Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

EREDE

giurisprudenza


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di



ALTRI DOCUMENTI

MODI DI ESTINZIONE DIVERSI DALL'INADEMPIMENTO
DOMANDE DIRITTO DEL LAVORO Prof. Fiorai Università di Siena
sentenze costitutive
ART.59c.p. CIRCOSTANZE NON CONOSCIUTE O ERRONEAMENTE SUPPOSTE.
FASE DELL'IMPERO UNICO (285/395)
LE FONTI DELLE OBBLIGAZIONI
PEGNO
IL DANNO NELLE OBBLIGAZIONI PECUNIARIE
AZIONI A DIFESA DEI DIRITTI DI GODIMENTO

EREDE

Erede è colui che subentra nella generalità delle posizioni attive e passive del defunto o in una quota di essa, eccettuati i diritti specificamente attribuiti ai successori a titolo particolare.

Fissata la nozione di erede altro problema connesso ma distinto concerne i criteri di determinazione dell'erede, e cioè i criteri di accertamento del carattere universale o particolare della chiamata successoria.

Tali criteri possono ricondursi a quello dell'attribuzione della qualità di erede e a quello dell'attribuzione dell'universalità dei beni o di una quota di essi.

Il primo criterio accerta come disposizione a carattere universale quella che nomina direttamente il designato quale erede o successore universale (es.:. nomino mio figlio A unico erede).

Il secondo criterio accerta come disposizione a carattere universale quella che attribuisce al designato l'universalità dei beni o una quota di essi (es.: lascio la metà del patrimonio a mio figlio A) (588' cc.).

Universalità deve intendersi come generalità dei beni. Ciò che rileva è l'intenzione del testatore di assegnare la generalità dei suoi beni, e cioè i beni nel loro complesso, e non invece singoli, determinati beni.

Anche l'assegnazione di determinati beni può per altro concretare una disposizione a titolo universale se il testatore intendeva assegnare tali beni come quota del patrimonio (588 2 cc.).

I due criteri, quello della nomina e quello dell'attribuzione dei beni, possono concorrere. Quando tuttavia vi è contrasto tra il primo e il secondo, prevale il criterio dell'attribuzione dei beni se il testatore dispone della generalità di essi. Chi riceve la generalità dei beni è infatti per ciò stesso successore universale del defunto, e una contraria indicazione di quest'ultimo deve intendersi come erronea o comunque irrilevante.










Privacy

Articolo informazione


Hits: 1168
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2019