Caricare documenti e articoli online 
INFtube.com è un sito progettato per cercare i documenti in vari tipi di file e il caricamento di articoli online.
Meneame
 
Non ricordi la password?  ››  Iscriviti gratis
 

INFERNO - CANTO I VV. 1-136

italiano


Inviare l'articolo a Facebook Inviala documento ad un amico Appunto e analisi gratis - tweeter Scheda libro l'a WhatsApp - corso di


INFERNO



CANTO   I VV. 1-136


Giunto all'età di 35 anni

Mi ritrovai nel peccato

Poiché avevo smarrito la retta via.

È doloroso descrivere come fosse

Questa selva selvaggia, aspra e forte

Che incute spavento solo ricordandola.

È così doloroso parlare di questa selva che farlo è quasi come affrontare la morte

Ma per parlavi del bene (tra cui Virgilio) che trovai uscito da essa

Narrerò delle fiere che vidi.



Non ricordo come vi entrai

Tanto mi ero lasciato andare al peccato

Quando abbandonai la retta via.

Ma dopo essere giunto ai piedi di un colle

Laddove terminava quella vallata

Che mi aveva riempito il cuore di paura

Guardai in alto e vidi quel colle

Illuminato da dietro dal sole

Che conduce ognuno verso la retta via.

Allora la mia paura si acquietò un poco

Che aveva pervaso il mio cuore

Tutta quella notte che passai nell'affanno.

E come quelli che con respiro affannato

Escono dall'acqua e si distendono sulla riva

Volgono lo sguardo all'acqua splendente e calma

Così il mio animo, che era ancora teso

Si voltò per guardare il cammino percorso

Che mai nessun vivente superò

Dopo aver riposato un po' le stanche membra

Ripresi il cammino lungo il pendio solitario (del colle)

Così che il piede su cui appoggiavo era il più basso (era in salita)

Ma ecco, quasi al cominciar della salita

Una lonza (leopardo o pantera) magra e molto veloce

Coperta di pelo maculato

E mi si pose davanti

Impedendomi di proseguire il cammino

Che più volte pensai di tornare nella selva.

Era l'alba

E il sole sorgeva con quelle stelle (dell'Ariete)

Con cui era sorto quando Dio

Aveva creato il mondo;

e così l'ora e la stagione di buon influsso

me facevano sperare di poter vincere

quella fiera dalla pelle screziata.

Ma una nouva paura suscitò in me

La vista di un leone.

Sembrava che il leone mi venisse incontro

Con la testa alta e una fame rabbiosa

Così che sembrava che pure l'aria lo temesse.

E anche una lupa che per la magrezza

Sembrava carica di tutte le avidità

Che già avevano aflitto numerose persone.

Questa mi mise addosso una tale angoscia

Con la paura che le usciva dagli occhi

Che persi la speranza di salire il colle.

E come colui checon gioia si acquista,

ma giunto il tempo di perdere tutto

resta ossessionato dal rammarico

così fece la bestia che non dà pace

che venendomi incontro pian piano

mi spingeva nella oscura valle.

Mentre riscendevo nella valle

Ecco che mi apparve

Un uomo che pareva aver perso la voce x il lungo silenzio.

Quando lo vidi nella valle

Gli gridai "pietà di me

Chiunque tu sia: fantasma o uomo in carne ed ossa"

Mi rispose:" non sono un uomo, lo sono già stato

E I miei genitori erano lombardi

Entrambi di patria mantovana

Nacqui nell'età di Cesare, ma ero troppo giovane xè egli mi conoscesse

E vissi a Roma sotto il grande Augusto

Al tempo in cui gli dei erano finti e spingevano gli uomini all'idolatria

Fui poeta e parlai di quel pio

Figlio d'Anchise che venne da Troia, dopo che la magnifica città (Troia) fu arsa



Ma tu perché ritorni in questo posto d'angoscia?

Perché non sali il monte della rettitudine

Che è ragione e principio di ogni gioia?"

"sei tu Virgilio, colui che come una sorgente

da cui tutti attingono spandi il tuo parlare per il mondo?"

gli risposi turbato e riverente

"o onore e luce degli altri poeti,

ricompensami dei miei studi su di te

e dell'amore con cui studiai l'Eneide.

Tu sei il mio maestro di vita e il mio prediletto autore

Solo in te ho trovato l'esempio

Del bello stile che mi ha fatto onore

Vedi la bestia per cui tornai indietro (la lupa)

Aiutami da lei, famoso sapiente

Poiché la lupa mi fa tremare vene e polsi"

"a te conviene prendere un'altra via"

mi rispose vedendomi piangere

"se vuoi sopravvivere in questo posto selvaggio"

poiché questa bestia per cui tu tremi

nn lascia passare nessuno per quella via,

che finisce per respingerlo uccidendolo;

ha una natura così malvagia ed iraconda

che mai sazierà la sua voglia bramosa

e dopo il pasto ha più fame che prima.

Assomiglia a molti uomini

E saranno sempre più, finche Veltro(cane da caccia) non verrà

Che la farà morire con dolore.

Veltro non divorerà né territori né ricchezze

Ma si ciberà di sapienza, amore e virtùe

E la sua nazione sarà tra cielo e cielo (avrà origine nobile).

Salverà l'Italia riportandola alle leggi divine

Italia per cui morì la vergine Camilla,

Eurialo, Turno e Niso sanguinosamente.

Costui (veltro) la ceccerà da ogni città

Finchè l'avrà ricondotta all'inferno

Là dove il diavolo la fece uscire per invidia (del paradiso da lui perduto e offerto agli uomini).

Per cui io per il tuo bene penso e ti comando

Di seguirmi, ti sarò guida,

e ti condurrò attraverso l'inferno eterno

dove udirai le disperate grida

vedrai gli spiriti dei vecchi soffrire,

manifestando la loro morte spirituale (seconda morte);

vedrai pure il purgatorio dove le anime

soffrono volentieri perché sperano

di giungere prima o poi in paradiso.

Da qui poi se vorrai salire

Un'anima più degna di me ti guiderà:

ti lascerò con lei e tornerò indietro;

poiché Dio che dal paradiso regna

nn vuole che io vada nela sua città

poiché mi ribellai alle sue leggi.

Egli impera e governa in tutto l'universo

Ma la sua città e la sua presenza sono I paradiso:

oh è felice colui che egli grazia!"

e io a lui:" poeta io ti chiedo

per quel dio che conoscesti,

affinchè io fugga questo male (lo smarrimento) e uno peggiore (la dannazione)

portami dove mi hai detto

così che io veda la porta di San Pietro

e coloro che dici sono tanto mesti".

Allora s'incamminò e io lo seguii.



N.D.T.A. la lonza =lussuria // il leone= superbia // la lupa = avarizia






Privacy

Articolo informazione


Hits: 1547
Apprezzato: scheda appunto

Commentare questo articolo:

Non sei registrato
Devi essere registrato per commentare

ISCRIVITI

E 'stato utile?



Copiare il codice

nella pagina web del tuo sito.


Copyright InfTub.com 2020