui sono piene, contraddizioni e anacronismi che ci permetteranno di dimostrare che il Cristo incarnato viene costruito tale soltanto dopo l'espulsione di Marcione dalla comunità di Gerusalemme avvenuta nel 144.
La Chiesa, quale nuova religione sorta dopo il 150, non avendo documenti dimostranti l'esistenza di Cristo e dei cristiani negli anni precedenti a questa data, cercò di procurarseli (come ancora sta facendo attraverso le manomissioni che tenta di operare sui manoscritti del mar Morto) ricorrendo ad ogni sorta d'imbrogli: falsificarono gli autori contemporanei, quali Giuseppe Flavio, Filone, Tacito, Seneca ed altri, s'inventarono autori a cui furono attribuiti vangeli e testi ricavati da fonti essene e pagane, bruciarono le testimonianze che si opponevano ai loro intrighi, usurparono agli esseni spiritualisti i loro concetti religiosi, i loro usi comunitari e lo stesso appellativo di cristiani che gli era stato dato dai pagani sia pur con un significato dispregiativo.
Costruirono su Giovanni il Presbitero (Cerinto), nato e vissuto a Efeso e quivi morto nel 135 la figura di Giovanni l'evangelista, trasformarono l'escatologia guerriera dell'Apocalisse, nel suo concetto di realizzazione imminente, nell'attesa di un giudizio universale che si realizzerà alla fine dei tempi, fecero diventare cristiano Filone, si appropriano dei martiri del movimento rivoluzionario giudaico facendoli passare per propri e, soprattutto, cercano di far sparire ogni traccia degli esseni la cui esistenza avrebbe ridicolizzato ogni intromissione di cui avevano bisogno per darsi una base storica.
Quando ho chiesto a due preti se conoscevano gli esseni, uno mi ha risposto che erano una tribù non bene identificata che era passata in Palestina nel primo secolo avanti Cristo senza lasciare tracce, e l'altro che non li conosceva.
Fra i tanti personaggi che vengono usati dalla Chiesa come testimoni dell'esistenza di Gesù, se Paolo assunse una importanza predominante ciò dipese soprattutto dal carisma che gli venne da Marcione che lo presentò come personaggio storico, carisma di predicatore che, dichiarato esistito al tempo di Pietro e Giacomo, avrebbe costituito una garanzia di verità su tutto ciò che gli si sarebbe fatto dire.
Falsificando le Lettere che Marcione aveva portato con se dalla Siria insieme al suo vangelo e aggiungendone altre, il Paolo, prima filoniano e poi gnostico, fu spudoratamente trasformato dalla Chiesa nel sostenitore di un Cristo incarnato facendogli scrivere nel prologo della Lettera ai Romani, che poi è l'introduzione a tutte le Lettere: << Io sono Paolo, servo di Dio, apostolo per vocazione, prescelto per annunziare il vangelo di Dio riguardo al figlio, nato dalla stirpe di Davide secondo la carne >>. (Rm. 1,1).
E con questa frase, interpolata come introduzione alla prima delle 14 lettere messe sotto il suo nome, la Chiesa si è arrogata ogni pretesa per usare Paolo come sostenitore quel Cristo-uomo che doveva imporsi a tutti gli altri Cristi esseni che lo avevano preceduto: il Logos filoniano delle visioni e il Salvatore gnostico.
E così, divenuto preda dei Padri della Chiesa, Paolo, sostenendo tutto ciò che essi gli attribuiscono via via che elaborano i concetti teologici, diventa la colonna portante di un cristianesimo che sarà costruito sull'incarnazione di Gesù.
<<E mentre i giudei chiedono miracoli e i greci cercano la sapienza, noi predichiamo Cristo crocefisso, scandalo per i giudei, stoltezza per i pagani>>. (Cor. 1,22).
Da rimarcare come in questa espressione c'è racchiusa tutta la lotta che i cristiani della prima Chiesa dovettero sostenere contro gli esseni giudaici che li accusavano di scandalo perché avevano attribuito al Messia una morte così ignominiosa, e contro i pagani che ritenevano la crocifissione una stolta invenzione fatta per sostenere un Messia mai esistito, cioè un Gesù che nessuno conosceva, come ci viene dimostrato da un passo degli stessi Atti degli Apostoli nel quale Apollo cerca di spiegare, non con la citazione di fatti realmente avvenuti, ma esclusivamente attraverso le sacre scritture, che il Cristo della nuova religione si chiamava Gesù: <<Giunto in Acadia, fu molto utile a quelli che per opera della grazia erano divenuti credenti; confutava infatti vigorosamente i giudei (che negavano l'esistenza storica di Gesù), dimostrando pubblicamente attraverso le scritture che Gesù è il Cristo>>. (At. 18,27)
E i passi nei quali Paolo viene usato dalla Chiesa per sostenere il Cristo incarnato, la sua crocifissione, la sua nascita da donna terrena, la sua resurrezione e l'istituzione dell'Eucaristia si susseguono nelle sue Lettere attraverso collocazioni così evidentemente fraudolente da non meritare spesso neppure la confutazione.
<<O stolti Galati, chi mai vi ha ammaliati, proprio voi agli occhi dei quali fu presentato al vivo Gesù crocefisso>> (Gal. 3,1).
Questo rimprovero ai Galati che si rifiutano di credere alla crocifissione di Cristo, perché non ne hanno mai sentito parlare, oltre che ha dimostraci l'incoerenza che c'è tra il Paolo filoniano che l'aveva negata dichiarandosi superiore a Pietro e Giacomo che secondo la Chiesa ne erano stati testimoni, non può essere che un'ulteriore prova della non esistenza storica di Gesù se consideriamo che "il fatto avviene nel 53, cioè soltanto 20 anni dopo dalla crocifissione". (La Sacra Bibbia. ed.C.E.I). Se la crocifissione c'era stata veramente, come è possibile che i Galati, dichiarati dallo stesso Paolo testimoni del fatto, possano disconoscerla?
E ancora, senza il minimo ritegno, lo affondano nell'umanizzazione di Cristo, da farcelo apparire addirittura ridicolo nella su incoerenza: <<Ma quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò suo Figlio, nato da donna, per riscattare i figli nati sotto la legge>>. (Gl. 4,4).
Ma di quale legge, di quale riscatto può parlarci Paolo se è stato proprio lui a negare, prima come predicatore di un Logos filoniano e poi come sostenitore di un Cristo Gnostico, l'esistenza di un Cristo incarnato, nato da donna?
I passi poi riguardanti l'istituzione dell'Eucaristia espressi nella prima lettera ai Corinti (9,16; 11,23), non sono una dimostrazione evidente della catechesi che i primi Padri della Chiesa cominciarono a praticare soltanto nella seconda metà del II secolo per sostenere quel sacramento che, basato sulla teofagia, era stato respinto intorno al 150 dagli esseni di origine giudaica?
Questa è la stravaganza paolina alla quale si riferisce il Circolo Renan allorché parla delle interpolazioni e delle falsificazioni certe ed evidenti che rendono le lettere di S. Paolo di Tarso uno zibaldone di incoerenti follie tali da portare uno degli stessi falsificatori a riconoscerlo, facendo dire dall'eccellentissimo Festo: << Paolo, tu sei pazzo; la troppa scienza ti ha dato al cervello!>>. (At. 26,24), e a far dire a Paolo in una lettera ai Ronani (7-15,24): <<Io non riesco a capire ciò che faccio; infatti non quello che voglio io faccio, ma quello che detesto...Io con la mente servo la legge di Dio e con la carne la legge del peccato>>. Bravo Paolo, commentiamo a questo punto noi, come esempio d'ignoranza e ipocrisia non fai una piega, confortati da Edel Smith che aggiunge:<<Ma che razza d'insegnamenti divini potrebbe mai impartire un soggetto simile, che non riesce a capire neppure ciò che sta facendo?>>. (500 errori della Bibbia- Ediz. Alethes. pag.274)
E chi altri potrebbe essere se non uno squilibrato, chi predica contemporaneamente tre Cristi: il Cristo astratto dei sogni e delle visioni, il Cristo che ha svolto la sua missione prendendo dell'uomo soltanto le apparenze e il Cristo che si è incarnato nascendo da donna?
Se Gesù non si è mai incarnato, se Gesù come personaggio storico non è mai esistito, non è una truffa dire agli uomini che soltanto attraverso la sua umanizzazione possono ottenere la vita eterna, cioè la divinizzazione?
L'esistenza fisica di un essere, fosse anche un Dio, non è più una questione di telogia e di fede, ma una realtà storica che deve essere giudicata secondo le leggi umane da un tribunale laico basato sulla ragione e il buon senso.
Non vogliamo attraverso questa querela che sia riconosciuta la non esistenza di un Gesù dio e mito sostenuto dalla fede, ma lo non esistenza di Gesù come uomo.
Ci venga portata una prova, una prova riconosciuta legalmente valida che confermi la storicità di questo personaggio dichiarato figlio di Maria e di un falegname di nome Giuseppe, nato a Betlemme e vissuto a Nazaret, e noi saremo i primi ad inginocchiarci davanti a lui per pervenire a quella divinizzazione che si può raggiungere, come don Enrico ci assicura, attraverso la comunione con il suo corpo.
Se questa prova non c'è, non ci viene portata, è chiaro che siamo di fronte ad una truffa volutamente sostenuta per continuare a trarne quei benefici materiali che hanno permesso di costruire e mantenere uno degli imperi economici più consistenti di questa terra.




SCRITTORI E FILOSOFI DELL'EPOCA.
(Rimandare al capitolo già scritto)


BREVE RIEPILOGO SULLA STORICITÀ DEI TESTI SACRI

Essi sono posteriori al 150 perché:
a) Marcione, autore di due apologie sul cristianesimo, ignora nel 160 l'esistenza del vangeli facendo allusione soltanto a frasi e detti del Signore che definisce "corte e laconiche".
b)Marcione, continuando a difendere il suo Cristo gnostico dopo l'espulsione dalla comunità di Roma, accusa, intorno al 170, i vangeli che erano stati costruiti servendosi del suo, di essere dei falsi attribuiti in forma fraudolenta a personaggi e apostoli dei tempi apostolici: <<Sub apostolorum nomine aduntur et etiam apostolicorum>>. ( Tertulliano. Adversus Marcionem - IV,3).
Non può che riferirsi a quelli di Marco e di Matteo che furono i primi ad uscire.
c) Giustino, morto nel 165, ignora gli Atti degli Apostoli.
d) Non c'è nessuna allusione a nessuno dei vangeli canonici nella "Lettera di Barnaba" scritta nel 140, né nel "Pastore di Ermas" scritto nel 150, né nella "Lettera ai Corinti" scritta da Clemente nel 150 nella quale si parla della passione di Cristo non come fatto storico ma come una profezia che si è realizzata secondo il profeta Isaia.
e) Nel Didaché, documento risalente al secondo secolo, scoperto nel 1875, vi si trova la formula del "Pater noster" e il "Sermone della Montagna" (entrambi di origine essena) ma nulla che parli dei 4 vangeli. (Documento prettamente esseno).
f) Il primo che parla chiaramente dei 4 vangeli è S. Ireneo nel 190. Infatti Luca e Giovanni furono scritti dopo Marco e Matteo.
<<Questo silenzio da parte di tutti gli autori, sia cristiani che profani, riguardo i vangeli, è la migliore prova della data tardiva della loro redazione. Il Concilio vaticano II per quanto abbia riaffermato le date attribuite ai vangeli, nulla ha cambiato alla verità storica, avendole imposte come verità di fede>>. (Guy Fau- Opera citata, pag. 84).
I vangeli canonici non sono stati scritti da testimoni oculari che vissero in Palestina, né tantomeno da ebrei quali erano gli autori ai quali sono attribuiti, per i troppi errori geografici che contengono e l'assoluta ignoranza delle leggi Bibliche. Soltanto Edel Smith ha contato in essi ben 250 errori (opera già citata) e tutti così gravi da rendere inutile ogni commento sulla loro falsità di costruzione.
I Testi Sacri non sono che una composizione di episodi riferentisi a fatti e detti esistenti già da prima dell'epoca attribuita a Gesù, una vera e propria ricopiatura dei libri Esseni e del Vecchio Testamento così fedele da portare Steudel a lanciare la seguente sfida ai teologi cristiani: <<Sarei riconoscente a quel teologo che mi portasse una sentenza o un fatto che si riferisce a Gesù del quale io non possa dimostrare che già esisteva sin da prima che lui nascesse>>. (Guighebert- Gesù- pag.49). Nessuno si è fatto avanti!
Prendendo spunto dai vangeli attribuiti ai quattro evangelisti, una volta confermata la natura umana di Cristo, a cui fu dato il nome di Gesù soltanto nella seconda metà del secondo Secolo, ogni comunità passata alla corrente materialista, costruì il proprio vangelo.
In questa anarchia di vangeli nei quali si parlava in alcuni dell'infanzia di Gesù, in altri della vita della Madonna, ne sorsero alcuni, di matrice ebrea che in antitesi ai vangeli del cristianesimo, costruirono un Gesù bastardo, che nato dall'unione di un soldato romano con una prostituta ebrea, lo facevano risultare un uomo geniale, ma cattivo e perfido da rapportarlo a Satana (vedi le "Toledoth" da cui deriva il "Vangelo del Ghetto"), si andò avanti in un continuo di diatribe che, via via che i concetti si sistemavano, sorgevano in seno agli stessi padri della Chiesa finché Costantino non riunì tutte le Ecclesie sotto una sola ideologia. Fu soltanto dopo il concilio di Nicea (325) che fu stabilito quali dovevano essere i testi sacri ritenuti canonici e quali dichiarati falsi e non attendibili (aporifi e pseudo). Per dimostrare quanta confusione ci fosse ancora nei concetti religiosi della nuova religione, è sufficiente dire che l'Apocalisse, considerata inizialmente apocrifa, fu annoverata tra i canonici, dopo accese discussioni, soltanto nel VI secolo.
Alla domanda che a questo punto sorge spontanea su come abbia potuto imporsi sulle altre una religione così basata sulle più assurde incoerenze e i più evidenti anacronismi, la risposta ci viene fornita dalle violenze che la Chiesa essa cominciò a praticare contro gli oppositori dopo che Teodosio nel 380 la dichiarerà religione di Stato affidandole l'amministrazione morale dell'Impero. In un continuo di persecuzioni, di ricatti, di anatemi e scomuniche si fecero stragi di tutti gli oppositori i cui milioni di cadaveri furono ammucchiati e nascosti nei secoli che seguirono dietro quella croce che oggi si pretende farla passare per il simbolo di civiltà e di cultura occidentale.



GESU' E IL BUDDISMO

<<Dire che le equazioni di Newton non sarebbero comunque rimesse in causa anche se risultasse che egli non è esistito, per dimostrare che la non esistenza di Cristo non rimetterebbe in causa il Cristianesimo, è falso, arcifalso. Il Cristinesimo, a differenza delle equazioni di Newton, non è una teoria che deve essere convalidata o respinta dall'esperienza, ma un insegnamento che si basa essenzialmente sull'idea del peccato originale e del suo riscatto attraverso il sacrificio di un uomo. Se quest'uomo dovesse risultare storicamente inesistente, tutto l'edificio cristiano costruito sulla sua morte crollerebbe>>  (Michel Second- teologo).

Dai riscontri che ho ricevuto in seguito alla presentazione della mia querela contro la Chiesa nella persona di don Enrico Righi, mi sono reso conto di come non sia stato capito cosa significhi per il Cristianesimo una sentenza confermante la non esistenza storica di Gesù.

<<Non abbiamo bisogno di prove per credere all'esistenza di Cristo>>, affermano i credenti nella convinzione di poterne sostenere la  figura umana invocando la fede, intanto che i miscredenti e gl'indifferenti dileggiano la mia querela affermando che il Cristianesimo continuerà comunque a perdurare come le dottrine di Budda, di Confucio, di Maometto, le opere di Omero e gl'insegnamenti di Socrate, anche se venisse dimostrato che questi non sono mai esistiti.

Questo è l'errore! Paragonare il Cristianesimo a tutte le altre dottrine o religioni che, a differenza di esso, il quale si basa su un fatto dichiarato reale, possono essere seguite nei loro insegnamenti anche se i loro fondatori risultassero dei miti. 

Il Cristianismo, a differenza del Buddismo, Ebraismo, Islamismo e di ogni altra religione politica o sociale che termina in "ismo", le quali seguono teorie comunque difendibili da personali convinzioni, si basa essenzialmente su un fatto concreto: l'esistenza storica di un uomo chiamato Gesù Cristo.

Se la non esistenza di quest'uomo fosse giuridicamente riconosciuta, tutto l'edificio cristiano, costruito sulla sua incarnazione, crollerebbe nell'attimo stesso in cui  verrebbe emessa una sentenza di condanna verso chi, abusando della credulità pololare, ha basato i propri  insegnamenti su un'ingannevole presentazione dei fatti.

Una condanna per "abuso di credulità popolare"  (Art. 661 C.P.) ai danni di un prete, sia pure esso un semplice parroco di paese, come nel mio caso, coinvolgendo nello stesso reato tutti i ministri del Cristianesimo, metterebbe al bando questa religione. I preti, non potendo più pubblicamente sostenere che Gesù si è fatto uomo, sarebbero di conseguenza interdetti a celebrare tutti i riti che si riferiscono alla sua umanizzazione, primo fra questi il sacramento dell'Eucaristia che sarebbe riconosciuto una vera e propria truffa sostenendo la trasustanziazione del pane e del vino nel corpo di qualcuno che è stato riconosciuo giuridicamente inesistente.

Così, come l'Eucaristia, sarebbero considerate reato tutte le  testimonianze tendenti a sostenere l'esistenza storica non solo di Gesù ma anche di tutti quei personaggi che sono stati fatti derivare dal lui, quale la Madonna gabellata per sua generatrice.

I Padri della Chiesa, presi come furono a combattere il Pagani mettendosi sul loro piano attraverso l'imitazione dei Culti dei Misteri, la cui base era rappresentata appunto dal sacramento dell'Eucaristia, non compresero che dando una natura umana a quel Gesù gnostico, considerato fino alla metà del II secolo essenzialmente spirituale, stavano creando una religione basata sulla sabbia; non intuirono che stavano erigendo un gigante di argilla, un gigante che se è riuscito a stare in piedi fino ad ora  ciò è dipeso eclusivamente per il sostegno che ha ricevuto, e continua a ricevere, da quei puntelli che ben conosciamo, quali il rogo, le tortute, i tagli delle teste, le stragi più efferate e le minacce di ritorsioni e di ricatto che ancora oggi producono il loro effetto su una certa classe dirigente, tra cui molti giornalisti, che anteponendo l'opportunismo alla dignità, sostiene con il suo servilismo questa impostura che è il Crisianesimo. 

E intanto che il processo avanza, la Chiesa, evitando ogni confronto diretto con me e disertando il tribunale, insiste in una latitanza che  non fa che confermare la sua impostura.

Ma per quanto possano escamottare il processo attraverso la recita dell'indifferenza e del silenzio, non potranno mai evitare una fine già segnata. Moralmente di fronte a tutto il mondo essi hanno già perso. 

Quello che manca alla conclusione è soltanto la sentenza, quella sentenza che come è motivo di grande angoscia per essi, altrettanto è motivo di grande gioia per me e per quanti credono nella mia battaglia, questa battaglia il cui epilogo permetterà di dire a questi immorali oscurantisti: "Ite, missa est!" (andate, il vostro ciclo si è concluso!) >>.




GESU' E LO SPIRITISMO

Mi dispiace per Cascioli e i suoi studi, ma non sono d'accordo con voi.

Avendo sviluppato da 5 anni facoltà medianiche, sono in contatto quotidiano telepatico e a mezzo telescrittura con entità spirituali anche elevate e posso assicurare che Cristo esiste, così come esistono gli angeli, l'aldilà, la reincarnazione etc., anche se ho potuto appurare piccole discordanze con ciò che la Chiesa Cattolica attualmente promulga.

Se Cascioli ha raccolto migliaia di testi, io ho ricevuto migliaia di scritture automatiche in cui entità spirituali, fra le quali quella di mio padre medico che ha perso una bambina, mi vengono descritte con grande precisione non solo le figure del Cristo, della Vergine Maria, degli angeli e dell'aldilà, ma mi vengono date anche spiegazioni e significati di accadimenti e di vite passate e future, delle quali finora ho trovato pieno riscontro nei fatti.

Dite a Cascioli di non affannarsi in tal senso, se vuole davvero aspirare al paradiso... e ciò dipende non solo dal proprio Karma passato, ma dalle azioni della presente esistenza, che se positive e approvate da Colui che è lassù, possono migliorarci e azzerarci oppure, all'opposto, se negative e contro il credo religioso, peggiorarci, allontanandoci da quell'elevazione spirituale che ci consente di conquistare la luce eterna.

SALUTI.

LUCILLA SPERATI- NATURALIA.E.mail: LSperati@libero.it


In opposizione a quanto viene dichiarato dalla Medium Lucilla Sperati, troviamo una dichiarazione del Medium Allen Kardek riportata nel libro "Opere Postume" Ed. Union Spirit Francaise -1927. <<La Chiesa riceverà presto un colpo mortale da qualcuno in Italia>>.

In questo libro di spiritismo si dice che il medium Allen Kardek nega l'incarnazione di Gesù non avendo mai avuto riscontri della sua esistenza.


Due responsi medianici che metto a disposizione di coloro che credono nel trascendentale perché possano comprendere, attraverso il loro contrasto, quanto siano prive di fondamento le verità sostenute all'irrazionale.

L'ateismo di Luigi Cascioli

Se io combatto le religioni non è perché esse sostengono l'idea di un Dio inesistente, ma perché esse fondano su questa chimera una morale basata sulla stagnazione e sul regresso.
Perché dovrei io oppormi a un Dio, anche se non esiste, se fosse portatore di benefici? Perché dovrei io attaccare il cristianismo se le sue leggi esortassero gli uomini a crescere, a perfezionarsi e quindi a evolversi?
Che il cristianismo s'opponga a l'evoluzione intellettuale e scientifica attraverso la negazione dell'esperienza è un'evidenza dimostrata dal fatto che, mettendo la perfezione come punto di partenza e non di arrivo, essa impedisce agli uomini di maturare costringendoli a rimanere sempre dei bambini.
"Ego te baptizo", dice il prete immergendo nell'acqua la testa del catecumeno, " Da questo momento tu sei un uomo senza peccato, un essere perfetto e tale tu rimarrai se seguirai i miei precetti Sarà soltanto attraverso le mie leggi che tu potrai conoscere e seguire la verità".
"È attraverso le leggi che mi furono imposte, e non per un'esperienza personale, che io conobbi il peccato", dice S. Paolo ai Corinti, e la Chiesa conferma l'esclusione della ragione nella ricerca della conoscenza decretando: "Degenerati saranno coloro che cercheranno la verità al di fuori delle mie leggi".

