Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

LE LEGGI DI OHM - verificare le due leggi di Ohm - Esperimento

chimica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

PREPARAZIONE D'UN SALE - REAZIONI DI PRECIPITAZIONE
SOLUZIONI TAMPONE - Si sono eseguite le seguenti esperienze
La legge di Proust
Determinazione del fosforo - Preparazione della curva standard per la determinazione del fosforo
ESTRAZIONE E SEPARAZIONE MEDIANTE CROMATOGRAFIA SU COLONNA DEI PIGMENTI DEGLI SPINACI
PORFIRINE
Approfondimenti : L'Evoluzione delle Stelle [A3003EVO.HTM]
Osservazioni di reazioni di composti mediante reazione chimica di ossidoriduzione
ACIDI E BASI - Analisi dei dati ottenuti e osservazioni
LE LEGGI DI OHM - verificare le due leggi di Ohm - Esperimento

LE LEGGI DI OHM

Obbiettivi: verificare le due leggi di Ohm

Esperimento n° 1

Prima legge di Ohm

Materiale occorrente: generatore; voltmetro; amperometro; resistenza variabile

Intensità

D.d.p.



Resistenza

1

2

2

2

4

2

3

6

2

4

8

2

5

10

2

Descrizione: Abbiamo acceso il generatore e lo abbiamo posizionato su 2 volt, abbiamo notato che l'amperometro segnalava 1 ampere. In seguito abbiamo aumentato di altri due volt e abbiamo notato che l'intensità aumentava ancora. Abbiamo aumentato poi gradualmente di 2 volt in 2 fino ad arrivare a 10 volt. Abbiamo notato che i volt e gli ampere erano direttamente proporzionali con i dati da noi posseduti ( intensità e d.d.p.) abbiamo calcolato seco 919j91j ndo la formula ΔV/I la resistenza.

Grafico sull'esperimento


 Esperimento n° 2

Seconda legge di Ohm

Materiale occorrente: due fili di costantana; uno di nichelcromo; generatore; amperometro; voltmetro.

Lunghezza

Tipo materiale

D.d.p.

Intensità

Resistenza

Ρ (RO)

Spessore

Area

1 metro

costantana

2

0.12 A

16.6 Ω

0.52

0.2 mm

0.03mm^2

0.5 metri

costantana

2

0.24 A

8.3 Ω

0.52

0.2 mm

0.03mm^2

1 metro

costantana

2

0.4 A

5 Ω

0.63

0.4 mm

0.13mm^2




0.5 metri

costantana

2

0.9 A

2.5 Ω

0.63

0.4 mm

0.13mm^2

1 metro

nichelcromo

2

0.12 A

16.6 Ω

1.17

0.3 mm

0.07mm^2

0.5 metri

nichelcromo

2

0.24 A

8.3 Ω

1.17

0.3 mm

0.07mm^2

Descrizione: Abbiamo utilizzato dapprima il filo di costantana e poi quello di nichelcromo, mantenendo la d.d.p. inalterato a 2 volt abbiamo calcolato l'area della sezione circolare e abbiamo notato che al variare della lunghezza e dello spessore del filo variano sia l'intensità, l'area della sezione e la resistenza e con cị varia anche la costante della resistenza il ρ (ro).


Grafici sull'esperimento



Esperimento n°3

                      

Materiale occorrente: Pila; cavetti di collegamento; 2 lampadine.

Descrizione: Abbiamo collegato i cavetti alla prima resistenza (lampadina), abbiamo fatto ancora una serie di collegamenti fra questi cavetti e li abbiamo collegati alla seconda lampadina. Appena attaccavamo l'estremità libera dei cavetti alla pila le lampadine si accendevano. Facendo coś abbiamo ottenuto un mini-circuito in serie.

Dopo aver staccato tutti i cavetti l'uno dall'altro li abbiamo riattaccati in maniera diversa, ottenendo coś un collegamento in parallelo. Nel circuito in serie abbiamo notato che se si spegneva una lampadina l'altra si spegneva mentre nel circuito in parallelo no. Nel circuito in serie l'intensità luminosa delle due lampadine era molto bassa mentre in quello in parallelo tutte avevano intensità( dal punto di vista visivo) maggiore.


Circuito in serie


Circuito in

parallelo

Conclusioni: Con questa esperienza abbiamo verificato le due leggi di Ohm. Nel primo esperimento abbiamo notato che il d.d.p. e l'intensità sono direttamente proporzionali, dal loro rapporto si ottiene una costante chiamata resistenza. Nel secondo esperimento abbiamo verificato la seconda legge di Ohm. Essa dice che la resistenza è direttamente proporzionale alla lunghezza del conduttore e al materiale di cui sono composti. Infatti partendo da lunghezza, spessore, intensità e d.d.p. abbiamo ottenuto la resistenza e con essa siamo riusciti ad ottenere anche gli altri dati mancanti. Nel terzo e ultimo esperimento abbiamo costruito un mini-circuito prima in serie e poi in parallelo. In questo ultimo esperimento abbiamo potuto notare che nel circuito in serie la potenza del generatore (pila) era divisa tra le due lampadine, mentre in quello in parallelo entrambe le lampadine disponevano della massima potenza del circuito. Questa esperienza di laboratorio ci è servita in parte anche per acquistare maggiore "confidenza" con gli strumenti  che abbiamo dovuto utilizzare.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2479
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019