Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

PANORAMA dell'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA

tecnologia delle costruzioni


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

PANORAMA dell'ARCHITETTURA CONTEMPORANEA


  1. Tardi sviluppi del Movimento Moderno

Le idee sull'architettura propagandate dai razionalisti a partire dagli anni 50 non furono + messi in discussione.

Vi erano alcuni principi fondamentali:

la possibilità di costruire 1 città moderna

edifici costruiti in serie

Separazione del traffico automobilistico da quello pedonale.

La nuova città avrebbe dovuto avere 1 nuovo stile, quello moderno, non contaminato dalle forme tradizionali.

Questo modo di pensare venne applicato soprattutto negli edifici residenziali pubblici.




Con questi criteri vennero ricostruite le città tedesche, in gran parte distrutte dalla 2 GM.

In Gran Bretagna fu intrapresa politica di costruzione di nuove città di dimensione compresa tra 20000 e 60000 abitanti, dotate di servizi sociali e di posti di lavoro. In Francia furono costruiti quartieri residenziali di parecchie migliaia di abitanti ciascuno, finanziati dalla Stato. Negli Stati Uniti prevalse il modello dei quartieri suburbani, costruiti da imprenditori privati.


  1. Crisi del 737j95h Movimento Moderno negli anni Cinquanta

Le ultime opere di Le Corburier

le costruzioni di Le Corbusier diventarono sempre + complesse, + ricche di chiaro-scuri, di piani, di volumi aggettanti, di forme curve.


Louis Kahn e le nuove proposte europee

Louis Kahn

Louis Kahn, architetto americano, rielabora 1 nuovo utilizzo degli assi di simmetria e delle forme classiche che lo avvicinano all'architettura classicheggiante di fine '800 . Irealtà Kahn ha trovato la sua ispirazione nell'architettura romana imperiale. I suoi progetti sono prevalentemente edifici istituzionali: la Galleria d'Arte dell'Università di Yale, i laboratori dell'Istituto Richards di Philadelphia, gli edifici governati di Dacca. Le piante hanno un forte richiamo all'antico, le facciate e gli interni sono sorprendenti x la grande scala e la complicità ottenuta con il libero gioco di forme geometriche semplici. Kahn distingue gli spazi serviti da quelli serventi, cambiando completamente la forma dei volumi.


Le nuove proposte europee

In Gran Bretagna nacque il movimento chiamato Brutalismo che si ispirava all'impiego di materiali più ricchi e di forme + complesse delle opere + recenti di Le Corbuser. In Italia 1 gruppo di architetti tra cui Gregotti, Canella, Isola e Gabetti, rivendicarono il diritto di ispirarsi anche alle forme del passato e a quelle delle architetture tardo 800esche delle città padane. Tra le opere + significative va ricordata la Bottega di Erasmo a Torino di Gambetti e Isolo, esempio di stile neoliberty


  1. Dal Moderno al Postmoderno

La svolta negli anni Sessanta

Il modo di costruire proposto dal movimento moderno fu criticato aspramente a partire dagli anni 60, la sua inadeguatezza veniva imputata a 2 motivi:

l'astrattezza delle sue proposte k non davano i risultati sperati

il grande distacco tra l'organizzazione sociale attuale e quella sulla quale il movimento moderno aveva fondato i suoi principi.

Si è così affermato 1 atteggiamento nuovo, detto post-moderno, k cerca di rendesi interprete di 1 società k non si riconosce + nelle regole razionali. Questo atteggiamento post-moderno si  diffuso a partire dallo spettacolo e dalla moda, dalla pubblicità, tutte le forme dalla cultura, compresa l'architettura.

La scuola d'arte e di architettura di Yale costruita da Paul Rudolf nei primi anni 60 è stata 1 dei primi esempi di questo atteggiamento.


  1. Complessità e contraddizione

Negli Stati Uniti si stava affermando la Pop-Art, 1 forma di scultura pittura k riciclava gli oggetti della comunicazione e del consumo dell'america come fumetti e immagini pubblicitarie.

Venturi, Sculli, Moore, Stern sono 4 architetti importanti di questo periodo .



Gli edifici post-moderni hanno generalmente 1 organizzazione e molti dettagli architettonici ispirati dal vocabolario razionalista ponendosi così come 1 sorta di manierismo nei confronti dello stile moderno .