D'altronde non è lo stesso Cristo che dice: "Beati coloro che credono senza comprendere, beati i poveri di spirito perché di essi sarà il regno dei cieli?".
Negando il libero arbitrio e negando a l'uomo la possibilità di conoscere ciò che è male e ciò che è bene attraverso l'esperienza, il cristianesimo costringe gli uomini a uno stato di immaturità, direi d'infantilismo, tale da permettergli di caricarli come dei bambini resi docili dalle minacce di severe punizioni, sui vagoni di un treno senza finestre che, seguendo un itinerario già tracciato, termina in quell'abisso rappresentato dal nulla nel quale pone, come ricompensa di un'ubbidienza cieca ed insensata, la beatitudine eterna.
Questa è la vera immoralità del cristianismo dalla quale derivano tutti i mali che tormentano la società: impedire agli uomini di maturare attraverso una propria esperienza.


Luigi Cascioli, promuovendo un processo con formale denuncia-querela presso un tribunale civile perché sia riconosciuta la non esistenza di una delle tre persone della Trinità, cioè Gesù, realizza il primo processo contro Dio ricorrendo non ad argomentazioni puramente teoriche, come finora era stato fatto nel passato, ma portando prove che, tratte da una realtà storica, risultano evidenti e quindi non più discutibili.

Il libro "LA FAVOLA DI CRISTO", dopo aver dimostrato con dovizia di argomenti la NON esistenza di Gesù, termina con una denuncia contro i ministri della Chiesa affinché, in seguito ad una sentenza di tribunale, sia definitivamente bandita dalla società la grande impostura del Cristianesimo.

L'assurdo della Trinità, che la teologia era riuscita fino ad ora a sostenere eludendo la ragione e il buon senso con quell'escamotage che si chiama "mistero", viene confermato in tutta la sua utopia e stravaganza dal libro "LA FAVOLA DI CRISTO" attraverso un'inoppugnabile documentazione storica dimostrante la non esistenza della sua seconda persona: Gesù.

Molti sono coloro che, dopo aver letto "LA FAVOLA DI CRISTO", hanno affermato che questo libro, distruggendo la figura di Cristo, oltre che a determinare la fine del cristianesimo, farà vacillare non solo le altre due fedi monoteiste (ebraismo e islamismo), ma anche tutte le altre per quelle analogie fiabesche che accomunano tutte le religioni.
Soltanto annullando la ragione si pu? imporre una morale (falsa morale) basata su verità che, non essendo dimostrabili (dogmi), sono da considerarsi puramente astratte ed utopiche come, una fra le tante, quella riguardante l'esistenza di una vita dopo la morte che, in seguito al giudizio di un Dio, pu? rappresentare per ogni uomo un'eternità di felicità o di dolore.

CHI E' DIO?

Dio è l'essere perfettissimo creatore e signore del cielo e della Terra, rispondono i credenti, è colui che dal nulla ha fatto tutte le cose e dal quale tutto procede, è l'eterno, la bontà infinita, l'onnisciente e l'onnipotente.
Tutte affermazioni incoerenti e contraddittorie, rispondono gli atei, che non fanno altro che confermare che una simile entità non pu? essere che una costruzione sostenuta dalla superstizione e dall'ignoranza.

EPICURO: " Il male esiste, quindi di due cose l'una, o Dio ne è a conoscenza o lo ignora:
Dio sa che il male esiste, pu? sopprimerlo ma non vuole...un tale Dio sarebbe crudele e perverso, dunque inammissibile.
Dio sa che il male esiste, vuole sopprimerlo ma non pu? farlo...un tale Dio sarebbe impotente, dunque inammissibile.
Dio non sa che il male esiste...una tale Dio sarebbe cieco ed ignorante, dunque inammissibile."

LUCREZIO, continuatore di Epicuro nelle ricerche scientifiche, nel suo "De Rerum Natura" distrugge ogni concetto di un Dio creatore:

" Il principio che noi poseremo sopra tutto è che nulla nasce dal nulla per un potere divino (ex nihilo nihil). Il timore che domina tutti i mortali e li rende succubi delle religioni, dipende dal fatto che essi vedono compiersi sulla terra fenomeni dei quali non conoscendone la causa li attribuiscono alla potenza di entità soprannaturali che chiamano dei. E soltanto seguendo la convinzione che ci porta ad affermare che nulla si pu? creare dal nulla che noi potremo scoprire l'oggetto delle nostre ricerche il cui risultato, una volta raggiunto, dimostrerà come tutto si compie senza l'intervento di Dio".

"Dio è il nome che dall'inizio dei tempi fino ai nostri giorni gli uomini hanno dato alla loro ignoranza".
(Max Nordeau).


"E assurdo ammettere l'esistenza di un creatore dal momento che è impossibile non solo dimostrare ma anche immaginare che il nulla si trasformi in qualche cosa e qualche cosa in nulla".
(Enciclopedia Anarchica)


"Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma" conferma Lavoisier dimostrando scientificamente l'inesistenza di un creatore.
Il numero stesso delle religioni che sostengono ognuna di avere il Dio vero mentre tutti quelli delle altre sono falsi, ha portato il Dr.Carret a questa conclusione:
"Due sono le cose: o Dio ha voluto farsi conoscere dagli uomini o non lo ha voluto. Se ha voluto farsi conoscere e non c'è riuscito ci? non pu? dimostrare altro se non che egli è impotente; un Dio impotente non è ammissibile. Se Dio non ha voluto farsi conoscere allora tutte le religioni sono false. Se Dio non ha voluto né l'una né l'altra, allora non resta che concludere che Dio non esiste".


Il solo fatto che esistano gli atei, cioè persone che negano Dio, dimostra che nessuno è risuscito a dimostrarne l'esistenza.
La sola differenza che c'è tra l'ateo e il credente dipende dall'origine che essi danno alla materia. Mentre il primo sostiene che è stata voluta da un creatore, il secondo afferma che è sempre esistita. Il credente sostiene la sua verità con il mistero e con il dogma (verità non dimostrabile), l'ateo sostiene la sua con la dimostrazione scientifica. Fede contro ragione: la fede è un astrattismo, un'utopia, una concezione dell'immaginario, un'incoerenza nevrotica, la ragione è una realtà, un positivismo, una certezza che si basa sul tangibile.
"chi ha creato tutto questo?" chiede il bambino guardando il cielo in una notte stellata, e dalla risposta che gli viene data si forma il credente (credulone) o l'ateo.

L'ha creato Dio... Chi è Dio?....E l'essere perfettissimo... e continuando con una sequela di sofismi sostenuti dal mistero, la spiegazione del credente si conclude con un imperativo che, non ammettendo repliche, obbliga a credere all'esistenza di un creatore.

E sempre esistito... e con dimostrazioni pratiche e inconfutabili, l'ateo dimostra la non esistenza di un creatore.

Se il primo insegnamento è dogmatico, il secondo è scientifico, e siccome la scuola non deve servire come catechesi, l'insegnamento deve essere scevro di ogni condizionamento che viene dalla presenza di simboli che avallano il falso, che favoriscono la continuazione di quella malattia mentale che sono le religioni, come i crocefissi appesi alle pareti.

Per dimostrare che il Cristianesimo è una religione falsa basta riportare ciò che lo stesso S. Agostino scrisse nel 350, quando si considerava un'eresia affermare che la terra fosse rotonda:
"Se si dimostrasse che la terra è rotonda, tutto il cattolicesimo risulterebbe un errore".
Il concetto di un Dio perfettissimo è già di per sé la dimostrazione dell'inesistenza di un Dio creatore. La parola perfettissimo che gli si attribuisce nel suo significato di completezza assoluta, già esclude di per se un Dio che possa aver avuto il desiderio, o meglio ancora, il bisogno di darsi, attraverso una creazione, un qualcosa che gli mancava.
Per quanto lo si voglia rendere metafisico ponendolo in un mondo trascendentale al di fuori della materia, Dio non riesce a uscire dal fango della materia che lo ha generato. Essendo un prodotto degli uomini, della loro ignoranza, della loro superstizione, dei loro interessi ed egoismi non pu? risultare, come realmente risulta, che un essere composto dei peggiori difetti umani. Basta leggere la Bibbia per renderci conto quanto Dio sia un essere antropomorfo.
Il Dio della Bibbia è collerico, invidioso, superbo, vanitoso, autoritario...un vero criminale che racchiude la parte peggiore dell'uomo.
(Leggere "LA FAVOLA DI CRISTO").
L'uomo, sostituendo Dio alla Natura, si è così intellettualmente impoverito da divenire un burattino che, incapace di provvedere a se stesso, affida la propria tutela alla magia di religioni che, con promesse di grazie e minacce di punizioni, si fanno garanti della sua salvezza.
La costrizione ottenuta con il plagio ad obbedire ciecamente a leggi che vengono da un mondo metafisico, un mondo astratto ed utopico, esigendo l'abdicazione della ragione e del buon senso, riduce l'uomo ad una schiavitù teorica e pratica che ci porta a concludere, senza tema di smentita, che dove esiste Dio l'uomo è schiavo e dove l'uomo è libero non pu? esistere Dio.
Il vescovo americano Brown (condannato dalla Chiesa due volte per eresia), negando ogni concetto creazionistico e quindi un Dio trascendentale, ha scritto:
"Il mio Dio è una trinità di cui la materia è il Padre, la forza che la muove è il Figlio e la legge che la regola è lo Spirito Santo. Dio è l'unione della Natura con un'umanità che lavora per la costruzione di una società il più possibile felice".

E Prosper Alfaric, ex professore di teologia presso i grandi seminari francesi, convertitosi all'ateismo, ha concluso alla Sorbona, in una conferenza tesa a dimostrare l'assurdità di un Dio creatore e legislatore: "Se gli atei ripudiano la fede tradizionale non è soltanto perché questa fede è in contrasto con le affermazioni degli stessi credenti, con la ragione che nega l'idea di Dio, ma perché hanno capito che i dogmi vanno contro la vera morale, contro le esigenze sociali del mondo in cui viviamo. La credenza in Dio non è soltanto una semplice illusione, un errore puramente teorico. Essa falsa la direzione pratica della vita orientandola verso una direzione chimerica. Essa va contro le realtà sociali, i bisogni essenziali della collettività umana che sono il primo motore e l'ultimo fine di ogni moralità".

Prima di chiudere questa pagina voglio precisare che io, Luigi Cascioli, nella convinzione che l'ateismo è uno stato d'essere connaturato in ogni uomo e quindi universale, rifiuto ogni coinvolgimento personale in partiti o ideologie che possano usarlo per scopi politici o individuali.

Per comprendere quale deve essere la posizione di un vero ateo che intende lottare con me per la liberazione dell'umanità da ogni forma di dittatura, è d'uopo sapere che di figure di Gesù costruite dagli uomini ce ne sono due: quella di religioso sostenuta dall'imperialismo cristiano e quella di politico rivoluzionario socialista sostenuta dall'imperialismo comunista.
"LA FAVOLA DI CRISTO", distruggendole entrambe, non può essere sostenuto, di conseguenza, che da chi veramente vuole una società libera da ogni alienazione intellettuale.
Confondere l'ateismo con il comunismo significherebbe sostituire la dittatura di un Dio trascendentale con la dittatura di un Dio uomo che risulterebbe non di certo migliore dell'altra: Stalin ne è stato l'esempio.


Chi sono gli atei


Affermare che l'ateismo, secondo quanto affermano i credenti, "impoverisce l'umanità e ostacola i più grandi beni che sono concessi all'uomo,che sono Dio, l'anima e l'immortalità, e che le cause dirette dell'ateismo sono un'educazione sbagliata, un ambiente perverso, una vita licenziosa", è quanto mai falso e tendenzioso.

I fatti, oltre che le conclusioni che si ottengono dal ragionamento, dimostrano tutto il contrario.
Brandlangh, studioso dei fenomeni sociali, ha scritto che l'Ateismo cosciente permette di raggiungere la felicità umana che viene negata dalle religioni e la vita dei veri atei è più virtuosa perché più libera e più indulgente di quella dei credenti che sono in perenne conflitto con se stessi e con il prossimo a causa di una fede che rende irrazionali i loro comportamenti ( esorcismo, estasi, miracoli, preghiere, penitenze corporali, intolleranza, odio ecc.ecc).

Tra gli atei che hanno combattuto contro l'immoralità delle religioni troviamo le più grandi figure morali della storia, quali Lalande, Helvétius, Berthelot, Kropotkine, Bakounine, Tchernychevsky, Myskline, Shelley, Carlyle, Holcroft, d'Owen, William Morris, Sylvain Maréchal, Laplace e tutta una folla di altri personaggi da tutti riconosciuti modelli di virtù, senza contare quelli che ci vengono da una storia remota come Buddha, Lao-tsèe, Confucio, Socrate, Parmenide, Epicuro, Eraclito, Diogene, Anassagora ecc.ecc. che, pur essendo atei o agnostici, hanno condotto una vita che pu? essere portata come esempio di ci? che socialmente è considerato esemplare e lodabile.

Tutte figure nobili che si contrappongono all'ipocrisia di quella gente devota e pia che riempie le galere di tutto il mondo per misfatti e crimini di ogni sorta, senza parlare della depravazione e del vizio che troviamo tra i rappresentanti delle varie religioni, prima fra queste il cristianesimo la cui storia è infarcita di corruzione, prostituzione e di crimini tra i più efferati dei quali i suoi maggiori rappresentanti, cardinali e papi, ne hanno fatto base della loro vita.

Da una recente inchiesta sul mondo delle carceri è risultato che gli atei che si trovano in prigione, oltre ad essere percentualmente di gran lunga inferiori al numero dei credenti, sono stati condannati non per delitti di natura criminale ma soltanto per reati dipendenti da infrazioni di carattere politico-religioso come manifestazioni anarchiche e la blasfemia che in alcuni stati americani è ancora severamente punita. Gott, attivista politico, eletto deputato ben due volte, è stato punito con un anno di reclusione per aver distribuito volantini nei quali affermava di non riconoscere le leggi di un Dio inesistente. Nonostante che centinaia di filosofi si siano adoperati per dimostrare l'inesistenza di Dio le religioni, purtroppo, continuano a esistere attraverso il plagio che operano sulle masse ottuse.
Dio è morto, ha affermato Nietzsche portando gli argomenti più convincenti sulla sua inesistenza e benché come lui lo abbiano affermato e dimostrato tanti, tanti altri, ancora c'è chi crede ad un essere trascendentale che vive in un mondo che è al di fuori della materia.
Nella convinzione che non sarà mai possibile eliminare l'idea di Dio nella superstizione umana per l'impossibilità che ha la ragione di dimostrare l'inesistenza dell'inesistente, ho deciso di attaccare il cristianesimo, e di conseguenza gli altri due monoteismi che originano dallo stesso Dio, nella sua impostura storica. La storia, a differenza dei concetti filosofici che, per il loro astrattismo, possono essere sempre contrastati dai sofismi teologici, non pu? essere contestata quando si appoggia su documentazioni inconfutabili come nel caso della "FAVOLA DI CRISTO" in cui viene dimostrata in maniera inoppugnabile la non esistenza di Gesù come uomo. Con la distruzione della figura storica di Gesù, di quel "Logos inviato sulla terra per unire la materia al trascendentale, oltre a crollare la figura divina del figlio, si annulla anche quella del Dio Padre che, nel paradosso della Trinità, vengono dichiarate consustanziali.


Lettera aperta al Vaticano

(la bomba)


Uno spretato, convertitosi all'ateismo, mette in ridicolo il Cattolicesimo dimostrando l'assurdità dei dogmi minaccia la Chiesa di mettere in vendita vino trasformato in sangue di Cristo
Prendendo come motivo la chiusura da parte del Vaticano di cinque siti internet per blasfemia, io, Cascioli Luigi, ho iniziato oggi, con la presente lettera inviata all'Osservatore Romano, la guerra già da me annunciata con il mio libro-denuncia "La Favola di Cristo".
Considerando inutile continuare con una lotta basata su teoriche argomentazioni dottrinali, ho deciso di attaccare la Chiesa Cattolica ritorcendo contro di essa, nella forma la più realista e pratica, quelle stesse armi di cui essa si serve per imporre la sua impostura quali sono i suoi sacramenti, in questo caso l'Eucaristia e il Sacerdozio.


Per comprendere la natura della bomba a cui mi riferisco, bomba confezionata insieme a un ex sacerdote, le cui generalità saranno rivelate nel momento opportuno, è necessaria una breve spiegazione su cosa è il Sacerdozio e cosa è il l'Eucaristia.
A differenza degli Ebrei e dei Pagani che considerano il Sacerdozio una carica revocabile perché, potendosi acquisire per eredità o per appropriazione personale, lo fanno dipendere da una decisone umana, per i Cattolici, che lo fanno procedere invece da una chiamata divina (vocazione), assume un carattere eterno.
"Nessuno può appropriarsi di questo nome (sacerdote), ma soltanto chi è chiamato da Dio". (Ebrei V-4).
Come prove portate per dimostrare che i sacerdoti cattolici vengono eletti da Dio, la Chiesa ci porta quei passi dei vangeli che dimostrano come gli apostoli divennero tali non per propria decisione ma per una diretta chiamata di Gesù: "Mentre camminava lungo il mare di Galilea, Gesù vide due fratelli, Andrea e Simone, che gettavano le reti in mare, poiché erano pescatori. E disse loro: <<Seguitemi, perché io vi ho scelto fra tutti per farvi pescatori di uomini >> (pescatori di uomini sta per sacerdoti). Ed essi, lasciate le reti, lo seguirono. Andando un poco oltre, vide sulla barca anche Giacomo di Zebedeo e Giovanni suo fratello mentre riassettavano le reti. Li chiamò. Ed essi, lasciato il loro padre Zebedeo sulla barca con i garzoni, lo seguirono". E così via, via, camminando e guardando a destra e a manca, seguendo il suo fiuto divino di selettore di sacerdoti, scelse e chiamò al suo seguito quei dodici che, dopo un apprendistato di tre anni, divennero, grazie alla discesa dello Spirito Santo, sacerdoti in eterno secondo l'ordine di un certo Melchisedec che nella Bibbia ci viene presentato come il primo sacerdote del Dio altissimo il quale, come precursore dell'istituzione del Sacramento dell'Eucaristia, offrì ad Abramo pezzo pane e un bicchiere di vino.
Infatti la formula che suggella la perpetuità del patto di alleanza tra il Sacerdote e Dio nel momento dell'investitura è: << Tu sei sacerdote in eterno secondo l'ordine di Melchisec>>.
( A titolo informativo dirò che il passo riguardante Melchisedec fu aggiunto alla Bibbia tra il IV e il V dai falsari cristiani per liberare il cristianesimo da ogni dipendenza che gli fosse potuta venire da Aronne, fratello di Mosè, fondatore del sacerdozio ebraico).
Cosa è in realtà il sacerdozio secondo la teologia cattolica? Il sacerdozio secondo la teologia cattolica è un patto basato sulla reciprocità di una fedeltà eterna stipulato tra un uomo prescelto da Dio e Dio stesso nel quale i contraenti si promettono, il primo di svolgere la sua missione sacerdotale nel rispetto della morale evangelica e il secondo di garantire in eterno la Grazia indispensabile per svolgere la sua missione.
Alla domanda che a questo punto sorge spontanea: << Come può la Chiesa parlare di eternità del sacerdozio quando tanti sono i preti che lasciano l'abito talare per abbracciare la vita laica, per seguire un'altra religione, se non addirittura per un rifiuto della fedecristiana in seguito ad una conversione all'ateismo?>>, quale può essere la risposta della Chiesa?
Ebbene, la Chiesa risponde così: "Qualsiasi fosse il motivo per cui un prete rompe il contratto stipulato con Dio, egli rimane sempre e comunque un sacerdote in eterno, secundum ordinem Melchisedec" perché secondo quello che ha detto Gesù nei vangeli, cioè che l'uomo non può sciogliere sulla terra ciò che viene legato nei cieli, non è la parola umana, spesso infedele, a decidere la validità dell'alleanza, ma quella di Dio che rimane immutata in eterno".
Questo concetto teologico confermato da S. Paolo, colonna portante del cristianesimo, nella prima lettera a Timoteo (IV-14): <<La grazia che il vescovo conferisce al sacerdote nell'investitura, non va perduta, anche se rinnegata, potendosi ravvivare per riportare sulla giusta strada colui che l'ha smarrita >>, e ribadita da S. Agostino: <<Il Sacerdozio è un'investitura sacra, permanente e così indelebile da restare nell'anima per sempre come un sigillo>>, viene continuamente convalidato nei testi sacri come in I Timoteo (V/14) e in II Timoteo (6-7), da poter concludere d'accordo con la Chiesa (è la prima volta che mi capita), che "la sacra ordinazione, o investitura del sacerdozio, che si compie con parole e segni esterni, non è un semplice rito di elezione dei ministri della parola e dei sacramenti; molto meno invenzione umana, ma un vero e proprio sacramento istituito da Cristo a conferimento di grazia che infondendo il carattere dello Spirito santo, impedisce al sacerdote di tornare laico, anche se per contrasti sopraggiunti, viene ridotto dalla Chiesa alla condizione laicale".

L'ateismo di un prete non annulla il Sacerdozio

Se l'ateismo non annulla il sacerdozio, di quali mezzi dispone la Chiesa per difendersi da uno spretato il quale, non credendo più ai suoi sacramenti, potrebbe agire contro di essa attraverso forme profanatrici tendenti a dimostrare l'assurdità delle sue verità teologiche come, per esempio, dar da mangiare ai cani del pane da lui (sacerdote eterno) precedentemente trasformato in corpo di Cristo? Praticamente di nessuno. Le uniche armi di cui dispone la Chiesa, che sono la scomunica e la sospensione a divinis, sono assolutamente inefficienti contro delle eventuali rappresaglie che uno spretato potrebbe fare contro di essa.

Scomunica e sospensione a divinis

"La sospensione a divinis è l'interdizione a un sacerdote a svolgere le funzioni ministeriali sacre", cioè l'insieme dei riti che si esprimono attraverso le preghiere, i canti, la recita della messa, l'ascolto dei penitenti che si confessano, la distribuzione delle ostie ai comunicandi ecc, insomma la parte esteriore della religione che si annovera sotto i nomi di liturgia e catechesi.
"La scomunica è una censura che esclude di godere dei diritti e benefici spirituali e temporali derivanti dalla comunione dei fedeli", cioè l'esclusione di un cattolico da tutto ciò che dipende dalla parte esteriore della religione che si esprime con l'espressione "comunione dei fedeli" che è rappresentata appunto "dal godimento dei diritti e benefizi spirituali e temporali derivanti dall'appartenenza alla Chiesa quale società esterna e visibile", come potrebbe essere fare la comunione, confessarsi, partecipare ai riti religiosi, assumere cariche ecclesiastiche, ricevere la pensione da Santa Madre Chiesa, organizzare oratori e circoli cristiani ecc. che sono tutte privazioni che non hanno però nulla a che vedere con l'altra essenza della Chiesa che è la Comunione dei Santi.

Cosa è la comunione dei Santi?

