Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Schema sul Diritto di Famiglia - Il DIRITTO DI FAMIGLIA

diritto


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

La filiazione: legittima, naturale, adottiva. - La filiazione legittima e le presunzioni legali
L'ORGANIZZAZIONE DELLA SOCIETA' PER AZIONI
Diritto - Caratteristiche dello statuto Albertino
DIRITTO PUBBLICO COMPARATO - Appunti lezioni -
GLI ORGANI DEL FALLIMENTO
CAPITOLO DI DIRITTO - LE FONTI NON CONTRATTUALI DELLE OBBLIGAZIONI
Tra i Diritti Soggetivi
IL DIRITTO PRIVATO - IL DIRITTO - LA NORMA GIURIDICA
LEGISLAZIONE URBANISTICA
Soggetti del diritto

"Schema sul Diritto di Famiglia"

La famiglia è un organismo molto importante, non solo dal punto di vista etico e giuridico, ma anche dal punto di vista più strettamente sociale, dal momento che è fondamento della stessa continuità della specie.

Pertanto lo Stato ma 545e47f nifesta un vero e proprio interesse nei confronti della famiglia basato sulla massima attenzione e cura nel regolarla con norme riguardanti il DIRITTO DI FAMIGLIA.

Il DIRITTO DI FAMIGLIA regola dunque



-          Il matrimonio, che è lo stesso fondamento della famiglia legittima

-          I rapporti tra i coniugi

-          I rapporti tra genitori e figli

-          Gli istituti di protezione degli incapaci

-          Ecc.

I rapporti di famiglia derivano quindi dal vincolo coniugale, che unisce i coniugi tra loro, dall'affinità, che in seguito al matrimonio si stabilisce fra un coniuge e i parenti dell'altro coniuge e dalla generazione, che fa sorgere la parentela.

1. Parentela ed affinità

La PARENTELA è il vincolo tra persone che discendono da uno stesso stipite. Pertanto si basa sul vincolo di sangue.

Può essere in

  1. linea retta, e cioè sono parenti in linea retta le persone di cui una discende dall'altra (esempio: il nonno, il padre, la figlia)

  1. linea collaterale, e cioè sono parenti in linea collaterale quelle persone che pur avendo uno stipite comune, non discendono l'una dall'altra (esempio: fratello e sorella; zio e nipote)

Il GRADO, invece, indica l'intensità del vincolo e si misura in base al numero delle generazioni che collegano i parenti tra loro e si determina:

1.      in linea retta, calcolando tanti gradi quante sono le generazioni con esclusione dello stipite (esempio: il figlio e la madre sono parenti in linea retta di primo grado)

2.      in linea collaterale, calcolando tanti gradi quante sono le generazioni, risalendo dalla persona che si considera fino allo stipite e ridiscendendo all'altra persona, escludendo il calcolo dello stipite (esempio: fratello e sorella sono parenti in linea collaterale in secondo grado, in quanto si deve passare dal fratello al padre e quindi ridiscendere alla sorella).

La parentela può essere inoltre:

a)     LEGITTIMA

 Quando la generazione avviene tra persone coniugate tra loro in matrimonio.

b)     ILLEGITTIMA

Quando la generazione non avviene in costanza di matrimonio.

c)     CIVILE

Quando deriva dall'adozione e quindi da un rapporto regolato dalla legge.



L'AFFINITÀ  è  il vincolo tra un coniuge e i parenti dell'altro coniuge, pertanto la causa generatrice dell'affinità è il matrimonio. Si avvale dei gradi di parentela, cosicché nella linea e nel grado in cui un individuo è parente di uno dei coniugi, egli è affine dell'altro coniuge

(esempio: i genitori di un coniuge (suocero e suocera) sono affini di primo grado in linea retta con l'altro coniuge (genero o nuora), perché sono parenti in primo grado in linea retta col figlio o figlia)


2. Il matrimonio

E' un negozio giuridico, con il quale un uomo ed una donna manifestano la reciproca volontà di unirsi incondizionatamente in una piena comunione di vita spirituale e materiale, ed inoltre rappresenta il complesso dei duraturi rapporti che l'atto matrimoniale instaura tra i coniugi.

In seguito al Concordato tra Stato e Chiesa del 1929 ed alla legislazione successiva, il nostro ordinamento prevede tre forme di matrimonio:

  1. matrimonio civile
  2. matrimonio religioso cattolico
  3. matrimonio religioso acattolico

Sono altresì previste dal codice delle condizioni necessarie per contrarre il matrimonio che valgono per il matrimonio civile, religioso acattolico ed in parte per quello religioso cattolico (quest'ultimo infatti richiede l'aggiunta di alcuni requisiti di natura strettamente religiosa come ad esempio la condizione di battezzato di entrambi gli sposi).

Tali condizioni sono:

a)     ETA' (occorre la maggiore età, con eccezione del minore emancipato che può essere autorizzato a contrarre matrimonio a 16 anni)

b)     CAPACITA' DI INTENDERE E DI VOLERE

c)      LIBERTA' DI STATO (non può contrarre matrimonio chi è legato da precedente vincolo di matrimonio)

d)     ASSENZA DI IMPEDIMENTO DI PARENTELA O AFFINITA'

e)     INESISTENZA DI DELITTO (non possono contrarre matrimonio tra loro le persone delle quali l'uno sia stato condannato per tentato o consumato omicidio sul coniuge dell'altra)


3. FILIAZIONE

E' il vincolo che unisce una persona a chi l'ha generata.
Si distingue in

  • LEGITTIMA , e cioè la filiazione concepita durante il matrimonio
  • NATURALE, si tratta dei figli nati al di fuori del matrimonio.

I rapporti tra genitori e figli sono regolati dal codice civile.

L'ADOZIONE, invece è un istituto giuridico la cui caratteristica consiste nel creare fra due persone estranee un vincolo che imita quello della filiazione.

La legge disciplina due specie di ADOZIONE, quella di persone di maggiore età e quella di persone di minore età.



Articolo informazione


Hits: 5575
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017