Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Storia dell'Arte - OPERE - Iconografia

storia dell arte


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

Opera

Autore

Data




Materiale

Stile

Dov'è?

Iconografia

Vaso del Dipylon


750 a. C.

Ceramica dipinta

Arcaico

Atene, museo nazionale

Stile geometrico. Rappresentazione funebre.

Olpe Chigi


640 a. C.

Ceramica policroma

Arcaico

Roma

Rappresentazione su due fasce. Fascia inferiore espisodi mitici. Fasca superiore scena di battaglia tra falange oplitiche.

Kleobis e Biton

Polymedes di Argo

580 a. C.

Marmo

Dorico

Delfi, museo

(forse) due gemelli mitici Kleobis e Biton o la coppia di amici Castore e Polluce. Ideale dorico della bellezza virile. (Kuroi).

Moschophoros


560 a. C.

Marmo

Dorico

Atene, museo dell'Acropoli

Giovane ateniese, che porta sulle spalle un vitello da offrire alla dea Atena. Personalizzazione dei tratti del kouros per rappresentare l'offerente stesso.

Era di Samo


560 a. C.

Marmo

Abito ionico

Parigi, museo de 424h79e l Louvre

Kore orientale,posa e meno rigida. Donna offerente con una mano al petto. Assomiglia ad una colonna.

Anfora Campaniforme a figure nere

Exechias

540-530 a. C.

Ceramica dipinta

Arcaico

Musei vaticani

Scena di Achille e Aiace che giocano a dadi: figure speculari, ma non ripetitive. Tecnica a figure nere.

Cratere di Eracle e Anteo

Euphronios

520-510 a. C.

Ceramica dipinta

Classico

Parigi, museo de 424h79e l Louvre

Pittura su ceramica a figure rosse. Scena di lotta con perizia grafica. Realismo estremo e rendere la psicologia dei personaggi. Rappresentazione mista dei corpi di fronte e di profilo.

Tirannicidi

Kritos e Nesiotes

477-476 a. C.

Marmo

Severo

Napoli

Due ateniesi eletti eroi della democrazia contro la tirannide. Protagonisti colti nel momento dell'azione.

Auriga di Delfio


470-470 a. C.

Bronzo

Severo

Delfi, museo

Parte di un gruppo scultoreo dedicato a Polizelo, vincitore ai giochi di Delfi. Attenzione ai particolari e ricerca di una perfezione.



Discobolo

Mirone

450 a. C.

Marmo

Severo

Roma

Rappresentazione dell'arresto del movimento nell'attimo decisivo. Posizione scomponibile in diverse figure geometriche: ricerca dell'archetipo.

Doriforo

Policleto

440 a. C.

Marmo

Classico

Napoli

Ricerca di un canone per la perfezione. Disposizone chiastica degli elementi. Rappresenta un portatore di lancia.

Hermes con Dioniso fanciullo

Prassitele

340 a. C.

Marmo

Classico

Olimpia, museo

Opera vista nel tempio di Era a Olimpia. Ripresa del movimento nello spazio e rappresentazione di un momento di intimità. Raffinato e diverso uso del marmo.

Apoxyomenos

Lisippo

320 a. C.

Marmo

Ellenistico

Musei vaticano

Atleta che si deterge. Perfezione eroica, immutabile. Ricerca dell'eleganza e dell'espressività.

Nike di Samotracia

Pitocrito

200 a. C.

Marmo

Ellenistico

Parigi, museo de 424h79e l Louvre

Parte di un monumento commemorativo sovrastante una fontana: la Vittoria si sposa sulla prua di una nave. Posa enfatica e ricchezza espressiva. Richiamo a figure di età classica.

Gruppo di Laocoonte

Agesandro, Polidoro, Atonodoro

I sec a. C.

Marmo

Ellenistico

Musei vaticani

Episodio del mito legato alla guerra di Troia. Stile patetico e magniloquenti; forti contasti chiaroscuro; accentuata contorsione dei corpi.

Storia dell'Arte

OPERE

Opera

Data

Stile

Dov'è?

Iconografia

Frontone

Tempio di Era a Olimpia

VII - VI sec. a. C.

Dorico

Olimpia

Forma allungata, su un basamento, perimetro di colonne, copertura in legno e terracotta, fregio articolato in triglifi e metope. Colonne doriche. Tetto laconio; sull'acroterio dico di terracotta, veicola un'idea di forza e potenza. Esastilo.


Tempio di Artemide a Corfù

580 a. C.

Dorico

Corfù

Primo tempio con trabeazione in pietra e frontone decorato con sculture.

Scena apotropaica; medusa nella posa della corsa; a sinistra un leone.

Thesauros dei Sifni

530-525 a. C.

Ionico

Sifni

Realizzato cn le ricchezze degli abitanti di Sifni; opera di due artisti diversi; fregio straordinario e innovativo, narra 4 miti diversi: nord: Gigantomachia; est: Concilio degli dei durante la guerra di Troia; ovest: giudizio di Paride; sud: Ratto da parte dei dioscuri.