"La comunione dei Santi, rappresentando tutto ciò che è interiore, è la parte spirituale della Chiesa che, fondata sulla fede, rende tutti i fedeli, vivi e defunti, uniti fra loro in Gesù Cristo loro capo, e fa gli uni partecipi dei beni spirituali degli altri." Per spiegare la differenza esistente tra la Comunione dei Fedeli e la Comunione dei Santi prendiamo come esempio un rubino. La lavorazione della pietra, determinata dall'uomo, è la Comunione dei Fedeli, il colore rosso intrinseco alla sua natura, nel quale si identificano tutti i suoi atomi, è la Comunione dei Santi.
L'esclusione dalla comunione dei fedeli, avendo quindi un effetto soltanto esteriore come può essere l'interdizione ai riti religiosi, non può impedire ad uno spretato, qualora lo volesse, di avvalersi, sia pure commettendo per la Chiesa un sacrilegio, delle facoltà che gli sono state concesse (quali celebrare il sacramento dell'Eucaristia e di assolvere i peccati) dallo Spirito Santo attraverso la Grazia che rimane in lui perpetua come un marchio indelebile (colore rosso del rubino). E questo è tanto vero che la stessa Chiesa riconosce che uno spretato, anche se interdetto a confessare perché sospeso a divinis, può assolvere i peccati ai moribondi qualora fosse testimone di un caso estremo come potrebbe essere un incidente stradale.
La Chiesa fu costretta a rendere indipendente la figura del sacerdote dalla figura umana allorché, in seguito al comportamento immorale e spesso ateo dei preti, i fedeli si chiesero se i sacramenti celebrati da essi in stato di peccato o di ateismo erano da considerarsi validi. La conferma della validità del sacerdozio qualunque fosse stato il comportamento dell'uomo, data dal Concilio Lateranense, ricevette opposizione da coloro che, vedendo in essa i gravi pericoli che questa decisione poteva apportare al Cristianesimo, negando ogni ragione di sacerdozio cristiano reagirono confondendo nella stessa persona le due figure (protestanti).
La Chiesa, costretta così a cavalcare la tigre per garantire ai fedeli che le consacrazioni rimangono valide anche se eseguite da un prete in stato di peccato e di ateismo, cerca di sopperire a questa grave lacuna che la rende praticamente impotente verso ogni forma di ritorsione che potrebbe venirgli dagli spretati, dicendo: <<L'esclusione dalla comunione dei fedeli non produce soltanto un effetto puramente esterno, ma anche interiore, perché obbliga la coscienza>>.
Ma ditemi, voi teologi della Chiesa Cattolica, a parte il fatto che questo affidarsi alla coscienza degli spretati è la manifestazione più evidente della vostra debolezza, di quale coscienza parlate? Dell'ateo o del credente? Che significato può avere questo appello alla coscienza quando ognuno la sente secondo la propria moralità e le proprie convinzioni? E se, a questo punto, dovessimo parlare di moralità non credo che la Chiesa abbia molti argomenti per difendere la propria!
D'altronde se la Chiesa dovesse riconoscere nulle tutte le consacrazioni che sono state e vengono ancora celebrate da un clero ateo, ben poche ne risulterebbero valide dal momento che almeno l'ottanta per cento dei preti non crede a Dio. Basta ricordare i Papi Leone X e Paolo III che si dichiararono miscredenti negando l'esistenza di Gesù, Monsignor Propsper Alfaric che dichiara in suo libro di aver celebrato la messa in completo stato di ateismo, il curato d'Etrepigny (FR), Jean Meslier, morto nel 1733, che nel testamento aperto dopo la morte, chiese perdono ai sui parrocchiani per averli portati a credere per tanti anni alle falsità della religione Cristiana per il timore del rogo, e tanti, tanti altri che hanno dichiarato il loro ateismo nel pieno delle loro funzioni sacerdotali.
Quale altra virtù può essere così meritevole di lode quanto il coraggio di uno spretato che, compresa l'immoralità della vostra impostura, usa i poteri che gli avete dato per combattervi con le vostre stesse armi?
Più vi si studia e più vi si conosce e tanto più appare evidente quanto sia grande la vostra fragilità. Soltanto l'aver unito nella stessa persona la figura trascendentale di Dio con quella umana di Gesù Cristo, dimostra la vostra superficialità teologica e tutta la debolezza che avete difeso non con la logica e la ragione, come si dovrebbe nelle ideologie degne di questo nome, ma con il plagio e la violenza delle stragi e dei roghi e continuate a difendere con il ricatto e le rappresaglie, ultima delle quali è stata la chiusura di cinque siti internet a voi contrari. Questa è stata la goccia che, facendo traboccare il mio vaso, mi ha portato alla determinazione di distruggervi.
Se dico che non sono solo in questa lotta contro di voi, non mi riferisco tanto a quei pochi coraggiosi che mi sostengono, ai quali, lascio la piena libertà di decidere se partecipare o no a questa azione, quanto al mio amico spretato (il cui nome sarà fatto nel momento opportuno), che con entusiasmo ha accettato di usare la Grazia eterna e indelebile ricevuta dal vostro Spirito Santo, per unirsi a me per porre fine alla vostra comunione dei fedeli le cui enormi ricchezze (parlo di quelle economiche), e la cui potenza (mi riferisco a quella politica) non ci sono affatto motivo di soggezione e di spavento ma ben sì di risolutezza e d'incoraggiamento tanto da inviarvi, nella maniera più ferma e decisa la seguente diffida: << Al primo sentore che avremo di una qualsiasi repressione operata da voi di siti internet a voi contrari, o di semplici boicottaggi, comincerà la trasformazione di vino in sangue di Gesù Cristo in damigiane e botti i cui luoghi ove esse si troveranno verranno comunicati a voi con e-mail che saranno contemporaneamente inviati a migliaia di cittadini, enti pubblici e privati, compresi i mass media, affinché tutto il mondo ne venga a conoscenza >>.
Sono proprio curioso di vedere come la vostra potenza economica e politica, rappresentata dalla Comunione dei Fedeli, possa riuscire a salvare la fantomatica Comunione dei Santi, allorché le transustanziazioni assumeranno un'ampiezza industriale e il vino, trasformato in sangue di Cristo, del vostro eroe in realtà mai esistito, sarà messo in commercio a due franchi al litro.
Un prete a cui accennai qualche tempo addietro la possibilità di una tale evenienza, dopo essere impallidito dallo spavento, mi rispose che soltanto una persona priva di coscienza avrebbe potuto compiere un simile sacrilegio. Ebbene, se la coscienza è la valutazione morale del proprio agire intesa come criterio supremo della moralità, come osate voi, stirpe di criminali, giudicare le coscienze altrui? Come potete pretendere voi, falsificatori di documenti e travisatori di ogni principio di giustizia, costringerci a rispettare le vostre utopie e le vostre assurdità, prima fra tutte quella di credere che la magia possa trasformare la natura della materia come, nel nostro caso, il vino e il pane nel corpo di un qualcuno che per giunta non è mai nato, mai vissuto e quindi mai morto?
La mia coscienza di ateo, quindi di essere ragionante, che vuole liberare l'umanità dai vostri soprusi, fregandosene altamente dei vostri precetti, mi obbliga ad agire nella maniera più risoluta e definitiva per distruggere la vostra comunione di santi che tanto vi è servita per rendere spudoratamente potente il vostro imperialismo, o come voi lo chiamate comunione di fedeli, derubando, saccheggiando e violentando le masse rese succubi dal terrore delle vostre stragi, dei vostri genocidi, ricatti e ritorsioni.

La guerra ormai è aperta e dichiarata. Da una parte voi con la vostra coscienza e le vostre comunioni di fedeli e di santi, e dall'altra io con la mia coscienza, il mio libro "LA FAVOLA DI CRISTO" e la comunione dei martiri rappresentata da tutte le vostre vittime del passato, quali gli ebrei, i mussulmani, gli eretici e le streghe a cui si uniscono le vittime del presente che vengono quotidianamente uccise dal vostro oscurantismo generatore di fame e di malattie Tutte vittime alle quali mi unisco per gridare insieme a loro: <<Che siate maledetti!>>.

Luigi Cascioli da Bagnoregio, concittadino di S. Bonaventura detto il Serafico.

LA SANTA INQUISIZIONE

Segue l'elenco delle vittime della Chiesa Cattolica che si sono unite a noi nella lotta che stiamo conducendo contro i loro carnefici.
Sono questi i nomi che presto andranno a sostituire, nelle targhe commemorative poste sulle strade e nelle piazze, quelli dei tanti criminali che un imperialismo basato sull'impostura ci ha costretto ad onorare come Santi:


L'Inquisizione, dichiarata Santa da Santa Romana Chiesa come lo sono state le Crociate, anche se nei fatti esisteva già dagli inizi dell'anno 1000, fu ufficialmente riconosciuta e legittimata sotto Papa Gregorio IX nel 1215 allorché la sua gestione fu affidata all'ordine dei domenicani fondato da Domenico da Guzman (anche lui santo) il quale perseguitò gli eretici con un cinismo tale da essere ricordato dalla storia come uno dei più sanguinari carnefici di tutti i tempi.

Qualche cenno esplicativo:

Eretico era considerato chi con scritti o con parole si opponeva alle norme dettate dalla Chiesa.
Abiura: L'abiura era la ritrattazione delle proprie convinzioni, quasi sempre estorta sotto tortura, che un eretico scriveva in forma solenne davanti al consiglio dell'inquisizione. Le abiure a cui era sottoposto un eretico erano sempre due perché alla prima ne doveva seguire per legge una seconda di conferma. Normalmente il tempo che intercorreva tra le due era di un anno.
L'eretico che rifiutava di firmare la seconda abiura, considerato "relapso", cioè eretico irriducibile, veniva bruciato vivo.
Gli argomenti che maggiormente determinarono le eresie furono la Santissima Trinità, la verginità della Madonna e la sua attribuzione di madre di Gesù che fu fortemente contestata da quei credenti che seguitavano a sostenere ciò che era stato affermato nei primi secoli della Chiesa da una gran parte dei teologi i quali ritenevano impossibile che Dio avesse concesso un tale privilegio ad una donna allorché le donne venivano considerate così immonde da essere ritenute prive di anima.
L'altro motivo che determinò gli eretici furono le contestazioni rivolte alla Chiesa per la sua lussuria e la sua ingordigia.
Tra le innumerevoli vittime della Chiesa nel periodo precedente all'avvento dell'Inquisizione istituita da Innocenzo III, rimaste purtroppo nella maggior parte anonime per via di mancanza di documenti, giganteggia la figura di Arnaldo da Brescia bruciato vivo nel 1155 sotto il pontificato di Adriano IV per aver denunciato l'immoralità della Chiesa.
I papi che seguirono Adriano IV (1154-1159), promettendo ai persecutori degli eretici le stesse indulgenze riservate ai crociati, spinsero i cattolici ad eseguire delle vere e proprie stragi come quelle volute da Innocenzo III che si servì delle milizie di Simone de Monfort per distruggere città intere, come Carcassonne, Tolosa e Beziers, perché gli abitanti si erano rifiutati di consegnare i seguaci di Valdo (Valdesi). Soltanto a Beziers furono massacrati oltre 7.000 dei suoi abitanti. Le milizie cattoliche entrarono in queste città e senza curarsi di selezionare gli eretici dai non eretici, eseguirono le carneficine al grido: <<Uccideteli tutti perché Dio saprà poi riconoscere i suoi!>>.
Da ricordare che Innocenzo III nell'ultimo anno del suo pontificato fece votare dal Concilio Lateranense IV una legge che obbligava gli ebrei a vestire di giallo perché fossero sottoposti al pubblico ludibrio... e ci si chiede ancora da dove originino i campi di stermino nazisti!
Sotto il Papa Innocenzo IV, successore di Innocenzo III, le leggi inquisitorie furono confermate e aggravate. Chiunque fosse stato dichiarato eretico veniva automaticamente imprigionato e condannato a morte con la confisca dei beni se non avesse abiurato. Come conseguenza di questa legge, che considerava la confisca del beni, molti furono i figli che furono potati all'infamia di accusare i propri genitori di eresia pur di salvare le proprietà di cui erano eredi.
Delle centinaia di processi terminanti con condanne a morte, l'unico che ci è pervenuto è quello contro Paolo Gioacchino dei Rusconi che fu torturato e bruciato vivo quale relapso.

I nomi dei martiri riportati qui di seguito nei vari pontificati che si susseguirono, essendo tratti dai pochi documenti rimasti, non sono che una minima parte di quanti furono in realtà uccisi da Santa Madre Chiesa. Nell'elenco ci sono anche tre martiri uccisi per aver celebrato la messa da spretati (si trovano sottolineati nei pontificati di Paolo VI - Urbano VIII - Clemente XIII).

Papa Clemente V

Fra Dolcino, per nulla intimorito dalle minacce dell'Inquisizione, si scaglia contro Clemente V accusandolo di immoralità. Ridotto a brandelli il suo corpo viene bruciato al rogo. 13 marzo 1307
Suor Margherita e Frate Longino insieme ad oltre mille seguaci dell'eretico Dolcino, bruciati al rogo. 1307.
Soppressione dei Templari con stragi di massa con "torture inimmaginabili" perché accusati di eresia. Molay, Gran Maestro, fu arso vivo a Parigi dopo anni di atroci torture.

Papa Benedetto XII (beatificato)

Francesco da Pistoia, Lorenzo Gherardi, Bartolomeo Greco, Bartolomeo da Bucciano, Antonio Bevilacqua e altri dieci frati Francescani, arsi vivi per predicare la povertà di Cristo - Venezia 1337.
Stessa sorte a Parma per Donna Oliva anch'essa perché seguace di S. Francesco.

Papa Clemente VI

Migliaia di vittime dell'inquisizione delle quali ci sono pervenuti soltanto i processi di:
Francesco Stabili, detto Cecco d'Ascoli, il quale fu arso vivo per aver detto, a proposito delle tentazione di Gesù, che non è possibile vedere tutta la terra da una montagna per quanto alta fosse stata come veniva affermato da vangelo.
Pietro d'Albano, medico, bruciato vivo perché accusato di stregoneria.
Domenico Savi condannato al rogo come eretico per aver eretto un ospedale senza la benedizione della Chiesa.

Innocenzo VI

Tra le numerose vittime di Santa Madre Chiesa da ricordare i frati Pietro da Novara, Bernardo da Sicilia, Fra Tommaso vescovo d'Aquino e Francesco Marchesino vescovo di Trivento accusati di appartenere ai fraticelli di S.Francesco. Torturati e bruciati vivi.

Gregorio XI

Intere città furono teatro di stragi perché avevano ospitato gli eretici. Nelle piazze di Firenze, Venezia, Roma e Ferrara fu un continuo accendersi di roghi.
Belramo Agosti, umile calzolaio, torturato e bruciato vivo per aver bestemmiato durane una partita a carte: 5 giugno 1382.
Menelao Santori perché conviveva con due donne: 10 ottobre 1387.
Lorenzo di Bologna costretto sotto tortura a confessare di aver rubato una pisside. Reso moribondo dalle torture, fu accompagnato al rogo a colpi frusta. 1 novembre 1388.

Gregorio XII

Dopo il periodo di tregua passato sotto Urbano VI, con Gregorio XII riprendono le stragi e i roghi in una maniera estremamente spietata. La città che fu particolarmente colpita fu Pisa. Un certo giovane di nome Andreani fu torturato e bruciato vivo insieme alla moglie e alla figlia perché aveva osato deridere i Padri Conciliari. I cardinali appartenenti al concilio assistettero in massa alle esecuzioni per il piacere di veder morire insieme alla sua famiglia colui che essi "avevano condannato per solo sentimento di vendetta". 1413.
Jean Hus e Gerolamo da Praga macellati e bruciati vivi per aver detto che la morale del vangelo proibisce ai religiosi di possedere beni materiali. 1414.

Papa Eugenio IV

Giovanna d'Arco, bruciata viva accusata di stregoneria (1431).
Merenda e Matteo, due popolani, bruciati vivi dall'Inquisizione per rendere un favore alle famiglie dei Colonna e dei Savelli delle quali avevano parlato male.
Ripetute stragi in Boemia contro gli Hussidi (seguaci di Jean Hus), per le rimostranze fatte in seguito alla uccisione del loro maestro. Una delle stragi fu eseguita facendo entrare gli Ussidi in un fienile al quale dettero fuoco dopo aver chiuso le porte. Il fatto fu così commentato da uno scrittore cattolico: <<Appena entrati, si chiusero le porte e si appiccò il fuoco; e in tal modo quella feccia, quel rifiuto della razza umana, dopo aver commesso tanti delitti, pagò finalmente tra le fiamme la pena del suo disprezzo per la religione>>.

Ma il peggio verrà allorché la Chiesa dovrà difendersi dall'avvento del Rinascimento.

Papa Sisto IV (Per conoscere l'immoralità di questi papi consultare: www.anti-religions.org , scritto in inglese, francese, italiano).

In Spagna eccelse per la sua crudeltà il domenicano Tommaso Torquemada il quale, confiscando i beni degli accusati di eresia e di stregoneria, era arrivato ad accumulare tante ricchezze da essere temuto dallo stesso Papa che lo obbligò a versargli la metà del bottino. Quando costui arrivava in un paese come inquisitore, la popolazione fuggiva in massa lasciando tutto nelle sue mani.
Nell'impossibilità di elencare tutte le vittime di Torquemada mi limiterò a dire che in 18 anni della sua inquisizione ci furono:
800.000 ebrei allontanati dalla Spagna, con confisca dei beni, sotto pena di morte se fossero restati.
10.200 bruciati vivi.
6.860 cadaveri riesumati per essere bruciati al rogo in seguito a processi (terminati tutti con la confisca dei beni) celebrati "post mortem" (dopo la morte).
97.000 condannati alla prigione perpetua con confisca delle proprietà.
E intanto che Torquemada faceva il macellaio in Spagna, a Roma l'inquisizione accendeva roghi in tutte le sue piazze per bruciare gli eretici i cui patrimoni venivano automaticamente requisiti per conto del Papa dalla confraternita di San Giovanni Decollato.

Papa Alessandro VI

Gerolamo Savanarola bruciato vivo in Piazza della Signoria a Firenze. 23 maggio 1498 insieme ai suoi due suoi discepoli Domenico da Pescia e Sivestro da Firenze.
Tre ebrei arsi vivi in campo dei Fiori a Roma. 13 gennaio 1498
Gentile Cimeli, accusata di stregoneria arsa viva a campo dei Fiori 14 luglio 1498
Marcello da Fiorentino arso vivo in piazza S. Pietro. 29 luglio 1498.

Giulio II

4 donne giustiziate per stregoneria a Cavalese (Trento). 1505.
Diego Portoghese impiccato per eresia. 14 ottobre 1606.
30 persone bruciate vive a Logrono (Spagna) per stregoneria.
Fra Agostino Grimaldi giustiziato per eresia. 6 agosto. 1507
15 cittadini romani massacrati dalle guardie svizzere per eresia.1513.
Orazio e Giacomo di Riffredo, giustiziati per eresia. 30 aprile 1513.

Leone X (Il Papa che ha dichiarato la non esistenza di Cristo)

30 donne accusate di stregoneria arse vive a Bormio. 1514.
Martino Jacopo giustiziato per eresia a Vercelli. 18 febbraio 1517.
80 donne bruciate vive in Valcamonica per stregoneria. 1518.
5 eretici arsi vivi a Brescia. 13 aprile 1519.
Baglione Paolo da Perugia decapitato per eresia alla Traspontina. 4 giugno 1520.
Fra Camillo Lomaccio, Fra Giulio Carino, Leonardo Cesalpini strangolati in carcere per eresia.
8 luglio 1520.

Clemente VII

Anna Furabach, giustiziata per eresia. 9 maggio 1524.
Migliaia di protestanti Anabattisti decapitati, arsi vivi, annegati e torturati a morte. 1525.
Una donna accusata di stregoneria arsa viva in Campidoglio. 30 settembre 1525
Claudio Artoidi e Lerenza di Pietro giustiziati per eresia. 16 maggio 1526.
Rinaldo di Colonia giustiziato per eresia. 26 agosto 1528.
Lorenzo di Gabriele da Parma e Tiberio di Giannantonio torturati e giustiziati per eresia. 9 sett. 1528.
Berrnardino da Palestrina Burciato vivo per eresia. 20 novembre 1529.
Giovanni Milanese bruciato vivo per eresia. 23 novembre 1530.

Paolo III (Un altro Papa ateo che ha affermato la non esistenza di Cristo. Gli altri lo sanno come lui ma non li dicono).

Uccisi tutti gli abitanti della città di Mérindol (Francia) per aver abbracciato la fede dei protestanti Evangelici. I loro beni furono confiscati e la città rimase deserta e inabitabile.1540.
Tutti gli Anabattisti della città di Munster (Germania) furono massacrati. Giovanni di Leida, loro capo, fu ucciso dopo essere stato sottoposto "a orrendo supplizio". 4 aprile 1535.
Martino Govinin giustiziato nelle carceri di Grenoble. 26 aprile 1536.
Francesco di Giovanni di Capocena ucciso per eresia. 1538.
Ene di Ambrogio giustiziato per eresia. 1539.
Galateo di Girolamo giustiziato nelle carceri dell'Inquisizione per eresia. 17 gennaio 1541.
Giandomenico dell'Aquila. Eretico, bruciato vivo. 4 febbraio 1542.
Federico d'Abbruzzo ucciso per eresia. Il suo corpo fu portato al supplizio trascinato da un cavallo. Quello che rimase del suo corpo fu appeso alla forca. 12 luglio 1542.
2.740 Valdesi furono massacrati dai cattolici in Provenza (Francia). Aprile 1545.
Girolamo Francese impiccato perchè luterano. 27 settembre 1546.
Baldassarre Altieri, dell'Ambasciat inglese, fatto sparire nelle carceri dell'Inquisizione. 1548
Federico Consalvo, eretico, giustiziato. 25 maggio 1549.
Annibale di Lattanzio giustiziato per eresia. 25 maggio 1549.

Giulio III

Fanino Faenza impiccato e briciato per eresia. 18 febbraio 1550.
Domenico della Casa Bianca, luterano. Decapitato. 20 febbraio 1550.
Geronimo Geril Francese, Impiccato per eresiae poi squartato. 20 marzo 1550.
Giovanni Buzio e Giovanni Teodori, impiccati e bruciati per eresia. 4 settembre 1553.
Francesco Gamba, decapitato e briciato vivo per eresia. 21 lugio 1554.
Giovanni Moglio e Tisserando da Perugia, luterani. Impiccati e bruciati vivi. 5 settembre 1554.

Paolo IV

Istituzione del Ghetto a Roma con restrizioni contro gli ebrei ancor più severe del ghetto di Venezia.
Cola Francesco di Salerno, giustiziato per eresia. 14 giugno 1555
Bartolomeo Hector, bruciato vivo per aver venduto due Bibbie. 20 giugno 1555.
Golla Elia e Paolo Rappi, protestanti, bruciati vivi a Torino. 22 giugno 1555.
Vernon Giovanni e Labori Antonio, evangelisti, bruciati vivi. 28 agosto 1555.
Stefano di Girolamo, giustiziato per eresia. 11 gennaio 1556.
Giulio Napolitano, bruciato vivo per eresia. 6 marzo 1556.
Ambrogio de Cavoli, impiccato e bruciato per eresia. 15 giugno 1556.
Don Pompeo dei Monti, bruciato vivo per eresia. 4 luglio 1556.
Pomponio Angerio, bruciato vivo per eresia. 19 agosto 1556.
Nicola Sartonio, luterano, bruciato vivo. 13 maggio 1557.
Jeronimo da Bergamo, Alessandra Fiorentina e Madonna Caterina, impiccati e bruciati per
omosessualità. 22 dicembre 1557.
Fra Gioffredo Varaglia, francescano, bruciato vivo per eresia. 25 marzo 1558.
Gisberto di Milanuccio, eretico, bruciato vivo. 15 giugno 1558.
Francesco Cartone, eretico, bruciato vivo. 3 agosto 1558.
14 protestanti bruciati vivi a Siviglia in Spagna. 1559.
15 protestanti bruciati vivi a Valadolid in Spagna. 1559.
Gabriello di Thomaien, bruciato vivo per omosessualità. 8 febbraio 1559.
Antonio di Colella arso vivo per eresia. 8 febbraio 1559.
Leonardo da Meola e Giovanni Antonio del Bò, impiccati e bruciati per eresia. 8 febbr.1559.
13 eretici più un tedesco di Augsburg accusato di omosessualità arsi vivi. 17 febbraio 1559.
Antonio Gesualdi, luterano, giustiziato per eresia. 16 marzo 1559.
Ferrante Bisantino, eretico, arso vivo.24 agosto 1559.
Scipione Retio, eretico, uccico nelle carceri della Santa Inquisizione. 1559.

