Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

La rivoluzione industriale = Una nuova forma di energia: il vapore

elettrotecnica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

Trasduttori e il condizionamento dei loro segnali (intro-cosa sono?)
MOTORE ASINCRONO - 4 POLI
verifica del 2° principio di Kirchhoff
VERIFICA DEL 1° PRINCIPIO DI KIRCHHOFF - Apparecchi impiegati
ESPERIENZA N1 - misura della potenza assorbita da un motore asincrono monofase funzionante a vuoto
Potenza, perdite e rendimento h - Trasformatore monofase
Rilievo del comportamento di un motore asincrono trifase a rotore bloccato.
Le reti di distribuzione dell'energia elettrica
LAVORO AL VIDEOTERMINALE

La rivoluzione industriale

Una nuova forma di energia: il vapore

La rivoluzione industriale fu innanzitutto una grande trasformazione dei rapporti sociali, ma sarebbe stata impossibile senza i progressi della tecnica e l'uso di una nuova forma di energia: il vapore.

La sostituzione delle macchine mosse dalla corrente di fiumi e torrenti (energia idraulica) in uso da secoli con le macchine a vapore, il rapido sviluppo delle ferrovie e quello, più lento, della navigazione a vapore dettero per tutto l' 656b16g Ottocento un grande impulso alla produzione e agli scambi.

La forza del vapore era stata utilizzata sin dalla prima metà del Settecento per azionare le pompe che nelle miniere evitavano l'allagamento delle gallerie. La prima macchina a vapore impiegata a questo scopo fu messa regolarmente in funzione nel 1712. Era stata progettata da Thomas Neweomen e si chiamava `macchina atmosferica».



Nel 1769 James Watt (1736-1819) perfezionò questa macchina rendendola più potente ed economica. In seguito, mentre le prime macchine compivano solo un movimento verticale, egli riuscì ad adattarle per far muovere una ruota. Questo permise di far muovere ogni sorta di macchine, oltre alle pompe. Watt non fu solo un inventore, ma anche un industriale: associato a Matthew Boulton, dal 1775 al 1800 sfruttò i propri brevetti e in venticinque anni la ditta produsse circa 500 macchine adatte a vari usi, compreso quello nelle filande di cotone.

Nell'Ottocento, la costruzione di macchine a vapore fu ancora perfezionata, soprattutto allo scopo di ottenere una pressione maggiore. Tra l'altro ciò rese possibile la costruzione delle prime locomotive.

Le ferrovie nacquero dall'applicazione della forza del vapore al sistema da molto tempo in uso nelle miniere e nelle fonderie di servirsi di vagoncini trainati da cavalli o spinti a braccia lungo binari di legno. In un primo tempo la macchina a vapore era fissa e serviva a trascinare i vagoncini con un cavo.

Nel 1804 Richard Trevithick realizzò una prima ferrovia per le fonderie di Pen-y-Darran, nel Galles del sud; era lunga 15 km e aveva binari di ghisa. Lo stesso Trevithick nel 1808 presentò a Londra in un recinto circolare una locomotiva che per uno scellino faceva provare ai curiosi la novità del treno, a 20 km l'ora.

Altre locomotive furono costruite in quegli anni, ma i costruttori che ebbero più successo furono George Stephenson (1781-1848) e suo figlio Robert. Nel 1824 essi crearono una fabbrica di locomotive, che furono impiegate sulle prime linee inglesi e poi anche esportate in altri paesi.



Una prima linea ferroviaria progettata da George Stephenson fu aperta al traffico soprattutto di merci, nel 1825. Molto più importante però fu la Liverpool-Manchester, di circa 53 km, aperta nel 1829. Gli Stephenson con la loro locomotiva the Rocket (il razzo) vinsero la gara organizzata per scegliere il miglior mezzo di trazione alla velocità media di 23 km l'ora.

Ci furono anche applicazioni del vapore a veicoli su strada, ma molto più importante fu l'origine della navigazione a vapore, addirittura precedente alle prime ferrovie. Negli ultimi due decenni del Settecento imbarcazioni a vapore furono costruite in Francia, negli Stati Uniti e in Gran Bretagna.

Nel 1802 lo scozzese William Symington realizzò la Charlotte Dundas per la navigazione nel canale FirthClide e nel 1818 1 Henry Bell costruì The Comet, primo vapore commerciale regolarmente in servizio in Europa. Nel 1807 in America il Clermont di Robert Fulton aveva risalito il fiume Hudson da New York ad Albany e nel 1823 c'erano un centinaio di battelli a vapore in Gran Bretagna e molti di più negli Stati Uniti.

I progressi della navigazione a vapore furono però più lenti di quelli delle ferrovie. Anche se nel 1819 una nave americana, la Savannah, traversò l'Atlantico servendosi in parte della sua macchina a vapore (il resto del viaggio fu fatto a vela), si dovette aspettare ancora quindici anni per avere un regolare servizio transatlantico a vapore, con la Creai Western, in grado di compiere la traversata in una quindicina di giorni.



Articolo informazione


Hits: 4719
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017