Caricare documenti e articoli online 
INFtub.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.


 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

Il Fu Mattia Pascal

italiano



Il Fu Mattia Pascal


Il fu Mattia Pascal Romanzo di Luigi Pirandello, pubblicato nel 1904 prima a puntate sulla rivista "Nuova Antologia", poi in volume. È la più famosa tra le opere narrative dello scrittore siciliano, la prima che gli assicurò il successo letterario in Italia e all'estero.


Il romanzo narra la singolare vicenda di Mattia Pascal che, cercando una momentanea evasione da 545e43f un matrimonio fallimentare e dal noioso impiego nella biblioteca di un centro di provincia, arriva a Montecarlo, dove vince una grossa somma al gioco. Per caso apprende dai giornali la propria morte: la moglie, i parenti e gli amici lo hanno riconosciuto nel cadavere di uno sconosciuto trovato in un canale. Decide allora di approfittare della situazione e di costruirsi una nuova identità e una nuova vita. Si inventa il nome di Adriano Meis, si costruisce un passato plausibile e si stabilisce a Roma, dove pian piano gli si ricrea attorno la rete dei rapporti sociali, gli amici, i nemici, l'amore. Presto però si rende conto dell'impossibilità di esistere al di fuori di ogni legge: non può trovarsi un lavoro, non può far valere i propri diritti, non può abbandonarsi con sincerità al sentimento amoroso né difendere la donna amata. La sua libertà senza anagrafe non serve a nulla, perché rimane sempre un morto, e come vivo è un clandestino. Tenta quindi di riacquistare la sua primitiva identità, simulando il suicidio di Adriano Meis. Ma, tornato al paese natale, scopre di essere ormai un estraneo per i compaesani e per la moglie, che si è felicemente risposata. Non gli resta quindi che sopravvivere a se stesso adattandosi a non essere altro che "il fu Mattia Pascal".




Dietro l'apparenza di un romanzo tradizionale, caratterizzato da una struttura narrativa ordinata e da un tono pacato e dimesso, Il fu Mattia Pascal operò un radicale scardinamento delle regole del naturalismo ottocentesco. Al racconto impersonale e oggettivo di un narratore onnisciente venne sostituita la narrazione in prima persona di un narratore dubbioso e autoironico, non solo incapace di distinguere tra realtà e apparenza, ma addirittura incerto della propria identità. In questo senso Mattia Pascal è il capostipite dei personaggi "pirandelliani": vittima impotente della casualità degli eventi, privo di un'identità definita, scopre l'impossibilità di realizzare la propria aspirazione alla felicità e infine dichiara esplicitamente l'inconoscibilità della verità.


Il fu Mattia Pascal fu composto proprio mentre Pirandello andava definendo la propria teoria estetica e ne costituì la prima applicazione pratica. Infatti, proprio "alla buon'anima di Mattia Pascal, bibliotecario" è dedicato il fondamentale saggio L'umorismo (1906-1908), dove lo scrittore siciliano teorizzava un'arte che scaturisse dalla percezione dell'insanabile contrasto tra apparenza e realtà. Secondo Pirandello, l'unica possibilità di rappresentare il mondo caotico e dominato dal caso nel quale vivono gli esseri umani è quella offerta dall'umorismo, perché, a differenza del comico che muove semplicemente al riso, l'umorismo coglie l'assurdità delle vicende umane, provocando simultaneamente il riso e la pietà.






Privacy




Articolo informazione


Hits: 2303
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2024