Papa Pio IV

I monaci dell'Abazia di Perosa (Pinerolo) si divertirono a briciare vivi a fuoco lento un prete evangelico insieme ai suoi fedeli. Dicembre 1559.
Carneficina di Valdesi in Calabria per opera di bande di delinquenti assoldate da Santa Madre Chiesa (uomini, donne, vecchi e bambini atrocemente torturati prime di essere uccisi su diretto ordine del Papa). Dicembre 1559.
"A Santo-Xisto, alla Guardia, a Montalto e a Sant'Agata si fecero cose inaudite: gente sgozzata, squartata, bruciata e orrendamente mutilata. Pezzi di resti umani furono appesi alle porte delle case come esempio alle genti. Quelli che fuggirono sulle montagne furono assediati fino a che morirono di fame. Molte donne e fanciulli furono ridotti in schiavitù". I559. (Da "La Santa Inquisizione di Maurizio Marchetti. Ed. La Fiaccola).
4000 valdesi massacrati su ordine di Santa Madre Chiesa. 1560.
Giulio Ghirlanda, Baudo Lupettino, Marcello Spinola, Nicola Bucello, Antonio Rietto, Francesco Sega, condannati a morte perchè sorpresi a svolgere una funzione religiosa in una casa privata officiante la messa uno spretato. 1560.
Giacomo Bonello, bruciato vivo perché evangelista. 18 febbraio 1560.
Mermetto Savoiardo, eretico, arso vivo. 13 agosto 1560.
Dionigi di Cola, eretico, bruciato vivo. 13 agosto 1560.
Aloisio Pascale, evangelista, impiccato e bruciato. 8 settembre 1560.
Gian Pascali di Cuneo, bruciato vivo per eresia. 15 settembre 1560.
Stefano Negrone, eretico, lasciato morire di fame nelle prigioni della Santa Inquisizione.
15 settembre 1560.
Stefano Morello, eretico, impiccato e bruciato. 25 settembre 1560.
Bernardino Conte, bruciato vivo per eresia. 1560.
300 persone a Oppenau, 63 donne a Wiesensteig e 54 a Obermachtal in Gemania, bruciate vive per stregoneria. 1562.
Macario, vescovo di Macedonia, eretico, bruciato vivo. 10 giugno 1562.
Cornelio di Olanda, eretico, impiccato e bruciato. 23 g3nnaio 1563.
Franceso Cipriotto, inpiccato ebruciato per eresia. 4 settembre 1564.
Giulio Cesare Vanini, panteista, bruciato vivo dopo avergli strappato la lingua.
Giulio di Grifone, eretico, giustiziato.

Pio V (elevato dalla Chiesa agli onori degli altari).

Con bolla papale viene imposta a Roma la chiusura di tutte le sinagoghe.
Muzio della Torella, eretico, giustiziato. 1 marzo 1566.
Giulio Napolitano, eretico, bruciato vivo. 6 marzo 1566.
Don Pompeo dei Monti, decapitato per eresia. 3 luglio 1566.
Curzio di Cave, francescano, decapitato per eresia. 9 lugio 1566.
17.000 (diciassettemila) protestanti massacrati nelle Fiandre da cattolici spagnoli.
Giorgio Olivetto arso vivo perché luterano. 27 gennaio 1567.
Domenico Zocchi, ebreo, impiccato e bruciato a Piazza Giudia nel Ghetto di Roma. 1 febbraio 1567.
Girolamo Landi, impiccato e bruciato per eresia.. 25 febbraio 1567.
Pietro Carnesecchi, impiccato e bruciato per eresia. 30 settembre 1567.
Giulio Maresco, decapitato e arso per eresia. 30 settembre 1567.
Paolo e Matteo murato vivo per eresia. 30 sett.1567.
Ottaviano Fioravanti, murato vivo per eresia. 30 sett. 1567. .
Giovannino Guastavillani, eretico, murato vivo. 30 settembre 1567.
Geronimo del Puzo, murato vivo per eresia. 30 settembre 1567.
Gerolamo Donato con altri suoi confratelli dell'Ordine degli Umiliati, vengono giustiziati su ordine di Carlo Borromeo (santo), vescovo di Milano, dopo lunghe ore di torture, per eresia. 2 agosto 1570.
Macario Giulio da Cetona, decapitato e bruciato per eresia. 1 ottobre 1567.
Lorenzo da Mugnano, impiccato e bruciato per eresia. 10 maggio 1668.
Matteo d'Ippolito, impiccato e bruciato per eresia. 10 maggio 1568.
Francesco Stanga, impiccato e bruciato per eresia. 10 maggio 1568.
Donato Matteo Minoli, lasciato morire nelle carceri dopo avergli rotto le ossa e bruciato i piedi. 27 maggio 1568.
Francesco Castellani, eretico, impiccato. 6 dicembre 1568.
Pietro Gelosi, eretico, impiccato e bruciato. 6 dicembre 1568
Marcantonio Verotti, eretico, impiccato e bruciato. 6 dicembre 1568.
Luca di Faenza, eretico, bruciato vivo. 28 febbraio 1568.
Borghesi Filippo, decapitato e bruciato per eresia. 2 maggio 1569.
Giovanni dei Blasi, impiccato e bruciato per eresia. 2 maggio 1569.
Camillo Ragnolo, impiccato e bruciato per eresia. 25 maggio 1569.
Fra Cellario Francesco, impiccato e bruciato per eresia. 25 maggio 1569.
Bartolomeo Bartoccio, bruciato vivo per eresia. 25 maggio 1569.
Guido Zanetti, murato vivo per eresia. 27 maggio 1569.
Filippo Porroni, eretico luterano, impiccato. 11 febbraio 1570.
Gian Matteo di Giulianello, giustiziato per eresia. 25 febbraio 1570.
Nicolò Franco, impiccato per aver deriso il papa con degli scritti. Impiccato. 11 marzo 1570.
Giovanni di Pietro, eretico, impiccato e bruciato. 13 maggio 1570.
Aolio Paliero, eretico, impiccato e bruciato su espreso desiderio di Papa Pio V (santo).3 luglio1570.
Fra Arnaldo di Santo Zeno, eretico, bruciato vivo. 4 novembre 1570.
Don Girolamo di Pesaro, Giovanni Antonio di Jesi e Pitro Paolo di Maranzano, giustiziati per eresia. 6 ottobre 1571.
Francesco Galatieri, pugnalato a morte dai sicari pontifi perché eretico. 5 gennaio 1572.
Madonna Dianora di Montpelier, eretica, impiccata e bruciata. 9 febbraio 1572.
Madonna Pellegrina di Valenza, eretica impiccata e bruciata. 9 febbraio 1972.
Madonna Girolama Guanziana, eretica impiccata e bruciata. 9 febbraio 1572
Madonna Isabella di Montpelier, eretica impiccatae bruciata. 9 febbraio 1572.
Domenico della Xenia, eretico impiccato e bruciato. 9 febbraio 1572.
Teofilo Penarelli, eretico impiccato e bruciato. 22 febbraio 1572.
Alessandro di Giulio, eretico impiccato e bruciato.

Gregorio XIII

Alessandro di Giulio, impiccato e bruciato per eresia. 15 marzo 1572.
Giovanni di Giovan Battista, impiccato e bruciato perchè eretico. 15 marzo 1572.
Girolamo Pellegrino, impiccato e bruciato per eresia. 19 luglio 1572.
10.000 (diecimila) eretici massacrati in Francia per ordine del Papa (strage degli Ugonotti- Notte di S. Bartolomeo). 24 agosto 1572.
500 eretici massacrati in Croazia per ordine del vescovo cattolico Juraj Draskovic. 1573.
Nicolò Colonici eretico impiccato e bruciato.
Giovanni Francesco Ghisleri, strangolato nelle carceri dell'Inquisizione. 25 ottobre del 1574.
Alessandro di Giacomo, arso vivo. 19 novembre 1574.
Benedetto Thomaria, eretico bruciato vivo. 12 Maggio 1574.
Don Antonio Nolfo, eretico giustiziato. 29 luglio 1578.
Giovanni Battista di Tigoni, eretico giustiziato. 29 lugio 1578.
Baldassarre di Nicolò, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578.
Antonio Valies de la Malta, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578.
Francesco di Giovanni Martino, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578.
Bernardino di Alfar, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578.
Alfonso di Poglis, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578.
Marco di Giovanni Pinto, eretico impiccato e bruciato.13 agosto 1578.
Girolamo di Giovanni da Toledo, eretico impiccato e bruciato 13 agosto 1578.
Gasparre di Martino, eretico impiccato e bruciato. 13 agosto 1578.
Fra Clemente Sapone, eretico impiccato e bruciato. 29 novembre 1578.
Pompeo Loiani, eretico impiccato e briciato. 12 giugno 1579.
Cosimo Tranconi, eretico impiccato e bruciato. 12 giugno 1579.
222 (duecentoventidue) ebrei bruciati al rogo per ordine della Santa Inquisizione. 1558.
Salomone, ebreo impiccato per aver rifiutato il battesimo. 13 marzo 1580.
Un inglese bruciato vivo per aver offeso un prete. 2 agosto 1581.
Diego Lopez, bruciato vivo per eresia. 18 febbraio 1583.
Domenico Danzarelli, impiccato e bruciato per eresia. 18 febbraio 1583.
Prospero di Barberia, eretico impiccato e bruciato. 18 febbraio 1583.
Gabriello Henriquez, bruciato vivo per eresia. 18 febbraio 1583.
Borro d'Arezzo, bruciato vivo per eresia. 7 febbraio 1583.
Ludovico Moro, eretico arso vivo. 10 lugio 1583.
Fra Camillo Lomaccio, Fra Giulio Carino, Leonardo di Andrea strangolati nel carcere di Tor Nona per eresia. 23 luglio 1583.
Lorenzo Perna, arrestato per ordine del cardinale Savelli per eresia, si ignora la sua fine. 16 giugno
1584.
<<La Signora di Bellegard>>, arrestata per eresia, si ignora la sua fine. ottobre 1584.
Giacomo Paleologo, decapitato e bruciato. 22 marzo 1585.
I fratelli Missori decapitati per aver espresso il diritto alla libertà di stampa. Le loro teste furono lasciate in esposizione al pubblico. 22 marzo 1585.
(Il corpo di Gregorio XIII, di questo carnefice, viene onorato e riverito dai cattolici nella sua monumentale tomba in S.Pietro a Roma).

Papa Sisto V

Questo Papa fece impiccare uno spagnolo per aver ucciso con una bastonata un soldato svizzero che lo aveva ferito con l'alabarda.
Respinta la richiesta di sostituire la forca con la mannaia, Sisto V assisteva giosamente alle esecuzioni facendosi portare da mangiare perchè "questi atti di giustizia gli accrescevano l'appetito". Dopo l'esecuzione di una sentenza disse: << Dio sia benedetto per il grande appetito con cui ho mangiato>>.
Pietro Benato, arso vivo per eresia. 26 aprile 85.
Pomponio Rustici, Gasparre Ravelli, Antonio Nantrò, Fra Giovanni Bellinelli, impiccati e
bruciati vivi per eresia. 5 agosto 1587.
Vittorio, conte di Saluzzo, giustiziato per eresia. 9 dicembre 1589.
Valerio Marliano, eretico impiccato e bruciato. 16 febbraio 1590.
Don Domenico Bravo, decapitato per eresia. 30 marzo 1590.
Fra Lorenzo dell'Aglio, impiccato e bruciato.13 aprile 1590.

Gregorio XIV

Fra Andrea Forzati, Fra Flaminio Fabrizi, Fra Francesco Serafini, impiccati e bruciati.
6 febbraio 1591.
Giovanni Battista Corobinacci, Giovanni Antonio de Manno Rosario, Alexandro d'Arcangelo, Fulvio Luparino, Francesco de Alexandro, giustiziati. Giugno 1590.
Giovanni Angelo Fullo, Giò Carlo di Luna, Decio Panella, Domenico Brailo, Antonio Costa, Fra Giovanni Battista Grosso, l'Abate Volpino, insieme ad altri seguaci di Fra Girolamo da Milano, arrestati dalla Santa Inquisizione, si ignora la loro fine... 1590.
( Totto questo in un solo anno di Santo Pontificato!).

Clemente VIII

Giordano Bruno, bruciato vivo per eresia il 17 febbraio 1600.
Quattro donne e un vecchio bruciate vive per eresia. 16 febbraio 1600.
Francesco Gambonelli, eretico arso vivo. 17 febbraio 1594.
Marcantonio Valena e un altro luterano, arsi vivi. agosto 1594.
Graziani Agostini, eretico impiccato e bruciato. 1596.
Prestini Menandro, eretico impiccato ebruciato. 1596.
Achille della Regina, se ne ignora la fine. Giugno 1597.
Cesare di Giuliano, eretico impiccato e bruciato. 1597.
Damiano di Francesco, eretico impiccato e bruciato. 1597.
Baldo di Francesco, impiccato e bruciato per eresia. 1957.
De Magistri Giovanni Angelo, eretico impiccato e bruciato.1597.
Don Ottavio Scipione, eretico, decapitato e bruciato.1597.
Giovanni Antonio da Verona e Fra Celestino, eretici bruciati vivi. 16 settembre 1599.
Fra Cierrente Mancini e Don Galeazzo Porta decapitati per eresia. 9 novembre 1599.
Maurizio Rinaldi, eretico bruciato vivo. 23 febbraio 1600.
Francesco Moreno, eretico impiccato e bruciato. 9 giugno 1600.
Nunzio Servandio, ebreo impiccato. 25 giugno 1600.
Bartolomeo Coppino, luterano arso vivo. 7 aprile 1601.
Tommaso Caraffa e Onorio Costanzo eretici decapitati e bruciati. 10 maggio 1601.

Papa Paolo V

Giovanni Pietro di Tunisi, impiccato e bruciato. 1607.
Giuseppe Teodoro, eretico impiccato e bruciato. 1609.
Felice d'Ottavio, eretico impiccato e bruciato. 1609.
Rossi Francesco, eretico impiccato e bruciato. 1609.
Antonio di Jacopo, eretico impiccato e bruciato. 1609.
Fortunato Aniello, eretico impiccato e bruciato. 1609.
Vincenti Pietro, eretico impiccato e bruciato. 1609.
Umberto Marcantonio, eretico impiccato e bruciato. 1609.
Fra Manfredi Fulgenzio, eretico impiccato e bruciato. 1610.
Lucarelli Battista, eretico impiccato e bruciato. 1610.
Emilio di Valerio, ebreo, impiccato e bruciato. 1610.
Don Domenico di Giovanni, per essere passato dal cristianesimo all'ebraismo, impiccato. 1611.
Giovanni Milo, luterano impiccato. marzo 1611.
Giovanni Mancini, per aver celebrato la messa da spretato impiccato e bruciato. 22 ottobre 1611
Jacopo de Elia, ebreo impiccato e bruciato. 22 gennaio 1616.
Francesco Maria Sagni, eretico impiccato e bruciato. 1 luglio 1616.
Arrestato un negromante zoppo, arso vivo per stregoneria. 1617.
Lucilio Vanini, arso vivo per aver messo in dubbio l'esistenza di Dio. 17 febbraio 1618.
Migliaia di eretici trucidati dai cattolici nei Grigioni in Valtellina. 1620.
(La Chiesa, rimasta nella convinzione che in Valtellina ci siano ancora tendenze religiose eretico-pagane, mantiene tutt'oggi la regione sotto controllo tramite la "Missione Rezia", affidata ai cappuccini, dipendenti direttamente da "Propaganda Fidei") ... e il Santo Padre Gian Paolo II chiede perdono!!!

Urbano VIII

Galileo Galilei, torturato e condannato al carcere perpetuo quale eretico per aver affermato che la Terra gira intorno al Sole. 1633.
Ferrari Ambrogio, eretico impiccato. 1624.
Donna Anna Sobrero, morta di peste in carcere dove era stata condannata a vita. 1627. (nei mesi che seguirono, tutti coloro che passarono per quel carcere, morirono di peste).
Frate Serafino, eretico, inpiccato e bruciato. 1634.
Giacinto Centini, decapitato per aver offeso la sovranità papale. 1635.
Fra Diego Giavaloni, eretico impiccato e bruciato. 1635.
Alverez Ferdinando, bruciato vivo per essersi convertito all'ebraismo. 19 marzo 140.
Policarpo Angelo, impiccato ebruciato per aver celebrato la messa da spretato. 19 maggio 1642.
Ferrante Pallavicino, eretico impiccato e bruciato. 1644.
Fra Camillo d'Angelo, Ludovico Domenico, Simone Cossio, Domenico da Sterlignano, giiustiziati per eresia. 1644.

Papa Innocenzo X

Brugnarello Giuseppe e Claudio Borgegnone, impiccati e bruciati per aver falsificato alcune lettere apostoliche. 1652. ( Se questo Papa applicò in prevaleza condanne di carceri a vita ciò dipese dal fatto che in quegli anni ricorreva l'anno Santo).

Papa Alessandro II

Fello Giovanni, sacerdote, decapitato per eresia. 1657.
1.712 Valdesi massacrati dai cattolici nelle Valli Alpine. 1655.

Papa Innocenzo XI (santificato)

20 ebrei condannati al rogo. 1680.
Vincenzo Scatolari, per aver esercitato la professione di giornalista senza autorizzazione di Santa Madre Chiesa. Decapitato. 2 agosto 1685.
2.000 (duemila) Valdesi massacrati dai cattolici nelle Valli Alpine per ordine diretto del Papa. Maggio 1686.
24 protestanti uccisi dai cattolici a Pressov in Slovacchia. 1687.

Papa Innacenzo XII

Martino Alessandro, morto in carcere per torura. 3 maggio 1690.
37 ebrei bruciati vivi. 1691. (poi si cercano le cause che hanno generato l'antisemitismo!).
Antonio Bevilacqua e Carlo Maria Campana, cappuccini, decapitati perchè seguaci del Quietismo di Molinos. 26 marzo 1695.

Clemente XI

Filippo Rivarola, portato al patibolo in barella per le torture ricevute, decapitato. 4 agosto 1708.
Spallaccini Domenico, impiccato e bruciato per aver bestemmiato a causa di un colpo di alabarda ricevuta da una guardia papalina. 28 luglio 1711.
Gaetano Volpini, decapitato per aver scritto una poesia contro il Papa. 3 febbraio 1720.

Clemente XII

Questo Papa, ripristinando la "mazzolatura" (rottura delle ossa a colpi di bastone), si dimostrò uno dei più cinici sostenitori dell'arte della tortura.
Pietro Giarinone, filosofo e storico, morì sotto tortura per aver sostenuto la supremazia del re sulla curia romana. 24 marzo 1736.
Enrico Trivelli, decapitato per aver scritto frasi di rivolta contro il Papa. 23 febbraio 1737.
Le numerose vittime di questo Papa sono rimaste sconosciute perchè egli peferiva più uccidere sotto tortura nella carceri dell'Inquisizione che giustiziarle nelle pubbliche piazze.

L'EUROPA COMINCIA A RISENTIRE DEL BENFICO EFFETTO DELL'ILLUMINISMO CHE SI MANIFESTA LIMITANDO L'ALTERIGIA DELLA CHIESA CHE RIDUCE LE SUE PERSECUZIONI RELIGIOSE ORINTANDOSI VERSO DELITTI POLITICI, CRIMINI COMUNI OPPURE REATI RIGUARDANTI GLI ORDINAMENTI INTERNI ECCLESIASTI. QUELLO CHE PER LEI CONTA SOPRA OGNI COSA È L'IMPORRE IL SUO POTERE ATRAVERSO IL TERRORE.

Clemente XIII

Tommaso Crudeli, condannato al carcere a vita per massoneria. 2 agosto 1740.
Giuseppe Morelli, impiccato per aver celebrato l'Eucaristia da spretato. 22 agosto 1761.
Carlo Sala, eretico, giustiziato. 25 settembre. 1765. (Carlo Sala è l'ultimo martire ucciso dalla Chiesa per eresia).
I massacri, non più di carattere religioso, continuarono contro i cospiratori politici, i giornalistI e tutti quei progressisti che intendevano rovesciare l'immoralità dell'oscurantismo religioso attraverso una rivoluzione armata.
Le atrocità furono come nel passato. Tagli di teste, torture con mazzolature, impiccaggioni e sevizie che spesso portavano allo squartamento degli accusati.
Pur di mantenere il terrore venivano puniti di morte anche i delitti meno gravi come i semplici furti.

Pio VI

Nei suoi quattro anni di pontificato ci furono soltanto cinque esecuzioni capitali per reati comuni, anche se la sua lotta si intensificò aspramente contro gli ebrei che furono costretti, tra le tante umiliazioni e minacce che subiro, a indossare vestiti di colore giallo perchè fossero pubblicamente oltraggiati.

Pio VII

Gregorio Silvestri, impiccato per cospirazione politica. 18 gennaio 1800.
Ottavio Cappello, impiccato perchè patriota rivoluzionario. 29 gennaio 1800.
Giovanni Battista Genovesi, patriota squartato e bruciato. La sua testa fu esposta al pubblico. 7 febbr. 1800.
Teodoro Cacciona, impiccato e squartato per furto di un abito ecclesiastico. 9 febbraio 1801.
Paolo Salvati, impiccato e squartato per aver derubato un corriere del Papa. 11 dicembre 1805.
Bernardo Fortuna, impiccato e squartato per furto ai danni di un corriere francese. 22 aprile 1806.
Tommaso Rotilesi, impiccato per aver ferito un ufficiale francese.
161 furono le esecuzioni capitali per reati comuni nei 15 anni del pontificato di questo vice Dio in terra che prese il mite e devoto nome di Pio.

Leone XII

Leonida Montanari, decapitato per aver offeso pubblicamente il Papa. 23 novembre 1825.
Angelo Targhini, decapitato per aver ferito una spia papalina. 23 novembre 1825.
Luigi Zanoli, decapitato per aver ucciso uno sbirro papalino. 13 maggio 1828.
Angelo Ortolani, impiccato per aver ucciso guardia papalina. 13 maggio 1828.
Gaetano Montanari, squartato per tentato omicidio dell'emissario papalino Rivolta. 1828
Gaetano Rambelli, impiccato per aver ferito emissario papalino. 1828.
Le esecuzioni capitali, oltre queste sopra elencate, furono 29 e sempre per reati comuni.

