Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

LA CONCORRENZA E LA DIFFERENZIAZIONE DEI PRODOTTI - La tutela del diritto d'autore: oggetto e contenuto

giurisprudenza




Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di

LA CONCORRENZA E LA DIFFERENZIAZIONE DEI PRODOTTI.

La tutela del diritto d'autore: oggetto e contenuto.

L'articolo 2575 e 1 della legge sulla tutela dell'autore considerano costituenti

di tale diritto le scienze, letteratura, arte figurativa, teatro e

cinematografia in qualsiasi modo e forma espressiva.

Per quanto riguarda le opere di ingegno e le invenzioni si deve distinguere tra

poteri riconducibili alla tutela della personalità che sono irrinunciabili,

imprescrittibili e intrasmissibili, e poteri riconducibili alla sfera

patrimoniale dei soggetti interessati ai diritti.

I diritti economici, patrimoniali, durano per la vita dell'autore e per

cinquant'anni dalla scomparsa , ed in questo caso spettano agli aventi titolo

per atti inter vivos o mortis causa.

I contratti tipici di utilizzazione del diritto economico di autore è



l'edizione, con cui si cede all'editore il diritto di utilizzazione, e i

contratti di esecuzione o rappresentazione per le opere musicali e teatrali.

Talune fattispecie protette, quali l'arte applicata e i programmi per

calcolatore.

L'arte applicata alle creazioni industriali è la strada che l'imprenditore

scegli di percorrere per reagire alla standardizzazione della produzione in

serie, dunque che utilizza per differenziare i propri prodotti.

La normativa sul diritto d'autore considera comprendenti in questa disciplina i

designer industriali, arte applicata all'industria, qualora il contenuto

artistico sia scindibile dal prodotto industriale, e per scindibile si è voluto

intendere la qualità artistica che concettualmente si può scindere dall'oggetto

materiale, per cui qualora vi siano tali requisiti il diritto sull'opera viene

tutelato alla pari di quelli statutariamente previsti dalla legge come pittura,

disegno e scultura.





La tutela del segreto industriale e del know how.


Il segreto industriale è l'insieme delle tecniche di gestione e operative non

singolarmente brevettabili, ma che assieme configurandosi quale know how è stato

in tre tappe tutelato e la terza di queste eleva lo eleva ad un rango

sostanzialmente pari a quello dei beni immateriali brevettabili.

I segni distintivi : la ditta e l'insegna.

Fra le variate strategie di differenziazione dei prodotti quelli che più

importano, tanto che regolati da legge sono il marchio l'insegna e la ditta.

La ditta è il nome sotto cui l'imprenditore esercita l'impresa mentre l'insegna

è il nome ed il simbolo dell'azienda.

La ditta deve essere necessariamente costituita anche dal cognome o dalla sigla

dell'imprenditore, mentre l'altra parte può anche essere di pura fantasia,

sempre che il nome non induca all'inganno il consumatore.



L'onere della differenziazione della ditta ex 2564 è difficoltoso vista

l'assenza del registro delle imprese fino al 1990.

L'articolo 2565 disciplina la trasferibilità della ditta in capo ad altre

persone, la c.d. ditta derivata.

Per l'insegna si applicano come 2568 le regole della ditta, pure potendo variare

con maggiore liberta non avendo nessuna limitazione propria, solo quella

generica dell'originalità.

Per mezzo di pratiche e contratti commerciali integrati come il franchising,

sempre più importanza sta assumendo il ruolo dell'insegna.

i marchi d'impresa in generale, l'acquisto del diritto del marchio.

La funzione del marchio, comunque esso sia costituito, è quella di collegare un

bene o un servizio all'impresa da cui derivano.

L'acquisto del titolo di esclusività nell'utilizzazione del marchia si acquista

per registrazione e deposito del marchio o per uso di fatto del segno.

Il diritto di utilizzazione dura dieci anni colla possibilità di rinnovo alla

scadenza aart.4 l. marchio 1992.

Qualora non si procedi alla registrazione del marchio, per detenerne

l'esclusività occorre dimostrare un uso di fatto cioè dimostrare che

l'imprenditore intenda utilizzarlo come segno distintivo dei suoi prodotti e

servizi, fatto che può aversi ad esempio colla pubblicità.

Essendo la funzione del marchio quella di rendere riconoscibili dei prodotti,

contiene in maniera intrinseca la dfn di impresa, da qui il divieto di chiederne

l'utilizzazione ai non imprenditori fino alla riforma del 92.

L'articolo 22 della l. marchio infatti contiene l'utilizzazione indiretta del

marchio, cioè si considera sufficiente ai fini della registrazione anche un uso

indiretto da parte di imprenditori che sia controllanti dell'impresa.

Così anche si legittima il possesso del marchio da chi imprenditore non lo è.









Privacy

Articolo informazione


Hits: 1316
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020