  1. Movimenti postmoderni e neomoderni

Gli architetti post-moderni si sono fatti riconoscere negli USA attorno al 1970. il libro di Charles Jencks, intitolato Il Linguaggio dell'Architettura Post-moderna del 1977 elencava tutte le tendenze allora emergenti. In anni successivi è apparsa la distinzione tra pos-moderno, tardo-moderno e neo-moderno.


  1. L'architettura razionale

Uno  dei gruppi post-moderno + noti è quello riconosciuto nella mostra architettura razionale organizzata da Aldo Rossi a Milano nel 1973 egli cercò di ritrovare degli Archetipi, cioè dei tipi elementi come il Timpano, il Ballatoio, il porticato, la finestra, l'architrave, la colonna. Ciò che conta è il Locus cioè il fatto k 1 determinato luogo sia sempre stato sede delle memorie e degli eventi collettivi di 1 comunità, anche cambiando le religioni ufficiale, i sistemi politici i protagonisti.

Nell'architettura perciò diventano essenziali i monumenti cioè i luogo della memoria collettiva mentre il tessuto non conta. Tra le opere più importanti di Rossi ricordiamo il quartiere gallaratese di Milano, il cimitero di Modena il teatro Carlo Felice di Genova. Questi edifici sono caratterizzati da volumi semplici e astratti che ricordano gli architetti illuministi. Giorgio Grassi  è stata a1 figura impostante x l'architettura italiana egli sostiene che esiste una struttura logica dell'architettura, k no è soltanto l'insieme delle parti strutturali ma anche il fatto k ogni singola opera costituisca una sperimentazione e una ri-proposizione di tipi esterni. Nelle sue opere Grassi cerca di trovare la forma giusta e de essenziale delle costruzioni attuali in C.A. e muratura.


  1. I nuovi urbanisti

I fratelli Lussemburghesi Rober e Leon krier e l'architetto Francese Maurice Culot hanno prodotto progetti in apparenza simili a quelli di Aldo Rossi. I loro edifici sono stati definiti classicismo spogliato , in quanto riprendono il e forme generali del '700e '800. essi sostengono a superiorità della città antica su quella industriale così propongono di spezzare la continuità del costruito in piccoli nuclei a dimensione delle piccole città, di costruire nuovi isolati e nuove vie


  1. Dall'Impegno sociale all'immagine: l'IBA di Berlino e i progetti urbani di Barcellona

Nella facoltà di architettura iniziò nel 1967-68 la famosa contestazione studentesca. Si rimproverava all'Università la sua separazione dalla realtà della produzione e della distribuzione, e soprattutto dalla classe operaia: la cultura ufficiale copriva l'gli interessi del capitale. Questo fenomeno colpì molti paesi ma fu evidente soprattutto in Italia e negli Stati Uniti, in cui lo Stato era più assente nel settore della residenza popolare: c'era più ribellione nei ghetti e più frustrazione negli architetti. Negli anni 70' nacquero le mega strutture, sorta di case-città per alcune migliaia di abitanti ciascuno.


  1. Gli Storici ironici

Nel 1980 si tenne a Venezia una mostra di architettura, organizzata da Paolo Portoghesi, intitolata la Presenza del passato. Lo scopo era quello di far conoscere al pubblico la nuova tendenza a utilizzare nuove forme e decorazioni proprie degli stili che avevano preceduto il Movimento Moderno.

Portoghesi parlò di fine del proibizionismo, nel senso che era finito il divieto moderno a usare la decorazione. Gli architetti americani che avevano iniziato il processo di reazione allo stile internazionale si presentavano con idee più nuove e audaci. Un esempio di ripresa ironica di motivi classici è la piazza d'Italia a New Orleams, progettata da Charles Moore.

Il pavimento della piazza è una carta d'Italia; all'interno si dispongono tratti di colonnati. Il tutto è ironico, sofisticato e volutamente di cattivo gusto. Simili come impostazioni sono alcune opere di Robet Stern, di M. Graves, Venturi, Rauch, Hollein, Terry, Gordon Smith.