Pio VIII

In un anno di Pontificato eseguì 13 condanne capitali per reati comuni.

Gregorio XVI

Impose divieto assoluto ad ogni libertà di parola o di espressione scritta che non seguisse i dettami di Santa Madre Chiesa. Dietro le minacce più gravi obbligò gli ebrei di non esercitare nessuna attività fuori del Ghetto.
Giuseppe Balzani, decapitato per offese la Papa. 14 maggio 1833.
Luigi Scopigno, decapitato per furto di oggetti sactri. 21 luglio 1840.
Pietro Rossi, decapitato per piccolo furto. 9 gennaio 1844.
Luigi Muzi, decapitato per piccolo furto. 19 gennaio 1844.
Giovanni Battista Rossi, decapitato per piccolo furto. 3 agosto 1944.
Oltre a queste ci furono sotto il pontificato di questo Santo Padre altre 110 condanne a morte per reati comuni. La descrizione dei moltissimi decapitati, impiccati e squartati dall'Inquisizione sotto Gregorio XI è riportata in un libri scritto da Mastro Titta.

Pio IX (santificato da Gian Paolo II, chiamato metro cubo di merda da Garibaldi)

Romolo Salvatori, decapitato per aver consegnato ai Garibaldini l'Arciprete di Anagni.

10 settembre 1851.
Gustavo Paolo Rambelli, Gustavo Marloni, Ignazio Mancini, decapitati per aver ucciso tre preti.

24 gennaio 1854.
Antonio de Felici, decapitato per aver attentato al Cardinale Antonelli.

Per comprendere la criminalità di questo Papa (santo), basta dire che quando i patrioti dell'unificazione italiana entrarono nelle carceri pontificie per liberare alcune decine di prigionieri che vi vivevano incatenati da così lungo tempo da aver perso la vista e l'uso delle gambe, trovarono in quei sotterranei mucchi di scheletri e di cadaveri in decomposizione in un misto di tonache di frati e di monache, di vestiti civili di uomini e di donne, divise militari e scarpe come quando furono liberati i campi di sterminio nazisti. Vi furono trovati anche giocattoli di bambini morti insieme ai loro genitori.
SE QUESTI SONO I SANTI, CHI SONO ALLORA I DEMONI?

Cambiato il nome alla Santa Inquisizione con quello della Santa Penitenzieria in seguito all'occupazione di Roma da parte dell'esercito italiano, per tutto il XIX secolo, anche se in forma non cruenta, Santa madre Chiesa, facendosi politicamente forte per l'autorità spirituale che gli veniva dalla massa credula e ottusa che gli era rimasta fedele (cosa che purtroppo ancora esiste tutt'oggi) continuò comunque a imporre la sua autorità religiosa su quella politica ricorrendo ancora all'abiura e alla scomunica con conseguenti rivalse e castighi temporali che usa tuttora e che noi ben conosciamo (la chiusura dei cinque siti internet ne è un esempio).
Una delle ultime abiure eseguite da Santa Madre Chiesa, è stata quella che fu imposta a mio nonno Luigi Cascioli, Ingegnere e Architetto che, come sindaco di Roccalvecce, Sipicciano e Montecalvello, per evitare le conseguenze che avrebbe portato a lui e a tutta la sua famiglia una scomunica, fu costretto ad "abiurare" la fedeltà giurata al Governo Italiano per giurare fedeltà a "Santa Madre Chiesa"

Le due abiure: la prima del 1989 e la seconda del 1890
" In nome di Dio. Così sia.
Io sottoscrritto con la presente dichiaro di ritrattare, come sinceramente ritratto nel senso voluto dalla S. Penitenzieria l'iilecito giuramento da me al governo prestato in occasione che assunsi l'uffico di Sindaco di Roccalvecce, diocesi di Bagnorea, e prometto nell'esercizio del medesimo di astenermi da ogni atto contrario alla legge di Dio e della Chiesa e di riparare allo scandalo* dato. "

Bagnorea lì 5 agosto 1889

Fotocopia: l'originale è conservato presso gli archivi della diocesi di Bagnoregio

(* Lo scandalo è l'aver giurato fedeltà al Governo).

Come si vede, la S. Penitenzieria, seguendo le stesse leggi dell'Inquisizione, costringeva l'eretico a una seconda abiura confermante la prima per accertarsi che non fosse relapso, cioè ricaduto nell'errore.
La differenza nella punizione che c'era tra relapso e pentito consisteva nel fatto che il primo veniva bruciato vivo mentre il secondo dopo assere stato giustiziato.
Se il giuramento di fedeltà al Goveno fosse stato prestato soltanto un secolo prima, ora avremmo Luigi Cascioli tra gli eretici giustiziati e bruciati.
La Chiesa, che ha sempre negato le esecuzioni dell'Inquisizione, non potendo più tenerle nascoste dopo che alcuni laici riuscirono a consultare gli archivi segreti del Vaticano, ha cercato di scaricare ogni responsabilità ai tribunali civili. Portando come giustificazione il fatto che la morale cristiana non avrebbe mai potuto compiere ciò di cui era accusata perché è stata sempre contro le condanne a morte, la Chiesa di Cristo non ha fatto che dimostrare ancora una volta quanto le sia congenita la spudoratezza di sostenere il falso.
"Chiedo perdono per ciò che i nostri predecessori hanno fatto, tenendo però presente che una parte della responsabilità va anche sulle loro vittime che li costrinsero a comportarsi in quella maniera " ...e bravo Woltija!
Comunque il numero delle vittime di cui si conoscono i nomi non è che una minima parte di quanti furono realmente massacrati. Il numero poi di coloro che furono condannati al carcere con confisca dei beni è talmente alto da raggiungere, secondo gli storici, cifre a sette zeri.
Ma senza ricorrere alle documentazioni, basta calcolare la ricchezza accumulata dal Vaticano attraverso i beni confiscati alle sue vittime, per renderci conto del numero dei suoi omicidi, stragi e genocidi.
Soltanto le vittime generate da quella che fu chiamata l'Evangelizzazione dei popoli dell'America del sud, in seguito alle scoperte di Cristoforo Colombo, si calcola che tra giustiziati e resi schiavi superino i 50.000.000.
La cristianissima regina Isabella sostenitrice di tanta immoralità, ben presto Santa, potrà sedere felice e contenta insieme a tutti questi altri santi di cui abbiamo fatto in queste pagine conoscenza. Questi Papi dai nomi più virtuosi come Innocenzi, Clementi, Pii, Benedetti e Urbani che si sarebbero dovuti chiamare invece Macellai, Criminali, Squartatori, Banditi, Delinquenti e Bastardi...
Tu, che molto probabilmente sei caduto su questo sito per puro caso, tu, agnostico viandante di passaggio, a quale categoria senti di appartenere? A quella formata da dementi ubriaconi che ridono davanti ai patiboli, a quella che per vigliaccheria e opportunismo tace, oppure a quella che reagisce? Stando ai risultati che la società mi offre attraverso la sua rassegnazione a subire l'impostura, sono portato a credere che tu appartenga più alle prime due che a quest'ultima. Ma se così non fosse, allora prendi carta e penna e unisciti a noi e a tutti questi martiri sopra elencati, magari scegliendone uno perché esso, attraverso la tua chiamata, possa rivivere in te e attraverso di te combattere i suoi carnefici.
È con i fatti e con l'azione che si onorano gli eroi e non con le chiacchiere...o si, o no! Il resto non è che una perdita di tempo!



Nudismo e Satanismo

Origini della magia e della stregoneria

Il Naturismo Nudismo, con la sua reazione ai tabù imposti da leggi repressive e oscurantiste, è la dimostrazione più evidente del bisogno che ha l'uomo di vivere secondo una morale basata sul buon senso e la ragione. Proponendo una dottrina che permette di godere nella maniera più pacifica dei benefici della Natura nei limiti di un "ragionevole benessere" (Epicuro), rappresenta l'equilibrio laico che libera gli uomini dell'odio generato dal conflitto dei due eterni antagonisti, il bene e il male, rappresentati, il primo, da un Dio repressivo e castigatore quale quello dei cristiani, e il secondo da Satana, Dio permissivo e licenzioso. Due estremismi che, ponendo il corpo come oggetto del loro contrasto (l'uno lo umilia e lo castiga ritenendolo un ostacolo al raggiungimento della perfezione spirituale e l'altro lo esalta come unica sorgente di piacere), non possono recare che dolore, regresso e angoscia.

Il cristianesimo e il satanismo in realtà, non sono che una realizzazione pacchiana del dualismo cosmico zaratustriano che determinò quella lotta tra la luce e le tenebre che la Chiesa cattolica continua ancora a sostenere nella forma più primitiva attraverso rituali di magia che vedono i suoi preti-stregoni impegnati, in una comica di segni tracciati in aria e spruzzi d'acqua benedetta, a operare esorcismi e a gettare anatemi contro i loro antagonisti, gli angeli delle tenebre, i quali a loro volta reagiscono contro di essi con cerimoniali carichi di insulti e di bestemmie.Le cerimonie sataniche, chiamate Messe Nere, non sono che una rivolta della Natura contro un Dio che, impedendo di godere dei piaceri che lui stesso ha creato, dimostra di essere cattivo, cinico e incoerente.

Se i satanisti celebrano i propri riti ad imitazione di quelli cristiani lo fanno per darsi la possibilità di esprimere tutto l'odio e il rancore che provano verso tutto ciò che è alla base di una religione la cui morale, basandosi sulla repressione dei sensi, considerano nemica dell'uomo e quindi meritevole di profanazione e di disprezzo; sputano sulle ostie, profanano con gli atti più osceni le immagini dei santi e della Madonna, orinano nel calice, bruciano ciabatte e sterco al posto dell'incenso, eseguono canti mortuari per stimolare la libidine e usano il crocefisso come mezzo di masturbazione vaginale come risulta dai relatori che erano presenti a queste orge collettive che, anche se può apparire incredibile, si realizzavano per lo più dentro le chiese e nei monasteri. (www.sessoereligione.com) - sesso e religione -

Culto dei Misteri e Messe Bianche

Le Messe, sia bianche che nere, non sono che la ripetizione di quei riti "magici" che venivano praticati nei "Culti dei Misteri" pagani affinché tutti i presenti potessero partecipare attraverso una comunione di sensi all'orgia collettiva finale: Baccanali. ( FAVOLA DI CRISTO )- sito web: www.luigicascioli.it)
Dalla confessione di un satanista: "Ai canti e ai suoni preparatori che accompagnano le danze eseguite da fanciulle semivelate davanti all'altare di Satana, i presenti procedono nella consumazione di un pasto che in un crescendo di esaltazione sessuale termina dando inizio a una cerimonia nella quale la nudità dei corpi è da considersi regola base. Gli atti osceni e i turpiloqui contro Dio e tutto ciò che a lui si riferisce, rappresentano per i presenti, oltre che la ribellione contro la repressione di una morale degenerata, la liberazione di ogni eventuale ipocrita ritegno che potrebbe rappresentare un impedimento alla piena partecipazione dell'orgasmo generale, quell'orgasmo che, appagando nella maniera più completa tutti i desideri, anhe i più incosci, lascia i partecipanti in uno stato di tale rappacificazione e di serenità da portarli ad amare anche coloro che fino a pochi minuti prima erano stati oggetto di odio e di rancore.
Che l'orgasmo generi una catarsi ce lo conferma nella manera più esplicita Sant'Angela da Foligno che nella sua biografia, dopo aver dichiarato di arrivare a possedere Gesù, nelle sue estasi, " non nella maniera come s'intende spirituale attraverso il pensiero, ma in un modo così tangibile da sentire la partecipazione del corpo nella maniera più reale", così si esprime a proposito della serenità e della quietudine che provava dopo gli orgasmi: <<Durante le estasi era come se fossi posseduta da uno strumento che mi penetrava e si ritirava strappandomi la carne...venivo riempita d'amore e saziata di una pienezza inestimabile e le mie membra si frantumavano e si rompevano di desiderio mentre io languivo, languivo, languivo... Quando poi rinvenivo da questi rapimenti d'amore mi sentivo così leggera e appagata da voler bene anche ai demoni>>.
(per conoscere gli orgasmi delle Sante. www.sessoecristianesimo.com ).

Essendo lo scopo di tutte le cerimonie religiose quello di unire i partecipanti in una comunione dei sensi, anche le Messe Bianche celebrate dai cristiani tra canti, suoni, profumi d'incenso e luccichii di pianete argentate e riflessi dorati di calici e patene, terminano in un'orgia collettiva di sensi che di spirituale ha soltanto l'apparenza.
Pur partecipando tutti i presenti a questa eccitazione mistico-sessuale, coloro che maggiormente ne vengono coinvolti, oltre il clero che da essa trae in più del nutrimento anche la giustificazione per la propria depravazione, sono tutti quei repressi sessuali, quali gli eunuchi, le zitelle, le vedove e gli omosessuali soprattutto latenti, che cercano l'appagamento delle loro voglie segrete respirando la magia liturgica che aleggia nell'aria durante le cerimonie come i vapori di una droga.

La differenza tra le Messe Nere e le Messe Bianche sta nel fatto che, mentre le prime terminano con una totale serenità dei sensi, le seconde, lasciando i loro seguaci soltanto in uno stato di apparente appagamento, non fanno che accrescere il desiderio sessuale e le nevrosi originate dalla repressione, quelle nevrosi che sfociano poi nei dialoghi più pornografici dei confessionali, nella pedofilia dei preti, nei priapismi (erezioni del membro) che s'invigoriscono all'ombra dei santuari dopo una giornata di cerimoniali e di preghiere (leggere le testimonianze dei proprietari degli alberghi di Lourdes), e soprattutto in quelle estasi nelle quali i Santi vivono dei veri e propri orgasmi isterici accoppiandosi con la Madonna o con Gesù, secondo il proprio sesso. (www.sessoereligioni.com).
Tutto questo per dimostrare quanto il cristianesimo sia, con le sue repressioni, all'origine delle maggiori immoralità e perversioni. Le Messe Bianche e le Messe Nere, figlie dirette di quell'oscurantismo su cui la Chiesa basa la propria impostura, non sono che le facce di un medesima moneta il cui conio rappresenta in entrambe, per quanto le si voglia metterle in contrasto, la rivolta della Natura contro un Dio repressivo, cinico e incoerente.
-LA FAVOLA DI CRISTO- (www.luigicascioli.it ).

Origine del satanismo

La magia, nata in Egitto come arte capace di dominare le forze occulte della Natura attraverso oggetti a cui si attribuivano proprietà soprannaturali, subì una sostanziale evoluzione da parte dei popoli arabi allorché costoro, usando le reazioni dei minerali per ottenere risultati pratici nel campo della ricerca, la trasformarono in una vera e propria scienza che chiamarono Al-kimia (alchimia), dove "Al" stava ad indicare il "quid" che si doveva scoprire per ottenere il risultato desiderato e "kimia" l'insieme del lavoro che veniva fatto per eseguire la ricerca. L'alchimia fu introdotta in Europa tra il VII e VIII secolo da quegli gnostici che, avendo fallito nella ricerca di Dio sul piano filosofico, pensarono di arrivare a lui attraverso la manipolazione della materia. Il concetto su cui si basarono fu il seguente: come ci sono dei processi chimici capaci di liberare i minerali delle loro impurità, altrettanto deve esserci in natura un procedimento capace di ridare all'uomo lo stato di purezza in cui era prima che Adamo commettesse il peccato originale.

Associato così lo spirito alla materia, partendo dal presupposto che il segreto che avrebbe riportato l'uomo alla primitiva integrità non poteva trovarsi che nella sostanza capace di dare il massimo della purezza, si misero a cercare il "quid" (Al) che avrebbe permesso di trasformare i minerali più volgari nel più nobile dei metalli, cioè l'oro, attraverso distillazioni, sublimazioni e cristallizzazioni che ottenevano mescolando acetati, solfati e acidi d'ogni sorta e soprattutto quell'acqua reggia (raggia) che, essendo il solo elemento capace d'intaccare l'oro, assunse un ruolo di preminenza in questa ricerca di Dio.

Poiché la sostanza ricercata doveva avere, quale purificatrice dell'anima, oltre a un potere chimico anche un valore teologico, fu chiamata "Filosofale" (Pietra filosofale).
La convinzione che portò gli alchimisti gnostici a sostenere che attraverso procedimenti chimici si potesse trovare un'essenza (quid) che avrebbe potuto agire sullo spirito, cosa che può soltanto far ridere chi segue la ragione e il buon senso, trovò giustificazione in quel "Logos" (Gesù) che, facendosi carne, aveva realizzato l'unione, cioè la fusione, tra il mondo divino trascendentale e quello umano fatto di materia corruttibile... (Fu da questa analogia posta tra la pietra filosofale e la persona di Gesù che la Chiesa trasse il pretesto, allorché nel XV sec. si rese conto che essa era motivo di contestazioni teologiche, per perseguitare gli alchimisti come eretici da condannarsi al rogo).
Come conseguenza, l'alchimia, perso quel valore che gli arabi le avevano dato elevandola a una scienza esatta basata sulla ricerca e la ragione, acquisendo un carattere teologico, si ritrovò di nuovo declassata nel mondo della magia, una magia religiosa che, per quella convenzione che vuole che il bianco sia il colore che simboleggia il bene, fu chiamata, dagli stessi farneticanti mistici che l'avevano ideata, "Magia Bianca".

Nella certezza che una magia così complessa ed elaborata non poteva essere compresa e quindi seguita dalle masse di cui avevano bisogno per imporla come dottrina religiosa, per non ripetere lo stesso errore che avevano già commesso gli gnostici nel II secolo che si erano ritrovati isolati per l'astrusità dei loro ragionamenti, questi filosofi alchimisti decisero di associarla alle pratiche popolari che facevano uso di minerali, erbe e radici per curare le malattie e alleviare i dolori, come fecero, per spiegarci meglio, quei maestri della cucina lombarda che, per rendere accessibile al popolo il risotto alla milanese, ricorsero allo zafferano per sostituire la polvere d'oro che veniva usata dai ceti facoltosi secondo la ricetta originale.

Giovane stega e dragone - Hans Baldung

Ma come conferire un'idea di purificazione dell'anima, cioè un concetto religioso a medicamenti che venivano ricavati da minerali, erbe e radici? Ebbene, l'ostacolo fu superato ricorrendo all'eterno principio usato da tutte le credenze del mondo che hanno sempre avuto bisogno di costruirsi come antitesi un mondo infernale da combattere per potersi arrogare il ruolo di detentrici di salvezza.
Se la loro era una "magia bianca" perché aveva come scopo quello di fare del bene, chi altri poteva essere il loro avversario se non una "magia nera" che avrebbe usato le erbe e i minerali per fare infusi malefici apportatori di dolore e di morte? Se loro, quali praticanti la "Magia Bianca" erano i figli di Dio, chi altri potevano essere i loro nemici se non i figli del demonio? E su questo presupposto basato sull'eterno dualismo del male e del bene, trasferiti nelle erbe e negli infusi i concetti della salvezza o della dannazione secondo l'uso che se ne faceva, si cominciò a fomentare l'odio contro degli immaginari artefici di malefici che, per dare loro un aspetto di ripugnante magrezza, furono chiamati streghe e stregoni (da strigosus = rinsecchito). Una ripugnante magrezza che però fu cambiata in seguito alle donne quando, per sostenere che esse erano le amanti del Demonio, venne deciso di raffigurarle avvenenti e tentatrici. (Mettere le due foto: l'una magra dall'enciclopedia e l'altra avvenente che già ho e due foto riproducenti gli alchimisti buoni e quelli cattivi, stregoni).

La Chiesa, compreso che da questa situazione di antagonismo tra il bene e il male voluta dagli alchimisti avrebbe potuto trarre giovamento per imporre definitivamente il Cristianesimo, la cui dottrina veniva ancora contrastata dalle credenze pagane, fatto proprio il programma degli alchimisti, prese a perseguitare tutti coloro che si rifiutavano di accettare i suoi dettami accusandoli di praticare la magia nera.
Cominciò così, con i primi editti di condanna che uscirono nel IX secolo, nella maniera più inventata, quella caccia alle streghe che, con i suoi roghi, impiccagioni e tagli di teste, permise alla Chiesa di imporre l'immoralità della sua dottrina facendo ricorso al terrore, un terrore che durò per oltre ottocento anni (l'ultimo rogo fu acceso a Poznen - Germania- nel 1793).

Abiura di Galilei

Le prime vittime, anche se colpite soltanto da scomunica, furono i Valdesi che vennero accusati di praticare la stregoneria quali seguaci di Satana (Concilio di Verona 1184) soltanto perché predicavano la povertà di Cristo in opposizione all'avidità del clero. Le persecuzioni vere e proprie ebbero inizio nel 1300 allorché la Chiesa cominciò a servirsi della stregoneria per eliminare gli eretici, cioè quei contestatori che si opponevano alla sua corruzione, alla sua ignoranza e ai suoi assurdi teologici tra i quali quello riguardante la trinità di Dio. Giordano Bruno, condannato a morte sotto l'accusa di praticare la magia, può essere portato come un esempio tra i più evidenti.


La stregoneria, nata da un'invenzione degli alchimisti e sfruttata poi dalla Chiesa come mezzo per imporre la sua egemonia attraverso l'orrore delle condanne a morte precedute dalle più disumane torture, divenne una tale realtà da essere creduta e seguita nei suoi riti magici da gran parte dello stesso clero e delle classi privilegiate che insieme presero a frequentarla celebrando quelle Messe Nere e quei "Saba" che, secondo documenti del tempo, terminavano in orge tra le più oscene.

Credere che la stregoneria e la magia nera siano state praticate dalle classi povere, significa ignorare la verità. Il popolo, nella realtà dei fatti, terrorizzato com'era dalle persecuzioni, serviva alla Chiesa soltanto per fornire quelle vittime innocenti che, nella realtà dei fatti, costrette a confessare sotto tortura colpe mai commesse, avevano il solo scopo di fornire con i loro pubblici sacrifici i presupposti necessari per sostenere l'esistenza di un demonio dal quale la massa doveva guardarsi se non voleva essere accusata di essere nemica di Dio. Si dovevano fornire streghe per alimentare i roghi nelle piazze? Si dovevano eliminare i contestatori dei dogmi e della corruzione ecclesiastica? Ebbene, nulla di più facile per raggiungere tali scopi: bastava una lettera anonima, magari inviata dalla stesso clero, o la delazione di un ignoto, per instaurare un processo contro l'eretico e contro il praticante di quella magia nera la cui esistenza era indispensabile alla Chiesa per imporre la propria magia bianca i cui riti, a perfetta imitazione dei cerimoniali pagani, si basavano, come ancora tutt'oggi, sull'acqua santa, sull'olio benedetto, sul pane della salvezza eterna, su segni tracciati in aria, su nuvolette d'incenso e anatemi contro Satana "et aliosques spiritos malignos..."

