Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

RICERCA SU MOZART

ricerche


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

software
LE GALASSIE - I cataloghi, La classificazione di Hubble
Lina Unali e la sua esperienza in Somalia
FT- IR (Fourier transform infrared spectrum)
Il flop marziano della Nasa
Maschere o Ruoli Comportamentali
<< MAGNA CHARTA >>(1215)
LA PENISOLA ARABICA NEL VII° SECOLO D.C
AQUILE - AQUILA FULVA o AQUILA REALE MERIDIONALE (Aquila fulva)
'MIRRA' DI VITTORIO ALFIERI

RICERCA SU MOZART

Mozart, Wolfgang Amadeus (Salisburgo 1756 - Vienna 1791), compositore austriaco. Studiò musica con il padre Leopold, maestro di cappella del principe arcivescovo di Salisburgo e celebre violinista compositore.

Un bambino prodigio

A sei anni Mozart era già in 717g68h grado di esibirsi al clavicembalo, al violino, all'organo, suonando brani a prima vista o improvvisando. Nel 1762 Leopold portò il piccolo Wolfgang e sua sorella Nannerl di undici anni, anche lei bambina prodigio, in giro per le corti d'Europa. Durante il viaggio, Wolfgang compose sonate per violino e clavicembalo (1763), una sinfonia (1764), un oratorio (1766), e l'opera buffa La finta semplice (1768). Nel 1769 Leopold e Wolfgang, che nel frattempo era stato nominato Konzertmeister dall'arcivescovo di Salisburgo, si misero in viaggio alla volta delle principali città italiane, allora capitali della musica, e soggiornarono a Venezia, Milano, Bologna, Roma e Napoli. A Milano, per il teatro La Scala, Mozart compose l'opera seria Mitridate re di Ponto, rappresentata nel 1770.



Nel 1772, morto l'arcivescovo di Salisburgo, gli succedette Hyeronimus Colleredo, poco interessato alla musica e ostile ai Mozart, che tuttavia concesse a Wolfgang di recarsi ancora in Italia, per assistere a Milano alla rappresentazione dell'opera Lucio Silla (1772). Da allora fino al 1777, a eccezione di brevi viaggi a Vienna dove prese lezioni da Haydn e si dedicò allo studio del contrappunto, Mozart restò quasi sempre a Salisburgo. Nel 1777, l'ambiente angusto della cittadina e i contrasti con l'arcivescovo Colloredo spinsero Mozart a dare le dimissioni da Konzertmeister e a partire per Monaco con la madre.

Un'esistenza difficile

Le corti europee non si mostrarono interessate al talento del giovane compositore; trasferitosi da Monaco a Mannheim, Mozart rimase colpito dalla modernità dell'orchestra di corte presso la quale credette di trovare l'apertura mentale di cui il suo genio aveva bisogno. Ospitato dai coniugi Weber, s'innamorò della loro figlia Aloysia, giovane e promettente soprano. Informato della situazione, Leopold Mozart ordinò a sua moglie e al figlio di recarsi a Parigi. Qui l'accoglienza assai tiepida e l'improvvisa morte della madre nel luglio del 1778 spinsero Wolfgang, rassegnato a un posto di organista di corte e del duomo, a ritornare a Salisburgo, dove il musicista si dedicò alla composizione di sonate, sinfonie e concerti. L'inatteso successo dell'opera seria Idomeneo, re di Creta, rappresentata a Monaco il 29 gennaio 1781, convinse il giovane musicista a tentare la carriera di musicista a Vienna abbandonando definitivamente Salisburgo. In seguito a questa decisione, e a quella di sposare Costanza Weber, sorella minore di Aloysia, egli ruppe i rapporti con il padre. A Vienna, nel 1782 l'imperatore Giuseppe II commissionò a Mozart un'opera: il compositore scelse di scrivere un "singspiel", cioè un'opera in tedesco con dialoghi recitati; fu così che, su libretto di Gottlob Stephanie, vide la luce Il ratto dal serraglio.

 Mozart tornò all'opera quattro anni dopo con Le nozze di Figaro (1786) e Don Giovanni (1787), entrambe su libretti di Lorenzo Da Ponte; le opere ottennero successi senza precedenti per l'epoca e fruttarono a Mozart la carica di Kammermusicus dell'imperatore. Nel 1787 la morte del padre arrecò un altro grave colpo al suo precario equilibrio economico e psicologico. Il tiepido successo della terza opera Così fan tutte (1790, libretto di Da Ponte), fu seguito dalla morte dell'imperatore Giuseppe II. Il successore, Leopoldo II, pur non essendo interessato alla musica quanto Giuseppe II, nel 1791 per la sua incoronazione commissionò a Mozart l'opera seria La clemenza di Tito (su libretto di Metastasio). Nel frattempo, il compositore era riuscito anche a creare le sue più grandi produzioni strumentali, le sinfonie del n. 39 in mi bemolle, n. 40 in sol minore e n. 41 in do, Jupiter (1788). Sebbene stanco e malato, Mozart continuò a comporre e, nel 1791, scrisse Il flauto magico, singspiel su libretto di Emmanuel Schikaneder; il Requiem (che la tradizione vuole commissionato da uno sconosciuto e che verrà comunque completato da Franz Süssmayr, un allievo di Mozart, dopo la morte del maestro) e due splendidi concerti, quello per pianoforte e orchestra K595 in si bemolle maggiore e quello per clarinetto e orchestra K622 in la maggiore. Morto in povertà per cause rimaste sconosciute (che hanno dato adito a leggende, come quella dell'avvelenamento da parte di un invidioso Antonio Salieri), Mozart fu seppellito in una fossa comune e il suo funerale fu seguito da poche persone.




L'opera

Mozart produsse più di 600 opere in un arco di tempo che va dall'infanzia appena alla maturità, dando prova di una coerenza stilistica e di linguaggio stupefacenti. Le sue opere strumentali spaziano dalle forme tradizionali, come sonata, concerto, sinfonia, a quelle meno note di serenate, divertimenti, cassazioni; la sua musica da camera annovera capolavori nelle forme classiche del trio, del quartetto e del quintetto come nelle combinazioni strumentali più nuove. Compositore di getto, così come dimostrano i suoi manoscritti, Mozart era in grado di trascrivere sulla carta le proprie e le altrui improvvisazioni, il che dimostra l'assoluta genialità delle sue doti musicali. Sempre attento al lavoro dei suoi contemporanei, egli seppe armonizzare in uno stile particolarissimo e inconfondibile le tendenze innovative del tempo; la sua musica, sia nelle sinfonie e nei concerti solistici, veri e propri capisaldi della musica strumentale moderna, sia nelle opere teatrali, pietre miliari della storia del melodramma, è altamente originale pur senza allontanarsi troppo dal paradigma classicista.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 5281
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019