Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano
Letteratura Antologia Dante Divina commedia Grammatica Latino letteratura Letteratura francese Letteratura greca Letteratura inglese Letteratura italiana Letteratura latina Letteratura spagnola Letteratura tedesca Lettere Lingue Narrativa Poesia
Marketing
Medicina
Scienze
Storia
Tecnica
 
 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Parafrasi di "Federigo degli Alberighi" - ANALISI

letteratura

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

ALTRI DOCUMENTI

TEMA:
Promessi Sposi - capitoli 30 e 31
La figura dell`Innominato
BIANCANEVE - Fiaba dei Fratelli Grimm
Epigramma - La "Antologia Palatina"
- EPICA - CARMINA CONVIVALIA
Pirandello e la Fede
MISURA DI VOLUME - esperienza
PositivismoLa freccia nera - Il contesto storico culturale dell'autore
Le origini del Decadentismo

Parafrasi di "Federigo degli Alberighi"

Una volta a Firenze viveva Federigo di Messer Filippo Alberighi, un giovane famoso per il suo valore nelle armi, per la sua liberalità e cortesia, stimatissimo per tutta la Tosca 747c26h na.
Questi, com'è solito avvenire a tutti gli uomini dal cuore nobile, si innamorò perdutamente di una gentildonna di nome Monna Giovanna, considerata in quei tempi la più bella e la più leggiadra delle donne, che vivevano a Firenze. Per attrarre l'attenzione della bella Monna Giovanna e conquistare il suo cuore Federigo, incominciò a giostrare, a far tornei, ad organizzare sfarzose feste, a donare a tutti, spendendo tutti i suoi averi senza ritegno. Ma lei era onesta quanto bella e non si curava di tutto questo.
Federigo spendendo oltre il proprio limite e non ottenendo nessun risultato con la donna amata, facilmente accadde che rimase povero con soltanto un piccolo podere con le rendite del quale viveva, e un falcone, che era considerato uno dei migliori del mondo.
Così non potendo più vivere in città secondo il suo desiderio e cioè in modo signorile e agiato, andò ad abitare nel suo poderetto a Campi.

Qui sopportava dignitosamente la sua povertà, andando a caccia col suo falcone quando gli era possibile, senza chiedere l'aiuto di altre persone.
 Ora avvenne che, quando Federigo era ridotto in miseria, il marito di Monna Giovanna cadde ammalato gravemente; tanto che, vedendosi ormai alla fine, fece testamento; essendo ricchissimo lasciò tutte le sue ricchezze a suo figlio, già grandicello; e dopo di lui, in caso di prematura morte del figlio, Monna Giovanna, da lui tanto amata, avrebbe ereditato tutto, e morì.

ANALISI

La novella si svolge nell'episodio della visita di Giovanna a Federigo e dell'uccisione del falcone.

Durante il discorso tra i due e nella narrazione condotta dal narratore c'è una predominanza del linguaggio cortese.

Federigo è descritto con simpatia e compassione mentre Giovanna appare fredda, controllata e razionale. Entrambi dimostrano una grande dignità e un'elevata umanità, soprattutto Federigo che, nonostante la situazione difficile in cui si ritrova, non chiede aiuto a nessuno.

La novella ci propone due aspetti e comportamenti molto diversi tra loro ma che

Rispecchiano perfettamente il periodo in cui si svolge la storia: uno è l'eccessiva liberalità del vecchio ceto feudale l'altro è la ricchezza della nuova borghesia

Al termine della novella, con lo sposalizio tra Federigo e Giovanna, l'autore è come se si augurasse il raggiungimento di un equilibrio tra la nobiltà e la borghesia.

Nella prima parte del brano il ritmo si presenta veloce, verso la fine aumenta a causa del discorso diretto.

Articolo informazione


Hits: 2696
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.