E così, intanto che nell'interno delle chiese i preti facevano volare nelle loro omelie le streghe con le scope e fuori bruciavano i roghi, il clero e la nobiltà organizzavano i loro "Saba" e recitavano le loro "Messe Nere" con omicidi di neonati il cui numero, come vedremo dai rapporti di polizia, risulterà così grande da lasciarci turbati.
La prostituzione organizzata dal clero, l'attività sessuale nei conventi, sia maschili che femminili, i concubinaggi praticati dai preti senza il minimo ritegno e gl'incesti fecero di Roma, centro del cristianesimo, la capitale dei bastardi. - LA FAVOLA DI CRISTO - ( www.luigicascioli.it ).

Orge e stregoneria nel clero

Perché il clero potesse seguire nella massima libertà la turpitudine e il vizio, eleggeva i vescovi e i papi tra i prelati più corrotti. Quei pochi che si opponevano alla sua immoralità venivano insultati, denigrati o addirittura assassinati con tisane o ostie avvelenate.La dissolutezza si era così radicata nella Chiesa da ritenere che fosse cosa normale e lecita usare il sesso come fonte di guadagno. A centinaia furono i conventi che, dietro il pretesto di avere reliquie contro la sterilità, ricavarono dei grossi benefici pecuniari usando i loro attributi sessuali come mezzo di commercio con le donne che accorrevano per ricevere la grazia.

Gli ordini religiosi che più s'impegnarono nei miracoli della fecondazione furono i francescani e i carmelitani che, dopo aver separato i maschi dalle femmine, cioè i mariti dalle mogli, per quei principi che sono imposti dalla morale cristiana, si portavano le donne nelle loro celle facendole passare attraverso porte segrete e cunicoli che continuarono ad essere usati fino al XVIII secolo nonostante che il concilio di Parigi del 1212 ne avesse ordinato la chiusura.
Come erano sessualmente attivi nelle loro celle, questi frati, altrettanto lo erano fuori allorché lasciavano i conventi per recarsi nei contadi come predicatori o come questuanti. Le cronache del tempo riferiscono che il loro valore di amatori aveva acquisito un così alto prestigio che le donne speravano al caso fortunato che le mettesse sul loro cammino.

Secondo la psicologia moderna, tra le cause che portavano questi frati alla continua ricerca dello sfogo sessuale, oltre ai più ovvii, quali quelli dipendenti dal continuo esercizio e dalla mancanza di pensieri, c'era quello derivante da un continuo prurito causato dalla grande sporcizia che ricopriva i loro corpi.

Il motivo per cui i Francescani e i Carmelitani si distinsero su gli altri ordini nell'attività sessuale dipese soprattutto dall'eccessiva severità delle loro regole che consideravano peccato anche il solo toccarsi il corpo per grattarsi. Che il proibizionismo sia stato all'origine della loro avidità sessuale, ci viene provato dal fatto che, nonostante la grande facilità che avevano di fottere donne di tutte le età e di ogni ceto, praticavano comunque e senza alcun ritegno anche l'omosessualità. La pederastia era imposta con tanta naturalezza sui novizi da parte degli anziani che, quando questi si allontanavano dal proprio convento, si portavano sempre dietro uno di essi.

Tra le tante leggi che furono emanate dai concili per porre termine all'omosessualità nei monasteri, sia maschili che femminili, vanno ricordate quelle che proibivano di dormire nello stesso letto e imponevano la presenza di sorveglianti notturni nei dormitori.

Secondo un programma già stabilito, ogni volta che si istituiva un convento di suore se ne costruivano immancabilmente accanto uno, due o anche tre di frati i quali venivano messi in comunicazione con il primo tramite gallerie che sussisto ancora. Le relazioni sessuali tra i conventi maschili e femminili si erano così formalizzate che i frati consideravano le monache come una loro proprietà personale. (Lo stesso avviene ancora oggi nei paesi sottosviluppati. Vedi: www.sessoecristianesimo.com).
In una ispezione ai conventi di suore ordinata da Enrico VIII risultò che il 60% delle suore era in stato interessante. Siccome il pericolo di perdere la vita in seguito all'aborto, per via delle infezioni e delle emorragie che ne seguivano, spaventava le monache, la maggior parte di esse preferiva portare a termine la gravidanza. I neonati che si salvavano dalla morte erano pochissimi perché erano le stesse madri che, prive di ogni scrupolo, li strangolavano per quella tranquillità di coscienza che gli veniva dall'assoluzione concessa dalla "casistica" ( libro che permette ai confessori di esaminare ogni singolo caso per stabilire la penitenza secondo l'intenzionalità a commettere il peccato) che in questo caso stabiliva che era meglio uccidere che compromettere la reputazione del convento.

Riporto alcuni casi di applicazione della casistica per comprendere su quali basi si regge la morale cristiana:
1) Mentre i soldati mussulmani quando violentavano venivano condannati dalla Chiesa per i loro stupri, i soldati cristiani erano assolti perché la colpa veniva data alle donne ritenute responsabili per averli portati all'eccitazione con la loro avvenenza.
2) Se mettere la statua della Madonna in un'orgia era considerato peccato grave per i satanisti, per i nobili e per il clero assumeva motivo di merito perché l'averla messa in diretto contatto con il peccato ne aveva esaltato la virtù.
3) Nel libretto in cui è riportata la richiesta di perdono del Papa c'è scritto: "Bisogna comunque tenere in considerazione che se la Chiesa commise dei crimini ciò dipese dal fatto che vi fu costretta da coloro che li subirono".

Un prete cronista del tempo, di nome Barletta, che aveva la possibilità di visitare i monasteri femminili come predicatore e confessore, riportava in un rapporto che nei cessi (latrines) sentiva spesso i gridi dei neonati che venivano soffocati, e un frate francescano, certo Maillard, scriveva <<...se avessimo buone orecchie sentiremmo i gridi dei bambini che vengono gettati nei cessi e nei fiumi >>. Un'altra testimonianza ci viene ancora da Henri Estienne, frate e confessore, che a proposito della soppressione dei neonati operata dalle monache scrisse: <<Questi crimini sono ordinari nei conventi dove i figli che nascono vengono uccisi dalle madri che li strangolano appena escono dai loro corpi >>.

Messe Nere

...e intanto che attraverso le procedure più vili la Chiesa istruiva processi contro degli innocenti con lettere anonime e false delazioni, il clero e i nobili organizzavano orge basate su quei riti macabri, chiamati "Messe Nere", durante i quali venivano sgozzati bambini forniti dai monasteri o dalle stesse concubine dei preti. Sotto il regno di Luigi XIV ne furono uccisi a migliaia. Una sola sacerdotessa di nome Voisin ne immolò più di duemila, e l'abbate Guiburg, che era uno dei prelati che celebravano le messe nere per la nobiltà di Francia, alle quali partecipava attivamente la Montespan mettendo a disposizione dei riti il proprio corpo nudo, ne uccise per diversi anni mediamente sei al mese. Secondo un rapporto del capo della polizia di Parigi, luogotenente La Reynie, l'abbate Guiburg, mancando di bambini altrui, in due occasioni ricorse al sacrificio dei suoi stessi figli avuti dalle innumerevoli concubine.
Il rito si svolgeva versando il sangue del bambino sgozzato in un calice dove veniva mischiato con le secrezioni liquide e solide dello stesso per formare una pasta che, in seguito a una consacrazione satanica operata ad imitazione del rito eucaristico cristiano, veniva usata per le fatture. La Montespan, per esempio, la metteva nel cibo di Luigi XIV per garantirsi i suoi favori. E come l'abbate Guiburg celebravano messe nere Manette il vicario episcopale di Parigi, gli abbati Davot, Sebault, Lepreux, Le Sage e tanti altri, senza contare quelli che sono rimasi sconosciuti, come risulta dalle cronache dell'epoca e dai numerosissimi verbali di polizia.

In questo mondo di depravazione sostenuto da un terrore esercitato sul popolo con un cinismo e una crudeltà che non ha precedenti nella storia dell'uomo, i pontefici ci si immersero tanto che gran parte di essi furono dei bastardi nati da relazioni di altri Papi con concubine e prostitute o con accoppiamenti incestuosi.
Giovanni XII, Papa a sedici anni, nato dall'incesto di Papa Sergio III con sua figlia Marozie di tredici anni, fu l'amante della stessa Marozie, sua madre. Praticamente Marozie fu contemporaneamente amante di suo padre Papa Sergio III e di suo figlio Papa Giovanni XII.
Bastava soltanto esprimere una critica su tali immoralità perché si finisse al rogo sotto l'accusa di eresia o di stregoneria.

Con la scoperta dell'America s'introdusse in Europa la sifilide. I clericali che contrassero questa malattia furono praticamente tutti e molti ne morirono. Nessun ecclesiastico ne rimase immune compresi gli stessi papi, quali Giulio II e Leone X il quale, sempre per quel bastardume che favoriva l'elezione al seggio di S. Pietro, divenuto cardinale a quattordici anni, fu eletto Papa a trentasei dopo aver preso la sifilide a venticinque. Sisto IV, il realizzatore della cappella Sistina, anche lui sifilitico, ebbe due figli dalla sorella maggiore. Bisessuale, fu un gran pederasta e sodomita tanto che, secondo quanto scrive il cancelliere d'Infessura, molti furono coloro che ricevettero da lui la porpora cardinalizia come ricompensa dei favori sessuali ricevuti. (Non dimentichiamo che Michelangelo fu un omosessuale...)

Papa Sisto IV organizzò la prostituzione istituendo quei bordelli dei quali la Chiesa continuò ad esserne l'amministratrice fino ai nostri tempi, cioè fino a quando furono chiusi dalla leggi Merlini. Di bordelli istituiti dalla Chiesa se ne contarono a centinaia in tutto il mondo cristiano. Considerati fonte di sicuro reddito, i papi spesso li assegnavano come base di sostentamento alle diocesi i cui vescovi, a loro volta, li parteggiavano con le parrocchie assegnando a ciascuna di esse una prostituta la quale, divenuta proprietà della Chiesa, versava ogni quindici giorni il ricavato delle marchette al parroco (quindicina).
Tra tanti bordelli, il maggiore, sia nella perversità che nella grandiosità dell'organizzazione, fu certamente il Vaticano nel quale ogni sera entravano schiere di omosessuali e di donne travestite da uomini per animare le orge dei nobili romani che, in qualità di bastardi, erano legati da parentela con i più grandi prelati e con gli stessi papi.
Nei secoli XV e XVI il 50% della popolazione di Roma era formata da bastardi provenienti dai conventi, dai bordelli e dalle relazioni dei preti che disponevano di un numero illimitato di concubine. ( Leggere LA FAVOLA DI CRISTO- www.luigicascioli.it ).

Omosessualità nel clero


Se i Francescani e i Carmelitani ebbero fama come grandi amatori di donne, i Gesuiti l'acquistarono come pederasti. Secondo Voltaire, Grécourt, Mirabeau e altri scrittori e storici dell'epoca, i Gesuiti avevano posto come regola nei loro istituti di considerare come ricompensa ai meriti scolastici il portarsi a letto gli allievi.

Secondo la storico Benedetto Varchi, il vescovo di Faenza, Monsignor Cheri, morì mentre veniva sodomizzato da Pierluigi Farnese, figlio bastardo di Paolo III. La debauche presso il clero era ormai praticata con tanta naturalezza che Leone X la legalizzò con il libro-codice "Camera Taxe", che con i suoi 35 articoli permetteva di ottenere il perdono di tutti i crimini, anche i più efferati, dietro pagamento di una ammenda da versarsi all'erario pontificio.

Basta riportare qualcuno degli articoli della Camera-Taxe per renderci conto di come il Cristianesimo abbia fatto dell'immoralità la base del proprio imperialismo:
Art. 1) Un ecclesiastico che commette un peccato carnale con le proprie sorelle, figlie, cugine, nipoti o con altra donna, sarà assolto dietro pagamento di 67 libre.
Art. 2) Se un ecclesiastico chiede l'assoluzione per aver commesso peccati contro natura con un bambino o con una bestia potrà ottenerla dietro pagamento di libre 131.
Art. 5) Ai preti è permesso di vivere in concubinaggio con i propri parenti dietro pagamento di 76 libre.
Art. 9) Se un prete uccide un laico può avere l'assoluzione versando un montante di 15 libre.
Art. 10) Se l'assassino ha ucciso due o più persone nello sesso giorno, pagherà 15 libre come se ne avesse ucciso uno solo.
Art. 14) Per l'omicidio di un fratello, d'una sorella, del padre o della madre, si dovrà pagare 17 libre.
Art 18) Colui che vuole garantirsi l'assoluzione per tutti gli omicidi che potrà commettere in futuro, pagherà 168 libre.
Art. 29) Il figlio bastardo di un prete che vuole succedere al posto del padre nelle sue funzioni religiose, pagherà 27 libre.
(Per l'acquisto del libro "La Camera Taxe", con imprimatur, rivolgersi direttamente alla Santa Sede - via del Paradiso 23 - Città del Vaticano).

Intanto che in questo ambiente di depravazione il clero e la nobiltà bastarda compiva spavaldamente ogni nefandezza, fuori di esso si bruciavano vivi, affinché il fuoco purificasse le loro anime, gli eretici e le streghe; i primi accusati di non seguire i dettami della Chiesa e le seconde di accoppiarsi con il Demonio, di volare con le scope, di baciare il culo ai gatti e di fare pozioni malefiche mischiando lingue di serpenti, code di rospo e penne di gallina...
Questa è la morale su cui si è costruita la Chiesa e sulla quale ancora si basa per imporre un'impostura costruita su un individuo, Gesù Cristo, mai esistito come viene inconfutabilmente dimostrato nel libro "LA FAVOLA DI CRISTO". (www.luigicascioli.it)

Ma le cose non sono cambiate sia nel comportamento immorale che nei principi oscurantisti che sono rimasti gli stessi, quali impedire la ricerca scientifica e favorire la fame e l'ignoranza che sono i presupposti indispensabili per sostenere l'immoralità di un'egemonia basato sull'utopia e l'astrattismo di un Dio che per esistere ha bisogno di demoni, di esorcismi e di magia.
Per quanto voglia nascondere la sua infame natura dietro ipocriti e opportunistici appelli alla pace dei popoli, la Chiesa è rimasta immutata nell'oscurantismo che le è congenito e nella sua immoralità capace di tutti i crimini. Se oggi per liberare gl'indemoniati da Satana essa si limita all'esorcismo, ciò dipende soltanto dal fatto che per quell'evoluzione sociale che ci è venuta dall'illuminismo ateo non le è più permesso di ricorrere al fuoco dei roghi, fuoco che purtroppo, contrariamente a quanto si crede, non si è affatto spento ma arde ancora sotto la cenere di un'apparente rassegnazione camuffata da ipocrite richieste di perdono e da teatrali invocazioni alla pace. La costituzione di un'associazione cattolica pronta per riaccendere i roghi ne è la prova più lampante:
"Dichiarazione fatta alla prefettura di Parigi per la costituzione di un'associazione".
Oggetto: Ricostituire l'Inquisizione che dovrà soprattutto distruggere gli scritti opposti alla dottrina cristiana e impedire la propagazione attraverso altri mezzi di questo genere d'idee, cosa che comporta, naturalmente, la lotta contro le eresie, le false religioni e ideologie".
Data della fondazione dell'associazione 17 / 09 / 1996.
(Attenzione, quindi, a non leggere LA FAVOLA DI CRISTO (www.luigicascioli.it) perché potreste finire su quel libro nero dal quale l'Inquisizione potrà trarre, allorché la Chiesa avrà riacquistato tutto il suo potere, i nomi di coloro che alimenteranno i roghi futuri).

Celibato dei preti


Qualche cenno sul celibato dei preti sarà utile per comprendere ancora di più l'ipocrisia su cui la Chiesa cattolica basa la sua impostura.
378 - l'Imperatore Falvio Graziano dichiara Damaso, il vescovo di Roma, capo di tutti i vescovi della cristianità. (Damaso è il primo Papa legalmente riconosciuto dallo Stato).
388 - Il Papa Siricio, successore di Damaso, impone il celibato ai preti sotto pena di scomunica per coloro che si rifiutano di praticarlo.
Il celibato viene rispettato fino a quando il mondo cristiano, per opporsi alle invasioni barbariche, non è costretto a eleggere come vescovi dei funzionari dello Stato che erano già sposati. La Chiesa, nell'obbligo di revisionare la legge di fronte agli eventi, si salva in corner concedendo il matrimonio ma alla condizione che i coniugi non dormano nello stesso letto. (Il controllo veniva eseguito tramite la confessione).
Passato il periodo delle invasioni barbariche, la Chiesa ripristina il celibato con un'austerità tale da condannare alla schiavitù le concubine dei preti e i loro figli (Concilio di Toledo del 633).
Le persecuzioni contro i preti sposati furono così feroci da portarne alcuni al suicidio (II Concilio di Toledo del 683), e da costringere la maggior parte degli altri a raggirare la legge assumendo come assistenti domestiche le loro madri e le loro sorelle con conseguenti incesti e nascite di figli, come risulta dal concilio di Mayenne dell'anno 888 nel quale si scrive: "La causa principale dei castighi che riceviamo è la collera di Dio per i troppi figli che i preti fanno con le loro sorelle".

Come la teologia cristiana deriva tutta da concetti pagani, quali il Logos, l'Eucaristia, la Resurrezione, il dualismo tra il bene e il male, la verginità della Madre del Salvatore (Soter), e i rituali, che sono la perfetta riproduzione de Culti dei Misteri che venivano celebrati in onore di Marduk, Dionisio, Isis, Osiride, Astarte e soprattutto di Mitra (FAVOLA DI CRISTO- www.luigicascioli.it) così, anche il celibato dei preti origina da quelle religioni più primitive le quali sostenevano che ogni cosa esistente sulla terra, animale, vegetale o minerale che fosse, aveva una energia interna (animismo).
Partendo da questo presupposto, tali credenze giunsero alla conclusione che gli uomini, pur possedendo tutti questa energia interna, si differenziavano comunque tra loro in quanto che ce n'erano alcuni che, o per privilegio di nascita o per meriti acquisiti, ne avevano più degli altri. La causa a cui principalmente attribuivano l'incremento di tale forza interiore, che chiamavano "Mala", era la continenza. Più un uomo rimaneva sessualmente puro e più egli si arricchiva di questa forza prestigiosa da cui facevano dipendere quei poteri magici che permettevano di invocare la pioggia, di guarire i malati, di assicurare le vittorie e perfino di resuscitare i morti. Furono costoro che, attribuendosi poteri di mediazione tra gli uomini e le divinità, dettero luogo alla figura del sacerdote nelle religioni che seguirono. Il Mala, secondo alcune credenze, rimaneva nel corpo e nell'anima del santone anche dopo morto tanto da poter compiere prodigi attraverso influssi che inviava dall'oltre tomba. È su questa convinzione che la Chiesa conferma la santità dei suoi eroi attraverso i miracoli eseguiti "post mortem". (Un miracolo dà la beatitudine, due miracoli la santità).

Il motivo per cui, eccetto rarissimi casi, il sacerdozio non era consentito alle donne dipendeva dal fatto che costoro, pur rimanendo caste, non potevano ammassare energia per via della dispersione che questa subiva a causa delle mestruazioni le quali, oltre a fargli perdere la virtù carismatica, le rendeva anche impure. Siccome l'unico periodo in cui una donna poteva accumulare il Mala era quello che precedeva lì'inizio delle mestruazioni, di conseguenza le vergini puberali erano tenute in così grande considerazione quali dispensatrici di benefici che ci sono dei casi nella storia che raccontano di re ed eroi che si misero a letto con loro per trarre forza e guarigioni dai loro fluidi positivi.
Questa è l'origine per la quale il Cristianesimo riserva grande considerazione alle sue sante vergini.

Seguendo questa convinzione animistica, molte furono le religioni che imposero ai sacerdoti l'astinenza sessuale perché acquisissero quei doni soprannaturali che gli avrebbero permesso di elevarsi al di sopra degli altri uomini tanto da interporsi tra essi e Dio. Per assicurarsi la castità assoluta, i preti di Cibele, di Astarte e di Artemide si tagliavano il membro con coltelli di silice. Nella religione taoista, i sacerdoti, sicuramente più scaltri, considerando che la forza si perde soltanto se c'è fuoriuscita di sperma, rifiutando ogni forma di evirazione, affermano che si può pervenire all'accumulo del Mala anche provando l'orgasmo purché si riesca a ritenere lo sperma. Tutto dipende da una forza interiore che, impedendone la fuoriuscita, fa si che esso ritorni in circolazione nel corpo attraverso un assorbimento che viene operato dal midollo spinale. E tanto è il beneficio che deriva da questa autofecondazione, come loro la chiamano, da essere considerata come presupposto base per poter pervenire a quella perfezione spirituale che è indispensabile per raggiungere il Nirvana. (Ognuno tragga le proprie conclusioni su quello che sono le religioni).

Athenagora, nella sua apologia a Marc'Aurelio, a proposito delle castrazioni che i sacerdoti si autoinfliggevano, commenta: <<Un Dio che costringe i propri seguaci ad andare così contro natura, non può essere che un pazzo>>. Ma di tutt'altro parere è invece Matteo, il redattore del primo vangelo canonico, che quale credente esalta la castrazione sacerdotale nella risposta che Gesù dà agli apostoli quando gli fanno osservare che se l'uomo non può ripudiare la donna perché il matrimonio è indissolubile, non è conveniente sposarsi: <<Tutti debbono sposarsi meno che coloro a cui è concesso di non farlo. Vi sono infatti eunuchi che nascono così dal ventre della madre; ve ne sono altri che sono stati resi eunuchi dagli uomini, e vi sono altri che si sono fatti eunuchi per il regno dei cieli >>. (Matt. 19-12)
A parte il fatto che non c'interessa sapere, almeno in questo sito, a quale categoria potesse appartenere Gsù dal momento che, stando a quanto affermano i vangeli non era sposato, questa espressione riportata dal vangelo di Matteo assume una enorme importanza perché essa ci fa capire come Gesù sia stato costruito sacerdote per eccellenza perché servisse come esempio ai preti che, secondo la Chiesa, debbono essere in tutto uguali a lui per poter svolgere il loro ministero tra gli uomini.

Il Mala attribuito a Gesù è tra i più potenti che si possano concepire: gli permette di restituire la vista ai ciechi, di raddrizzare le gambe agli storpi, di esorcizza gl'indemoniati, di resuscitare i morti e addirittura di compiere, con la sola forza della sua veste, miracoli a distanza.
Il prete, quindi, per poter compiere i prodigi sulla terra, come il rimettere i peccati, liberare i posseduti dal demonio, guarire le malattie con l'olio santo, assicurare un buon raccolto con le Rogazioni e soprattutto eseguire il miracolo della trasformazione del pane e del vino nel corpo e sangue di Cristo, deve essere uguale a Gesù soprattutto nella castità che è la virtù indispensabile per poter assolvere il ministero sacerdotale.
Un prete reso impuro dal matrimonio, oltre a non avere più quel Mala che gli permette di operare prodigi, renderebbe impuro anche Cristo con il quale egli si unisce ogni volta che celebra il Sacramento dell'Eucaristia, quel Sacramento in cui egli s'identifica a Cristo dicendo: <<Questo è il mio corpo, questo è il mio sangue>>. Rendendo impuro Cristo egli vanificherebbe quella comunione dei Santi che è alla base dell'istituzione della Chiesa la quale, come vergine sposa di Cristo, esige la purezza di tutte le membra che costituiscono il suo corpo.

