Caricare documenti e articoli online  
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
 
Architettura
Biologia
Diritto
Economia
Educazione fisica
Filosofia
Generale
Geografia
Italiano Greco Inglese Latino Spagnolo Tedesco
Letteratura
Marketing
Medicina
Scienze
Storia
Tecnica
 
 
 
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Il rogo dei libri durante il Nazismo

italiano

Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a yahoo - corso di

ALTRI DOCUMENTI

Il nome della rosa: un romanzo "pastiche"
Analisi del seguente passaggio sulla natura umana capitolo 28
Il disagio giovanile: un problema mai risolto che colpisce le nuove generazione
ANALIZZARE GLI ELEMENTI DI UNA POESIA - I SUONI DELLA POESIA
RELAZIONE DEL LIBRO: "IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTONE"
DECADENTISMO (1870-1900)
Il Fu Mattia Pascal
Comte, Auguste (Montpellier 1798 - Parigi 1857), filosofo positivista francese
I Dolori Del Giovane Werther - Il Personaggio Di Lotte

Il rogo dei libri durante il Nazismo

Ai primi di aprile del 1933 l'Associazione degli studenti nazional-socialisti creò una sezione stampa e propaganda. La sua prima iniziativa, decisa l'8 aprile, sarebbe stata «la pubblica messa al rogo delle deleterie opere ebraiche» da parte degli studenti universitari in risposta allo «sfrontato incitamento» dell'ebraismo mondiale contro la Germania. Dal 12 aprile al 10 maggio avrebbe avuto luogo una campagna «d'informazione»; il rogo avrebbe avuto luogo nei campus universitari alle ore diciotto dell'ultimo giorno di tale campagna.

Le tristemente note dodici tesi preparate dagli studenti per essere ritualisticamente declamate durante il rogo non erano dirette esclusivamente contro gli ebrei e lo «spirito ebraico»: tra gli altri obiettivi figuravano il marxismo, il pacifismo e l'«eccessiva enfasi posta sulla vita istintiva» (vale a dire la «scuola freudiana e la sua rivista "Imago"»). Si trattò di una ribellione dei tedeschi contro lo «spirito non-tedesco». L'essenza della manifestazione, tuttavia, restò essenzialment 242h74c e antiebraica. Agli occhi degli organizzatori essa avrebbe dovuto ampliare l'azione antiebraica dal settore economico (il boicottaggio del 1° aprile) all'intero campo della cultura tedesca.

Il 13 aprile le tesi vennero affisse sui muri e le bacheche di tutte le università tedesche. La tesi 7 recitava: «Quando l'ebreo scrive in tedesco, mente. A partire da oggi dovrebbe essere costretto a indicare sui libri che desidera pubblicare in tedesco: "tradotto dall'ebraico"».

Text Box: Berlino, 10 maggio 1933 
Libri giudicati contrari allo spirito tedesco vengono bruciati in piazza.

La sera del 10 maggio rituali esorcistici ebbero luogo in gran parte delle città universitarie della Germania. Oltre ventimila libri vennero bruciati a Berlino, e dai due ai tremila in ogni altra grande città tedesca. A Berlino fu acceso un enorme falò dinanzi al Teatro dell'Opera Kroll, e Goebbels fu uno degli oratori. Nella capitale come in altre città, al termine dei discorsi la folla di partecipanti prese a intonare slogan contro gli autori messi al bando via via che le pile di libri malefici (di Karl Marx, Ferdinand Lassalle, Sigmund Freud, Maximilian Harden e Kurt Tucholsky tra gli altri) venivano lanciate una dopo l'altra nelle fiamme. «I grandi riflettori puntati sulla Piazza dell'Opera», scrisse il «Jüdische Rundschau» «spandevano la loro luce anche sull'abisso in cui sprofondavano la nostra esistenza e il nostro destino. Non sono stati accusati solo ebrei, ma anche uomini di puro sangue tedesco. Questi ultimi vengono giudicati esclusivamente per le loro azioni. Per gli ebrei, invece, non c'è bisogno di nessun motivo specifico; come recita l'antico detto: "l'ebreo finirà bruciato"».

da "La Germania nazista e gli ebrei" di Saul Friendländer (pag 65)

La reazione del mondo intellettuale

Quando nel '33 cominciano gli arresti e la rapidissima demolizione di tutte le istituzioni democratiche, scrittori, musicisti, registi, pittori e scienziati cominciano ad emigrare in massa negli altri paesi dell'Europa o negli Stati Uniti. Uno dei primi è Albert Einstein, seguono Thomas Mann, Brecht e quasi tutti quelli che hanno un nome sulla scena culturale e scientifico.

