Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Relazione di Elettronica - Verifica del funzionamento di un amplificatore ad anello chiuso invertente e non invertente

elettronica


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di


ALTRI DOCUMENTI

MEMORIE - Classificazione delle memorie elettroniche
ELETTRONICA - FIBRA OTTICA
LA FUNZIONE SINUSOIDALE - RAPPRESENTAZIONE VETTORALE
Relazione tra il numero di rami e il numero di nodi e maglie di un circuito elettrico
FORMULA DI BLACKMAN
STUDIO DI UN AMPLIFICATORE OPERAZIONALE UTILIZZATO COME COMPARATORE
GENERATORE DI CLOCK SINCRONO CON LA RETE
POTENZA IN REGIME VARIABILE
Generalità sugli impianti elettrici negli edifici civili
Relazione di Elettronica

Relazione di Elettronica

Verifica del funzionamento di un amplificatore ad anello chiuso invertente e non invertente

Materiale e strumentazioni occorrenti

  • Logic Lab
  • Circuito integrato LM741
  • N°2 resistori da 100KΩ 10KΩ
  • Generatore di Funzioni
  • Oscilloscopio
  • Fili Conduttori

Amplificatore ad anello chiuso  invertente

Un amplificatore operazionale si 141g68b dice collegato in configurazione invertente quando il segnale in uscita è sfasato di 180° rispetto al segnale di ingresso. Per ottenere questo occorre che il segnale sia applicato sul morsetto invertente, contrassegnato dal segno - (meno). Lo schema di un amplificatore è il seguente:

Amplificatore invertente con operazionale

Possiamo notare che la configurazione è del tipo ad anello chiuso; si dice anello chiuso quando parte del segnale di uscita viene riportato in ingresso, si ha cioè una retroazione o reazione; nel nostro caso la reazione è di tipo negativo, perché il segnale viene riportato sul morsetto invertente. Nello schema vi è la tensione applicata in ingresso, vu è la tensione ottenuta in uscita; R1 ed R2 sono due resistori collegati in serie, in modo da formare un partitore. In pratica la tensione applicata sul morsetto invertente non è vi ma v1, cioè la tensione tra il morsetto invertente e massa. Ma v1 è una tensione molto piccola sia rispetto a vi che rispetto a vu, quindi possiamo ritenere vi » 0. Inoltre ii è la corrente di ingresso, che circola in R1; i2 è la corrente che circola in R2. Poiché l'amplificatore operazionale ha un elevato guadagno, cioè è sufficiente una piccola corrente o tensione in ingresso per portarlo in saturazione, possiamo ritenere che la corrente assorbita dall'operazionale sia nulla, e quindi i1» i2. In definitiva poiché il morsetto invertente ha tensione nulla e corrente nulla, si dice che si trova a massa virtuale.

Per calcolare, allora, il guadagno di tensione Av che è: AV=Vu/Vi

Cioè il rapporto tra tensione di uscita e tensione di ingresso, ci calcoliamo prima Vi=R1 i1

Poi ci calcoliamo Vu= -R2 i2

Dove il segno - tiene conto che la tensione in uscita è sfasata di 180° rispetto all'ingresso. Otteniamo

AV=Vu/Vi = -R2 i2/ R1 i1

Essendo i1= i2 otteniamo

AV= -R2/R1

cioè è uguale al rapporto tra R2 ed R1 cambiato di segno. Il segno meno tiene conto dello sfasamento tra tensione di ingresso e tensione di uscita.

Amplificatore ad anello chiuso non invertente

Un amplificatore è detto non invertente quando il segnale viene applicato in ingresso al morsetto non invertente, di conseguenza il segnale di uscita è in fase con il segnale di ingresso. Lo schema elettrico è il seguente:

Amplificatore non invertente

Notiamo, che per evitare che l'amplificatore vada in saturazione, occorre fare una reazione di tipo negativo, in modo da ridurre il guadagno complessivo dell'amplificatore. I resistori R1 ed R2 costituiscono un partitore di tensione, e riportano in ingresso parte della tensione di uscita. La reazione è di tipo negativo perché tale tensione viene riportata sul morsetto invertente.

Per calcolare il guadagno di tensione si usa la seguente formula:

AV = Vu/Vi = 1 + R2 / R1

dove Av è il guadagno di tensione, ottenuto facendo il rapporto tra tensione di uscita vu e tensione di ingresso vi.



Articolo informazione


Hits: 1450
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2017