  1. Lo stile High-Tech

Con il termine High-tech sono catalogati molti edifici che hanno la caratteristica di esibire le parti strutturali e soprattutto gli impianti tecnologici. Questo insieme di caratteristiche viene usato solitamente come un messaggio per affermare l'aggiornamento tecnico e culturale e la grandezza delle industrie multinazionali. Lo si trova nelle sedi di Banche e Stabilimenti rappresentativi, impianti sportivi e negli aeroporti. Un esempio tipico è il centre-pompidou a Parigi, di Renzo Piano e Richar Rogers, un grande Museo d'Arte Moderna. Si tratta di grande palazzo posto nel centro di Parigi con strutture metalliche completamente in vista. Sulla fronte principale una scala mobile chiusa in un tubo trasparente porta i visitatori ai piani superiori. È il monumento più visitato di Parigi dopo la Torre Eiffel. I Foster hanno costruito l'aerostazione di Samsted e la banca di Hon Kong.


  1. L'era delle comunicazioni

Libere forme elaborate al computer: Nuovo Stile High-Tech. Decostruzione

Negli ultimi decenni l'informatica e la telematica sono entrate sempre di più nei luoghi di lavoro e nelle case. Molti di questi nuovi mezzi usano come mezzo di comunicazione principale l'immagine, che tende a soppiantare la lettura. Per quanto riguarda il modo di costruire non sono avvenuti i sostanziali cambiamenti che ci si sarebbe potuto attendere, tranne una più flessibile e sofisticata prefabbricazione dei componenti. Quello che è molto cambiato è il mondo della progettazione: gli elaboratori sono ormai comuni negli studi e nelle imprese. Stanno nascendo nuove figure professionali di specialisti nella trattazione informatica dei disegni e dei calcoli di progetto. Fioriscono i classicisti e i nostalgici, come Leon Krier, al quale il principe del Galles ha affidato il progetto di una nuova città nello spirito della vecchia Inghilterra. Si assiste a un rafforzamento dell'High-Tech, come si può rilevare osservando gli effetti di trasparenza del micro electronics parck a Neudors di Norman Foster, oppure il centro tematico di Richard Meyer, oppure ancora  oppure ancora la struttura ferroviaria della stazione di Lione di Santiago Calatrava. Forse i primi a proporre un collegamento tra il mondo di un immagine elettronica e quello della costruzione sono stati gli architetti dei costruzionisti Americani in particolare Franck Gehny e Pete Eisenman.


  1. Costruzione e architettura Bio-climatica

Negli ultimi decenni si è diffusa nel mondo la coscienza del continuo deterioramento dell'ambiente naturale per opera dello sviluppo tecnologico, del crescente aumento demografico e dell'errato uso delle risorse. I movimenti ambientalisti hanno avuto un'influenza anche nella riflessione sul modo di costruire sull'architettura. Rudofsky e Fredmann hanno proposto di ritornare a Mezzi più naturali per il controllo del clima e per la costruzione di edifici. Si sperimentano nuove tecniche che facciano uso di prodotti non inquinanti e a basso consumo di energie e di materiali rinnovabili. Nelle università si formano gruppi di ricerca sulla costruzione bio-climatica e alcune autorità nazionali e locali stanno avviando sperimentazioni. Da un lato si cerca di recuperare tecnologie e modelli costruttivi tradizionali come la fabbricazione di mattoni non cotti e di legno o taluni meccanismi di controllo climatico delle tradizioni locali. Si inventano sistemi di riscaldamento e produzioni di energia non inquinanti come quelli eolici e solari.


  1. Nuove architetture par la civiltà dell'immagine

Negli ultimi anni molti paesi europei hanno investito grandi somme in edifici pubblici per la cultura: musei, biblioteche e centri studi. Un caso tipico è costituito dalla nuova grande biblioteca di Parigi, opera di Dominique Perrault. Ad Amsterdam Renzo Piano ha costruito il nuovo centro nazionale di scienze e tecnologie. Il più noto di questi edifici è il nuovo museo Guggenheim di arte moderna a Bilbao, opera di Franck Gehry. Queste opere, di tendenze artistiche differenti hanno in comune delle forme tali da colpire l'osservatore e da essere facilmente ricordate.








Privacy

Articolo informazione


Hits: 2149
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020