Negli anni precedenti gli ebrei avevano contribuito non poco ai successi della Germania nel campo della cultura e della scienza, il cieco antisemitismo di Hitler reca cosi un gravissimo danno in questo campo. A proposito di ciò un piccolo ma significativo fatto: nelle pubblicazioni scientifiche fino agli anni venti la lingua tedesca era quella predominante a livello internazionale. A cominciare con gli anni 30 questo cambiò radicalmente a favore dell'inglese. Solo a partire dagli anni 60 la lingua tedesca sta riconquistando importanza in questo ambito. Prima del '33 il centro mondiale della ricerca atomica è in Germania, a Göttingen, con l'arrivo di Hitler si sposta in America. Il fatto che furono gli americani e non i tedeschi a costruire la prima bomba atomica è indubbiamente "merito" di Hitler. La cultura del nazismo è banale e piatta, e la Germania, per 12 anni, rimane praticamente tagliata fuori dalla vita culturale internazionale.

Il libri proibiti tra stampa e censura

 

Il rogo di libri

L'immagine ricorrente associata alla censura è quella del rogo di libri, che ha attraversato i secoli dall'età classica fino ai giorni nostri. Dal primo momento in cui le idee hanno iniziato a circolare in forma scritta, c'è stato chi ha sentito la necessità di controllarne la diffusione; nel rapporto conflittuale tra poteri organizzati e voci dissidenti la censura ha sempre avuto un ruolo di rilievo.

È nel corso dell'età moderna, però, con l'avvento della stampa, che la discussione intorno alla censura assume proporzioni enormi. Fino ad allora i libri venivano copiati a mano negli scriptoria; non c'erano reali possibilità di controllo, ma la produzione avveniva principalmente all'interno di strutture religiose e questo costituiva una forma di garanzia. I libri prodotti, inoltre, erano pochi ed estremamente costosi, e arrivavano quasi esclusivamente nelle mani di studiosi ed eruditi.

Text Box: Prima metà sec. IX.
L'imperatore Costantino fa bruciare i libri ariani. 
(Vercelli, Biblioteca Capitolare).
Ben presto si delineano i rischi di una diffusione indiscriminata di testi scritti. Si pensi allo strettissimo rapporto che unisce stampa e Riforma: da una parte la stampa garantisce agli scritti di Lutero una diffusione oltre ogni aspettativa; dall'altra proprio l'incredibile diffusione, insieme al fatto che i due fenomeni si affacciano quasi contemporaneamente sulla scena europea, fa sì che i cattolici vedano nella stampa stessa un pericolo da controllare o eliminare.

La censura politica

Il controllo sulla carta stampata interessa naturalmente anche ai sovrani, che intendono rafforzare le proprie strutture assolutistiche; ed è proprio sulle controversie giurisdizionali tra potere religioso e potere politico che si gioca la reale efficacia della censura nei primi secoli della storia della stampa. Negli stati che maggiormente vogliono sancire la loro indipendenza politica da Roma la censura pontificia ha meno effetto; qui all'imprimatur si contrappone una licenza di stampa rilasciata dal sovrano. Se inizialmente ci si limita a bandire gli scritti contrari al regime, a poco a poco si inizia pensare anche in termini di una stampa funzionale al potere.

La stampa clandestina e l'elusione dei divieti

Non tutti, però, sono disposti ad adeguare la propria produzione alle norme curiali. Se alla fine del '500 in quasi tutti gli stati si possono trovare strutture preposte alla supervisione delle pubblicazioni, editori e lettori imparano da subito ad eludere i controlli. Innanzitutto diventa estremamente facile procurarsi le patenti per la lettura dei libri proibiti. Inoltre, grazie ad una vivace stampa clandestina si stampano molti dei libri all'indice in volumi di difficile identificazione e con falsi frontespizi.