Un prete reso impuro dal matrimonio, cioè dall'unione carnale con una donna, non potrebbe più avere quel Mala che gli permette di assolvere i peccati, di celebrare la messa, di esorcizzare e di svolgere tutte quelle funzioni che lo rendono superiore a tutti gli altri uomini, compresi i re e gl'imperatori, che s'inginocchiano davanti a lui per avere l'assoluzione dei loro peccati. Praticamente l'abolizione del celibato dei preti, vanificando la figura del prete, il cui requisito indispensabile per svolgere il suo ministero è quello di essere puro, segnerebbe la fine della stessa Chiesa che, quale associazione di santi, trae la sua pretesa di imporre un imperialismo teocratico universale dalla forza del Mala che gli viene dalla verginità garantita dal matrimonio con Cristo che il sacerdote casto per eccellenza. (Almeno è così per il momento, perché in futuro, costretta come sarà a concederlo per la crescente ribellione dei preti che chiedono di sposarsi, sicuramente riuscirà ancora una volta, maestra come è nell'arte del raggiro e della truffa, a risolvere il problema escamottando le sue stesse leggi, come già fece nel V secolo quando ammise il matrimonio con la condizione che i coniugi non dormissero nello stesso letto).

Riassumendo a questo punto il concetto teologico riguardante il celibato nelle parole che San Paolo (altro personaggio costruito dai falsari del II sec. secondo quanto viene ampiamente dimostrato dal libro "LA FAVOLA DI CRISTO - www.luigicascioli.it ), rivolge ai suoi seguaci: << Tutti sappiamo che i nostri corpi sono membra di Cristo; allora sareste voi disposti a far parte di queste membra quelle di una prostituta?>>, mi si potrebbe chiedere: <<Se ogni volta che un sacerdote consacra l'Eucarestia in stato di impurità e questa impurità si trasmette a Cristo tramite l'ostia, chi può essere questo Cristo così insozzato dalle migliaia di comunioni sacrileghe che quotidianamente vengono eseguite da un clero che vive delle depravazioni più infami? E chi può essere allora questa Chiesa Cattolica, questa "Comunione di Santi" se nella realtà risulta essere un impasto di sporcizia e di sacrilegi? (consultare: www.sessoecristianesimo.com).

Che il motivo per cui i preti non possono sposarsi dipenda dal fatto che essi debbono rimanere casti per poter svolgere il loro ministero sacerdotale sia un'altra truffa usata dalla Chiesa Cattolica per sostenere la sua impostura ci viene confermato, oltre che dalla realtà che lo vanifica e lo ridicolizza, da Papa Pio IV che così si espresse nel Concilio di Trento: <<Il matrimonio porterebbe i preti, attraverso la famiglia che costituirebbero, a vedere nello Stato la loro Patria con conseguente rilassamento dei loro doveri verso la Chiesa>>, e in maniera ancora più chiara dal cardinale Carpi: <<Se si permettesse ai preti il matrimonio, essi sarebbero portati più ad obbedire allo stato che alla Chiesa per quei vincoli sociali di cittadini conseguenti dalle loro mogli e dai loro figli>>...altro che Cristi, purezza e verginità! (LA FAVOLA DI CRISTO- www.luigicascioli.it)

Sessualità nella Chiesa di oggi


Che il comportamento della Chiesa sia tutt'oggi scandaloso come nel passato ci viene confermato dai fatti, quali, uno fra i tanti, l'esistenza di innumerevoli centri di raccolta, tutti protetti dal segreto, finanziati dal Vaticano per allevare i figli dei preti che a migliaia nascono ogni anno in tutte le parti del mondo.
Al congresso dei Padri Superiori tenutosi a Roma nel settembre del 2000, l'abatessa Ester Faugman, dopo aver deplorato la situazione sessuale nel mondo ecclesiastico dicendo: <<È una croce pesantissima quella che noi suore dobbiamo portare come vittime dell'abuso sessuale dei preti>>, continua la sua denuncia spiegando come nei paesi meno sviluppati, cioè in quelli nei quali la sfrontatezza è incoraggiata dall'inefficienza delle autorità civili, i preti possano arrivare ad abusare delle suore con tanta disinvoltura da usare i conventi come se fossero dei bordelli: <<È una prassi naturale vedere un prete presentarsi a un convento per chiedere che gli venga concessa una religiosa per sfogare le sue voglie sessuali>>.
E come nei paesi sotto sviluppati, così gli stessi abusi vengono operati nel mondo ecclesiastico occidentale dove è divenuta una consuetudine offrire alle suore, in cambio del loro sesso, favori sotto forma di ricatto, quali la concessione di documenti o l'assegnazione di incarichi personali presso i monsignori che se le assumono alle loro dipendenze in qualità di assistenti sociali, apprendiste di segretariato o collaboratrici domestiche lo fanno soltanto per camuffare un vero e proprio stato di concubinaggio. Non parliamo poi dei ricatti spirituali e materiali che i preti usano soprattutto verso le novizie che, nella loro ingenuità di fanciulle plagiate, si concedono alle voglie di questi sporchi truffatori in cambio della remissione dei peccati o dietro la ricompensa di qualche spicciolo.

I luoghi dove maggiormente si operano gli abusi sessuali, Roma in testa, sono i grandi centri della cristianità dove continuamente affluiscono religiose da tutto il mondo.
Se tra le suore provenienti dall'estero sono le novizie ad essere le più richieste, ciò dipende dal fatto che la loro inesperienza sessuale rappresenta per i prelati una garanzia d'immunità dall'AIDS che ormai si è diffuso in tutti i monasteri dei paesi sottosviluppati per via del contagio che le suore ricevono dagli stessi preti i quali, come era avvenuto nel passato per la sifilide, costituiscono la categoria più colpita da questa malattia.
Questa situazione sta dando dei grossi problemi alla Chiesa per la difficoltà che ha sempre più di nascondere al mondo laico la realtà della sua morale impastata di depravazione.
Un vero scandalo che il Papa ha cercato ancora una volta di riparare inviando alle conferenze episcopali d'Australia, di Tahiti, Samoa e Tonga un E-mail carico di scuse per gli abusi sessuali commessi dai sacerdoti nei confronti delle popolazioni locali. (Usque tandem, Catilinae, abuteri patientia nostra?).

A parte lo schifo che provo verso tanta insolenza, quello che mi ha particolarmente indignato nel leggere la notizia è l'ipocrisia della stampa italiana che, ignorando ogni etica morale, invece di considerare il fatto come una conferma dell'immoralità della Chiesa, ha preferito dargli il valore di un avvenimento storico per il semplice motivo che il grande Pontefice, il costruttore di Santi e il fautore di guerre, inviava il primo messaggio della sua vita con posta elettronica.




Sesso e Cristianesimo

Se Adamo ed Eva non avessero commesso il peccato di disobbedienza mangiando il frutto che gli era stato proibito da Dio, gli esseri umani procreerebbero, secondo il Cristianesimo, in una "santa gioia" che, coinvolgendo soltanto lo spirito, permetterebbe all'uomo di usare gli organi riproduttori senza compiere il peccato mortale della concupiscenza che è intrinseco nel piacere sessuale. Come prova dimostrante che il cedere alle tentazioni della carne è motivo di riprovazione e di condanna da parte di Dio, i sostenitori della morale cristiana ci dicono che Adamo ed Eva, presi da vergogna subito dopo aver compiuto l'atto, nascosero i loro attributi genitali con una foglia di fico.

Come conseguenza di questo primo coito eseguito da Adamo ed Eva dietro la tentazione di un serpente, si venne a creare il cozzo tra il "bene", che imponeva all'uomo di procrearsi escludendo ogni ricerca di piacere, e il "male" che lo spingeva invece a godere il più possibile dei piaceri sensuali.

Che la Chiesa sia stata sempre contraria ad ogni rapporto sessuale sin dagli inizi della sua fondazione ci viene dal fatto che essa concesse ai suoi seguaci il permesso di sposarsi soltanto quando, in seguito alla mancata realizzazione di una profezia che dava per imminente la fine del mondo, fu costretta a riconoscere che l'interdizione ad ogni forma di accoppiamento avrebbe portato all'estinzione della specie umana.

Costretta quindi a riconoscere l'indispensabilità della fecondazione, la Chiesa, aggiudicatosi il ruolo di moralizzatrice, autorizzò i matrimoni dietro la condizione che i coniugi si attenessero nella maniera più scrupolosa alle leggi della sua morale.

S. Agostino

Teologo e padre della Chiesa (prendeva le idee al volo infilandole con la penna)

S. Ambogio da Milano

Teologo e padre della Chiesa (falsificatore di Giuseppe Flavio - antichità giudaiche)


Costituiti di conseguenza i canoni che stabilivano ciò che era lecito e ciò che era illecito, la Chiesa si garantì della loro osservanza imponendo ai suoi seguaci di dichiararli a dei controllori che, in qualità di confessori, decidevano in nome di Dio quale era la punizione da darsi sotto forma di penitenze che variavano secondo la gravità dei peccati che poteva essere veniale o mortale. (Che la confessione sia stata l'arma più valida del Cristianesimo per costruire il proprio imperialismo, ci viene dal fatto che la Chiesa, imponendola ai re e agli imperatori cristiani, poteva controllare attraverso il loro confessore personale tutte le decisioni di Stato).


S. Bonaventura da Bagnoregio (chiamato il Serafico)

Teologo e padre della Chiesa

S. Tommaso D'Acquino (chiamato l'Angelico)

Teologo e padre della Chiesa

Codice Morale

Perché si possa capire l'oscurantismo e l'ottusità della morale cristiana, riporto alcuni passi del suo codice morale riguardante le relazioni sessuali:

1. Non si commette peccato se i coniugi compiono l'atto sessuale senza provare piacere. (Casistica).

Fu in seguito a questo precetto che le donne per non compiere il peccato di concupiscenza, di cui poi dovevano confessarsi (molto probabilmente ce ne sono ancora di queste), recitavano durante il coito: "Non lo fò per piacer mio ma per dare un figlio a Dio".

2. Se durante il coito uno dei due coniugi desidera ardentemente l'altro, costui compie peccato mortale. (S. Geronimo - Teologo).

3. I palpeggiamenti che precedono il coito, da considerarsi peccato veniale se si limitano a semplici carezze, assumono una gravità mortale se sono eseguiti con baci sugli organi genitali e sulla bocca e soprattutto se con l'introduzione della lingua. (Debreyne - Teologo).

4. Il coito tra marito e moglie deve essere praticato non più di quattro volte al mese. (Sanchez- Teologo)

5) Non è peccato se ad un coito compiuto durante il giorno ne segue un altro nella notte successiva. (Sant'Alfonso de Liguori - Teologo).


5. Non è peccato se uno dei coniugi si ritira dal coito prima di emettere semenza. (Ciò perché si credeva che anche la donna producesse liquido seminale). (Sanchez- Teologo).
6. Poiché l'uomo s'indebolisce prima, la donna commette peccato se pretende due prestazioni consecutive. (Zacchia- Teologo).

7. Tra gli atti preliminari del coito sono considerati veniali la penetrazione del membro nella bocca e l'introduzione di un dito nell'ano della donna. (Codice ecclesiastico).

8. Commette grave peccato mortale l'uomo che misura la lunghezza del proprio pene. (Monsabré - Teologo).

9. La masturbazione femminile, considerata veniale se eseguita sulla parte esterna della vagina, diventa peccato mortale se viene praticata con l'introduzione delle dita o di altro qualsiasi strumento. (Debreyne - Teologo).

10. Poiché il distendersi sul dorso è contro natura, per non commettere peccato la donna deve eseguire il coito mostrando all'uomo la sua parte posteriore. (Casistica).


11. Quando una donna dice di essere stata violentata dal demonio, affinché si possano esaminarne gli effetti, si deve eseguire un'approfondita analisi su di essa osservandone minuziosamente la vagina e l'ano. (Per farci un'idea di come venivano operati questi controlli dai padri inquisitori nei conventi quando le suore erano possedute dal demonio, basta riportare ciò che scrissero alcuni testimoni ai fatti: "Il vizio dei teologi inquisitori si realizzava in cerimonie scandalosamente oscene" (Margaret Murray).

"La curiosità dei giudici era insaziabile, essi volevano conoscere tutto dei rapporti sessuali che le monache avevano avuto con il demonio entrando in ogni più piccolo dettaglio" (Henry Lea). (Una prassi che si pratica ancora oggi nei confessionali), e Jacques Fines, cronista del tempo, scrive di aver visto gli inquisitori stessi violentare le suore durante i loro accertamenti. (Praticamente gli inquisitori sostituivano le dita con il membro).

12. Perché il coito non costituisca peccato, lo sperma deve essere lasciato nell'interno della vagina oltre le labbra dell'utero (Ultra uteri labra). (Zacchia -Teologo).

13. Per combattere la frigidità che si dimostrava attraverso la mancata erezione del pene, se si dovevano far celebrare tre messe secondo Sanchez, per gli altri teologi era invece più efficace ricorrere all'esorcismo o alla pratica della comunione.

14. Il coito anale non costituisce peccato mortale se viene concluso nella vagina. (Sanchez -Teologo).

15. I seminaristi e i giovani preti commettono solo peccato veniale se arrivano all'eiaculazione attraverso semplici carezze. (Diagonali).

16. Contrariamente alla polluzione involontaria che non genera colpa, è da ritenersi peccato gravissimo la masturbazione perché essa, secondo a chi si rivolge il pensiero, corrisponde all'adulterio, all'incesto e allo stupro. La masturbazione diventa poi un orribile sacrilegio se l'oggetto del desiderio è la Beata Vergine Maria. (Sanchez - Teologo).

Basterebbe soltanto questo, cioè considerare che i preti possono ammettere che ci si possa masturbare davanti all'immagine della Madonna, per comprendere a quali livelli di perversione può addurre la morale cristiana!

Madonna dal collo lungo

Madonna Jean Fouquet

Madonna di Munch

Francesco Mazzola detto IL PARMIGIANINO

Jean Fouquet

Munch

Perché non chiedete al vostro parroco quale di queste Madonne preferisce?


Repressione Sessuale


L'osservanza di questi precetti, imposta attraverso i confessionali, portò i fedeli ad un soffocamento così eccessivo, che la Chiesa stessa fu costretta, per evitare una reazione di rivolta, a concedere delle feste carnascialesche perché le masse potessero sfogare la loro repressione.
<<Gli uomini hanno bisogno almeno una volta all'anno di divertirsi per scaricare gl'istinti naturali che non possono essere repressi oltre misura. Come le botti, che cederebbero se non si levasse di tanto in tanto il tappo per scaricare la pressione, così essi scoppierebbero se in loro si facesse bollire sempre e soltanto la devozione verso Dio>>. (Da una lettera inviata da Padre Tillot nel 1444 alla facoltà di teologia di Parigi ).

Queste feste orgiastiche volute dalla Chiesa per scaricare i propri seguaci della pressione che in essi si accumulava a causa della repressione sessuale, andarono avanti fino al 1700 assumendo spesso un carattere estremamente dissacratorio soprattutto quando venivano eseguite nell'interno delle stesse chiese.

"A queste cerimonie, oltre alla popolazione, vi partecipavano anche i preti appartenenti al clero povero. Questi preti intervenivano soltanto a cerimonia iniziata presentandosi, secondo l'usanza, ballando e cantando versi osceni perlopiù travestiti da donne. I riti religiosi venivano parodiati offrendo al posto dell'ostia salsicce di sangue e bruciando scarpe vecchie al posto dell'incenso. Bevendo senza ritegno, si mischiavano tra la folla e tra rotti e vomiti mostravano il loro astio contro la repressione ecclesiastica facendo delle imitazioni caricaturali dell'erotismo e ripetendo le mosse del coito e della masturbazione e, sempre nell'ambito dei travestimenti, ce n'erano di quelli che montavano altri preti mascherati da monache. E poiché in queste occasioni era tutto permesso, sacrilegamente costoro si esaltavano sessualmente in lente danze ecclesiastiche che trovavano più eccitanti se accompagnate da lenti canti mortuari. Erano delle vere feste baccanali nelle quali, nella maniera più esplicita, il popolo reagiva contro la repressione della morale cristiana esaltando Satana.


Ma la repressione sessuale che veniva così mitigata nel mondo religioso esterno con l'autorizzazione di orge collettive, produsse i suoi danni in quei luoghi, mi riferisco ai conventi, dove non essendo permesso nessuno sfogo fisico si cercò di soddisfare il sesso con illusori accoppiamenti eseguiti dai religiosi con partners spirituali: le suore con Gesù Cristo e i monaci con la Vergine Maria.
Questi penitenti, che nella nomenclatura religiosa vengono chiamati "mistici", impegnandosi per una convinzione derivante dal plagio a rispettare nella forma più assoluta l'osservanza di una morale che basa la perfezione spirituale nella rinnegazione di ogni piacere che viene dalla carne, in realtà non erano, come lo sono, che degli esaltati illusi di poter reprimere impunemente quelle leggi naturali che impongono la riproduzione attraverso lo sfogo degli istinti sessuali.

Il dramma che essi vivono, originato da una perenne astinenza corredata da continue sevizie sul proprio corpo per castigarlo quale fonte di concupiscenza (sevizie che li rendono dei perfetti masochisti), produce in costoro quegli stati di alienazione mentale che se per la Chiesa sono "estasi", per la psicanalisi sono invece allucinazioni derivanti da "turbe psichiche da repressione sessuale".

Il Dottor Caufeinon afferma che "la non soddisfazione dei bisogni sessuali è una delle cause più potenti a generare l'isterismo" e aggiunge a proposito dei conventi: "Se la vita claustrale favorisce questa malattia nervosa non è soltanto per l'astinenza sessuale ma anche per la preghiera incessante a cui le monache sono sottoposte, per la vita contemplativa e le continue preghiere a cui bisogna aggiungere l'eccitazione nervosa data dalla continua preoccupazione delle terribili punizioni che gli riserva la giustizia divina per i loro peccati".

Gli psicologi Dupré e Logre spiegano ampiamente come le estasi non siano altro che nevrosi mistiche dovute a deliri d'immaginazione e il Dottor Murisier nel suo libro "Malattie del Sentimento Religioso" dimostra come <<L'attaccamento dei mistici a Dio, a Gesù Cristo e alla Beata Vergine, sia impregnato di un amore estremamente sensuale>>.

James Leuba, specializzato in psicologia religiosa, chiaramente accusa la Chiesa di essere una costruttrice di pazzi quando afferma: <<Gli orgasmi che i Santi raggiungono negli accoppiamenti con le divinità, essendo soltanto immaginari, lasciano i soggetti in un perenne stato di insoddisfazione sessuale che è all'origine di quei deliri nevrotici che vengono chiamati estasi>>.

L'Abate Jacques Gauden riporta in un suo scritto: <<Conosco un celebre medico, specializzato nella terapia dei pazzi, che cura i suoi malati, tra i quali sono numerosi i preti, dando ad essi quei piaceri dei quali erano stati privati >>.

Non potendo evitare tali nefaste conseguenze attraverso un intervento diretto come aveva risolto per le masse con l'autorizzazione di orge periodiche, la Chiesa ha risolto ogni accusa che poteva essere diretta alla sua falsa morale trasformando la pazzia in santità.

Gli arrossamenti della pelle caratteristici delle vergini, delle vedove e di tutti coloro che sono costretti a una vita solitaria, non sono che il primo sintomo di un'isteria derivante da una prolungata insoddisfazione sessuale. Il dramma, di natura psicofisica, si esterna attraverso infiammazioni cutanee che possono essere dirette dalla volontà su quelle parti del corpo su cui si concentra l'interesse del soggetto, come nel caso degli asceti che, avendo come scopo quello di imitare Cristo, anelano rivivere le sofferenze della passione concentrando il loro pensiero sulle ferite prodotte dalla crocifissione. Gli arrossamenti non sono che una dilatazione delle vene dovuta a una concentrazione sanguigna che, oltre al dolore, può causare delle uscite di sangue in seguito alla lacerazione dei tessuti. È il caso delle ferite che appaiono nelle mani e nei piedi dei grandi asceti, dei quali si può portare come esempio Padre Pio il quale affermava che le sue stigmate erano state precedute da macchie rosse accompagnate da un forte dolore.

D'altronde, esempi di esteriorizzazioni della volontà attraverso manifestazioni fisiche li troviamo, oltre che nell'uomo e negli animali in quelle che sono le erezioni del membro quando sono causate dal pensiero, anche in quel fenomeno epidermico che determina il mimetismo negli animali.

Sesso nei monasteri


Che l'isterismo causato dalla repressione sessuale sia retaggio dei monasteri ci viene confermato dal detto popolare: "Se per soddisfare le depravazioni di un paese è sufficiente un solo demonio, per soddisfare quelle di un convento non ne bastano mille.

Più le regole imposte nelle comunità sono severe e tanto più la perversione tende a coinvolgere in massa i loro componenti che, in un alternarsi di profumi di fiori e di esalazioni di zolfo, entrano in vere e proprie orge collettive che la Chiesa, attribuendole all'azione dei demoni, risolve furbescamente attraverso gli esorcismi invece di affidarle alla psichiatria.

Tra l'infinità dei casi riportati dalle cronache, citiamo come esempio, per dimostrare l'oscurantismo esistente nella religione cristiana, il rapporto firmato da quattro vescovi presenti agli esorcismi eseguiti nel convento di Auxonne: << Le monache vomitano spaventose bestemmie durante le sante messe e i riti eseguiti per liberarle dalla possessione diabolica. I loro corpi sono marcati da segni di certa natura soprannaturale eseguiti dai demoni. Le monache assumono durante gli esorcismi posizioni che per essere eseguite abbisognano di una forza sovrumana come il prosternarsi per terra con la punta del ventre intanto che il corpo arcuato si protende in aria oppure piegandosi a cerchio a tal punto che la testa tocca la punta dei piedi ecc.ecc.>>

...e ancora: "Nel convento di Nazaret a Colonia, le monache si allungavano per terra e come se avessero un uomo sopra, ripetevano i movimenti del coito".

Nel convento di Louviere in Belgio, "le orge collettive si consumavano in un alternarsi di estasi, durante le quali le suore in ginocchio invocavano Gesù, e di crisi nevrasteniche nelle quali porgevano le parti posteriori scoperte al Demonio che sollecitavano a possederle".

A questo punto, dopo esserci soffermati brevemente su questi deliri psichici di cui la Chiesa si è tolta ogni responsabilità che possa scaturire dalla sua imposizione all'astinenza attribuendoli all'azione del Demonio, passiamo ad esaminare quelli che, nel colmo di una sfrontatezza senza limiti, sono stati trasformati da crisi epilettiche in estasi santificanti.

Estasi e Santi

Santa Margherita Maria Alacoque, fatto voto di castità a quattro anni ed entrata in convento a otto, comincia ad avere i primi contatti estatici con Gesù, "suo fidanzato", a quindici.

Dalla sua biografia:

<<Quando ero davanti a Gesù mi consumavo come una candela nel contatto amoroso che avevo con lui >>.

