Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Relazione di telecomunicazione - Schema elettrico

elettronica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

Alunno: Russo Cristofaro

Classe: V   Sezione: H

DATA 08/02/2001

Relazione di telecomunicazione


Schema elettrico


R=R*=5K

C=0,01 μF

fp=200 kHz

Fm=1 kHz

Il circuito riportato in figura ha come componenti princip 444e42e ali due operazionali due diodi, considerati ideali, tre resistenze e un condensatore i cui valori sono rispettivamente:






All'ingresso è applicato un segnale Vp sinusoidale con frequenza 200 kHz; al circuito è applicata prima la parte positiva e poi la parte negativa del segnale, quindi possiamo studiare il circuito dividendolo in due circuiti equivalenti. Formulando le nostre ipotesi sui diodi e sugli operazionali, in pratica rendendoli ideali, andiamo a studiare i due circuiti, cortocircuitando o aprendo i diodi.







Quando la Vp è positiva il circuito è il seguente:



Come vediamo applicando una tensione positiva in ingresso abbiamo D1 polarizzato inversamente, quindi si comporta come circuito aperto, e D2 polarizzato direttamente, quindi si comporta come cortocircuito. Il condensatore si incomincia a caricare, con una costante di tempo pari a τ=R*C, quindi la vc aumenta, il circuito si comporta come un unico inseguitore, e sì ha che la tensione di ingresso Vp è uguale a Vc.


Quando la Vp è negativa il circuito è il seguente:



Se invece la tensione Vp e negativa in ingresso abbiamo D1 polarizzato direttamente, quindi si comporta come cortocircuito, mentre D2 e polarizzato inversamente, quindi è un circuito aperto. In questo caso abbiamo due inseguitori separati il condensatore comincia a scaricarsi, quindi la Vc comincia a scaricarsi, con una costante di tempo pari a τ = R x C. La R* in figura serve solo per distinguere i due potenziali.




Per calcolarci la variazione fra una carica e una successiva del condensatore usiamo la seguente formula dove se andiamo a sostituire si ha che siccome semplificando si ha quindi come possiamo vedere la variazione di Vc tra una carica e la successiva del condensatore e del 10%.

Per vedere se il segnale è in grado di eseguire correttamente l'inviluppo del segnale modulato o se c'è taglio diagonale dobbiamo porre RC >> di tp, periodo del segnale portante, siccome pari a pari a quindi con questa situazione si ha distorsione di taglio diagonale, per eliminare la distorsione poniamo dove fm e la frequenza del segnale modulante quindi possiamo scrivere quindi per eliminare la distorsione dobbiamo avere una .







Privacy

Articolo informazione


Hits: 1410
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020