Le prime insofferenze

Per quanto riguarda gli autori, molti pensano che il controllo sulle opere stampate sia necessario, che la libertà di parola non possa garantire uno stato ordinato; altri invece si dichiarano per una cultura senza divieti. Ma già nel corso del XVII secolo Inquisizione e censura perdono la loro valenza minacciosa.

L'era dei Lumi e il declino della censura

Lo spostamento del centro di controllo della produzione libraria nelle mani del potere laico produce un notevole allentamento delle maglie della censura. Spesso le autorità cedono alla logica mercantilistica per la quale è meglio lasciar produrre un libro non del tutto ortodosso che incentivare, con la proibizione, la stampa clandestina. Sempre la stessa logica fa sì che, non essendo sempre in grado di bloccare le importazioni, lo Stato preferisca incassare i proventi dei libri piuttosto che cederli agli stampatori stranieri.

La libertà di stampa viene proclamata a Parigi il 26 agosto 1789 con la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino. La Rivoluzione causa un irrigidimento delle strutture di controllo negli altri stati europei, con la conseguente revoca di libertà precedentemente concesse, ma non si dovrà aspettare molto perché i suoi principi varchino i confini francesi. Poco più di mezzo secolo più tardi lo Statuto Albertino (1848) introduce la libertà di stampa anche in Italia. Al di là delle alterne vicende di XIX e XX secolo, il principio parigino rimane uno dei punti fermi degli ordinamenti liberali moderni, a cui fa riferimento anche l'art. 21 della Costituzione Italiana.

L’ Index librorum prohibitorum

Nella storia del genere umano, le religioni hanno spesso manifestato la loro insofferenza per la circolazione autonoma delle idee e dei libri che le contengono. In particolare la Chiesa cattolica si è distinta per secoli per un duplice rapporto di amore-odio nei confronti dei libri. Nei secoli bui del Medio Evo, i monaci delle abbazie si incaricarono delle conservazione di migliaia di volumi e li riproducevano, in un'età in cui la stampa non esisteva ancora, ricopiandoli a mano. Per contro, chiusi nelle biblioteche delle abbazie, difficilmente questi libri potevano essere consultati se non dagli stessi monaci e dalle persone che godevano della loro fiducia.

Il resoconto documentale più antico che riguarda un'iniziativa violenta nei confronti dei libri, si trova negli Atti degli Apostoli, in relazione all'attività di San Paolo, durante la sua visita a Efeso: «Molti di quelli che avevano abbracciato la fede, venivano a confessare in pubblico le loro pratiche magiche e un numero considerevole di persone che avevano esercitato le arti magiche portavano i propri libri e li bruciavano alla vista di tutti. Ne fu calcolato il valore complessivo e trovarono che era di cinquantamila dramme d'argento» (19:19).  Il primo atto ufficiale nei confronti della circolazione dei libri, nella storia della Chiesa, fu il decreto di Papa Gelasio I (496 c.ca), che conteneva una lista di libri, ripartita tra libri raccomandati e libri proibiti. Tuttavia, per il primo indice ufficiale bisogna attendere più di mille anni, Alessandro Farnese, che salì al trono pontificio col nome di Papa Paolo III (1534-1549), e l'Inquisizione Romana. Questa fu istituita per combattere il protestantesimo e, in un periodo in cui la Spagna dominava quasi interamente l'Italia del nord, per controbilanciare l'eccessiva severità della Inquisizione spagnola, resa tristemente famosa da Tommaso de Torquemada (1483).

Durante il papato di Paolo III, un ambizioso prelato di origine toscana, Giovanni Della Casa (1503-1556), autore tra l'altro del celebre Galateo (1553), viene nominato vescovo di Benevento e gli viene affidata la nunziatura pontificia di Venezia.

Il Della Casa ipotizza la prima proposta di redazione dell'Index librorum prohibitorum che viene pubblicato a Venezia nel 1549.

Alla morte di Paolo III, Giovanni Della Casa perse la protezione dei Farnese e con essa la nunziatura di Venezia. Papa Giulio III (1550-1555), un moderato di impostazione rinascimentale, limitò ulteriormente la giurisdizione del tribunale dell'Inquisizione ai soli fatti che avvenivano all'interno dei confini della Penisola.