Orientale: contesa del tripode delfico fra apollo ed Eracle con al centro Zeus, ai lati le donne e i carri.

Tempio di Atena Aphaia a Egina

510-500 a. C.

490-480 a.C.

Dorico

Egina

Struttura armoniosa e monumentale; colonne slanciate, capitelli leggeri, colonnato arioso, cella piccola. Esastilo.

Ovest: arcaico, Atena al centro con 10 figure totali, figure dei combattenti, seguono la linea del frontone.

Est: fase della guerra di Troia, dei e semidei prendono parte al combattimento.

Tempio di Zeus ad Olimpia

470-456 a. C.

460-450 a. C.

Dorico

Olimpia

Struttura massicia con prevalenza dei pieni sui vuoti. Conflitto angolare. Decorazione scultorea grandiosa e coerente, di stile severo. Esastilo.

Est: scena statica e atmosfera sospesa; disposizone delle figure con pause; giuramento prima della gara tra Pelope ed Enomao.

Ovest: lotta tra centauri e Lapiti. Scena concitata e varia, con soluzioni innovative che tentano di esprimere emozioni.


Propilei

437-432 a. C.

Dorico

Acropoli

Di Mnesicle; edificio innovativo dal punto di vita funzionale, con geniali soluzioni scenografiche. Cercava di dare una buona impressione al visitatore che saliva all'acropoli.  Piccoli templi esastili, con tre navate interne, con tre file di colonne ioniche; sala con tre colonne doriche.


Eretteo

421-406 a. C.

Ionico

Acropoli

Di Callicrate. Tempio dedicato al dio Erittonio. Sei Colonne ioniche con un fregio marmoreo; la cella ospitava la statua della dea Atena. Nella parte sud una specie di terrazzo con sei statue femminile (cariatidi) con peplo ionico.


Tempio di Atena Nike

425-420 a. C.

Ionico

Acropli

Dai Callicrate. Più piccolo dei templi dell'Acropoli; no pronao e opistodomo; la cella è più larga che profonda. Tempio tetrastilo. All'esterno un fregio ionico continuo su tutti e quattro i lati.

Est: divinità stanti, con al centro Atena tra Zeus e Poseidone.

Altri tre: scene di battaglia.

Gigantomachia sulla faccia orientale, amazzonomiachia su quella occidentale. Gli stessi soggetti sulle metope del Partenone.

TEMPLI

Partenone


STRUTTURA:


Acropoli di Atene;

Opera di Ictinio;

447-438 a. C.;

Tempio costruito per esprimere e dimostrare la potenza di Atene;

Pericle ispiratore, Fidia sovraintendente;

Costruito nel rispetto della proporzione 9:4, incarna la perfezione classica;

Impatto più luminoso e leggero del doroco tradizonale;

Cella ampia e solenna, per ospitare la statua di Atena;

Soluzioni architettoniche per correggere le distorsioni ottiche;

Tempio ottastilo;

Conflitto angolare;


DECORAZIONI SCULTOREE:


447-432 a.C.

Marmo;

Complesso scultoreo colossalema unitario, ricco e fastoso;

Ideazione di Fidia, realizzazione da parte di artisti e officine diverse;

Metope doriche, un mito per ogni lato:

o       Est: Gigantomachia;

o       Sud: Centauromachia;

o       Ovest: Amazonomachia;

o       Nord: Guerra di Troia.

Fregio ionico, per la prima volta in un tempio dorico; dedicato alle Panatenee;

Frontoni dinamici e solenni; quello est rapprenta la nascita di Atena dal capo di Zeus; ovest: contesa tra Atena e Poseidone per il controllo dell'Attica;

Atena Perthenos: ricchezza e dimensioni eccezionali, decorazione elaborata. In parte d'oro e in partein avorio.


Mausoleo di Alicarnasso


360-350 a.C.

Decorazioni scultoree in marmo;

Sepoltura di un sovrano asiatico: fastosa, ricca e imponente;

Opera dei migliori architetti greci;

Impiato stravagante rispetto ai modelli greci;

Decorazione ricchissima: fregi (Amazzonomachia, Centauromachia, Corsa dei carri) e statue a tutto tondo;

Statue: stile energico;

Nel punto più alto raffugurati Mausolo e Artemisia.



Altare di Pergamo


Metà II sec. a. C.

Ora si trova a Berlino, prima nell'Acropoli di Prgamo;

Marmo

2 tipi di fregio, uno più grande (gigantomachia) e uno più piccolo (storie di Telefo);

Gigantomachia: violento dinamismo, coinvolgimento emotivo dello spettatore, richiamo al modello fidiaco del Partenone; le figure debordano anche sulla scalinata stessa;

Storie di Telefo: vicinanaza ai modelli pittorici (rilievo scarsamente marcato, sondi paesaggisitici).








Privacy




Articolo informazione


Hits: 3034
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2022