<< Ero di natura così delicata che la più piccola sporcizia mi rivoltava lo stomaco. Gesù mi rimproverò così energicamente per questa mia debolezza che io reagii contro di essa con tanta decisione che un giorno pulii con la mia lingua il pavimento sporco del vomito di una malata. Egli mi fece provare tanta delizia in questa azione che avrei voluto avere l'occasione per farlo tutti i giorni >>. (Masochismo da delirio isterico)

<< Una volta che avevo dimostrato una certa ritrosia nel servire una malata di dissenteria, Gesù mi rimproverò così severamente che, per riparare, mi riempii la bocca dei suoi escrementi; li avrei ingurgitati se la Regola non avesse proibito di mangiare fuori dei pasti. (Idem)

<<Un giorno che Gesù mi si mise sopra con tutto il suo peso, egli rispose così alle mie proteste: "Lascia che ti usi a mio piacere perché ogni cosa va fatta a suo tempo. Adesso io voglio che tu sia l'oggetto del mio amore, abbandonata alle mie volontà, senza resistenza da parte tua, in modo che io possa godere di te">>. (Coito vissuto fisicamente attraverso l'immaginazione).

Il ripetersi di atti di masochismo che si alternavano a estasi nelle quali Maria Alacoque viveva nella maniera più carnale gli accoppiamenti con Gesù, che lei chiamava il "mio fidanzato", furono così frequenti che fanno di essa, secondo gli psicologi, un classico caso di erotomania isterica.

La Chiesa, approfittando della credulità e dell'ignoranza umana, ha dato origine all'apostolato del Sacro Cuore basandosi sulle affermazioni di una ninfomane le cui estasi rivelatrici non sono altro, nella realtà dei fatti, che crisi catalettiche provocate dall'assoluta repressione sessuale.

Come accadeva ad altre Sante mistiche, così, anche a Margherita Alacoque, appariva continuamente la Madonna.

<<La santa Vergine mi appariva spesso facendomi delle carezze inesplicabili e promettendomi la sua protezione>>. Questa intromissione della Madonna nei rapporti amorosi tra le Sante e Gesù trova giustificazione nel bisogno che avevano di avere il consenso della madre di colui che esse amavano in una maniera quanto mai clandestina attraverso le loro estasi. La relazione amorosa, avendo un carattere sessuale e quindi peccaminoso, dava a loro un complesso di colpa del quale cercavano di liberarsi, per godere pienamente degli accoppiamenti, non solo ottenendo il consenso della madre del loro amante ma anche rendendolo pubblico attraverso le loro autobiografie. Che le biografie siano la loro catarsi, cioè la liberazione di un senso di colpa, ci viene dimostrato dal fatto che esse le usano come una confessione liberatoria nella quale descrivono tutti i particolari dei loro orgasmi tanto da renderle dei veri trattati di pornografia.

Santa Maria dell'Incarnazione, dopo aver sollecitato Gesù, suo sposo ad unirsi a lei con parole che hanno veramente poco di spiritualità: <<Allora, mio amante adorato, quando è che faremo questo accoppiamento?>>,così racconta nella sua biografia ciò che provava nell'isteria delle sue estasi "Nei rapimenti mi sembrava di avere nel mio interno delle braccia che io tendevo per abbracciare colui che tanto desideravo>>.

Santa Guyon, asceta e penitente, scrive che in un'estasi Gesù l'aveva portata in un bosco di cedri dove c'era una camera con due letti e a lei, che gli aveva chiesto per chi fosse l'altro letto, egli gli aveva risposto: <<Uno è per te, che sei la mia sposa, e l'altro è per mia madre >>, e riferendosi poi ai piaceri sessuali che raggiungeva nelle estasi, scrive ancora nel suo libro. << Io arrivavo a possedere Gesù non nella maniera come s'intende spirituale attraverso il pensiero, ma in un modo così tangibile da sentire la partecipazione del corpo nella maniera più reale>>.

Quando poi ritornava nella normalità, si fa per dire, ritenendo il corpo responsabile di questi suoi peccati, si accaniva contro di esso infiggendosi le sevizie più atroci: <<Per mortificare il mio corpo leccavo gli sputi più schifosi...mettevo delle piccole pietre nelle scarpe...mi facevo cavare i denti anche se erano sani...>>.

Dalla biografia di Sant'Angela da Foligno: <<...Durante le estasi era come se fossi posseduta da uno strumento che mi penetrava e si ritirava strappandomi la carne...Venivo riempita d'amore e saziata di una pienezza inestimabile...Le mie membra si frantumavano e si rompevano di desiderio mentre io languivo, languivo, languivo...Quando poi rinvenivo da questi rapimenti d'amore mi sentivo così leggera e appagata da voler bene anche ai demoni...>> . (Bellissima descrizione della quietudine dei sensi che segue l'orgasmo!).

Sant'Angela da Foligno era così consapevole che i piaceri che provava durante le estasi erano di natura sessuale che ella stessa dichiara di essere vittima di un "vizio che non oso nominare", un vizio di concupiscenza del quale cercava di liberarsi mettendo "carboni ardenti sulla vagina per smorzarne le voglie".

Santa Rosa da Lima per poter vivere i piaceri sessuali nella maniera più libera da ogni senso di colpa, come se scontare la pena prima l'autorizzasse a commettere il reato, puniva il corpo prima delle estasi con sevizie che fanno rabbrividire il buon senso: "Nonostante che il confessore la incitasse a non esagerare, ella arrivò a darsi cinquemila frustate in quattro giorni..."

Santa Giovanna degli Angeli fu lei, quale superiora di un convento di Orsoline, che con le sue ripetute estasi trasmise il contagio dell'isterismo a tutta la comunità.

Da una cronaca del tempo: "Tutte le suore del convento delle Orsoline di Loudun, dove era superiora Madre Giovanna degli Angeli, si misero ad urlare, a sbavare, a spogliarsi mostrandosi nella loro totale nudità".

Un certo Robbyns, cronista del tempo, presente ad una di queste crisi collettive, nella descrizione che fa dei fatti, si sofferma in un particolare: << Suor Clara cadde al suolo e in uno stato di trans. assoluto continuò a masturbarsi gridando:<< scopatemi, scopatemi...>>, finche, preso un crocefisso, ne fece un uso che il pudore mi proibisce di riferire >>.

Incaricato dalla curia vescovile un certo padre confessore, di nome Surin, di praticare gli esorcismi nel convento, ben presto anche lui fu coinvolto tanto in queste orge da scrivere: << La mia lingua gustava Dio come quando bevo il vino moscato o mangio le albicocche >>. (Non credo che ci sia bisogno di spiegazioni per intuire dove costui cercasse Dio con la lingua!).

Padre Surin venne sostituito da un altro prete esorcista di nome Ressés, il quale, resistendo ad ogni tentazione, riuscì a liberare il convento dai demoni. Come prova di esorcismo riuscito venne presa l'interruzione della gravidanza della stessa superiora Giovanna degli Angeli che lui diceva aver fatto abortire liberandola dal demonio con l'acqua benedetta.

Siccome lei affermò di essere stata guarita da San Giuseppe che gli era apparso durante l'esorcismo, la Chiesa, presa la palla al balzo, riuscì a trasformare le orge sessuali del monastero di Loudun in manifestazioni edificanti gridando al miracolo. Le bende e gli stracci usati da Giovanna degli Angeli per curarsi le ferite prodotte dalle flagellazioni, trasformate in oggetti benedetti, furono usati per curare i malati che cominciano ad affluire al convento in pellegrinaggi organizzati.

Considerata ormai una Santa guaritrice, Giovanna degli angeli cominciò a girare la Francia per curare gl'infermi e tanta fu la fama a cui pervenne che lo stesso Cardinale Richelieu la invitò presso di lui per farsi alleviare i forti dolori che gli venivano dalle emorroidi. In una cronaca dell'epoca si afferma che tra le tante personalità che ricevettero vantaggio da Santa Giovanna degli Angeli ci fu anche Anna d'Austria, la quale, sofferente per un parto complicato, si sentì sollevata toccando un lembo della sua camicia. Così, usando quall'arte della mistificazione di cui è maestra, (leggere "LA FAVOLA DI CRISTO"), la Chiesa riuscì ancora una volta a tirare l'acqua al proprio molino trasformando in santità un isterismo prodotto da repressione sessuale.

Santa Teresa d'Avila è certamente una delle più rappresentative di questo mondo di ninfomani represse che affollano il Paradiso dei cristiani. Essa potrebbe costituire un esempio classico da portarsi nei libri di sessuologia come dimostrazione dei danni cerebrali che può produrre l'astinenza sessuale.

Angelo che si accinge a trafiggere con il dardo Santa Teresa d'Avila (Bernini)

Dalla sua autobiografia: <<Il mio male era arrivato ad un tale punto di gravità da essere sempre sul punto di svenire. Sentivo un fuoco interno che mi bruciava...la mia lingua era ridotta a brandelli a furia di morderla>>.

<< Mentre Cristo mi parlava, io rimanevo a contemplare la straordinaria bellezza della sua umanità... Provavo un piacere così forte che non è possibile provarne dei simili in altri momenti della vita...

<<Durante le estasi il corpo perde ogni movimento, il respiro s'indebolisce, si emettono soltanto dei sospiri e il godimento arriva ad intervalli... (Ottima descrizione dell'orgasmo!)

<<In un'estasi mi apparve un angelo tangibile nella sua costituzione carnale e era bellissimo; io vedevo nella mano di questo angelo un dardo lungo; esso era d'oro e portava all'estremità una punta di fuoco. L'angelo mi penetrò con il dardo fino alle viscere e quando lo ritirò mi lasciò tutta bruciata d'amore per Dio... Il dolore della ferita prodotta dal dardo era così vivo che mi strappava dei deboli sospiri, ma questo indicibile martirio che mi faceva nello stesso tempo gustare le delizie più soavi, non era costituito da sofferenze corporali anche se il corpo vi partecipava nella forma più completa...
<<Io ero in preda a un turbamento interiore che mi faceva vivere in una continua eccitazione che non osavo interrompere chiedendo l'acqua benedetta per non sconvolgere le altre suore che avrebbero potuto capirne l'origine... (Evidente stato di colpa).

<<Nostro Signore, il mio sposo, mi procurava tali eccessi di piacere da impormi di non aggiungere altro oltre che a dire che tutti i miei sensi ne erano rapiti... (Idem).

Questi brani tratti dalle autobiografie di donne portate alla pazzia dalla repressione sessuale che la Chiesa ha convertito in esempi edificanti, non sono in realtà che la dimostrazione più evidente della falsità della morale cristiana.

L'essere umano ha bisogno di sesso come ha bisogno di cibo. L'astinenza prolungata, come la fame, genera squilibri mentali che portano l'uomo a comportamenti spesso pericolosi per se e per gli altri. Molti dei vizi e delle perversioni che si verificano nella società sono determinati da tabù che impediscono il normale svolgersi delle leggi naturali. La Natura quando viene contrastata, prima o poi fa valere le sue ragioni e in maniera tanto più violenta per quanto più violenta è la repressione che si opera contro di essa.

In una società dove il sesso è considerato come un bisogno fisiologico e non come fonte di vizio e di peccato, tutte le perversioni sarebbero ridotte pressoché a nulla come lo sarebbero quelle violenze carnali e quegli omicidi che spesso sono determinati da un odio verso la donna che è vista dall'uomo come responsabile dell'angoscia derivante dalla repressione. Il sesso, che in una società priva di tabù potrebbe essere motivo di distensione e di concordia, diviene così, in un mondo basato sulla frustrazione, motivo di ricatto, di odio e di rancore.

Chi è colui che nell'agonia, ricordando le sofferenze patite durante la vita dalla repressione, non è portato a maledire chi ne è stato la causa?

Respingiamo, dunque, finche se ne è in tempo, quanti ci impediscono di godere (sempre rispettando la libertà altrui), nella maniera più libera e completa delle gioie del sesso tenendo sempre presente che ogni battuta lasciata, oltre a procurare l'inevitabile rammarico che prima o poi si farà avanti per averla persa, rappresenta soprattutto un ritardo al raggiungimento di quell'esperienza di cui abbisogniamo per conoscerci e migliorarci.

Il credere che la rinuncia ai piaceri della carne ci renda meritevoli di ricompense dopo la morte non è che uno dei tanti assurdi sostenuti dal Cristianesimo per imporre, attraverso il plagio, un imperialismo basato su una falsa morale!

Lesbismo nei conventi

La percentuale di lesbiche nei conventi, per quanto sia un argomento al quale non mi sono mai interessato, sono certo che è superiore al mondo laico dal momento che questi, oltre a dare alle donne gay la possibilità di sfuggire al matrimonio, offrono la possibilità di vivere in un mondo esclusivamente femminile. Per quanto la Chiesa, consapevole di questo fatto, cerchi di imporre regole particolarmente severe per evitare ogni contatto personale tra le monache, le relazioni lesbiche fanno parte integrante della vita conventuale.

Una riprova di quanto affermo ci viene dal crescente numero di suore gay che lasciano il convento da quando è cominciata la liberazione sessuale che consente gli accoppiamenti nella vita laica. Basta leggere i libri che trattano questo argomento come "DENTRO IL CONVENTO" di due ex suore, Nancy Manahan e Rosemary curb, nel quel cinquanta monache confessano la loro vita sessuale, la cui lettura è rigorosamente riservata agli adulti, per comprendere l'immoralità della religione cristiana che riesce ancora ad imporsi con il plagio del suo oscurantismo.

Dal libro "DENTRO IL CONVENTO" (Tullio Pironti Editore), brani tratti da interviste fatte a due ex suore, la prima Kewyn Lutton e la seconda Rosemary Curb.

Prima intervista:

D: Cosa ricordi della tua sessualità?
K: Ricordo di essermi masturbata la prima volta a dodici anni.
D: Quando pensasti di farti monaca?
K: Durante la terza liceo mi convinsi che volevo entrare in convento per vivere al fianco di altre donne, lontana dagli uomini. Avrei risolto ogni problema.
D: Eri al corrente degli altri rapporti sessuali che avvenivano in convento?
K: No, ma ebbi qualche dubbio. C'era un'insegnante che mi piaceva molto. Una notte mi sentivo depressa e sola...era tardi, lei venne nella mia cella, ci abbracciammo rotolando sul letto.

Seconda intervista.

È Rosemary Curb che parla nell'ufficio di Ginny Apuzzo, direttrice esecutiva della National Gay Task Force: <<La mia vita in convento fu dolorosa ma produttiva. Non riuscirei a lavorare per i Gay se non avessi imparato a concentrarmi. Io la chiamo la mia grazia. I miei discorsi pubblici non hanno grazia, Eppure ogni volta che mi alzo davanti al pubblico uno strano carisma si sprigiona chiedendo di unirci e lottare per una vita migliore.

Questa è la vera grazia. Non è Dio, non è Maria e non sono neppure io. È il potere della massa e la sua volontà di trasformazione. La fierezza dei gay non deve trasformarsi nella vergogna dei gay. Quando chiediamo la soppressione di ogni forma di fobia contro le lesbo e i gay, portiamo con noi una ventata di aria fresca.

Questo libro è la dimostrazione inconfutabile di quanto lesbo, gay, masturbazione e sesso siano alla base della vita conventuale.

Demonio in un convento della Romania

Suora crocifissa in convento
Il prete: "Posseduta dal demonio"
Sommossa nel villaggio per difendere il padre superiore barricato in chiesa
Aggredito il rappresentante del patriarca ortodosso andato a rimuoverlo


Il pope Daniel Corogeanu

BUCAREST - Una suora di 23 anni crocifissa e lasciata morire nel suo stesso convento perché "posseduta dal demonio". Un padre superiore che ha dato l'ordine e le consorelle della vittima che lo hanno eseguito. Una rivolta sfociata in una sommossa quando gli alti
rappresentanti della chiesa hanno cercato di entrare nell'edificio per capire che cosa era avvenuto. Una storia che viene dalla Romania quasi a voler confermare le cupe atmosfere di quelle terre.

Ma non è letteratura, la vicenda di suor Maricica Irina Cornici, probabilmente malata di schizofrenia, e uccisa nel tentativo di scacciare quello che Daniel Corogeanu, il padre superiore del convento ortodosso, era certo si trattasse del demonio.

Secondo le prime indegini avviate sul caso, il pope del convento della Santa Trinità di Tanaco, nella Romania orientale, e le quattro religiose avrebbero legato suor Irina e l'avrebbero rinchiusa nella sua cella, lasciandola senza acqua e senza cibo. Poi, stanchi delle
sue proteste, l'avrebbero imbavagliata e crocifissa, lasciandola morire. E' accaduto il 15 giugno scorso e sia il patriarca della Chiesa ortodossa che la magistratura hanno avviato le indagini che si sono concluse per il momento con un'incriminazione per sequestro e omicidio per i cinque religiosi.

Ma quando ieri i rappresentanti della Chiesa ortodossa sono arrivati al convento per privare padre Corogeanu del diritto di officiare, è scoppiata una sommossa. Il pope e alcuni cittadini del villaggio - riferisce oggi in prima pagina il quotidiano romeno Evenimentul Zilei
- hanno aggredito i religiosi e si sono barricati all'interno del convento.


"Abbiamo a che fare con una persona molto malata, il pope Corogeanu. Eravamo venuti a comunicargli che non può più servire nel monastero fino a quando la Procura non avrà espresso il suo verdetto su questo caso, ma egli ha chiamato in suo aiuto gli uomini del villaggio e ci hanno aggredito. Questa è la triste realta", ha raccontato Corneliu, vicario di Husi, mandato dal patriarcato per condurre l'inchiesta.

Secondo i primi risultati medici, suor Irina è morta per "insufficienza cardio-respiratoria" dopo essere rimasta per tre giorni legata a una croce di legno senza bere e senza mangiare e con un asciugamano legato intorno alla bocca come bavaglio. Suor Irina era malata di schizofrenia, secondo i medici. La ragazza era cresciuta in un orfanotrofio ed era arrivata nel convento tre mesi prima per trovare un'amica. Poi aveva deciso di restare.

Gli episodi schizofrenici sono apparsi al pope e alle altre suore come comportamento da persona posseduta da spiriti maligni, scrive Evenimentul Zilei citando fonti mediche. Il patriarcato ortodosso romeno ha giudicato "orrendo e un grande peccato" quanto avvenuto al monastero di Tanacu.

"Si tratta del gesto di un pope instabile dal punto di vista psicologico, che ha compiuto atti barbari pensando di curare la suora dagli spiriti maligni. E' un gesto che non ha niente a che fare con la tradizione e la spiritualità ortodossa", ha dichiarato il portavoce del patriarcato, il pope Costel Stoica.

Padre Daniel la pensa in tutt'altro modo e nei giorni scorsi ha detto di essere sorpreso dell'attenzione della stampa riguardo a questo caso visto che "l'esorcismo è una pratica comune nel cuore della Chiesa ortodossa romena: i miei metodi sono perfettamente noti agli
altri preti".



Storia, maestra di vita

La figura di un Gesù rivoluzionario costruita dal socialismo su un'idea di Engel che si prefiggeva di combattere il cristianesimo politicizzandolo, non è affatto nuova nella storia cristologica. Già da un secolo e mezzo prima che nascesse Gesù, o meglio quel Giovanni di Gamala sul quale fu costruito, i Maccabei, fondatori del Partito Giudaico che sostenuto dagli Esseni, avevano già costruito un Messia dalla duplice figura, quella del religioso e quella del politico; duplice figura che in seguito alla disfatta dell'esercito rivoluzionario esseno-giudaico nel 70 dopo la nostra era, si scisse rigenerando il conflitto che esisteva tra i due messia sostenuti, l'uno dalla corrente religiosa e l'altro da quella politica, prima della rivolta dei Maccabei, cioè nei secoli V, IV e III che seguirono la costituzione del monoteismo ebraico dopo la liberazione dalla prigionia di Babilonia. (Leggere "LA FAVOLA DI CRISTO").


Questi due Messia, che nel corso di ventisei secoli si sono uniti e allontanati come le pieghe di una fisarmonica, li troviamo ancora una volta insieme nella persona di Bin Laden il quale, come il cavaliere dell'Apocalisse, si messo a capo di un esercito in qualità di condottiero come uomo per imporre un'ideologia religiosa come Messia. In questo programma di imperialismo teocratico sostenuto da Ben Laden contro il mondo occidentale, riviviamo, attraverso la "LA FAVOLA DI CRISTO", le rivoluzioni giudaiche combattute dagli Esseni, prima contro gli Ellenisti e poi contro i Romani, come se fossero riportate da una cronaca odierna.

Lo stesso sfruttamento da parte dei rivoluzionari del territorio che con i suoi anfratti, caverne e montagne ne rende impossibile il totale annientamento. Gli stessi metodi di combattimento sotto forma di imboscate e sabotaggi contro le truppe occupanti e di azioni terroristiche contro le popolazioni civili ad essi ostili.

Identica organizzazione delle truppe guerrigliere suddivise secondo lo schema che venne applicato da Giuda l'Asideo, figlio di Mattatia il Maccabeo, per combattere Antioco IV, re degli ellenisti.
Stessi centri di addestramento per formare i combattenti (Kimberth Qumran).
Medesime ricerche, dall'una e dall'altra parte, di alleanze che risulteranno per entrambi spesso infide e traditrici.
Stessi ideali politici e religiosi inculcati ai combattenti attraverso un libro formativo (Oggi il "Manuale del Combattente", d'ispirazione coranica, ieri la "Bibbia").

Gli stessi martiri che affrontano la morte nella certezza di avere come ricompensa una vita di beatitudine eterna, e tante altre analogie da avere l'impressione, leggendo la "FAVOLA DI CRISTO", che il tempo si sia fermato a 2500 anni or sono. Anche i vestiti, le barbe e i villaggi sono gli stessi.

Quello che cambia nella guerra di oggi sono soltanto i nomi dei personaggi che, in realtà, tolto questo, risultano in tutto e per tutto identici a quelli che sostennero le rivoluzioni messianiche.
Bin Laden non è altri che uno dei tanti capi rivoluzionari che si succedettero nelle guerre contro la Grecia e Roma, quali Mattatia il Maccabeo, Giuda l'Asideo, Simone e Gionata, Ezechia, Giuda il Galileo e infine quel Giovanni di Gamala su cui è stata costruita la figura di Cristo.
"LA FAVOLA DI CRISTO", mostrandoci le analogie tra la guerra combattuta oggi in Pakistan in nome di Allah e le guerre combattute dai guerriglieri esseni in Palestina in nome di Yahvé, essa ci fa capire come le cause che l'anno prodotta derivino da quell'odio che soltanto le religioni monoteiste sanno suscitare nell'uomo, quello stesso odio che porta i cristiani a considerare un nemico da abbattere chiunque si opponga al suo programma di imperialismo universale: le crociate ne sono un esempio.
Credere che la guerra contro Bin Laden non sia una guerra tra il cristianesimo e l'islamismo significa non aver capito nulla dell'imperialismo monoteista.

Luigi Cascioli.

"Le crociate dei secoli passati non hanno messo fine all'antagonismo fondamentale tra il mondo "cristiano" e il mondo "mussulmano", volendo ciascuno, a sua maniera, "conquistare il mondo intero". Quando questo antagonismo diviene irriducibile, la sola soluzione consiste a eliminare fisicamente l'avversario o sottometterlo interamente. Bisogna uccidere "l'infedele" era lo slogan sostenuto dalle due parti".








Privacy

Articolo informazione


Hits: 6298
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020