Text Box: Frontespizio dell'Index librorum prohibitorum compilato per ordine di Gregorio XVI nel 1564

Così la prima edizione ufficiale dell'Index librorum prohibitorum fu pubblicata soltanto nel 1559 dalla Santa Congregazione dell'Inquisizione Romana, sotto il papato di Gian Pietro Carafa, ovvero Paolo IV, un papa spietato e sanguinario a cui si deve, tra l'altro, l'istituzione del ghetto ebraico di Roma. Vi primeggiava il Decameron di Giovanni Boccaccio e il Il Principe di Niccolò Machiavelli, ma non mancava neppure Il Novellino di Masuccio Salernitano. Nel corso dei quattro secoli della sua storia fu aggiornato venti volte per impedire la contaminazione della fede e la corruzione della morale attraverso la lettura di libri teologicamente sbagliati o immorali. Esso conteneva quindi l'elenco dei libri considerati pericolosi dall'autorità ecclesiastica per la fede e la morale dei cattolici.

Fino a tutto il 1966, la legge canonica ha prescritto che ci fossero due forme di controllo sulla letteratura: la censura preventiva sui libri scritti da cattolici in tema di morale e/o di fede, il proverbiale «imprimatur» tuttora in vigore ai giorni nostri, e la condanna di libri giudicati offensivi, contro i quali sia chiesto l'intervento dell'autorità ecclesiastica, l'Index, appunto, la cui ultima edizione, la ventesima, fu redatta nel 1948.

In essa vi comparivano Balzac, Berkeley, Cartesio, D'Alembert, Darwin, Defoe, Diderot, Dumas, Flaubert, Heine, Hobbes, Hugo, Hume, Kant, Lessing, Locke, Malebranche, Stuart Mill, Montaigne, Montesquieu, Pascal, Proudhon, Rousseau, George Sand, Spinoza, Stendhal, Sterne, Voltaire, Zola. E tra gli italiani Aretino, Beccaria, Bruno, Benedetto Croce, D'Annunzio, Fogazzaro, Foscolo, Gentile, Giannone, Gioberti, Guicciardini, Leopardi, Marini, Minghetti, Monti, Ada Negri, Rosmini, Sacchetti, Sarpi, Savonarola, Settembrini, Tommaseo, Pietro Verri e anche il Teatro comico fiorentino; inoltre era all'Indice qualsiasi volume non autorizzato che trattasse di storia della massoneria o dell'Inquisizione e le versioni non cattoliche del Nuovo Testamento.

Nel 1966 l'Index librorum prohibitorum fu infine definitivamente soppresso.

I roghi dei Talmud

Mandare al rogo i testi rabbinici era una forma di pressione psicologica usata dalla Chiesa per indebolire la fede ebraica. Nove settembre 1553. Una strana giornata per gli ebrei romani. E' Rosh Ha-shanà, il capodanno ebraico; ma non c'è aria di festa nelle loro case. Al contrario, nelle vie si sentono pianti, e s'assiste a manifestazioni di dolore. Non è il profumo dei dolci della festa quello che contraddistingue questo Capodanno: nelle vie sale piuttosto un acre odore di bruciato. Sono i libri degli ebrei che stanno ardendo. Il fuoco, appiccato tra gli applausi dei romani in Campo de' Fiori, sta divorando tutte le copie del Talmud e dei libri ebraici che sono stati sequestrati. Subito prima del rogo è stato ordinato a tutti gli ebrei residenti nello Stato pontificio di consegnare le copie del Talmud in loro possesso. I roghi si succedono in molte altre località, e ovunque si ripetono le stesse scene: disperazione degli ebrei e derisione e giubilo del popolo che assiste.  Dopo oltre due secoli di tolleranza nei confronti del Talmud, questo rogo fu solo l'inizio di un lungo periodo di inasprimento dell'atteggiamento nei confronti di gran parte della letteratura rabbinica.

Tutto era iniziato nel 1236, quando Nicholas Donin, controversa figura di convertito al cristianesimo indirizzò a papa Gregorio IX un memoriale nel quale indicava in 35 punti come nel Talmud fossero contenute bestemmie e attacchi contro la Chiesa cristiana, nonché le basi di un nuovo insegnamento (Talmud, appunto) che andava a sostituire la Torah scritta. Il problema dei testi rabbinici costituì il primo contatto tra gli ebrei e l'Inquisizione. In sostanza la questione era se l'osservanza ebraica si basasse su un ebraismo biblico o su delle distorsioni.

