Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Dante Alighieri

dante


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

come si collega questa opinione alla situazione reale vissuta da Dante?
Il Purgatorio - Canto II - Antipurgatorio
DANTE - La Vita, La Vita Nuova
La formazione umana ed intellettuale di Dante Alighieri
MICRO-SAGGIO di LETTERATURA
PARAFRASI DEL CANTO XXXI - La candida rosa, Stupore di Dante
La produzione stilnovista in Dante
TANTO GENTILE E TANTO ONESTA PARE di DANTE ALIGHIERI
CANTO XXI

Dante Alighieri


        fu un poeta nato a Firenze nel 1265 e morto a Ravenna nel 1321.  Nato da famiglia guelfa di piccola nobiltà (il padre si chiamava Alighiero di Bellincione, la madre donna Bella), allievo di 333d36d Brunetto Latini, si dedicò presto alla poesia, stringendo amicizia con i poeti stilnovisti Guido Cavalcanti, Lapo Gianni e Cino da Pistoia. Nel 1274 incontrò Beatrice Portinari, morta nel 1290, donna di cui si innamorò e che ispirò tutta la sua opera poetica. A lei dedicò la Vita nuova.

 Sposatosi con Gemma Donati, ebbe da lei tre figli: Jacopo, Pietro e Antonia.

Prendeva intanto parte attiva alla vita politica schierandosi con la fazione dei Guelfi Bianchi; dopo aver combattuto a Campaldino contro i Ghibellini d'Arezzo (1289), iscrittosi all'arte dei medici e speziali, fu tra i priori di Firenze (1300).

Nel 1301, mentre era ambasciatore presso il papa Bonifacio VIII, i Guelfi Neri, prevalsi a Firenze con l'aiuto di Carlo di Valois, lo bandirono dalla città (1302), condannandolo in contumacia, sotto l'accusa di baratteria, a una multa e poi al rogo.

Durante l'esilio, andò peregrinando, tra il 1304 e il 1310, per varie città e corti: fu a Forlì, Verona (presso gli Scaligeri), Bologna, in Lunigiana (presso i Malaspina), a Lucca.

La discesa di Arrigo VII (1310) rinfocolò le speranze dell'esule. Dopo l'ultima condanna a morte (1315) dimorò a Verona e infine a Ravenna, presso Guido Novello da Polenta: qui morì nel settembre 1321 e fu sepolto nella tomba che tuttora ne conserva le ceneri.









Privacy

Articolo informazione


Hits: 1050
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019