Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Verifica sperimentale della legge di Hooke

fisica



Laboratorio di Fisica/Chimica

Esperienza del:


Indicatore

Giudizio



Alunno: Simone Ruggeri







Contenuti


Classe: 1^ H









Esposizione/











Propr. Ling.


Componenti gruppo di lavoro:







Applicazioni/


 Chiarello Jessica,Giordano Taddei,Pasqualini Edoardo,Pancioni Luca





Esempi











Estetica/











Grafica











Votazione:




Titolo: Verifica sperimentale della legge di Hooke



Scopo: Verificare e trovare una relazione tra la forza applicata e la deformazione che essa subisce. Verificare se tra il peso e l'allungamento c'è una proporzionalità diretta.






Materiali: Molla con spire grandi,Molla con spire piccole(ravvicinate),Catetometro,Asta di sostegno per molle,Metro flessibile,Porta pesi,Pesetti



NOME DELLO

STRUMENTO

GRANDEZZA

MISURATA

SENSIBILITA'

CAMPO DI

MISURA

Metro flessibile

lunghezza

0,001 m

0,000 m ÷ 2,000 m

Catetometro

lunghezza

0,001 m

0,000 m ÷ 0,800 m




Schema:









747d31h 747d31h 747d31h 747d31h 747d31h 747d31h

747d31h 747d31h 747d31h 747d31h 747d31h 747d31h






747d31h Asta di sostegno 747d31h     Catetometro con cursori Porta pesi

















Procedimento: Questa esperienza è stata effettuata utilizzando 2 molle con un diverso limite di elasticità.



747d31h 747d31h 747d31h Molla 1

Abbiamo fissato il primo traguardo del catetometro,in linea con l'estremità inferiore della molla 1 in posizione di riposo.

Appendere il porta pesi sulla molla e fissare il secondo cursore sempre in linea con la parte inferiore della molla.

Abbiamo misurato la distanza tra un cursore e l'altro con il metro flessibile.

Abbiamo ripetuto le stesse operazioni di misura utilizzando le diverse masse e per ognuna di esse abbiamo determinato l'allungamento della molla.

Abbiamo calcolato il peso applicato sulla molla con la seguente formula:massa dei pesetti x 9,81 N / Kg.

Calcolare la costante di elasticità facendo il rapporto fra il peso e l'allungamento.



747d31h    747d31h Molla 2


Caricare la molla con il peso da 50 g in modo da rendere più elastica la molla.

Ripetere le stesse operazioni fatte in precedenza con la molla 1.



Dati: 747d31h 747d31h 747d31h 747d31h   


747d31h     747d31h   MOLLA 1 747d31h 747d31h


747d31h DATI

Prova

m(Kg)

li   (m)

lf (m)







1

0,000

0,000

0,000

2


0,341

0,356

3

0,020

0,341

0,372

4

0,030

0,341

0,388

5

0,040

0,341

0,404

6

0,050

0,341

0,420



Legenda:

lf =lunghezza finale 747d31h    747d31h  


li =lunghezza iniziale 747d31h   






747d31h 747d31h

747d31h 747d31h 747d31h   MOLLA 2




747d31h DATI

Prova

m(Kg)

li   (m)

lf (m)







1

0,000

0,000

0,000

2


0,396

0,425

3

0,020

0,396

0,454

4

0,030

0,396

0,482

5

0,040

0,396

0,510

6

0,050

0,396

0,542
















Elaborazioni:


Calcolo del peso


Legenda:

P = peso

K = costante di elasticità

m = massa

∆ l = allungamento molla

P = m ∙ 9,81 N / Kg


P1 = 0,00 Kg ∙ 9,81 N / Kg = 0,000 N


P2 = 0,01 Kg ∙ 9,81 N / Kg = 0,098 N


P3 = 0,02 Kg ∙ 9,81 N / Kg = 0,196 N


P4 = 0,03 Kg ∙ 9,81 N / Kg = 0,294 N


P5 = 0,04 Kg ∙ 9,81 N / Kg = 0,392 N


P6 = 0,05 Kg ∙ 9,81 N / Kg = 0,491 N



Calcolo della costante di elasticità 747d31h 747d31h    Legenda:

747d31h 747d31h   747d31h 747d31h 747d31h   m = metro 747d31h 747d31h 747d31h 747d31h    

K (N / m) = P (N) / ∆ l (m)


K1 = 0,000 N / 0,000 m = 0 N / m


K2 = 0,098 N / 0,015 m = 6,53 N / m


K3 = 0,196 N / 0,031 m = 6,32 N / m


K4 = 0,294 N / 0,047 m = 6,25 N / m


K5 = 0,392 N / 0,063 m = 6,22 N / m


K6 = 0,491 N / 0,079 m = 6,21 N / m


747d31h 747d31h  

747d31h 747d31h MOLLA 1 747d31h 747d31h    


747d31h ELABORAZIONI

Prova

P(N)

∆ l (m)

K (N/m)

1

0,000

0,000±0,001

0,00

2

0,098

0,015±0,001

6,53

3

0,196

0,031±0,001

6,32

4

0,294

0,047±0,001

6,25

5

0,392

0,063±0,001

6,22

6

0,491

0,079±0,001

6,21


747d31h 747d31h   


747d31h    747d31h     747d31h   MOLLA 2



747d31h  ELABORAZIONI

Prova

P(N)

∆ l (m)

K (N/m)

1

0,000

0,000±0,001

0,00

2

0,098

0,029±0,001

6,53

3

0,196

0,058±0,001

6,32

4

0,294

0,086±0,001

6,25

5

0,392

0,114±0,001

6,22

6

0,491

0,146±0,001

6,21








Calcolo degli errori


Eass (∆ l) =sensibilità dello strumento = 0,001m









Osservazioni:



Per rendere la molla con spire più ravvicinate, meno rigida le è stato agganciato il peso da 50 g. A questo punto abbiamo considerato la molla scarica.


Il catetometro è uno strumento di misura, in questa esperienza però lo abbiamo utilizzato come appoggio per i cursori. In base al grafico costruito, tra la forza applicata ad una molla e gli allungamenti subiti c'è una proporzionalità diretta, perché interpolando i punti abbiamo ottenuto una semiretta uscente dall' origine. Possiamo anche osservare che la molla più rigida è la 1 perché il grafico ci dimostra che a parità di forza la molla 1 ho subito un allungamento minore della molla 2.




Sempre prendendo in considerazione il grafico,si può dire che le due semirette ottenute estrapolando i punti non possono essere estrapolate all'infinito perché la molla arriverebbe al suo punto di rottura e quindi di deformazione permanente.

Inoltre si può osservare che la molla la si può allungare anche a mano e quindi applicarle una forza,ma non è possibile calcolarne l'intensità.

Infine si può osservare che ciascuna retta di interpolazione forma con l'asse delle ascisse, 2 angoli,uno più ampio e l'altro meno,più l'angolo è ampio e più la molla è rigida,quindi più l'angolo è piccolo e più la molla è elastica.








Esempi / Confronto con la realtà:


Un esempio che può andar bene con la nostra esperienza è il principio di funzionamento della molla in una penna. Questa funziona così: quando si clicca sul pulsante per far venir fuori la testa della penna,si applica una forza con il dito e quindi la molla si comprime,mentre quando si clicca sul pulsante per far venir dentro la testa della penna,la molla ritorna in posizione di riposo,cioè come era prima che la si comprimesse.









Conclusioni:


Da questa esperienza possiamo dire che la forza applicata ad una molla è direttamente proporzionale all'allungamento che subisce. Infine possiamo concludere dicendo che l' esperienza è riuscita,perché quanto detto prima è in accordo con la legge di Hooke.










Grafici:


Abbiamo disegnato un grafico cartesiano rappresentante la costanti di elasticità della molla 1 e 2

Abbiamo messo nell'asse delle ascisse la variazione di lunghezza (∆ l),mentre nell'asse della ordinate la forza peso (P)

Infine abbiamo estrapolato le 2 serie di punti
































P(N)

∆ l (m)



















747d31h




747d31h    747d31h 747d31h  






P(N)

∆ l (m)






















747d31h MOLLA1 747d31h 747d31h 747d31h MOLLA 2




































Privacy




Articolo informazione


Hits: 2990
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2024