Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

I Saggi alla fiamma

chimica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

AZOTO TOTALE CON IL MEDODO DI KYELDAHAL
APPUNTI DI CHIMICA DI DUO ' DAVIDE
REAZIONI ED EQUAZIONI CHIMICHE
Legge di Boyle P*V = K
VALENZA - Valenza elettrochimica
POTERE DI UNA SOLUZIONE TAMPONE
Relazione di chimica "Soluzioni acide e basiche"
CROMATOGRAFIA - separazione di miscele di sostanze tramite la cromatografia
ABBASSAMENTO CRIOSCOPICO
CHIMICA PER I BENI CULTURALI II

I Saggi alla fiamma


Scopo: Dimostrare che si può riconoscere una sostanza dai colori emessi durante il contatto con la fiamma azzurra del becco Bunsen.

Gli atomi delle sostanze utilizzate nei saggi alla fiamma possiedono nel "guscio" più esterno un elettrone che viene riscaldato dalla fiamma, e quindi acquistando p 737j92h iù energia si sposta su "gusci" più esterni. Quando gli elettroni tornano alla loro posizione originale liberano l'energia prima acquisita emettendo colori diversi che consentono la loro identificazione, questi colori variano da elemento ad elemento e sono diversi a seconda della frequenza d'onda emessa così ogni atomo emette luce di colori diversi e tramite questa luce si può capire di che elemento si tratta.



 Se un elettrone compie un grandesalto tra i due livelli occupati, cede tanta energia e quindi avrà una grande frequenza emettendo un colore che si avvicinerà al violetto. Se la luce è rossa, invece, la sua frequenza è bassa quindi avrà ceduto poco energia e il salto tra i due livelli sarà stato più piccolo.

La luce visibile dal nostro occhio ha proprio come limiti di visibilità la luce rossa e quella violetto; radiazioni con una maggiore o minore lunghezza d'onda non sono visibili dal nostro occhio se non con particolari strumenti.

Materiale utilizzato:

- Composti di alcuni elementi da riconoscere

- Becco Bunsen

- Bacchetta in vetro in cui inserire il filo di acciaio (o platino)

- Acqua distillata

- Provetta

- Vetrino Blu

Si preleva con l'ansa una piccola quantità di un

Per l' esecuzione  del nostro esperimento si accende il bunsen poi si bagna nell'acqua distillata il filo di acciaio quest'operazione, che andrà ripetuta dopo ogni prova, serve per eliminare dal filo eventuali tracce di materiali che possono falsare i risultati dei test, si prende un po' di sostanza con il filo di acciaio e si mette questo sopra la fiamma azzurra del bunsen. A questo punto si deve osservare i colori prodotti dalle sostanze sia ad occhio nudo che attraverso il vetrino blu. Si pulisce il filo d'acciaio e si ripete da capo tutta l'operazione con una diversa sostanza.

Qui c'e una tabella con i dati sperimentali, cioè il modo per decifrare i colori della fiamma e capire di che elementi si tratta.

Sostanza

Colore

Colore attraverso il vetro blu

Sodio

Giallo persistente

Bianco

Potassio

Viola pallido

Viola

Litio

Rosso persistente




Non si vede nessun colore

Calcio

Rosso mattone

Azzurrino

Rame

Verde smeraldo

Azzurro

Stronzio

Rosso a sprazzi

Azzurrino

Bario

Verde pisello

Bianco

Una volta effettuato l'esperimento possiamo notare che quando noi scaldiamo il filo di metallo con l'elemento, forniamo energia e gli elettroni degli atomi passano da un livello all'altro; sul livello superiore rimangono per un istante per poi tornare in quello di partenza perdendo una certa quantità di energia (livello basso - fornisco energia sotto forma di calore - livello più alto per un istante - perde energia - livello più basso). L'energia ceduta dagli elettroni è sotto forma di luce ed è pari alla differenza tra il livello più basso e quello più alto occupato progressivamente dagli elettroni.

Le possibili fonti di errore: Non sono molte il principale è il fatto che non usiamo acido cloridrico per pulire il filo ma acqua distillata che finisce per falsare i nostri test.I tipi di sali o minerali erano sostanzialmente due ma essi si sono combinati fra loro formando altri tipi di sali.

Conclusioni:

Il nostro compito principale era di analizzare dei sali e di scoprire  tramite il colore quali fossero noi abbiamo scoperto che erano calcio e rame.

In base al materiale che si mette sopra la fiamma il colore prodotto cambia e le sostanze producono colori diversi perché gli elettroni nel tornare alla loro posizione originale liberano diverse quantità di energia.

Riva Francesco







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1505
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019