Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

L'economia della civiltà della valle dell'Indo (confronto con le altre civiltà di quel tempo)

letteratura




Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

L'economia della civiltà della valle dell'Indo (confronto con le altre civiltà di quel tempo)


La civiltà degli Indo è la più antica civiltà nota dell'Asia meridionale, corrispondente alle culture dell'età del bronzo nell'antico Egitto, in Mesopotamia e a Creta. I resti degli insediamenti furono rinvenuti lungo la valle dell'Indo in Pakistan, a ovest lungo la costa, negli stati nordoccidentali fino a Nuova Delh 313c26d i e nell'Afganistan settentrionale, e comprendono una delle maggiori aree geografiche coperte da una singola civiltà dell'età del bronzo[1].

Il fabbisogno di stagno, abbondante in Anatolia e nell'Europa sudoccidentale, e la diffusione del bronzo provocarono notevoli cambiamenti sociali ed economici, quali il sorgere di nuove professioni (cercatori e minatori) e lo sviluppo del commercio di lingotti, il cui controllo conferì potere politico ed economico, nonché prestigio sociale, a determinati gruppi.



Moderni esperimenti hanno dimostrato che armi ed utensili in bronzo non erano molto più affilati di quelli in pietra; ciò fa presupporre che l'uso del bronzo fu un fenomeno strettamente collegato allo status sociale. Più pregiato e lucente, costituiva uno strumento di ostentazione del potere e della ricchezza, che l'aristocrazia preistorica esibiva con gioielli, ornamenti e armi riccamente decorate.

Gli oggetti dell'artigianato mostrano un alto livello di specializzazione e comprendono ceramica con decorazioni nere su fondo rosso, giocattoli e statuette fittili, perle di cornalina incise, ornamenti e utensili in metallo (bronzo, argento e oro) e sigilli recanti una scrittura non decifrata.

Gli Indo restavano comunque prevalentemente pastori nomadi che allevavano pecore e maiali e praticavano un'agricoltura molto primitiva, abbandonando i terreni quando questi non rendevano più.

Era quindi molto forte il contrasto sia con i popoli delle grandi valli fluviali (dall'agricoltura ricca e sviluppata), sia con le popolazioni mediterranee di agricoltori sedentari.

Ad esempio, l'economia degli ittiti era basata sull'agricoltura: erano coltivati prevalentemente grano e orzo, e venivano allevati bovini e ovini. Ricchi giacimenti di rame, piombo, argento e ferro venivano lavorati con tecniche molto progredite per l'epoca: questa popolazione potrebbe essere stata la prima a lavorare il ferro.

Anche i Sumeri avevano un'economia più rigogliosa degli Indo; avevano inventato un sistema di irrigazione (sempre curato e riparato) che permetteva di sfruttare al meglio la preziosa e rara risorsa dell'acqua, necessaria e fondamentale per l'agricoltura al punto che, nell'economia degli Indo, erano molto importanti i venditori d'acqua. Nei loro locali sono stati trovati molti frammenti spezzati di rozze coppe d'argilla, perché forse, come accade tuttora, i clienti, dopo aver bevuto, gettavano via la loro coppa. Se ne deduce che gli artigiani delle città dell'Indo producevano in gran parte per il mercato, e questo può far sorgere il dubbio dell'esistenza o meno di una moneta circolante. Rimane comunque incerto, ma la presenza di una grande serie di case vicine a magazzini e negozi indicano una forte e prosperosa comunità mercantile. Il mistero, però, rimane ancora senza soluzione.



Preceduta dal Neolitico e seguita dall'età del ferro, corrisponde in Europa al periodo compreso tra il 2000 e il 700 a.C.







Privacy

Articolo informazione


Hits: 2921
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020