Le discussioni tra i maestri dell'ebraismo contenute nel Talmud portano alla codificazione dei precetti ebraici. Il punto era se considerare o meno tale insegnamento rabbinico come eretico rispetto al dettato biblico. A partire dal XVI secolo, le ragioni che condussero il Sant'Uffizio ai roghi del Talmud e alla persecuzione degli ebrei per mezzo della proibizione della loro letteratura sono da rintracciare anche nella politica conversionistica che la Chiesa volle adottare.

Si supponeva sottilmente che senza il Talmud - massimo testo di riferimento per la tradizione rabbinica - gli ebrei potessero perdere i riferimenti alla fede, e quindi divenire più duttili e malleabili verso la conversione.

Nelle intenzioni dei detentori del potere cristiano, l'ebreo staccato dalla sua cultura si sarebbe trovato ad essere un ramo secco, e come tale avrebbe facilmente potuto essere reciso e reimpiantato come una talea ancora vitale nella nuova "serra" cristiana.

Le opere tramandate di generazione in generazione, spesso a caro prezzo, e quasi miracolosamente giunte fino a quel momento furono esposte ad un grave rischio.

Ma il Talmud e le opere ebraiche non furono certo gli unici testi ad esser presi di mira dalla Chiesa: Paolo IV - cui gli ebrei romani debbono l'istituzione del ghetto nel 1555 - fece redigere il celebre Indice Paolino, che presentava una nutrita lista di libri proibiti (appunto "messi all'indice"), libri di diverso genere, non specificamente ebraici. Fu quello il primo Indice di una serie. La Chiesa, sconvolta dai venti della Riforma protestante, mise al bando perfino testi che erano, paradossalmente, all'origine della istituzione che li vietava: nell'Indice di Paolo IV la lettura della Bibbia e del Nuovo Testamento era permessa solo su esplicita licenzia del Sant'Uffizio. Tale permesso in ogni caso non poteva mai essere concesso alle donne e a chi non conoscesse il latino. E così anche la Bibbia in volgare finì nelle maglie della censura, oltre a testi letterari, scientifici e filosofici, con conseguenze incalcolabili sulla religiosità, sulla cultura e sulla mentalità.

Dopo il 1559 la detenzione di libri divenne il capo di imputazione più frequente nei processi per eresia. Secondo i dati oggi in possesso degli storici, si stima che almeno la metà dei processi istutuiti dallInquisizione abbia qualche relazione con i libri. Tra alti e bassi nel 1596 si giunse alla promulgazione dell'Indice Clementiuno, che rappresentò il culmine dell'attività repressiva della Chiesa in questo ambito. Con la pubblicazione di questo Indice, il Talmud e tutti i libri ebraici da esso derivati, oltre ai libri cabbalistici sia in ebraico che tradotti, erano condannati in maniera definitiva perché considerati senz'altro eretici: il Talmud non fu più stampato in Italia a partire dalla metà del '500. Gli altri libri ebraici dovevano essere censurati dagli stessi ebrei, quindi consegnati all'Inquisizione per un ulteriore controllo. Nel dicembre del 1601 tutti i libri che erano stati consegnati dagli ebrei perché fossero revisionati, poiché non era stato possibile espurgarli, subirono la stessa sorte del Talmud e dei libri cabbalistici e furono bruciati in piazza San Pietro.

Nell'aprile del 1763 vi fu una perquisizione nelle case del ghetto; le cronache raccontano che ci vollero una quarantina di carri per portar via i libri sequestrati. Nell'edizione del 1948 dell'Indice dei libri proibiti sono contenute ancora diverse opere che si occupano di questioni ebraiche. L'Indice fu abolito dal Concilio Vaticano II nel 1966.

Sitografia

www.homolaicus.com

www.italialibri.net

www.storiadellastampa.unibo.it

www.fuoridalghetto.blogosfere.it

Bibliografia

"La Germania nazista e gli ebrei" di Saul Friendländer (pag 65)

Articolo informazione


Hits: 4929
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.