Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

ESPERIENZA N1 - misura della potenza assorbita da un motore asincrono monofase funzionante a vuoto

elettrotecnica

loading...

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

FORMULARIO MOTORE ASINCRONO TRIFASE
Esperienza n° 2 - rilievo della caratteristica Z=G (F) ed individuazione della frequenza di risonanza di un circuito R-L-C serie
Relazione di misure - Verifica del primo principio di Kirchhoff
Macchine in corrente continua - Dinamo
Misura di resistenza a temperatura variabile - Misura di resistenza con metodo volt-amperometrico
verifica del 2° principio di Kirchhoff
AVVIAMENTO D-YY IN LOGICA CABLATA DI UN MOTORE
Rilievo misure di potenza tramite inserzione Aron
Impianti elettrici: principali tipi di esecuzioni
ESPERIENZA N1 - misura della potenza assorbita da un motore asincrono monofase funzionante a vuoto

ESPERIENZA N1

Scopo: misura della potenza assorbita da un motore asincrono monofase funzionante a vuoto.

Oggetto: motore asincrono monofase avente potenza nominale ...,Vn=220V

Considerazioni del motore:

La potenza nominale di un motore è la potenza meccanica che il motore può for 646c25g nire in regime continuativo. Per calcolare la I assorbita in condizioni nominali, bisogna risalire alla potenza elettrica assorbita dal motore; P elettrica assorbita= Pnom/ηtot. Il rendimento motore assume dei valori che vanno da 0.8 - 0.9 dai piccoli ai grandi motori. Una volta calcolata la P elettrica assorbita si può calcolare la I nom. a meno che non sia già presente nei dati di targa. Inom.=Pele.ass./Vnom*cosφn.

NB: In tali motori all'avviamento a piena tensione, la corrente assorbita risulta anche 4-8 volte la Inom., pertanto, di tale fatto, si dovrà tenere conto o alimentando il motore a tensione crescente o cortocircuitando le bobine amperometriche. Con riferimento alla scelta delle portate amperometriche, va osservato che nei piccoli motori la corrente assorbita a vuoto può essere dell'ordine anche del 60%.

NB: Si ricorda che per la scelta del voltmetro si dovrà definire la V nom., la Inom e nell'ipotesi che il fattore di potenza del carico sia relativamente basso (circa uguale a 0.2) si dovrà usare il voltmetro per baso cosφ.

Modalità operative:

Come prima operazione ci siamo preoccupati di costruire il circuito amperometrico collegando i vari apparecchi in serie al variac e al motore. Poi collegando in parallelo i circuiti per il rilevamento della tensione abbiamo potuto completare il circuito. Abbiamo proceduto tenendo conto della corrente di spunto che si presenta in queste situazioni pertanto alzavamo graduatamente, fino ad arrivare alla situazione di regime, il variac.

Considerazioni:

spunto iniziale:

in questa fase il motore è immobile e la corrente aumenta in maniera consistente ad ogni aumento di tensione derivante dal variac fino al raggiungimento della corrente di avvio e quindi quest'ultima ritornerà a valori nominali e il motore, quindi, sarà in rotazione.

Valore del picco di corrente: 2.2A                         Tensione: 220V             

                                       



Articolo informazione


Hits: 1701
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017