Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

L'IMPORTANZA DEL NILO PER GLI EGIZI

storia


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

"Mein Kampf" Adolf Hitler
Il lavoro nelle grandi proprietà terriere
La crisi economica del 1929 e l'avvento del Nazismo - La guerra civile in Spagna
CALVINISMO
I riflessi della crisi internazionale nell'Italia fascista - Crisi economica mondiale (1929)
INGHILTERRA - AL PROCESSO DI INDUSTRIALIZAZZIONE
DAGLI ACHEI AGLI ELLENI
LA SCUOLA NELLA STORIA - NELL'ITALIA UNITA
I NORMANNI
LA CIVILTA'

L'IMPORTANZA DEL NILO PER GLI EGIZI

"L'Egitto è un dono del Nilo" scrisse lo storico Erodoto a proposito del fiume più lungo del mondo. In effetti, se si considerasse l'importanza geografica del fiume in quella regione, ci si 454g69e accorgerebbe subito che, senza la sua presenza, la nascita e lo sviluppo della civiltà egizia non sarebbe stata possibile.

La presenza del fiume, infatti, permette la possibilità di insediamenti umani lungo le due strette fasce di terra costeggianti le sue rive. Tuttavia si tratta di una zona molto ristretta, che varia in ampiezza da 1 chilometro ai 6 chilometri nel suo punto più largo.

Al di là di questi "confini" fertili (meglio conosciuti dagli antichi egiziani come "terra nera" e coltivabili vi è il deserto (detto "terra nera").

La presenza del Nilo nella civiltà antica era indispensabile. Ad esempio esso, essendo navigabile in entrambe le direzioni, costituiva un importante via di comunicazione, che consentiva di collegare facilmente luoghi distanti centinaia di chilometri. Per questo motivo tutte le città egizie sorsero sulle rive del Nilo e questo contribuì ad una caratteristica uniformità urbanistica e culturale.

Anche sotto l'aspetto dell'agricoltura, il Nilo era di gran vantaggio in quanto le sue piene regolari erano il centro attorno al quale ruotava tutto il mondo dell'agricoltura egizia. Ogni anno, attorno alla fine di maggio, il Nilo straripava cospargendo le sue rive di limo, una sostanza che, depositandosi sul terreno, lo rendeva fertile. Inoltre secondo le testimonianze dello storico Erodoto, la tecnica di coltivazione, in un terreno così fecondo, non richiedeva particolari attrezzature: bastava che dopo la piena, si seminasse e si facessero passare sopra degli animali, in modo da calpestare i semi.

Per questo motivo, al contrario che in altre zone, in Egitto non ci fu uno sviluppo delle tecniche di coltivazione e delle attrezzature, che avvenne solo dopo un forte incremento demografico. Gli egizi cercarono inoltre di migliorare il rendimento della terra perfezionando i sistemi di irrigazione.

Sotto l'aspetto culturale, la civiltà egizia crebbe, al contrario della Mesopotamia, in un ambiente isolato e difeso e questo portò loro ad avere la convinzione di essere il popolo più progredito e sviluppato e di aver raggiunto un elevatissimo grado di civiltà. Infatti la civiltà egizia rispetto sempre un senso molto conservatore, come scrisse Erodoto: "Gelosi delle loro tradizioni, essi rifiutarono tutte le altre". Questo da un lato riuscì a preservare l'indipendenza culturale del Paese, ma finì per ostacolare il progresso della società, che andò man mano irrigidendosi in forme di vita sempre meno adatte alle necessità dei nuovi tempi.

  







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2571
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020